Archivio | 08/05/2019

Nelle tasche del buio


Nelle tasche del buio

Nelle tasche del buio
è la visione del silenzio
eppure è con pazienza
che germoglia il seme
senza fretta è respiro
che non stringe nel pugno
miriadi di aspettative:
La vita è adesso
spalanca la porta del cuore

20.01.2012 Poetyca

In the pockets of the dark

In the pockets of the dark
is the vision of silence
yet it is with patience
that the seed germinates
Haste is not breathing
that holds in his hand
myriad of expectations:
Life is now
opens the door of the heart

20.01.2012 Poetyca

Purezza


image

Purezza

Semi sparsi
tra anima e cuore
tutto ė sospeso
lo devi cercare
Guarda intorno
respira magia
raccogli la vita
nelle piccole cose
Tutto scorre
non lo trattenere
non stringere le dita
Sii volo oltre l’orizzonte
ed attraversa
ogni tua illusione
per far sbocciare purezza

12.06.2016 Poetyca

Purity

Scattered seeds
between soul and heart
Everything is suspended
you have to try
looks around
breathing spell
collect life
in small things
Everything flows
not hold back
do not pinch your fingers
Be over the horizon
and crosses
all your illusion
to bloom purity

06/12/2016 Poetyca

Le forze contrarie alla ricerca interiore


 

 

 

Copia_di_6o_1024Le forze contrarie alla ricerca interiore

Quando si legge di forze contrarie ci si immagina la presenza di veri e propri oppositori. Considero che proporzionalmente all’iniziazione o al proseguimento di un percorso ( non si è mai fermi ma ci si evolve), sia inevitabile che chi ci circondi non ci ” riconosca più” e nel tentativo di non
” perdere” la figura ( immaginaria che hanno di noi) e quanto siano abituati a vedere del nostro manifestarci, tentino di tirarci verso una condizione di non avanzamento – di trattenerci per la giacca- perchè si incarni quello che vogliono noi manifestassimo, in particolare il giudizio ed il dualismo che
” separano” e non accolgono per come si è. Ma questo a volte è illusorio, poiché noi stessi nel cambiare punto di vista sulle cose, proiettandoci in avanti non ci sentiamo più a nostro agio in una precendente condizione e, con essa con le persone che erano prima in risonanza. Tutto si lega ad armonie e disarmonie, assonanze e dissonanze, diviene naturale che chi faccia dei passi in avanti entri in un nuovo cerchio in cui vi siano persone sulla stessa frequenza vibratoria. Doloroso forse considerare che non si sappia – lasciare andare – qualcuno, che si vorrebbe comprendesse il
nostro nuovo modo di essere, ma potrebbe farlo? Comunque per ogni passaggio, doloroso e ricco di opportunità, le forze contrarie possono rappresentare noi stessi se ci arrendiamo e non alimentiamo la nostra volontà nel proseguire. Sono piccole prove per saggiare la nostra costanza nella ricerca.

17.09.2007 Poetyca

The forces opposed to the inner search

When we read of opposing forces you imagine the presence of real opponents . I consider that in proportion to the initiation or continuation of a path ( it never stops but it evolves ) , it is inevitable that those who surround us we do not “recognize more” and trying not to
“Lose ” the figure ( imaginary of us have ) and how much are accustomed to seeing our manifest , try to get us to a state of non- progress – to hold us back for the jacket – because it embodies what they want us manifestassimo , in particular the judgment and the dualism that
” Separate ” and not welcome as it has . But this is sometimes illusory, since we ourselves change in point of view on things , projecting forward we no longer feel at ease in a previous condition , and with it the people who were first in resonance. Everything binds to the harmonies and discords , assonance and dissonance , it becomes natural that those who make steps forward to enter into a new circle in which there are people on the same vibrational frequency . Painful to consider that perhaps you do not know – let go – someone you would want would include the
Our new way of being, but it could do so? However, for each step, painful and full of opportunity , the opposing forces can represent ourselves if we give up and not nourish our willingness to continue . They are small trials to test our constancy in the pursuit .

17.09.2007 Poetyca

Svuota la tua barca


303165_235185866530834_183270601722361_633238_726428580_n

Se un uomo sta attraversando un fiume e una imbarcazione vuota collide con la propria barca a remi, anche se è un uomo di cattivo carattere non si arrabbierà molto. Ma se vede un uomo nella barca, gli urlerà di virare.  
Se l’urlo non viene udito, egli griderà di nuovo, e ancora di nuovo, e comincerà a imprecare. E tutto perché c’è qualcuno nella barca. Eppure, se la barca fosse vuota, egli non griderebbe, e non si arrabbierebbe.  
Se puoi svuotare la tua propria barca attraversando il fiume del mondo, nessuno ti ostacolerà, nessuno cercherà di farti del male…
Chi può liberare se stesso dal conseguimento, e dalla fama, scendere e perdersi nella massa degli uomini? Egli scorrerà, come il Tao, non visto, andrà in giro come la Vita stessa con nessun nome e nessuna casa.  
Egli è semplice, senza distinzione. A tutta apparenza egli è uno sciocco. I suoi passi non lasciano alcuna traccia. Egli non ha alcun potere. Egli non consegue niente, non ha alcuna reputazione. Poiché non giudica nessuno, nessuno lo giudica.  
Così è l’uomo perfetto: la sua imbarcazione è vuota.

                                                                                      Chuang Tzu

If a man is crossing a river and an empty boat collides with his own rowing boat, even if he is a man of bad character will not get angry a lot. But if he sees a man in the boat, the scream of tack.
If the shout is not heard, he will shout again, and yet again, and begin cursing. And all because there is somebody in the boat. Yet if the boat were empty, he would cry, and not be angry.
If you can empty your own boat crossing the river of the world, no one will hinder you, no one will try to hurt you …
Who can free himself from achievement, and from fame, descend and be lost in the mass of men? He will flow like Tao, unseen, goes about like Life itself with no name and no home.
He is simple, without distinction. To all appearances he is a fool. His steps leave no trace. He has no power. He does not achieve nothing, has no reputation. Because judges no one, no one judges him.
So it is the perfect man: His boat is empty.

                                                                                       Chuang Tzu

Senza scegliere


 

rosaflor

Senza scegliere

Essere magneti,attirare la vita,
l’amore e custodirlo,
farne dono, capaci di apertura,
di accoglienza sincrona.
Vivere il momento,
riempirci di gioia e meraviglia,
perchè nulla ci appartiene,
tutto ci avvolge nell’abbondanza
del riconoscimento autentico.
Tutto è offerta da porgere al vento
che sa distribuire senza scegliere.

23.09.2014 Poetyca

Without choosing

Being magnets attract the life,
love it and keep it,
make a gift, capable of opening,
Synchronous reception.
Living in the moment,
fill us with joy and wonder,
because nothing belongs to us,
all wraps us in abundance
recognition of the authentic.
Everything is offered to extend the wind
who knows how to distribute without choosing.

09/23/2014 Poetyca

La magia delle piccole cose


 

La magia delle piccole cose

Esiste la magia di piccole cose
momenti speciali che riempiono il cuore;
attesi, vissuti con dolcezza e calore
e poi…presto dimenticati.

07.03.2011 Poetyca

The magic of the little things

There is the magic of small things
special moments that fill our hearts;
expected, lived with sweetness and warmth
… and then soon forgotten.

07.03.2011 Poetyca

Dhammapada 23


Dhammapada 23

I risvegliati saldi nella propria risoluzione
si impegnano con tutti se stessi
e conoscono la libertà dalla schiavitù:
liberazione, unica vera sicurezza.

Verse 23. Freedom Is Difficult

They meditate persistently,
constantly they firmly strive,
the steadfast to Nibbana reach,
the Unexcelled Secure from bonds.