Archivio | aprile 2018

La pace


La pace

Tu dimmi
dove riposa
la pace
perché
la voglio svegliare
per farle abbracciate
il mondo
Pezzi scomposti
e vaganti
in cerca
di senso
per comporre
armonia
perduta

17.04.2018 Poetyca

Peace

You tell me
where rests
peace
because
I want to wake her up
to make them hug
the world
Disassembled pieces
and wandering
looking
of sense
to compose
harmony
lost

17.04.2018 Poetyca

Devi comprendere – Jiddu Krishnamurti


Devi comprendere – Jiddu Krishnamurti

Devi comprendere
in prima persona,
direttamente,
la verità su di te.
E non puoi realizzarla
tramite un altro,
per quanto grande sia.
Non c’è autorità
che possa rivelarla.

Jiddu Krishnamurti

You must understand – Jiddu Krishnamurti

You must understand
in first person,
directly, the truth about you.
And you can not do it
through another,
however big it is.
There is no authority
that can reveal it.

Jiddu Krishnamurti

Buddha non ancora


Riflettendo…

La Riflessione

Attento!

Perfino le gocce di rugiada illuminate dalla luna,
se sei smanioso di guardarle,
sono un muro che ti separa dalla verità.

Maestro Sogyo (18° secolo)

————-

Perchè questa fretta,
di carpire, di possesso;
dove nulla si possiede,
questa voglia di stringere nel pugno
che strappa un sospiro?

Tutto ha il suo tempo,
il suo spazio, ma se sai
aprirti senza aspettative,
cade il muro che separa
e sarai nel momento dove devi essere:
– qui ed ora – con occhio che vede
e cuore che accoglie senza separare.

Poetyca

————–

L’insegnamento

Buddha: non ancora!

Non vi aspettate che gli altri si comportino come dei Buddha,
nemmeno gli “insegnanti” di Dharma o gli altri “anziani”,
semplicemente perché in realtà la maggior parte di loro
è lontana dall’essere un Buddha.. finora.

È meglio sforzarsi personalmente di essere come un Buddha,
piuttosto che aspettarsi che lo faccia qualcun altro.
Moltissima sofferenza proviene dalle aspettative;
è una forma di attaccamento, una causa di sofferenza.

Più vi aspettate che gli altri siano dei Buddha,
più voi stessi siete lontani dal diventare un Buddha.

Maestro Shian

————–

Il seme dell’aspettativa genera dolore,
la sofferenza è nel nostro proiettare fuori
una perfezione che non esiste,poi delusi si è pronti
nel formulare un giudizio che separa: non è fuori
l’appiglio e la ricerca, ma in noi,
nell’accoglienza dei nostri limiti si trova la serenità.
Sul lavoro retto da buone intenzioni il loro scioglimento.

In noi il retto agire,la scelta di lavorare per migliorarci.
Non si gettano lontano i semi, siamo noi terreno da dissodare:
tutto quel che ci serve è leggere con lealtà quel che siamo
e lavorare per abbracciare la realtà come essa è.

A poco serve proiettare su altri i nostri limiti o attendersi una guida.
Solo noi possiamo conoscere quello che siamo e su questo lavorare.

Dove non si giudica è la forza per accogliere,
dove non si compete la via della comprensione,
perchè amorevolezza sia il seme della compassione

E’ nell’interessere la scoperta di opportunità
che ci prendono per mano verso la crescita:
perchè Shanga è mutuo accogliere limiti e punti di forza
in noi stessi e negli altri ( che non sono separati da noi),
senza aggrapparci ad aspettative inutili,
ma fornendo il nostro sostegno con sincerità ed attenzione.

Poetyca

……..

01.09.2007 Poetyca

 

Reflecting …

Reflection

Look out!

Even moonlit dewdrops,
if you are eager to look at,
have a wall that separates you from the truth.

Master Sogyo (18 century)

————-

Why this haste,
to steal, to possess;
where no one has,
this desire to shake the hand
ripping a sigh?

Everything has its time,
its space, but if you know
open yourself without expectations,
falls on the wall that separates
and you will be in the moment where you have to be:
– Here and now – with an eye that sees
and heart that welcomes without separating.

Poetyca

————–

The teaching

Buddha: not yet!

Do not expect others to behave as the Buddha,
even the “teachers” of Dharma or the other “older”
simply because in reality most of them
is far from being a Buddha .. so far.

It is best to personally strive to be like a Buddha,
rather than expecting someone else does.
A great deal of suffering comes from expectations;
is a form of attachment, a cause of suffering.

The more you expect others to be the Buddha,
more yourself you are far from becoming a Buddha.

Master Shian

————–

The seed of expectation causes pain,
suffering is in our project outside
a perfection that does not exist, then disappointed you are ready
in formulating an opinion that separates: it is not out
the grip and research, but in us,
in welcoming our limitations is the serenity.
Work supported by the good intentions of their dissolution.

Right action in us, the choice of working to improve.
You do not throw away the seeds, we are tilling the ground by:
all we need is what we read with loyalty
and work to embrace the reality as it is.

There is little other project on our limits or expect a guide.
Only we can know and what we are working on this.

Where it is judged is the power to receive,
where you compete the way of understanding,
because loving is the seed of compassion

And ‘in the interest of the discovery of opportunities
we join hands to growth:
Sangha is because mortgage accommodate limitations and strengths
in ourselves and in others (which are not separated from us),
without holding on to unnecessary expectations,
but with sincerity by providing our support and attention.

Poetyca

……..

01.09.2007 Poetyca

texts from:

Il Fiore di Bodhidharma

                                                                                                    Prendere rifugio – Riflettendo

Scintille di luce


Scintille di luce

Discrete
si fanno spazio
tra le tenebre
Ci seguono
tra le orme
del silenzio
Scintille di luce
guidano
il nostro vagare

17.04.2018 Poetyca

Sparks of light

Discrete
they make space
in the darkness
They follow us
in the footsteps
of silence
Sparks of light
lead
our wandering

17.04.2018 Poetyca

L’autoesame spiegato da Ramesh Balsekar


L’autoesame spiegato da Ramesh Balsekar

“L’intelletto crede che il coinvolgimento sia lo stato normale,mentre non lo è.
Per questo Ramana Maharshi diceva che pensare ,nel senso di concettualizzare,non è la vera natura dell’uomo.
La comprensione vede che la natura della mente è concettuale.
Lottare contro l’ ”io” ,è appunto ciò che l’ “io”,la mente ,vuole. Non si può lottare contro la mente..
Non si può sopprimere l’io.Lottare ,opporsi,controllare…sono azioni impossibili.
Si deve applicare un’azione passiva,femminile:cedere alle cose,vederle come sono.
Laddove la natura della mente è di gettarsi su una cosa e poi subito su un’altra.
Invece di lottare,scopri chi vuole conoscere,chi lo sta facendo,chi ne ha bisogno.
All’inizio è necessario porsi questa domanda,ma lo scopo non è trovare una risposta.
A volere una risposta è sempre la mente che solleva un problema e cerca di risolverlo;è la mente che razionalizza,la mente che gira sempre all’interno del suo stesso coinvolgimento.
Scopo dell’aautoesame è spezzare il coinvolgimento:chi vuole conoscere?
E’ una sorta di bastonata mentale.In realtà è solo l’intelletto che continua a creare problemi. E così viene troncato.Ramana Maharshi mette in chiaro che l’autoesame non è una meditazione,né un mantra.
E’ processo che va tenuto sempre attivo,senza smettere le tue normali attività.
Tra l’altro non puoi,perché devi guadagnarti da vivere.
E’ un processo che si potrebbe definire “negativo”,è la comprensione che non c’è nessuno che pone le domande.Basta un primo barlume di comprensione per troncare ,almeno a un primo livello,il coinvolgimento.
Approfondendosi la comprensione ,un pensiero viene reciso sempre più rapidamente,sempre più vicino al momento stesso della sua nascita .
Finchè,quando la comprensione è perfetta,il sorgere del pensiero e la sua recisione verticale,senza coinvolgimento orizzontale,diventa un evento spontaneo. Ci vuole un po’ di tempo.
Intanto,continua a porti la domanda o lascia semplicemente che la comprensione recida verticalmente il coinvolgimento orizzontale ogni volta che si presenta ,riconoscendo che non è in tuo potere.
Riconoscere di non avere potere sulle cose è l’inizio della comprensione.
Questa comprensione è il testimoniare che recide verticalmente il coinvolgimento orizzontale.
E’ stupefacente con quanta rapidità si instauri questa comprensione,come diventi presto un modo di essere.
Il punto fondamentale del testimoniare è l’assenza di “io”.
Il testimoniare è verticale,in una dimensione totalmente diversa:perciò non ci può essere un “io” che testimonia.Nel testimoniare non ci sono pensieri come:”
Non avrei dovuto farmi coinvolgere”, non ci sono raffronti o paragoni.L’assenza di giudizi e paragoni è il criterio della vera testimonianza.I pensieri,semplicemente testimoniati,sono recisi per il semplice motivo che non scattano confronti,giudizi o scelte.”

Ramesh Balsekar (da: “La Coscienza parla” ed. Ubaldini)

Self-examination explained by Ramesh Balsekar

“Intellect believes that the involvement of both the normal state, while it is not.
For this Ramana Maharshi said that thinking in terms of conceptualizing, not the true nature of man.
Understanding the nature of the mind sees that it is conceptual.
Fighting against ‘”I”, is precisely what the’ “I”, the mind wants. You can not fight the mind ..
I can not suppress. To fight, oppose, check … are actions impossible.
You must apply an action passive, feminine surrender to things, see them as they are.
Where the nature of mind is to jump on one thing and then immediately on another.
Instead of fighting, find out who wants to know who is doing it, people who need them.
At first you should ask yourself this question, but the purpose is not to find an answer.
To want an answer is always the mind that raises and tries to solve a problem, is the mind that rationalizes, the mind always runs within its own involvement.
The aim is to break dell’aautoesame involvement: who wants to know?
It ‘a kind of beating mentale.In reality is only the intellect that continues to create problems. And so is troncato.Ramana Maharshi makes it clear that self-examination is not a meditation or a mantra.
And ‘process which must be kept always on, without stopping your normal activities.
Among other things you can not, because you have to make a living.
It ‘a process that could be called “negative”, is the realization that no one puts domande.Basta a first glimmer of understanding for cutting, at least on one level, the involvement.
Deepening understanding, a thought is cut faster and faster, closer and closer to the moment of his birth.
Until, when the understanding is perfect, the rise of thought and his severed vertically, horizontally, without the participation, it becomes a spontaneous event. It takes a little ‘time.
Meanwhile, he continues to bring the question or simply leave that understanding the involvement cuts vertically horizontally whenever that occurs, recognizing that it is not in your power.
Recognizing have no power over things is the beginning of understanding.
This understanding is the witness that cuts vertically, horizontally involvement.
It ‘amazing how quickly is establishing this understanding, as will soon become a way of being.
The key point is the absence of evidence of “I”.
The witness is vertical, in a totally different dimension: therefore there can be an “I” that there is no evidence testimoniance.Nel thoughts like: “
I should not get involved, “there are no comparisons or paragoni.L ‘lack of evaluations and comparisons is the criterion of true thoughts testimony.I simply witnessed, are cut off for the simple reason that they snap comparisons, judgments or choices.”

Ramesh Balsekar (from “The Conscience speaks” and. Ubaldini)

Mente – R. W. Emerson


Mente – R. W. Emerson

Per la mente ottusa
tutta la natura è grigia.
Per la mente illuminata
il mondo intero
arde e scintilla di luce.

R. W. Emerson

Mind – R. W. Emerson

For the dull mind all nature is gray. For the enlightened mind the whole world burns and sparkles with light.

R. W. Emerson

Sogni


Sogni

Ormeggio
i miei sogni
tra le anse
del cuore
Un giorno
forse
li verrò
a cercare
Dipingo
intanto
nuove stelle
Finestre d’anima
per accogliere
luce del cielo

17.04.2018 Poetyca

Dreams

I mooring
my dreams
between the loops
of the heart
One day
perhaps
I will come to them
to look for
I paint
in the meantime
new stars
Soul windows
to welcome
sky light

17.04.2018 Poetyca

Una perla al giorno – Dalai Lama


mandala g

“La pace interiore è la chiave: se avete pace interiore,
i problemi esterni non influenzano il vostro senso profondo
di pace e tranquillità “.

Dalai Lama
“Inner peace is the key: if you have inner peace,
the external problems don’t affect your deep sense
of peace & tranquility.”

Dalai Lama

Nel respiro del tempo


Nel respiro del tempo

Non hai nulla
da sfuggire
nel respiro
del tempo
Smetti
di correre
sulle lancette
del tuo orologio
Non hai paesi
da attraversare
o cose da stringere
in un pugno
Smetti
di rimandare
ed abbraccia
il mutamento

13.04.2018 Poetyca

In the breath of time

You have nothing
to escape
in the breath
of time
Unfollow
running
on the hands
of your watch
You have no countries
to cross
or things to tighten
in a fist
Unfollow
to postpone
and hugs
change

13.04.2018 Poetyca

Amicizia – Friendship – Paramhansa Yogananda


Amicizia

L’amicizia è l’attrazione spirituale ed universale che unisce le anime nel legame dell’amore divino. Se apri la porta al potere magnetico dell’amicizia, un’anima o più anime dalle vibrazioni simili alle tue saranno attratte a te. L’amicizia è la manifestazione dell’amore di Dio nei tuoi confronti espresso attraverso i tuoi amici, che rappresentano il tesoro più prezioso che un essere umano possa avere.

Tu attrai le anime simili alla tua: è la legge della vibrazione. Se, attraverso l’amicizia che hai costruito, Dio si è risvegliato in te, allora hai creato l’amicizia più grande di tutte.

Il segreto della vera amicizia è cercare insieme l’evoluzione dell’anima. L’amicizia non deve avere mai come fine l’ottenimento di un risultato o di uno stato materiale. L’amicizia è la consapevolezza, sempre più profonda, dell’uguaglianza e della fusione delle anime, con l’esclusione di qualsiasi scopo materiale.

Soltanto attraverso l’impegno reciproco si costruiscono la saggezza e la comprensione intuitiva che legano due anime con la legge dell’eterno amore divino, un amore incondizionato e fondato sul servizio a livello spirituale.

L’amicizia è la forma d’amore più pura. L’amore dei genitori per i figli è di natura compulsiva, come l’amore dei figli per i genitori e l’amore degli amanti, ma nella vera amicizia non esiste compulsione. L’amore è servizio. Se desideri l’amore dei tuoi amici o del mondo intero, devi essere loro d’aiuto.

 

Come amare ed essere amati  Paramhansa Yogananda

 

Friendship

Friendship is the spiritual and universal attraction that unites souls in the bond of divine love. If you open the door to the magnetic power of friendship, a soul or souls from vibrations similar to yours will be attracted to you. Friendship is a manifestation of God’s love expressed to you through your friends, who are the most precious treasure that a human can have.

You attract the souls like yours: it is the law of vibration. If you’ve built through friendship, God has awakened in you, then you have created the greatest friendship of all.

The secret of true friendship is to seek together the evolution of the soul. Friendship should never have an end to obtain a result or a material state. Friendship is the awareness, deeper and deeper, equality and the merger of souls, to the exclusion of any purpose material.

Only through the mutual commitment we build the wisdom and insight that bind two souls with the divine law of love, unconditional love and service based on a spiritual level.

Friendship is the purest form of love. The love of parents for children is compulsive in nature, like love of children for parents and the love of lovers, but in true friendship there is no compulsion. Love is service. If you want the love of your friends or the world, you have to be their help.

How to love and be loved Paramhansa Yogananda

 

Il bene e il male


Il bene e il male

‎”La virtù e il vizio, la forza e la debolezza, la bellezza e la
bruttezza sono aspetti diversi del bene e del male che vediamo
manifestarsi ovunque. Ma invece di imparare come comportarsi con
questi due poli dell’unità, gli esseri umani non smettono di
domandarsi come mai Dio permette che il male esista. Non devono
più porsi questo genere di domande, ma devono invece comprendere
che il bene e il male sono intimamente legati, poiché, essendo
poli complementari, hanno delle faccende da trattare insieme.
La nostra esistenza sulla terra è interamente condizionata
dall’alternanza dei giorni e delle notti, e questa alternanza che
regola la vita di tutta la natura, regola anche la nostra vita
fisica come pure la nostra vita psichica. Non potremmo sapere che
cos’è la luce se le tenebre non esistessero, e neppure cosa siano
la saggezza, la giustizia, la bellezza e la gioia se non fossimo
obbligati a scontrarci con la stoltezza, l’ingiustizia, la
bruttezza e la tristezza. È dal paragone e dal confronto che
nasce la comprensione. Se non esistessero i contrari, vivremmo
nell’indifferenziazione. “

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Good and evil

“The virtue and vice, the strength and weakness, the beauty and
ugliness are different aspects of good and evil that we see
occur anywhere. But instead of learning how to deal with
these two poles of the unit, humans do not stop
ask why God allows evil to exist. must not
ask more questions of this kind, but instead must understand
that good and evil are intimately linked, because, as
complementary poles, they have chores to be treated together.
Our existence on earth is entirely conditioned
by the alternation of days and nights, and that this alternation
regulates the life of all nature, also governs our lives
physical as well as our mental life. We could not know that
If the darkness is the light did not exist, nor what they are
wisdom, justice, beauty and joy if we were not
obliged to disagree with the folly, injustice,
ugliness and sadness. It is by comparison and by comparison
comes understanding. If there were no opposites, we would live
indifferentiation. “

Omraam Mikhael Aivanhov

In cerca di pace


In cerca di pace

La vera pace sorgerà spontaneamente
quando la tua mente sarà libera da ogni attaccamento.
Quando sarai consapevole che gli oggetti del mondo
non possono darti ciò che vuoi veramente.

Theragatha

True peace comes from mutual understanding, respect, trust.
The problems of human society should be resolved in a humane
and non-violence provides an appropriate approach

Tenzin Gyatso

La pace vera nasce dalla comprensione reciproca, dal rispetto, dalla fiducia. I problemi della società umana dovrebbero essere risolti in modo umano, e la nonviolenza fornisce un approccio adeguato

Tenzin Gyatso

La pace non è soltanto
il contrario di guerra:
pace è di più.
Pace è la legge della vita umana.
Pace è quando noi agiamo
in modo giusto
è quando tra ogni singolo essere umano
regna la giustizia.

Nohawh (indiani Irochesi)

Gli alti e bassi
delle emozioni
li puoi controllare
solo e semplicemente
con il silenzio.

Il tuo silenzio interiore
li unisce,
li acquieta,
mette le giuste pause,
i giusti ritmi.

Ora prova
a non parlare,
a non udire,
prova ad avere tempo,
ogni tanto,
per il tuo silenzio interiore

Pensieri angelici

 To found peace

Real peace will arise spontaneously
when your mind is free from all attachment.
When you are aware that the objects of the world
can not give you what you really want.

Theragatha

True peace comes from mutual understanding, respect, trust.
The problems of human society should be resolved in a humane
and non-violence provides an appropriate approach

Tenzin Gyatso

The ups and downs
emotions
control them
only and simply
with silence.

Your inner silence
unites them,
quiets them,
puts the right breaks,
the right pace.

Now try
not to speak
not hear,
like to have time
occasionally,
for your inner silence

Angelic Thoughts

Il dolore – Pain – Epicuro


soffio

Il dolore
Sappi che il dolore, quando dura, è sopportabile e,
quando è forte, è di breve durata ;
e ricordati che il saggio è felice anche tra i tormenti.
Epicuro

Pain
Know that the pain, it lasts, is bearable and,
when it is strong, is of short duration;
and remember that the wise man is happy in torment.
Epicurus

Dai Discorsi di Thich Nhat Hanh


Dai Discorsi di Thich Nhat Hanh

Sorridere a voi stessi è un atto molto gentile nei vostri confronti, perchè state soffrendo e quando soffrite avete bisogno di amore. Voi siete la prima persona che può offrirvelo, non aspettate che sia un’altra a farlo. La pratica della meditazione è la pratica del guardare in profondità nella natura delle cose. E quando sarete in grado di guardare nella natura delle cose otterrete la comprensione, che può liberarvi dalla vostra sofferenza. Nel buddhismo la liberazione avviene attraverso l’intuizione, non attraverso la grazia, e quell’intuizione non sarà possibile senza la pratica della meditazione e del guardare in profondità. Non perdete neanche un minuto delle vostre giornate, ogni minuto della vostra giornata può essere utilizzato per generare l’energia della presenza mentale:camminando, respirando, sedendo. Inspirate, godetevi il vostro respiro e dite:”Sono arrivato”. Lo scopo è smettere di correre. Quando espirate dite:”Sono a casa”, e la vostra casa comincerà a rivelarvisi. Dovrebbe esserci sempre al vostro interno una specie di dialogo permanente con voi stessi, così che possiate scoprire qual è il sentiero da percorrere. E, quando conoscerete il vostro sentiero, smetterete di soffrire. Quando fate qualcosa per far sentire un altro sollevato, improvvisamente vi sentite molto felice. Se non avete la possibilità di fare qualcosa per dar sollievo a qualcun altro ma desiderate essere in grado di farlo, già quella voglia vi renderà più felice. Chi non ha l’energia dell’amore, chi non ha nessuna voglia di amare, è perso, molto solo e molto infelice.

Thich Nhat Hanh


Speeches by Thich Nhat Hanh

Smiling to yourself is an act very kind to you because you are suffering and suffering when you need love. You are the first to offer it can not wait to do it is another. The practice of meditation is the practice of looking deeply into the nature of things. And when you can look into the nature of things will get understanding, which can free you from your suffering. In Buddhism, the liberation is through intuition, not through the grace and intuition will not be possible without the practice of meditation and look deeper. Do not miss a minute of your day, every minute of your day can be used to generate the energy of mindfulness: walking, breathing, sitting. Inhale and enjoy your breath and say: “I arrived”. The aim is to stop running. When you exhale say, “I’m at home, and your home will begin to rivelarvisi. There should always be your kind of internal permanent dialogue with yourself, so you can find out the path ahead. And when you know your path, stop suffering. When you do something to make another feel relieved, suddenly you feel very happy. If you can not do something to give relief to someone else but want to be able to do already that will make you happier. Who does not have the energy of love, who has no desire to love is lost, very alone and very unhappy.

Thich Nhat Hanh

 

Coscienza


Riflettendo…

La Riflessione

Qual è il significato del termine “illusione”?
Significa che i fenomeni non esistono indipendentemente da altri fenomeni,
che la loro apparente autonomia nel manifestarsi è illusoria.

Questo è ciò che si intende con “illusione”,
non che qualcosa non è realmente là.

Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama

——————————-

Ogni atto ha una conseguenza,
nulla è sganciato ed indipendente:
ogni anello costituisce la catena di eventi.

Illusorio è credere di non muovere
conseguenze da atti nocivi
per se stessi e per gli altri.

Illusorio è credere
di non poter generare
effetti benevoli da atti
amorevoli e compassionevoli.

Tutto è interdipendente
e si ricuce a quanto si sia compiuto
e a quanto si compie; come per un sassolino
che gettato tra le acque calme di un lago,
allarga cerchi di conseguenza alla forza
con il quale viene scagliato.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

Coscienza

La coscienza ha a che vedere con il cervello?
La nostra tendenza è vederla come uno stato mentale che dipende dal cervello.
Gli scienziati occidentali sostengono che la coscienza risiede nel cervello.

Ma più la esplorate con la presenza mentale e la comprensione,
più vi accorgete che il cervello, il sistema nervoso,
tutto il sistema psicofisico nel suo insieme,
sorgono nella coscienza e sono permeati di coscienza.
È per questo che possiamo essere consapevoli del corpo.

Riflettiamo sulle quattro posizioni (stare seduti, in piedi, camminare e giacere).
Quando siamo consapevoli dello star seduti così come le percepiamo adesso,
non ci limitiamo a qualcosa che è nel cervello, ma il corpo stesso è nella coscienza.
Siamo consapevoli dell’intero corpo nell’esperienza di stare seduti.

Ajahn Sumedho

—————————

Avere coscienza di qualcosa
significa esserne consapevoli.
Porre l’attenzione alla nostra presenza,
alla porzione di spazio che occupiamo
e in che modo viene fatto.

Porsi in ascolto:

Sapersi allenare, allentando tutte le tensioni,
in quella condizione che ci ponga ad attraversare
il qui ed ora – sganciati da un prima e da un dopo –
è un modo per capire con quale atteggiamento
siamo veramente presenti.

Condizione ottimale è
il condursi alla presenza mentale
che ci mantiene attenti a quanto facciamo
e come lo facciamo, cercando consapevolezza,
con tutta l’attenzione possibile.

Poetyca

————————–

28.06.2008 Poetyca

Testi tratti da http://www.bodhidharma.it

Viaggio cosmico


Viaggio cosmico

Viaggio cosmico
al centro
dell’Essere
lontano
da illusione
ed inganno
Attraversando
miriadi di stelle
nel profondo
di ogni istante
spezzando
le catene del tempo

13.04.2018 Poetyca

Cosmic journey

Cosmic journey
in the center
of Being
far
from illusion
and deception
Crossing
myriads of stars
deep inside
of every moment
breaking
the chains of time

13.04.2018 Poetyca

Andare oltre


 

oltretempo

Andare oltre

Andare oltre, senza restare fermi, senza guardare alle cose già vissute è un modo per crescere,
per evolvere ed impegnarsi a fare del nostro meglio. Non sono solo gli altri a sbagliare,
a fare qualcosa che ferisce, dobbiano supratutto guardare a noi stessi, le nostre azioni,
cosa possono scatenare, che sofferenza procurano. Liberarsi dal karma è possibile correggendo,
” raddrizzando” quanto era deviato.
Perdonare è anche accompagnare un impegno a fare del nostro meglio attraverso le azioni.
Prima di tutto dobbiamo perdonare noi stessi, quello che pensiamo essere fallimento, orgoglio, incapacità.
Ogni peso per ricominciare con passo leggero verso il senso profondo del nostro essere.
Chi perdona se stesso sa perdonare gli altri, apre il cuore alla comprensione.

18.07.2014 Poetyca

 

Moving beyond

Going beyond, without stand still, without looking at things already experienced is a way to grow,
to evolve and strive to do our best. Not only others to make mistakes,
to do something that hurts, dobbiano supratutto look at ourselves, our actions,
what can trigger that suffering procure. Free from karma is possible to correct,
Straightening” as it was deflected.
Forgiving is also accompany a commitment to do our best through actions.
First we need to forgive ourselves, what we think is failure, pride, incapacity.
Each weight to start with a light step towards the deeper meaning of our being.
Who forgives himself knows how to forgive others, opens the heart to understanding.

07/18/2014 Poetyca

Frammento


Frammento

Risorge
senza clamore
un’attesa
Respiro lieto
come scaglie
di luce
È frammento
di vita accesa
nel silenzio

13.04.2018 Poetyca

Fragment

Resurrected
without clamor
a wait
Breath pleased
like scales
of light
It is a fragment
of life on
in the silence

13.04.2018 Poetyca

Frammento


Frammento

Risorge
senza clamore
un’attesa
Respiro lieto
come scaglie
di luce
È frammento
di vita accesa
nel silenzio

13.04.2018 Poetyca

Fragment

Resurrected
without clamor
a wait
Breath pleased
like scales
of light
It is a fragment
of life on
in the silence

13.04.2018 Poetyca

Parole – Buddha


Parole – Buddha

Le parole non esprimono
i pensieri molto bene; ogni cosa diventa un pò diversa,
un pò distorta,un pò sciocca.
Eppure mi piace
e sembra giusto che ciò che è
di valore e saggezza di un uomo
sembra un’assurdità
ad un altro.

Gautama Buddha

Words – Buddha

Words do not express thoughts very well; every thing becomes
a little different, a little distorted,
a little foolish. And yet it also pleases me and seems right that what is of value and wisdom
of one man seems nonsense
to another.

Gautama Buddha

Una perla al giorno – Huang-Po


mandala2
Gli uomini hanno paura
di dimenticare la propria mente,
temendo di precipitare nel Vuoto
senza qualcosa che ne arresti la caduta.
Huang-Po

Men are afraid
to forget their minds,
for fear of falling into the Void
without something that arrests the fall.
Huang-Po

La nostra responsabilità


La nostra responsabilità

Se vogliamo trasformare il mondo, dobbiamo cominciare da noi stessi; e possiamo cominciare da noi stessi solo se siamo determinati a farlo. Dobbiamo avere l’intenzione di capire noi stessi, senza aspettare che siano gli altri a trasformare se stessi o a produrre un cambiamento, scatenando una rivoluzione di sinistra o di destra.

È importante renderci conto che la nostra responsabilità, la vostra e la mia responsabilità, consiste nella comprensione di noi stessi. Per quanto sia piccolo il mondo in cui viviamo, se trasformiamo noi stessi, introdurremo un punto di vista completamente diverso nella nostra esistenza quotidiana. Allora forse il cambiamento si estenderà al mondo intero e trasformerà le nostre relazioni reciproche.

 

Meditazioni quotidiane – Jiddu Krishnamurti

 

Our responsibility

If we want to transform the world, we must begin with ourselves, and we can begin with ourselves if we are determined to do so. We must have the intention to understand ourselves, without waiting for others to transform themselves or to make a change, triggering a revolution in the left or right.

It is important to realize that our responsibility, yours and my responsibility is to understand ourselves. Although it is a small world in which we live, if we transform ourselves, we will introduce a completely different point of view in our daily existence. So perhaps the change will extend to the whole world and transform our relations.

 

Daily Meditations – Jiddu Krishnamurti

Gira il mondo


imagesa

Gira il mondo

Gira il mondo gira
intorno all’asse dell’illusione
dove tutto è vano
non conduce
alla ricerca del vero
Gira il mondo gira
nella ricerca di aria pura
scacciando il germe
che tutto inquina
nascosto nella rabbia di tutti
Gira il mondo gira
nel caos e nell’incomprensione
gente che si aggrappa
solo al nulla
credendo di conquistare tutto
Gira il mondo gira
mentre cadono maschere
di fronte al cuore limpido ed aperto
senza inganno si offre
ricco di compassione

25.02.2014 Poetyca

Turns the world

Turns the world is spinning
around the axis of the illusion
where everything is in vain
not conduct
the pursuit of truth
Turns the world is spinning
in search of fresh air
driving out the germ
everything that pollutes
hidden in the anger of all
Turns the world is spinning
into chaos and misunderstanding
folks who clings
only nothing
thinking to conquer all
Turns the world is spinning
masks as they fall
in front of the clear heart and open
without deception offers
full of compassion

25/02/2014 Poetyca

Amore


Amore

E poi
resti dentro
assorbito
in ogni tuo
microscopico
frammento
Carta assorbente
sono i miei respiri
l’ascolto profondo
in scaglie di luce
per accogliere
e donare solo amore

13.04.2018 Poetyca

Love

And then
stay inside
absorbed
in every one of you
microscopic
fragment
Blotting paper
they are my breaths
deep listening
in flakes of light
to welcome
and give only love

13.04.2018 Poetyca

Qualcosa da scoprire



Qualcosa da scoprire 

“In tutto ciò che vi accade, nel dolore come nella gioia, c’è
qualcosa da scoprire per il raggiungimento della vostra
fioritura, della vostra comprensione della vita; e la gratitudine
è la chiave che apre le porte del vero sapere. Perciò, al
mattino, appena svegli, prima di pensare a qualsiasi altra cosa,
dite: «Mio Dio, grazie di avermi dato anche oggi la vita,
affinché io Ti possa servire e possa compiere la Tua volontà,
per la Tua gloria e per l’avvento del Tuo Regno sulla terra».
Grazie a queste poche parole, già vi mettete sotto la
protezione del Cielo, date un buon orientamento a tutto ciò che
farete durante la giornata, e trovate l’atteggiamento giusto da
avere di fronte a tutti gli avvenimenti che possono
sopraggiungere. Non basta infatti dire: «Grazie, Signore!» nel
momento in cui vi giunge una buona notizia, o quando ricevete
qualcosa che vi fa piacere. È ovunque e in ogni momento che
dovete imparare a ringraziare.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Gratitude – opens the doors of true knowledge
“With everything that happens to you, the sorrows as well as the joys, there is something for you to discover that will further your development and your understanding of life. And gratitude is the key that opens the doors of true knowledge. This is why, in the morning, when you wake up, before you think of anything else, say, ‘O God, thank you for granting me life for another day, so that I may serve you and do your will, for your glory and for the coming of your kingdom on earth.’
Already, with these few words, you are placing yourself under heaven’s protection. You are setting your whole day’s activities on the right track and finding the right attitude for dealing with whatever might arise. For it is not enough if you say ‘Thank you, Lord’ only when you hear good news or receive something that pleases you. You must learn to give thanks everywhere and at all times.”

Omraam Mikhael Aivanhov

Orme sul cuore


171058_498708279645_742844645_6377896_5663347_o_102

Orme sul cuore

Di fronte al mare
onde ormai calme
come riflesso
di questo tuo viaggio
placate dalla comprensione
di come nemico non è il mondo
con le sue lotte
Orme sul cuore
un passo ed una contraddizione
nella ricerca strenue
perchè sei tu stesso
ad inciampare
a rialzarsi
sino l’ultimo istante
quando non raccogli nulla
neppure le vittorie
ma resti calmo
nel ricordare ogni lezione

05.04.2014 Poetyca

Footprints on your heart

In front of the sea
so calm now
as a reflection
This your trip
placated by understanding
how the enemy is not the world
with its struggles
Footprints on your heart
a step and a contradiction
research strenuous
because you yourself
to stumble
to get up
until the last moment
when you do not collect anything
even the victories
but remains calm
remembering each lesson

05/04/2014 Poetyca

Dhammapada – Buddha


🌸Dhammapada🌸

Conquista l’arrabbiato
non arrabbiandoti;
conquista
gli empi con la bontà;
conquista l’avaro con la generosità
ed il bugiardo dicendo la verità.

Verso 223

Gautama Buddha, Dhammapada
🌸🍃🌸
🌸Dhammapada – Buddha

Conquer the angry one by not getting angry; conquer the wicked by goodness; conquer the stingy by generosity, and the liar by speaking the truth.

Verse 223

Gautama Buddha, The Dhammapada

Barricate


Barricate

Barricate
nel cuore
per proteggere
dal fiume
d’emozione
Per tenere stretto
un lembo d’illusione
– colore pastello –
in un mondo
dai lunghi coltelli
Coltri di vita
in angoli remoti
a scaldare speranza
ancora una volta
tra rugiada e fiori

12.04.2018 Poetyca

Barricades

Barricades
in the heart
to protect
from the river
of emotion
To hold tight
a piece of illusion
– pastel color –
in a world
with long knives
Colters of life
in remote corners
to warm up hope
once again
between dew and flowers

12.04.2018 Poetyca