Archivio | 18/08/2018

Regina della notte


Regina della notte

La regina della notte
osserva pigra
con la sua luce riflessa
cambia abito – scompare-
s’arrossa per schernire il tempo
S’ecclissa e si fa bella
per rendere preziosa la sua presenza

Si specchia nel mare e s’ inabissa
sinuosa danza specchiata sulle onde
ed è allora che qualcuno – un cuore romantico –
la vuole donare come per un sogno magico
Gioco allora con le onde e per prenderla
la faccio disciogliere tra le acque
mi lambiscono liquide e ne sento la carezza
allungo una mano e tra le gocce d’acqua
stanotte anche lei mi è compagna

Non la vedo più in cielo
è gocciolata via e tra le ciglia
è lei : la luna che ancora m’illumina

09.11.2003 Poetyca


Queen of the Night

The Queen of the Night
Notes lazy
with its reflected light
dress change – disappearing-
jet red to mock the time
coming in a eclisse and gets better
valuable to make its presence

Is reflected in the sea and s’ sinks
sinuous dance mirrored on the waves
and then someone – a romantic heart –
wants to give as a magic dream
Then play with the waves and take
I can dissolve in water
lick me cash and I feel the caress
Reach in between the raindrops
Tonight she is my girlfriend

I no longer see the sky
is dripped by and between the lashes
She is the moon still enlightens

09.11.2003 Poetyca

Amare


wp-1466604684524.png

Amare

L’Amore non abita nella mente

“Finchè esiste attività della mente, di sicuro
non può esservi amore.
Quando ci sarà amore, non avremo problemi sociali.
Ma l’amore non è una cosa che viene acquisita.
La mente può cercare di acquisirlo, come un nuovo pensiero,
un nuovo gadget, un nuovo modo di pensare;
ma la mente non può trovarsi in uno stato d’amore
finchè il pensiero sta acquisendo l’amore.
Finchè la mente cerca di essere in uno stato di non avidità,
certamente è ancora avida, o no?
Allo stesso modo, finchè la mente spera, desidera e si esercita
per essere in uno stato in cui ci sia amore,
sicuramente nega questo stato”

Jiddu Krishnamurti – La ricerca della felicita’

Amare non è qualcosa che si accende e si spegne con un timer ben programmato,
non è una serie di opzioni che gli altri devono saper mostrare dove si sceglie
su un catalogo la persona che potrebbe essere migliore per noi: che offre le migliori
prestazioni alla nostra pressante richiesta. Per fortuna l’amore è ancora inattaccabile
da questa corsa alla ricerca di consumismo e di produzione. Chi sta ancora cercando
un amore che riempie il vuoto è chi non ha compreso che quel vuoto interiore
non ha bisogno di un tappo dallo esterno ma di attenzione profonda dall’interno.

Amare è seguire una strada che ha un cuore…per donare se stessi senza paura.

16.05.2011 Poetyca

To love

Love do not live in the mind

“As long as there is activity of the mind, for sure
there can be no love.
When there is love, we will not have social problems.
But love is not something that is acquired.
The mind can try to acquire it, as a new thought,
a new gadget, a new way of thinking;
but the mind can not be in a state of love
until the thought is gaining love.
As long as the mind tries to be in a state of greed,
is certainly still hungry, or not?
Similarly, until the mind hopes, desires and practices
to be in a state where there is love,
certainly deny this state “

(Jiddu Krishnamurti – The Pursuit of Happyness’)

Love is not something you turn on and off with a well-programmed timer,
not a series of options that the others must be able to show where
you click on a catalog that the person might be better for us: that
offers the best performance to our urgent request. Fortunately, the love
is still resistant to this race in search of consumption and production.
Who is still looking for a love that fills the void is the one who did
not understand that this emptiness does not need a cap of attention
from the outside but deep inside.

To love is to follow a path with heart … to giving of themselves without fear.

16.05.2011 Poetyca

L’invito


“L’invito” – di Oriah Mountain Dreamer

(Tratto dal libro “L’invito” di Oriah Mountain Dreamer )

————————-

“Il mio invito, la sfida che vi lancio, è un viaggio in un’intimità più
profonda con il mondo e con la vostra vita…”

Non mi interessa sapere come vi guadagnate la vita.

Voglio sapere che cosa vi fa spasimare e se osate sognare l’incontro con
l’anelito del vostro cuore.

Non mi interessa sapere quanti anni avete.

Voglio sapere se accettereste il rischio di fare la figura degli stupidi per
amore, per il sogno, per l’avventura di essere vivi.

Non mi interessa sapere quali pianeti sono in quadratura con la vostra luna.

Voglio sapere se siete arrivati al nucleo della vostra sofferenza, fino a
toccarla; se i tradimenti della vita vi hanno fatto sbocciare, o se vi siete
inariditi e chiusi in voi stessi per paura di altro dolore.

Voglio sapere se riuscite a restare in compagnia del dolore, il mio e il
vostro, senza cercare di nasconderlo, di cancellarlo o di farlo tacere.

Voglio sapere se sapete essere con la gioia, la mia o la vostra, se siete
capaci di danzare con frenesia e farvi colmare dall’estasi, da cima a fondo,
senza esortare all’attenzione, a stare con i piedi per terra, senza
ricordare i limiti dell’essere umani.

Non mi interessa sapere se la storia che mi raccontate è autentica.

Voglio sapere se riuscite a deludere un’altra persona per amore di
autenticità verso voi stessi; se riuscite a sopportare l’accusa di
tradimento senza tradire la vostra anima; se riuscite a essere infedeli e
per questo affidabili.

Voglio sapere se riuscite a vedere la bellezza ogni giorno, anche quando non
è piacevole, e se la sua presenza è fonte di ispirazione per la vostra vita.

Voglio sapere se potete vivere con il fallimento, il vostro e il mio, e
riuscire tuttavia, fermi sul bordo del lago, a gridare al plenilunio
d’argento il vostro: “Sì”.

Non mi interessa sapere dove vivete o quanti soldi avete.

Voglio sapere se, dopo una notte di angoscia e disperazione, esausti e con
le ossa a pezzi, riuscite ad alzarvi la mattina e a fare ciò che è
necessario per nutrire i vostri figli.

Non mi interessa sapere chi siete o come siete giunti sin qui. Voglio sapere
se resterete con me nel centro del fuoco senza tirarvi indietro.

Non mi interessa sapere dove o che cosa o con chi avete studiato. Voglio
sapere che cosa, dentro di voi, vi sostiene quando tutto il mondo crolla.

Voglio sapere se riuscite a stare soli con voi stessi e se davvero amate
quel senso di compagnia che riuscite a conservare nei momenti vuoti.


It doesn’t interest me what you do for a living. I want to know what you ache for and if you dare to dream of meeting your heart’s longing.

It doesn’t interest me how old you are. I want to know if you will risk looking like a fool for love, for your dream, for the adventure of being alive.

It doesn’t interest me what planets are squaring your moon. I want to know if you have touched the centre of your own sorrow, if you have been opened by life’s betrayals or have become shrivelled and closed from fear of further pain.

I want to know if you can sit with pain, mine or your own, without moving to hide it, or fade it, or fix it.

I want to know if you can be with joy, mine or your own; if you can dance with wildness and let the ecstasy fill you to the tips of your fingers and toes without cautioning us to be careful, be realistic, remember the limitations of being human.

It doesn’t interest me if the story you are telling me is true. I want to know if you can disappoint another to be true to yourself. If you can bear the accusation of betrayal and not betray your own soul. If you can be faithless and therefore trustworthy.

I want to know if you can see Beauty even when it is not pretty every day. And if you can source your own life from its presence.

I want to know if you can live with failure, yours and mine, and still stand at the edge of the lake and shout to the silver of the full moon, ‘Yes.’

It doesn’t interest me to know where you live or how much money you have. I want to know if you can get up after the night of grief and despair, weary and bruised to the bone and do what needs to be done to feed the children.

It doesn’t interest me who you know or how you came to be here. I want to know if you will stand in the centre of the fire with me and not shrink back.

It doesn’t interest me where or what or with whom you have studied. I want to know what sustains you from the inside when all else falls away.

I want to know if you can be alone with yourself and if you truly like the company you keep in the empty moments.


Vero amore – True love


🌸Vero amore🌸

Sono stelle
in cielo
sparse
palpiti
e speranze
ad illuminare
la notte
di chi
non teme
Sono matasse
distese
su assi
malinconie
e ricordi
dove il sole
accoglie
ed asciuga
ferite antiche
Siamo noi
cuori
in tempesta
e vele
strappate
ad amare
per sempre
i doni inespressi
di vero amore

11.08.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸True love

They are stars
in the sky
spread
heartbeats
and hopes
to illuminate
the night
whose
he does not fear
They are skeins
stretched
on boards
melancholy
and remember
where is the sun
welcomes
and dry
ancient wounds
We are
hearts
in storm
and sails
torn
to love
forever
the unexpressed gifts
of true love

11.08.2018 Poetyca

Gocce


Gocce

Gocce ed essenza
respiro ed immenso
sogno e presenza
e da una piccola stilla:
tutto è vita

17.11.2003 Poetyca

Drops

Drops and essence
breath and immense
dream and presence
and in a small drop:
everything is life

17.11.2003 Poetyca

Speranza – Hope


🌸Speranza🌸

La speranza è fiore,
del quale non sempre
ci si accorge,sino a quando,
d’improvviso,profuma l’aria
e ci svela la sua presenza.

11.08.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Hope

Hope is a flower,
of which not always
one notices, until when,
suddenly, it smells the air
and reveals his presence.

11.08.2018 Poetyca