Archivio | 06/10/2019

Stella nel deserto


Stella nel deserto

E lascerò alle mie spalle

petali di rosa

a segnare il mio percorso

se vorrai li seguirai

E lascerò gocce di pioggia

per nutrire

la tua anima assetata

che cerca vita nel silenzio

Poi svanirò…

come miraggio

nascosta dietro i pensieri

dietro i ricordi

E verrò

– se tu lo vorrai –

ad accarezzare

i tuoi sogni

a dar vita a speranze

come lume nella notte

– se tu lo vorrai –

sarò stella nel deserto

Alito del tempo

che dispiega le sue forze

per irradiare luce

dietro palpebre tremanti


24.08.2004 Poetyca


Desert Star


And leave behind me

rose petals

to mark my path

if you want to follow them

And let raindrops

to feed

your thirsty soul

seeking life in silence

Then vanish …

a mirage

Hidden behind the thoughts

back memories

And I will

– If you want it –

to caress

your dreams

to create hope

like light at night

– If you want it –

I will star in the desert

Breath time

that deploys its forces

to radiate light

behind eyelids trembling


24.08.2004 Poetyca

Nessun legame con la polvere


77. Nessun legame con la polvere

Zengetsu, un maestro cinese della dinastia T’ang, scrisse per i suoi allievi i seguenti consigli:

Vivere nel mondo e tuttavia non stringere legami con la polvere del mondo è la linea di condotta di un vero studente di Zen.

Quando assisti alla buona azione di un altro, esortati a seguire il suo esempio.

Nell’aver notizia dell’errore di un altro, raccomandati di non imitarlo.

Anche da solo in una stanza buia comportati come se avessi di fronte un nobile ospite.

Esprimi i tuoi sentimenti, ma non diventare più espansivo di quanto la tua vera natura ti detti.

La povertà è il tuo tesoro. Non barattarla mai con una vita agiata.

Una persona può sembrare sciocca e tuttavia non esserlo. Può darsi che stia solo proteggendo con cura il suo discernimento.

Le virtù sono i frutti dell’autodisciplina e non cadono dal cielo da sole come la pioggia o la neve.

La modestia è il fondamento di tutte le virtù. Lascia che i tuoi vicini ti scoprano prima che tu ti sia rivelato.

Un cuore nobile non si mette mai in mostra. Le sue parole sono come gemme preziose, sfoggiate raramente e di grande valore.

Per uno studente sincero, ogni giorno è un giorno fortunato. Il tempo passa ma lui non resta mai indietro. Né la gloria né l’infamia possono commuoverlo.

Critica te stesso, non criticare mai gli altri. Non discutere di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato.

Alcune cose, benché giuste, furono considerate sbagliate per intere generazioni. Poiché è possibile che il valore del giusto sia riconosciuto dopo molti secoli, non c’è alcun bisogno di pretendere un riconoscimento immediato. Vivi con un fine e lascia i risultati alla grande legge dell’universo. Trascorri ogni giorno in serena contemplazione.

Tratto da 101 Storie Zen

No Attachment to Dust

Zengetsu, a Chinese master of the T’ang dynasty, wrote the following advice for his pupils:

Living in the world yet not forming attachments to the dust of the world is the way of a true Zen student.

When witnessing the good action of another encourage yourself to follow his example. Hearing of the mistaken action of another, advise yourself not to emulate it.

Even though alone in a dark room, be as if you were facing a noble guest. Express your feelings, but become no more expressive than your true nature.

Poverty is your treasure. Never exchange it for an easy life.

A person may appear a fool and yet not be one. He may only be guarding his wisdom carefully.

Virtues are the fruit of self-discipline and do not drop from heaven of themselves as does rain or snow.

Modesty is the foundation of all virtues. Let your neighbors discover you before you make yourself known to them.

A noble heart never forces itself forward. Its words are as rare gems, seldom displayed and of great value.

To a sincere student, every day is a fortunate day. Time passes but he never lags behind. Neither glory nor shame can move him.

Censure yourself, never another. Do not discuss right and wrong.

Some things, though right, were considered wrong for generations. Since the value of righteousness may be recognized after centuries, there is no need to crave immediate appreciation.

Live with cause and leave results to the great law of the universe. Pass each day in peaceful contemplation.

Taken from 101 Zen Stories

Cantastorie – Storyteller


🌸Cantastorie🌸

Tu racconti
frammenti
di magia
oltre gesti
ed abitudini
Cantastorie
illumini la mente
ad accompagni
nella via delle stelle
dove tutto è possibile

29.01.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Storyteller

You tell
scraps
of magic
beyond gestures
and habits
Storyteller
enlighten the mind
accompany you
in the way of the stars
where everything is possible

29.01.2019 Poetyca

Amicizia autentica


Amicizia autentica

Quando non so dove andare
mi indichi la strada.
Se perdo la speranza,
me ne dai una nuova.
Anche se sbaglio,
tu pazientemente mi correggi.
Se piango,mi dici
che non è nulla
e mi asciughi le lacrime.
Il destino ti ha posto
sul mio cammino.
E non penso sia un caso.

Grazie!

Giuseppe Bustone

Gratitudine e dono


301258_10150271533544646_742844645_7937186_4170798_n

Gratitudine e dono
La gratitudine sincera è gioia pura, è un gesto
che attraversa il cuore di chi si riconosce grato
e riempie il cuore di chi ha fatto qualcosa.
Donare è consegnare soprattutto parte di sè
con grande gioia e chi lo comprende
prova la stessa gioia ed accende in sè gratitudine.
09.11.2014 Poetyca
Gratitude and gift
The sincere gratitude is pure joy, it is a gesture
that runs through the heart of one who recognizes grateful
and fills the hearts of those who have done something.
Giving is part of himself above all deliver
with great giioia and who understands
feel the same joy and gratitude turns on itself.
09/11/2014 Poetyca

Onde di pietà


Onde di pietà

Badando ai miei veri interessi,
con costanza la via proseguo. Intervallandomi nel gioire,
col lacrimare d’un bimbo,
commosso e caritatevole.
Tanto più si comprende
pena e miseria,
quanto più le si è vissute.
Ascolto il silenzio
del tacere e guardo
il mondo stolido.

Giuseppe Bustone