Archivio | 02/10/2018

Sulla scia di stelle


Sulla scia di stelle

Sono stanca
di questo statico andare
tra sagome di cartone
senza occhi
senza cuore
dove le parole sono pretesto
per imbellettare il viso
dove si ruba l’essenza
a chi è sempre stato onesto
nel dirigere la rotta
all’interno dell’anima

Sono sbiadite tutte le bandiere
che si agitano al vento
senza una vera opinione
un vero tesoro da dare
troppe le apparenze
per attirare le mosche
che senza discernimento
accolgono tutto
e l’esatto contrario
senza capire
lo stato di contraddizione

Ma che mondo è questo?
Non lo specchio del mio sentire
io ho altre scelte da fare
percorsi e ricami di cielo
che non restano cementati
tra rovine di cartone
– palcoscenico antico –
di questo teatro senza regia
figlio del caos e della confusione
disarmonia blasfema
che separa invece di unire

Davanti a me
il viaggio continua
in perenne ricerca
di note ed ottave
per ricucire lo strappo
di questo vagare
oltre apparenze e fumo
dove nulla e come appare
nel gioco di specchi
di gente miope
con il dito da puntare

Ricordi e frammenti
di questo mosaico infinito
sono raccolta di pezzi
per la storia che ricompone
– Unità e Bellezza –
su armonie celesti
dove nulla si separa
dalla Fonte di VIta
sulla scia di stelle
che accompagna a casa
Tu dammi la mano è tempo di andare

29.06.2011 Poetyca

In the wake of stars

I’m tired
to this static going
between cardboard cutouts
eyeless
heartless
where words are a pretext
to rouge on the face
where it steals the essence
to those who has always been honest
in directing the course
within the soul

Have all faded flags
flapping in the wind
without a real opinion
a real treasure to give
too many appearances
to attract the flies
that indiscriminately
all welcome
and the exact opposite too
without understanding
the state of contradiction

What world is this?
Not the mirror in the my feelings
I have other choices to make
paths and embroidery of the sky
that are not cemented
among the ruins of cardboard
– Old stage –
of this theater without director
son of the chaos and confusion
blasphemous disharmony
that separates rather than unites

Before me
the journey continues
in perennial search
of notes and eighth
to mend the rift
of this wandering
beyond appearances and smoke
where nothing is as it seems
in the game of mirrors
myopia of people
the finger to point

Memories and fragments
of this infinite mosaic
are collection of pieces
for the history that recomposes
– Unity and Beauty –
on celestial harmonies
where nothing separates
from Source of Life
in the wake of stars
that carry to home
You give me your hand it is time to go

29.06.2011 Poetyca

In richiamo


In richiamo

Sospeso in un solo respiro
è quel senso di evanescenza,
dove tutto è richiamo,
indicazione di un meraviglioso attimo
che vissuto – qui ed ora – ripete
l’armonia di gesti e di ricerca viva.

14.08.2008 Poetyca


In callback

Suspended in one breath
is that sense of evanescence,
where everything is decoy,
indication of a wonderful moment
who lived – here and now – repeat
the harmony of gestures and research alive.

14.08.2008 Poetyca

Silenzio – Silence


Silenzio

Il silenzio è luogo sincero
dove tutto è collegato
in un cuore armonico:
passo dopo passo
momenti avvolgenti
in un quadro di vita vera

Armonia e pace

Poetyca

Silence

Silence is true place
where all is connected
in a harmonic heart:
step by step
it wrap up moments
in a painting true life

Harmony and peace

Poetyca

Gabbiano


Gabbiano

Aprendo le ali ,accarezzi il cielo,
riporti del volo tutta l’armonia…
Insegui mulinelli e plani
perchè sei gabbiano
che il turbinar del vento
ormai conosce

Ti distacchi da terra
in un sol momento
e t’accompagnano visioni
che altri non sfiorano

Ma a volte è dura
la lotta per restare
sospeso
con il tuo far leggero
e la furia
ti ferisce l’anima
ma non temere
il vento è amico
e mai abbandona
chi poi sostiene

12.12.2003 Poetyca

Gull

Opening the wings touch the sky,
overs of the flight all the harmony …
Follow eddies and plan
because you gull
that the wind turbine
now knows

We detachments from the ground
in a single moment
and with thee visions
that others will not touch

But sometimes it’s hard
the struggle to remain
suspended
with your light to
and the fury
it hurts the soul
but fear not
The wind is your friend
and never leave
who then submits

12.12.2003 Poetyca

D’infinito errare


D’infinito errare

Un pensiero non ha
occhi o mani
ma vola libero nell’aria
e con leggerezza
sa essere discreta presenza
che bussa e porta
sorriso per te

Alitano tra
i colori del giorno
respiri intensi
di vita
– magie impalpabili –
che donano senso
ai sorrisi d’anime viandanti

Si schiudono ora
i miei petali d’alba
Sopraggiunti istanti
sono armonia
in note d’infinito
– inscindibile emozione-
che percorre intrecci d’universo

25.11.2003 Poetyca

On the endless wandering

A thought has not
eyes or hands
but fly free in the air
and lightly
knows how to be discreet presence
door knocking and
smile for you

Breathing between
the colors of the day
Deep breaths
Life
– intangible magic –
that give meaning
the smiles of souls travelers

Hatch hours
my petals of dawn
Arrived moments
harmony are
notes in the infinite
– inseparable emotion-
that runs through plots of the universe

25.11.2003 Poetyca

Canto – Sing


🌼Canto🏵️

Il silenzio
è canto
con note
udibili
solo dal cuore
Il silenzio
è danza
su stelle
in tutte
le stagioni
Il silenzio
è abbraccio
oltre le parole
su gocce
d’emozione

23.09.2018 Poetyca
🌼🌿🏵️
🏵️Sing

Silence
is singing
with notes
audible
only from the heart
Silence
it’s dance
on stars
in all
seasons
Silence
it’s hug
beyond words
on drops
of emotion

09.23.2018 Poetyca
#Poetycamente

Seminatori


Seminatori

Siamo noi stessi che caduti nella dualità separiamo più che unire;
giudichiamo più che accogliere e questo muro invisibile;
questa protezione è in realtà la nostra stessa prigione.

Trovare il proprio Sé, la capacità di non fuggire
seguendo la mente che distorce e distoglie dal suono del silenzio;
dalla nostra armonia, è poter raccogliere quel prezioso tesoro
che abbiamo seppellito nel nostro giardino ed andiamo a cercare altrove:
non serve un intellettualismo sterile; non servono nozioni che confondono;
serve il coraggio di ascoltarsi, di allargare il cuore e manifestare quel
che per troppo tempo è stato soffocato.

Questo è da ” seminatori ” instancabili che, semplicemente
vedono oltre le apparenze ed amano il viaggio della Vita;
spargono il seme d’Amore perché è quanto sentono.
Non cercano gratificazioni; poteri e abilità;
la vera via è spogliarsi di condizionamenti; di artifici ed essere
se stessi senza timore.

Il sentiero siamo noi …

 



© Poetyca

 

Sowers

We ourselves have fallen into duality separate rather than unite;
judge more than welcome and this invisible wall;
this protection is a reality of our own prison.

Finding one’s self, the ability not to flee
according to the mind distorts and distracts from the sound of silence;
our harmony, is to collect that precious treasure
we have buried in our garden and we go to look elsewhere:
do not need a sterile intellectualism, not concepts that are confusing;
need the courage to listen, to expand the heart and show that
that has been stifled for too long.

This is by “seeding” tireless that simply
see beyond appearances and love the journey of life;
sowing the seeds of love because it’s what they hear.
They do not seek rewards, powers and abilities;
is the true way to divest himself of conditions, of artifice and be
themselves without fear.

We are the path …

© Poetyca