Mente e pensieri


osho (2)

La mente non esiste come entità, questa è la prima cosa. Esistono solo i pensieri.

La seconda cosa: i pensieri esistono separatamente da te, non sono tutt’uno con la tua natura, vanno e vengono e tu rimani. Sei come il cielo: non viene mai, non va mai via, è¨ sempre presente. Le nuvole vanno e vengono, sono fenomeni momentanei, non eterni. Persino se cerchi di rimanere attaccato a un pensiero, non puoi trattenerlo molto a lungo; deve andarsene: ha una nascita e una morte. I pensieri non sono tuoi, non ti appartengono. Arrivano come visitatori, ospiti, ma non sono loro i padroni di casa.

Osserva bene, e diventerai il padrone di casa e i pensieri saranno gli ospiti. Come ospiti sono molto belli, ma se ti dimentichi completamente di essere tu il padrone di casa e lasci che lo diventino loro, allora sei veramente nei pasticci. Questo è l’inferno. Tu sei il padrone di casa; essa ti appartiene, ma gli invitati sono diventati padroni.

La mente diventa un problema perchè hai permesso che i pensieri arrivassero così in profondità dentro di te da dimenticarti completamente della distanza che esiste tra te e loro. Ti sei dimenticato che sono visitatori, che vanno e vengono. Ricorda sempre ciò che permane: quella è la tua natura, il tuo tao. Presta attenzione a ciò che non va e non viene mai, proprio come il cielo. Cambia la gestalt: non concentrare la tua attenzione sui visitatori, rimani radicato nell’essere il padrone di casa.
Osho, Tantra the Supreme Understanding

☆ ❥☼ღ❥¸¸.☆

The mind does not exist as entities, this is the first thing. There are only thoughts.

The second thing: the thoughts exist separately from you, not one with your nature, come and go and you stay. You’re like the sky is never, never goes away, is always present. The clouds come and go, they are momentary phenomena, not eternal. Even if you try to stick to a thought, you can not hold it for very long; He must go: it has a birth and a death. The thoughts are not yours, they do not belong. They come as visitors, guests, but they are not the hosts.

Look carefully, and you will become the host and thoughts will be the guests. Guests are very beautiful, but if you forget completely to be you the landlord and let him become them, then you’re really in trouble. This is hell. You are the master of the house; it belongs to you, but those invited have become masters.

The mind becomes a problem because you let the thoughts arrived so deep inside you to completely forget the distance that exists between you and them. You forgot that visitors, who come and go. Always remember what remains: that is your nature, your tao. Pay attention to what is wrong and is never, just like heaven. Change the gestalt: do not focus your attention on the visitors, remain rooted in being the host.
Osho, Tantra the Supreme Understanding

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...