Archivio | settembre 2016

La felicità


“Le nostre nozioni circa la felicità ci intrappolano. Ci dimentichiamo che sono solo idee. La nostra idea di felicità può impedirci di essere realmente felici. Non riusciamo a vedere l’opportunità di vivere la gioia che è proprio di fronte a noi quando siamo intrappolati nella convinzione che la felicità abbia una forma particolare. “

Thich Nhat Hanh

✿¯`•.¸,¤°`°¤,¸.•✿✿¯`•.¸,¤°
“Our notions about happiness entrap us. We forget that they are just ideas. Our idea of happiness can prevent us from actually being happy. We fail to see the opportunity for joy that is right in front of us when we are caught in a belief that happiness should take a particular form.” Thich Nhat Hanh

Amica poesia


Amica poesia

L’Amica amata è Poesia dea e Fata

Madre e sposa di Messere il Sonetto
E’ Musica in rima e mai in prosa
Ama e scrive sempre il suo bel poemetto
profumandolo con una bella rosa

03.05.2011 Poetyca

Friend Poetry

The loved friend is Poetry goddess and fairy
Mother and wife of Sir the Sonnet
It is Music in rhyme and ever prose
She Love and writes her beautiful poem
scented it with a beautiful rose

03.05.2011 Poetyca

Dono di pace


Dono di Pace

Non siamo separati,
spogliati di presenza
quando tu sai che oltre il cielo,
oltre le stelle ed il tramonto
vive un meraviglioso cuore
e nella stessa sintonia batte
del medesimo amore.

Quando la pace arriva
tu fai dono di essa
il seme che tu hai coltivato
oggi è un frutto da donare
con tutto il tuo cuore
possa l’amore essere
un germoglio per te.

04.05.2011 Poetyca

Peace gift

We are not separate,
stripped of presence
when you know that over the sky,
beyond the stars and the sunset
live a wonderful heart
and in the same tune beat
of the same love.

When peace comes
you make a gift of it
the seed that you have grown
Today is a fruit to donate
with all your heart
May love be
a bud for you.

04.05.2011 Poetyca

Nel tempo senza tempo


37223_406178744645_742844645_4688837_3581851_n

Nel tempo senza tempo

Nel tempo senza tempo:
Un varcare una porta che conduce
dal tempo ordinario, scandito dall’orologio
al ” Qui ed ora” dove tutto
ha una colorazione diversa,
dove non esiste tempo e spazio
e tu sei Adesso in Ogni luogo.

24.11.2014 Poetyca

In the timeless time

In the timeless time:
A cross a door leading
from ordinary time, punctuated by the clock
the “here and now”, where everything
has a different coloring,
where there is no time and space
and you are now in every place.

24/11/2014 Poetyca

Grazie a chi…


TheGraceofDawn

Grazie a chi..
spende i suoi pensieri e le sue parole,
condivide istanti del proprio sentire.
Grazie a chi…
E’ paziente, aperto, desideroso di capire,
accogliendo gli altri, senza giudicare.
Grazie a chi…
arricchisce tutti con umiltà,
senza inciampare nell’orgoglio,
nella fretta di apparire.

Grazie a te!

Thanks to those who ..
spends his thoughts and his words,
share moments of your hearing.
Thanks to those who
And patient, open, eager to understand,
accepting others, without judging.
Thanks to those who
enriched with all humility,
without stumbling in the pride,
in the rush to appear.

Thanks to you!

Se stessi


Se stessi

Essere se stessi – qui ed ora – vale più
di intere biblioteche lette,
nel tentativo di trovare spiegazione.
Tutto è, arriva, scorre, si allontana
e noi ne siamo parte.

25.02.2011 Poetyca

 

Themselves

Be yourself – here and now – is worth more
read entire libraries,
in an attempt to find an explanation.
It all arrives, runs, walks away
and we are part of it.

25.02.2011 Poetyca

Dhammapada – Capitolo XXI – Versi Vari


Dhammapada – Capitolo XXI – Versi Vari

290. Se abbandonando un piacere minore
ti apri a un piacere immensamente più grande,
lascia il primo per andare verso il secondo.

291. Non costruire la tua felicità
sulla sofferenza di un’altra persona
o resterai invischiato nella rete dell’odio.

292. Tralasciando di fare ciò che devi,
facendo ciò che non devi,
agendo sconsideratamente e con arroganza,
ti immergi sempre più nell’oscurità.

293. Ma, se sei sveglio,
costantemente consapevole del tuo corpo,
se fai energicamente ciò che devi fare,
se ti astieni da ciò che non devi fare,
ogni impurità si dissolve.

294. Il risvegliato è senza macchia,
anche se dovesse in passato aver ucciso
suo padre e sua madre,
due re guerrieri
e un regno con tutti i suoi sudditi.

295. Il risvegliato è senza macchia,
anche se dovesse in passato avere ucciso
suo padre e sua madre,
due re santi
e un uomo illustre.

296. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte la loro attenzione
è concentrata sul Buddha.

297. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte la loro attenzione
è concentrata sul dhamma.

298. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte la loro attenzione
è concentrata sulla comunità dei monaci.

299. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte meditano sul corpo.

300. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte trovano la loro gioia
nella compassione.

301. I discepoli di Gautama
sono costantemente svegli e consapevoli.
Giorno e notte trovano la loro gioia
nella meditazione.

302. É difficile la vita dell’asceta
ed è difficile vivere nel mondo.
Doloroso è vivere in mezzo agli inconsapevoli,
e vagare nel vortice della vita e della morte.
Possa il viaggiatore trovare riposo
e non gettarsi più nella sofferenza.

303. Chi ha fede, virtù, ricchezza e fama
è onorato dovunque vada.

304. I virtuosi risplendono da lontano
come i picchi dell’Himalaya.
Gli uomini senza virtù sono invisibili
come frecce scoccate di notte.

305. Siedi in solitudine.
Riposa in solitudine.
Abita in solitudine.
In solitudine diventa padrone di te stesso
e gioisci dell’estinzione dei desideri.

Chapter XXI
Miscellaneous

290. If by leaving a small pleasure one sees a great pleasure, let a wise man leave the small pleasure, and look to the great.

291. He who, by causing pain to others, wishes to obtain pleasure for himself, he, entangled in the bonds of hatred, will never be free from hatred.

292. What ought to be done is neglected, what ought not to be done is done; the desires of unruly, thoughtless people are always increasing.

293. But they whose whole watchfulness is always directed to their body, who do not follow what ought not to be done, and who steadfastly do what ought to be done, the desires of such watchful and wise people will come to an end.

294. A true Brahmana goes scatheless, though he have killed father and mother, and two valiant kings, though he has destroyed a kingdom with all its subjects.

295. A true Brahmana goes scatheless, though he have killed father and mother, and two holy kings, and an eminent man besides.

296. The disciples of Gotama (Buddha) are always well awake, and their thoughts day and night are always set on Buddha.

297. The disciples of Gotama are always well awake, and their thoughts day and night are always set on the law.

298. The disciples of Gotama are always well awake, and their thoughts day and night are always set on the church.

299. The disciples of Gotama are always well awake, and their thoughts day and night are always set on their body.

300. The disciples of Gotama are always well awake, and their mind day and night always delights in compassion.

301. The disciples of Gotama are always well awake, and their mind day and night always delights in meditation.

302. It is hard to leave the world (to become a friar), it is hard to enjoy the world; hard is the monastery, painful are the houses; painful it is to dwell with equals (to share everything in common) and the itinerant mendicant is beset with pain. Therefore let no man be an itinerant mendicant and he will not be beset with pain.

303. Whatever place a faithful, virtuous, celebrated, and wealthy man chooses, there he is respected.

304. Good people shine from afar, like the snowy mountains; bad people are not seen, like arrows shot by night.

305. He alone who, without ceasing, practises the duty of sitting alone and sleeping alone, he, subduing himself, will rejoice in the destruction of all desires alone, as if living in a forest.

Così ti devi esercitare


budda2

«Allora, Bahiya, dovrai esercitarti così:

in ciò che vedi ci sia solo ciò che vedi;

in ciò che odi ci sia solo ciò che odi;

in ciò che percepisci ci sia solo ciò che percepisci;

in ciò che conosci ci sia solo ciò che conosci.

Così ti devi esercitare.

Quando per te in ciò che vedi ci sarà solo ciò che vedi,

in ciò che odi solo ciò che odi,

in ciò che percepisci solo ciò che percepisci,

in ciò che conosci solo ciò che conosci,

allora, Bahiya, non starai più con quello (il dialogo interno, NdT).

Quando non starai più con quello,non sarai più in quello.

Quando non sarai in quello, non sarai più qui né là,

né in entrambi o in mezzo a loro.

Solo questa è la fine della sofferenza».

Udana, I, 10

“Then, Bahiya, you will need to practice this way:

in what we see is only what you see;

in what we hate is just what you hate;

in what they perceive there is only what you perceive;

in what we know is only what you know.

So you have to exercise.

When for you in what you see there is only what you see,

only in what you hate what you hate,

in what you perceive only what you perceive,

in what you know only what you know,

then, Bahiya, there’ll be more to that (the internal dialogue, NDT).

When you’re not more with that, you will not be one.

When you’re not into that, you will not be here nor there,

both or neither among them.

Only this is the end of suffering. “

Udana, I, 10

Occhi socchiusi


Occhi socchiusi

Sospeso sul nulla

scivola un ricordo

traccia equidistante

tra passo a ritroso

e corda sospesa

su questo vuoto di parole

silenzio che infrange

in assordante passo

lo scorrere senza argine

di antiche trame:

un ticchettio alla parete

che tiene il conto

di tutte le tue pene

24.05.2011 Poetyca

Closed eyes

Hanging over nothing

a memory slips

equidistant track

between step backwards

and suspended rope

on this empty words

breaking silence

in a deafening pitch

the flow without dam

of old patterns:

a ticking on the wall

that take count

of all your pains

24.05.2011 Poetyca

L’inaspettato


189064_1623282941443_1217550805_31386300_2819368_n

L’inaspettato

Ho colto come l’essere privati di qualcosa,

l’uso parziale di quanto viene dato per scontato,

riesca a far valorizzare quanto era sopito

o non del tutto espresso.

Possiamo accantonare qualcosa, rimandarla,

non dare l’attenzione che merita, per andare avanti

per inerzia, poi accade l’inaspettato,

ed ecco che quanto era quasi dimenticato

e stava perdendo smalto,è sollecitato

per portare un supporto determinante.

Allora ogni esperienza che sembrava penalizzante, deve essere

accolta con gratitudine perchè ci aiuta a crescere integralmente.

09.11.2014 Poetyca

The unexpected

I took as being deprived of something,

the partial use of what is taken for granted,

able to cause to be used as it was dormant

or not at all expressed.

We can set aside something, send it,

not give the attention it deserves, to go forward

to inertia, then the unexpected happens,

and behold, what had almost forgotten

and was losing enamel, it is called

to bring a decisive support.

So every experience that seemed punitive, must be

accepted with gratitude because it helps us to grow in its entirety.

09/11/2014 Poetyca

Ricordi


Ricordi
I ricordi sono
finestre aperte
al passato
dove mille profumi
accogliendoti t’inebriano
in tutte le stagioni

31.08.2016 Poetyca

Memories

Memories are
open windows
to the past
where a thousand scents
welcoming you to intoxicate
in all seasons

31/08/2016 Poetyca