Archivio | dicembre 2016

Riflessioni – Condizioni e Condizionati


B[log]3

Leggendo il libro “Guida alla risoluzione dei conflitti a partire dal metodo Hamer”, sono giunto all’importante capitolo relativo ai condizionamenti.
Da un condizionamento scaturisce una nevrosi.
Che cos’è una nevrosi?
quello stato di disturbo della personalità per cui la persona mostra particolari e soggettivi punti di fissazione secondo i quali, in precise condizioni, la persona risponde sempre allo stesso modo.

catene

Che cos’è un condizionamento?
tutto ciò che, all’interno di una relazione umana, costringe la persona a fare cose o a comportarsi in modo non spontaneo, in funzione di ottenere qualcosa in cambio.

Nel libro vengono individuate tre tipologie di individui:

  • i condizionati totali, ovvero coloro che vivono una vita in cui la spontaneità non esiste più da tanto tempo. Sono coloro che vivono schiavi senza catene visibili, ma incapaci di un moto dettato dalla propria emotività e biologia. Sono così condizionati che lottano per mantenere ben salde le proprie catene.

View original post 303 altre parole

Dhammapada IV Fiori


IV Fiori

44 Chi è in grado di andare al di là
di questo mondo
e del mondo della morte
con tutti i suoi dei?

45 Tu stesso lo sei,
scegliendo il cammino luminoso del dharma
con la stessa cura
con cui un giardiniere
sceglie i fiori più belli.

46 Questo tuo corpo
è come schiuma sulla cresta di un’onda,
nulla più che un miraggio.
Spezza i dardi fioriti del desiderio,
e va dove il re della morte
non può raggiungerti.

47 Come un’alluvione trascina via
un villaggio addormentato,
così la morte rapisce
chi è intento a cogliere
i fiori del piacere,
immerso nel sonno dell’inconsapevolezza.

48 La morte lo coglie,
prima ancora che sia sazio
dei piaceri che cerca.

49 Il saggio si muove nel mondo come un’ape,
che raccoglie il nettare dei fiori
lasciandone intatti la bellezza e il profumo.

50 Anziché badare agli errori altrui
osserva i tuoi,
esamina ciò che hai commesso
e ciò che hai omesso di fare.

51 Le belle parole di chi non mette in pratica
ciò che predica
sono come fiori colorati,
ma senza profumo.

52 Ma le parole sincere di chi vive
la propria verità
sono come fiori colorati e profumati.

53 Come da un mucchio di fiori
si possono trarre molte ghirlande,
fa delle occasioni della tua vita
ghirlande di nobili azioni.

54 Per quanto penetrante,
il profumo del legno di sandalo o del gelsomino
non si propaga controvento.
Ma il profumo della virtù
si propaga in ogni direzione,
raggiunge ogni angolo del mondo.

55 Esso è più fine del profumo
del legno di sandalo,
del fiore di loto, del gelsomino.

56 Il profumo del legno di sandalo o del gelsomino
non va lontano.
Ma il profumo della virtù
si innalza fino agli dei.

57 Le tentazioni non sviano
chi vive nella virtù e nella consapevolezza,
chi ha trovato la libertà nella saggezza.

58 Il loto profumato che rallegra il cuore
cresce nel fango sul ciglio della strada.

59 Così fra i ciechi mortali
il discepolo del Buddha
splende per la sua saggezza.

4. Flowers

Who shall conquer this world
and the world of death and the gods?
Who shall find the clear path of truth,
as a skillful person finds the flower?

The wise student will conquer this world
and the world of death and the gods.
The wise student will find the clear path of truth,
as a skillful person finds the flower.

Whoever knows that this body is like foam
and has learned that its nature is a mirage,
will break the flourishing arrows of Mara
and never see the king of death.

Death carries off a person who is gathering flowers,
whose mind is distracted,
like a flood carries off a sleeping village.
Death terminates a person who is gathering flowers,
whose mind is distracted,
before one is even satiated in pleasures.

As the bee collects nectar and departs
without harming the flower or its color or scent,
so let the sage live in a village.
Not the faults of others
nor their errors of commission or omission,
but one’s own errors and omissions should the sage consider.

Like a beautiful flower, full of color, but without scent,
are the fine but fruitless words
of those who do not act accordingly.
But like a beautiful flower, full of color and full of scent,
are the fine and fruitful words
of those who do act accordingly.

As many kinds of garlands
can be made from a heap of flowers,
so many good works may be achieved by a mortal after birth.
The scent of flowers does not travel against the wind,
not even that of sandalwood, rose-bay or jasmine,
but the fragrance of good people
travels even against the wind.
A good person pervades everywhere.

Sandalwood or rose-bay or lotus or jasmine—
among these perfumes, the perfume of virtue is unsurpassed.
Limited is the scent of rose-bay or sandalwood;
but the perfume of the virtuous
rises up to the gods as the highest.

Mara never crosses the path of those who are virtuous,
who live without thoughtlessness,
and who are liberated by true knowledge.
Just as on a heap of rubbish thrown upon the highway

the lotus will grow sweetly fragrant, delighting the soul,
so also among those who are like rubbish
the wise student of the truly enlightened Buddha
shines brightly with wisdom above the blinded crowd.

Luigi Pirandello


Premio Nobel per la letteratura 1934
Luigi Pirandello (Girgenti, 28 giugno 1867 – Roma, 10 dicembre 1936)

“Io non l’ho più questo bisogno,
perché muoio ogni attimo, io,
e rinasco nuovo e senza ricordi:
vivo e intero, non più in me,
ma in ogni cosa fuori”.

Uno, nessuno e centomila – Luigi Pirandello

I did not need more than this,
 I am dying every moment, I,
 and reborn again and not remember:
  alive and whole, no longer in me,
  but in every thing out. ”

One, No One and One Hundred Thousand – Luigi Pirandello

Orma da seguire


Orma da seguire
Di mio padre
resta un’ideale
orma da seguire
il sacrificio
insieme
alla coerenza
per respirare
onestá e tenacia
perché tutto
si realizza

04.12.2016 Poetyca

Footprint to follow

To my father
it remains an ideal
footprint to follow
the sacrifice
together
consistency
to breathe
honesty and tenacity
because everything
It is realized

12/04/2016 Poetyca

Oltre il silenzio 


Oltre il silenzio

Scrivi col cuore
parole
mai vane
incise nel tempo
Infisse nei ricordi
tra lacrime e sorrisi
Come abbraccio
ispirazione
oltre il silenzio

04.12.2016 Poetyca

Beyond to Silence

Write from the heart
words
never vain
etched in time
Stuck in the memories
between tears and smiles
as hug
inspiration
beyond the silence

12/04/2016 Poetyca

Gioia e desiderio


Tutta la gioia del mondo nasce dal desiderio di gioia per gli altri, tutto il dolore dal desiderio di gioia per sé.

Shanti Deva

All the joy in the world comes from the desire of joy for others, all the pain from the desire of happiness for himself.

Shanti Deva

Dhammapada II




Dhammapada

II La consapevolezza

21 La consapevolezza conduce alla vita eterna,

l’inconsapevolezza alla morte.

Chi si è risvegliato alla propria vera natura

non muore.

L’inconsapevole vive come se fosse già morto.

22 Il saggio, colui che ha compreso,

trova la sua gioia nella consapevolezza,

trova la sua gioia

nel cammino tracciato dai Buddha.

23 Perciò medita con perseveranza

per raggiungere il nirvana,

la libertà ultima.

24 Perciò svegliati, osservati,

agisci con purezza e con attenzione

conformemente alla legge eterna

e la tua gloria crescerà.

25 Con la consapevolezza,

con la padronanza di sé,

il saggio si costruisce un’isola

che nessun diluvio può sommergere.

26 L’inconsapevole agisce distrattamente.

Il saggio invece custodisce la consapevolezza

come il suo tesoro più prezioso.

27 Perciò non lasciarti andare all’inerzia

e non lasciarti trascinare dai desideri.

Concentra la tua energia nella meditazione

e scopri la felicità più grande.

28 Squarciato il velo dell’inconsapevolezza,

dall’alto della torre della saggezza

il saggio contempla l’umanità sofferente

come chi dalla vetta di una montagna

guarda verso gli abitanti della pianura.

29 Attento fra i distratti,

desto fra i dormienti,

il saggio si stacca dalla massa

come un veloce cavallo da corsa.

30 Grazie alla consapevolezza

Indra è divenuto signore degli dei.

Sempre preziosa è la consapevolezza,

sempre rovinosa l’inconsapevolezza.

31 Perciò il bhikshu che ama la consapevolezza

e teme il sonno dell’inconsapevolezza

brucia ogni legame

con il fuoco della sua pratica.

32 Il bhikshu che ama la consapevolezza

e teme il sonno dell’inconsapevolezza

non può ricadere nell’illusione.

Ha trovato la via verso la liberazione.

Dhammapada

2. Wakefulness

Wakefulness is the way to life.

The fool sleeps

As if he were already dead,

But the master is awake

And he lives forever.

He watches.

He is clear.

How happy he is!

For he sees that wakefulness is life.

How happy he is,

Following the path of the awakened.

With great perseverance

He meditates, seeking

Freedom and happiness.

So awake, reflect, watch.

Work with care and attention.

Live in the way

And the light will grow in you.

By watching and working

The master makes for himself an island

Which the flood cannot overwhelm.

The fool is careless.

But the master guards his watching.

It is his most precious treasure.

He never gives in to desire.

He meditates.

And in the strength of his resolve

He discovers true happiness.

He overcomes desire –

And from the tower of his wisdom

He looks down with dispassion

Upon the sorrowing crowd.

From the mountain top

He looks down at those

Who live close to the ground.

Mindful among the mindless,

Awake while others dream,

Swift as the race horse

He outstrips the field.

By watching

Indra became king of the gods.

How wonderful it is to watch.

How foolish to sleep.

The beggar who guards his mind

And fears the waywardness of his thoughts

Burns through every bond

With the fire of his vigilance.

The beggar who guards his mind

And fears his own confusion

Cannot fall.

He has found his way to peace.

Crea la felicità


“Crea tutta la felicità che sei in grado di creare,

elimina tutta l’infelicità che sei in grado di eliminare:

ogni giorno ti darà l’occasione, ti inviterà ad aggiungere

qualcosa ai piaceri altrui, o a diminuire qualcosa delle loro sofferenze.

E per ogni granello di gioia che seminerai nel petto di un altro,

troverai un raccolto nel tuo petto, mentre ogni dispiacere

che toglierai dai pensieri e sentimenti di un’altra creatura

sarà sostituito da meravigliosa pace e gioia nel santuario della tua anima.

Jeremy Bentham

“Create all the happiness that you are able to create,

eliminates all the unhappiness that you are able to eliminate:

each day will give you the opportunity, will invite you to add

something to the pleasures of others, or to diminish something of their suffering.

And for every speck of joy that sow in the chest of another,

there is a harvest in your chest, while every sorrow

that take away from the thoughts and feelings of another creature

will be replaced by the wonderful peace and joy in the sanctuary of your soul.

Jeremy Bentham

jLibro tibetano della grande liberazione


Libro tibetano della grande liberazione

Carl Gustav Jung scrisse un commento psicologico al Libro tibetano della grande liberazione, nel quale analizzava la differenza fra il pensiero orientale e quello occidentale.

Egli affermava che lo sviluppo della filosofia occidentale negli ultimi due secoli ha isolato lo spirito in una sfera sua propria separandolo dall’unità originaria dell’universo, mentre la psicologia lo ha inteso come una funzione della psiche, definita mentalità dell’individuo.

In Oriente lo spirito è un principio cosmico, l’essenza dell’Essere, mentre in Occidente è il mezzo indispensabile alla conoscenza e alla rappresentazione del mondo.

In Oriente non c’è conflittualità tra scienza e religione perchè nessuna scienza è fondata esclusivamente sui fatti e nessuna religione soltanto sulla fede: esiste una conoscenza religiosa e una religione che conosce.

Per noi l’uomo è infinitamente piccolo e la grazia di Dio infinitamente grande; in Oriente, invece, l’uomo è Dio e redime se stesso.

Jung affermava che la differenza fondamentale tra Oriente ed Occidente consiste nel fatto che il primo si basa sulla realtà psichica, manifestando un punto di vista introverso, mentre il secondo si basa sulla ragione, esprimendo un atteggiamento estroverso.

Carl Gustav Jung wrote a commentary on the Tibetan Book of the great psychological liberation, in which he analyzed the difference between Eastern and Western thought.

He stated that the development of Western philosophy in the last two centuries has isolated the spirit in its own sphere separating it from the original universe, while psychology has seen as a function of the psyche, defined minded individual.

In the East the spirit is a cosmic principle, the essence of Being, while in the West is the indispensable means to knowledge and representation of the world.

In the East there is no conflict between science and religion because science is not based solely on facts and not only on religious faith: there is a knowledge of religion and a religion he knows.

For us, man is infinitely small and infinitely great God’s grace, in the East, however, man is God and redeems himself.

Jung said that the fundamental difference between East and West is that the first is based on psychic reality, expressing a point of view, introverted, while the second is based on reason, expressing an attitude extrovert.

http://www.theorein.it/filosofia/de%20stephanis/lezione03.html

http://spiritualtranzendence.blogspot.com/2011/06/carl-jung-religious-experience-and.html

Ricordo


Ricordo
Ricordo
quel gioco che
richiamava tutti
in cortile
grida e risate
nei pomeriggi
troppo brevi
degli inverni
ed il vento
tagliava il fiato

03.12.2016 Poetyca

I remember

I remember
that game
it recalled all
in the yard
shouts and laughter
in the afternoons
too short
in the winters
and the wind
cut your breath

12/03/2016 Poetyca

Il luogo del sacrificio a Dio


Il luogo del sacrificio a Dio

Chi è calmo e sereno nel suo cuore si rechi nel luogo del sacrificio. Questo luogo si trova dovunque il cuore è pieno di pace e di serenità ed è pronto a compenetrarsi col Signore supremo. Solo così, e non altrimenti, può esser descritto il luogo del sacrificio.

di Abhinavagupta, Tantrasara I,13

The place of sacrifice to God

Who is calm and serene in his heart is going to the place of sacrifice. This place is wherever the heart is full of peace and serenity and is ready to penetrate with the Supreme Lord. Only in this way, and not otherwise, can be described the place of sacrifice.

of Abhinavagupta, Tantrasara I, 13

Memoria indelebile


Memoria indelebile

Il tempo ruba
sbiadisce
straccia tutto
ma intatta resta
quella foto
memoria indelebile
che porti scolpita
nel tuo cuore

01.12.2016 Poetyca

Indelible memory

Time steals
fades
waste all
but remains intact
that photo
indelible memory
leading carved
in your heart

01/12/2016 Poetyca

Non ti fermare


Non ti fermare
Quando un sasso
ostacola
il tuo cammino
tu pensa positivo
non ti fermare
e vedrai
che persino
la montagna
con facilità
si potrà
sgretolare

01.12.2016 Poetyca

Do not stop

When a stone
hampers
your path
You think positive
do not stop
and see
that even
the mountain
easily
you can
crumble

01/12/2016 Poetyca

Tre cose


“I have just three things to teach:

simplicity, patience, compassion.

These are three of your greatest treasures.

Just in actions and thoughts,

you return to the source of being.

Patient with both friends and enemies,

you will accord with the meaning of things.

Compassionate toward yourself,

reconciled all things in the world. “

(Tao Te Ching, Chapter 67)

Un pensiero


Un pensiero

Un pensiero
per chi non ha fretta
e raccoglie immagini
per alimentare il cuore
Regala sorrisi
e trasforma tutto
in vero amore

29.11.2016 Poetyca

A thought

A thought
for those not in a hurry
and collects images
to feed the heart
gives smiles
and turns around
in true love

11/29/2016 Poetyca

Sono quel che sono


Sono quel che sono
Sono quel che sono
a te uguale
e non diverso
ai tuoi occhi appaio
come specchio
a nulla ti aggrappi
e svanisce l’illusione
nulla cerchi
e tutto appare

28.11.2016 Poetyca

I am what I am

I am what I am
to you equal
and no different
in your eyes I appears
as a mirror
You cling to anything
and the illusion vanishes
nothing you search
and everything appears

28/11/2016 Poetyca