Archivio | 13/02/2018

Essere o non essere


Riflettendo…

La Riflessione

Finché durerà lo spazio,
e finché rimarranno degli esseri umani,

fino allora che possa rimanere anch’io
a scacciare le sofferenze del mondo.

Tendzin Gyatso, XIV Dalai Lama
Preghiera alla fine del Discorso per il Premio Nobel
Oslo, 10-12-1989

——————————-

In noi gli strumenti per aprire il pugno,
per non stringere forte il nostro individualismo:

Compassione ed amorevolezza,
capacità di accogliere ogni essere
senza conoscere pregiudizio
sono la via che conduce verso il senso
di un esistenza pregna di significato.

Nulla è separato
sino a quando noi stessi
non erigiamo invisibili mura
che fanno di noi persone sofferenti e sole.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

Essere o non essere

La realtà non ha niente a che fare con l’esistenza e la non-esistenza.

Quando Shakespeare dice:

“Essere o non essere,
questo è il problema”,

il Buddha risponde:

“Essere o non essere,
non è questo il problema”.

Essere e non essere sono soltanto due idee, l’una opposta all’altra:
non sono una realtà e non descrivono la realtà.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————-

La mente specchia la nostra illusione
e la realtà, si aggrappa alle immagini
che giorno per giorno sa costruire.

La visione profonda allarga e definisce
quello che non possono spiegare centinaia di parole.

Essere o non essere non è il fulcro
del nostro percorso, poichè quanto sai accogliere
quello che è oltre la tua conoscenza, nulla è e nulla non è.

In un soffio di vento tutto muta e tutto si trasforma,
cosa resta di quello che hai creduto di essere solo un momento fa?

Poetyca

——————————-

02.11.2008 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Annunci

Strumento d’amore


Strumento d’amore

Quale più grande vittoria se non quella
di comprendere che attraversato il deserto di se stessi
si possa proseguire il viaggio verso la libertà
dalla schiavitù che lega a falsi idoli?
Ma è solo il nostro impegno ; il cuore aperto agli altri
a fare di noi scoperta di vita.
A permetterci di vedere oltre le apparenze
in un cammino di evoluzione interiore.
In noi il ricettacolo per accoglie la spiritualità
e farci strumento d’amore.



© Poetyca

Ai confini dell’infinito


Sfondo%20Aurobindo%20M%C3%A8re_001

 

Nelle profondità si celano ulteriori profondità, nelle altezze un’altezza ancora maggiore. L’uomo giungerà più velocemente ai confini dell’infinito che alla pienezza del proprio essere, poiché quell’essere è l’infinito, è Dio.
Aspiro ad una forza infinita, ad una conoscenza senza limiti e ad una gioia infinita. Potrò mai ottenerla?
Si, ma la natura dell’infinito è di non avere fine.
Perciò non puoi dire io la ottengo, ma piuttosto io la divento. Solo così l’uomo può ottenere Dio, diventando Dio. Prima di giungere a divenire Dio l’uomo può entrare in relazione con Lui. Entrare in rapporto con Dio è Yoga, l’estasi più grande e l’occupazione più nobile.
Esistono rapporti tipici dello stadio attuale di evoluzione dell’umanità, chiamati preghiera, venerazione, adorazione, sacrificio, riflessione, fede, scienza e filosofia. Esistono altre relazioni che superano le nostre attuali capacità ed appartengono ad uno stadio evolutivo ancora da raggiungere. Tali sono le relazioni alle quali si giunge attraverso le pratiche conosciute sotto il nome di Yoga.
Possiamo non conoscerlo come Dio, ma come Natura, come il nostro Sé Superiore, come Infinito o come una qualche meta ineffabile. Così lo avvicinò Buddha, così lo avvicina il rigido Advaitin. Anche l’ateo può entrare in contatto con Lui. Al materialista Egli si rivela nella materia. Per il nichilista attende in agguato nel cuore dell’annichilimento.

In qualunque modo gli uomini vengano a Me, così vengono accolti dal Mio Amore.

Sri Aurobindo – L’Ora di Dio

 

 

In the depths lurk more depth, a height even greater heights. The man will come more quickly to the borders of infinity that the fullness of his being, that being is because the infinite is God
I aspire to an infinite power, a boundless knowledge and infinite joy. Will I ever get it?
Yes, but the nature of the infinite is to have no end.
So you can not say I get it, but I became. Only then can man attain God, becoming God Before coming to God become man can enter into a relationship with Him Getting into a relationship with God is Yoga, ecstasy largest and most noble employment.
There are typical ratios of the current stage of evolution of humanity, called prayer, worship, adoration, sacrifice, reflection, faith, science and philosophy. There are other reports that exceed our current capacity and belong to a stage of development yet to be achieved. These are relations which can be reached through the practice known under the name of Yoga.
We can not know him as God, but as Nature, as our Higher Self, as infinite or as some ineffable goal. So he approached the Buddha, so the closer the drive Advaitins. Even the atheist can get in touch with him at the materialist he reveals himself in the matter. For the nihilist waiting in ambush in the heart of annihilation.

In whatever way men come to me, so they are welcomed by My Love.

Sri Aurobindo The Hour of God

Tao te ching XL : Dove andare e che adoperare


Tao te ching XL : Dove andare e che adoperare

Il tornare è il movimento del Tao, la debolezza è quel che adopra il Tao.
Le diecimila creature che sono sotto il cielo
hanno vita dall’essere,
l’essere ha vita dal non-essere.

40

Returning is the movement of the Way.
Yielding is the manner of the Way.
All things in the world are born out of being.
Being is born out of non-being.

Una candela nella notte


wp-1450202753184.jpeg



Una candela nella notte

Guarda tutta la gente: uomini. donne, bambini
e Leggi oggi dentro ai loro occhi un solo cuore,
che grida la ricerca di libertà per un mondo migliore.
Respira il colore della tua passione,
per la vita, per il dialogo e per un solo amore
dove tutti hanno voce e dignità.
Accendi la lampada in questa notte
e regala un tuo pensiero o una preghiera
per chi ha dimenticato di essere.
Soffia via la sofferenza nei ricordi incisi nel passato
e raccogli l’ultima briciola di speranza
perchè è adesso che possiamo vivere la pace.
22.08.2008 Poetyca



A candle in the night

Watch all people: men. women, children
Read today and into their eyes one heart,
crying seeking freedom for a better world.

Breathe the color of your passion,
for life, for dialogue and one love
where all have a voice and dignity.

Light a lamp tonight
and offers you a thought or a prayer
for those who have forgotten that.

Blows away the pain etched in the memories in the past
and collect the last shred of hope
because now we can live peace.

22.08.2008 Poetyca

Ascoltando il silenzio


Il silenzio e la parola

La comunicazione è il frutto di un silenzio che sia attraversamento del nostro
ascolto interiore, di un’opportunità nata dal riflettere e comprendere – dove gli altri non siano appiglio o proiezione di sé – ma compagni di viaggio che sappiano apprendere con noi la sfida del vivere giorno per giorno. La parola è verbo vivo e con la parola si scagliano sassi che colpiscono bersagli, a noi farne frecce di offesa o aquiloni che colorano il cielo della nostra anima. La parola è rispetto, discrezione, ma oltre la nostra parola, a volte imposta, il nostro desiderio di dominare, è importante avere la capacità di donare
ascolto in noi stessi, dove il silenzio ci regala una voce, di essere silenzio
per le parole interiori degli altri. Dopo una pausa allora si è capaci di occasioni migliori.

Poetyca

Nuovo giorno

Un nuovo giorno, forse identico a tanti, stessi gesti, stesse attese.
Ma nessun giorno indossa le stesse sfumature interiori, siamo noi costruttori
del giorno, dei respiri che imprimono senso alla nascita del sole,
al calore dell’anima che s’eleva verso l’orizzonte per essere seguita
da membra stanche di vagare oltre il confine della notte.
Siamo noi che raccogliamo sprazzi di silenzio per farne preghiera e speranza
– luce viva – che guidi nella tormenta di dolore ed illusioni,
noi ad aprire il pugno, che troppo stretto tiene sogni strappati al tempo.
Soli di fronte a noi stessi, pellegrini di questo percorso saremo capaci
semplicemente di essere, gettando lontano tutte le apparenze, ombre inutili
che proiettano solo inganni, saremo figli della Luce che sanno raccoglie Speranza
e farne dono con il vibrare del coraggio.

Poetyca

C’è il silenzio del cielo prima del temporale,
delle foreste prima che si levi il vento,
del mare calmo della sera, di quelli che si amano,
della nostra anima,
poi c’è il silenzio che chiede soltanto
di essere ascoltato.

Romano Battaglia
Un cuore pulito

Ed egli disse: “I vostri cuori conoscono in silenzio i segreti dei giorni e delle notti. Ma gli orecchi hanno sete di sentire quello che il cuore già conosce. Vorreste sapere con parole quello che avete sempre saputo nella mente. Vorreste toccare con le dita il corpo nudo dei sogni. Ed è bene che lo facciate: la sorgente sotterranea della vostra anima dovrà venire alla luce e scorrere mormorando verso il mare; e il tesoro della vostra infinita profondità sarà rivelato ai vostri occhi. Ma non usate bilance per pesare quell’ignoto tesoro; e non sondate le profondità della vostra conoscenza con lo scandaglio o la pertica. Poiché l’io è un mare sconfinato e immisurabile.

Non dite: “Ho trovato la verità”; dite piuttosto: “Ho trovato una verità”.

Non dite: “Ho trovato il sentiero dell’anima”. Dite piuttosto: “Sul mio sentiero ho incontrato l’anima in cammino”. Perché l’anima cammina in tutti i sentieri. L’anima non cammina sopra un filo, né cresce come una canna. L’anima apre se stessa come un fiore di loto dagli innumerevoli petali”.

Kahlin Gibran

“Sei libero davanti al sole del giorno, sei libero davanti alle stelle della notte; e sei libero quando non c’è sole, nè luna, nè stelle.
Sei libero persino quando chiudi gli occhi su tutte le cose.
Ma sei schiavo della persona che ami, perchè l’ami…e sei schiavo della persona che ti ama, perchè ti ama”.

Kahlil Gibran

Talvolta
la mia gioia
ti spaventa
amore mio
nasce dal nulla
e si nutre di poco
di larve invisibili
che il vento trasporta
di frammenti di paura
che si fondono in tepore
di briciole di serenità
cadute
dalla mensa dei poveri
di un raggio di sole
che risveglia lucciole
addormentate
in gocce di rugiada
se mi ami
amore mio
perdona la mia gioia

Rabindranath Tagore

Se tu non parli
riempirò il mio cuore del tuo silenzio
e lo sopporterò.
Resterò qui fermo ad aspettare come la notte
nella sua veglia stellata
con il capo chino a terra
paziente.
Ma arriverà il mattino
le ombre della notte svaniranno
e la tua voce
in rivoli dorati inonderà il cielo.
Allora le tue parole
nel canto
prenderanno ali
da tutti i miei nidi di uccelli
e le tue melodie
spunteranno come fiori
da tutti gli alberi della mia foresta.

Rabindranath Tagore

The silence and the word

Communication is the result of a silence that is the crossing of our
inner hearing, an opportunity born of reflection and understanding – where others are not footing or a projection of himself – but fellow travelers who can learn with us the challenge of living day by day. The word is the verb with the word is alive and throw stones hitting targets, we make arrows of offense or kites color the sky of our soul. The word is respect, discretion, but more than our word, sometimes imposed, our desire to dominate, it is important to have the ability to donate
listening in ourselves, where silence gives us a voice, to be silent
the interiors of other words. After a pause, then one is capable of better opportunities.

Poetyca

New day

A new day, maybe the same lot, same gestures, same expectations.
But no day wearing the same shades interiors, we are builders
of the day, which give the sense of breathing at birth of the sun,
the heat of that rise toward the horizon to be followed
from members tired of wandering over the border of the night.
It is we who make collect flashes of silence for prayer and hope
– Bright light – you drive in the storm of pain and illusions,
us to open the fist, which keeps too tight dreams ripped at the time.
Just in front of us, pilgrims of this path we will be able
simply be throwing away all appearances, shadows unnecessary
deceptions that project only, we know that children of Light collects Hope
and a gift with the hum of courage.

Poetyca

There is the silence of the sky before a storm,
forest before the rising of the wind,
of the calm sea in the evening, those who love,
of our soul,
Then there is the silence that only asks
to be heard.

Romano Battaglia
A clean heart

And he said: “Your hearts know in silence the secrets of the days and nights. But your ears thirst to hear what your heart already knows. Would you like to know what words you have always known in my mind. Would you like to be touched with the fingers the naked body of dreams. And it is good that you do it: the underground spring of your soul will be born and scroll down to the sea murmuring, and the treasure of your infinite depths will be revealed to your eyes. But do not use scales to weigh this unknown treasure, and not probed the depths of your knowledge with the lead or pole. Because the self is a sea boundless and immeasurable.

Do not say: “I found the truth”, rather say: “I have found a truth.”

Do not say: “I found the path of the soul.” Say instead: “On my path I have met the soul on the way”. For the soul walks on all paths. The soul walks not upon a thread even to grow like a reed. The soul opens itself like a lotus flower petals from the many. “

Kahlin Gibran

“You’re free before the sun of the day, you’re free before the stars of the night, and you are free when there is no sun, no moon, no stars.
You are free even when you close your eyes to all things.
But you’re a slave to the one you love because you love her … and you’re a slave to the person who loves you, because he loves you. “

Kahlil Gibran

At times
my joy
scare you
my love
born from nothing
and feeds on little
larvae invisible
that the wind carries
fragments of fear
that blend in warmth
crumbs of serenity
falls
the soup kitchen
a ray of sunshine
fireflies that awakens
sleeping
in drops of dew
if you love me
my love
Forgive my joy

Rabindranath Tagore

If you do not speak
fill my heart for your silence
and I will bear it.
I will remain here stop to wait like the night
starred in his wake
with their heads bowed to the ground
the patient.
But come the morning
the shadows of the night vanish
and your voice
gold in streams will flood the sky.
So your words
in hand
take wings
from all of my birds’ nests
and your melodies
sprout like flowers
from all the trees of my forest.

Rabindranath Tagore

Parole di polvere


Parole di polvere

Parole di polvere
come scintilla lieve
tra raggi di sole
Lento scivolare
di pensieri ed attese
senza mai mollare

04.02.2018 Poetyca

Words of dust

Words of dust
like a slight spark
between sun rays
Slow slip
of thoughts and waits
never give up

04.02.2018 Poetyca