Archivio | 24/12/2018

Vacuità


Riflettendo…

La Riflessione

illusione, illuminazione;
solo parole ambigue
che ovunque confondono
i praticanti dello Zen.

Daito (1282-1334)

———————–

Oltre le parole
è solo la pratica
a farci comprendere in profondità
e a farci vivere nella presenza mentale
dove – qui ed ora –
concetti che appaiono opposti.
sono solo frammenti di uno specchio
nel quale guardare
e da ricomporre con attenzione.

Poetyca

———————–

L’insegnamento

Vacuità

Per estinguere la sofferenza,
occorre realizzare la vacuità (sunyata);
più conoscete voi stessi,
più vicini siete alla vacuità.

Quando comprendete
che non avete un sé separato
allora, avrete realizzato la vacuità.

Quando avete compreso il non-sé
avete compreso ogni cosa
incluso la vacuità.

Des Boo-ngoh

——————————-

L’attaccamento e l’identificazione
al nostro io, a quanto esso possa
valere per distinguerci dagli altri,
è la strada aperta dall’ego
che ci allontana alla verità
dell’essere interconnessi,
e senza forma, nel vuoto di idee ed immagini.

Nulla ha una reale identità
ma siamo parte di una corrente continua
in una vasta presenza senza tempo e spazio.
Trasformando la paura del vuoto e sgretolando
attaccamento ed ego possiamo comprendere
e non temere di essere pura mente.

Poetyca

——————————

27.03.2010 Poetyca

Testi tratti da:

Reflecting …

Reflection

illusion, lighting;
Only ambiguous words
that everywhere confuse
practitioners of Zen.

Daito (1282-1334)

———————–

Beyond words
it’s just practice
us to understand in depth
and to make us live in mindfulness
where – here and now –
concepts that are opposites.
are only fragments of a mirror
in which to look
and reassemble it carefully.

Poetyca

———————–

teaching

vacuity

To extinguish the pain,
must realize the emptiness (Sunyata);
more than you know yourself,
the closer you are to the emptiness.

when you understand
you do not have a separate self
then, you realized the emptiness.

When you understand the not-self
you understand everything
including the void.

Boo-des ngoh

——————————-

The attachment and identification
to our selves, as it can
claims to distinguish ourselves from others,
ego is the open road
takes us away to the truth
being interconnected,
and without form, void of ideas and images.

Nothing has a real identity
but we are part of a DC
in a wide presence without time and space.
Transforming the crumbling and fear of emptiness
attachment and ego can understand
and not afraid to be pure mind.

Poetyca

——————————

27.03.2010 Poetyca

Text taken from:

Il Fiore di Bodhidharma

Impercettibile presenza


Impercettibile presenza

Senza la speranza
non si aprono ali,
non si valicano confini,
non si frena la paura
che inghiotte anche l’ultimo sogno
sul cornicione della nostra attesa

Sono pesanti i respiri di gelo
confusi con il suono
di passi nella notte
Sfide ed opportunità danzano
riscattando passato e presente

Impercettibile presenza
sgretola questo macigno:
salto nel vuoto
dove la Luce accompagna
e non si ha voglia di tornare

Non possiamo
guardare in basso
ripercorrere
il tempo andato
perchè adesso
tutto è diverso
anche se siamo tutti
figli del passato

E’ solo un ricordo,
una voce attenta
in un solo soffio
arrampicato sul cuore

Ed è adesso
la Luce amica
che manifesta
senza nulla chiedere
soltanto amore

09-02.2011 Poetyca

Imperceptible presence

Without hope
do not open wings
not crossing borders
not holding back the fear
that swallows the last dream
the ledge of our wait

They are heavy breaths of frost
confused with the sound
of steps in the night
Challenges and opportunities in dance
redeeming the past and present

Imperceptible presence
This rock crumbles:
leap of faith
where the light goes
and you do not want toto go back

We can not
look down
retrace
time went
because now
everything is different
even though we all
children of the past

It ‘s just a memory,
a careful voice
in one breath
climbed on the heart

And it is now
Light friend
manifesting
without asking
only love

09-02.2011 Poetyca

I limiti sono solo illusioni


🌸Chi è vittima di un disagio psichico vive qualsiasi stato d’animo all’ennesima potenza: una risposta negativa può essere percepita come frustrazione, una lacrima può portare a depressione, uno stato di ansia anticipa la paura di quello che sarà in futuro.

Fate attenzione a giudicare perché sotto uno strato d percepita debolezza si nasconde grande sensibilità e interesse verso il prossimo.🌸

Orme svelate:

http://wp.me/p90IWD-cV

Morti dentro


Morti dentro

Siamo morti dentro
mille volte
quando la voce
urlava di paura
al tremore di questo tempo
che non sa accogliere
il nostro essere

Ed ora non resta
che sollevare il mento
in cerca di forza nuova
stracciando nel silenzio
tutte le ombre
con l’impeto del cuore

Perchè tu sia speranza
che abbatte le porte
della tua prigione
e soffia vita all’anima
che s’innalza

26.09.2006 Poetyca

Dead inside

We are dead inside
thousand times
when the voice
screaming with fear
tremor at this time
who can not accept
our being

And now remains
that raise the chin
looking for new force
tearing the silence
all the shadows
with the impetus of the heart

Because you’re hoping
which brings down the doors
of your prison
and breathe life to the soul
which rises

26.09.2006 Poetyca

Brezza e ricordo


Brezza e ricordo
Tu porti addosso
l’alba ed il tramonto
attesa e saluto
di quel sole
in intreccio
di ogni ricordo
Brezza sui visi
nel rossore del cielo

13.03.2017 Poetyca

Breeze and remembrance

You wear it
sunrise and sunset
wait and greet
of that sun
in plot
every remembrance
Gentle on the faces
the redness of the sky

13/03/2017 Poetyca

Il sentiero dell’amore


Il sentiero dell’amore
di Don Miguel Ruiz

In ogni rapporto ci sono due metà.
Una siete voi e l’altra é vostro figlio, vostra madre, vostro padre, il partner.
Ciascuno è responsabile soltanto della propria metà.
Non importa quanto siate vicini,
o quanto pensiate di amarvi, è impossibile essere responsabili per ciò che si trova nella testa di un’altra persona.
Non potrete mai sapere cosa pensa l’altro, in cosa crede, quali sono le sue congetture. Non sapete nulla di lui.
Questa è la verità, ma cosa facciamo invece?
Cerchiamo di essere responsabili per l’altra metà, ed ecco perché le relazioni sono basate sulla paura, sul dramma e sulla guerra per il controllo.

Se iniziamo una guerra per il potere, è perché non abbiamo rispetto.
La verità è che non amiamo.
Ciò che scambiamo per amore è soltanto egoismo. Come dei drogati, vogliamo le piccole “dosi” d’amore che ci fanno sentire bene. Se non c’è rispetto c’è la guerra per il controllo, perché ciascuno si sente responsabile
per l’altro.
Devo controllarti, perché non ti rispetto.
Devo farmi responsabile per te, perché qualunque cosa ti accada mi farà male, e io non voglio soffrire.
Allora, se vedo che non ti prendi le tue responsabilità, ti martellerò per costringerti a farlo, ma voglio che tu sia “responsabile”
dal mio punto di vista, che non è
necessariamente quello giusto.
Ecco ciò che accade sul sentiero della paura.
Poiché manca il rispetto, agisco come se tu non fossi abbastanza intelligente da capire cosa è bene per te. Suppongo che tu non sia abbastanza forte per affrontare determinate situazioni, perciò devo assumere il controllo e dire: “Lascia fare a me”. Oppure: “Non farlo”.
Cerco di sopprimere la tua metà del rapporto e di assumere il controllo totale. Ma se controllo tutto il rapporto, dov’è la tua metà? Così non funziona.

Con l’altra metà possiamo condividere tante cose, possiamo divertirci e creare insieme un sogno meraviglioso. Ma l’altra metà ha sempre un proprio sogno, una volontà propria, e non possiamo controllare quel sogno in nessun modo.
Allora è necessaria una scelta; creare una guerra di potere o fare gioco di squadra. Gli atleti di una squadra giocano insieme, non uno contro l’altro.

Se giocate un doppio a tennis, non andrete mai contro il vostro compagno. Mai. Anche se il vostro modo di giocare è diverso, avete lo stesso scopo: divertirvi insieme, giocare insieme. Se il vostro partner vuole controllare il gioco, e dice: “Non giocare in questo modo, gioca in quest’altro. No, stai facendo tutto male”, non vi divertirete affatto. E dopo un po’ non vorrete più giocare con quel compagno.

In questo modo, avrete sempre conflitti. Se invece considerate i vostri rapporti, anche quelli romantici,
come un gioco di squadra, tutto comincerà a migliorare. Nei rapporti con gli altri, come nelle partite, non è importante vincere o perdere. Si gioca per divertirsi.

Sul sentiero dell’amore, diamo più di quanto prendiamo.
E ovviamente ci amiamo così tanto da non permettere
agli egoisti di approfittare di noi. Non cerchiamo la vendetta, ma comunichiamo in modo chiaro.
Possiamo dire:

“Non mi piace quando cerchi di approfittare di me, quando non mi rispetti, quando non sei gentile.
Non è che io pensi di essere migliore di te.
E’ solo che amo la bellezza, amo ridere, divertirmi.
Amo amare. Non sono egoista, è solo che non ho bisogno di una vittima al mio fianco. Questo non vuol dire che non ti amo, ma semplicemente che non posso prendermi la responsabilità del tuo sogno”.

Questo non è egoismo, è amore di sé. L’egoismo, il bisogno di controllo e la paura possono spezzare quasi tutti i rapporti. La generosità, la libertà e l’amore creano il rapporto più bello: un continuo idillio.

PADRONEGGIARE UNA RELAZIONE

Padroneggiare una relazione dipende da voi. Il primo passo è diventare coscienti del fatto che ognuno ha il suo sogno personale. Quando sapete questo, potete prendervi la responsabilità della vostra metà del rapporto. E’ più facile controllare la vostra metà che cercare di controllare tutta la relazione.
Se avete rispetto, sapete che il vostro partner, amico, figlio, madre, è completamente responsabile per la sua metà. Se lo rispettate ci sarà sempre pace tra voi, e non guerra.

Il passo successivo è quello di sapere cosa è amore e cosa è paura, per diventare coscienti del modo in cui comunicate agli altri il vostro sogno. La qualità della comunicazione dipende dalle scelte che fate in ogni momento. Si tratta di decidere se volete rivolgere il vostro corpo emozionale verso l’amore o verso la paura. Se scoprite di essere sul sentiero della paura, questa consapevolezza è già abbastanza per darvi la possibilità di spostare la vostra attenzione verso il sentiero dell’amore.
Basta vedere dove vi trovate, cambiare la direzione dell’attenzione, e intorno a voi tutto cambierà.

Infine, se diventate consapevoli che nessun altro può rendervi felici, perché la felicità è il risultato dell’amore che viene da dentro di voi, sarete maestri della più grande arte dei Toltechi: la Padronanza dell’amore.

Possiamo parlare dell’amore, scriverci sopra migliaia di libri, ma in realtà l’amore sarà sempre diverso per ciascuno di noi, perché si tratta di un’esperienza.
L’amore non è un concetto, è azione.
L’amore in azione può produrre soltanto felicità.
La paura in azione non produce altro che sofferenza. L’unico modo di padroneggiare l’amore è quello di praticarlo. Non c’è bisogno di giustificare il vostro amore, o di spiegarlo. Basta soltanto praticarlo. La pratica crea il Maestro.

Dal libro: La padronanza dell’amore di Don Miguel Ruiz

The path of love
Don Miguel Ruiz

In every relationship there are two halves.
One is you and the other is your son, your mother, your father, your partner.
Each is responsible only for their own half.
No matter how close you are,
think or how to love, it is impossible to be responsible for what is in another person’s head.
You can never know what the other thinks, what he believes, what are your guesses. You do not know anything about him.
This is the truth, but what we do instead?
Let us be responsible for the other half, and that’s because relationships are based on fear, on the tragedy and the war for control.

If we start a war for power, it is because we respect.
The truth is that we do not like.
What we mistake for love is only selfishness. Like drug addicts, we want small “doses” of love that make us feel good. If there is no respect there is a war for control, because everyone feels responsible
for the other.
I have to control yourself, why do not you respect.
I have to make me responsible for you, because no matter what happens I will hurt you, and I do not want to suffer.
So, if I see that you do not take your responsibilities, you HAMMERS to force you to do, but I want you to be “responsible”
from my point of view, which is not
necessarily the right one.
This is what happens on the path of fear.
Lacking respect, act as if you were not smart enough to understand what is good for you. I suppose you’re not strong enough to deal with certain situations, so I have to take control and say: “Leave it to me.” Or: “Do not do it.”
I try to suppress your half of the report and take total control. But if I check the entire report, where is your other half? It does not work.

With the other half we can share many things, we can have fun together and create a wonderful dream. But the other half always has his own dream, their own will, and we can not control the dream in any way.
Then a choice is needed, create a power struggle or make a team. The athletes of a team playing together, not against each other.

If a double play tennis, you will never go against your partner. Never. Even if your way of playing is different, you have the same goal: to have fun together, play together. If your partner wants to control the game, and says: “Do not play this way, play in that. No, you’re doing everything wrong,” no fun at all. And after a while ‘you will not want to play with that partner.

In this way, you will always be conflicts. But if you consider your relationships, including romantic ones,
As a team, everything will begin to improve. In relationships with others, as in games, win or lose is not important. You play to have fun.

On the path of love, we give more than we take.
And of course we love each other so as not to allow
selfish to take advantage of us. We do not seek revenge, but we communicate clearly.
We can say:

“I do not like when you try to take advantage of me, when you do not respect me, when you’re not nice.
Not that I think you’re better than you.
It ‘s just that I love beauty, I love to laugh, have fun.
I love to love. I’m not selfish, it’s just that I do not need a victim to my side. This does not mean you do not love you, but simply that I can not take responsibility for your dream. “

This is not selfishness, it is self-love. The selfishness, the need for control and fear can break almost all the reports. The generosity, freedom and love create the most beautiful relationship: an ongoing romance.

MASTERING A REPORT

Mastering a relationship depends on you. The first step is to become conscious of the fact that everyone has their own personal dream. When you know this, you can take responsibility for your half of the report. It ‘s easier than trying to control your mid control throughout the report.
If you respect, you know that your partner, friend, son, mother, are entirely responsible for his half. If there will always be respected peace among yourselves, and not war.

The next step is to know what love is and what is fear, to become aware of how you communicate to others your dream. The quality of communication depends on the choices you make at any time. It is to decide if you want to put your emotional body to love or to fear. If you discover to be in the path of fear, this awareness is enough to allow you to shift your attention to the path of love.
Just look at where you are, change the direction of attention, and everything will change around you.

Finally, if you become aware that no one else can make you happy, because happiness is the result of the love that comes from within you, you will be masters of the greatest art of the Toltecs: The Mastery of Love.

We can talk about love, write on thousands of books, but in reality the love will always be different for each of us, because it is an experience.
Love is not a concept, is action.
Love in action can only produce happiness.
Fear in action produces nothing but suffering. The only way to master is to practice love. There is no need to justify your love, or explain it. You just need to practice it. The practice makes the master.

From the book: The Mastery of Love by Don Miguel Ruiz

Bellezza e vita 


Bellezza e vita

Piccole meraviglie
come stelle di colori
petali di gioia
in attesa trepidante
Un dono al giorno
come abbraccio
per colmare il cuore
di Bellezza e vita

04.03.2017 Poetyca

Beauty and life

small wonders
as stars of colors
petals of joy
waiting anxiously
A gift a day
how to hug
to fill your heart
Beauty and life

03/04/2017 Poetyca

Sempre nuove conchiglie


Sempre nuove conchiglie

Ho portato all’orecchio
sempre nuove conchiglie
in attesa di un suono
mai veramente udito
forse perché sbagliavo
credendo possibile
sogno impalpabile

Sono schegge di vetro
a trapassare il cuore
come torto subito
che resta mistero
in dune di silenzio
senza vera ragione
come orgoglio vuole

05.09.2011 Poetyca

Always new shells

I brought ear
always new seashells
waiting for a sound
never really heard
perhaps because it was wrong
believing you can
impalpable dream

There are shards of glass
to pass through the heart
as a grievance
that remains a mystery
in the dunes of silence
no real reason
as pride wants

05.09.2011 Poetyca

Ti vengo a cercare – paura del vuoto – I come to look for you – fear of emptiness


🌸Ti vengo a cercare
– paura del vuoto🌸

Prima
ti rifuggo
prendo
le distanze
con passo lento
abbatto
le porte
della mente
e del tempo
come fulgido
arcobaleno
capace di trovare
la via del cielo
senza frasi fatte
senza lancette
Dialogo muto
espansione
del respiro
in gocce
centellinate
dal centro
dell’Essere
per far beffa
dell’ego
poi tremante
per paura
di questo vuoto
ancora mi aggrappo
e ti vengo a cercare

08.12.2018 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸I come to look for you
– fear of emptiness

Before
I flee you
I take
the distances
with slow pace
shot down
the doors
of the mind
and of time
as shining
rainbow
able to find
the way of heaven
without sentences made
without hands
Silent dialogue
expansion
of breath
in drops
sip
from the centre
of Being
to make fun
ego
then trembling
for fear
of this emptiness
I still cling to it
and I’ll come to look for you

08.12.2018 Poetyca

Avaro nell’insegnare


17. Avaro nell’insegnare

Un giovane medico di Tokyo, un certo Kusuda, incontrò un compagno di università che aveva studiato lo Zen. Il giovane dottore gli domandò che cosa fosse lo Zen.

«Io non posso dirti che cosa sia,» rispose l’amico, «ma una cosa è certa. Se capisci lo Zen, non hai più paura di morire».

«Questo è molto bello» disse Kusuda. «Voglio provarci. Dove posso trovare un insegnante?».

«Va’ dal maestro Nan-in» gli disse l’amico.

Così Kusuda andò a trovare Nan-in. E per appurare se l’insegnante avesse a sua volta paura di morire, portò con sé un pugnale lungo una ventina di centimetri.

Quando Nan-in vide Kusuda esclamò: «Salve, amico. Come stai? Non ci vediamo da un pezzo!».

Quest’accoglienza sconcertò Kusuda che rispose: «Noi non ci siamo mai visti».

«È vero» rispose Nan-in. «Ti ho scambiato per un altro medico che viene a studiare qui da me».

Dato l’esordio, Kusuda perse l’occasione di mettere alla prova il maestro, e così, con riluttanza, gli domandò se poteva prendere lezioni di Zen.

Nan-in disse: «Lo Zen non è una cosa difficile. Se sei medico, tratta i tuoi pazienti con bontà. Lo Zen è questo».

Kusuda andò tre volte da Nan-in. Ogni volta Na-in gli disse la stessa cosa. «Un medico non dovrebbe perdere tempo qui da me. Va’ a casa tua e prenditi cura dei tuoi pazienti». Ma Kusuda ancora non capiva come questo insegnamento potesse abolire la paura della morte. E la quarta volta proruppe: «Il mio amico mi aveva detto che quando uno impara lo Zen non ha più paura di morire. Ogni volta che vengo qui tu mi dici di prendermi cura dei miei pazienti. Questo lo so. Se il tuo cosiddetto Zen si riduce a questo, è inutile che continui a venire da te».

Nan-in sorrise e batté la mano sulla spalla del dottore. «Sono stato troppo rigido con te. Ora ti darò un koan». E propose a Kusuda di studiarsi il Mu di Joshu, che è il primo problema illuminante nel libro detto La porta senza porta. (I koan erano problemi, o piuttosto «sfide interiori» che i maestri proponevano ai discepoli per metterli alla prova.La porta senza porta, ovvero Mu-mon-kan, è un testo classico Zen, attribuito al maestro cinese Ekai, detto anche Mu-mon, che visse dal 1183 al 1260).

Kusuda meditò per due anni su questo problema del Mu (Niente). Infine pensò di avere raggiunto la certezza della mente. Ma l’insegnante commentò: «Non ci sei ancora».

Kusuda continuò la sua meditazione per un altro anno e mezzo. La sua mente diventò serena. I problemi si risolsero. «Niente» divenne la verità. Egli curava bene i pazienti e, senza nemmeno saperlo, era libero da ogni preoccupazione sulla vita e sulla morte.

Allora, quando tornò da Nan-in, il suo vecchio insegnante si limitò a sorridere.

Tratto da 101 Storie Zen

Stingy in Teaching

A young physician in Tokyo named Kusuda met a college friend who had been studying Zen. The young doctor asked him what Zen was.

“I cannot tell you what it is,” the friend replied, “but one thing is certain. If you understand Zen, you will not be afraid to die.”

“That’s fine,” said Kusuda. “I will try it. Where can I find a teacher?”

“Go to the master Nan-in,” the friend told him.

So Kusuda went to call on Nan-in. He carried a dagger nine and a half inches long to determine whether or not the teacher was afraid to die.

When Nan-in saw Kusuda he exclaimed: “Hello, friend. How are you? We haven’t seen each other for a long time!”

This perplexed Kusuda, who replied: “We have never met before.”

“That’s right,” answered Nan-in. “I mistook you for another physician who is receiving instruction here.”

With such a beginning, Kusuda lost his chance to test the master, so reluctantly he asked if he might receive Zen instruction.

Nan-in said: “Zen is not a difficult task. If you are a physician, treat you patients with kindness. That is Zen.”

Kusuda visited Nan-in three times. Each time Nan-in told him the same thing. “A physician should not waste time around here. Go home and take care of you patients.”

It was not yet clear to Kusuda how such teaching could remove the fear of death. So on his fourth visit he complained: “My friend told me when one learns Zen one loses the fear of death. Each time I come here all you tell me is to take care of my patients. I know that much. If that is your so-called Zen, I am not going to visit you any more.”

Nan-in smiled and patted the doctor. “I have been too strict with you. Let me give you a koan.” He presented Kusuda with Joshu’s Mu to work over, which is the first mind enlightening problem in the book called The Gateless Gate.

Kusuda pondered this problem of Mu (No-Thing) for two years. At length he thought he had reached certainty of mind. But his teacher commented: “You are not in yet.”

Kusuda continued in concentration for another year and a half. His mind became placid. Problems dissolved. No-Thing became the truth. He served his patients well and, without even knowing it, he was free from concern over life and death.

Then when he visited Nan-in, his old teacher just smiled.

Taken from 101 Zen Storie

Sempre sereno


Sempre sereno

Forse è solo sogno
che accarezza
con sospiro lieve
o sono speranze
che nel silenzio palpitano

Non è mai vana l’attesa
di chi precede
fino al giorno della certezza
per il liberante volo
– senza catene –
solleveremo le coltri
che coprono tutte le verità
e guarderemo in faccia
quel che si nasconde

Vedo i sorrisi
che ti raggiungono
come colori d’arcobaleno
e nel cerchio della pace
sarà giorno sempre sereno

01.02.2004 Poetyca

Always serene

Maybe it’s just a dream
caressing
with a slight sigh
or no hope
who silently quiver

The wait is never in vain
of those above
until the day of certainty
for liberating flight
– No chains –
will raise the covers
covering all the truth
and face
what is hidden

I see the smiles
you reach
as colors of the rainbow
and the circle of peace
will always sunny days

01.02.2004 Poetyca

Colori di cielo


Colori di cielo
Luce nascosta
nello sguardo
dell’attesa
con l’anima
in intreccio
a colori
di cielo

25.02.2017 Poetyca

Sky color

Hidden light
in eyes
of the wait
with soul
in plot
coloured
heaven

25/02/2017 Poetyca

Vibrazioni – Vibrations – Mère


🌼Vibrazioni🌼

Se qualcuno
è in collera con voi
non lasciatevi prendere
dalle sue vibrazioni,
ma ritiratevi,semplicemente,
e la sua ira, non trovando
in voi nessun supporto
e nessuna risposta, svanirà.

Mère – Colloqui sullo Yoga integrale
🌼🌿🌼#pensierieparole
🌼Vibrations

If someone is angry with you, do not let yourselves be seized by his vibrations, but simply withdraw, and his wrath, finding no support and no answer in you, will vanish.

Mère – Colloquies on integral Yoga

Fotografia – Photography


🌸Fotografia🌸

È sbiadita
la fotografia
del passato
mentre si sciolgono
gli antichi colori
io cerco voli
leggiadri
di farfalla
per connettere
oltre le apparenze
ed i sigilli
del tempo
questa vita

07.12.2018 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Photography

It is faded
photography
of the past
while they melt
the ancient colors
I look for flights
graceful
of butterfly
to connect
beyond appearances
and the seals
weather
this life

07.12.2018 Poetyca

Una perla al giorno – Henry Thoreau


mandala12

 

“Distingui il necessario e il vero.
Sonda la terra per vedere dove le tue radici principali corrono. “

Henry Thoreau

 

“Distinguish the necessary and the real.
Probe the earth to see where your main roots run.”

Henry Thoreau

🌟🎄Auguri a tutti🎉🎄


🎄🌈Tavolozza di vita 🌈poetyca.wordpress.com🎉

E’ Natale

Un augurio per te!

A wish for you!

È Natale!

È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tieni la mano.È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.È Natale ogni volta che speri con quelli che disperano.È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e le tue debolezze.È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere in te e poi lo doni agli altri.

Madre Teresa di Calcutta

—–

Possano tutti gli esseri di tutti i mondi essere felici

Non siamo isole separate, siamo anelli della stessa catena.Ogni parola dolce, ogni sorriso, ogni buona azione aiutail nostro prossimo, la nostra comunità, la nostra nazione, il nostro mondo.Preghiamo e meditiamo insieme, e raggiungeremo la riva della pace, che spande la dolce sacra fragranza dell’amore e vibra di unità e armonia.Sintonizzando le nostre menti alla suprema coscienza, apriamo i nostri cuori, recitando le parole:“che ognuno, ovunque sia felice”

Amma

—–

Metta Sutta (Parole del Buddha sulla gentilezza amorevole)

Questo dovrebbe fare chi pratica il bene e conosce il sentiero della pace:essere abile e retto,chiaro nel parlare,gentile e non vanitoso,contento e facilmente appagato;non oppresso da impegni e di modi frugali,calmo e discreto,non altero o esigente;incapace di fare ciò che il saggio poi disapprova.Che tutti gli esseri vivano felici e sicuri:tutti, chiunque essi siano,deboli e forti,grandi o possenti,alti, medi o bassi,visibili e non visibili,vicini e lontani,nati e non nati.Che tutti gli esseri vivano felici!

Che nessuno inganni l’altro né lo disprezzi né con odio o ira desideri il suo male.Come una madre protegge con la sua vita suo figlio, il suo unico figlio così, con cuore aperto,si abbia cura di ogni essere,irradiando amore sull’universo intero;in alto verso il cielo in basso verso gli abissi,in ogni luogo, senza limitazioni,liberi da odio e rancore.

Fermi o camminando,seduti o distesi,esenti da torpore,sostenendo la pratica di Metta;questa è la sublime dimora.

Il puro di cuore,non legato ad opinioni,dotato di chiara visione,liberato da brame sensuali,non tornerà a nascere in questo mondo.

Auguri

Tanti auguri di attenzione reciproca e uno scambio costruttivo,capace di condurre sulla via dell’Amore.

Non smettere di portare avanti la Speranza, il valore dei sentimenti e la tua sensibilità e fai che traspaia sempre dalle tue parole.

Forse si è idealisti, ma sii come il giunco che si piega al vento ma non si spezza, sii capace di coerenza e non permettere che nulla ti scalfisca. Non avere paura e ricorda che chi lavora dentro di sè è seme del futuro e contagia alla gioia e all’amore altre persone. Soffia sempre le nubi e sii arcobaleno, davvero è necessario!

Poetyca

It’s Christmas!

It is Christmas every time you smile to a brother and hold my hand.It is Christmas every time you stay silent to listen to each other.It is Christmas every time you hope to those who despair.It is Christmas every time I humbly acknowledge your limits and your weaknesses.It is Christmas every time you allow the Lord to be reborn in you and then the gifts to others.

Mother Teresa of Calcutta

May all beings in all worlds be happy

We are not separate islands, are links in the same chain.Every kind word, every smile, every good deed helpsour neighbors, our community, our nation, our world.Pray and meditate together, and reach the shore of peace, which spreads the sweet fragrance of love and sacred vibration of unity and harmony.By tuning our minds to the supreme consciousness, we open our hearts, reciting the words:“Everyone, everywhere to be happy”

Amma

🎉🎄🌟🎉🎄🌟

Metta Sutta (the Buddha’s Words on Loving Kindness)

This should makethose who practice goodand knows the path of peace:be able and upright,clear speech,kind and not vain,easily pleased and satisfied;not burdened with commitments and frugal ways,Quiet and discreet,not haughty or demanding;unable to dowhat the essay then disapprove.May all beingslive happy and safe:everyone, whoever they are,weak and strong,large or powerful,high, medium or low,visible and invisible,near and far,born and unborn.May all beings live in happiness!

Let no one deceive anothernor despisenot with hatred or angerits evil desires.As a motherprotects with her lifeher son, her only childso with an open heart,you take care of all being,radiating loveentire universe;up towards the skydown to the depths,everywhere, without limitation,free from hatred and rancor.

Standing or walking,sitting or lying down,free from torporsupporting the practice of Metta;this is the sublime abode.

The pure in heart,not tied to views,with a clear vision,free from sensual desires,not return to be born into this world.

Greeting

Best wishes for a constructive exchange and mutual care, able to lead on the path of Love.Do not stop to pursue the hope, the value of feelings and your sensitivity and make it shine out always by your words.Perhaps it is idealistic, but be like the reed that bends in the wind but does not break, be capable of consistent and not let anything detract you. Do not be afraid and remember that those who work within itself is the seed of the future and contagious joy and love other people. Blows the clouds and be a rainbow is really needed!

Poetyca

🌟🎄Auguri a tutti🎉🎄



⭐Un augurio di armonia e gioia✨

🎄🌈Tavolozza di vita 🌈poetyca.wordpress.com🎉

E’ Natale

Un augurio per te!

A wish for you!

È Natale!

È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tieni la mano.È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.È Natale ogni volta che speri con quelli che disperano.È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e le tue debolezze.È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere in te e poi lo doni agli altri.

Madre Teresa di Calcutta

—–

Possano tutti gli esseri di tutti i mondi essere felici

Non siamo isole separate, siamo anelli della stessa catena.Ogni parola dolce, ogni sorriso, ogni buona azione aiutail nostro prossimo, la nostra comunità, la nostra nazione, il nostro mondo.Preghiamo e meditiamo insieme, e raggiungeremo la riva della pace, che spande la dolce sacra fragranza dell’amore e vibra di unità e armonia.Sintonizzando le nostre menti alla suprema coscienza, apriamo i nostri cuori, recitando le parole:“che ognuno, ovunque sia felice”

Amma

—–

Metta Sutta (Parole del Buddha sulla gentilezza amorevole)

Questo dovrebbe fare chi pratica il bene e conosce il sentiero della pace:essere abile e retto,chiaro nel parlare,gentile e non vanitoso,contento e facilmente appagato;non oppresso da impegni e di modi frugali,calmo e discreto,non altero o esigente;incapace di fare ciò che il saggio poi disapprova.Che tutti gli esseri vivano felici e sicuri:tutti, chiunque essi siano,deboli e forti,grandi o possenti,alti, medi o bassi,visibili e non visibili,vicini e lontani,nati e non nati.Che tutti gli esseri vivano felici!

Che nessuno inganni l’altro né lo disprezzi né con odio o ira desideri il suo male.Come una madre protegge con la sua vita suo figlio, il suo unico figlio così, con cuore aperto,si abbia cura di ogni essere,irradiando amore sull’universo intero;in alto verso il cielo in basso verso gli abissi,in ogni luogo, senza limitazioni,liberi da odio e rancore.

Fermi o camminando,seduti o distesi,esenti da torpore,sostenendo la pratica di Metta;questa è la sublime dimora.

Il puro di cuore,non legato ad opinioni,dotato di chiara visione,liberato da brame sensuali,non tornerà a nascere in questo mondo.

✨Auguri!

Tanti auguri di attenzione reciproca e uno scambio costruttivo,capace di condurre sulla via dell’Amore.

Non smettere di portare avanti la Speranza, il valore dei sentimenti e la tua sensibilità e fai che traspaia sempre dalle tue parole.

Forse si è idealisti, ma sii come il giunco che si piega al vento ma non si spezza, sii capace di coerenza e non permettere che nulla ti scalfisca. Non avere paura e ricorda che chi lavora dentro di sè è seme del futuro e contagia alla gioia e all’amore altre persone. Soffia sempre le nubi e sii arcobaleno, davvero è necessario!

Poetyca⭐✨

✨⭐✨⭐✨

It’s Christmas!

It is Christmas every time you smile to a brother and hold my hand.It is Christmas every time you stay silent to listen to each other.It is Christmas every time you hope to those who despair.It is Christmas every time I humbly acknowledge your limits and your weaknesses.It is Christmas every time you allow the Lord to be reborn in you and then the gifts to others.

Mother Teresa of Calcutta

May all beings in all worlds be happy

We are not separate islands, are links in the same chain.Every kind word, every smile, every good deed helpsour neighbors, our community, our nation, our world.Pray and meditate together, and reach the shore of peace, which spreads the sweet fragrance of love and sacred vibration of unity and harmony.By tuning our minds to the supreme consciousness, we open our hearts, reciting the words:“Everyone, everywhere to be happy”

Amma

🎉🎄🌟🎉🎄🌟

Metta Sutta (the Buddha’s Words on Loving Kindness)

This should makethose who practice goodand knows the path of peace:be able and upright,clear speech,kind and not vain,easily pleased and satisfied;not burdened with commitments and frugal ways,Quiet and discreet,not haughty or demanding;unable to dowhat the essay then disapprove.May all beingslive happy and safe:everyone, whoever they are,weak and strong,large or powerful,high, medium or low,visible and invisible,near and far,born and unborn.May all beings live in happiness!

Let no one deceive anothernor despisenot with hatred or angerits evil desires.As a motherprotects with her lifeher son, her only childso with an open heart,you take care of all being,radiating loveentire universe;up towards the skydown to the depths,everywhere, without limitation,free from hatred and rancor.

Standing or walking,sitting or lying down,free from torporsupporting the practice of Metta;this is the sublime abode.

The pure in heart,not tied to views,with a clear vision,free from sensual desires,not return to be born into this world.

Greeting

Best wishes for a constructive exchange and mutual care, able to lead on the path of Love.Do not stop to pursue the hope, the value of feelings and your sensitivity and make it shine out always by your words.Perhaps it is idealistic, but be like the reed that bends in the wind but does not break, be capable of consistent and not let anything detract you. Do not be afraid and remember that those who work within itself is the seed of the future and contagious joy and love other people. Blows the clouds and be a rainbow is really needed!

Poetyca