Le tre barche


angel23

 

C‘era una volta un brav’uomo che si chiamava Romoletto e che abitava in una villetta sulle rive del Tevere. Un mattino di primavera, Romoletto si accorse che l’acqua del fiume lambiva la porta di casa. Aveva piovuto molto e il Tevere era gonfio di acqua gialla e minacciosa.
La radio lo spaventò un po’: “Tutti coloro che abitano nelle vicinanze del Tevere devono lasciare le loro abitazioni: sta per arrivare una piena del fiume”, ripeteva il Giornale Radio.
Romoletto era molto pio e aveva una grande fiducia nel Signore. Così si inginocchiò e cominciò a pregare.
“Signore, salvami!”.
In quel momento sentì una voce proveniente dall’alto.
“Non avere paura, Romoletto! Ci penso io a te!”. Era la voce del Signore.
Romoletto, pieno di gioia, si rialzò e cominciò a sbrigare le faccende quotidiane, come se niente fosse. Alle undici l’acqua del fiume gli arrivò alle spalle e Romoletto si rifugiò al piano superiore. Passò una lancia dei pompieri. Uno di essi lo vide e gridò: “Presto, venga via con noi! E pericoloso rimanere!”.
“No. Ho un’assicurazione superiore!”, rispose Romoletto, indicando il cielo.
Alle quindici, l’acqua era più alta del letto e Romoletto si rifugiò in soffitta. Passò una barca della Protezione Civile e una voce gridò: “Venga via subito! L’acqua salirà ancora!”.
Romoletto rifiutò ostinatamente: “Ho un protettore, io!”, rispondeva.
Alle diciassette e un quarto l’acqua era più alta delle grondaie e Romoletto san sui tetto. Passò un gommone della Croce Rossa che cercava gli ultimi da salvare. Invano cercarono di portar via Romoletto. Lui si attaccò al camino come il caprifoglio ad un albero. “Non ne ho bisogno. Ho chi mi salva, io!”.
L’acqua continuò a salire e alle diciotto meno dieci Romoletto annegò.
Appena si ritrovò in Paradiso, Romoletto andò su tutte le furie. Si presentò dal Signore e protestò: “Hai detto che pensavi a me? E invece sono bell’e morto!”.
Il Signore lo fissò con il suo sguardo pieno di bontà.
“Ma io ho pensato a te, Romoletto. Tre barche ti ho mandato!”.

Autore: Bruno Ferrero – Libro: Solo il Vento lo sa
Casa Editrice: ElleDiCi

There once was a good man named Romoletto and who lived in a cottage on the banks of the Tiber. One spring morning, Romoletto noticed that the river water lapped against the front door. It had been raining a lot and the Tiber was full of yellow water and threatening.
The radio frightened him a little ‘: “All those who live near the Tiber River to leave their homes: going to get a flood of the river,” repeated the radio news.
Romoletto was very pious and had great faith in the Lord. So he knelt down and began to pray.
“Lord, save me.”
At that moment he heard a voice from above.
“Do not be afraid, Romoletto! I’ll take you.” It was the voice of the Lord.
Romoletto, full of joy, he stood up and began to attend to the daily chores as if nothing had happened. At eleven o’clock the water of the river came up behind her and Romoletto fled upstairs. He spent a spear firefighters. One of them saw him and shouted: “Quick, come away with us! It is dangerous to stay.”
“No. I have insurance top”, Romoletto said, pointing to the sky.
At fifteen, the water was higher than Romoletto bed and took refuge in the attic. He spent a boat Civil Protection and a voice called out: “Come away at once! The water will rise again.”
Romoletto obstinately refused: “I have a patron, me!”, He replied.
At seventeen and a quarter of the water was high and Romoletto saint of the gutters on the roof. He passed a raft of the Red Cross trying to save the last. In vain they tried to take away Romoletto. He clung to the chimney as the honeysuckle to a tree. “I do not need. I who saves me, me!”.
The water continued to rise at six and ten minutes Romoletto drowned.
As soon as he found himself in Heaven, Romoletto went on a rampage. He introduced himself and the Lord protested, “You said that you thought of me? But I’m be dead.”
The Lord looked at him with her ​​eyes full of goodness.
“But I thought of you, Romoletto. Three boats I sent you.”

Author: Bruno Ferrero – Book: Only the wind knows
Publisher: ElleDiCi

4 thoughts on “Le tre barche

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.