Archivio | 09/10/2019

E’ un problema suo, non mio


Zen  Monk
Una volta, mentre un maestro Zen camminava per la strada, un uomo si precipitò su di lui e lo colpì duramente. Il maestro cadde, poi si rialzò, e riprese a camminare nella stessa direzione di prima, senza neppure voltarsi indietro.  
Un discepolo che era con il maestro rimase molto colpito e chiese: “Chi è quell’uomo? Che cosa vuol dire tutto questo? Nessuno può voler uccidere un essere che vive come te; e tu non lo hai neppure guardato. Chi è, e perché l’ha fatto?”  
Il maestro rispose: “E’ un problema suo, non mio.”

                                                                               Storia Zen

Once, when a Zen master walked down the street, a man rushed up to him and hit him hard. The master fell, then got up and started walking in the same direction as before, without even looking back.
A disciple who was with the teacher was impressed and asked, “Who is that man? What does all this mean? Nobody can want to kill a living being like you, and you do not have even looked. Who is he, and why did he do? “
The master replied: “It ‘s his problem, not mine.”

                                                                                Zen story

L’incontro con noi stessi


L’incontro con se stessi

Chi guarda nello “specchio” dell’acqua vede per prima cosa, è vero, la propria immagine. Chi va verso sé stesso rischia l’incontro con sé stesso. Lo specchio non lusinga, mostra fedelmente quel che in lui si riflette, e cioè quel volto che non mostriamo mai al mondo, perché lo veliamo per mezzo della persona, la maschera dell’attore. Ma dietro la maschera c’è lo specchio che mostra il vero volto. Questa è la prima prova di coraggio da affrontare sulla via interiore, una prova che basta a far desistere, spaventata, la maggioranza degli uomini. Infatti, l’incontro con sé stessi è una delle esperienze più sgradevoli, alla quale si sfugge proiettando tutto ciò che è negativo sul mondo circostante. Chi è nella condizione di vedere la propria Ombra e di sopportarne la conoscenza ha già assolto una piccola parte del compito: ha perlomeno fatto affiorare “l’inconscio personale”. Ma l’Ombra è parte viva della personalità e vuole vivere con lei sotto qualche forma. Non è possibile di impedirle di esistere con argomenti, né con altrettanti argomenti la si può rendere anodina. Questo problema è estremamente difficile perché non soltanto mette in causa l’uomo intero, ma gli ricorda al tempo stesso la sua miseria e la sua incapacità. Le nature forti – o dovremmo piuttosto dire deboli? – non amano sentirsi porre questo problema, preferiscono quindi escogitare un qualche eroico “al di là del bene e del male” e tagliano il nodo gordiano invece di scioglierlo.
Gli archetipi dell’inconscio – Jung
The meeting with oneself
Who looks in the “mirror” of water first thing he sees is real, its image. Whoever goes to himself risks a meeting with himself. The mirror does not flatter, shows that faithfully reflects that in him, and that is the face that we never show to the world, because the Vellamo by the person, the actor’s mask. But behind the mask is the mirror that shows the true face. This is the first test of courage to face the inner way, a proof that suffices to give up, startled, the majority of men. In fact, the encounter with oneself is one of the most unpleasant experience, which is projecting escape all that is negative on the surrounding world. Who is in a position to see his own shadow and to bear the knowledge has already completed a small part of the task: has at least brought to the surface, “the personal unconscious.” But the Shadow is a living part of the personality and wants to live with her in some form. You can not prevent you from there with arguments, nor with the many arguments you can make anodyne. This problem is extremely difficult because not only calls into question the whole man, but at the same time remember his misery and his inability. The still strong – or should we rather say weak? – Do not like to put this problem would therefore prefer to think of some heroic “beyond good and evil” and cut the Gordian knot rather than dissolve it.
The archetypes of the unconscious – Jung

Compagni di viaggio


image

Compagni di viaggio

Tendi la mano
in questo tuo viaggio
Sbriciola per tutti
quello che hai imparato
perché nulla ti appartiene
ed anche la briciola
più piccola
può sfamare
il viandante affamato
Compagni di viaggio
dove nessuno precede
o resta indietro
dove tutto si disvela
nei paesaggi del cuore
se sai fare di pazienza
e perenne ascolto
un dono da custodire

13.06.2016 Poetyca

Travel friends

Lend a Hand
in this your trip
Crumbles for all
what you learned
because nothing belongs to you
and even the crumbs
smaller
can feed
the hungry wanderer
Travel friends
where no one before
or lags behind
where everything is revealed
in the heart of landscapes
if you do patience
and perennial listening
a gift to treasure

06/13/2016 Poetyca

La sfida


lasfida

La sfida

Mai mollare.
Mai smettere di credere:
Se anche il vento cambiasse direzione,
è nella sfida la capacità di forgiare
quell’essenza che attende
di potersi manifestare.
Guardo gli occhi della gente,
ascolto tacitamente
il ritmo del loro cuore….
io so distinguere un raggio di sole
da quell’ombra celata dietro un sorriso.
Il viaggio continua….
Nessuno è solo,
se resta in ascolto,
se è capace di non sprecare nulla.

04.03.2013 Poetyca

The challenge

Never give up.
Never stop believing:
If the wind changed direction,
challenge is in the ability to forge
that essence that awaits
to be able to demonstrate itself.
I look at people’s eyes,
I listen tacitly
the rhythm of their hearts ….
I know to distinguish a ray of sunshine
to shadow hidden behind a smile.
The journey continues ….
No one is alone,
If listens,
if he can not waste anything.

04.03.2013 Poetyca

Vortici lievi


Vortici lievi

Ci sono cose
che adesso
non comprendi
e vaghi confuso
tra nebbie
alla ricerca di sole
Incapace d’aprire
gli spenti occhi
crederai a tutte le parole
di chi t’inganna
dietro sorrisi
Non potresti credere
che ci sono persone
capaci di giocare
su fragilità e paure
Dietro maschere
e lusinga lieve
costruiscono il loro potere
Burattinai ti mettono i fili
e ti ritrovi prigioniero
senza comprendere
il perchè del tuo disagio
Disegni perfidi si stagliano
sui muri dei pensieri
e sei sagoma di quelle ombre
Ma invece di vagare nella notte
accendi un lume che rischiari
il senso delle cose
Non lasciare muto l’ascolto
affinchè ti possa donare
il giusto modo di comprendere
che sei strumento in mani avide
Solo allora respirerai te stesso
senza incertezze
perchè saprai di essere
vortici lievi liberati in volo
Accarezzerai la vita
che solo tu avrai
stretto nei pugni
e nessuno te la potrà rubare

20.01.2003 Poetyca

Whirlpools slight

There are things
now
not understand
vague and confused
between fog
in search of sun
Unable to open
the dull eyes
believe all the words
who deceive
behind smiles
You could not believe
that there are people
capable of playing
fears about the fragility and
Behind mask
and mild flattery
build their power
Puppeteers will bring the wires
and you find yourself a prisoner
without understanding
why your discomfort
Perfidious designs stand out
on the walls of thoughts
and six outline of the shadows
But instead of wandering in the night
a light that is clearing
the sense of things
Do not allow silent listening
so you can donate
the right way to understand
means that you are in the hands of greedy
Only then you will feel yourself
unhesitating
because they know
minor vortices released in flight
Caresses the life
that only you have
tight in fists
and no one can steal you

20.01.2003 Poetyca

Dietro il velo – Behind the veil


🌸Dietro il velo🌸

Non tutto
è come appare
tu non temere
Dietro il velo
la nebbia
si dirada
Nella notte buia
verranno a cercarti
nuove stelle
Mai solo
nella tempesta
guarda il cielo
ed afferra speranza

24.11.2018 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸
Behind the veil

Not all
it’s what it looks like
you do not fear
Behind the veil
the fog
clear
In the dark night
they’ll come looking for you
new stars
Never alone
in the storm
look at the sky
and grab hope

24.11.2018 Poetyca

Passi – Steps


🌼Passi🌼

Un passo
per volta
senza guardare
mai indietro
Un sogno
ed un sorriso
per spalancare
ancora il cuore
Tutto è lezione
per apprendere
il coraggio
di credere ancora

28.09.2019 Poetyca
🌼🌿🌸#Poetycamente
🌼Steps

A step
at a time
Without looking
never back
A dream
and a smile
to open up
still the heart
Everything is a lesson
to learn
the bravery
to still believe

28.09.2019 Poetyca

Conosco


Conosco

Conosco vite:
Trame
che s’intrecciano fitte
tolgono fiato
impossibile sognare.
Conosco sogni:
Nascono
per avvolgere
occhi fissi su paure.
Conosco paure:
senza piedi
o che fanno fuggire.
Conosco fughe :
Senza ritorno
e all’alba
ad aspettare
un altro giorno.
Conosco giorni:
Senza desideri
dove si vorrebbe
tornare indietro
a cercare le gioie di ieri.
Conosco perduti
rumori di gente scomparsa
senza parlare
senza pensare:
Sacchetti bucati
dove speranze
non riesci a trovare.
Conosco ritrovati
sorrisi che non fanno rumore
anche se scivoli piano
nel silenzio di chi sta male.
Conosco luce:
Fa fuggire ombre
restituisce vita
e voglia di ricominciare.
Perché esiste ancora qualcuno
che voglia ascoltare:
Ti prende per mano
e ti guarda dritto negli occhi,
cerca nel tuo sacchetto
le vecchie paure
mentre ti parla di sogni
e giorni migliori
aggrappandosi
al mio valore
che ogni giorno
ho dovuto soffocare.
Ora ho compreso:
Non dovevo restare
fermo in quest’angolo
a fissare il vuoto.

15.05.2002 Poetyca

know

Know lives:
Trame
interwoven dense
remove breath
impossible dream.
I know dreams:
Born
to wrap
eyes on fears.
I know fears:
without feet
or they do escape.
I know Leaks:
No return
and at dawn
waiting
another day.
Know days:
Desireless
where you want
back
to seek the joys of yesterday.
I know lost
noise of people passing
without speaking
without thinking
Bags with holes
where hopes
you can not find.
Know found
smiles that make no sound
If you slip up even
in the silence of those who are ill.
I know light:
He fled shadows
Life returns
and want to start over.
Why is there still someone
who wants to listen:
Takes your hand
and looks at you straight in the eye,
look in your bag
old fears
as you speak of dreams
and better days
clinging
my value
every day
I had to choke.
Now I understand:
I should not be
standing in this corner
staring into space.

15.05.2002 Poetyca

Il cuore dell’artista


Il cuore dell’artista

Passi su strade sconosciute
voci d’anime in viaggio
senza saper dove andare
eco e danze che palpitano

Un cuore enorme
capace di contenere il mondo
ad occhi socchiusi
nel seguire anche l’ultimo ricordo

Piccoli lampi
dietro le case del domani
dove s’incidono le note
da raccontare adesso

02.11.2012 Poetyca

The heart of the artist

Steps on unfamiliar roads
voices of souls traveling
without knowing where to go
echo and dances that beat

A big heart
capable of containing the world
with eyes half closed
to follow the last memory

Small flashes
behind the houses of tomorrow
where they affect notes
to talk about now

02.11.2012 Poetyca

Ad occhi chiusi


Ad occhi chiusi
(pensando a te)


Ad occhi chiusi
sfioro il ricordo:
corse e risate,
un tempo lontano
per sempre svanito
dietro tristi amarezze.

Ad occhi chiusi
stringo i pugni
cercando di fermare
tutto quello che è stato.

Ad occhi chiusi
scivolano lacrime
mai asciugate
che nel mio cuore
hanno scavato un solco.

Ad occhi chiusi
ricordo l’amico
che mi sedeva accanto.
E’ rimasto,
per sempre muto.

Ad occhi chiusi
è partito
e non asciugherà
mai più
il mio pianto.

28.02.2002 Poetyca

Eyes closed
(Thinking of you)


Eyes closed
overflow the memory:
races and laughter,
a distant
forever gone
sad bitterness behind.

Eyes closed
clench your fists
trying to stop
all that was.

Eyes closed
Tears slide
never dried
that in my heart
They dug a furrow.

Eyes closed
I remember my friend
I sat beside him.
E ‘remained
forever silent.

Eyes closed
started
and dry
never again
my tears.

28.02.2002 Poetyca

Crescere – To grow up


🌼Crescere🌼

È necessario crescere,
maturare,capire
dove si voglia andare
ed infine assumere
le proprie responsabilità
perché mai nulla
è possibile se
non si riescono a superare
tutte le apparenze
e si resta solo guardare.

28.09.2019 Poetyca
🌼🌿🌸#pensierieparole
🌼To grow up

It is necessary to grow,
mature, understanding
where you want to go
and finally assume
your responsibilities
why never anything
it is possible if
you can’t get over it
all appearances
and it remains only to look.

28.09.2019 Poetyca

La verità – The truth- Gurdjieff


🌼La verità🌼

Bisogna imparare
a dire la verità.
Per dire la verità,
bisogna essere diventati
capaci di conoscere
che cos’è la verità
e che cos’è la menzogna,
soprattutto in se stessi.

Gurdjieff
🌼🌿🌼#pensierieparole
🌼The truth

We must learn to tell the truth.
To tell the truth,
one must have become
able to know what the truth is
and what is a lie,
especially in themselves.

Gurdjieff

Merito e demerito


Merito e demerito

Ringrazio per la Tua presenza
e non chiedo più nulla.
Tutto avvenga come Vuoi,
a me sta bene così.
Più Ti cerco e più Ti scopro.
E non finisco di stupirmi
per la Tua grandezza!
Lo so, finché resterò
in questo mondo,
le cose saranno belle e brutte.
E dovrò godere per il bene
e soffrire per il male.
Fino a quando non meriterò
di passare nell’altra dimensione.
Che (attenzione!),
non sarà morire
(potrò morire
e rinascere migliaia
di volte,
senza cambiare
dimensione),
ma entrerò,
non so quando,
finalmente,
nel mondo spirituale.
Grazie Signore
per questa prospettiva!

Giuseppe Bustone