Archivio | 30/03/2019

#Stelle


image

#Stelle

Una scia di #stelle
come orme lucenti
nella notte buia
sguardi smarriti
in cerca di senso
per quello
che è avvenuto
lasciando un varco

02.05.2016 Poetyca

#Stars

A trail of #stars
like glittering footsteps
in the dark night
lost glances
in search of meaning
for what
that occurred
leaving a gap

02/05/2016 Poetyca

Nella vita quotidiana


Riflettendo…

La Riflessione

Il silenzio è unità.

Non ha prima o dopo.
Non ha dentro o fuori.

Maestro Luo Hongxian

————————–

Nel silenzio
togli le scarpe
e lasci fuori
tutti i passi compiuti
in questo mondo
di mente e separatività

Nel silenzio
sciogli i lacci
che legano al tempo
e ai condizionamenti

Nel silenzio
sei libero di essere
quel che veramente sei
senza corse e bersaglio
che proiettano la fretta
e l’attaccamento

Nel silenzio
raccogli un petalo
– essenza del tuo essere –
e lo trasformi in un albero
che porta vita e ristoro
a tutto quel che è già in te

Nel silenzio osservi
ed abbracci ogni ombra
per mutarla in luce
nella prospettiva
di un istante eterno

Poetyca

————————–

L’insegnamento

Nella vita quotidiana

Nella vita quotidiana hai continue opportunità di illuminazione.
Quando cucini hai una possibilità di raggiungere l’illuminazione.
Quando pulisci il pavimento hai una possibilità di raggiungere l’illuminazione.

Qualunque cosa tu faccia, falla, dunque, senza aspettarti l’aiuto di nessuno.
Non sprecare le forze a cercare un luogo di rifugio.
Proteggi te stesso e cresci diritto fino al cielo: è tutto.

Suzuki Roshi

——————–

Essere operosi,
con attenzione ad ogni azione,
con la capacità di fare senza vittimismo,
con la gioia di scoprire movimento
e presenza mentale, forza e gioia intima
per il conseguimento di qualcosa da offrire
con tutto il nostro amore, è essere qui ed ora
in sintonia, sul filo invisibile della compassione amorevole.

Poetyca

——————-

05.04.2009 Poetyca

Reflecting …

Reflection

The silence is unity.

Has not before or after.
It has no inside or outside.

Master Luo Hongxian

————————–

in the silence
take your shoes off
and let out
all steps
in this world
separateness of mind and

in the silence
untie the laces
that bind to the time
and the conditioning

in the silence
you are free to be
what you really are
without racing and target
that project quickly
and attachment

in the silence
pick a petal
– The essence of your being –
and turn it into a tree
that brings life and refreshment
to everything that is already in you

In the silence observed
and embraces every shadow
to change it into light
view
of an eternal instant

Poetyca

————————–

teaching

In everyday life

In everyday life you have ongoing opportunities for enlightenment.
When you cook you have a chance to reach enlightenment.
When cleaning the floor you have a chance to reach enlightenment.

Whatever you do, do it, then, without waiting for anyone’s help.
Do not waste your forces to seek a place of refuge.
Protect yourself and grow right up to heaven, is all.

Suzuki Roshi

——————–

Be industrious,
with attention to every action,
with the ability to do without pity,
with the joy of discovering movement
and presence of mind, strength and joy intimate
for the achievement of something to offer
with all our love, is to be here and now
in tune, the invisible thread of loving compassion.

Poetyca

——————-

05.04.2009 Poetyca

Testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Text taken from:

Il Fiore di Bodhidharma

#Briciole


image

#Briciole

Tutto qui
racchiuso
in questo scrigno
chiamato vita
assaporando
ogni meraviglia
ogni attimo
ed i suoi colori
in briciole d’infinito

02.05.2016 Poetyca

#Crumbs

That’s all
enclosed
in this treasure chest
called life
savoring
any wonder
every moment
and its colors
in infinite crumbs

02/05/2016 Poetyca

Equilibrio


image

Equilibrio

Equilibrio ė
nella via di mezzo:
trasformare l’ego,
utile per la sopravvivenza,
in dono ed accoglienza,
per contribuire
al benessere di tutti.

30.04.2016 Poetyca

Balance

Balance is in the middle way: to transform the ego, which is useful for survival, as gifts and hospitality, to contribute to the welfare of all.

30/04/2016 Poetyca

In bilico – Poised


🌸In bilico🌸

In bilico
tra sogno
e realtà
camminiamo
tra speranze
e nuove illusioni
Radici profonde
piantate nella ragione
e desiderio di perfezione
fronde e rami ad accarezzare
in equilibrio costante
la nostra identità

22.03.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Poised

Poised
between dreams
it is a matter of fact
we walk
between hopes
and new illusions
Deep roots
plant in reason
and desire for perfection
fronds and branches to caress
in constant balance
our identity

22.03.2019 Poetyca

Luce


LUCE

«Io sono la luce del mondo», diceva Gesù Cristo.
Una frase talmente nota e scontata da convincerci di sapere perfettamente che significa. Nessuno oserebbe chiedere una spiegazione, nel timore di fare la figura dell’ignorante.
Ma ne siamo così sicuri?
In realtà tutti cerchiamo la luce, ma ben pochi sanno cosa davvero sia. Neanche la religione ci spiega con chiarezza a cosa alludesse Gesù Cristo con la sua famosa affermazione.

La luce a cui si riferiva il Cristo è anzitutto quella che permette all’uomo di illuminare l’interno di se stesso. Solo quando ha rischiarato gli angoli del proprio essere con la luce della coscienza esso può realmente vedere il resto del mondo, perché solo allora acquista la vera vista.
Certo, il Cristo è la luce… ma solo l’uomo ha la possibilità di azionare l’interruttore per accenderla. Colui che insegna mostra la strada, ma sta all’uomo percorrerla attingendo alla propria volontà, al desiderio di essere e di conoscere, e soprattutto di sviluppare le proprie doti. Non è sufficiente poter scorgere la luce del giorno e avviarsi sul cammino, se poi non si ha quel lume interiore che permette di individuare gli ostacoli e gli inciampi che impediscono di proseguire.

Essere la luce del mondo significa offrire la possibilità di vedere. Ma vedere che cosa?
Anzitutto ciò che realmente si è. Certo non bastano gli occhi fisici: è necessario utilizzare gli occhi della coscienza. Si tratta anzitutto di capire cosa si muove dentro di sé, di riuscire a percepire il proprio mondo interiore, per capire quel che si è e quel che si può essere; e poi di giungere a sentire il Cosmo nella sua interezza, di sviluppare l’attitudine a guardare il Tutto attraverso il chiarore della propria anima. La luce del mondo dà all’uomo la possibilità di vedere oltre se stesso, di scorgere e intuire la vita che anima la creazione intera e la bellezza di cui vibra.

Il limite maggiore dell’uomo sta nell’incapacità di comprendere cosa è e che cosa può diventare. Non sa leggere in se stesso. Non gli viene insegnato a sentire la propria anima, ad ascoltare il cuore, a decifrare i messaggi della coscienza. Conosce l’esistenza di cuore e anima solo per sentito dire. Raramente e in modo molto vago entra in contatto con queste parti fondamentali del proprio essere: tutta la sua vita cosciente si svolge soprattutto a livello fisico e mentale.
La luce del mondo è proprio quel raggio che rivela le parti sconosciute del sé, quelle di cui non si ha esperienza.
La cultura corrente impedisce di intravedere le potenzialità insite nel cuore e nell’anima. La religione dà una definizione incomprensibile di queste due componenti e della loro funzione, e l’uomo non sa a chi rivolgersi per scoprirlo. Eppure sarebbe molto semplice: gli basterebbe entrare nel proprio intimo e chiedere a se stesso. Schiudendo le porte del santuario interiore, la luce irromperebbe. In presenza della luce, troverebbe la chiave per comprendere lo scopo per cui è venuto al mondo.

In realtà la luce viene data a tutti ma, poiché non la riconosciamo, restiamo comunque al buio. Con la coscienza immersa nell’oscurità si cresce egoisti, presuntuosi, scontenti… E l’incapacità di conoscere noi stessi ci rende inadatti a comprendere gli altri.
Poiché non è consapevole di ciò che è, l’uomo cerca di apparire ciò che non è. Ma quanto più si sforza di mostrarsi candido e altruista, tanto più tende a nascondere un metaforico pugnale dietro la schiena la cui lama affilata, di solito, si chiama “parola”.

Sebbene la luce sia a disposizione di tutti, nessuno può darla ad un altro. In tanti si dichiarano “portatori di luce”, ma anche questa è una forma di inganno e di autoinganno. La luce si può solo cercare – e trovare, in una scoperta che non ha fine. Un saggio potrà indicare al prossimo come rimuovere i veli dagli occhi (o i macigni dal cuore); ma nessuno darà mai la luce ad un altro, perché la luce non ci appartiene. E la sua ricerca non può essere teorica.
Una volta compreso tutto questo, possiamo osare nel definire la luce del mondo come ciò che
mostra la via della crescita personale
permette di scorgere la verità in se stessi
insegna la completezza della vita.

Maria Antonietta Pirrigheddu
23.06.11

http://www.lunadivetro.it/scoperte/luce/Luce.htm

LIGHT

“I am the light of the world,” said Jesus Christ.
A phrase so well known and obvious to convince us to know perfectly well that means. No one would dare ask for an explanation, for fear of making the figure of the ignorant.
Are we so sure?
In fact, all the light we seek, but few really know what is. Not even religion tells us clearly what he meant Jesus Christ with his famous statement.

The light was referring to the Christ is above all one that allows one to illuminate the inside of himself. Only when he lit the corners of his being with the light of consciousness, it can actually see the rest of the world, because only then buy the real view.
Of course, Christ is the light … but only man has the ability to activate the switch to turn it on. He teaches that shows the way, follow it to the man but he is drawing on his own will, the desire of being and knowing, and especially to develop their skills. It is not enough to see the light of day and start on the path, if not then you have that inner lumen capable of detecting obstacles and stumbling blocks that prevent us from continuing.

Being the Light of the world is to offer the chance to see. But see what?
First of all, what really is. Certainly not enough physical eyes: you must use the eyes of consciousness. This is primarily to understand what is moving inside her, able to perceive the inner world, to understand what you are and what you can, and then come to hear the cosmos as a whole, to develop the ‘ All through the ability to watch the glow of his soul. The light of the world gives man the ability to see beyond himself, to perceive and imagine the life that animates the entire creation and the beauty that vibrates.

The major limitation of man’s inability to understand what is and what it can become.Can not read itself. They are taught not to feel his own soul, to listen to your heart, to decipher the messages of consciousness. Known to exist in heart and soul only by hearsay. Rarely in a very vague and comes into contact with these key parts of his being: his entire conscious life is primarily on the physical and mental.
The light of the world is just that ray that reveals the unknown parts of the self, those of which you have no experience.
The current culture prevents a glimpse of the potential of the heart and soul. Religion gives a definition of these two components is incomprehensible and their function, and the man does not know who to contact to find out. Yet it would be very simple: get enough within himself and ask himself. Opening up the doors of the inner sanctuary, the light breaks. In the presence of light, find the key to understanding the purpose for which it is born.

In fact, light is given to all, but since we do not recognize, we are still in the dark.With the consciousness grows in darkness is selfish, arrogant, disgruntled … And the inability to know ourselves makes us unfit to understand others.
Since it is not aware of what is, man tries to look what is not. But the more one tries to show candid and caring, the more it tends to hide a metaphorical dagger behind his back, whose sharp knife, usually called “word”.

Although light is available to all, no one can give to another. Many people claim to be “bearers of light,” but this is a form of deception and self-deception. The light can only seek – and find, a discovery that has no end. A wise man can tell the neighbor how to remove the veil from the eyes (or boulders from the heart), but no one will ever give to another light, because light does not belong to us. And his research can not be theoretical.
Once you understand this, we dare to define the light of the world as what
shows the path of personal growth
lets us see the truth in themselves
teaches the completeness of life.

Marie Antoinette Pirrigheddu
23.06.11

http://www.lunadivetro.it/scoperte/luce/Luce.htm

Quel che è stato


Quel che è stato

Il tempo scorre
e cancella gli inganni
antico percorso
che passa del cuore:
occhi e memoria
di quel che è perduto
– colore ormai smunto –
di mille illusioni

Erano giochi
che facevan apparire
la processione di sorrisi
Come giocoliere
era giovinezza
che lasciava patine vive

Si rimandava
il nutrimento dell’anima
di quel essere impalpabile
che a poco sarebbe servito
– era solo ebbrezza da seguire –
danze dei sensi per ottundere
quel che non si coglieva

Ed ora che le pieghe incise
mostrano lo scavo dell’effimero
nulla resta da guardare
e vuoto silenzio
rimbomba per quel che non è stato

Ed è maschera che gronda
trucco e sudore
Vuoto lo scrigno
che conteneva l’essenza
d’ un cuore ormai vecchio
che non sa più cercare
senso e storia
di quel che è stato

27.06.2005 Poetyca


What was

Time flows
and remove the deceptions
old path
passing of the heart:
eyes and memory
of what is lost
– Color now haggard –
a thousand illusions

Games were
yielding appear
the procession of smiles
How to juggle
youth was
leaving patina lives

See
the nourishment of the soul
in that be impalpable
that little would be served
– Was just drunk to follow –
dances to dull the senses
what is not caught

And now that the carved folds
showing the excavation of the ephemeral
nothing left to watch
and empty silence
echoes for what was not

And it is form that gutter
makeup and sweat
Empty casket
which contained the essence
‘s heart when old
that can no longer look
meaning and history
of what was

27.06.2005 Poetyca

Nulla è separato – Nothing is separate


🌸Nulla è separato🌸

Una goccia
di luce
scivola
penetra
in cuore
illumina
l’attimo
di vita
nuova
Essenza
senza confine
abbraccia
il mondo
in distillato
di presenza
vera
perché
nulla è separato

21.03.2019 Poetyca
🌸🌿🌸🌿#Poetycamente
🌸Nothing is separate

A drop
of light
slips
penetrates
in heart
lights
the moment
of life
new
Essence
without border
hugs
the world
in distillate
of presence
real
why
nothing is separate

21.03.2019 Poetyca

La luce di Dio – The light of God


🌸La luce di Dio🌸

Hanno detto: “Da ogni parte
c’è la luce di Dio”.
Ma gridano gli uomini tutti :
“Dov’è quella luce?”
L’ignaro guarda da ogni parte,
a destra, a sinistra;
ma dice una Voce:
Guarda soltanto,
senza destra e sinistra!”.

Mevlana Jalaluddin Rumi
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸The light of God

They said: “From every side there is the light of God”.
But all men cry out: “Where is that light?”
The unaware looks at each side, on the right, on the left, but says a Voice:
Look only, without left and right! “.

Mevlana Jalaluddin Rumi