Archivio | 23/07/2018

Consapevolezza


Consapevolezza

Non esistono parole
e il silenzio
ha superato ogni confine
– Consapevolezza –
Non una sola parole ancora
non un solo istante sprecato
ma un vivere ad ali aperte
per sentire che tutto è possibile
se ti fermi soltanto ad ascoltare
e la corrente l’attraversi
restandone al centro
– fermo a respirare –
la vorticante magia
che vive senza nulla dire

17.10.2003 Poetyca

 

Awareness

There are no words
and silence
has exceeded all boundaries
– Awareness –
Not a single word yet
not a moment wasted
but a living with open wings
to feel that anything is possible
only if you stop to listen
and the current cross
remain central to
– stop breathing –
the swirling magic
who lives with nothing to say

17.10.2003 Poetyca

Smorzati pensieri


smorzati pensieri

Smorzati pensieri

Punta i tuoi occhi
al cuore
cerca voci
falle tacere
Dondolano pensieri
precipitano
come foglie
autunnali
Trapunte di stelle
ricoprono
soffici
mulinelli di parole
Accogli l’attimo
abbraccia lo spazio
senza più domande
in infinito amore

25.04.2013 Poetyca

Damped thoughts

You point your eyes
at the heart
you seeking voices
  you make them shut up
Thoughts are swinging
they precipitate
such as leaves
of the autumn
Quilts of stars
cover
soft
whirlwinds of words
You Accept the moment
you embraces space
no more questions
in infinite love

25.04.2013 Poetyca

La persona vera


La persona vera, 
non è qualcuno in particolare.

Ma come il colore blu profondo,
del cielo infinito, 
è chiunque, 
ovunque nel mondo.

Maestro Dogen 1200-1253

The true person,
is not anyone in particular.

But as the deep blue color,
the endless sky,
has anyone,
anywhere in the world.

Master Dogen 1200-1253

Un nuovo mondo


un nuovo mondo

Un nuovo mondo

Immaginando
costruisco
un nuovo mondo:
La pace ė il mio sogno
edificata d’amore vero
Il rispetto il suo linguaggio
La compassione il tao

15.04.2016 Poetyca

A new world

picturing
I build
a new world:
Peace is my dream
built of true love
Respect its language
Compassion tao

04/15/2016 Poetyca

Amami come sei


Gesù parla a un’anima

“Amami come sei”

Di Monsignor Lebrun

Caro amico, conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo.
So la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso: “Dammi il tuo cuore, amami come sei…”
Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all’Amore, non amerai mai.
Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, e se ricadi in quelle colpe che vorresti non commettere più: non ti permetto di non amarmi.
Amami come sei …
In ogni istante e in qualunque situazione tu sia, nel fervore o nell’aridità, nella fedeltà o nella infedeltà, amami come sei …
Voglio l’amore del tuo povero cuore; se aspetti di essere perfetto, non mi amerai mai.
Non potrei forse fare di ogni granello di sabbia un serafino radioso di purezza, di nobiltà e di amore ?
Non sono forse io la Verità e la Vita in seno all’Onnipotente?
E se mi piace lasciare nel nulla quegli esseri meravigliosi e preferire il povero amore del tuo cuore, non sono io padrone del mio Amore ?
Figlio mio, lascia che ti ami, voglio il tuo cuore.
Certo voglio col tempo trasformarti ma per ora ti amo come sei…
e desidero che tu faccia lo stesso; io voglio vedere dai bassifondi della miseria salire l’amore. Amo in te anche la tua debolezza, amo l’amore dei poveri e dei miserabili; voglio che dai tuoi cenci salga continuamente un gran grido “Gesù Ti Amo”.

Voglio unicamente il canto del tuo cuore, non ho bisogno né della tua scienza, né del tuo talento.

Una cosa sola m’importa, di vederti lavorare con amore.
Non sono le tue virtuosità che desidero; se tu ne avessi troppe; sei così debole che potrebbero alimentare la tua superbia e il tuo orgoglio.
Non ti preoccupare di questo.
Ogni nato è destinato al grande bene.
No, non sarai il servo inutile; ti prenderò per mano con il poco che hai…
perché sei creato soltanto per accrescerti e trasformarti.
Oggi sto alla porta del tuo cuore come il mendicante, Io il Re dei Re!

Busso e aspetto; affrettati ad aprirmi: Non farti alibi delle tue miserie interiori.
Se tu conoscessi perfettamente i falli e le tue omissioni: morresti di dolore.
Ciò che mi ferirebbe il cuore sarebbe di vederti dubitare di me e mancare di fiducia.

Voglio che tu pensi a me ogni ora del giorno e della notte; voglio che tu faccia anche l’azione più insignificante, ma per amore, solo per amore.
Conto su di te per darmi gioia…
Non ti preoccupare di non possedere virtù: ti darò le mie.
Quando dovrai soffrire, ti darò la mia forza.
Mi hai dato l’amore, ti darò di saper amare al di là di quanto puoi sognare…
Ma ricordati … Amami come sei …
Ti ho dato mia Madre; fa passare in te la sua purezza
e il suo immenso cuore, per esserci anche tu nel nuovo Mondo !
Qualunque cosa accada, non aspettare di essere santo per abbandonarti all’amore, non mi ameresti mai … Và

@@@@@

Jesus speaks to a soul
Love me as you are:
By Mons. Lebrun

Dear friend, I know your misery, battles and tribulations of your soul, weakness
and infirmity of your body.
I know your cowardliness, your sins and shortness;
even though I tell you: “give me your heart, love me as you are”.
If you wait to be an angel so you abandon to love, you’ll never love me.
Even if you are coward doing practise of one’s duty and practise virtue,
and if you fall often in that blames that you never more would commit:
I will not allow you not to love me.
Love me as you are.
In each moment and in each situation, in aridity or in ardour,
in faithfulness or in unfaithfulness love me as you are…
I want your heart’s indigent love:
If you wait to be perfect so you love me, you’ll never love me.

Couldn’t I, perhaps, of all grain of sand make a Seraph radiant of purity,
of nobility and love ?

Am I not the Truth and Life inside the Omnipotent?

And if I like can I let live into the nothing that magnificent beings
and prefer the poor love of your heart; don’t am I the landlord of My Love ?
Dear son, Let me love you, I want your heart.
I would like to shape you.
Certainly I want with time to transform you, but meanwhile
I love you as you are…
and I wish that you do the same;
I want to see from the bottom of your misery love rises up.

Inner you, I love, also, your weakness.
I like the Poor’s and miserables love:
I want that from neediness comes out continuously yell: “Lord, I love you!”

What’s matters me is your heart’s chant.
I do not neither your Science nor your talent.

One things only is important for Me: to see you work with Love.
Is not your virtuosity that I desire, if you have a lot of it,
you should so weak that virtuosity will support your pride and arrogance.

Do not worry about it.
Every one is predestined to make great good.
No, you will not the superfluous servant; I will seized you by hand with little you have…
because you are created only to augment and transform yourself.
Today I stand on your heart’s door as a beggar, me, the Lord of Lords!

I Knock and I wait: hurry up and open to me: do not worry about your inner poorness.
If you should knows perfectly the falls and your omissions: you should dead of grief.
One thing can trespasses my heart: your doubts and your distrust in me.

I want you to think to me in each hour of the day and night;
I want you to accomplish even the smallest and insignificant action for love; only for love.
I reckon on you to give me Joy…
Don’t worry do not posses virtues: I will give you mine.
When have to suffer I’ll give strength.
You gave me love, I will give you to know love beyond you can dream.

But remember… “Love me as you are”.
I gave you My Mother, let cross inside you Her purity
and Her immeasurable heart, to be you too in the new World !
Whichever things happens, don’t wait to be a
saint to abandon yourself to love, you will not love never…

Let’s go …

Oltre il confine


wpid-wp-1446998466043.jpeg

Oltre il confine

Ti lascio ammirare
in fondo agli occhi
cercare
oltre il confine
questo mio cuore
e con te raccogliere
stille di vita

24.11.2015 Poetyca

Over the border

I let you admire
in his eyes
search
over the border
this heart of mine
and you collect
drops of life

11/24/2015 Poetyca

Intelligenza e creatività


🌸Intelligenza e creatività🌸

Con intelligenza si risolvono problemi pratici attraverso
i mezzi a disposizione,
ricordando quanto
si è reso utile
nella propria esperienza
o attraverso il racconto
di altri,che con competenza mostrano l’uso di oggetti.

Con creatività si porta innovazione attraverso
l’uso di pochi mezzi
e si segna una nuova strada.
Gli oggetti possono essere reinterpretati,la fantasia aiuta.

Intelligenza e creatività permettono di vedere
oltre le convenzioni,
portano novità.

14.07.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Intelligence and creativity

With intelligence we solve practical problems through
the means available,
remembering how much
it has been useful
in their own experience
or through the story
of others, who with competence show the use of objects.

With creativity we bring innovation through
the use of a few means
and it marks a new road.
Objects can be reinterpreted, fantasy helps.

Intelligence and creativity allow us to see
beyond the conventions,
they bring news.

14.06.2018 Poetyca

Un altro sogno


Mi piace · Commenta

Un altro sogno

Ogni volta che ti trovo
poi io ti perdo
io so che se allungo
la mia mano
mi accorgo
di questo miraggio

Ogni parola
coltivata dentro
sussurrata nel vento
vorrei arrivasse
con un volo leggero
dritta nel tuo cuore

Ogni volta
provo a dimenticare
a tenere il passo lontano
dal passato
da quel che è stato
ma tu ritorni

Ogni volta
tu sei come onda
pronta ad accarezzare
la riva in attesa
di emozione
di nuove conferme

Ogni volta
potrebbe essere l’ultima
inghiottita
in una notte senza stelle:
Eppure attendo
come si attende un altro sogno

07.06.2014 Poetyca

Another dream

Every time I find you
then I will lose
I know that if extension
my hand
I realize
This mirage

Every word
cultivated in
whispered in the wind
I would like to come
with a light flight
straight into your heart

Every time
I try to forget
to keep pace away
from the past
from what has been
but thou return

Every time
you’re like wave
ready to stroke
the shore waiting
of emotion
new confirmations

Every time
may be the last
swallowed
in a night without stars:
I yet look
as you wait another dream

06/07/2014 Poetyca

Diapositive


Diapositive – 09.10.2002

Vorrei accarezzare
le tue tempeste
e distendere
l’increspare d’onde

Ascoltare i moti
di tutto il tuo essere
e farmi travolgere

Su perduti orizzonti
raccogliere
come conchiglie
i tuoi pensieri

Con eco infinite
sospirare ancora
le tue parole

Solo nei colori
di perduti tramonti
rivestire di fragranza
il tuo ultimo sogno

Diapositive
di un passato mai colto
nutrono i frammenti del divenire


© Poetyca

Uscire dalla gabbia


 

Uscire dalla gabbia

Ci è stato insegnato a considerare noi stessi come dei contenitori vuoti, che hanno bisogno di essere gradatamente riempiti. A questo pensano la religione, l’educazione e i tanti condizionamenti che riceviamo in continuazione dalla società e, in generale, dall’ambiente che ci circonda. «Non far questo perché è peccato». «Non dire quello perché non sta bene». «Non fare quell’altro perché è sconveniente».

Quante proibizioni riceviamo fin dall’infanzia! E quante ingiunzioni a fare invece tante altre cose, soltanto perché la morale comune, la moda, l’etichetta, gli usi e costumi richiedono quel determinato comportamento. Siamo come ingabbiati, imprigionati in una rete di “fare” e “non fare”, “dire” e “non dire”, perfino “pensare” e “non pensare”.

Questa rete è stata costruita da altri esseri umani che si sono arrogati il diritto di decidere, stabilire certe norme e sono stati poi così in gamba da farsi ubbidire un po’ da tutti. Così sono nate le consuetudini di vita comune, sia a livello fisico che psicologico e perfino spirituale. Siamo in prigione e ci siamo ormai abituati così bene al nostro stato di prigionieri che non pensiamo neppure alla possibilità di essere liberi padroni di noi stessi e delle nostre scelte.

Tratto da “Il Pensiero Positivo” — di Anthony De Mello

Out of the cageWe have been taught to regard ourselves as empty containers, which need to begradually filled. To think that religion, education and the many influences thatcontinually receive from society and, in general, the environment that surrounds us.”Do not do this because it is sin.” “Do not say that because it is not good.” “Do not do that other because it’s inconvenient.”

How many prohibitions we receive from childhood! And how many injunctions to domany other things instead, only because the common morality, fashion, etiquette,customs and traditions require that specific behavior. We’re like caged, imprisonedin a network of “doing” and “don’ts”, “say” and “say no”, even “think” and “not thinking”.

This network was built by humans who have arrogated to themselves the right to decide, to establish certain standards and have been so good to be obeyed a bit ‘all. Thus arose the custom of common life, both physically and psychologically and even spiritually. We are now in jail and we used so well to our state of the prisoners who do not even think about the possibility of being free, masters of ourselves and our choices.

Taken from “The Positive Thinking” – by Anthony De Mello

Quando non succede niente


wpid-wp-1446664713021.jpeg

Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più.

Tiziano Terzani

There are days in life when nothing happens, the days that pass with nothing to remember, without a trace, as if they were lived. On second thought, most days are like that, and only when the number of those that we have left is clearly limited, we wonder how we could possibly have let slip by unnoticed, many. But we’re made only after we appreciate the first and only when something is in the past you are more aware of how it would be in the present. But there is more.

Tiziano Terzani

Tutto è


Tutto è

Tutto è
dove tu non vai a cercare:
frammento di stella
che illumina la notte
da dentro al cuore
Respiro di un alba senza tempo
che accarezza con la luce
ogni sogno e speranza

08.02.2011 Poetyca

Everything is

Everything is
where you do not go to look for:
Star Bits
that lights the night
from inside the heart
Breath of dawn without a time
caressing with light
every dream and hope

08.02.2011 Poetyca

Semplicemente amore


semplicemente amore

Semplicemente amore

Noi siamo onde
leggera carezza
in aliti di vita
Forza e ricchezza
senza tempo
dove tutto si rinnova
Adesso e per sempre
nella gioia dell’essere
semplicemente amore

28.04.2013 Poetyca

Simply love

We are waves
light caress
in breaths of life
Strength and wealth
timeless
where everything is renewed
Now and forever
in the joy of being
simply love

28.04.2013 Poetyca

 

Tratti su tratti – Traits on stretches


🌸Tratti su tratti🌸

Tratti su tratti
nel disegno
della vita
Strada continua
senza interruzione
E non trovi sempre
il senso
Lo cerchi
e ti confondi
Ma domani
arriva
senza rumore

11.07.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Traits on stretches

Traits on stretches
in the drawing
of life
Continuous road
without interruption
And you do not always
find the sense
You look for it
and you get confused
But tomorrow
arrives
without noise

11.07.2018 Poetyca

Qualcosa di bello – Something beautiful – Goethe


🌸Qualcosa di bello🌸

Puoi costruire
qualcosa di bello
anche con le pietre
che trovi
sul tuo cammino.

J. W. Goethe
🌸🍃🌸
🌸Something beautiful

You can build
something beautiful
also with stones
that you find
on your way.

J. W. Goethe

Una perla al giorno – Bhagavad-Gita


mandala c

Tutti gli esseri umani,
benché apparentemente
camminino su sentieri divergenti,
tendono a un unico obiettivo:
l’Autorealizzazione.

Bhagavad-Gita

All human beings,
although apparently
to walk on divergent paths,
They tend to a single goal:
Self-realization.

            Bhagavad-Gita