Archivio | 01/10/2017

Mute parole


Mute parole

Quante volte per demagogia
per voglia di controbbattere o di definire
si cade nella vuota ricerca di parole…

Ma finisce il vero ascolto
e i sentimenti che sono alla base del dire
restano muti e nascosti dietro paraventi
dai sgargianti colori

Meglio tacere e accarezzare piano
nel silenzio ritrovato
ogni attimo vivo che intimidito
non voleva farsi vedere

04.01.2003 Poetyca

Mute words

How many times to demagoguery
With a desire to define or controbbattere
falls into the empty word search …

But the real play ends
and the feelings that are the basis of mean
remain silent and hidden behind screens
the bright colors

Better to remain silent and pet plan
found in the silence
I live every moment that intimidated
did not want to be seen

04.01.2003 Poetyca

Urla


Urla

L’armi depone
chi un grido ascolta
e nel cuore
abbraccia le immagini
d’un tempo atteso

Non conosce gioia
chi dell’arsura
di luoghi lontani
ha cancellato memoria

Tace l’accordo
di voci e ragione
e solo vendetta
urla il suo nome

17.02.2003 Poetyca

Shouting

The weapons places
who hears a cry
and heart
embraces images
of a long-awaited

It knows no joy
Who dell’arsura
distant places
deleted memory

The agreement is silent
voices of reason and
and only revenge
shouting his name

17.02.2003 Poetyca

Carezza


Carezza

Nella notte più buia
uno scintillio di luci
ed una carezza
timida sul cuore
senza disturbare
accendono speranza
e colorano l’anima

28.09.2017 Poetyca

Caress

In the darkest night
a shimmer of lights
and a caress
shy on the heart
without disturbing
light up hope
and color the soul

28.09.2017 Poetyca

L’anima che medita sul Sé


L’anima che medita sul Sé si accontenta di servire il Sé e riposa soddisfatta nel Sé, non rimane più nulla per lui di realizzare Bhagavad Gita

✿¯`•.¸,¤°`°¤,¸.•✿✿¯`•.¸,¤° The soul who meditates on the Self is content to serve the Self and rests satisfied within the Self; there remains nothing more for him to accomplish Bhagavad Gita

STRATEGIE PER GESTIRE LA RABBIA


🌸Trattenere la rabbia è come trattenere un carbone ardente con l’intento di gettarlo a qualcun altro; sei tu quello che si scotta.
(Buddha)

La rabbia fa parte delle emozioni con base innata. La sua funzione è quella di permettere all’individuo di adattarsi e sopravvivere all’ambiente. Nonostante spesso venga considerata come un’emozione prettamente negativa, in realtà la rabbia è molto importante poiché segnala la violazione dei propri diritti o la presenza di un ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi.

Alcune persone possono presentare, tuttavia, una disregolazione emotiva, cioè la difficoltà a modulare i propri stati emotivi, quindi anche la rabbia, e un’incapacità di comportarsi adeguatamente rispetto al contesto.🌸

http://wp.me/p8glaN-87