Archivio | 02/11/2016

Ferita aperta


Lascia vivere il pensiero...

foto tratta dal web foto tratta dal web

Sono passati 70 anni dalla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Liberazione del male imprigionato negli occhi dei sopravvissuti alla Shoah, alla immensa tragedia che non ha colpito non solo ebrei, ma anche intellettuali polacchi, prigionieri russi, rom… Liberazione dalle sofferenze ideologiche e sociali, liberazione della libertà di guardare un cielo stellato in aperta campagna. Ferita ancora aperta sull’umanità. “Per non dimenticare” ma anche per riflettere, pensare e meditare sulla pazzia umana, sul disagio morale e etico, fin dove la crudeltà dell’uomo costeggia lidi dell’anima inesplorati. L’umanità intera si stringe intorno a struggenti e incatenati ricordi della storia. Un segno profondo 70 anni.

Ho visto parecchi film e documentari su queste tematiche della persecuzione razziale, il film quello più bello: “The Schindler list”. Due anni fa lo guardai insieme ai miei genitori. Mai più. Personalmente, non ci riesco, non voglio essere un insensibile, altrimenti non…

View original post 300 altre parole

Speranza


tmp_32507-img_20161102_015843-1634213836

Speranza

Scivola lieve
in pioggia di petali
la speranza
mentre aspetto
seduta sull’orlo
dell’abisso
forza nuova

02.11.2016 Poetyca

Hope

slips slightly
in shower of petals
the hope
while I wait
sitting on the edge
the abyss
new force

02/11/2016 Poetyca