Archivio | 5 aprile 2017

La mappa nel pugno


293966_10150322328914646_742844645_8288024_1479015195_n

La mappa nel pugno

Respiro piano e resto in silenzio,
guardando la punta delle mie scarpe,
provando a distrarre lo sguardo
e ad evadere le domande invadenti
di gente che non sa cosa gli occhi vedono,
che destinazione hanno i miei viaggi:
La chiamano fantasia, immaginazione…
Eppure quei fili di luce che si espandono
sulle foglie, sui voli di farfalle io li ho visti davvero.

Respirare la stessa aria di quelle persone,
che usano parole di zucchero ma,
non sanno che io so vedere le ombre
che danzano con loro, quelle ombre
che sono sfuggite dallo scrigno del loro cuore
e che resteranno nella stanza, anche quando
hanno creduto di ingannare, con gli occhi
che si sporgono dalle fessure della loro maschera,
oramai strappata e logora ma a tratti dipinta di nuovo.

Voci che sussurravano nella mente,
piccole lucciole ad illuminare il buio
di stanze enormi e silenziose,
quando le intuizioni erano pronte
a squarciare la danza delle domande:
Cosa è rimasto di quel tempo?
La necessità di resistere, piegando appena il capo
e l’indomita forza di chi non sbaglia la rotta,
stringendo la propria mappa d’infinito nel pugno.

16.03.2012 Poetyca

The map in hand

Breath floor and rest in silence,
looking at the tip of my shoes,
trying to distract the eye
and to evade intrusive questions
of people who do not know what the eyes see,
that they target my travels:
They call it fantasy, imagination …
Yet those threads of light that expand
on the leaves, flights of butterflies I’ve seen them really.

Breathing the same air of those people,
sugar but using words,
I do not know that I see the shadows
dancing with them, those shadows
that have escaped from the chest and heart
and will remain in the room, even when
believed to deceive with the eyes
that protrude from the slots of their screen,
now torn and tattered but sometimes painted again.

Voices that whisper in the mind,
small fireflies to light up the dark
of enormous rooms, quiet,
intuitions when they were ready
tore through the dance of questions:
What is left of that time?
The need to resist bending when the head
and the indomitable strength of those who made no mistake the route,
clenching his fist in the map of infinity.

16.03.2012 Poetyca

Annunci

Nello stesso oceano


Nello stesso oceano

Siamo tutti immersi nello stesso mare,
possiamo vivere la sua essenza, comprendere la presenza dell’acqua,
eppure ogni essere ne coglie diversi aspetti, sente un diverso ritmo
nelle sue onde. Se andassimo tutti a riva per osservare e ci scambiassimo
le informazioni, potremmo scoprire come ogni essere ne veda solo un aspetto.

Solo quando, con accoglienza e senza aggrapparci al credere in noi l’unica
verità possibile, sappiamo accogliere il punto di vista degli altri, siamo in grado di capire cosa davvero sia il mare.

Ma sarebbe ancora soltanto una parte, poichè non conosciamo ancora ” il grande oceano”.
Dovremmo allora tentare di non aggrapparci a quello che possiamo conporendere, a quello che crediamo essere la realtà, poichè sono tante le bracciate che non abbiamo mai fatto per raccogliere davvero l’esperienza dell’oceano.

10.05.2009 Poetyca

At the same ocean

We are all immersed in the same sea,
we can live its essence, to understand the presence of water,
and yet every captures different aspects, he hears a different rhythm
in its waves. If we all go to the shore to watch and we exchanged
information, we may discover how to see it all be just one aspect.

Only when, without holding on to the reception and we believe in the only
truth as possible, we accept the point of view of others, we are able to understand what really is the sea.

But it would still be only a part, since we do not know yet the great ocean.”
We should then groped not to cling to what we can conporendere, what we believe to be the reality, because there are so many strokes that we never really made ​​to collect the experience of the ocean.

10.05.2009 Poetyca

 

Anche se…


Anche se…

Anche se ti dicono che sei idealista,
cercano di farti desistere, perchè il tuo sentire sarebbe diverso
dalla maggior parte delle persone, che non credono più;
che si sono disperse nell’illusione che tutto sia da gettare via…

Tu non ti arrendere!

Anche se dentro di te le lacrime sono l’unica fonte
che possa irrigare la speranza,
perchè è cocente constatare
che si attraversa ogni giorno il deserto e l’indifferenza…

Non smettere di credere!

Ascoltati, immergiti nel silenzio e lascia andare ogni cosa…
Riprendi la forza del sorriso, della consapevolezza che, in fondo,
ogni amarezza, ogni paura, ogni sofferenza si lega ad una precisa scelta,
anche quella di aspettarti qualcosa,
di credere che altri siano capaci di seguirti,
di abbracciare il tuo stesso desiderio
di un mondo perfetto e giusto.

Nella danza degli opposti sarebbe difficile che questo accada,
sii consapevole!

Semplicemente cerca la gioia,
l’equidistanza e la volontà di fare tutto il possibile,
affinché, nel tuo piccolo, tu sappia dare senso al tuo essere
qui ed ora,

sembra poco ma il vento accarezza ogni seme
e ne fa l’essenza perchè sia frutto da offrire
– nell’interessere –
a tutti coloro che sono nella sofferenza.

21.03.2008 Poetyca

Although …

Even if you say you are idealistic,
try to make you give up, because your feeling is different
by most people, who no longer believe;
that were released in the illusion that everything is to throw away …

You did not give up!

Even if inside you tears are the only source
that can irrigate hope
because it is hot note
that cross the desert each day and indifference …

Do not stop believing!

Play, enjoy the silence and let everything go …
Shoot the power of smile, knowing that, ultimately,
all bitterness, all fear, all suffering binds to a specific choice,
also to expect something
to believe that others are able to follow you,
to embrace your own desire
a perfect world and just.

In the dance of opposites would be difficult for this to happen,
Be aware!

Simply search for joy,
the equidistance and willingness to do everything possible
ensure that your child, you know make sense of your being
here and now,

seems little but the wind caresses each seed
and makes the essence because the fruit has to offer
– In the interest –
to all those who are suffering.

21.03.2008 Poetyca

Sogno e realtà


Sogno e Realtà

Com’è cieco colui che immagina
e progetta qualcosa
fino ai più realistici dettagli.
e quando non riesce a darne conto interamente
con misure superficiali e prove verbali,
crede che la sua idea
e la sua fantasia siano vanità!
Se invece riflettesse con sincerità,
si convincerebbe che la sua idea è reale
tanto quanto l’uccello in volo,
solo che non è ancora cristallizzata;
e capirà che l’idea è un segmento di conoscenza
ancora inesplicabile in cifre e parole,
poichè troppo alta e troppo vasta
per essere imprigionata
nel momento presente;
ancora troppo profondamente immersa
nello spirituale
per piegarsi al reale.

Kahlil Gibran

Amicizia Virtuale

A te che ti avvicini seguendo
l’equilibrismo dei miei pensieri
e raccogli le storie di oggi
e le delusioni di ieri,
che vivi in questo mio presente
tra speranze e delusioni,
sorridendo ed ascoltando il mio sentire,
potrei regalare le prospettive nuove.
Le speranze pronte a volare
senza nuvole grigie
ma con mille raggi di sole.
Vorrei stringere una mano
guardandoti negli occhi,
vorrei far vivere il mio mondo
e tutto il suo calore,
e di cose belle o brutte
ne avrei da dire
se tu fossi presente
e non sogno o illusione,
se tu fossi reale
e non personaggio
di un mondo troppo virtuale.
La fiducia mia non è cieca
ed anche se il desiderio
di un vero amico mai si acquieta,
ho imparato ora a capire
la differenza tra un sogno
e la realtà che vuole ingannare.
Tra i tanti personaggi
di questo mondo strano,
ho trovato te
che comprendi e leggi dentro al cuore
ogni sottile palpito e traduci in parole
anche quello che non saprei dire.
Uno specchio che immagine riflette
di ogni mio pensiero.
Fortuna è la mia
ed allora ti prego…
Non mi svegliare.
Amico proveniente dal mondo
detto dell’inganno,
io ne sono certa,
tu non ne fai parte
perché nel mio cuore
Vivi e sei sempre reale.

Poetyca

 Gocce di malinconia

Era il tempo andato
compagno di viaggio
di un itinerario
ormai stanco

Erano pensieri vivi
che accompagnavano
i nostri passi
poi persi per strada

Era voglia di essere
per una volta ancora
il desiderio ed il suono
di vita che si rinnova

Poi tutto si nascose
ai nostri occhi
ed al cuore
con invisibili ferite
che è tardi ricucire

Mi chiedo ancora il perché
ma muta resta l’anima
senza risposta alcuna
ed è rimpianto
del silenzio che un tempo
tra di noi comunicava

Ora è peso che trascina
questi pensieri di nulla
questa malinconia quieta
che non rincorre la lotta

Per essere ancora vivi
oltre il confine del niente
perché niente resta
se tu non raccogli
barlumi di speranza

30.03.2004 Poetyca

Dream and Reality

How blind man who imagines
and design something
to the more realistic details.
and when it fails to give account of all
with surface temperature measurement and verbal tests,
believes that his idea
and his imagination is vanity!
If, however, reflect sincerely,
convince you that his idea is real
much as the bird in flight,
just not yet crystallized;
and realize that the idea is a segment of knowledge
still unexplained in figures and words,
as too high and too wide
to be captured
in the present moment;
too deeply immersed
in the spiritual
to bend to reality.

Kahlil Gibran

Virtual Friendship

To you who you approach following
the balance of my thoughts
and collect the stories of today
and disappointments of yesterday,
who live in this my present
hopes and disappointments,
smiling and listening to my feelings,
I could give new perspectives.
Hopes ready to fly
no gray clouds
but with a thousand rays of sunshine.
I would like to shake a hand
looking in your eyes,
I want to live my world
and all its heat,
and things good or bad
I’d have to say
if you were present
and not a dream or illusion,
if you were real
and character
a virtual world too.
My trust is not blind
and even if the desire
a true friend never calms,
I have learned now to understand
the difference between a dream
and the reality they wish to deceive.
Among the many characters
of this strange world,
I found you
You understand and read into the heart
every subtle pulse and translate it into words
I do not know even what to say.
A mirror image reflected
of my every thought.
Luck is my
and then please …
Do not wake me up.
Friend from the world
said the deception,
I am sure,
you did not do the
because in my heart
You live and you are always real.

Poetyca

Drops of melancholy

It was the time went
travel companion
a route
tired

Thoughts were alive
that accompanied
our steps
then lost their way

He was willing to be
for once again
the desire and the sound
of life that is renewed

Then it all hid
our eyes
and heart
with invisible wounds
it’s late mend

I still wonder why
but the soul remains silent
any unanswered
and regret
of silence that once
communicated between us

Now it’s weight that drags
these thoughts of anything
this melancholy quiet
that does not chase the fight

To be alive
beyond the boundary of nothing
because nothing is
if you do not collect
glimmers of hope

30.03.2004 Poetyca

Senza colore


Senza colore

Scivola la solitudine
con nella mente parole
sguardi e derisione
Ferisce il silenzio
nel suo vuoto di valore
tra le macchine
tra occhi che sfuggono
amplificando l’alone
della calunniata sorte
Amore trafitto
da verità uccise
e ricerca di presenza
foss’anche per vendetta
ma che sia capace
di far smettere
questa paura
di un peso
che lascia solo
il cuore che ha creduto
ed ora agonizzante
non trova più nulla:
Mani vuote
senza colore

13.01.2004 Poetyca

Colorless

Slip solitude
with words in mind
stares and derision
The silence hurts
its vacuum value
between machines
between eyes beyond
amplifying the halo
slandered the fate
Love pierced
killed by truth
research and present
even if just for revenge
but which is capable
to stop
this fear
a weight
which leaves only
heart who believed
and now dying
can not find anything:
Empty
colorless

13.01.2004 Poetyca

Il Signore ti sussurra sempre silenziosamente


Ho cercato l’amore in molte vite. Ho versato lacrime amare di separazione e di pentimento per capire che cosa sia l’amore. Ho sacrificato ogni cosa, gli attaccamenti e le illusioni, per imparare, alla fine, che amo soltanto l’Amore, soltanto Dio. Allora ho bevuto l’amore da tutti i cuori  sinceri. E ho visto che egli è l’unico cosmico amante, l’unica fragranza che permea nel giardino della vita tutti i variopinti fiori dell’amore.

Molte anime, ansiose e impotenti, si domandano perché mai l’amore voli da un cuore all’altro: le anime risvegliate sanno che il cuore non è incostante quando ama persone diverse, perché è l’amore per l’unico Dio-Amore, che è presente in tutti i cuori.

Il Signore ti sussurra sempre silenziosamente:

Io sono l’Amore. Ma, per fare l’esperienza del dono dell’amore, ho diviso me stesso in tre: l’amore, colui che ama e colui che è amato. Il mio amore è bello, puro, eternamente felice e io lo assaporo in molti modi e in molte forme.

Come padre, bevo riverente amore dalla sorgente del cuore di mio figlio. Come madre, bevo il nettare dell’amore incondizionato dalla coppa dell’anima del bambino. Come bambino, assorbo l’amore protettivo della giusta razionalità paterna. Come neonato, bevo l’amore senza limiti dal sacro Graal della magia materna. Come padrone bevo l’amore comprensivo dalla coppa della sollecitudine del servo. Come servo, sorseggio rispettoso amore dalla coppa dell’apprezzamento del padrone. Come Guru, gusto l’amore purissimo dal calice dell’assoluta devozione del discepolo. Come amico bevo dalle fontane spumeggianti dell’amore spontaneo. Come amico divino, bevo a grandi sorsi le acque cristalline dell’amore cosmico, dalla riserva dei cuori che adorano Dio.

Amo l’amore soltanto, ma mi lascio illudere quando, come padre o come madre, curo e amo solo il mio bambino; quando, come amante, mi prendo cura solo dell’amato, quando, come servo, vivo solo per il padrone. Ma poiché amo soltanto l’amore, spezzo infine l’illusione della miriade dei miei sé umani. Per questa ragione conduco il padre nelle regioni astrali, quando dimentica che è il mio amore, e non il suo, a proteggere il figlio. E strappo il bambino dalle braccia della mamma, perché lei possa capire che è il mio amore che adorava in lui. E rapisco l’amata all’innamorato che crede di amare lei, invece del mio amore che risponde in lei.

Così il mio amore gioca a nascondino in ogni cuore umano, affinché tutti possano imparare a scoprire e adorare non i temporanei involucri umani del mio amore, ma il mio amore stesso, che danza da un cuore all’altro.

Gli esseri umani si tormentano l’un l’altro dicendo: “Ama solo me”, e così io raffreddo le loro labbra e le sigillo per sempre, affinché non pronuncino più questa menzogna. Poiché sono tutti miei figli, voglio che imparino a pronunciare la verità: “Ama l’unico Amore in tutti”. E’ una falsità dire a un altro: “Ti amo”, finché non si comprende la verità: “Dio, quale amore, in me, ama il suo amore in te”.

La luna ride dei milioni di innamorati che, inconsapevolmente, hanno mentito ai loro amati dicendo: “Ti amerò per sempre”. Le loro ossa sono sparpagliate sulle sabbie dell’eternità spazzate dal vento. Essi non possono più usare il loro respiro per dire: “Ti amo”. Non possono né ricordare né mantenere la promessa di amarsi per sempre.

Senza dire una parola, io ti ho sempre amato. Io solo posso veramente dire: “Ti amo”, perché ti amavo prima che tu nascessi il mio amore ti dà la vita e ti sostiene anche in questo momento; io solo potrò amarti quando i cancelli della morte ti imprigioneranno là dove nessuno, neanche il tuo più grande amore umano, potrà raggiungerti.

Io sono l’amore che fa danzare le marionette umane sui fili delle emozioni e degli istinti, per recitare il dramma dell’amore sul palcoscenico della vita. Il mio amore è meraviglioso e infinitamente dolce, quando amate soltanto l’amore; ma la fune di salvataggio della vostra pace e della vostra gioia si spezzerà, se vi lascerete irretire dalle emozioni umane e dagli attaccamenti. Figli miei, cercate di capire che desiderate veramente soltanto il mio amore.

Coloro che mi amano solo come persona, o che mi amano imperfettamente in una sola persona, non sanno che cosa sia l’amore. Sanno che cosa è l’amore solo coloro che mi amano saggiamente, perfettamente, completamente, con totale abbandono, coloro che mi amano perfettamente e ugualmente in tutti e che mi amano perfettamente e ugualmente come tutti.

Paramahansa Yogananda

<3<3<3<3

I sought love in many lives. I shed bitter tears of repentance and separation to understand what love is. I sacrificed everything, attachments and illusions, to learn at the end, I love only love, only God Then I drank the love of all hearts sincere. And I saw that he is the only cosmic lover, the only fragrance that permeates the garden of life all the colorful flowers of love.

Many souls, anxious and helpless, wondering why love flying from one heart to another: the awakened souls know that the heart is not inconsistent when different people love, because love for the one God is Love, that is present in all hearts.

The Lord always whispers quietly:

I am Love. But, to experience the gift of love, I split myself into three: love, who loves and one who is loved. My love is beautiful, pure, eternally happy, and I relish in many ways and in many forms.

As a father, I drink from the source reverent love of the heart of my son. As a mother, I drink the nectar from the cup of the unconditional love of the soul of the child. As a child, I absorb the protective love of the father’s right rationality. As a child, I drink the love without limits from the holy grail of maternal magic. How to master the understanding love drink from the cup of the solicitude of the servant. As a servant, reverently sip from the cup of appreciation of the master. As Guru, taste the pure love of the cup of the absolute devotion of the disciple. As a friend I drink from the sparkling fountains of spontaneous love. As a friend of God, I drink in large gulps of cosmic crystalline waters, the reserve of the hearts that love God

I love only love, but I let myself be deceived when, as a father or mother, I care and I love only my children, when, as a lover, I take care of the beloved only, when, as a servant, living only for the owner. But only because I love love, then break the illusion of the myriad of my human self. For this reason I lead the father in the astral regions, and forgets that it is my love, and not her, to protect her son. And tear the child from its mother’s arms, because she can understand it is my love that loved him. And the beloved rapisco all’innamorato believes that to love her instead of my love in her answers.

So my love plays hide and seek in every human heart, so everybody can learn to discover and worship not the temporary enclosures of my human love, but my own love, dancing from one heart to another.

Human beings torture each other by saying: “He loves only me”, so I cooled down and seal their lips for ever, so no more pronounce this lie. Since they are all my children, I want to learn to speak the truth: “He loves the only love in everyone.” It ‘s a lie to say to another: “I love you” until we understand the truth: “God, what love, in me, he loves his love in you.”

The moon laughs of millions of lovers who, unknowingly, have lied to their beloved saying, “I’ll love you forever.” Their bones are scattered on the windswept sands of eternity. They can no longer use their breath to say “I love you.” Can neither remember nor keep the promise to love each other forever.

Without saying a word, I have always loved. Only I can truly say, “I love you”, because I loved you before you were born my love gives life and sustains you in this moment, I only love you when I can the gates of Death imprigioneranno where nobody, not even the Your greatest human love can reach you.

I am the love that makes the puppets dancing on wires of human emotions and instincts, to say the drama of the stage of life. My love is wonderful and infinitely sweet, when you love only love, but the lifeline of your peace and your joy will break, if you let yourself be caught in the human emotions and attachments. My children, understand that you really want only my love.

Those who love me just as a person, or that I love imperfectly in one person, do not know what love is. They know what is love only those who love me wisely, fully, completely, with total abandon, those who love me fully and equally in all that I love equally as well and all.

Paramahansa Yogananda

 taken from The Divine Romance published in Italy by Ubaldini

Il senso della vita



Il senso della vita

Guardi il moto
di queste onde
o il volo di gabbiani
come qualcosa
di insignificante
ma se vuoi cogliere
il senso della vita
danza con lei

29.03.2017 Poetyca

The meaning of life

Watch the motion
of these waves
or the flight of seagulls
as something
insignificant
but if you want to capture
the meaning of life
dance with her

03/29/2017 Poetyca