Archivio | 19/02/2020

Quando scrivi


Quando scrivi

Quando scrivi puoi sentire dentro sensazioni accese da quello che vedi intorno,
da emozioni che prorompono e ti ci adagi piano…
Tendi l’orecchio del cuore e assapori ogni istante.
Comunicare è desiderio di portare quanto hai scoperto,
quanto è inciso e temi di perdere come i cristalli
di ghiaccio che perdono le loro geometrie se compare il sole,
eppure il sole riscalda e si dona.
Ogni attimo è ricchezza che sfiori piano, per paura di perdere
ogni cosa…
Ti accorgi che se racconti o scrivi quello che giace semiaddormentato dentro di te
hai la capacità magica di dar vita agli stessi sorrisi o alle stesse paure
in chi assorbe e raccoglie le tue parole,ti accorgi che se leggi o ti raccontano
di paure o sogni tu stessa sei capace di raccoglierne ogni aspetto.
Un pensiero è una freccia scagliata che attraversa l’infinito e annulla
il tempo se lo scrivi e lo regali a chi lo raccoglie.
Ti accorgi di quanto sia illusione credere distante altre persone
che possono leggerti dentro se solo raccolgono quanto scrivi.
Allora nulla è distante se tutti possono attraversare la strada che porta
al tuo cuore…
Basta uno spazio bianco da riempire con tanti caratteri che composti insieme
possono dare senso a parole e immagini interiori,
basta proiettarsi verso lo spazio e restituire a se stessi e agli altri
la dimensione dei pensieri nati improvvisi come lampi da catturare.

Tutto questo è un percorso magico che apre la porta che da cuore a cuore
permette una comunicazione oltre le parole e quanto è possibile dire.
Scrivere non deve mai essere usato come arma,si deve infatti sempre servire
la coerenza e la verità, abbiamo infatti un’opportunità per donare il meglio possibile, nel rispetto di se stessi e degli altri, della Poesia e dell’Arte che non vanno strumentalizzate come mezzo di offesa ma vanno rispettate apportando un contributo sincero, senza competizioni,
senza disprezzare il lavoro degli altri,senza derubare quanto altri condividono.
Scrivere è confronto con se stessi,trasmettere sentimenti è una responsabilità che ci deve insegnare ad avere la mente sgombra, ad offrire sempre coerenza e la parte migliore di noi stessi, per portare sempre amorevolezza e compassione.

08.04.2003 Poetyca


When you write

When you write you feel inside burning sensations from what you see around,
burst of emotions that we sit and we plan …
I listen and savor every moment of the heart.
Communicating is the desire to bring what you have discovered,
what is recorded and themes of losing as the crystals
ice to lose their geometry if the sun appears,
yet the sun warm and giving.
Each moment has richness that touches floor, for fear of losing
everything …
You realize that if you write stories or what lies half asleep inside of you
you have the magical ability to create the same smiles and the same fears
who absorbs and collects in your words, you realize that if you read or tell you
fears and dreams of yourself you are able to collect every aspect.
A thought is an arrow shot through the infinite void
the time if you write it and give it to whoever picks it up.
Do you realize how far illusion to believe other people
that can read in only if you collect what you write.
So far nothing is whether anyone can cross the road
to your heart …
Just a blank space to be filled with so many characters that all compounds
can give meaning to words and images within,
just projected into space and return to themselves and others
the size of the thoughts born as sudden flashes to capture.

All this is a magical journey that opens the door from heart to heart
allows a communication beyond words, and how much you can say.
Writing should never be used as a weapon, it must always serve
consistency and truth, in fact we have an opportunity to give the best possible, respecting themselves and others, of poetry and art that can not be exploited as a means of offense, but must be respected by making a sincere contribution, without competition ,
no disrespect to the work of others, without robbing the others share.
Writing is compared with themselves, convey feelings is a responsibility that should teach us to have an open mind, to offer more consistency and the best part of ourselves, to bring more kindness and compassion.

08.04.2003 Poetyca

Goccia


Goccia

Scivola
lenta
una goccia
tremula
aggrappata
ad una foglia
Come lacrima
come carezza
paura dissolta
nella brezza
della sera
Respira
una forza
nuova
assetata
di tenera
speranza

01.02.2018 Poetyca

Drop

Slips
slow
a drop
tremulous
holding on
to a leaf
Like tear
like caress
fear dissolved
in the breeze
in the evening
Breathe
a force
new
thirsty
of tender
hope

01.02.2018 Poetyca

Sull’Amore da il Profeta di Kahlil Gibran


Sull’Amore


da il Profeta di Kahlil Gibran

Allora Almitra disse: parlaci dell’Amore.
E lui sollevò la testa e scrutò il popolo e su di esso calò una grande quiete. E con voce ferma disse:
Quando l’ amore vi chiama, seguitelo
Anche se le sue vie sono dure e scoscese
e quando le sue ali vi avvolgeranno, affidatevi a lui.
Anche se la sua lama, nascosta tra le piume vi può ferire.
E quando vi parla, abbiate fede in lui,
Anche se la sua voce può distruggere i vostri sogni come il vento del nord devasta il giardino.
Poiché l’amore come vi incorona così vi crocefigge. E come vi fa fiorire così vi reciderà.
Come sale alla vostra sommità e accarezza i più teneri rami che fremono al sole,
Così scenderà alle vostre radici e le scuoterà fin dove si avvinghiano alla terra.
Come covoni di grano vi accoglie in sé.
Vi batte finché non sarete spogli.
Vi staccia per liberarvi dai gusci.
Vi macina per farvi neve.
Vi lavora come pasta fin quando non siate cedevoli.
E vi affida alla sua sacra fiamma perché siate il pane sacro della mensa di Dio.
Tutto questo compie in voi l’amore, affinché possiate conoscere i segreti del vostro cuore e in questa conoscenza farvi frammento del cuore della vita.
Ma se per paura cercherete nell’amore unicamente la pace e il piacere,
Allora meglio sarà per voi coprire la vostra nudità e uscire dall’aia dell’amore,
Nel mondo senza stagioni, dove riderete ma non tutto il vostro riso e piangerete, ma non tutte le vostre lacrime.
L’amore non da nulla fuorché sé stesso e non attinge che da se stesso.
L’amore non possiede né vorrebbe essere posseduto;
Poiché l’amore basta all’amore.
Quando amate non dovreste dire:” Ho Dio nel cuore “, ma piuttosto, ” Io sono nel cuore di Dio “.
E non crediate di guidare l’amore, perché se vi ritiene degni è lui che vi guida.
L’amore non vuole che compiersi.
Ma se amate e se è inevitabile che abbiate desideri, i vostri desideri hanno da essere questi:
Dissolversi e imitare lo scorrere del ruscello che canta la sua melodia nella notte.
Conoscere la pena di troppa tenerezza.
Essere trafitti dalla vostra stessa comprensione d’amore,
E sanguinare condiscendenti e gioiosi.
Destarsi all’alba con cuore alato e rendere grazie per un altro giorno d’amore;
Riposare nell’ora del meriggio e meditare sull’estasi d’amore;
Grati, rincasare la sera;
E addormentarsi con una preghiera in cuore per l’amato e un canto di lode sulle labbra.



Kahlil Gibran on Love


When love beckons to you, follow him,
Though his ways are hard and steep.
And when his wings enfold you yield to him,
Though the sword hidden among his pinions may wound you.
And when he speaks to you believe in him,
Though his voice may shatter your dreams
as the north wind lays waste the garden.

For even as love crowns you so shall he crucify you. Even as he is for your growth so is he for your pruning.
Even as he ascends to your height and caresses your tenderest branches that quiver in the sun,
So shall he descend to your roots and shake them in their clinging to the earth.

Like sheaves of corn he gathers you unto himself.
He threshes you to make you naked.
He sifts you to free you from your husks.
He grinds you to whiteness.
He kneads you until you are pliant;
And then he assigns you to his sacred fire, that you may become sacred bread for God’s sacred feast.

All these things shall love do unto you that you may know the secrets of your heart, and in that knowledge become a fragment of Life’s heart.

But if in your fear you would seek only love’s peace and love’s pleasure,
Then it is better for you that you cover your nakedness and pass out of love’s threshing-floor,
Into the seasonless world where you shall laugh, but not all of your laughter, and weep, but not all of your tears.
Love gives naught but itself and takes naught but from itself.
Love possesses not nor would it be possessed;
For love is sufficient unto love.

When you love you should not say, “God is in my heart,” but rather, “I am in the heart of God.”
And think not you can direct the course of love, for love, if it finds you worthy, directs your course.

Love has no other desire but to fulfill itself.
But if you love and must needs have desires, let these be your desires:
To melt and be like a running brook that sings its melody to the night.
To know the pain of too much tenderness.
To be wounded by your own understanding of love;
And to bleed willingly and joyfully.
To wake at dawn with a winged heart and give thanks for another day of loving;
To rest at the noon hour and meditate love’s ecstasy;
To return home at eventide with gratitude;
And then to sleep with a prayer for the beloved in your heart and a song of praise upon your lips.

Rotta di viaggio


Rotta di viaggio

Passi in bilico
tra due mondi
dove l’abisso richiama
con voce suadente:
non è più possibile
lo slancio ed il volo
con un’ala sola
per l’umanità ferita
e sorda al richiamo
di questo Cuore esausto

Si agitano le ombre
dal fango della paura
mentre una stella richiama
ed accende Speranza
tra nebbie dense e vuoto
– abbracciando il dolore
ritroverai la rotta –
Si scuotono le menti
afferrando Amore:
oggi il viaggio comincia

27.01.2012 Poetyca

Travel Route

Steps in the balance
between two worlds
where the abyss call
with persuasive voice:
is no longer possible
impulse and flight
with only one wing
for wounded humanity
and deaf to the appeal
of this weary Heart

They wave their shadows
from the mud of fear
while attracts a star
and turns Hope
between dense fog and vacuum
– embracing pain
you find the route –
They shake their minds
grabbing Love:
Today the journey begins

27.01.2012 Poetyca

Moderne sensazioni


Quando sentirai dentro te un calore rassicurante e misterioso, non temere: è normale sia così. Non pensare che tu stia diventando matto o cose simili. Siamo nel 2020, queste cose sono più comuni di quanto si pensi. Lascia aperti i canali. Lasciali puliti. Credi e vivrai le situazioni che meriti. Sii coerente e sincero con te stesso…

Giuseppe Bustone

Gratitudine


images (1)

“Non posso fingere di essere senza paura.
Ma il mio sentimento predominante è la gratitudine.
Ho amato e sono stato amato; mi è stato dato molto,
e ho dato qualcosa in cambio; ho letto, viaggiato, pensato, scritto.
Ho avuto una relazione intensa con il mondo […]
ma sopra ogni altra cosa, sono stato un essere senziente,
un animale pensante su questo splendido pianeta:
e questo è stato un enorme privilegio e un’immensa avventura.”

Oliver Sacks, New York Times

“I can not pretend to be fearless.
But my predominant feeling is gratitude.
I loved and I was loved; I have been given much,
and I gave something in return; I read, traveled, thought, wrote.
I had an intense relationship with the world […]
but above all else, I was a sentient being,
a thinking animal on this beautiful planet:
and this has been a great privilege and a huge adventure. “

  Oliver Sacks, New York Times

http://www.focus.it/scienza/scienze/10-aspetti-noti-e-meno-noti-della-vita-di-oliver-sacks

Preghiera della torre


“Preghiere dalla Torre”

Dammi, Signore,un animo umile,docile, mite, remissivo,

paziente, caritatevole,

indulgente, sollecito, comprensivo;

e fa che tutte le mie opere,

le mie parole,

i miei pensieri,

siano rivolti a recepire

un po’ del tuo santo,

benedetto Spirito.

Dammi, Signore,una FEDE piena, una SPERANZA ferma,una fervida CARITA’,

un amore per Te, Signore,

incomparabilmente piu’ grande

dell’amore per me stesso;

e che niente io ami che ti possa dispiacere,

ma tutto quel che amo

lo ami secondo la tua volonta’.

Dio glorioso,

spogliami di ogni paura colpevole,

di ogni colpevole ansia e tristezza,

di ogni speranza colpevole,

di ogni colpevole gioia od allegrezza.

Ma per le paure, le tristezze, le ansie,

il sollievo, il conforto e le gioie

che possono portare del bene alla mia anima, trattami

Signore, secondo la tua grande bontà.

Dio misericordioso, dammi la grazia che,

piegato dalla paura e dall’angoscia,

volga la mente all’aspra paura

e all’indicibile angoscia che sul monte Oliveto

hai provato Tu, mio dolce Salvatore,

davanti alla tua amarissima Passione:

e questo pensiero dia conforto al mio spirito

e consoli e migliori la mia anima.

******

Concedici, Signore,

che la tua grazia

ci custodisca oggi

senza peccato.

La tua misericordia, Signore,

scenda su di noi, perche’ noi

abbiamo messo in te

la nostra speranza.

In te, Signore,

ho sperato.

Non permettere

che io mi sia illuso.

******

Dammi, Signore,

un forte desiderio

di unirmi a te.

E concedimi il tuo amore

e la tua benevolenza,

quell’amore

e quella benevolenza

che il mio amore per te

non sarebbe mai

in grado di meritare,

se non fosse

la tua grande bonta’

ad accordarglielo.

******

Scrolla da me,

Signore,

questa tiepidezza,

o meglio questa freddezza

nella meditazione

e questa opacita’

nella preghiera.

E dammi calore,

gioia e prontezza

nel rivolgere a te

il mio pensiero.

******

Dammi, Signore,

la sanita’ del corpo

insieme con l’intenzione

di conservarla

nel modo migliore.

Dammi, Signore,

un’anima che abbia occhi

per la bellezza e la purezza,

che non si lasci

impaurire dal peccato

e che sappia

raddrizzare le situazioni.

Donami la tua grazia,Signore,perché io non dia alcun valore alle cose del

mondo

e fissi solo in Te il mio pensiero,

senza dare ascolto alle mutevoli voci degli uomini;

perché sia contento della mia solitudine

e non desideri compagnie terrene;

perché a poco a poco

mi stacchi completamente dal mondo

e dalle cure del mondo sciolga ogni mio pensiero;

perché non desideri alcuna notizia dal mondo

e le fantasie del mondo non valgano a darmi diletto;

perché pensi a Dio con letizia;

perché con dolore chieda il suo aiuto;

perché cerchi in Dio il mio conforto e il mio

appoggio;

perché tutti i miei sforzi siano rivolti ad

amarlo.

Perché riconosca la mia pochezza

e meschinità e docilmente mi umili

sotto la potente mano di Dio;

perché mi dolga dei peccati commessi

e, per espiarli, accolga docilmente le avversità;

perché goda di soffrire qui

il mio Purgatorio, contento nelle afflizioni.

Perché proceda nella via stretta

che conduce alla vita;

perché porti la croce con Cristo;

perché non sia dimentico delle cose supreme

e tenga sempre dinanzi agli occhi

la mia morte che è sempre lì a lato;

perché pensi alla morte con familiarità;

perché abbia dinanzi agli occhi ed alla mente

l’eterno fuoco dell’inferno;

perché preghi per il perdono

prima che venga il Giudice;

perché pensi incessantemente

alla Passione che Cristo ha sofferto per me;

perché incessantemente lo ringrazi

dei suoi benefici.

Perché riguadagni il tempo perduto

e mi astenga da chiacchiere vane,

e rifugga da futili risa e da sciocche allegrezze.

Gli svaghi non necessari

– me ne strappi per sempre.

Le ricchezze terrene, gli amici,

la libertà, la vita, tutto,

ne stimi un nulla la perdita

quando il guadagno sia Cristo.

Perché pensi che i miei maggiori nemici

sono i miei amici migliori:

i fratelli di Giuseppe non avrebbero potuto fargli

con l’amore e la bontà un bene tanto grande

quanto quello che gli fecero con l’ostilità

e l’invidia.

Perché cerchi in Dio il mio conforto e il mio

appoggio;

perché tutti i miei sforzi siano rivolti ad

amarlo.

Perché riconosca la mia pochezza e meschinità

E docilmente mi umili sotto la potente mano di Dio;

perché mi dolga dei peccati commessi

e, per espiarli, accolga docilmente le avversità;

perché goda di soffrire qui il mio Purgatorio

contento nelle afflizioni.

Perché proceda nella via stretta che conduce

alla vita;

perché porti la croce con Cristo;

perché non sia dimentico delle cose supreme

e tenga sempre dinanzi agli occhi la mia morte che

è sempre lì a lato;

perché pensi alla morte con familiarità;

perché abbia dinanzi agli occhi ed alla mente

l’eterno fuoco dell’inferno…

Prayer for Fervor in Thinking of God

O Lord,
give us a mind
that is humble, quiet, peaceable,
patient and charitable,
and a taste of your Holy Spirit
in all our thoughts, words, and deeds.

O Lord,
give us a lively faith, a firm hope,
a fervant charity, a love of you.

Take from us all lukewarmness in meditation
and all dullness in prayer.
Give us fervor and delight in thinking of you,
your grace, and your tender compassion toward us.

Give us,
good Lord,
the grace to work for
the things we pray for.

–St Thomas More, 1478-1535

Donaci Signore


Donaci Signore

Donaci, Signore,
un cuore nuovo capace di amare

Apri i nostri occhi, Signore, perché possiamo
vedere tenei nostri fratelli e sorelle.

Apri le nostre orecchie, Signore, perché possiamo
udire le invocazionidi chi ha fame,
freddo, paura e di chi è oppresso.

Apri il nostro cuore, Signore,
perché impariamo ad amarci gli uni agli altri
come tu ci ami.

Donaci di nuovo il tuo Spirito Signore,
perché diventiamo un cuor solo ed un’anima sola,
nel tuo nome.

Amen.

S. Madre Teresa di Calcutta

Give us Lord

Give us, Lord,
A new heart capable of loving

Open our eyes, Lord, that we
Tenei see our brothers and sisters.

Open our ears, Lord, that we
invocazionidi hear the hungry,
cold, fear and the oppressed.

Open our hearts, Lord,
because we learn to love each other
as you love us.

Give us your Spirit Lord again,
because we become one heart and one soul,
in your name.

Amen.

Holy Mother Teresa of Calcutta

Tutto cambia – Everything changes


💮Tutto cambia💮

Tutto cambia
cambia l’istante
ed il respiro
Tutto avanza
lasciando
indietro un ricordo
Tutto è adesso
accogli l’occasione
e non temere

10.02.2020 Poetyca
💮🌿💮#Poetycamente
💮Everything changes

Everything changes
change the moment
and the breath
Everything advances
leaving
back a memory
Everything is now
welcome the opportunity
and don’t fear

10.02.2020 Poetyca

Preghiera


Preghiera

Non prego di essere 
esente dai pericoli 
ma di essere 
senza paura nell’affrontarli. 
Non chiedo che 
il mio dolore sia alleviato 
ma chiedo al cuore 
di affrontarlo.

Non cerco alleati 
sul campo di battaglia nella vita 
ma cerco la mia forza. 
Non imploro con ansiosa paura 
di essere salvato 
ma spero di avere la pazienza 
per conquistare la mia libertà.

La preghiera è di Rabindranath Tagore (1861-1941), poeta bengalese, commediografo, saggista, Premio Nobel per la letteratura nel 1913, che non era nemmeno buddista, ma hindu, ed è tratta dal libro “Il cuore di Dio”.

“Let me not pray to be sheltered from dangers but to be fearless in facing them. Let me not beg for the stilling of my pain, but for the heart to conquer it. Let me not look for allies in life’s battlefield but to my own strength. Let me not crave in anxious fear to be saved but hope for the patience to win my freedom. Grant me that I may not be a coward, feeling your mercy in my success alone; But let me find the grasp of your hand in my failure”.

Rabindranath  Tagore

Placido ricordo


Placido ricordo

Storia incisa
negli anni senza tempo
dove tutto si raccoglie
in un istante placido
che srotola ricordo
di età che si intersecano
in ricami d’anima
in mani cresciute insieme
tra lacrime amare e rughe
che fanno paura alla speranza

09.06.2011 Poetyca

Placid remembrance

History recorded
Timeless years
where everything is gathered
in an instant calm
remember that unwinds
of age that intersect
of blood into embroideries
grown together in the hands
between bitter tears and wrinkles
that they fear to hope

09.06.2011 Poetyca

Unicità


Unicità

Sono le piccole cose
la vera ricchezza del cuore
non sempre è necessario
puntare la bussola per un viaggio
interminabile e senza meta:
siamo qui oggi per comprendere
l’essenza di un respiro
la bellezza irresistibile della vita

Sormontare la paura
il senso di vertigine e vuoto
nel credere di aver perduto
la rotta e il nostro profondo valore
 – tutto respira libertà –
se soltanto accendiamo la speranza
e sintonizziamo il nostro cuore
nella ricerca profonda della nostra unicità

27.11. 2012 Poetyca

Uniqueness

Are small things
the true riches of the heart
is not always necessary
point the compass for a trip
endless and aimless:
we are here today to understand
the essence of a breath
the irresistible beauty of life

Overcoming fear
the sense of vertigo and emptiness
in believing of having lost
the route and our deep value
– All breathe freedom –
if only we turn on the hope
and tune our hearts
in the deep search of our uniqueness

27.11. 2012 Poetyca

Donare


Riflettendo…

La Riflessione

Pace della Mente

Ricordate tutti,

“Dimorate nel momento presente!”

Con la mente,
fissa nel passato,
pensando a ciò che accadde,
o persa nel futuro,
immaginando ciò che accadrà,
stiamo smarrendo la vita,
momento dopo momento.

Maestro di Dharma

————————

Esiste una sola attenzione,
dove tu possa trovare
quel che veramente sei:

adesso, senza tempo,
qui ed ora senza aggrapparsi
a quel che è stato,
senza proiettarsi
in un futuro che neppure conosci.

Esiste una sola via,
dove tu possa comprendere
la bellezza di questo istante
e sentirti pienamente consapevole.

Sei solo tu a scegliere
e a seminare attaccamento
o aspettativa, oppure
aprire la tua mano per lasciarla vuota.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Donare

Quando siete vuoti,
non temete di donare,
poiché non state dando
una parte di voi stessi.

Avete realizzato la vacuità.

Quando vi preoccupate di voi stessi,
e vi sentite colmi di voi stessi,
donando, avrete paura di dare via
una parte di voi stessi.

Des Boo-ngoh

————————-

Cosa perde colui che non possiede?
Cosa è in grado di dare chi offre
quel che incontra attimo per attimo?

Sulla via dell’interessere, siamo
tutti fiori dello stesso giardino,
dove respiriamo la stessa bellezza
e siamo nutriti della stessa vita.

Consapevoli di essere interconnessi
chiniamo la corolla al sole,
nella carezza lieve della brezza
che di accompagna – adesso.

Compagni di cammino,
noi tutti possiamo offrire
braccia aperte in accoglienza
di quel che siamo e che altri sono con noi.

Poetyca

————————-

28.02.2009 Poetyca

Reflecting …

Reflection

Peace of Mind

Remember all ,

” Abide in the present moment ! ”

With the mind ,
fixed in the past ,
thinking about what happened ,
or lost in the future,
imagining what will happen ,
we are losing life ,
moment by moment.

Dharma Master

————————

There is only one focus ,
where you can find
what they really are :

now , timeless,
here and now without clinging
to what has been ,
without projecting
in a future that not even know.

There is only one way ,
where you can understand
the beauty of this moment
and feel fully conscious .

Only you choose
and to sow attachment
or expectation , or
open your hand to leave it blank .

Poetyca

————————

The teaching

donate

When you are empty ,
Do not be afraid to donate ,
because you’re not giving
a part of yourself .

Have you realized emptiness .

When you care for yourself,
and you are feeling full of yourself,
donating , you are afraid to give away
a part of yourself .

Des Boo- ngoh

————————-

What do you lose the one who does not possess ?
What is in a position to give those who offer
that he meets from moment to moment ?

On the way interbeing , we
all flowers of the same garden ,
where we breathe the same beauty
and we fed the same life.

Aware that they are interconnected
the corolla bow to the sun,
the gentle caress of the breeze
that accompanies – now .

Companions on the journey ,
we can all offer
arms outstretched in welcome
of what we are and who others are with us.

Poetyca

————————-

28.02.2009 Poetyca

 

bodhidarma

Conosci te stesso – Know yourself – Ibn ‘Arabi


💮Conosci te stesso💮

Se gli uomini conoscessero loro stessi,
potrebbero conoscere Dio;
e se conoscessero veramente Dio,
sarebbero soddisfatti con lui
e penserebbe a lui soltanto

3787 | Ibn ‘Arabi, Islam, Sufismo
Fonte: a Landau, 1959; p. 79
💮🌿💮#pensierieparole
💮Know yourself

If men knew themselves,
they would know God;
and if they really knew God,
they would be satisfied with Him
and would think of Him alone.

3787 | Ibn ‘Arabi, Islam, Sufism
Source : in Landau, 1959; p. 79

Sabbia – Sand


💮Sabbia💮

Soffia via
ogni granello
ed accogli
tutto quel che temi
Non nascondere
sotto la sabbia
la verità
per te inaccettabile
Ogni giorno
è opportuno
per imparare
a vivere davvero

10.02.2020 Poetyca
💮💮#Poetycamente
💮Sand

Blow away
each grain
and welcome
everything you fear
Don’t hide
in the sand
the truth
unacceptable to you
Everyday
it is appropriate
to learn
to really live

10.02.2020 Poetyca