Archivio | 04/04/2018

Vivi adesso


Vivi adesso 

Non inseguire il passato, non crearti aspettative per il futuro. Perche’ il passato non esiste piu’ e il futuro non esiste ancora. Da’ attenzione alle cose cosi’ come sono in questo istante – proprio qui e proprio ora – senza farti tirar dentro, senza vacillare. Cosi’ ti devi esercitare. Devi stare attento oggi, perche’ domani, chissa’, potrebbe esser troppo tardi. La morte arriva all’improvviso e non vuol sentir ragioni. Se vivrai cosi’, con attenzione, giorno e notte, allora si’ che potrai dirti saggio.

Bhaddekaratta Sutta, Majjhima Nikaya 131

You Just live now

You shouldn’t chase after the past or place expectations on the future. What is past is left behind. The future is as yet unreached. Whatever quality is present you clearly see right there, right there. Not taken in, unshaken, that’s how you develop the heart. Ardently doing what should be done today, for — who knows? — tomorrow death. There is no bargaining with Mortality & his mighty horde. Whoever lives thus ardently, relentlessly both day & night, has truly had an auspicious day: so says the Peaceful Sage.

Bhaddekaratta Sutta, Majjhima Nikaya 131

Bayazid infrange la regola


Bayazid infrange la regola

Bayazid, il santo musulmano, agiva talvolta deliberatamente contro le forme e i rituali esteriori dell’Islam.

Una volta accadde che, di ritorno dalla Mecca, si fermasse nella città Iraniana di Rey.

I cittadini che lo veneravano, si precipitarono ad accoglierlo una grande agitazione nella città. Bayazid che era proprio stufo di quell’adulazione, attese finché non giunse al mercato. Là comprò una pagnotta e iniziò a sbocconcellarla di fronte a tutti i suoi seguaci.

Era un giorno di digiuno nel mese di Ramadan, ma Bayazid riteneva che il suo viaggio giustificasse pienamente l’infrazione alla regola religiosa.

I suoi seguaci non la pensavano però così. Rimasero così scandalizzati dal suo comportamento che lo lasciarono immediatamente solo e tornarono a casa. Bayazid soddisfatto, fece osservare a un discepolo: “Nota come nel momento in cui ho fatto qualcosa di contrario alle loro aspettative la loro venerazione per me è scomparsa”.

Storia sufi

Bayazid breaks the rule

Bayazid, the Muslim saint, sometimes deliberately acted against the outward forms and rituals of Islam.

Once it happened that, returning from Mecca, he stopped in the Iranian city of Rey.

Citizens who revered him, rushed to greet a commotion in the city. Bayazid which was just tired of quell’adulazione, waited until he came to the market. There he bought a loaf of bread and began to nibble in front of all his followers.

It was a day of fasting in Ramadan, but Bayazid felt that his journey fully justified the infringement on religious rule.

His followers, however, did not think so. They were so shocked by his behavior that left him alone and went home immediately. Bayazid satisfied, remarked to a disciple: “Notice how when I did something contrary to their expectations, their veneration for me is gone.”

Sufi story

Vita vera


Vita vera
Troppe aspettative ed attaccamento alla propria immagine virtuale?
Non va fuggita la vita vera ma sempre arricchita!

20.09.2016 Poetyca

Real life

Too many expectations and attachment to their virtual image?
It should not be escaped real life but always enriched!

20/09/2016 Poetyca

Non avere regole


Non avere regole

L’unica regola che noi possiamo avere
è di non avere regole: di non analizzare il perchè, il come e il quando.
Ogni volta che nei nostri rapporti umani noi pensiamo che qualcuno
non ha detto o non ha fatto qualcosa – secondo la nostra regola –
noi stiamo iniziando a separare.
Prima di guardare le ” mancanze ” degli altri
– cosa non viene elargito a noi – proviamo a offire
molto di più. a comprendere molto di più – a partecipare
molto di più per spezzare la chiusura dentro il bozzolo
del nostro ego e per essere veramente partecipi con gli altri
e non solo a puntare un dito contro gli altri.
Sopratutto guardiamo meglio, non solo le apparenze
e facciamo uno sforzo per non dare energia alle aspettative.
Nessuno è obbligato a darci attenzione più di quanto ne diamo a noi stessi.

18.05.2011 Poetyca

Do not have rules

The only rule that we can have
is to have no rules: do not analyze why, how and when.
Every time in our human relationships we think that someone
has not said or did not do something – according to our rule –
Weare starting to separate.
Before looking at the “failures” of others
– it is not bestowed upon us – let’s try one
offering much more. to understand much more
– to participate much more to break the closure
inside the cocoon of our ego and to be truly
involved with others and not just point a finger at others.
Above all, look better, not only appearances and make
an effort not give energy to the expectations.
Nobody has to give us more attention than we give ourselves.

18.05.2011 Poetyca

Sii felice


5Kb0sW1267279654

Tu non sei il corpo; il tuo corpo non sei tu.
Tu non sei colui che agisce; tu non sei colui che fruisce dell’azione.
Tu sei pura consapevolezza, il testimone di ogni cosa.
Tu sei senza aspettative, libero. Ovunque tu vada, sii felice.

Ashtavakra Gita, 15, 4

You are not the body; Your body is not you.
You are not the doer; you’re not the one who benefits from the action.
You are pure consciousness, the witness of everything.
You are no expectations, free. Wherever you go, be happy.

Ashtavakra Gita, 15, 4

La tua strada


La tua strada

Segui la tua strada
dove luce di stelle
accompagna
il passo
Luce e gioia
negli occhi
accendono
la forza di Essere
Sei tu
manifestazione
e scelta
di vita vera

24.03.2018 Poetyca

Your way

follow your road
where light of stars
accompanies
the step
Light and joy
in the eyes
light
the strength of Being
It is you
demonstration
and choice
of real life

24.03.2018 Poetyca

Luce – Kabbalah


Luce – Kabbalah

Riceviamo la luce,
Quindi la ripartiamo.
Quindi ripariamo il mondo.

~ Kabbalah. Per saperne di più: The Way: Using the Wisdom of Kabbalah for Spiritual Transformation and Fulfillment di Michael Berg

Light -Kabbalah

‎We receive the light,
Then we impart it.
Thus we repair the world.

~ Kabbalah. Read more: The Way: Using the Wisdom of Kabbalah for Spiritual Transformation and Fulfillment by Michael Berg