La coordinazione mente corpo


La potenza della mente e del corpo coordinati

“Nannosono iwao omo tosu kuwa no yumi” (quando un uomo ha una volontà ferrea, può penetrare una roccia con una freccia di legno).
Tanto tempo fa, avvenne in Cina che di notte un giovane uomo camminasse, quando d’un tratto s’accorse che lungo il bordo della strada era accovacciata una tigre pronta a saltargli addosso.
Per salvarsi l’uomo prese una freccia per l’arco e tirò con tutto il suo cuore. La freccia infilzò la tigre che però non ferce il minimo movimento.
Allora l’uomo trepidante s’avvicinò e guardò.
Non si trattava di una tigre ma di una grande roccia la cui forma ricordava una tigre accovacciata. Quella freccia tirata con tutto il cuore era penetrata in una roccia.
Storie simili si trovano in tutte le epoche ed in tutti i luoghi. Benché siano troppe per raccontarle una ad una, tutte ci parlano della grande potenza di una mente ed un corpo unificati (coordinati).
Tutti i grandi uomini, i veri artisti, santi e buddisti devono aver acquisito la coordinazione tra mente e corpo.

La difficoltà nel coordinare mente e corpo

Tutti riconosciamo la necessità di coordinare mente e corpo. Ma sta di fatto che pochi ci riescono.
Non si raggiunge la coordinazione della mente e del corpo praticando la meditazione Zazen in cima ad una montagna per venti o trent’anni se la si perde quando si ritorna nel mondo ad affrontare la vita di tutti i giorni.
Già prima di tornare in città, si potrà perdere la coordinazione solo perché si è mossa una mano o una gamba.
Non avendo né forma né colore, la mente è libera di spaziare come le piace.
Ma il corpo ha forma e colore e si trova costretto e ristretto nei suoi movimenti.
Dato che ognuno possiede qualità così diverse tra loro, è difficile unire la mente con il corpo.
È molto più facile coordinare la nostra mente, mentre il corpo rimane fermo, come in Zazen o Seiza. È molto più difficile mantenere l’unione tra mente e corpo quando questo è in continuo movimento, come accade nella vita di tutti i giorni.
Già da tempi remoti si dice che la coordinazione tra mente e corpo è la cosa più difficile da acquisire. Lo Zen insiste sull’esercitazione continua del discepolo, anche quando ha avuto l’illuminazione, cioè dopo aver raggiunto il Satori.
Lo stesso K’ung Fu Tzu (Confucio) arrivò all’età di settant’anni prima di raggiungere quello stadio che gli permise di fare ciò che voleva senza perdere la coordinazione di mente e corpo e senza deviare dalla strada dell’Universo.
Così, benché molte persone credano che sia una cosa buona e necessaria raggiungere la coordinazione tra mente e corpo, pensano che per loro ciò sia impossibile, e allora lasciano perdere.

Mente e corpo in origine erano uniti.

La mente ed il corpo sono nati dal Ki dell’Universo. Non esiste una frontiera fra la mente ed il corpo, nessun punto dove inizia la mente e termina il corpo o viceversa.
In origine mente e corpo erano tutt’uno. Però noi persistiamo nell’errore di considerare la mente ed il corpo due entità ben distinte e separate e cerchiamo futilmente d’unire e riconciliare le caratteristiche opposte di ambedue.
Ma ciò è contro la natura. Altro che difficile!
È impossibile unire mente e corpo finché continuiamo a considerarli due cose diverse tra loro.
In verità però non è difficile unire la mente ed il corpo se ci rendiamo conto che in origine essi erano un’unità e, se agiamo secondo questo principio, otterremo facilmente la coordinazione mente-corpo in ogni momento della nostra vita quotidiana.

La legge della mente e la legge del corpo

Benché abbiano la stessa origine, i nostri capelli e la nostra pelle hanno funzioni a loro proprie ed obbediscono a codici vitali diversi.
Così anche se la mente ed il corpo sono entrambi nati dal Ki dell’Universo, ognuno obbedisce a leggi proprie.
Ci sono maestri che esaltano la vita dello spirito – cioè della mente – e lavorano solo con la mente, altri inneggiano alla potenza e alla bellezza del corpo e, di conseguenza, lavorano solo con il corpo.
In questo modo, l’enigma della coordinazione tra mente e corpo non troverà mai soluzione.
Tutti i Paesi hanno palestre per l’allenamento fisico e scuole per lo studio, ma non ho mai sentito parlare di Paesi in cui esistano centri per l’insegnamento della coordinazione tra mente e corpo.
Erroneamente credono di poter crescere una gioventù di grande spirito e carattere solo con l’allenamento fisico. Così i problemi dei giovani non solo rimangono, ma di anno in anno aumentano e peggiorano.
Se il seguire solo le leggi del corpo bastasse per diventare un uomo di grande spirito, tutti i lavoratori manuali dovrebbero essere automaticamente uomini di spirito. Ciò non corrisponde alla realtà. Naturalmente anche tra loro esistono uomini di grande spirito, ma perché hanno allenato non solo il loro corpo ma anche la loro mente.
Uomini religiosi predicano sulla mente e sul mondo spirituale. Ma se essi si dimenticano del corpo e disprezzano il mondo fisico, sono in errore anche loro.
Il corpo e l’anima sono uniti ed è impossibile risolvere un problema con la sola mente.
Per esempio, se abbiamo fame, possiamo sopportarla per un certo tempo mantenendo la nostra mente positiva. Ma non possiamo soddisfare la fame, perché è la legge del corpo mangiare quando si ha fame.
Perciò è molto importante comprendere a fondo sia la legge del corpo che quella della mente. Quando le due leggi si muovono unite, sono come le ruote di una macchina, allora per la prima volta possiamo coordinare mente e corpo anche quando ci muoviamo nella vita di ogni giorno.

I quattro princìpi per coordinare mente e corpo

Per chiarire le leggi del corpo e della mente ed il modo per unirle, vi presento i seguenti quattro princìpi. Questi princìpi non hanno paralleli nella storia umana:

1. MANTENERE IL PUNTO;
2. RILASSARSI COMPLETAMENTE;
3. MANTENERE IL PESO SOTTO;
4. INVIARE IL KI.

Questi quattro princìpi sono essenziali per poter coordinare la mente ed il corpo. Se non ci atteniamo a queste regole, sarà impossibile raggiungere tale coordinazione.
Io ho stabilito queste quattro regole ed esse sono l’oggetto primario dell’insegnamento nella Ki No Kenkyukai (Associazione internazionale del Ki).
Da tempi antichi gli uomini hanno raggiunto la coordinazione fra mente e corpo, ma nessuno ha mai insegnato queste quattro semplici regole.
Tali uomini s’impadroniscono della coordinazione con anni di ascetismo e severissimo esercizio. Ma non potendo articolare quest’esperienza in concetti e parole semplici come i quattro princìpi, non potevano tramandarla ai posteri.
Al loro prossimo potevano solo dire: ” la tua abilità a trovare il modo di raggiungere l’unità tra mente e corpo” o, come recita un detto Zen: “siediti e lascia che tu ti illumini”.
Oggi, in questo indaffarato e complicato mondo non possiamo andare su una montagna a meditare per dieci o vent’anni. Proprio per questa ragione l’Universo ci ha dato il metodo per coordinare mente e corpo anche nei movimenti che compiamo ogni giorno.
Ed io spero che molti di voi, specialmente i giovani, lo pratichino sempre e lo insegnino ad altri e questi ad altri ancora.

 

Dal web 

 

The power of the mind and body coordinated
“Nannosono iwao omo tosu kuwa no yumi” (when a man has a will of iron, can penetrate a rock with a wooden arrow).
Long ago, took place in China that a young man walking at night, when suddenly he realized that along the roadside was a crouching tiger ready to pounce.
To save the man took an arrow to the bow and pulled with all his heart. The arrow speared the tiger but not FERCE the slightest movement.
Then the man came over and looked anxious.
It was not a tiger but a large rock which looks like a crouching tiger.That arrow pulled with all his heart was penetrated in a rock.
Similar stories are found in all ages and in all places. Although too many to tell one by one, all we talk about the great power of a unified mind and body (coordinated).
All the great men, real artists, and Buddhist saints must have acquired the coordination between mind and body.

The difficulty in coordinating mind and body

We all recognize the need to coordinate the mind and body. But the fact is that few succeed.
Not reached the coordination of mind and body by practicing Zazen meditation on top of a mountain for twenty or thirty years if it is lost when you return the world to face life every day.
Even before returning to the city, you may lose coordination, only because she moved a hand or a leg.
Having neither form nor color, the mind is free to roam as she pleases.
But the body shape and color and is constrained and restricted in his movements.
Since everyone has so many different qualities, it is difficult to unite the mind with the body.
It is much easier to coordinate our minds, while the body remains still, zazen, or as in Seiza. It is much more difficult to maintain the union between mind and body when it is in constant motion, as happens in life everyday.
Already in ancient times it is said that the coordination between mind and body is the hardest thing to acquire. Zen insists on the exercise of the disciple continues, even when he had the light, ie after reaching the Satori.
The same K’ung Fu Tzu (Confucius) arrived at the age of seventy years before reaching that stage that allowed him to do what he wanted without losing the coordination of mind and body and the universe without deviating from the road.
So although many people believe that it is a good thing and necessary to achieve the coordination between mind and body, they think that this is impossible for them, and then give up.

Mind and body were originally united.

The mind and body are born from the Ki of the Universe. There is no border between the mind and body, no point where the mind begins and ends on the body or vice versa.
Originally mind and body were one. Yet we persist in the error of thinking of the mind and body distinct and separate the two entities and futilely try to unite and reconcile the opposite characteristics of both.
But what is against nature. More than difficult!
It is impossible to unite mind and body as long as we continue to regard them as two different things together.
In truth, however, is not difficult to unite the mind and body if we realize that originally they were a unit and, if we act according to this principle, we get easily the mind-body coordination in every moment of our daily life.

The law of the mind and body law

Despite having the same origin, our hair and our skin have their own functions and obey different codes of life.
So even if the mind and body are both born from the Ki of the Universe, each obeying its own laws.
There are teachers that enhance the life of the spirit – that of the mind – and only work with the mind, others extolling the power and beauty of the body and, therefore, only work with the body.
In this way, the riddle of the coordination between mind and body will never find the solution.
All countries have gyms for physical training and schools for the study, but I’ve never heard of countries where there are learning centers for the coordination between mind and body.
Mistakenly believe they can grow a youth of great spirit and character only with the physical training. So the problems of young people not only remain, but from year to year increases and declines.
If you only follow the laws of the body enough to become a man of great spirit, all manual workers should be automatically men of spirit.This does not correspond to reality. Of course, even among them there are men of great spirit, but because they are trained not only their bodies but also their minds.
Religious people preach on the mind and the spirit world. But if they forget the body and despise the physical world, they too are in error.
The body and soul are united and it is impossible to solve a problem with one mind.
For example, if we are hungry, we can endure for a time while maintaining our positive mind. But we can not satisfy hunger because it is the law of the body to eat when hungry.
Therefore it is very important to understand is the law of the body of the mind. When the two laws are moving together, are like the wheels of a car, then for the first time we can coordinate the mind and body even when we move in everyday life.

The four principles for co-ordinating mind and body

To clarify the laws of the body and mind and how to join them, I present the following four principles. These principles have no parallel in human history:

1. KEEP THE POINT;
2. RELAX COMPLETELY;
3. Maintain weight;
4. SEND THE KI.

These four principles are essential to coordinate the mind and body.If we do not adhere to these rules, it will be impossible to achieve such coordination.
I have made these four practices and they are the primary object of teaching Ki No Kenkyukai in (International Association of Ki).
From ancient times men have reached the coordination between mind and body, but no one has ever taught these four simple rules.
These men take over the coordination with years of strict asceticism and exercise. But not being able to articulate this experience in concepts and simple terms how the four principles, they could not pass it on to posterity.
The next time they could only say, “your ability to find a way to achieve unity between mind and body” or, as the Zen saying goes: “You sit back and let you shine.”
Today, in this busy and complicated world we can not go on a mountain to meditate for ten or twenty years. Precisely for this reason the universe has given us the method of coordinating mind and body even in the movements we perform every day.
And I hope that many of you, especially the young, I always practice it and teach it to others and those to others.

from web

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.