Ascoltare il Dharma


Ascoltare il Dharma

Ascoltare il dharma e condividerlo con altri è la quinta azione abile. Le parole hanno potere e molti hanno raggiunto l’illuminazione solo con l’attento ascolto degli insegnamenti. Ascoltare è in sé un’arte. Spesso mentre ascoltiamo siamo impegnati in pensieri, giudizi e reazioni solo nostri. Quando invece ascoltiamo con la mente immobile e concentrata, possiamo essere realmente sensibili a ciò le le parole comunicano. Talvolta le intuizioni più profonde arrivano In un lampo, inaspettatamente.
Ho potuto sperimentare personalmente e in modo intenso questa verità. Qualche settimana prima che finisse il mio periodo di volontariato in Thailandia nel Corpo dei volontari per la pace, sedevo silenzioso nel giardino di un amico e lo ascoltavo mentre leggeva un testo tibetano intitolato, in quella prima traduzione, Il libro tibetano della grande liberazione. Avevo la mente piuttosto concentrata e, a un certo punto, quando il testo si dilungò sulla ‘natura non nata della mente’, vi fu un’improvvisa esperienza di apertura della mente … sul nulla. Quell’ apertura momentanea al ‘non manifesto’ , una realtà che trascende il corpo e la mente ordinaria, ebbe la forza di una saetta che mandò in frantumi l’illusione che aveva reso concreto il sé. Immediatamente dopo, continuò a riproporsi alla mente una frase: “Non c’è nessun io, non c’è nessun io”. Quell’esperienza cambiò radicalmente il mio modo di vedere le cose. Naturalmente, da allora, si sono ripresentate molte volte sensazioni e pensieri concernenti l”io’ , isenso del sé, ma permane tuttora la consapevolezza che persino il senso del sé è privo di sé: è solo un altro pensiero.
Joseph Goldstein “Un solo Dharma” – Il crogiolo del nuovo buddhismo Ubaldini editore – Roma

Listening to the Dharma

listen Listen to the dharma and share it with others is the fifth action skilled. Words have power, and many have achieved enlightenment only with careful attention paid to the lessons. Listening is an art in itself. Often as we listen we are engaged in thoughts, our judgments and reactions only. But when we listen with the mind still and focused, we can be really sensitive to what the words communicate. Sometimes the most profound insights come in a flash, unexpectedly.
I have experienced personally and so intense that truth. A few weeks before the end of my period of volunteer work in Thailand in the Peace Corps volunteers, sat quietly in the garden of a friend and I listened as she read a text entitled Tibet in the first translation, The Tibetan Book of the great liberation. My mind was quite focused and, at some point, when you dwell on the text ‘unborn nature of mind’, there was a sudden experience of opening the mind … about nothing. Quell ‘momentary release the’ unmanifest ‘, a reality that transcends the ordinary body and mind, had the force of a thunderbolt shattered the illusion that made the concrete itself. Immediately after, he continued to recur to the mind a sentence: “There is no me, there’s no me.” That experience radically changed the way I see things. Of course, since then, recur many times feelings and thoughts concerning the ‘me’, isenso of itself, but there is still the knowledge that even the sense of self is no self: just another thought.

Joseph Goldstein “One Dharma” – The crucible of the new Buddhism Ubaldini publisher – Rome

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...