Archivio | 05/06/2018

★★。¸.☆☆Buonanotte¸.☆☆


notte69

Annunci

Parole sul foglio


Parole sul foglio

Parole su di te: foglio in attesa
che si colmino silenzi
parole sinuose e vive
che si donano senza tempo
parole nate tra le pieghe
di un nuovo sorriso
o tra i palpiti di una canzone
che in armonia scivola dentro
Parole rincorse dal vento
e tra riflessi argentei
segnano il filo segreto
di un pensiero
rivestito d’emozione
Parole che scorrono ora per te
e senza più domande
restano impigliate
nell’anima che non le vuole cancellare

30.08.2003 Poetyca

Words on paper

Words on you paper on hold
that it may fill silences
sinuous words and lives
without giving themselves time
words born between the folds
a new smile
or between the beats of a song
that slides into harmony
Words chased by the wind
and between silver reflections
mark the secret thread
a thought
lined with emotion
Words that flow to you now
and no more questions
remain entangled
soul who does not want to delete

30.08.2003 Poetyca

Meditare


Meditare

Meditare, ascoltare,
guardare nel profondo
per manifestare quella realtà
che tutti siamo.
Passi nel silenzio
che lasciano traccia viva
oltre l’attesa
ed il timore di confondere
luci indistinte che stemperano la notte
con la fiaccola che non si estingue
arde e non brucia mai l’armonia
– soffio che sprigiona vibrante presenza –
ed alimenta la vita
oltre ogni apparire.

25.01.2010 Poetyca

Meditation

Meditate, listen,
look deep
to demonstrate that reality
we all are.
Steps in Silence
that leave no trace alive
beyond the expectation
and the fear of confusing
luci indistinct melt the night
the torch is not extinguished
never burns and burns harmony
– Breath that gives off vibrant presence –
and nourishes life
beyond appearance.

25.01.2010 Poetyca

Ascoltare il silenzio


Ascoltare il silenzio

Ascoltare il silenzio
è scendere in punta di piedi
al nostro interno
con passi ovattati
per non fare rumore
poiché nessun disturbo
si deve arrecare
a quelle corde intime
che emettono suono
ed armonia sottile
di musica celeste
che nulla e nessuno
deve osare spezzare
o la sinfonia
non ha più voce
ma solo un triste
singhiozzo rimane
e martella lo spezzare
di un divino incanto
oramai esangue

23.08.2011 Poetyca


Listening to silence

Listening to silence
is getting off on tiptoe
to our internal
with muffled steps
not to make noise
because no interference
you must bring
to those inner strings
that emit sound
and fine harmony
of music heaven
that nothing and noone
must dare to break
or the symphony
has no more voice
but only a sad
hiccups remains
and the breaking hammers
of a divine spell
now bloodless

23.08.2011 Poetyca

Di fronte alle tempeste


Copia_di_6o_1024

Di fronte alle tempeste

Ogni giorno ci confrontiamo con le nostre emozioni, con il reagire, spesso giudicando,
facendo degli umori del momento una sorta di mappa per muoversi nel mondo.

Non possiamo procrastinare il viaggio, la comprensione del nostro mondo interiore,
più ci allontaniamo, ricopriamo con maschere o abiti non nostri la nostra vera essenza
e più ci allontaniamo, facendo poi molta fatica a riconoscerci davvero.
Aiutiamo gli altri quando siamo limpidi e permettiamo che ogni persona che ci avvicina possa specchiare se stessa.

La cosa principale potrebbe essere la ricerca di pace interiore, di quell’armonia che renda palese
che stiamo bene con noi stessi, non per farne una sorta di etichetta ma perchè davvero
si è superato il caos interiore. Allora aiutare gli altri è un atto spontaneo,
senza temere di essere in difetto o di cosa possano pensare.
La radice del nostro cambiamento deve essere profonda per non vacillare di fronte alle tempeste.

14.06.2014 Poetyca

In the face of storms

Every day we deal with our emotions, by reacting, often judging,
by the moods of the moment a kind of map to move in the world.

We can not postpone the trip, the understanding of our inner world,
the farther we get, we cover with our masks or clothes not our true essence
and the farther we get, then making it hard to really recognize.
We help others when we are clear, we allow each person who approaches may mirror itself.

The primary thing would be the search for inner peace, harmony so as to reveal
we are comfortable with ourselves, not to make a kind of label, but because I really
you have exceeded your inner chaos. So helping others is a spontaneous act,
without fear of being at fault or what they think.
The root of our profound change must be to not waver in the face of storms.

06/14/2014 Poetyca

Obelischi in poesia


Poesia

Il poeta credo sia consapevole di poter creare illusioni con la capacità che possiede di ” mescolare le carte” con le parole, è illusionista che dispiega trame e finisce con il credere reale tutto quello che descrive.

Che si tratti di tecnica; versi e rime disposti in un certo modo scivolano meglio alla lettura e danno opportunità di immedesimazione; o che sia il contenuto; spesso ci di dovrebbe chiedere quanto di quel che si esprime sul foglio ( nella poesia) dia il quadro del vero vissuto del poeta.
La mente o il cuore sono capaci di danzare e lasciare tracce di una realtà a volte esasperata, illusoria o volutamente contornata di immagini ingannevoli. Anche i romanzieri in fondo ( prosatori per eccellenza) sanno offrire personaggi talmente veritieri da creare l’identificaziione del lettore; eppure sono frutto di immaginazione e il sogno, l’immaginazione sono potenti mezzi per creare realtà come meglio vorremmo.
Ecco che sarebbe importante cogliere la vera personalità di chi scrive, capire dove il confine del ” creato con le parole” e dove il modo di essere dell’autore. Senza confondersi.

Ad esempio io scrivo per istinto e in forma estemporanea delle poesie come commento ad altre poesie di amici in rete; raccogliendo l’essenza di quel che leggo e ” riportandola in vita” nella risposta ma con diverse parole e con il mio stile personale; non sono poche le volte che il contenuto sia legato a ” tristezza”, questo inganna chi mi legge e mi chiede se – sto male – per me quel sentimento espresso ( che certamente nella mia vita ho conosciuto) dura solo un attimo ( è empaticamente provato ma non assimilato) e devo spiegare di stare bene. Non è volutamente inganno ma credo si debba prestare attenzione al cogliere più la persona che scrive nella sua interezza che in quel ” frammento” che ha espresso chiedendosi chi essa sia realmente ( con lucidità e senza inciampare nelle illusioni).
Quando andavo a scuola amavo la letteratura, nella biografia del poesti e prosatori, cercavo di cogliere il vissuto umano che spingesse ad esempio a esprimare determinate cose che esulassero dal contenuto della poesia stessa.
Questo per ” conoscere” il soggetto scrivente più da un profilo psicologico che come ” fatti storici e di eventi concatenati della sua vita”. Credo che sia possibile imparare a conoscere le persone anche da quel che scirvono, ma con una serie di poesie; non da una sola.

15.06.2006 Poetyca

Obelischi in poesia

Sul foglio
danzano sinuose
parole vive
– frammenti d’anima –
in misteriosi rituali
s’offrono al silenzio
portando caldi respiri

Ossimori e metafore
pennellano la mente
in immagi fluttuanti
– chiose e versi –
allagano l’orizzonte
aprendo un varco
nell’anima spiegata

Come bandiera
tra brezza o tempesta
che canta odi
al sospiro del tempo
– solfeggio del cuore –
consunto ricettacolo
d’attese e lacrime

Attimo fremente
incide memorie
scolpendo obelischi
al sentimento
– papaveri e viole –
tra rose smarrite accordando
s’elevano in sinfonie

Colore al prato
s’offre ora in petali
soavi coriandoli
macchie vibranti
– endecasillabi sciolti –
e baci di rime
respirano appena

Nuova armonia
s’esprime
– schiude corolle –
accarezza e svanisce
bevuta presenza
in sguardi attenti
di gente in lettura

15.06.2006 Poetyca

Poetry

I think the poet is aware of his ability to create illusions with the capability that has to “shuffle the cards” with the words, textures and illusions which unfolds and ends with the real believe everything he describes.

Whether it’s technical verses and rhymes arranged in a certain way to glide better read and give opportunities for empathy, or that both the content and often we should ask how much of that which is expressed on the sheet (in poetry) to give the picturethe true experience of the poet.
The mind or heart are able to dance and a trace of a reality at times exaggerated, deceptive or deliberately misleading images surround. Even novelists at the bottom (prose par excellence) can offer to create the characters so true identificaziione the reader and yet are the result of imagination and dreams, imagination are powerful tools to create reality as it sees fit.
Here it would be important to capture the true personality of the writer, to understand where the boundaries of the “created with the words” and where the author’s way of being. Without confusion.

For example, I write by instinct and in the form of impromptu poems as a comment to other poems of friends in the network, collecting the essence of what I read and “bringing it back to life” in the response but with different words and with my personal style, not there are few times that the content is linked to “sadness”, that deceives those who read me and asked me if – I’m wrong – that sentiment expressed to me (which certainly in my lifetime I have known) only lasts a moment (it emphatically tried but not taken up) and I have to explain to feel good. It is deliberately misleading and I believe we should pay more attention to seize the person who writes in its entirety in the “fragment” that gave wondering who she really is (clearly and without stumbling in the illusions).
When I was in school I loved literature, biography Poestate and prose writers, I tried to capture the human experience which would lead for example to express certain things that go beyond the content of the poem itself.
This is to “know” the person writing more from a psychological profile as “historical facts and events of his life chained.” I think it’s possible to get to know people even from what scirvono, but with a series of poems, not just one.

15.06.2006 Poetyca

Obelisks in poetry

On the sheet
sinuous dance
living words
– Fragments of soul –
in mysterious rituals
offer themselves to silence
bringing warm breaths

Oxymorons and metaphors
brush the mind
imaginary floating in
– Commentaries and verses –
flooded the horizon
opening a gap
soul explained

As the flag
between wind or storm
who sings odes
the sigh of the time
– Music theory of the heart –
worn receptacle
of expectations and tears

Quivering moment
affect memory
carving obelisks
the feeling
– Poppies and violets –
lost between giving roses
s’elevano in symphonies

Color of the lawn
offer themselves now in petals
sweet confetti
vibrant spots
– Hendecasyllables loose –
kisses and poems
just breathe

New Harmony
is expressed
– Opens flowers –
Shakes and vanishes
drunk presence
in eye care
of people in Reading

15.06.2006 Poetyca

Madre


Madre

Madre che culli il mondo
non dimenticare i tuoi figli:
Hai un sogno da realizzare

Dove l’Armonia e la Pace
sono voce che intesse
l’equilibrio tra i popoli

Dove non ha spazio
la guerra e la sopraffazione
di noi piccoli uomini

Egoisti e sordi
restiamo ciechi
ed incapaci di capire
il tuo lungo travaglio

Madre non sei sola
con te c’è chi crede
tutto possibile
con la forza del Cuore

Ti accompagna
in questa lunga attesa
chi accoglie l’alba
di un nuovo giorno

Dove realtà diventa
il tuo impalpabile sogno
e s’accende fiera
la nostra Speranza
di vita dal vero significato
d’Amore infinito

07.02.2012 ®Poetyca

.-.-.-.-.-.

Mother

Mother who cradles the world
Do not forget your children:
you have a dream to  realize

Where the Harmony and Peace
It is the voice that weaves
the balance between the peoples

Where no space
war and oppression
of us little men

Selfish and deaf
we remain blind
and unable to understand
Your long labor

Mother you are not alone
with you some people that believe
quite possible
with the force of the Heart

accompanies you
in this long wait
that welcomes the sunrise
a new day

Where reality becomes
Your endless dreams
kindled and fair
our Hope
from the true meaning of life
of infinite Love

07.02.2012 ®Poetyca