Nel dualismo


alitesto
Nel dualismo

E’ nel dualismo che nascono le paure, il timore di non essere accolti per quel che siamo; eppure in tutti noi è la capacità di onestà verso noi stessi – la chiara Luce – che possa sostenere il nostro cammino; siamo noi che decidiamo di fermarci o avanzare recidendo i legami del dubbio e degli attaccamenti, siamo noi che, colmi di aspettative, ci ancoriamo ad un percorso sempre uguale.

Lavorare con responsabilità, ammettere i nostri bisogni, credere delle nostre possibilità – sopratutto sperare e vedere nelle piccole cose della vita le opportunità – è offrire a noi stessi, oltre il silenzio dell’ascolto interiore, la chiave per aprirci alla Luce.

Nulla è più importante della comprensione, del rispetto per se stessi e per gli altri e del lavoro che possa allargare i confini del nostro ego.

ci somigliamo tutti, pur essendo diversi; siamo diversi pur simili. Ogni esperienza letta attraverso il mezzo delle parole potrebbe essere parte di noi, lo stesso quel che trasmettiamo con lealtà ( poichè nessun filtro dovrebbe coprire la nostra essenza) è lo specchio in cui far riflettere chi accogliamo.

Nessuno avrebbe la capacità di leggere ogni cosa, ma il poco di cui è capaci, se sa rispettare gli altri è sempre un seme che, se trova terreno adatto; germoglia fiducia e presenza.

17.11.2006 Poetyca

In dualism

It is in the dualism that fears arise, the fear of not being accepted for what we are; yet in all of us it is the capacity for honesty towards ourselves – the clear Light – that can sustain our journey; it is we who decide to stop or advance by severing the bonds of doubt and attachments, it is we who, full of expectations, anchor ourselves to a path that is always the same.

Working responsibly, admitting our needs, believing our possibilities – above all hope and seeing in small things in life the opportunities – is offering ourselves, beyond the silence of inner listening, the key to open ourselves to the Light.

Nothing is more important than understanding, respect for oneself and others and work that can expand the boundaries of our ego.

we all resemble each other, despite being different; we are different but similar. Any experience read through the medium of words could be part of us, the same as what we transmit with loyalty (since no filter should cover our essence) is the mirror in which we reflect who we welcome.

No one would have the ability to read everything, but the little he is capable of, if he knows how to respect others, is always a seed that, if he finds suitable ground; trust and presence sprouts.

17.11.2006 Poetyca

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.