Archivio | 11/02/2018

Vorrei


Vorrei

Con la mia anima

accarezzare

le tue notti

senza luna

Portarti via

dalle tue terre

di dolore

i n f r a n g e r l o

In un battito di ciglia

r e g a l a r e

strade nuove

senza chieder nulla

Solo un sorriso

senza porre ragione

p e r c h è

non sempre c’è risposta

06.08.2002 Poetyca

I would like

With my soul

caress

your nights

moonless

Take away

from your land

pain

break

In the blink of an eye

give

new roads

without asking anything

Only a smile

without asking why

because

response is not always

06.08.2002 Poetyca

Tao te ching XXXVII


XXXVII – ESERCITARE IL GOVERNO

Il Tao in eterno non agisce
e nulla v’è che non sia fatto.
Se principi e sovrani fossero capaci d’attenervisi,
le creature da sé si trasformerebbero.
Quelli che per trasformarle bramassero operare
io li acquieterei
con la semplicità di quel che non ha nome
anch’esse non avrebbero brame,
quando non han brame stanno quiete
e il mondo da sé s’assesta.

Tao Te Ching – Lao Tzu – chapter 37

Tao abides in non-action,
Yet nothing is left undone.
If kings and lords observed this,
The ten thousand things would develop naturally.
If they still desired to act,
They would return to the simplicity of formless substance.
Without form there is no desire.
Without desire there is tranquility.
And in this way all things would be at peace