Archivio | ottobre 2017

Canto d’amore


Canto d’amore

Nello spazio vuoto
tra le parole
nel silenzio
quando la voce
prende riposo
negli occhi chiusi
dove nessuna immagine appare
è la strada dorata
che vive di essenza
che spalanca il cuore

Oltre le cose raccontate
le cose che non si possono dire
tutto è infinito
che abbraccio la nostre presenza
dove il mondo scompare
e la bellezza è canto d’amore

12.03.2011 Poetyca

 

Love song

In the blank space
between words
silence
when the voice
take rest
eyes closed
where no image appears
is the golden road
living essence
that opens the heart

Besides the things described
things that can not be said
everything is infinite
that embraces our presence
where the world disappears
and beauty is love song

12.03. 2011 Poetyca

Piccole cose amate


Piccole cose amate

Sogni
carezze del giorno
piccoli frammenti colorati
come tasselli
di un mosaico
regalo di luce al cuore
realtà senza tempo
di piccole cose amate

Eleganti
parole scorrono
senza incertezza
accarezzano l’anima:
dove occhi ed essenza
vivono gli stessi momenti
di una pronta
promessa d’amore

10.03.2011 Poetyca

Small things you love

Dreams
caresses of the day
small fragments of colored
such as dowels
a mosaic
gift of light to the heart
timeless reality
Small things you love

Elegant
words flow
without uncertainty
caress the soul:
where eyes and essence
live the same moments
of a ready
love promise

10.03.2011 Poetyca

Onde di dolcezza


Onde di dolcezza

Un giorno di sale
un giorno di mare
un giorno che naviga
un giorno di vita
che abbraccia cullando
su onde di dolcezza
l’alba del cuore

10.03.2011 Poetyca

Waves of sweetness

A day of salt
a day on the beach
a day that sailing
a day of life
that embraces cradling
on waves of sweetness
the dawn of the heart

10.03.2011 Poetyca

Rosa nel vento


Rosa nel vento

Tu soffia via le paure
il vento sta arrivando
accogli ancora quella nube
e tutto svanirà

Rosa nel vento
fragranza vera
non è sogno
ma nuova Primavera

08 03 2011 Poetyca


Rose in the Wind

You blow away the fears
the wind is coming
againyou welcome that cloud
and everything will vanish

Rose in the Wind
true fragrance
is not a dream
but a new Spring

08 03 2011 Poetyca

Meditazione


Meditazione

Nel deserto
della mente
segnali di fumo
una carovana
di pensieri
poco distante
scioglie d’improvviso
nuove emozioni
come pioggia battente:
Osservo e non mi bagno
Attraverso dune
e non mi perdo
si sfalda del tempo
ogni granello
nella clessidra
con respiro costante
riconosco le vecchie tracce
non visibili agli occhi
ma incise nel cuore:
Non esiste nulla – tutto è Adesso

27.10.2017 Poetyca

Meditation

In the desert
of the mind
smoke signals
by a caravan
of thoughts
not far away
it suddenly dissolves
new emotions
like rainfall:
I look and I do not bathe
Through dunes
and I will not lose
it is time-consuming
every grain
in hourglass
with constant breath
I recognize the old traces
not visible to the eyes
but engraved in the heart:
There is nothing – all is now

27.10.2017 Poetyca

Spazi aperti


Spazi aperti

Sono cadute tante foglie
spazi aperti sono nudi
sui rami del cuore
vibrante nostalgia
del tempo andato
dove gli occhi hanno visto
e l’anima con emozione
il viaggio della vita
ha sempre accompagnato

Tante le domande
sul senso di quelle foglie
del loro distacco
e della destinazione
come rami di betulla
o di salice piangente
ma quando tu inizi a tremare
sotto la morsa del freddo Inverno
tu ti accorgi dal verde che ritorna

Rianimati colori
forza che mai abbandona
nel vortice di attimi
e di energia nuova
perché ovunque è abbraccio
che racconta con una voce sola
la speranza e la bellezza
della nostra Primavera

09.03.2011 Poetyca

Open Spaces

Have many fallen leaves
open spaces are naked
on the branches of the heart
vibrant longing
of the past
where eyes have seen
and soul with emotion
the journey of life
always accompanied

So many questions
about sense of those leaf
their secondment
and destination
as birch branches
or weeping willow
but when you start to trembling
in a grip of cool Winter
you realize that by green returns

Resuscitated colors
strength that never leaves
into vortex of moments
and new energy
because everywhere is embrace
with one single voice that tells
hope and beauty
of our Spring

09.03.2011 Poetyca

I ciechi e l’elefante


 

I ciechi e l’Elefante
Un tempo, in un paese dell’Arabia, regnava un califfo molto saggio. Egli era rattristato dall’ottusità dei suoi ministri e dalla loro mente ristretta. Un giorno li chiamò a sé e chiese loro di radunare persone cieche dalla nascita che non avessero mai visto un elefante. Dopo qualche tempo i ministri tornarono con al seguito alcuni ciechi cresciuti in piccoli villaggi tra le montagne che non avevano mai sentito parlare di elefanti.

Il califfo fece entrare un grosso elefante e chiese ai ciechi “Mi sapreste dire che cosa è un elefante?”
“No, mai sentita questa parola”, risposero i ciechi. “Ebbene, davanti a voi c’è un elefante: toccatelo, cercate di comprendere di cosa si tratta” disse il califfo.

Un cieco che stava toccando da cima a fondo una zampa, esclamò soddisfatto: “L’elefante è una colonna!”.
“No, è una tromba!” disse il cieco che aveva toccato la proboscide.
“Niente affatto, è una corda!” esclamò chi aveva toccato la coda.
“Ma no, è un grosso ventaglio” ribattè chi aveva toccato l’orecchio.
“Vi sbagliate tutti: è un grosso pallone gonfiato!” urlò il cieco che aveva toccato la pancia.

Tra loro c’era il più grande scompiglio e disaccordo perché ciascuno, pur toccando soltanto una parte, credeva di conoscere l’intero elefante. Allora, il saggio califfo si rivolse ai suoi ministri: “Chi non si sforza di avere della realtà una visione più ampia, ma si accontenta degli aspetti separati e parziali senza metterli in relazione tra loro, si comporta come questi ciechi. Potrete conoscere a fondo tutte le rughe della zampa dell’elefante, ma non saprete mai che cos’è veramente un elefante”.
La nostra percezione della realtà è sempre molto limitata:
ricordiamocene e cerchiamo di mantenere una mente aperta!

http://www.convinzioni.it/page66/page66.html

 

The Blind Men and the Elephant
At one time in a country of Arabia, a caliph reigned very wise. He was saddenedby the obtuseness of his ministers and their narrow-minded. One day he calledhim and asked them to bring together people who are blind from birth that they had never seen an elephant. After some time the ministers came up with somefollow-blind grown in small villages in the mountains who had never heard ofelephants.The caliph did get a big elephant and the blind asked “Could you tell me what isan elephant?”
“No, never heard this word,” said the blind. “Well, there’s an elephant in front of you: touch it, try to understand what it is,” said the caliph.A blind man who was touching her leg from top to bottom, cried satisfied: “Theelephant is a pillar.”
“No, it’s a trumpet!” said the blind man who had touched the trunk.
“Not at all, is a rope!” exclaimed one who had touched the tail.
“But no, it’s a big fan ‘said those who had touched his ear.
“You’re wrong, everyone has a big bag of wind!” cried the blind man had touchedher stomach.

Among them was the greatest confusion and disagreement because each, whiletouching only a part, thought he knew the whole elephant. Then, the wise Caliphturned to his ministers: “Who does not strive to have a broader view of reality, butare satisfied with the partial and separate aspects without putting them in relationto each other, acts as these blinds. You get to know all the wrinkles of the elephant’s leg, but you never know what is really an elephant. “
Our perception of reality is always very limited:
remember this and try to keep an open mind!

Goccia di cuore


58727_430970972746_355798677746_5128283_8165951_n

Goccia di cuore

Lentamente
tra le ciglia
scivola
una goccia
di cuore
calpestato e ferito
da questa vita
Un sospiro
un fremito d’ali
come araba fenice
per guarire
dall’incomprensione
nel silenzio
di questo mondo

03.08.2015 Poetyca

Drop heart

Slowly
among lashes
slips
a drop
of heart
trampled and injured
from this life
A sigh
a flutter of wings
like a phoenix
to heal
by incomprehension
in silence
of this world

08/03/2015 Poetyca

Oltre


Oltre

E tra voli d’anima e di desiderato ardore
tu lo sai che puoi essere oltre ogni confine
…Oltre le pareti del nulla che mai saranno
… la tua prigione

04.09.2003 Poetyca

 

Over

And flights between soul and passion that you want
you know you can be beyond any boundary
Beyond the walls … nothing ever will
… your prison

04.09.2003 Poetyca

Specchio d’anima


Specchio d’anima

Luce viva
luce d’amore
tutto nasce
nulla muore
dolcezza
di un solo attimo
dove poesia soffia
ed accarezza il cielo
specchio d’anima
di chi resta ad ascoltare

16.03.2011 Poetyca

Mirror soul

Bright light
light of love
all is born
nothing dies
sweetness
of a single moment
where poetry blows
and caressing on sky
mirror soul
of who remain to listen

16.03.2011 Poetyca

Amare


5Kb0sW1267279654
« Amare ed essere amati, dare amore e riceverne: ecco ciò di cui gli esseri umani hanno più bisogno. E la verità è che hanno ancora più bisogno di amare che di essere amati. Sì, amare, perché è il loro amore a vivificarli, a ispirarli. Amare è la più grande fonte di benedizioni. Perciò non impedite mai al vostro cuore di amare. Amate tutta la creazione, tutte le creature, cercando sempre l’espressione migliore da dare al vostro amore.
Tuttavia, avere amore per tutte le creature non deve dispensarvi dall’essere prudenti. Se esponete troppo quell’amore, correte il rischio che si abusi di voi. Dunque anche la saggezza deve venire a dire la sua. Essa vi insegnerà come mostrarvi riservati senza per questo soffocare il vostro amore. Spesso è meglio tenere segreto l’amore affinché possa svolgere il suo benefico lavoro su voi e sugli esseri. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

.❀.♥ƸӜƷ ♥

 

« What humans need most is to love and be loved, to give love and receive love. And the truth is that they have a greater need to love than to be loved. Yes, to love, because it is their love that makes them alive and inspires them. To love is the greatest source of blessings. This is why you must never prevent your heart from loving: love all of creation, all creatures, always seeking how best to express your love.
However, if you have love for all creatures, it does not mean you should not be cautious. If you expose your love too much, you run the risk of being taken advantage of. So wisdom must have its say too. It will teach you how to show reserve but without stifling your love. It is often better to keep your love secret, so that it can work for the good of yourself and others. »

Omraam Mikhael Aivanhov

Solo amore


Solo amore

Perchè tenere nascosta la fiamma
che tutto illumina, brucia, riscalda
e che sa alimentare la vita nella tenebra?

Amare è senso che accompagna
e vibrando all’unisono con altre anime
allarga il cerchio della speranza

Non temere, sii accogliente
di questo miracolo
che tutto accende
e sii oltre il comprensibile
vera manifestazione

La vita chiama
seguila, ascolta la sua voce
e sii gioia vivente
soffio e battito
per essere suono

Musica e danza
sorriso che accende le stelle
dove prima il silenzio
attendeva soltanto
che fossi presente

05.03.2011 Poetyca

 

Only love

Why to hide the flame
everything lights up, burns, heat
and who knows how to foster a life in darkness?

To love is the sense that accompanies
and vibrating in unison with other souls
widens the circle of hope

Do not be afraid, be welcoming
this miracle
that all lights
and be more than understandable
true manifestation

Life calls
follow it, hear his voice
joy and be living
breath and heart
to be sound

Music and dance
smile that lights up the stars
where before the silence
expected only
you were present

05.03.2011 Poetyca

Occhi


Occhi

Occhi che celano mistero : ricordi
vita in fotogrammi tra sogni infranti
e passato ormai andato lontano

Occhi frammento di cielo
e movimento di foglie
che lievi sfiorano

Occhi trafitti di dolore
o color speranza
per il tempo che mai muore

11. 11. 2003 Poetyca

Eyes

Eyes hidden mystery: memories
life in frames between broken dreams
now past and gone away

Eyes piece of heaven
and movement of leaves
that slight touch

Eyes transfixed with pain
or the color of hope
for the time that never dies

11. 11. 2003 Poetyca

Te stesso – Budda


Te stesso

Tu,te stesso,
come tutti in tutto
l’universo
meriti il tuo amore
e l’affetto.

Budda

Yourself

You, yourself,
as much as anybody
in the entire universe
deserve your love
and affection.

Buddha

Flashback


Flashback

A volte in un solo istante
nella memoria scorre tutta una vita:
passioni, lacrime, gioie lontane
è solo un flashback che tocca il cuore
poi quando è sgorgata una nuova lacrima
il presente ritorna con la sua voce che chiama

06.03.2011 Poetyca

Flashback

Sometimes in a moment
memory runs a lifetime:
passions, tears, joys far
it’s just a flashback that touches the heart
then when it sprung a new tear
the present returns with his voice calling

06.03.2011 Poetyca

Piccolo dono


Piccolo dono

Tu
trattieni il respiro
ora che
svelta la vita corre
dall’invisibile mondo
catturi parole
prima che fuggano
troppo lontane
scivolano
nel cuore

Senza più fretta
rileggi
quel che il segno
ha colto
metti in fila
parole
sotto gli occhi
e cerchi
e m o z i o n i
da regalare

Ecco
dall’infinito
il nuovo
d o n o

02.08.2002 Poetyca

Small gift

You
hold your breath
now that
Life moves fast
from the invisible world
catch words
before escaping
too far
slip
in the heart

Without more quickly
reread
what the sign
took
Put in a row
words
under the eyes
and circles
emotions
to give

Here
infinitive
the new
gift

02.08.2002 Poetyca

 

Nuvola


Nuvola

Avidi occhi cercano luce
nelle ingannevoli notti :
Lucenti spilli segnano
sogni e respiri
Sono rose a segnare
il colorato cammino
tra cielo e terra
tra voporosi attimi
che come petali
cadendo danzano
in sospinta nuvola
d’immensa emozione

22.09.2003 Poetyca

 

Cloud 

Greedy eyes seek light
in misleading nights:
Shiny pins mark
dreams and breathe
They rose to score
the colorful journey
between heaven and earth
between moments voporosi
like petals that
fell dance
driven into the cloud
of great emotion

22.09.2003 Poetyca

Senza Confine


Senza Confine

Troppo lontana
per essere vicina
troppo vicina
per essere lontana

Sfaccettature e luoghi
senza dimensione
impalpabili voli
che seguono rotte
sprigionano emozione

L’ovunque è il dove
ma nulla stringi
solo desideri
– memorie-
che il futuro proietta
costruendo le tappe
di questa storia
senza confine

20.08.2002 Poetyca

Without Border

Too far
to be close
too close
to be far

Faces and places
dimensionless
impalpable flights
The following routes
radiate emotion

This is where everywhere
nothing but tighten
only wish
– Memory-
that the future projects
building stages
of this story
boundless

20.08.2002 Poetyca

Mani aperte



Mani aperte

Con le mani
aperte
non stringo
più nulla
e trovo spazio
per accogliere
l’immenso
che tutto
attraversa
Apro gli occhi
e guardo
dentro me
nuove sfumature
prima sconosciute
consapevole
che non possedendo
poi nulla
mi possiede
Adesso
riconosco
la vera vita
risorgendo
ogni giorno
come araba fenice
dalla mia
stessa cenere

25.10.2017 Poetyca

Hands open

With open
hands
I string
nothing more
and I find space
to welcome
the immense
that’s all
crossing
I open my eyes
and I look
inside me
new shades
first unknown
aware
that with not possess
then nothing
owns me
Now
I recognize
the real life
rising
everyday
as a phoenix
from my
same ash

25.10.2017 Poetyca

Una perla al giorno -Srimad Bhagavatam


mandala11

Coloro che, non avendo afferrato il concetto di Dio,
non si adeguano ai Suoi precetti,
subiscono la paura, l’invidia, l’avidità,
le illusioni, la follia, si lamentano, si esaltano
e giungono sino a uccidersi l’un l’altro.

Srimad Bhagavatam, X, 4, 27

Those who, not having grasped the concept of God,
do not conform to His precepts,
suffer fear, envy, greed,
illusions, madness, complain, are enhanced
and they will finally kill each other.

Srimad Bhagavatam, X, 4, 27

Otto


“ 8 “ (Otto)

Due cerchi
fusi in uno
correnti d’ininterrotto
C A M M I N O

Intercorrente
S C A M B I O
di linfa vitale

volto
all’infinito
A M O R E

Stretta
di mani
e continuo
A L I M E N T O

Porta
s e m p r e
a p e r t a
V E R S O
I L C I E L O

Scoperta
del Sé
in unione
T U T T O
fino al divenire
U N O

23.06.2002 Poetyca

“8” (Eight)

Two circles
merged into one
continuous currents
path

Lag
exchange
lifeblood of

face
infinity
love

Close
of hands
and continuous
food

Porta
always
open
to
the sky

Discovery
Self
in union
all
to become
one

23.06.2002 Poetyca

Silenzi


Silenzi

Sulle sponde
di idoli antichi
frugano sogni
senza sostare

Sulla pelle
ancora brividi
-questi silenzi-
vecchie paure

Sul nascere
dei pensieri
d e s i d e r i
da rammentare

Sulla sorgente
di tutti i passi
r i f l e s s i
da conservare

Su stanche lacrime
di vecchi percorsi
nuovi sorrisi
da accarezzare

13.08.2002 Poetyca

 

Silence 

On the banks
of ancient idols
rummage dreams
without stopping

On the skin
still chills
Silences-these-
old fears

The bud
thoughts
desires
and remember

The source
all steps
reflections
to preserve

On weary tears
old paths
new smiles
to caress

13.08.2002 Poetyca


L’uomo scontento


L’Uomo Scontento

C’era una volta un uomo molto scontento che si lamentava sempre della sua sfortuna e diceva: “Se mi capitasse la fortuna, potrei essere felice”.

Un giorno, camminando per la strada, trovò un sacchetto pieno di monete d’oro. L’uomo, tutto eccitato, esclamò: “Evviva, ora sono fortunato e ricco, e sarò finalmente felice”.

Decise allora di comprarsi una villa. Ciononostante continuava a sentirsi triste e annoiato, così decise di venderla e di comprarsi una bella casetta, ma anche con la casetta il suo stato d’animo non migliorò: “Neanche questa casa mi rende felice, la venderò e acquisterò una barca”.

Vendette quindi la casa e acquistò una barca, ma anche con quella fu lo stesso, perché venne cambiata con un cavallo, che a sua volta venne cambiato con una mucca, che venne cambiata con una capra che infine venne cambiata con un pollo.

Quando l’uomo prese in mano il pollo, questo gli scappò, e si ritrovò nuovamente senza niente.

Smettiamo di cercare la felicità fuori di noi: può nascere solo da dentro!

The Unhappy Man

There once was a very unhappy man who was always complaining of his bad luck and said: “If I were lucky enough, I could be happy.”

One day, walking down the street, he found a bag full of gold coins. The man, in his excitement, he exclaimed: “Hurrah, now I am lucky and rich, and I am finally happy.”

He decided to buy a villa. Nevertheless he continued to feel sad and bored, so he decided to sell it and buy a nice house, but also with the house on his mood did not improve: “Not this house makes me happy, sell them and will buy a boat.”

Then sold the house and bought a boat, but even with that it was the same,because it was changed to a horse, which in turn was changed to a cow, which was changed to a goat that was finally changed to a chicken.

When the man picked up the chicken, that he lost, and found himself back with nothing.

Let’s stop looking for happiness outside of ourselves: it can only come from within!

Solidarietà


awa1s

Solidarietà

Non servono
ventagli di parole
di fronte al dolore
basta un semplice gesto
per costruire ponti
di solidarietà
dal cuore

24.07.2015 Poetyca

Solidarity

No need
fans of words
face of pain
a simple gesture
to build bridges
of solidarity
from the heart

07/24/2015 Poetyca

Luce sui passi


Luce sui passi

Per te
luce sui passi
ogni volta
che ti ascolti
sollevi il cuore
danzando
sulle note
di una musica
antica
mai dimenticata
Per te
la gioia bambina
mai celata
ed uno sguardo
verso il cielo
per accogliere
nuove stelle
e giocare
con la forma
delle nuvole
Essenza
è non tradire
mai se stessi
manifestando
ogni giorno
parti di sè
per colorare
immagini
d’incondizionato amore

25.10.2017 Poetyca

Light on the steps

For you
light on the steps
whenever
who listens to you
lift your heart
dancing
on notes
of a music
ancient
never forgotten
For you
the child’s joy
never concealed
and a look
towards the sky
to welcome
new stars
and play
with the shape
of clouds
Essence
is not to betray
never themselves
manifesting
everyday
parts of itself
to color
images
of unconditional love

25.10.2017 Poetyca

Una perla al giorno -Takuan


rose

Non vive due volte questo giorno
Atomo di tempo grande perla.
Mai più tornerà questo giorno.
Ogni suo istante è una gemma inestimabile.

                                 Takuan

It does not live twice this day
Atom time great pearl.
Never again will return to this day.
Every moment is a priceless gem.

Takuan