Salati col fuoco


Salati col fuoco

Giorni interminabili
in un piccolo reparto
d’ospedale,dove non avevi diritti
e ti testavano farmaci debilitanti. Potevi piangere,urlare e imprecare:
a loro non interessava.
Tu eri solo un folle
da dover venire punito:
colpevole di esserti ammalato…
Ma la fede per mia grande fortuna,
non mi ha mai abbandonato.

Giuseppe Bustone

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.