Archivio | 09/02/2020

Fiore di loto


stellasperanza

Fiore di loto

Gli antichi cinesi sostenevano che, dopo aver visto una volta come cresce il loto negli ambienti acquatici, non si può più dimenticarne quanto è spettacolare e altamente allusivo. Quando i popoli primitivi si ritrovarono ad assistere al risorgere del loto dal fondo dei corsi d’acqua inariditi dalla mancanza di pioggia, lo considerarono simbolico dell’immortalità e della resurrezione. I semi durissimi e impermeabili possono rimanere in uno stato di prolungata quiescenza e germinare anche dopo oltre 400 anni, ma ne sono stati ritrovati in Cina addirittura risalenti a 1.200 anni fa. I fiori delicati e profumati, del diametro fino a 25 cm, della pianta d’acqua dolce del loto hanno un profondo significato nelle religioni orientali: rappresentano la purezza e il potere creativo in un ambiente avverso, la sapienza divina, il progresso interiore della coscienza dell’individuo verso il livello superiore ma, per via del loro generarsi spontaneamente, ricordano la nascita divina e la fertilità.

Secondo alcune interpretazioni, il loto sarebbe nativo in Egitto, poi diffuso in India e assimilato dal Buddismo in seguito. Brahma, il Creatore e Dio padre dell’universo nella dottrina induista, è raffigurato nascente da un fiore di loto che spunta dall’ombelico della divinità Vishnu, il Conservatore, nelle tradizionali rappresentazioni indù. Per la sua caratteristica naturale di nascere dal fango senza risultarne macchiato, il significato del loto è diventato simbolico della purezza, dell’elevazione spirituale che emerge dal caos primordiale negli insegnamenti spirituali e nelle tradizioni filosofiche ed esoteriche tantriche originatesi nelle religioni indiane. I centri energetici (‘chakra’) della funzione vivente a multilivello sono associati con il numero variabile dei petali del loto e il suo fiorire diventa equivalente dell’illuminazione, della rivelazione finale.

Nel Buddismo, i fiori di loto costituiscono un’offerta particolarmente sacra quale simbolo di Buddha, della purezza del corpo e della parola, dell’affidabilità e dell’illuminazione della mente nell’uomo virtuoso. La preghiera buddista tradotta come ‘Oh, il gioiello del fiore di loto!’ ne esalta gli attributi di purezza, delicatezza e bellezza. I fiori si aprono soltanto per pochi giorni, poi ogni petalo scivola silenziosamente in acqua, uno per volta, nell’arco di un breve periodo, mentre le foglie coriacee rimangono sempre pulite essendo assai idrofobiche in superficie in seguito ad una proprietà denominata ‘effetto loto’. La pianta nasce da un seme che attecchisce sul fondo di acque stagnanti, immerso nel fango – sinonimo di ciò che è materiale, attaccamento, desiderio, avidità, odio, illusione – al buio come è l’ignoranza, che non consente di individuare con chiarezza la verità nella vita. La semenza cresce verso l’alto, attratta dal calore e dalla luce del sole, allo stesso modo degli esseri umani che crescono ricercando per natura l’amore, la compassione, il vero. Gli steli lunghi e tubolari portano separatamente una foglia rotonda di grandi dimensioni e un fiore appariscente che si dischiude a poco a poco, un petalo alla volta, al risveglio dei raggi del sole mattutino, come ad aprirsi completamente all’illuminazione, alla vita spirituale. I petali, come raggi di sole, galleggiano sempre in superficie, completamente alla luce, per richiudersi con il calare della sera. Il fiore rimane ancorato con le radici, ma si muove liberamente secondo il flusso di acqua, come succede ogni istante nell’evoluzione di ogni situazione. La rivelazione di Buddha nel ‘Sutra del Loto’ – uno dei testi fondamentali per le scuole buddiste cinesi e giapponesi – riguarda la forza vitale universale che origina e regola tutti i fenomeni esistenti.

http://www.giardinaggio.net/Fiori/significato-dei-fiori/Loto.asp

Lotus Flower

The ancient Chinese claimed that, having once seen as the lotus grows in aquatic environments, one can not forget what is spectacular and highly suggestive. When primitive peoples found themselves witness the resurgence of lotus from the bottom of rivers dried up from lack of rain, saw it as symbolic of immortality and resurrection. The seeds are extremely hard and impermeable to remain in a state of prolonged quiescence and germinate even after more than 400 years, but have been found in China even dating back to 1,200 years ago. The delicate flowers and fragrant, with a diameter up to 25 cm, the plant freshwater lotus have a deep meaning in Eastern religions: they represent the purity and creative power in an adverse environment, the divine wisdom, the inner progress of consciousness to the upper level of the individual, but because of their generated spontaneously, remember the divine birth and fertility.

According to some interpretations, the lotus was native to Egypt, then spread to India and assimilated by Buddhism later. Brahma, the Creator and God the Father of the universe in Hindu doctrine, is shown emerging from a lotus flower that grows from the navel of the god Vishnu, the Preserver, in the traditional Hindu representation. Due to its characteristic natural born from the mud without reason be stained, the meaning of the lotus has become symbolic of the purity of the spiritual that emerges from the primordial chaos in spiritual teachings and traditions of philosophical and esoteric Tantric originated in Indian religions. The energy centers (‘chakra’) of living in multi-function associated with the variable number of petals of the lotus flower and its becomes equivalent illumination, the final revelation.

In Buddhism, the lotus flowers are a particularly sacred as a symbol of Buddha, the purity of body and speech, reliability and enlightenment of the mind virtuous man. The Buddhist prayer translated as, ‘Oh, the jewel of the lotus flower!’ Enhances the attributes of purity, delicacy and beauty. The flowers open only for a few days, then each petal slips silently in water, one at a time, over a short period, while the leaves coriaceous remain always clean being very hydrophobic surface in response to a property named ‘lotus effect ‘. The plant originates from a seed that takes root at the bottom of stagnant water, in the mud – synonymous with what is material, attachment, desire, greed, hatred, delusion – in the dark as ignorance, which does not allow to clearly identify the truth in life. The seed grows up, attracted by the warmth and light of the sun, in the same way human beings who grow up searching for the nature of love, compassion, true. The long stems and tubular separately carry a large round leaves and a showy flower that unfolds gradually, one petal at a time, the awakening of the rays of the morning sun, as to open up completely to enlightenment, spiritual life. The petals, like rays of sunshine, always floating on the surface, the light completely, to close again with nightfall. The flower remains anchored with the roots, but moves freely according to the flow of water, as happens every moment in the evolution of each situation. The revelation of the Buddha in ‘Lotus Sutra’ – one of the fundamental texts for the Chinese and Japanese Buddhist schools – about the universal life force that creates and governs all phenomena exist.

Cuore


Cuore

Mia dolce fanciulla,
sciogli i capelli nel vento,
apri il tuo cuore
e fatti cullare
da mille sensazioni
che ti vogliono regalare
un prezioso tesoro.

Piccola rosa di maggio,
prendi il coraggio
e corri a cercare
in questo giardino
la chiave dorata
che apra il tuo scrigno.

Dammi la mano,
stringi forte la mia,
ti voglio portare con me,
sulle ali del vento,
nel cuore in tumulto,
nel tempo infinito
dove la vita è più vera.

Troppo tempo ho atteso,
troppo tempo ho cercato,
troppa strada ho percorso,
ma ora che ti ho trovata
vieni via con me.

Andremo insieme in cerca
di colori e profumi,
di calore e gioia,
di parole e sentimenti
di vita che si legge
dove non esiste il tempo.

Coloreremo tutto
con mille arcobaleni,
porteremo negli occhi
voli di gabbiani.
Cattureremo le stelle
ed illumineremo le notti
di chi è solo.

Adesso che sai…
Vieni via con me.

08.08.2001 Poetyca

Heart

My sweet girl
dissolve the hair in the wind
Open your heart
Facts and rock
a thousand sensations
you want to give
a precious treasure.

Small rose in May,
take courage
and run to seek
in this garden
the golden key
to open your chest.

Give me your hand,
Tighten the mine,
I want to take with me
on the wings of the wind,
heart pounding,
in infinite time
where life is more real.

I waited too long,
I tried too long,
I have traveled too far,
but now that I’ve found
Come away with me.

Go together in search
colors and fragrances,
of warmth and joy
words and feelings
life which law
where there is time.

Colour all
with a thousand rainbows
bring in the eye
flight of seagulls.
Capturing stars
and illuminate the nights
who is alone.

Now that you know …
Come away with me.

08.08.2001 Poetyca

Credere


Credere

Siamo stati educati a credere a cose che non sempre possiamo sperimentare
e mentre da una parte ogni giorno siamo capaci di fare delle cose, di mettere alla prova noi stessi per acquisire padronanza della nostre capacità pratiche, dall’altra parte la fede sembra essere legata a qualcosa di astratto, che accade ma che non possiamo vedere. Allora credere diventa quasi immaginare che l’impossibile accada…ma come possiamo credere a quello che non conosciamo e non comprendiamo sino in fondo? La fede non è un percorso cieco della mente ma una porta spalancata del nostro cuore che riscopre il valore ed il calore dell’amore nell’ampiezza della capacità di abbandonarsi all’incerto perché anche senza una vera sicurezza la nostra vita è meravigliosa.

21.10.2012 Poetyca

Believe

We were brought up to believe in things that we can not always experience
and while on the one hand every day we are able to do things, to test ourselves to gain mastery of our practical skills, on the other hand, faith seems to be linked to something abstract, that happens, but we can not see. So believe it is almost impossible to imagine that happening … but how can we believe what we do not know and do not understand until the end? Faith is not a blind path of the mind but an open door of our heart that rediscovers the value and warmth of the dimension of the ability to surrender to uncertainty because even without a real safety our life is wonderful.

21.10.2012 Poetyca

Cuore a cuore


Cuore a cuore

Avete mai pensato se sia possibile
comunicare da cuore a cuore?
Avete mai provato a farlo?
Sentite quel calore?
La sensazione
di essere in sintonia con ciò
che amate,con chi amate.
Eliminiamo:l’avidità,l’avarizia,
la menzogna,l’invidia e la gelosia…
E cominceremo ad amare veramente.
E saremo amati.

Giuseppe Bustone

La tua natura – Your nature – Osho


La tua natura

Concedi alla tua natura
piena libertà,
e rispetta te stesso.
Sii fiero di essere te stesso,
qualunque cosa tu sia.
Abbi dignità.

Osho

Your nature

Grant to your nature
full freedom,
and respect yourself.
Be proud of yourself,
whatever you are.
Have dignity.

Osho