Archivio | 08/12/2019

Vivo l’attimo


Vivo l’attimo

Solo sogni di una notte
che stanca ricerca percorsi
– parallelismi perlacei –
che si proiettano su ombre

Fuggono le pagine sbiadite
e oltre confini si rincorrono
per essere sconosciuta al domani
soffio la polvere e vivo l’attimo

27.02.2004 Poetyca

Live the moment

Only one night of dreams
tired research path that
– Parallels pearls –
that project on shadows

Fleeing faded pages
and beyond borders chase
to be known until tomorrow
blowing dust and live the moment

27.02.2004 Poetyca

Un sogno


Un sogno

Tra le piume di un cigno
s’è assopito
un sogno

La luna
accarezza le attese
tra varchi di cielo

Gocce di vita
scorrono
come linfa silente

Perlacei riflessi
sul lago della quiete
mentre tutto si colora

20.01.2004 Poetyca

A dream

Among the feathers of a swan
He’s asleep
a dream

The moon
Shakes expectations
between gates of heaven

Drops of life
flow
silent as lymph

Pearly reflections
Lake of the peace
while everything is colored

20.01.2004 Poetyca

Condivisione


Condivisione

“Non conservate esclusivamente per voi tutti quei momenti di pace, di gioia e di incanto che la vita spirituale vi porta.

Consacrate almeno qualche minuto a inviare col pensiero qualcosa di quegli stati privilegiati. Pensate a tutti gli esseri nel mondo che sono nell’angoscia e nella disperazione; concentratevi su di

loro e dite:

«Cari fratelli e sorelle del mondo intero, ciò che possiedo è talmente bello, talmente luminoso, che voglio condividerlo con voi. Prendete un po’ di questa bellezza, prendete un po’ di questa luce!»

Sapendo che i vostri stati interiori producono delle onde che si propagano, non tenete la vostra felicità solo per voi…

Condividetela!

In tal modo, non solo farete del bene agli altri,ma amplificherete quegli stati in voi.

Sì, è un fenomeno magico: per conservare la vostra gioia, dovete saperla condividere.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

Sharing

“Do not you all be kept only for those moments of peace, joy and enchantment that thespiritual life takes you.
Devote at least a few minutes to send something with the thought of those beenprivileged. Think of all the beings in the world who are in anguish and despair,concentrate on
them and say:
“Dear brothers and sisters throughout the world, that I have is so beautiful, so bright, I want to share it with you. Take some ‘of this beauty, take a little’ of this light! ”
Knowing that your internal states produce waves that propagate, do not hold yourhappiness just for you …

Share it!

Thus, not only do good to others, but amplified in those states you.
Yes, it is a magical phenomenon: to preserve your joy, you know how to share. ”

Mikhael Omraam Aïvanhov

Incanto spezzato


Incanto spezzato

Scissi ellissi
nel fragoroso
infrangere
d’un sogno

Spuma di pensieri
accarezzava
la luna
m e n t r e
inquieta la ragione
s’nterrogava

Senza scie
senza rimpianto
torno indietro
nel mio bozzolo
d’incanto

Riprendo la mia perla
– la custodisco –
e nella sua conchiglia
la ripongo

14.01.2004 Poetyca

Spell broken

Split ellipses
in noisy
break
a dream

Foam thoughts
stroked
the moon
w h e n
restless reason
is asking

Without trails
No regrets
I go back
in my cocoon
Enchanted

I take my pearl
– The Custody –
and in its shell
I put in

14.01.2004 Poetyca

Perfezione imperfetta – Imperfect perfection


💮Perfezione imperfetta💮

Tu non sei
la perfezione
e non ha senso
voler apparire
quello che
non si è
Non ha senso
indossare
mille maschere
pronte
per ogni
evenienza
Il tuo percorso
è di perfezione
imperfetta
senza esprimere
dal profondo
quel che sei
Strappa
la maschera
mostra adesso
il tuo volto
e non temere
di Essere davvero

29.11.2019 Poetyca
💮🌿💮#Poetycamente
💮Imperfect perfection

You’re not
perfection
and it doesn’t make sense
want to appear
what
you are not
It does not make sense
to wear
a thousand masks
ready
for each
eventuality
Your path
it is of perfection
imperfect
without expressing
from the depths
what you are
Tear
the mask
show now
your face
and fear not
to be really

29.11.2019 Poetyca

Luce


Luce

La luce non esiste senza la presenza dell’ombra.
Per trovare l’ombra e per saperla riconoscere è necessario farne esperienza, solo allora siamo in grado di fortificarci e di procedere verso un atteggiamento centrato al bene. Con consapevolezza – come chi ha già percorso una strada e ne conosce i trabocchetti.

21.09.2012 Poetyca

Light

Light does not exist without the presence of the shadow.
To find the shadow and to be able to recognize you need to experience it, only then we can strengthen us and to move towards an attitude centered in the well. With awareness – as those who have already traveled a road and knows the pitfalls.

21.09.2012 Poetyca

In te – Into you


💮In te💮

In te
scelte
e profumo
di vita
In te
colori
e rugiada
che disseta
In te
forza
e coraggio
senza fine

29.11.2019 Poetyca
💮🌿💮#Poetycamente
💮Into you

Into you
choices
and perfume
of life
Into you
colors
and dew
that quenches thirst
Into you
power
and courage
endless

29.11.2019 Poetyca

Strade – Roads – Tagore


💮Strade💮

“Dove le strade
sono già fatte
io smarrisco il cammino.”

Tagore
💮🌿💮#pensierieparole
💮Roads

“Where the roads
are already done
I lose the way. ”

Tagore

8 dicembre: Immacolata Concezione di Maria


8 dicembre: Immacolata Concezione di Maria

 

Aspetti storici e teologici del dogma dell’Immacolata Concezione di Maria, che spesso viene confuso con il concepimento verginale di Cristo.

 

L’Immacolata Concezione di Maria è un dogma della Chiesa Cattolica, proclamato ufficialmente l’8 dicembre 1854 da Papa Pio IX. Come la maggior parte dei dogmi, tuttavia, anche questo non introduce alcuna novità, ma viene a “certificare ufficialmente” e formalmente una realtà già ampiamente riconosciuta e di antica tradizione.

Già gli antichi Padri della Chiesa d’Oriente, nell’esaltare la Madre di Dio, avevano avuto espressioni che la ponevano senza alcun dubbio al di sopra del peccato originale. L’avevano chiamata: “Intemerata, incolpata (nel senso di “senza colpa”), bellezza dell’innocenza, più pura degli Angioli, giglio purissimo, germe non- avvelenato, nube più splendida del sole, immacolata “.

L’indicare il dogma dell’Immacolata Concezione come una “invenzione del 1800″ è un clamoroso falso storico, poichè la tradizione di Maria Immacolata e senza peccato risale ai primi secoli del cristianesimo. Papa Pio IX ha solo “certificato” e ufficializzato tale lunga ed affermata tradizione.

Con questo dogma dell’Immacolata Concezione di Maria si vuole infatti indicare quelparticolare privilegio in virtù del quale la Madonna, piena di grazia e benedetta tra le donne, in vista della nascita e della morte di Cristo, fu sin dal primo momento della sua concezione, per singolare privilegio di Dio, preservata immune da ogni macchia della colpa originale.

Al contrario di come molti erroneamente pensano, la festa dell’Immacolata Concezione dell’8 dicembre si riferisce al concepimento “immacolato” di Maria e non al concepimento verginale di Gesù.

Spesso parlando dell’Immacolata Concezione ci si sofferma esclusivamentesull’assenza del peccato originale, mentre è anche molto importante evidenziare l’aspetto della pienezza di grazia che questo singolare privilegio ha comportato per la Madonna (come recitiamo nell’Ave Maria). In virtù del suo immacolato concepimento, Maria è l’unica creatura che ha vissuto davvero in pienezza la propria esistenza secondo il piano di Dio, l’unica che ha sempre amato Dio profondamente e in modo pieno sopra ogni cosa.

Come tutti i dogmi mariani, anche quello dell’Immacolata Concezione di Maria non è un fatto a sé stante, isolato dal piano divino della salvezza, ma al contrario si inserisce profondamente e marca in modo evidente il disegno salvifico di Dio, che prevede innanzitutto l’incarnazione redentrice di Cristo, grazie alla quale tutti sono gratuitamente salvati dall’amore di Dio. La liberazione dal peccato originale e la pienezza di grazia di cui è rivestita Maria, sin dal primo istante di vita, non sono frutto della sua fede o di qualche altro suo merito, ma solo dono gratuito di Dio.

Nell’enciclica mariana “Ineffabilis Deus” si può leggere in sintesi il contenuto ufficiale del dogma:

« (…) affermiamo e definiamo rivelata da Dio la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certo ed immutabile per tutti i fedeli. »

Come si può notare, non si afferma solamente che Maria è l’unica creatura ad essere nata priva del peccato originale – e ciò fin da nove mesi prima della sua nascita, e cioè al momento del suo concepimento da parte di sua madre, Sant’Anna – ma aggiunge altresì che la Madre di Dio, sempre per speciale privilegio, non ha commesso nessun peccato in tutta la sua vita.

Le vicende storiche della proclamazione del dogma richiamano le apparizioni di Lourdes dove la Madonna, a pochi anni di distanza, si sarebbe presentata aBernadette Soubirous con la frase “Io sono l’Immacolata Concezione“, il cui significato era del tutto oscuro alla piccola Bernadette.

http://guide.supereva.it/religione_cattolica/interventi/2009/11/8-dicembre-immacolata-concezione-di-maria