Archivio | 13/10/2018

La mente della meditazione


Riflettendo…

La Riflessione

Non ci sarebbe alcuna possibilità di comprendere la morte se si manifestasse una volta soltanto.
Ma, fortunatamente, la vita altro non è che una continua danza di nascita e morte, una danza di mutamento.

Ogni volta che odo lo scorrere di un ruscello di montagna, o le onde infrangersi sulla riva del mare,
o i battiti del mio cuore, percepisco il suono dell’impermanenza.

Questi mutamenti, queste piccole morti, sono i nostri collegamenti viventi con la morte.
Sono tutti pulsazioni della morte, i battiti del cuore della morte,
che ci suggeriscono di lasciar andare tutte le cose a cui siamo attaccati.

Sogyal Rinpoche

——————————-

Per andare avanti
nel percorso della vita,
nella consapevolezza
dell’evoluzione delle cose
è necessario morire a se stessi.

A nulla serve restare aggrappati
allo scoglio delle convinzioni;
quanto tutto muta tra le onde del tempo.

E’ necessario imparare a nuotare
a rendersi flessibili
ed essere pronti al nuovo che avanza,
per essere alito di vita e battito
di un cuore grato – qui ed ora –
per quanto è stato capace
di vivere e con armonia accogliere,
senza nulla aspettarsi,
quanto la vita sa offrire
o il privarci di ogni punto fermo
che ci dava sicurezza.

Poetyca

——————————-

L’insegnamento

La Mente della Meditazione

Più conosciamo il Dhamma, meglio possiamo verificare se stiamo seguendo le sue linee guida.
Non c’è alcuna colpa legata ad una nostra incapacità di farlo.
Ma il minimo che possiamo fare è conoscere queste linee guida e sapere dove stiamo sbagliando.

Dopo di che, pratichiamo per avvicinarci sempre di più alla realtà pura,
fino a che, un giorno, “saremo” realmente il Dhamma.

Ayya Khema

——————————–

La consapevolezza di essere
quel che siamo: in armonia
o distanti da essa, nasce dalla capacità
di guardare nel profondo
le nostre azioni e le cause di esse.

Dall’osservazione di ogni azione
o reazione agli eventi,
possiamo ricondurci al riconciliarci
con la leggerezza e la fonte del nostro benessere,
riequlibrando la via e le nostre azioni
verso amorevolezza e compassione
per noi stessi e gli altri.

Dhamma è tempo vivo, attimo per attimo,
non solo precetti e regole morte,
è via incisa che alimenta il senso
del nostro esiste – qui ed ora –
in vibrante presenza che ci abbraccia
e ci attraversa come alito di vita.

Dhamma è percorso che offre
senso ed equlibrio a tutte le cose
che si muovono e si evolvono
nel tempo presente, in riflesso di armonia.

Poetyca

——————————-

Reflecting …

Reflection

There would be no possibility of understanding the death if they experience only once.
But, fortunately, life is nothing but a continuing dance of birth and death, a dance of change.

Whenever I hear the rushing of a mountain stream, or waves crashing on the shore of the sea,
or the beating of my heart, I perceive the sound of impermanence.

These changes, these little deaths, are our living links with death.
They are all the dead beats, beats the heart of death,
we suggest to let go of all the things we are attached.

Sogyal Rinpoche

——————————-

To move forward
in the path of life,
in awareness
evolution of the things
you must die to self.

It does not help clinging
the rock of convictions;
As everything changes between the waves of time.

It ‘must learn to swim
to become flexible
and be ready for that new advances,
to be the breath of life and heart
a grateful heart – here and now –
as he was able
to live harmoniously and accommodate,
without expecting anything in return,
what life can offer
or deprive us of every fixed point
that gave us security.

Poetyca

——————————-

The teaching

The Mind of Meditation

The more we know the Dhamma, the better we can see if we are following its guidelines.
There is no guilt tied to our failure to do so.
But the least we can do is to know these guidelines and know where we go wrong.

After that, we practice to get closer and closer to reality pure,
until, one day, “we” really the Dhamma.

Ayya Khema

——————————–

The awareness of being
what we are: in harmony
or distant from it, lies in the capacity
to look deep
our actions and causes of them.

Observation of any action
or reaction to events,
can lead us to reconcile
with the lightness and the source of our prosperity,
riequlibrando the way and our actions
kindness and compassion towards
for ourselves and others.

Dhamma is live time, moment by moment,
precepts and rules not only death,
engraved on it that feeds the sense
our there – here and now –
in vibrant presence that embraces us
and through us as the breath of life.

Dhamma is the path that offers
sense and BALANCE in all things
that move and evolve
at the present time, in reflection of harmony.

Poetyca

09.05.2009 Poetyca

Testi tratti da:


Il Fiore di Bodhidharma

Universo


light

Universo

Piccole gocce
colore ed essenza
le trovi in Tutto
e da Tutto
offrono dono
Amore ed Armonia
in una danza eterna
instillano linfa
in ogni luogo
di questo vibrante Universo

16.04.2014 Poetyca

Universe

small drops
color and essence
All are in the
and Everything
give a gift
Love and Harmony
in an eternal dance
instill sap
everywhere
This vibrant Universe

04/16/2014 Poetyca

Il viaggio dentro di Sè


7

Il viaggio dentro di Sè

L’amore è la capacità di prendersi cura, al fine di proteggere, nutrire. Se non siete in grado di generare questo tipo di energia verso voi stessi – se non siete in grado di prendervi cura di voi stessi, di nutrire voi stessi, di proteggere voi stessi – è molto difficile prendersi cura di un’altra persona.

Maestro zen Thich Nhat Hanh

Il viaggio interiore inizia spesso da un sentimento di inadeguatezza, da un disagio nel confronto con gli altri, quando ci accorgiamo che quanto viviamo nell’interscambio non ci basta, quando vogliiamo scoprire chi siamo e cosa racchiudiamo.

Ci viene spesso insegnato ad amare il prossimo, non sempre siamo preparati a questo, dovremmo prima comprendere noi stessi per poi avere la pazienza dell’ascolto, il non attaccamento ad aspettative, la comprensione per noi stessi e la capacità di non avere competività ma una naturale compassione per chi ci sia accanto.

Così come è importante comprendere che il prossimo non è la nostra fonte di appagamento, l’illusione di contare per qualcuno o la nostra continua sollecitazione ad avere attenzione.

Il nostro valore non è proporzionale a quanto gli altri dicano o pensino di noi.
Per sapere davvero chi siamo non ci serve lo specchio esteriore ( gli altri) ma dobbiamo compiere il primo passo per scavare in noi stessi e tappa dopo tappa arricchirci della scoperta – noi siamo già, possiamo manifestarlo e comprenderlo, possiamo amarlo e donarlo ad altri.

Le tappe possono essere diverse, come diverse sono le esperienze umane, proteggere se stessi spesso è una forma di difesa, è la proiezione della visione di un pericolo che crediamo esterno, mentre il disagio è solo il nostro se ci sentiamo non all’altezza e incapaci di sostenere le pressioni o di un confronto che ci trova impreparati.

Solo sciogliendo ogni nostro nodo interiore possiamo conoscere armonia ed amore incondizionato verso quel che siamo e quello che sono gli altri.

Poetyca 20 gennaio 2009

 

The Journey of Self in

Love is the ability to care , to protect , to nourish . If you are not able to generate this kind of energy toward yourself – if you are not able to take care of yourself, of nourishing yourself, of protecting yourself – it’s very difficult to take care of another person.

Zen Master Thich Nhat Hanh

The inner journey often begins from a feeling of inadequacy, from a discomfort in comparison with the others, when we realize that as we live in the interchange is not enough , when vogliiamo find out who we are and what we enclose .

We are often taught to love our neighbor, we are not always prepared for this , we should first understand ourselves and then have the patience to listen, non-attachment to expectations , understanding ourselves and the ability to not have a competitiveness but natural compassion for the one who is next .

Just as it is important to understand that the neighbor is not our source of contentment, the illusion of someone or count for our continuous stress to get attention.

Our value is not proportional to what others say or think of us .
To find out who we really do not need the external mirror (the other ), but we have to take the first step to dig ourselves and enrich the discovery stage by stage – we already are , we can manifest it and understand it , we love it and give it to others.

The stages may be different, as there are different human experiences , protect yourself is often a form of defense , is the projection of the vision of a danger that we believe exterior, while the discomfort is only ours if we feel not up and unable to withstand the pressures or a comparison that is unprepared.

Only by dissolving each of our inner node can know harmony and unconditional love for what we are and what are the others.

Poetyca January 20, 2009

Respiri – Breathe


🌼Respiri🌼

Respiri
di vita
in palpiti
lievi
come ali
di farfalla
Amico
attraverso
tempo
ed illusione
sei sempre
preziosa presenza

01.10.2018 Poetyca
🌼🌿🌼
🏵️#Poetycamente
Breathe

breathe
of life
in palpitis
slight
like wings
of butterfly
Friend
through
time
and illusion
you’re always
precious presence

10.10.2018 Poetyca

Cercare


amore6_1024

Cercare

Cercare
l’armonia segreta
di tutte le cose
respiro che conduce
semplicemente
in te
occhio rivolto all’interno
alla fonte d’armonia
mai ingannata
dalle apparenze del mondo

03.04.2014 Poetyca

Look for

Look for
the secret harmony
of all things
breathing that leads
simply
in you
eye turned inward
the source of harmony
never deceived
from the appearances of the world

03/04/2014 Poetyca

Passo – Step


🌼Passo🌼

Passo lento
ed occhi attenti
senza fretta
in un percorso
senza tempo
Attesa viva
di parole
incise nel silenzio
perché tutto
sia adesso

01.10.2018 Poetyca
🌼🌿🏵️
🌼#Poetycamente
Step

Slow pace
and careful eyes
no hurry
in a path
timeless
Waiting alive
of words
he recorded in silence
because everything
be it now

01.10.2018 Poetyca

Preghiera – Prayer -Etty Hillsum


🌼Preghiera🌼

Attiro la preghiera attorno a me come un oscuro muro protettivo, mi ritiro dentro come una volta dentro una cella del convento e poi esco di nuovo, più calmo, più forte e più raccolto di nuovo.

~ Etty Hillsum
🌼🌿🌼
#pensierieparole
🏵️Prayer

I draw prayer round me like a dark protective wall, withdraw inside it as one might into a convent cell and then step outside again, calmer and stronger and more collected again.

~ Etty Hillsum