L’arte di amare


sunset10
L’arte di Amare 
L’amore non è soltanto una relazione con una particolare persona: è un’attitudine, un orientamento di carattere che determina i rapporti di una persona coi mondo, non verso un “oggetto” d’amore. Se una persona ama solo un’altra persona e è indifferente nei confronti dei suoi simili, il suo non è amore, ma un attaccamento simbiotico, o un egotismo portato all’eccesso. Eppure la maggior parte della gente crede che l’amore sia costituito dall’oggetto, non dalla facoltà d’amare. Infatti, essi credono perfino che sia prova della intensità del loro amore il fatto di non amare nessuno tranne la persona “amata”. Questo è lo stesso errore di cui abbiamo già parlato prima. Poiché non si vede che l’amore è un’attività, un potere dell’anima, si ritiene che basti trovare l’oggetto necessario e che, dopo ciò, tutto vada da sé. Questa teoria può ‑essere paragonata a quella dell’uomo che vuole dipingere ma che, anziché imparare l’arte, sostiene che deve solo aspettare l’oggetto adatto, e che dipingerà meravigliosamente non appena lo avrà trovato. Se io amassi veramente una persona, io amerei il mondo, amerei la vita. Se posso dire a un altro “ti amo”, devo essere in grado di dire “amo tutti in te, amo il mondo attraverso te, amo in te anche me stesso”.
Dicendo che l’amore è un orientamento che si riferisce a tutto e non a uno, non voglio dire che non ci siano differenze tra le varie forme d’amore, legate all’oggetto amato.Diventa essenziale distinguere bene ciò che è l’amore da ciò che è innamoramento. Le due realtà spesso si rincorrono e si confondono ma sono nettamente distinte e di natura diversa.
L’innamoramento è un fenomeno affettivo, pre-conscio e pre-volontario, in cui un individuo proietta sogni ed aspettative in un altro. È un fenomeno, cioè “capita” al soggetto, indipendentemente dalla sua volontà.
L’amore è invece una realtà pienamente umana (di tutta la persona e non solo di una sua componente) che si esprime solo con un atto libero, cioè cosciente e volontario. Si può esprimere come un orientamento del carattere che orienta la persona nei rapporti col mondo, un atteggiamento universale verso tutta la realtà. È, come dice Eric Fromm, un’arte che si acquisisce attraverso la maturazione della persona e l’esercizio delle sue facoltà umane. Sarà proprio Fromm a condurci, attraverso degli estratti del suo libro “L’arte di amare”, alla scoperta di questa misteriosa ed essenziale realtà umana.
Dove nasce il bisogno di amare 
Il bisogno di amare è il bisogno fondamentale dell’uomo, superiore per urgenza a quello della fame, della sete o dello stesso “sesso”, in quanto per soddisfarlo questi ultimi possono anche essere messi a tacere. Da dove nasce questo bisogno?
♥ Eric Fromm è un noto psicologo americano di origine tedesca che con i suoi studi e i suoi libri ha dato un notevole contributo allo studio delle relazioni umane. Suoi libri “best seller” sono: Essere o avere; L’arte di amare. ♥ 

♥♥♥♥ 

Art to love

Love is not only a relationship with a particular person is an attitude, an orientation of character which determines a person’s relationships with the world, not to an “object” of love. If a person loves only one other person and is indifferent towards his fellow man, its not love but a symbiotic attachment, or egotism carried to excess. Yet most people believe that love is constituted by the object, not by the power of love. In fact, they even believe that it is proof of the intensity of their love did not love anyone except the person “loved”. This is the same mistake that we’ve talked about before. Since you do not see that love is an activity, a power of the soul, it is believed that it is enough to find the necessary object and that after that, everything is self-explanatory. This theory-can be compared to that of the man who wants to paint but who, instead of learning the art, claims that only has to wait for the appropriate object, and that he will paint beautifully when he finds him. If I really loved someone, would I love the world, I’d love life. If I can say to another “I love you”, I must be able to say “I love all of you, I love the world through you, I love in you also myself.”
Saying that love is an orientation which refers to everything and no one, not to say that there are differences between the various forms of love, linked to the object loved.

Becomes essential to distinguish clearly what is love by what you love. The two companies often follow each other and mingle but they are clearly distinct and different in nature.
Falling in love is an emotional phenomenon, pre-pre-conscious and voluntary, in which an individual casts dreams and expectations in another. It is a phenomena that is “understood” the subject, independently of his will.
Love is a reality instead of fully human (the whole person and not just a component thereof) that is expressed only by a free act, that is, conscious and voluntary. Can be expressed as an orientation of character which guides a person in connection with the world, a universal attitude towards the whole of reality. It is, as Eric Fromm, an art that is acquired through the development of the person and the exercise of his human faculties. It will just lead to Fromm, through extracts from his book “The Art of Loving”, to explore this mysterious and essential human realities.
Where does the need to love
The need to love is the basic human need, for greater urgency to hunger, thirst or the same “sex”, as to satisfy the latter can also be silenced. Where does this need?

♥ Eric Fromm is a noted German-born American psychologist who with his studies and his books have made a significant contribution to the study of human relations. His books “best sellers” are: To be or have; The Art of Loving. ♥

Annunci

2 thoughts on “L’arte di amare

  1. Nel pensiero del giorno di oggi si parlava di com – unione tra principio maschile e femminile, lo sposalizio tra questi principi alchemici si trova e rinnova non sono nella carne ma soprattutto tra anime. E’ il nostro stesso completamento, la capacità di abbracciare la diversità dell’altro per farne una condizione di amore integrale e vero, senza separare ma trovando negli opposti la nostra unità. Forse il concetto era espresso in modo poco ampio e si coglieva qualcosa che restava ai margini del significato stesso dell’amare.
    Eric Fromm, nella sua veste di psicologo e sociologo è tenuto ad analizzare le manifestazioni sociali, ad ampio spettro del percorso umano, percorso che è sempre imperfetto, anche se idealmente si tende a cercare nell’amore un completamento e una manifestazione nobile dell’Uomo, non possiamo dimenticare le interferenze dell’ego e quanto trascini fuori da un percorso ideale.

    Un abbraccio dal cuore

    Mi piace

  2. proprio oggi ho messo in bacheca il pensiero del giorno…. non condivido parte di questo pensiero…perche’ si parla di due SACRAMENTI ma non si parla di AMORE.. se DIO E’ AMORE… e lo E’ …penso che la risposta piu’ giusta per giustificare la nostra presenza su questa terra sia proprio nell’ARTE DELL’AMORE e nelle parole scritte da ERIC FROMM…. AMARE non deve essere a senso unico..o peggio ancora a senso alterno..io amo te e tu ami me.. stop… NO VA BEN OLTRE.. e condivido questa filosofia….(forse per comodo??… No ritengo che si possano amare molte persone perche’ noi siamo fatti D’AMORE). buon giorno Daniela… ♥
    .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...