Archivio | giugno 2018

Il controllo della mente


La Riflessione

La persona vera,
non è qualcuno in particolare.

Ma come il colore blu profondo,
del cielo infinito,
è chiunque,
ovunque nel mondo.

Maestro Dogen (1200-1253)

Ovunque è in ogni luogo,
per il nostro cercare,
il riconoscere verità e saggezza
in ogni persona che ne sappia
manifestare il valore.

Poetyca

L’insegnamento

Il controllo della mente

Molte persone immaginano che il controllo della mente
sia qualcosa di simile ad una stretta, restrittiva sottomissione.
In realtà, il controllo è uno stato naturale,
ma non lo direste mai, vero?

Voi direste che la mente è incontrollabile per natura,
che è naturale per la mente essere incontrollata.
Ma non è così.

Quando comprendete la natura della vostra mente incontrollata,
il controllo sorge con la stessa naturalezza
con la quale emerge ora il vostro stato incontrollato.
Inoltre, il solo modo di ottenere il controllo sulla vostra mente
È di comprenderne la vera natura.

Non potete forzare la vostra mente,
il vostro mondo interiore a cambiare.
Né potrete purificare la mente punendovi fisicamente,
percuotendo il vostro corpo.

Sarebbe completamente impossibile.
L’impurità, il peccato, la negatività
o comunque vogliate chiamare l’errore,
è qualcosa di essenzialmente psicologico,
è un fenomeno mentale, per cui non potete fermarlo fisicamente.

La purificazione richiede un’abile combinazione di metodo e saggezza.

Lama Thubten Yeshe

Osservare, cogliere e capire
come atto che riporti a casa
la mente senza controllo
è porgere guida senza forza.
Non punizione o negazione
sono abili mezzi
ma quella limpida visione
che sappia espandere chiarezza
come il cerchio che si allarga
al gettare un sasso
sulla placida superficie del lago:
chi osserva l’increspare
non si scompone ma sa placare l’onda.

Poetyca

testi tratti da:http://www.bodhidharma.it

Il cuore più bello del mondo


Il cuore più bello del mondo

C’era una volta un giovane in mezzo a una piazza gremita di persone che diceva di avere il cuore più bello del mondo. Tutti quanti glielo ammiravano, era davvero perfetto, senza alcun minimo difetto. Erano tutti concordi nell’ammettere che quello era proprio il cuore più bello che avessero mai visto in vita loro, e più lo dicevano più il giovane si vantava di quel suo cuore meraviglioso. All’improvviso spuntò fuori dal nulla un vecchio, che emergendo dalla folla disse: “Beh, a dire il vero… il tuo cuore è molto meno bello del mio.” Quando lo mostrò, aveva puntati addosso gli occhi di tutti. Certo, quel cuore batteva forte, ma era ricoperto di cicatrici. C’erano zone dalle quali erano stati asportati dei pezzi e rimpiazzati con altri, ma non combaciavano bene, così il cuore risultava tutto bitorzoluto ed era anche pieno di grossi buchi dove mancavano interi pezzi. Così tutti quanti osservavano il vecchio colmi di perplessità, domandandosi come potesse affermare che il suo cuore fosse il più bello. Il giovane guardò com’era ridotto quel vecchio e scoppiò a ridere: ” Starai scherzando !”, disse. “Confronta il tuo cuore col mio, il mio è perfetto, mentre il tuo è un rattoppo di ferite e lacrime.” “E’ vero !”, ammise il vecchio. “Il tuo ha un aspetto assolutamente perfetto, ma non farei mai cambio col mio. Vedi, nel mio ciascuna ferita rappresenta una persona alla quale ho donato il mio amore, alla quale ho dato un pezzo del mio cuore, e spesso, ne ho ricevuto in cambio un pezzo del loro a colmare il vuoto lasciato nel mio cuore. Ma certo ciò che dai non è mai esattamente uguale a ciò che ricevi e così ho qualche bitorzolo, a cui però sono affezionato, ciascuno mi ricorda l’amore che ho condiviso. Altre volte invece ho dato via pezzi del mio cuore a persone che non mi hanno corrisposto e questo ti spiega le voragini. Amare è rischioso ma per quanto dolorose siano queste voragini che rimangono aperte nel mio cuore, mi ricordano sempre l’amore che ho provato anche per queste persone… e chissà ? Forse un giorno ritorneranno e magari colmeranno lo spazio che ho riservato per loro. Comprendi adesso che cosa sia il vero amore ?” Il giovane era rimasto senza parole e lacrime copiose gli rigavano il volto. Allora prese un pezzo del proprio cuore, andò incontro al vecchio, e gliel’offrì con le mani che gli tremavano. Il vecchio lo accettò, lo mise nel suo cuore, poi ne prese un pezzo rattoppato e con esso colmò la ferita rimasta aperta nel cuore del giovane. Ci entrava ma non combaciava perfettamente, faceva un piccolo bitorzolo. Poi il vecchio aggiunse: “Se la nota musicale dicesse che non è la nota che fa la musica… non ci sarebbero le sinfonie. Se la parola dicesse che non è una parola che può fare una pagina… non ci sarebbero i libri. Se la pietra dicesse che non è una pietra che può alzare un muro… non ci sarebbero case. Se la goccia d’acqua dicesse che non è una goccia d’acqua che può fare un fiume… non ci sarebbero gli oceani. Se l’uomo dicesse che non è un gesto d’amore che può rendere felici e cambiare il destino del mondo… non ci sarebbero mai né giustizia, né pace, né felicità sulla terra per gli uomini”. Dopo aver ascoltato, il giovane guardò il suo cuore, che non era più “il cuore più bello del mondo”, eppure lo trovava più meraviglioso che mai perché l’amore del vecchio ora scorreva dentro di lui. Ogni persona con il suo cuore, con i suoi bitorzoli, con i suoi vuoti e con tutto ciò che nel corso degli anni si è donato e si è ricevuto. Come la sinfonia ha bisogno di ogni nota, come il libro ha bisogno di ogni parola, come la casa ha bisogno di ogni pietra, come l’oceano ha bisogno di ogni goccia d’acqua, così il mondo ha bisogno di NOI, ha bisogno del nostro amore, perché siamo unici ed insostituibili.

Da una storiella indiana


Most Beautiful Heart

One day a young man was standing in the middle of town proclaiming that he had the most beautiful heart in the whole world. A large crowd gathered and they all admired his heart for it was perfect.

There was not a mark or a flaw in it. Yes, they all agreed it truly was the most beautiful heart they had ever seen.

The young man was very proud and boasted more loudly about his beautiful heart.

Suddenly, an old man appeared at the front of the crowd and said, “Why your heart is not nearly as beautiful as mine.”

The crowd and the young man looked at the old man’s heart. It was beating strongly, but full of scars, it had places where pieces had been removed and other pieces put in, but they didn’t fit quite right and there were several jagged edges. In fact, in some places there were deep gouges where whole pieces were missing.

The people stared — how can he say his heart is more beautiful, they thought?

The young man looked at the old man’s heart and saw its state and laughed.

“You must be joking,” he said.

“Compare your heart with mine, mine is perfect and yours is a mess of scars and tears.”

“Yes,” said the old man, “Yours is perfect looking but I would never trade with you.

You see, every scar represents a person to whom I have given my love – I tear out a piece of my heart and give it to them, and often they give me a piece of their heart which fits into the empty place in my heart, but because the pieces aren’t exact, I have some rough edges, which I cherish, because they remind me of the love we shared.

“Sometimes I have given pieces of my heart away, and the other person hasn’t returned a piece of his heart to me. These are the empty gouges — giving love is taking a chance.

Although these gouges are painful, they stay open, reminding me of the love I have for these people too, and I hope someday they may return and fill the space I have waiting. So now do you see what true beauty is?”

The young man stood silently with tears running down his cheeks. He walked up to the old man, reached into his perfect young and beautiful heart, and ripped a piece out. He offered it to the old man with trembling hands

The old man took his offering, placed it in his heart and then took a piece from his old scarred heart and placed it in the wound in the young man’s heart.

It fit, but not perfectly, as there were some jagged edges. The young man looked at his heart, not perfect anymore but more beautiful than ever, since love from the old man’s heart flowed into his.

They embraced and walked away side by side.

From Hindu Story

I sentieri della vita


I sentieri della vita

I sentieri della vita non sono sempre una separazione, anche se ad un incrocio non cogli più lo sguardo di chi ci prendeva per mano.
I sentieri della vita sono solo una speranza, una scia di stelle per riscoprire che nulla è mai cambiato e nel buio è accesa la fiaccola che ci guida.

23.12.2009 Poetyca

Essere semplici


388590_10150470218229646_742844645_8943650_1038838376_n
Essere semplici

Preferisco analizzare gli effetti del mio atteggiamento,
provando ad esprimere il meglio possibile
e con lealtà ( senza false costruzioni),
che accusare gli altri di non capire o di non voler capire.
Lo so è difficile avere un dialogo con pause per ascoltare
e con la voglia di capire il punto di vista degli altri,
malgrado gli sforzi infatti, non sempre si guarda nella stessa direzione.
Eppure è meglio essere semplici che artefatti.
Credo che non vadano cambiati: naturalezza, lealtà ed accoglienza.
Il tempo ci cambia, ci sottrae qualcosa,
ma siamo noi stessi a doverci rinnovare,
a togliere quanto sia solo superfluo per coltivare
l’essenza più profonda del nostro essere.

06.10.2014 Poetyca

To be simple

I prefer to analyze the effects of my attitude,
trying to express the best possible
and with fairness (no false construction),
who accuse others of not understanding or not wanting to understand.
I know it’s hard to have a dialogue with pauses to listen
and with the desire to understand the point of view of others,
despite efforts in fact, do not always look in the same direction.
Yet it is better to be simple artifacts.
I do not think need to be changed: naturalness, honesty and hospitality.
The time changes us, steals something,
but we ourselves having to renew,
how to remove only unnecessary to cultivate
the deepest essence of our being.

06/10/2014 Poetyca

Girovagando


4

Girovagando

Nulla è uguale
tutto cambia
di attimo in attimo
mentre camminiamo
in questa strada
di rettilinei e curve

Cadere e rialzarsi
cercare di comprendere
in questo girovagare
in coppie di opposti
celati o palesi
dove sia la verità

Tutto gira
svanisce e ritorna
tra mistero ed infinito
in gocce che si dissolvono
in un continuo viaggio
nell’oceano della vita

02.07.2015 Poetyca

Wandering

Nothing is the same
everything changes
from moment to moment
while we walk
in this way
of straights and curves

Fall and rise
try to understand
in this wandering
in pairs of opposites
covert or overt
where is the truth

It all revolves
vanishes and returns
between mystery and infinity
in drops that dissolve
in a continuous journey
into the ocean of life

02/07/2015 Poetyca

E’ scoperta


E’ scoperta

Sono tracce sulla sabbia
un attimo prima che il tempo
le disperda
E’ il saluto dell’uccello migratore
prima d’abbandonare il nido

Appare un nulla
ma è il segno di chi respira e avverte
i cambiamenti
Di chi conosce prima
che qualcosa porterà altrove

….E poi saranno colori nuovi
tinti di lacrime e nostalgia
per quel vissuto che non comprendevi
ma incideva un senso che è scoperta

12.02.2004 Poetyca

It is discovered

Traces in the sand
just before time
scatters
And ‘the greeting migratory bird
before leaving the nest

It seems nothing
but is the sign of one who breathes and feels
changes
Who knows the first
that something else will

…. And then new colors will be
stained with tears and longing
for that experience that did not include
but affected a way that is discovered

12.02.2004 Poetyca

Accusare – To accuse – Epitteto


🌸Accusare🌸

Accusare gli altri
delle proprie disgrazie
è la prova dell’umana ignoranza; accusare se stessi
significa cominciare a capire;
non accusare né gli altri
né se stessi è vera sapienza.

Epitteto
🌸🍃🌸
🌸To accuse

Accusing others
of his misfortunes
it is the proof of human ignorance; accuse yourself
it means to begin to understand;
do not accuse others
nor is it true wisdom itself.

Epictetus

Parole – Words


🌸Parole🌸

Dribblo parole
ed i silenzi
scivolano
come gocce
nel cuore
Si espandono
avvolgono
in dolcezza
come ovattato
barlume di vita
Oltre apparenze
oltre sensazioni
respiro l’istante
occolgo amore
e ne faccio dono

23.06.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Words

I dribble words
and the silences
slip
like drops
in the heart
They expand
wrap
in sweetness
like a muffle
glimmer of life
Beyond appearances
beyond sensations
I breathe the instant
I take love
and I gift it

23.06.2018 Poetyca

Disegno dimenticato


Disegno dimenticato

Nulla scalfisce l’essenza
tempo senza tempo
che tutto accompagna
oltre la danza delle apparenze
di cose credute reali o perdute

Un velo si scosta in un solo istante
ed è Luce che accoglie
dove era solo polvere
sui nostri occhi miopi
a celare il nostro vero essere

Ogni cosa cambia forma
e come un disegno dimenticato
confuso e vestito di vecchie immagini
che la paura ci ha fatto credere
trama certa della storia

Si srotola in un solo battito di ciglia
tutto il film della nostra vita
per riempire buchi ed immagini
di quella verità che era celata
dalla paura di perdere valore

03-06-2011 Poetyca

Drawing forgotten

Nothing scratches the essence
timeless time
everything goes
beyond the dance appearances
real credit for things lost or

A veil moves away in an instant
Light and welcomes
where it was just dust
our myopic eyes
to conceal our true being

Everything changes shape
and forgotten as a design
confused and dressed in old pictures
that fear has made us believe
certain plot of the story

Unfolds in a single blink of an eye
the whole movie of our lives
to fill holes and images
of that truth which was hidden
fear of losing value

03/06/2011 Poetyca

Domani si replica


Domani si replica

Fagocitanti brame
accordano le voci
per l’arsura di deserti
senza più vita

Saettano silenzi
da parte di chi
ha perso da tempo
la sua partita

– Occhi spenti
non comprendono –
seguono l’accordo
del plagio degenere

Muto è il sospiro
di chi non crede
– non reagisce a niente-

La fonte non disseta
tra le trame replicate
del burattinaio folle

Orchestrando la vita
tutto si sbriciola
sotto ideali di carta

Buratti e burattini
non applaudono
le tasche vuote

Sul grande palco
non cambia la scena
e domani si replica

10.03.2004 Poetyca

Tomorrow is replicated

Voracious greed
grant entries
the burning deserts of
lifeless

Dart silences
by whom
has long since lost
his game

– Eyes off
not include –
follow the agreement
of plagiarism degenerate

Silence is the sigh
who does not believe
– Does not react to anything-

The major source quenches
among the replicated plots
the mad puppeteer

Orchestrating life
everything crumbles
under ideal paper

Buratti and puppets
not applaud
empty pockets

On the big stage
does not change the scene
and tomorrow is replicated

10.03.2004 Poetyca

Dall’Ego all’amore universale



Dall’ego all’amore universale
Processo di trasformazione.

“La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe.
Ciascuno ne prese un pezzo e vedendo riflessa in esso la propria immagine,
credette di possedere l’intera verità.

” (Mevlana Rumi, Sec. XVI)

Questa frase sottolinea la frammentarietà con cui percepiamo noi stessi e il mondo, pur convinti di entrare in contatto con qualcosa di intero ed assoluto. Dimentichiamo che le apparenze, i condizionamenti e le aspettative ci allontanano dalla nostra vera natura, mentre in realtà dovremmo imparare che nulla ha un valore assoluto, ed è necessario aprirsi agli altri per ricomporre ciò che siamo e che loro sono; senza chiuderci in una pretesa verità separata; questo è possibile solo attraverso il confronto e la condivisione.
Quando, con il nostro sforzo, tentiamo di ricomporre quello specchio, comprendiamo di essere spinti dalla necessità di salvaguardare noi stessi a discapito degli altri e possiamo, allora, cominciare a condurre una vita consapevole.
Spesso proviamo attaccamento per tutto ciò che può rappresentarci e temiamo il giudizio altrui, senza renderci conto che siamo i primi a giudicare, condizionati come siamo a percepire come negativo in altri, quanto è, invece, il riflesso di noi stessi e del nostro piccolo ego. Ma quanto investiamo per modificare i nostri atteggiamenti? Siamo consapevoli di essere la causa delle nostre proiezioni e reazioni?
Non sappiamo fermarci e non poniamo attenzione a quel che accade in noi per poterci correggere. Presi come siamo ad investire energie per la ricerca di quel che ci manca e che poi non appaga, siamo ciechi di fronte alle potenzialità che sono in noi e che somigliano a semi da curare e da far germogliare, semi che sono spesso: paura, orgoglio, rancore, attaccamento e rivalsa, ma che potrebbero essere: consapevolezza, fiducia, pace e amore.
Non comprendiamo che a ben poco serve la strenue difesa di cose illusorie che non perdurano e che siamo soggetti alla legge dell’impermanenza; quale verità resta dunque da difendere se restiamo attaccati alla personalità e ad un orgoglio inutile? Un cambiamento potrebbe avvenire se fossimo capaci di mettere a fuoco i nostri sforzi per annullare gli argini di quel piccolo “io” ponendoci in condizione di alimentare il Cuore.
Il Cuore ha sempre avuto importanza come contenitore di energie che producono apertura verso gli altri. Esso non è scisso dalla mente consapevole e soprattutto dalla volontà di manifestare unicità. Non è una mente illusa e distratta, con i suoi inganni, attaccamenti e percezioni erronee a doverci condurre. Nella scuola Dhyana, Bodhidharma affermava che non è possibile trovare la verità fuori da sé stessi e considerava la Mente-Cuore come la luce della coscienza risvegliata che è “non originata” e “senza forma”.
In noi stessi dunque troviamo l’opportunità di essere, riscopriamo il sentiero da percorrere ed il saper vivere, istante dopo istante, quella ricchezza che è già in noi ed intorno a noi e, immersi in essa, diveniamo capaci di donarla ad altre persone che l’attendono.
Rumi, autore del pensiero che ci conduce a queste riflessioni, nasce in quel sentiero che è conosciuto come la “via del cuore” o “via della purezza”, in seno al Sufismo. Si tratta di un percorso mistico ed ascetico che mira alla comprensione dell’amore e della verità. Indifferentemente dal nostro cammino, tutti siamo chiamati a maturare amore e verità. Una verità da non afferrare come unica e separata, ma da ricomporre con cura, permettendo a noi stessi di porgere ad altri quel che siamo ed accogliendo quel frammento di specchio/cuore che gli altri ci possono offrire.
Che si sia credenti o che ci si tenga a distanza da un cammino religioso, l’essere consapevoli delle nostre responsabilità circa il dolore o l’allontanamento dall’unità o legame tra l’uomo e Dio, è nelle nostre facoltà, così come il compiere un percorso che ci renda soggetti attivi e capaci di trasformazione; cosa che avviene se dai nostri istinti, o sé inferiore, siamo capaci di percorrere il cammino che ci conduce a quella capacità di trasformarci in amore.
Per il Buddhismo, che non si pone domande circa la presenza divina, ma mira a trasformare il dolore tramite l’impegno consapevole libero dal vittimismo, il cammino interiore prende forma dal proprio agire in modo retto.
E’ necessario risvegliare la nostra attenzione e le nostre energie per raccogliere tutti quegli insegnamenti che possono aiutarci a migliorare. Riveste soprattutto importanza la pratica della meditazione ed un cammino che nutra la capacità di ascoltare consapevolmente per essere presenti a noi stessi, per imparare a lasciare andare giudizio, attaccamento, aspettative e tutte quelle cause che generano ignoranza e dolore. E’ importante l’attenzione che poniamo al nostro respiro consapevole, l’essere capaci di presenza nel “qui ed ora” e, poiché il passato non ci appartiene e del futuro non sappiamo nulla, a che serve tenersi ancorati a questi pesi inutili? E’ ora, in questo preciso istante, che possiamo respirare e prestare attenzione e mentre lo facciamo lasciamo andare le tensioni e gli attaccamenti per scoprire gioia e fiducia.
L’ascolto profondo è il mezzo che ci permette di sciogliere le nostre illusioni e smascherare gli inganni della mente; è uno strumento che porta a quella trasformazione che ci fa aprire le ali verso la vera vita.
Quando saremo in grado di offrire a noi stessi la pace interiore, dopo aver fatto cadere le aspettative e compreso i nostri meccanismi di difesa, facendo tacere la mente distratta per ascoltare il Cuore risvegliato, saremo capaci di aprire le braccia agli altri; proprio per scoprire quella ricchezza che nascondevamo per timore.
Quando amiamo, dobbiamo sciogliere ogni aspettativa e sentire che quanto offriamo è solo per la gioia di farlo; saperci condurre verso un cammino di gentilezza, equanimità e compassione per gli altri, senza fare distinzioni e senza erigere divisioni, perché siamo tutti petali di uno stesso fiore. Non è facile amare senza nulla attenderci, ma l’amore non è merce di scambio. Essere capaci di sciogliere ogni dualità, ogni diversità é portare la nostra acqua in un altro fiume per farne uno solo; non dobbiamo provare attaccamento e identificazione con un “io” o un “mio”, ma essere unità, attraverso quella compassione che è dei Bodhisattva. Possiamo imparare ad inter-essere con equanimità, abbattendo tutti i muri che ci impedivano di far entrare la luce della comprensione in noi.
Quando questo accade, ci rendiamo conto che siamo entrati in una diversa dimensione dove gentilezza, accoglienza e capacità di provare compassione sono parte di noi stessi. Avvertiamo in noi quella trasformazione che ci conduce all’amore universale. Questo non si lega a religioni né a principi imposti, ma ad un’esperienza diretta da vivere con costanza.
Non smettiamo di credere nella Mente-Cuore, di vivere e di sperimentare modi per realizzarla, di essere e di respirare… quel che è in noi. Non facciamoci paralizzare dal timore perché per camminare ci vuole coraggio. Per amare ci vuole la consapevolezza di essere vivi e liberi da ogni aspettativa.
Siamo noi gli artefici del nostro presente per far fiorire il futuro nella gioia.

Un buon cammino

© Poetyca

Armonia – Harmony


🌸Armonia🌸

Armonia
è ascolto
di attimi
rubati
al silenzio
in sintonia
profonda
con l’Assoluto

21.06.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Harmony

Harmony
is listening
of moments
stolen
to silence
be in tune with
deep
with the Absolute

21.06.2018 Poetyca

C’è sempre speranza


Riflettendo…

La Riflessione

Un unico sentiero ascende.

Le migliaia di saggi
non mi aiutano.

Jiun Sonja (1718-1804)

——————–

La pace è un seme

La pace è un seme,

noi possiamo innaffiarlo nel nostro cuore,

noi possiamo darlo con amore.

Sia per Te la pace

che abbraccia il mondo intero

Con amore

Poetyca

—————–

L’insegnamento

C’è sempre speranza

In Tibet, diciamo:

“Le azioni negative hanno una buona qualità: possono essere purificate”.

Perciò c’è sempre speranza.
Perfino gli omicidi e i criminali più incalliti,
possono cambiare e superare i condizionamenti che li hanno portati al crimine.

La nostra condizione presente, se la usiamo con abilità e saggezza,
può diventare un’ispirazione per liberarci dai lacci della sofferenza.

Sogyal Rinpoche

—————

Non ha senso apporre etichette,
dividere o difendersi da un’apparenza:

ogni essere è un buddha
tu puoi solo aiutare a farlo emergere.

Non ha senso difendersi da un preconcetto,
tutto è interconnesso e nell’interessere
separare è vedere in noi stessi quello che temiano.

Poetyca

————-

21.09.2009 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Da troppo tempo


Da troppo tempo

Nessuna cosa è facile
quando sono chiusi i cancelli:
lo sguardo cerca qualcuno
forse oggi
ci sarà un cambiamento,
forse domani
il proprietario di questo castello
vorrà aprire.

Amore…
quanti passi devo fare
per entrare
direttamente nel tuo cuore?
Quanto parole ha rubato il vento
e tu non hai saputo ascoltare?

Ancora una notte
una nuova attesa al freddo
perchè la speranza dice
di donare tutto
di non trattenere
ma se l’amore è sordo….
io non posso aspettare

Una lacrima di cristallo scivola
nel silenzio fa troppo rumore
ed un fiore sboccia
nutrito dalla compassione:
sono voli di farfalle
sono nuove aurore
e dalla terra brilla
la chiave che apre
un cancello chiuso da troppo tempo

14.02.2011 Poetyca

For too long

Nothing is easy
when the gates are closed:
eyes looking for someone
maybe today
there will be change,
maybe tomorrow
the owner of this castle
will open.

Love …
How many steps should I do
to enter
right in your heart?
As word has stolen the wind
and you have not been able to listen to?

One more night
a new waiting in the cold
Cause hope says
to donate all
not to retain
but if love is deaf ….
I can not wait

A teardrop of glass slides
the silence is too noisy
and a flower blooms
nurtured by compassion
are flights of butterflies
are no new dawns
and the earth shines
the key that opens
a locked gate for too long

14.02.2011 Poetyca

Non temere – Do not fear


🌸Non temere🌸

Non temere
strade nuove
ed apri il pugno
tenuto stretto
Non temere
gli sguardi
di chi non sa
vedere oltre
Non temere
di essere unico
dove altri
seguono un copione

22.06.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸 Do not fear

Do not fear
new roads
and open your fist
kept tight
Do not fear
gaze of
who does not
see beyond
Do not fear
to be unique
where others
follow a script

06.22.2018 Poetyca

Colori in dono


Colori in dono

Colori del mondo
colori del cuore
colori in dono
siamo noi la traccia da cercare
con foglie cadute
con attese sopite
apri lo spiraglio per cambiare
il punto di vista
annulla le tue paure
e sii fonte di vita nuova
passi e voli – magici itinerari-
nel rispetto dell’armonia
che si proietta senza confini

24.02.2011 Poetyca

Colors as a gift

Colours of the world
colors of the heart
colors as a gift
we trace, to search for
to fallen leaves,
waiting dulled
open the glimmer to change
point of view
cancel your fears
and be a source of new life
steps and flights – magic-routes
in respect of harmony
that projects without borders

24.02.2011 Poetyca

Davanti ai tuoi occhi


Davanti ai tuoi occhi

Cosa rimane di attimi vissuti,
momenti profondi che non si sanno esprimere
quando le parole adatte non ci raggiungono?

Non rimane comunque nulla, anche se tu scrivessi
e sapessi esprimere a parole il tuo sentire.
Tutto muta e si trasforma e noi non lo possiamo trattenere,
ogni cosa segue il corso impermanente della vita
e non la possiamo catturare o trattenere.

Accogli il cambiamento e cerca – qui ed ora – il senso profondo
della lezione che si mostra davanti ai tuoi occhi.

20.07.2011 Poetyca

 

In front of your eyes

What remains of moments lived,
profound moments that you do not know how to express
when the right words do not come to us?

Does not remain however nothing, even if you wrote
did you know how to express your feeling in words.
Everything changes and transforms it and we can not withhold
impermanent everything follows the course of life
and we can not capture or retain.

You welcome every change and look – here and now – the deep meaning
of the lesson that shows you right before your eyes.

20.07.2011 Poetyca

Cogliere la visione


image

Cogliere la visione

Si deve cogliere la visione,
oltrepassare i limiti della mente,
trascendere per superare se stessi.
Cogliere la “visione” ė inteso come inizio della comprensione. Riferito al percorso buddista,centrato sulla sofferenza e la compassione:
Si comprende che non esiste nessun nemico,tutti soffrono e attraverso l’empatia possiamo sviluppare la nostra compassione,liberandoci dal peso della rabbia.
Si depositano le armi.
Chi prova attaccamento e rabbia?
Il nostro ego ferito.
Quando smettiamo di centrare tutto attraverso la visione egoica,il nostro attaccamento decade e ci apriamo agli altri.Cambiamo prospettiva e ci adoperiano per il benessere di tutti.

15.05.2016 Poetyca

Grasping the vision

You must grasp the vision,
overstep the limits of the mind,
transcend outdo themselves.
Grasp the “vision” is intended as the beginning of understanding. Referring to the Buddhist path, centered on the suffering and compassion:
It understands that there is no enemy,all suffer and through empathy we can develop our compassion, freeing us from the burden of anger.
They settle weapons.
Who test attachment and anger?
Our wounded ego.
When we stop to center all through the egoic vision, our attachment decade and we open ourselves to altri.Cambiamo perspective and adoperiano there for the welfare of all.

15/05/2016 Poetyca

Come petalo che cade 


Come petalo che cade

Cosa è rimasto
di ogni buon proposito
scivolato via
come petalo che cade
al primo alito di vento?
Cerca e non ti stancare
se vuoi cambiare

12.12.2016 Poetyca

As a petal falling

What is left
of every good intention
slipped away
as a petal falls
the first breath of wind?
Look for and do not tire
if you want to change

12/12/2016 Poetyca

Attraverso la notte


Attraverso la notte

In un quadro
già dipinto
cercavo i miei colori.

Nelle pieghe della mano
già scritto
il mio destino.

Nessuno
ci guardava
nessuno
conosceva.

Osservandomi
in fondo agli occhi
ci vedevo
stelle
ci vedevo
cielo.

Nei sospiri
della notte
avanzava
il mio respiro.

Forse sale,
forse amarezze
ma la voglia di cambiare.

Da uno spiraglio
aperto appena:
luce avvolta
nel mio
cuore.

28.04.2002 Poetyca

Through the night

In a framework
already painted
I tried my colors.

In the folds of the hand
already written
my destiny.

None
we looked
none
knew.

Watching me
in his eyes
I could see
stars
I could see
sky.

In sighs
night
advanced
my breath.

Maybe salt,
perhaps bitterness
but the desire to change.

From a window
just opened:
light wound
in my
heart.

28.04.2002 Poetyca

Aspettative


36348_406177909645_742844645_4688831_8274134_n

Aspettative

Spesso si è ciechi perchè ci si attende altro,

qualcosa che si crede adatto a noi

e che non è poi detto che lo sia.

A volte si lotta tanto per ottenere qualcosa,

si è ad un soffio dall’ottenerlo,

oppure si crede, rinunciando ad altro

 che la propria strada sia verso una determinata direzione.

Solo attraverso il fallimento,

la forzata necessità di cambiare, si apre un varco

e si vedeche quanto era davvero adatto a noi

era possibile vederlo grazie a quella porta chiusa.

19.10.2014 Poetyca

Expectations

It has often been blind because we expect more,

something that is believed suitable for us

and that is not to say that it is.

Sometimes you struggle so much to get something,

you from getting a breath,

or belief, giving up other

  that is their way towards a certain direction.

Only through bankruptcy,

forced the need for change, found an opening

and vedeche what was really suitable for us

it was possible to see through the closed door.

19/10/2014 Poetyca

Silenzi e parole – Silences and words


🌸Silenzi e parole🌸

Mi tuffo
in un lago
di silenzio
in attesa
paziente
di parole
senza suono
per abbracciare
il senso profondo
dell’essere vita

21.06.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Silences and words

I dive
in a lake
of silence
to hold
patient
of words
without sound
to hug
the profound sense
of being life

21.06.2018 Poetyca

All’improvviso


🌸All’improvviso🌸

Attendi
minuti
ore
o giorni
ed intanto
nulla
sembra
diverso
All’improvviso
poi
tutto cambia
ed è luce
come lampo
pronto
a squarciare
il cielo

28.04.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Suddenly

Wait
minutes
hours
or days
and in the meantime
nothing
it seems
different
Suddenly
then
everything changes
and it is light
like lightning
ready
to rip
the sky

04.28.2018 Poetyca

Agire con amore


36878_406173119645_742844645_4688741_3150599_n

Agire con amore

Non ci si rende conto di quanta gente sia bloccata
in un atteggiamento da ” pilota automatico”,
senza la volontà di cambiare, di agire.
Preferisce lamentarsi, mostrare come eroicamente faccia tanto…
Ma lagnandosi che si tratta di cose che non ama fare.
In fondo dobbiamo a noi stessi la lealtà,
spezzando la catena del timore di ferire gli altri,
del compromesso ad oltranza.
La nostra lealtà non deve corrispondere
a modi sgarbati o arroganti
ma alla consapevolezza di cosa vogliamo davvero,
di come comunicarlo.
Una volta che ci è chiaro il nostro vero stato d’animo,
basta semplicemente esprimerlo. Spesso ci si sente liberi
da ogni condizionamento.
E’ tempo di cambiare e cambiare deve corrispondere
all’andare incontro alle cose che si desidera davvero fare.
Agire con amore è sempre meglio del fare le cose con rabbia.

23.09.2014 Poetyca

Act with love

Do not you realize how many people is locked
in the attitude of an “autopilot”
without the will to change, to act.
He prefers to complain, show how heroically face so much …
But complaining that this is something that does not like to do.
In the end we owe it to ourselves loyalty,
breaking the chain of fear of hurting others,
compromise to the bitter end.
Our loyalty must not match
a rude or arrogant ways
but the knowledge of what we really want,
how to communicate it.
Once we understand our true state of mind,
simply express it. Often you feel free
from all conditioning.
It ‘s time to change and change must be
to going towards things that you really want to do.
Acting with love is always better than doing things with anger.

09/23/2014 Poetyca