Archivio | 21/06/2019

★★。¸.☆☆Buonanotte¸.☆☆


notte75

Nel caos


Nel caos

Anche oggi
nel caos
cerchi
un punto
fermo
un profumo
leggero
per avvolgere
come coperta
il tuo tremore
Non vuoi più
percorrere
il buio
con la mano
sempre vuota
e nella tua ricerca
indossi il coraggio
sentendo ora
la mia presenza
nella tempesta

14.12.2017 Poetyca

In chaos

Also today
in chaos
circles
a point
stationary
A perfume
light
to wrap
as a blanket
your trembling
You do not want anymore
run across
the darkness
with the hand
always empty
and in your search
wear courage
feeling now
my presence
in the storm

14.12.2017 Poetyca

Sull’Amare


7

Sull’Amare

Ci troviamo a cercare e a confrontarci con noi stessi per seminare le cose in cui crediamo. Il rapporto con gli altri,diversi da noi per consuetudini ed idee è spesso un rapporto di compromesso: Apertura e disponibilitá sono la via spianata per esperire atteggiamenti,attenzione e confronto con altri aspetti di noi stessi in altre persone,le quali a volte fungono da specchio.E’ attraverso questo confronto che possiamo mettere in atto flessibilità,accoglienza e compassione ma questo non deve farci perdere di vista il rispetto di sè,la continuità della ricerca interiore ed un mirato ascolto di quanto si manifesta,in modo spontaneo,senza farsi manipolare o piegare dall’altrui giudizio o da pressioni esterne atte a farci mutare comportamento o, soprattutto,dal nostro attaccamento alla nostra immagine o alle apparenze. Amare o partecipare alla vita degli altri deve essere un percorso spontaneo ed incondizionato. Tutti noi dovremmo lavorare per trovare la gioia di un confronto costruttivo. Senza rabbia o timore.

Esistono persone capaci di amare…malgrado tutto e senza pianificare nulla.
Non lo fanno in nome di un Dio o per guadagnarsi un lontano Paradiso, semplicemente provano una gioia profonda nell’esprimere la propria natura.Non tentano di trarre piacere ma vivono pienamente l’attimo presente. Perchė consapevoli che tutto è Amore.

Il ricevere quel che si semina è una legge naturale, qualcuno lo chiama Karma.
Anche nella Bibbia, nell’Antico Testamento, in Proverbi si afferma che ” Chi semina vento raccoglie tempesta” (Osea 8,7). Una piccola nota per comprendere che siamo responsabili delle nostre azioni. Amare non è qualcosa che si programma o si imita, accade.
La rabbia, l’odio, la vendetta, hanno una sorta di potere corrosivo che danneggia chi per primo coltiva tali semi.
Meglio dimenticare le cause di sofferenze e amare comunque ( anche se difficile) che farsi contaminare da energie corrosive e distruttive.

16.01.2014 Poetyca

On loving

We are to seek and confront ourselves to sow the things we believe . The relationship with others different from us for traditions and ideas is often a relationship of compromise : Opening and availability are clearing the way for seeking attitudes , attention and comparison with other aspects of ourselves in other people , which sometimes act as specchio.E ‘ through this comparison we can implement flexibility , warmth and compassion but this should not make us lose sight of the self-respect , the continuity of soul searching and a focused listening to what occurs in a spontaneous way , without being manipulate or bend dall’altrui judgment or by outside pressures designed to make us change behavior or , more importantly, from our attachment to our image or appearances. To love or to participate in the lives of others should be a path spontaneous and unconditional . All of us should work to find the joy of a constructive dialogue . Without anger or fear .

There are people who are able to love in spite of everything … and not planning anything.
Do not do it in the name of God or to earn a distant paradise , simply feel a deep joy in expressing their natura.Non try to get pleasure but fully live the present moment . Because they are aware that everything is Love.

The get what you sow is a natural law , some call it Karma .
Even in the Bible, in the Old Testament , Proverbs says that “He who sows the wind reaps the whirlwind .” (Osea 8,7) A small note to understand that we are responsible for our actions. Love is not something you or program imitates , it happens .
Anger , hatred , revenge, have some sort of corrosive power that harms those who first cultivated these seeds.
Better to forget the causes of suffering and still love (although difficult ) to be contaminated by corrosive and destructive energies .

16/01/2014 Poetyca

Perle di parole


Tredici spunti per la vita – Gabriel García Márquez

1 Ti amo non per chi sei ma per chi sono io quando sono con te.
2 Nessuna persona merita le tue lacrime, e chi le merita sicuramente non ti farà piangere.
3 Il fatto che una persona non ti ami come tu vorresti non vuol dire che non ti ami con tutta se stessa.
4 Un vero amico è chi ti prende per la mano e ti tocca il cuore.
5 Il peggior modo di sentire la mancanza di qualcuno è esserci seduto accanto e sapere che non l’avrai mai.
6 Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai chi potrebbe innamorarsi del tuo sorriso.
7 Forse per il mondo sei solo una persona, ma per qualche persona sei tutto il mondo.
8 Non passare il tempo con qualcuno che non sia disposto a passarlo con te.
9 Forse Dio vuole che tu conosca molte persone sbagliate prima di conoscere la persona giusta, in modo che, quando finalmente la conoscerai, tu sappia essere grato.
10 Non piangere perché qualcosa finisce, sorridi perché è accaduta.
11 Ci sarà sempre chi ti critica, l’unica cosa da fare è continuare ad avere fiducia, stando attento a chi darai fiducia due volte.
12 Cambia in una persona migliore e assicurati di sapere bene chi sei prima di conoscere qualcun’altro e aspettarti che questa persona sappia chi sei.
13 Non sforzarti tanto, le cose migliori accadono quando meno te le aspetti.
“Tutto quello che accade, accade per una ragione.“,

Gabriel García Márquez

Molte persone attraverseranno la tua vita

Molte persone attraverseranno la tua vita
ma solo pochi amici lasceranno impronte nel tuo cuore
Con te stesso usa la testa
con gli altri usa il cuore
Se qualcuno ti tradisce una volta è colpa sua
se ti tradisce due volte è colpa tua
I “grandi” parlano di idee
i “mediocri” parlano di eventi
i “miseri” parlano di persone
Chi perde denaro perde molto
Chi perde un amico perde molto di più
Chi perde la fede perde tutto
Impara dagli errori degli altri
non vivrai mai abbastanza per farli tutti da solo
Ieri è storia
Domani è mistero
Oggi è un regalo

Autore sconosciuto

Regala ciò che non hai

Occupati dei guai,
dei problemi del tuo prossimo.
Prenditi a cuore gli affanni,
le esigenze di chi ti sta vicino.

Regala agli altri la luce che non hai,
la forza che non possiedi,
la speranza che senti vacillare in te,
la fiducia di cui sei privo.
Illuminali dal tuo buio.
Arricchiscili con la tua povertà.

Regala un sorriso
Quando hai voglia di piangere.
Produci serenità
Dalla tempesta che hai dentro.

“Ecco quello che non ho ,te lo do”

Questo è il tuo paradosso.

Ti accorgerai che la gioia
a poco a poco entrerà in te,
invaderà il tuo essere,
diventerà veramente tua
nella misura in cui
l’avrai regalata agli altri.

Alessandro Manzoni

La paura profonda

La nostra paura più profonda

non è di essere inadeguati.

La nostra paura più profonda,

è di essere potenti oltre ogni limite.

E’ la nostra luce, non la nostra ombra,

a spaventarci di più.

Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante,  pieno di talento, favoloso? “

In realtà chi sei tu per NON esserlo?

Siamo figli di Dio.

Il nostro giocare in piccolo,

non serve al mondo.

Non c’è nulla di illuminato

nello sminuire se stessi cosicchè gli altri

non si sentano insicuri intorno a noi.

Siamo tutti nati per risplendere,

come fanno i bambini.

Siamo nati per rendere manifesta

la gloria di Dio che è dentro di noi.

Non solo in alcuni di noi:

è in ognuno di noi.

E quando permettiamo alla nostra luce

di risplendere, inconsapevolmente diamo

agli altri la possibilità di fare lo stesso.

E quando ci liberiamo dalle nostre paure,

la nostra presenza

automaticamente libera gli altri.

Nelson Mandela

I bambini imparano ciò che vivono


I bambini imparano ciò che vivono.

Se un bambino vive nella critica impara a condannare.

Se un bambino vive nell’ostilità impara ad aggredire.

Se un bambino vive nell’ironia impara ad essere timido.

Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole.

Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente.

Se un bambino vive nell’incoraggiamento impara ad avere fiducia.

Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia.

Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede.

Se un bambino vive nell’approvazione impara ad accettarsi.

Se un bambino vive nell’accettazione e nell’amicizia impara a trovare l’amore nel mondo.


Doret’s Law Nolte

“Lettera al figlio”

di

Rudyard Kipling

Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te

la stan perdendo e te ne attribuiscono la colpa,

se sai aver fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te

ed essere indulgente verso chi ti dubita;

se sai aspettare e non stancartene,

e mantenerti retto se la calunnia ti circonda

e non odiare se sei odiato,

senza tuttavia apparire troppo buono né parlare troppo da saggio;

se sai sognare senza abbandonarti ai sogni;

se riesci a pensare senza perderti nei pensieri,

se sai affrontare il Successo e la Sconfitta

e trattare questi due impostori nello stesso modo;

se riesci a sopportare di sentire la verità che tu hai detto

distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per gli ingenui;

se sai guardare le cose, per le quali hai dato la vita,

distrutte e riesci a resistere ed a ricostruirle con strumenti logori;

se sai fare un fascio di tutte le tue fortune

e giocarlo in un colpo solo a testa e croce

e sai perdere e ricominciare da capo

senza mai lasciarti sfuggire una parola su quello che hai perso;

se sai costringere il tuo cuore, i tuoi nervi, i tuoi muscoli

a sorreggerti anche quando sono esausti,

e così resistere finchè non vi sia altro in te

oltreché la volontà che dice loro: “Resistete!”;

se riesci a parlare con i disonesti senza perdere la tua onestà,

o ad avvicinare i potenti senza perdere il tuo normale atteggiamento,

se nè i nemici né gli amici troppo premurosi possono ferirti,

se per te ogni persona conta, ma nessuno troppo;

se riesci a riempire l’inesorabile minuto

dando valore ad ogni istante che passa:

il mondo e tutto ciò che è in esso sarà tuo,

e, quel che conta di più, tu sarai un Uomo, figlio mio!


Le cose che ho imparato nella vita

di Paulo Coelho


Ecco alcune delle cose che ho imparato nella vita:

Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà.

E per questo, bisognerà che tu la perdoni.

Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per distruggerla.

Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici cambiano.

Che le circostanze e l’ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.

Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti, o essi controlleranno te.

Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era necessario fare, affrontandone le conseguenze.

Che la pazienza richiede molta pratica.

Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.

Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale quando cadrai, è invece una di quelle poche che tiaiuteranno a rialzarti.

Che solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto se stesso.

Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze:

sarebbe una tragedia se lo credesse.

Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno.

Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.

Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo non si ferma, aspettando che tu lo ripari.

Forse Dio vuole che incontriamo un po’ di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.

Quando la porta della felicità si chiude, un’altra si apre, ma tante volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.

La miglior specie d’amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta.

È vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.

Ci vuole solo un minuto per offendere qualcuno, un’ora per piacergli, e un giorno per amarlo, ma ci vuole una vita per dimenticarlo.

Non cercare le apparenze, possono ingannare.

Non cercare la salute, anche quella può affievolirsi.

Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia

Trova quello che fa sorridere il tuo cuore.

Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca così tanto che vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni per abbracciarlo davvero!

Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.

Puoi avere abbastanza felicità da renderti dolce, difficoltà a sufficienza da renderti forte, dolore abbastanza da renderti umano, speranza sufficiente a renderti felice.

Mettiti sempre nei panni degli altri.

Se ti senti stretto, probabilmente anche loro si sentono così.

Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino.

La felicità è ingannevole per quelli che piangono, quelli che fanno male, quelli che hanno provato, solo così possono apprezzare l’importanza delle persone che hanno toccato le loro vite.

L’amore comincia con un sorriso,

cresce con un bacio e finisce con un the.

Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato,non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e tuoi dolori.

Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano.

Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l’unico a sorridere e ognuno intorno a te a piangere.

Thirteen ideas for life

1. I love you not for who you are but for who I am when I am with you.
2. No person deserves your tears, and who deserves will not make you cry.
3. The fact that a person does not love you as you would like not to say that does not love you with all they have.
4. A true friend is someone who reaches for your hand and touches your heart.
5. The worst way to miss someone is to be sitting right beside them knowing you can not have them.
6. Never stop smiling, even when you are sad, because you never know who is falling in love with your smile.
7. Perhaps the world you may be one person but to one person you around the world.
8. Do not waste your time with someone who is not willing to waste their time with you.
9. Maybe God wants us to meet a few wrong people before meeting the right person, so that when we finally know, you know how to be grateful.
10. Do not cry because it is over, smile because it happened.
11. There will always be critics who do you, the only thing to do is continue to trust, being careful about who you trust next time.
12. Change to a better person and make sure you know exactly who you are before meeting someone else and expect that this person knows who you are.
13. Do not try so hard, the best things come when you least expect them.

EVERYTHING HAPPENS, HAPPENS FOR A REASON

Gabriel García Márquez

Lots of people pass through your life

Many people pass through your lives
but only a few friends will leave footprints in your heart
Yourself use your head
with others use your heart
If someone betrays you once it’s his fault
if betrays you twice it is your fault
The “big” ideas speak
the “mediocre” speak of events
the “miserable” people talk about
Who loses money loses much
Anyone who loses a friend loses much more
He who loses faith loses all
Learn from others’ mistakes
‘ll never live long enough to do it all alone
Yesterday is history
Tomorrow is mystery
Today is a gift

Author unknown

Give what you have not


Employed in trouble
problems of your neighbor.
Take to heart trouble,
the needs of those near you.

Give to others the light that you have not,
the strength that you have not,

Hope you feel waver in you,
trust of which you are free.
By enlighten your darkness.
give rich to your poverty.

Give a smile
When you want to cry.
Produce serenity
Storm in you.

“That’s what I have, I do”

This is your paradox.

You’ll find that the joy
gradually come into you,
invade your being,

really become your
insofar
You got a gift to others
.

Alessandro Manzoni

Deepest fear

Our deepest fear is not that we are inadequate. Our deepest fear is that we are powerful beyond measure. It is our light, not our darkness that most frightens us. We ask ourselves, Who am I to be brilliant, gorgeous, talented, fabulous? Actually, who are younot to be? You are a child of God. Your playing small does not serve the world. There is nothing enlightened about shrinking so that other people won’t feel insecure around you. We are all meant to shine, as children do. We were born to make manifest the glory of God that is within us. It’s not just in some of us; it’s in everyone. And as we let our own light shine, we unconsciously give other people permission to do the same. As we are liberated from our own fear, our presence automatically liberates others.

Nelson Mandela

Children learn what they live

Children learn what they live.

If a child lives with criticism learns to condemn.

If a child lives with hostility learns to assault.

If a child lives irony learns to be shy.

If a child lives with shame he learns to feel guilty.

If children live with tolerance he learns to be patient.

If a child lives with encouragement learns to trust.

If children live with fairness he learns justice.

If a child lives in the availability learns to have faith.

If a child lives in approving learn to accept.

If a child lives in the acceptance and friendship he learns to find love in the world.

Doret’s Law Nolte

“Letter to the son”

by
Rudyard Kipling
If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you,
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too;
If you can wait and not be tired from waiting,
Or being lied about, don’t deal in lies,
Or being hated, don’t give way to hating,
And yet don’t look too good, nor talk too wise:
If you can dream – and not make dreams your master;
If you can think – and not make thoughts your aim;
If you can meet with Triumph and Disaster
And treat those two impostors just the same;
If you can bear to hear the truth you’ve spoken
Twisted by knaves to make a trap for fools,
Or watch the things you gave your life to, broken,
And stoop and build ‘em up with worn-out tools;
If you can make one heap of all your winnings
And risk it on one turn of pitch-and-toss,
And lose, and start again at your beginnings
And never breathe a word about your loss;
If you can force your heart and nerve and sinew
To serve your turn long after they are gone,
And so hold on when there is nothing in you
Except the Will which says to them: “Hold on!”
If you can talk with crowds and keep your virtue,
Or walk with Kings – nor loose the common touch,
If neither foes nor loving friends can hurt you,
If all men count with you, but none too much;
If you can fill the unforgiving minute
With sixty seconds’ worth of distance run:
Yours is the Earth and everything that’s in it,
And – which is more – you’ll be a Man, my son!

I have learned

Paulo Choelo

I’ve learned that you cannot make someone love you. All you can do is be someone who can be loved. The rest is up to them;
I’ve learned that no matter how much I care, some people just don’t care back;
I’ve learned that it takes years to build up trust, and only seconds to destroy it.
I’ve learned that it’s not what you have in your life but who you have in your life that counts;
I’ve learned that you can get by on charm, for about fifteen minutes. After that, you’d better know something;
I’ve learned that you shouldn’t compare yourself to the best others can do.
I’ve learned that you can do something in an instant that will give you heartache for life.
I’ve learned that it’s taking me a long time to become the person that I want to be.
I’ve learned that you should always leave loved ones with loving words. It may b the last time you see them.
I’ve learned that you can keep going long after you can’t.
I’ve learned that we are responsible for all we do, no matter how we feel.
I’ve learned that either you control your attitude or it controls you.
I’ve learned that no matter how hot and steamy a relationship is at first, the passion fades and there had better be something else to take it’s place.
I’ve learned that heroes are the people who do what has to be done when it needs to be done, regardless of the consequences.
I’ve learned that money is a lousy way of keeping score.
I’ve learned that my best friend and I can do anything or nothing and have the best time.
I’ve learned that sometimes the people you expect to kick you when you’re downhill are the ones to help you get back up.
I’ve learned that sometimes when I’m angry I have the right to be angry, but that doesn’t give me the right to be cruel.
I’ve learned that true friendship continues to grow, even over the longest distance. Same goes for true love.
I’ve learned that just because someone doesn’t love you the way you want them to doesn’t mean that they don’t love you with all they have.
I’ve learned that maturity had more to do with what types of experiences you’ve had and what you’ve learned from them and less to do with how many birthdays you’ve celebrated.
I’ve learned that your family won’t always be there for you. It may seem funny, but people you aren’t related to can take care of you and love you and teach you to trust people again. Families aren’t biological.
I’ve learned that no matter how good a friend is, they’re going to hurt you every once in a while and you must forgive them for that.
I’ve learned that it isn’t always enough to be forgiven by others. Sometimes you have to forgive yourself.
I’ve learned that no matter how bad your heart is broken, the world doesn’t stop for your grief.
I’ve learned that our background and circumstances may have influenced who we are, but we are responsible for who we become.
I’ve learned that just because two people argue, it doesn’t mean they don’t love each other. And just because they don’t argue, it doesn’t mean they do.
I’ve learned that we don’t have to change friends if we understand that friends change.
I’ve learned that you shouldn’t be so eager to find out a secret. It could change your life forever.
I’ve learned that two people can look at the exact same thing and see something totally different.
I’ve learned that no matter how you try to protect your children, they will eventually get hurt and you will get hurt in the process.
I’ve learned that your life can be changed in a matter of hours by people who don’t even know you.
I’ve learned that even when you think you have no more to give, when a friend cries out to you, you will find the strength to help.
I’ve learned that credentials on the wall do not make you a decent human being.
I’ve learned that the people you care about the most in life are taken from you too soon.
I’ve learned that it’s hard to determine where to draw the line between being nice and not hurting people’s feelings and standing up for what you believe.

Anima libera


Anima libera

Io ho atteso te
nel silenzio della luna piena,
nella notte dell’Agosto fiorente,
in un intercalare di parole mai dette:
” Lo vedi quel punto luminoso ad oriente?
E’ lì che tu avevi perso il cuore
ed io sapevo già, che dopo il buio,
la luce arriva sempre, ma eri confuso,
perduto in una foresta di rovi
incatenato a vecchie paure:
profonde le tue ferite :
tu hai tremato come in bambino
e non ricordavi la strada.
Ma tua forza dimenticata
ha scosso tutto lo spazio
illuminato il cielo notturno
ha spezzato l’incantesimo malvagio
messo le catene al drago
che ha riso di te e del tuo tremore
Una dolce cantilena
delle fate del bosco
ti ha condotto a questa alba
tu raccogli la luce e respira il giorno
tu togli la polvere ai tuoi passi
e al tuo cuore cristallo
Accendi il sorriso
tra voli di speranze nuove:
tu sei rinato dopo la tempesta del cuore
Ecco la nuova vita
da bere nella coppa
della tua anima libera

14.08.2012 Poetyca

Free Soul

I waited you
in the silence of the full moon,
on the night of August flourishing
in a leap of words never spoken:
“You see that bright spot in the East?
It was there that you had lost heart
and I already knew, that after the darkness,
the light always comes, but you were confused,
Lost in a forest of thorns
chained to old fears:
deep your wounds:
you have trembled as in child
and can not think the road.
But your strength Forgot
has shaken the whole space
illuminated the night sky
broke the evil spell
put the chains to the dragon
he laughed at you and your tremor
A sweet lullaby
of the fairies to the forest
led you to this dawn
you collect the light and breathe the day
You take away the dust from your steps
and to your crystal heart
Turn on your smile
between hopes of new flights :
you are reborn after the storm of the heart
Here’s the new life
to drink in the cup
of your free soul

14.08.2012 Poetyca

Sopravvissuto


Sopravvissuto

Sopravvissuto a un sogno
sopravvissuto ad un dolore
con quella ferita
che ancora fa male
Sopravvissuto ad onde
di una tempesta interiore
che non conosce riposo
e non si possono placare
ma apri la mano
e fai scivolare tra le dita
tutto quel che rimane
di ogni ricordo
che incrosta lacrime
cerca la rotta
per la tua anima delusa
e fai entrare la luce
dalle fessure delle finestre
rimaste troppo a lungo chiuse
Comincia a credere
al tutto possibile
e non ti fermare

14.09.2003 Poetyca


Survivor

After surviving a dream
survived a pain
with the wound
still hurts
Survived to
a storm inside
that knows no rest
and can not quench
but open hand
and slide between the fingers
all that remains
each memory
that tears crusting
search route
For your soul disappointed
and you enter the light
through cracks in the windows
remained closed for too long
Begins to believe
to all possible
and do not stop

14.09.2003 Poetyca

Amare – To love – Osho


Amare

Puoi amare solo quando
sei felice dentro di te.
L’amore non può
venir aggiunto dall’esterno.
Non è un indumento
che puoi indossare.

Osho

To love

You can love only when
you are happy inside yourself.
Love cannot
be added from the outside.
It is not a garment
that you can wear.

Osho