Archivio | aprile 2020

Libero per sempre – Free forever


🌸Libero per sempre🌸

Corri amico mio
vai a cercare un luogo
di armonia e libertà
dove guarire
i graffi d’anima
e dove la tua luce
possa trionfare
Le mura buie
della tua prigione
sono scivolose
e respingono la luce
ma tu oggi ricorda
chi sei davvero
e sarai libero per sempre

14.02.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Free forever

Run my friend
go look for a place
of harmony and freedom
where to heal
the scratches of soul
and where your light is
can triumph
The dark walls
of your prison
they are slippery
and they reject the light
but today you remember
who you really are
and you will be free forever

14.02.2018 Poetyca

Attaccamenti – Attachments


Attaccamenti

Non è ribelle il cuore che cerca giustizia,
forse sogna e desidera una diversa realtà .
Non è capace di restare dove – prigioniero
è colui che non sa cogliere la vera libertà .

Non si è liberi quando facendo quel che si desidera,
si fa del male a se stessi, si sacrificano gli altri ;
ma è libero colui che – consapevolmente –
sa dirigere le proprie scelte verso la volontà
di un beneficio per tutti .
Anche con il sacrificio dei propri attaccamenti .
© Poetyca

Attachments

The heart that seeks justice is not rebellious,
perhaps he dreams and desires a different reality.
He is unable to stay where – prisoner
he is the one who cannot grasp true freedom.

You are not free when doing what you want,
you hurt yourself, you sacrifice others;
but the one who – knowingly – is free
he knows how to direct his choices towards the will
of a benefit for all.
Even with the sacrifice of one’s attachments.

© Poetyca

#Libertà di Essere – Freedom of Being


image

#Libertà di Essere

A volte essere fedeli
a se stessi significa
restare saldi
alle proprie idee;
senza mai inciampare
in vuoti compromessi
che tengono prigioniera
la #libertà di Essere.

26.02.2016 Poetyca

# Freedom of Being

Sometimes being faithful
to themselves means
remain firm
to their ideas;
 without tripping
 in empty compromises
 that hold captive
 # The freedom of Being.

02/26/2016 Poetyca

~Poetyca

Discorso all’umanità – Speech humanity – Charlie Chaplin


Discorso all’umanità

Tutti noi esseri umani dovremo aiutarci sempre. Dovremo godere soltanto della felicità del prossimo, non odiarci e disprezzarci l’un l’altro. In questo mondo c’è posto per tutti, la natura è ricca, è sufficiente per tutti noi, la vita può essere felice e magnifica, ma noi lo abbiamo dimenticato.
L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, ci ha condotti a passo d’oca a far le cose più abbiette: abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà, la scienza ci ha trasformato in cinici, l’abilità ci ha resi duri e cattivi.
Pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchinari ci serve umanità, più che abilità ci serve bontà e gentilezza. Senza queste qualità la vita è violenza e tutto è perduto. L’aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti, la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà nell’uomo, reclama la fratellanza universale, l’unione dell’umanità. Perfino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo, milioni di uomini, donne e bambini disperati, vittime di un sistema che impone agli uomini di torturare e imprigionare gente innocente. A coloro che mi odono, io dico, non disperate! L’avidità che ci comanda è solo un male passeggero, l’amarezza di uomini che temono le vie del progresso umano. L’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori e il potere che hanno tolto al popolo ritornerà al popolo e qualsiasi mezzo usino la libertà non può essere soppressa.

Soldati! Non cedete a dei bruti! Uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi dicono come vivere, cosa fare, cosa dire, cosa pensare, che vi irreggimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie. Non vi consegnate a questa gente senza un’anima, uomini macchina, con macchine al posto del cervello e del cuore. Voi non siete macchine, voi non siete bestie, siete uomini! Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore, voi non odiate, coloro che odiano sono quelli che non hanno l’amore altrui. Soldati! Non difendete la schiavitù, ma la libertà! Ricordate nel Vangelo di S. Luca è scritto «Il Regno di Dio è nel cuore dell’uomo». Non di un solo uomo o di un gruppo di uomini, ma di tutti gli uomini. Voi! Voi, il popolo, avete la forza di creare la macchina, la forza di creare la felicità. Voi, il popolo, avete la forza di fare che la vita sia bella e libera, di fare di questa vita una splendida avventura. Quindi in nome della democrazia uniamo questa forza, uniamoci tutti! Combattiamo per un mondo nuovo che sia migliore, che dia a tutti gli uomini lavoro, ai giovani un futuro, ai vecchi la sicurezza.
Promettendovi queste cose dei bruti sono andati al potere, mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno! I dittatori forse sono liberi perché rendono schiavo il popolo. Allora combattiamo per mantenere quelle promesse, combattiamo per liberare il mondo, eliminando confini e barriere, eliminando l’avidità, l’odio e l’intolleranza. Combattiamo per un mondo ragionevole, un mondo in cui la scienza e il progresso diano a tutti gli uomini il benessere.
Soldati, nel nome della democrazia siate tutti uniti!

Anna, puoi sentirmi? Dovunque tu sia, abbi fiducia, guarda in alto Anna. Le nuvole si diradano, comincia a splendere il sole. Prima o poi usciremo dall’oscurità verso la luce e vivremo in un mondo nuovo, un mondo più buono, in cui gli uomini si solleveranno al di sopra della loro avidità, del loro odio della loro brutalità. Guarda in alto Anna, l’animo umano troverà le sue ali e finalmente comincerà a volare, a volare sull’arcobaleno verso la luce della speranza, verso il futuro, il glorioso futuro che appartiene a te, a me, a tutti noi. Guarda in alto, Anna. Lassù.

Charlie Chaplin

Tratto dal film “Il grande dittatore”
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA]

Speech humanity

All of us human beings we should always help. We will only enjoy the happiness of others, do not hate us and despise one another. In this world there is room for everyone, nature is rich enough for all of us, life can be free and beautiful, but we have forgotten.
Greed has poisoned our hearts, has barricaded the world with hate, has brought us a goose-stepping to make things worst: We have developed speed but we have shut ourselves. The machine has given us abundance poverty, science has turned into cynics, the ability has made us hard and unkind.
We think too much and feel too little. More than machinery we need humanity more than cleverness we need kindness and gentleness. Without these qualities, life will be violent and all is lost. The airplane and the radio have brought us closer together, the very nature of these inventions cries out for the goodness in men, cries out for universal brotherhood, the unity of humanity. Even now my voice is reaching millions of people around the world, millions of men, women and children, victims of a system that makes men torture and imprison innocent people. To those who can hear me, I say, do not despair! The greed that hurt us is only a passenger, the bitterness of men who fear the way of human progress. The hate of men will pass and dictators and the power they took from the people return to the people and use whatever means freedom can not be deleted.

Soldiers! Do not give yourselves to brutes! Men who despise you and exploit them, telling you how to live, what to do, what to say, what to think, that regiment, will condition, treat you like cattle. Do not give yourselves to these unnatural, machine men, with machines in place of the brain and heart. You are not machines, you are not cattle, you are men! You have the love of humanity in my heart, you do not hate those who hate are those who do not have the love of others. Soldiers! Do not fight for slavery, but freedom! Remember in the Gospel of St. Luke wrote “The Kingdom of God is within man.” Not one man or group of men but of all men. You! You, the people have the power to create the machine, the power to create happiness. You, the people have the power to make life free and beautiful, to make this life a wonderful adventure. So in the name of democracy join this force, join all! We fight for a new world that is better, which gives all men work, young people a future and old age security.
Promise of these things, brutes have risen to power, they lied! Have not kept those promises, and never will! The Dictators free themselves but they enslave the people.Now let us fight to fulfill that promise, we fight to free the world, removing boundaries and barriers, eliminating greed, hatred and intolerance. We fight for a sensible world, a world where science and progress will lead to all men welfare.
Soldiers, in the name of democracy let us all unite!

Anna, can you hear me? Wherever you are, trust, look up Anna. The clouds cleared, the sun begins to shine. We are coming out of the darkness into the light and live in a new world, a world more good, where men will rise above their greed, their hate of their brutality. Look up Anna, the human spirit will find its wings and finally begin to fly, to fly over the rainbow into light of hope to the future, the glorious future that belongs to you, to me, to all of us. Look up, Anna. There.

Charlie Chaplin

Taken from the film “The Great Dictator”
http://www.youtube.com/watch?v=KbidLa2JbVA

Essere vita – To be Life


Essere Vita

Servire per conoscere
conoscere per imparare
imparare per essere
essere capace di vita
vita vera in libertà
libertà di:
conoscere
imparare
essere
vita

28.03.2011 Poetyca

To be Life

Need to know
know to learn
learn to be
be capable of life
life life in freedom
freedom:
know
learn
be
life

28.03.2011 Poetyca

Purezza dell’amore – Purity of love – Osho


Purezza dell’amore

“Se puoi amare senza gelosia,
se puoi amare senza attaccamento,
se puoi amare così tanto
una persona che la sua felicità
è la tua felicità, allora l’amore
ha raggiunto una purezza.”

Osho

Purity of love

“If you can love without jealousy,
if you can love without attachment,
if you can love so much
a person that his happiness
it is your happiness, then love
has achieved purity. ”

Osho

Destino – Destiny


🌸Destino🌸

Il destino
mescola
ancora
le carte
senza chiedere
e non scegli
assi o fortuna
tutto scivola
o accarezza

Nel silenzio
della notte
apro una porta
sul mare
contro la noia
e le malinconie
ora non importa più
tutto quello
che accade

22.04.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Destiny

Fate
shuffles
the cards
without asking
if you don’t choose aces
everything slips away
but if you are fortunate
it caresses you instead

In the silence
of the night
I open a door
on the sea
against boredom
against melacholy
Now it matters less
what happens

22.04.2020 Poetyca

Un ringraziamento a Ana Daksina di https://timelessclassics.wordpress.com
per la collaborazione nella traduzione.

Realizzazione


Immagine di Giuseppe Bustone

Realizzazione

Ogni nuovo giorno è una rivelazione. Non temere, avrai ciò per cui hai molto lottato. Ti sentirai risollevato e con una calma mai sperimentata prima. E, soprattutto, finalmente capirai che – come disse Gesù – “Niente è impossibile per chi crede!”.

Giuseppe Bustone

Fede, Speranza e Amore – Faith, Hope and Love – Gurdjieff


Fede, Speranza e Amore

Una breve poesia sulle emozioni, la coscienza e il corpo
G.I. Gurdjieff

La fede è la libertà di coscienza
Fede del sentimento è debolezza
Fede del corpo è stupidità.

L’amore della coscienza evoca lo stesso in risposta
L’amore dei sentimenti evoca l’opposto
L’amore del corpo dipende dal tipo e dalla polarità.

Speranza della coscienza è forza
Speranza del sentimento è schiavitù
Speranza del corpo è malattia.

I racconti di Belzebù a suo nipote, p. 361 (si trova in: Un approccio per l’insegnamento lasciato da Gurdjieff, Verso il Risveglio, Jean Vaysse, pag 1)

Faith, Hope and Love

A short poem on emotion, consciousness and the body
G.I. Gurdjieff

Faith of consciousness is freedom
Faith of feeling is weakness
Faith of body is stupidity.

Love of consciousness evokes the same in response
Love of feeling evokes the opposite
Love of body depends on type and polarity.

Hope of consciousness is strength
Hope of feeling is slavery
Hope of body is disease.

Beelzebub’s Tales to His Grandson, p. 361 (found in: An approach to the teaching left by Gurdjieff, Toward Awakening, Jean Vaysse, p. 1)

_Life_is_Only_Real_When_I_Am_Ebook.pdf

Conseguenza – Consequence


🌸Conseguenza🌸

Tu
lanci
un sasso
nello stagno
ed onde
concentriche
si muovono

Conseguenza
in un gesto
nel pensiero
o in parole
che possono
essere nubi
o arcobaleno

22.04.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Consequence

You
toss
a pebble
into the pond
watch concentric
waves
move outward

The consequences
of one gesture
thought
or word
may be clouds
or a rainbow

22.04.2020 Poetyca

Un ringraziamento per la collaborazione nella traduzione a Ana Daksina di https://timelessclassics.wordpress.com

Anonimo


Immagine di Giuseppe Bustone

Anonimo

Ho incassato da sempre, fin da bambino. Non so per quale motivo, ma ero portato per farmi odiare. Certo, i difetti li abbiamo tutti. Ma, c’era qualcosa che mi faceva fare sempre capolino dove le persone odiano e disprezzano. Ed io soffrivo silente. Sopportavo.
Oggi, ringrazio sia andata così. Poiché mi ha rafforzato al punto che sono capace di meraviglie solo con la forza di volontà…

Giuseppe Bustone

Tracce d’infinito – Traces of Infinity


Tracce d’infinito

Ed accarezzerò le stelle
di questa notte una ad una
prima che si spengano
per dar spazio
alla nuova aurora
saranno colori di cielo
infuocati e vivi
che attenderemo
prima di aprire le ali
Sussurrerò ancora
il mio canto di speranza
prima di salutare nidi
e luoghi ospitali
per le anime in attesa
Con respiro nuovo
solleveremo un ultimo
e malinconico sguardo
al tempo andato
toccheremo la certezza
di forza che varca
tutti i confini
Libertà nel canto
di ogni promessa
tra eterne tracce
d’infinito volo

27.11.2003 Poetyca
Traces of Infinity
And I caress the stars
tonight one by one
before they go out
to make room
the new dawn
will color the sky
fiery and alive
but wait
before opening its wings
Still whisper
my song of hope
first to greet nests
hospitals and places
for souls waiting
With new breath
will raise one last
and melancholy gaze
time went
will touch the certainty
of force that passes
all boundaries
Freedom in hand
any promise
between eternal traces
the infinite flight

27.11.2003 Poetyca

Soltanto attesa – Only waiting


Soltanto attesa

Sciolti nel vento
come pensieri che rincorrono il tempo
capelli e libertà
Respiro profondo
che raccoglie la luna e tutte le stelle
nella rugiada di occhi splendenti
e sarai tu la vita sovrana
d’istanti sognati
e restituiti all’anima ignara
Resta soltanto l’attesa
e poi spiccato il volo
tutto è carezza di attimi di cielo

25.09.2003 Poetyca

Only waiting

Loose in the wind
as thoughts that chase time
hair and freedom
Deep breath
which contains the moon and the stars
the dew sparkling eyes
and you’ll be the sovereign life
dreamed of moments
and returned unsuspecting soul
It remains only to wait
and then soared
everything is caress moments of heaven

25.09.2003 Poetyca

Libertà negli occhi – Freedom in the eye


Libertà negli occhi

Luce negli occhi
riflesso del cuore
nell’animo impavido
che non accetta prigione

Tutto danza e rincorre
il respiro del vento
per essere guerriero
di una pace senza tempo

Uragani compagni
di questo viaggio
non siete miraggio
ma maestri del mio coraggio

Accerchio la paura
con un canto di gioia
e la vita prorompe
al ritmo dell’infinito

Stelle che brillano
per lasciare traccia
in ogni stagione
del cuore impavido e guerriero

Tra ululati e voli radenti
sono i cavalli a battere il passo
dove la libertà resta respiro
che non ha mai prezzo

21.01.2012 Poetyca

Freedom in the eye

Light in the eye
reflection of the heart
and soul
that does not accept prison

All dance and chases
the breath of the wind
to be a warrior
of a timeless peace

Hurricanes companions
of this trip
you are not a mirage
but masters of my courage

I rang the fear
with a song of joy
and life bursts
at the rate of the infinite

Stars that shine
to leaving a trace
in every season
of the brave heart and warrior

Between howls and flybys
are the horses to beat up
where freedom is still breathing
that has never a price

21.01.2012 Poetyca

Retto atteggiamento vero la saggezza


Riflettendo…

La Riflessione

Cos’è questa mente?
Chi ascolta questi suoni?

Non scambiate alcuno stato mentale
Per la realizzazione, ma continuate a chiedervi,
sempre più intensamente,

Cos’è che ascolta?

Maestro Bassui (1338-1500)

——————-

Per perseguire un retto atteggiamento
di ricerca e distacco non è com la mente
che si discerne ma con il saper vedere oltre
il limite che la mente stessa impone
per essere osservatori senza giudizio.

Poetyca

——————

L’insegnamento

Retto atteggiamento verso la saggezza

Non innamoratevi della saggezza,
“saggezza” è un nome vuoto.
Non c’è alcuna verità speciale,
ma solo questa apertura spirituale radiante,
libera e senza ostacoli.

Non si consegue con le forme
né con una intelligenza colta.

Dai Buddha ai Maestri Zen,
tutti hanno trasmesso questo vero insegnamento,
con il quale si realizza la liberazione.

Maestro Te-shan (d. 867)

——————————

Non ci si riempie per mostrare chi siamo,
ci si svuota e nel vuoto si raccoglie
la consapevolezza della libertà da attaccamenti,
nella purezza e nell’essenzialità è la vera essenza.

Poetyca

——————————–

Poetyca 15.04.2007

testi tratti da: http://www.bodhidharma.it

Abbandona ogni desiderio


Maestro è chi ha abbandonato
ogni desiderio e ogni presa sul mondo
chi ha visto la verità
al di là delle forme eppure possiede
una profonda conoscenza delle parole.
Di tale grande essere si può dire
che abbia portato a compimento
il suo scopo.
Dhammapada strofa 352
Lasciar andare non è qualcosa che facciamo, è qualcosa che accade quando capiamo che quello che facciamo causa sofferenza. Finché siamo intrappolati nel cercare di lasciar andare, l’io che sta cercando di lasciar andare crea squilibrio. Ma anche non provarci affatto non è corretto. Cosa possiamo fare per realizzare il grande compito della ricerca della libertà? Che cosa significa fare un retto sforzo? Un aspetto del retto sforzo consiste nell’esaminare il tipo di sforzo che stiamo già facendo. Ci domandiamo: quello che facciamo è una forma di
egocentrismo, o viene da un luogo più profondo, più quieto, un
semplice interesse verso il vero? Sappiamo di voler essere liberi dalla sofferenza, ma è davvero utile il modo in cui lo vogliamo? Anche voler essere liberi può creare ostacoli se ci aggrappiamo a tale desiderio. La nostra aspirazione a ‘vedere la verità al di là delle forme’ può essere di sostegno al retto sforzo, se rallentiamo, ci ricordiamo della gentilezza, ed esaminiamo come riceviamo l’esperienza del presente.
Con Metta,
Bhikkhu Munindo
(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Santacittarama
Monastero Buddhista
02030 Frasso Sabino (RI) Italy

Master is one who has abandoned
every desire and every grip on the world
who has seen the truth
beyond the forms and yet possesses
a deep understanding of the words.
Of this great being can be said
that has achieved
its purpose.
Dhammapada verse 352
Letting go is not something we do, it is something that happens when we realize that what we do cause suffering. As long as we get caught up in trying to let go, the ‘I’ who is trying to let go creates imbalance. But do not try at all is incorrect. What can we do to accomplish the great task of the search for freedom? What does it mean to make a right effort? One aspect of the right effort is to examine the type of effort that we are already doing. We ask ourselves, what we do is a form of
egocentrism, or comes from a place deeper, more quietly, as a
simple interest in the truth? We want to be free from suffering, but is very useful the way we want it? Also want to be free can create barriers if we cling to that desire. Our aspiration to ‘see the truth beyond the forms’ can be of support to the right effort, if we slow down, we remember the kindness, receive and examine how the experience of the present.
With Metta,
bhikkhu Munindo
(Thanks to Chandra for the translation)
° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °
Santacittarama
Buddhist Monastery
02030 Frasso Sabino (RI) Italy

Pietra di paragone – Touchstone – Osho


Pietra di paragone

“ Ricorda solo una cosa:
tutto ciò che senti essere bello, è bello,
e tutto ciò che ti rende felice, lieto, è la verità. Lascia che questo sia il tuo unico criterio. Non preoccuparti delle opinioni degli altri. Lascia che questa sia la tua pietra di paragone – tutto ciò che ti fa felice, dev’essere vero. ”

Osho

Touchstone

“Just remember one thing:
everything you feel is beautiful, it’s beautiful,
and all that makes you happy, glad, is the truth. Let this be your only criterion. Don’t worry about the opinions of others. Let this be your touchstone – everything that makes you happy must be true. ”

Osho

Viva presenza – Living presence


Viva presenza

Un sogno che è carezza del tempo
tra canuto crine e saggezza
dove respira piano l’aurora
e restituisce al cuore la libertà
da ogni antica amarezza
E’ canto d’allodola ed amore
che inebria i sensi
e nutre d’ambrosia l’anima
prima di aprire gli occhi
al giorno che attende
la nostra viva presenza

26.02.2007 Poetyca

Living presence

A dream that caress of time
between hair and hoary wisdom
Breathe where the aurora
and returns to the heart of freedom
from any bitterness antca
And ‘love song of lark and
that intoxicates the senses
and nourishes the soul of ambrosia
before you open your eyes
day waiting
our living presence

26.02.2007 Poetyca

Gratitudine e purezza – Gratitude and purity – Friedrich Nietzsche


🌸Gratitudine e purezza🌸

“Un uomo di genio è insopportabile,
se non ha almeno altre due qualità:
la gratitudine e la purezza. ”

Friedrich Nietzsche
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Gratitude and purity

“A man of genius is unbearable,
if it does not have at least
two other qualities:
gratitude and purity. ”

Friedrich Nietzsche

Tentennamenti


Immagine di Giuseppe Bustone

Tentennamenti

Quando non ne posso più, esco, faccio due passi. Cerco un luogo poco o niente frequentato ed urlo. Se riesco non imprecò, non più almeno. Trovo un modo per sfogare il mio malcontento, e rimedio magari leggendo o ascoltando musica. Una cosa molto importante, che condivido con voi, ho imparato:

QUANDO NON SAI COSA FARE
NON FARE NULLA!

Giuseppe Bustone

14 PRECETTI del maestro Thich Nhat Hanh – Thay’s 14 Precepts:


14 PRECETTI del maestro Thich Nhat Hanh


1. Non adorerò ciecamente e non mi vincolerò a nessuna dottrina, credenza o ideologia, compreso il buddismo. Considero ogni sistema di pensiero una guida lungo la via, e non ritengo nessuno di essi la verità assoluta.
2. Non penserò che la conoscenza che attualmente possiedo sia la verità assoluta e immutabile. Eviterò di avere una mente ristretta, limitata alle mie opinioni attuali. Praticherò il non attaccamento alle credenze per rimanere aperto al punto di vista degli altri. La verità si trova nella vita, non nelle nozioni intellettuali. Mi manterrò sempre disponibile a imparare dalla vita, osservando costantemente la realtà in me stesso e nel mondo.
3. Non costringerò con alcun mezzo altre persone, compresi i bambini, ad adottare le mie credenze, ne’ con l’autorità’, ne’ con la minaccia, il denaro, la propaganda e nemmeno con l’educazione. Invece, attraverso il dialogo compassionevole, aiuterò gli altri ad abbandonare il fanatismo e la chiusura mentale.
4. Non eviterò il contatto con la sofferenza, non chiuderò gli occhi davanti al dolore. Non perderò mai la consapevolezza stare vicino a tutti quelli che soffrono, con ogni mezzo: contatti personali, visite, immagini, suoni. Così risveglierò me stesso e gli altri alla realtà della sofferenza nel mondo.
5. Non accumulerò ricchezza mentre milioni di persone soffrono la fame. Non porrò come scopo della mia vita la fama, il profitto, le ricchezze o il piacere dei sensi. Vivrò in modo semplice, condividendo il mio tempo, la mia energia e le mie risorse materiali con coloro che ne hanno davvero bisogno.
6. Non alimenterò rabbia e odio. Non appena rabbia e odio insorgeranno, praticherò la meditazione sulla compassione allo scopo di comprendere profondamente la persona che ne è stata occasione. Mi eserciterò a guardare gli altri esseri con gli occhi della compassione.
7. Non mi disperderò nella distrazione e nei molteplici stimoli esterni. Praticherò l’attenzione cosciente al respiro allo scopo di ricomporre la mente, di sviluppare la consapevolezza, la concentrazione e la comprensione.
8. Non proferirò parole che possano creare discordia e causare fratture nella comunità. Farò tutto il possibile per riconciliare e risolvere i conflitti, anche il più piccolo.
9. Non dirò parole non veritiere per interesse personale ne’ per impressionare gli altri. Non proferirò parole che causino divisione e odio. Non diffonderò notizie di cui non ho io stesso certezza. Non criticherò e non condannerò fatti non accertati. Parlerò sempre in modo veritiero e costruttivo. Avrò il coraggio di pronunciarmi apertamente in tutti i casi di ingiustizia, anche quando ciò possa minacciare la mia sicurezza personale.
10. Non userò la comunità per mio personale vantaggio o profitto, e non cercherò di trasformarla in un partito politico. In quanto membro di una comunità religiosa, prenderò comunque una ferma posizione contro l’oppressione e l’ingiustizia, e mi sforzerò di cambiare la situazione senza cadere in conflitti di parte.
11. Non eserciterò una professione dannosa agli uomini o alla natura. Non investirò denaro in attività economiche che privino altri esseri delle risorse vitali. Sceglierò un lavoro in armonia con la realizzazione del mio ideale di compassione.
12. Non ucciderò e non permetterò ad altri di uccidere. Mi adoprerò con ogni mezzo per proteggere la vita e prevenire la guerra.
13. Non mi approprierò quello che di diritto appartiene agli altri. Rispetterò la proprietà altrui, ma mi batterò perché nessuno si arricchisca provocando sofferenza agli uomini e agli esseri viventi.
14. Non maltratterò il mio corpo, ma lo tratterò con rispetto, senza considerarlo un semplice strumento. Conserverò le energie vitali (del sesso, del respiro e dello spirito) per la realizzazione della via. Mi asterrò dalla sessualità disgiunta dall’amore e dal reciproco impegno. Considererò i rapporti sessuali in relazione alla sofferenza che potrebbero provocare. Rispetterò la libertà e gli impegni assunti dagli altri, per preservarne la felicità. Sarò pienamente consapevole della responsabilità di mettere al mondo nuove vite, e mediterò sul mondo in cui intendo far nascere nuovi esseri.

Thay’s 14 Precepts:


“Do not be idolatrous about or bound to any doctrine, theory, or ideology, even Buddhist ones. All systems of thought are guiding means; they are not absolute truth.

Do not t

hink that the knowledge you presently possess is changeless, absolute truth. Avoid being narrow-minded and bound to present views. Learn and practice non-attachment from views in order to be open to receive others’ viewpoints. Truth is found in life and not merely in conceptual knowledge. Be ready to learn throughout our entire life and to observe reality in yourself and in the world at all times.

Do not force others, including children, by any means whatsoever, to adopt your views, whether by authority, threat, money, propaganda, or even education. However, through compassionate dialogue, help others renounce fanaticism and narrowness.

Do not avoid contact with suffering or close your eyes before suffering. Do not lose awareness of the existence of suffering in the life of the world. find ways to be with those who are suffering by all means, including personal contact and visits, images, sound. By such means, awaken yourself and others to the reality of suffering in the world.

Do not accumulate wealth while millions are hungry. Do not take as the aim of you life fame, profit, wealth, or sensual pleasure. Live simply and share time, energy, and material resources with those who are in need.

Do not maintain anger or hatred. As soon as anger and hatred arise, practice the meditation on compassion in order to deeply understand the persons who have caused anger and hatred. Learn to look at other beings with the eyes of compassion.

Do not lose yourself in dispersion and in your surroundings. Learn to practice breathing in order to regain composure of body and mind, to practice mindfulness, and to develop concentration and understanding.

Do not utter words that can create discord and cause the community to break. Make every effort to reconcile and resolve all conflicts, however small.

Do not say untruthful things for the sake of personal interest of to impress people. Do not utter words that cause diversion and hatred. Do not spread news that you do not know to be certain. Do not criticize or condemn things you are not sure of. Always speak truthfully and constructively. Have the courage to speak out about situations of injustice, even when doing so may threaten your own safety.

Do not use the Buddhist community for personal gain or profit, or transform your community into a political party. A religious community should, however, take a clear stand against oppression and injustice, and should strive to change the situation without engaging in partisan conflicts.

Do not live with a vocation that is harmful to humans and nature. Do not invest in companies that deprive others of their chance to life. Select a vocation which helps realize your ideal compassion.

Do not kill. Do not let others kill. Find whatever means possible to protect life and to prevent war.

Possess nothing that should belong to others. Respect the property of others but prevent others from enriching themselves from human suffering or the suffering of other beings.

Do not mistreat your body. Learn to handle it with respect. Do not look on your body as only and instrument. Preserve vital energies (sexual, breath, spirit) for the realization of the Way. Sexual expression should not happen without love and commitment. In sexual relationships be aware of future suffering that may be caused. To preserve the happiness of others, respect the rights and commitments of others. Be fully aware of the responsibility of bringing new lives into the world. Meditate on the world into which you are bringing new beings.

Do not believe that I feel that I follow each and every of these precepts perfectly. I know I fail in many ways. None of us can fully fulfill any of these. However, I must work toward a goal. These are my goal. No words can replace practice, only practice can make the words.

Paura – Feat – Osho


Paura

“La paura non è altro
che l’assenza dell’amore.
Dimenticati della paura;
fa’ qualcosa con l’amore.
Se ami, la paura scompare.
Se ami profondamente,
la paura non c’è più.”

Osho

Fear

“Fear is nothing else
that the absence of love.
Forget about fear;
does something with love.
If you love, fear disappears.
If you love deeply,
there is no fear anymore. ”

Osho

Sospiro – Sigh


🌸Sospiro🌸

Lancio
un sospiro
nel vento
per disperdere
l’attesa
Ascolto
il battito
del cuore
tra petali nuovi
e raggi di sole
Ancora un passo
e tutto si rinnova
come Primavera
da abbracciare
nel nostro domani

21.04.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Sigh

I m launching
a sigh
in the wind
to disperse
the wait
I listen
the beat
of the heart
among new petals
and sunbeams
One more step
and everything is renewed
like Spring
to embrace it
in our tomorrow

21.04.2020 Poetyca

Nell’occhio del ciclope – In the eye of the Cyclops


Il genere umano può liberarsi della violenza soltanto ricorrendo alla non-violenza. L’odio può essere sconfitto soltanto con l’amore. Rispondendo all’odio con l’odio non si fa altro che accrescere la grandezza e la profondità dell’odio stesso. (da Harijan, 7 luglio 1947; citato in Ernesto Balducci, Gandhi, Edizioni Cultura della Pace, Firenze 1988, p. 183)

L’amore è libertà dalla sofferenza – dai condizionamenti, dalle paure, dall’attaccamento, per essere capaci di offerta incondizionata.

La violenza è un percorso distorto che fa credere che dominare gli altri, rubarne il valore è posserderli….
Dobbiamo imparare a dominare noi stessi, le inclinazioni sbagliate per comprendere il vero significato di non violenza.

Poetyca


Nell’Occhio del ciclope

Tu che guardi il mondo
attraverso la tua unica visione:
dove tutto è possesso
dove tutto t’appartiene
e cieco non stracci il velo
dell’unica cosa che ti rappresenta
in un pugno chiuso che credi pieno
e non sai cogliere in un respiro l’essenza

Ogni tuo passo ripropone
e genera solo distruzione
perchè t’aggrappi
a cose che non possono durare
ed accumuli in in angolo
le esperienze vecchie
dalle quali ti lasci condizionare

Illusione e velo
che di Maya ha il nome
danza delle ombre
che non allieta ma confonde
Gigante è il tuo ego
che non scalfisce nulla
ma costruisce nuove mura
in un bozzolo intessuto di paura

Ogni momento è propizio
per guardare nel fondo del tunnel
che hai generato tu stesso
e per illuminare a giorno
le pareti della caverna
del tuo confuso errare

Una sola la verità e la bellezza
una sola la ricchezza di chi
non usa mai aggettivo
che delimiti il territorio
del mio o del tuo possesso
un caleidoscopio di colori
che come farfalle vive
accarezza l’aria e la vita

Un sospiro nella notte
che alle stelle dona splendore
è il dono di se stessi
senza chieder nulla
senza solco o traccia
che immota in apparenza
nel tempo sgretola il valore
perchè tutto muta e si trasforma

Un solo occhio
centro del ciclone
che vortica e genera
luci od ombre nel timore
da aprire con cuore spalancato
che armonizza e non possiede
che si offre nella gioia
di essere uno con il tutto

Non potresti mai capire
l’impalpabile presenza
di un’ essenza aperta a tutti
e che in note vive si manifesta
nella delicata trama
dell’incondizionato passo
legge della vita che contempla
l’infinito ed il suo Amore

02.10.2010 Poetyca

The human race can get rid of violence only by means of non-violence. Hatred can be vanquished only by love. Answering hatred with hatred you can do nothing but increase the size and depth of hatred itself. (From Harijan, July 7, 1947, quoted in Ernesto Balducci, Gandhi, Editions Culture of Peace, Florence 1988, p. 183)

Love is freedom from suffering – from conditioning, from fear, from attachment, to be able to offer unconditional.

Violence is a distorted way that makes you believe that dominate others, steal the value is to possses them ….
We must learn to rule ourselves, the inclinations wrong to understand the true meaning of nonviolence..

Poetyca


In the eye of the Cyclops

You who look at the world
through your unique vision:
where everything is held
where all belong to you
rags and blind not the veil
the only thing that is
believe that in a closed fist full
and you can not take a breath in the essence

Your every step repeats
and generates only destruction
because t’aggrappi
things that can not last
and accumulate in a corner
old experiences
condition from which you leave

Illusion veil and
that has the name of Maya
dance of shadows
that cheers but not confused
Giant is your ego
that does not affect anything
but build new walls
woven into a cocoon of fear

Every moment is propitious
to look at the bottom of the tunnel
you’ve created yourself
and daylight
the cave walls
your confused wandering

A single truth and beauty
one whose wealth
never uses the adjective
that defines the area
of my or your possession
a kaleidoscope of colors
and as live butterflies
Shakes the air and life

A sigh in the night
that gives glory to the stars
is the gift of oneself
without asking anything
without groove or track
that apparently motionless
crumble over time the value
because everything changes and becomes

One eye
center of the cyclone
that vortices and generates
lights or shadows in fear
to open with heart wide open
harmonizes and does not have
that is offered in joy
of being one with everything

You could never understand
the impalpable presence
of an ‘essence open to all
and notes that lives is manifested
the delicate texture
step of the unconditioned
law of life that contemplate
the infinite and his love

02.10.2010 Poetyca

Così come viene – As it is


cosicomeviene

Così come viene
 
Nel sussurro senza parole
tu ascolti e vivi
il fremito di onde leggere
l’increspare dell’attimo
oltrepassando il mondo
– essenza viva –
tra mente e cuore

Si manifesta il disegno
fragranza e petali
in un tempo senza tempo
speranze, sorrisi, emozioni
in ricerca d’armonia
Gabbiano padrone del cielo
libertà senza attaccamento

Per vivere tutto
così come viene
devi comprendere il senso
della pace sincera
scuotendo la mente
abbracciando il cuore
in unità senza più domande

26.01.2013 Poetyca

As it is

In whisper without words
you listen and live
the flicker of light waves
the rippling of the moment
crossing the world
– Essence alive –
between mind and heart

It manifests the design
fragrance and petals
in a timeless time
hopes, smiles, emotions
in search of harmony
Seagull master of the sky
freedom without attachment

To enjoy all
as it is
You need to understand the meaning
of sincere peace
shaking your mind
embracing the heart
in units with no more questions

26.01.2013 Poetyca

Passi – Steps


🌸Passi🌸

Scuoto
la polvere
dai passi
e punto
gli occhi
al cielo
Tutto
arriva
e poi va
mentre
ogni attimo
è trasformazione

20.04.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Steps

I shake
dust
by my steps
and I point
my eyes
to heaven
All
arrives
and then it goes
while
every moment
It is transformation

20.04.2020 Poetyca

La tua vera natura Zen – Your True zen nature – Huang Po


🌸La tua vera natura Zen🌸

“La tua vera natura Zen
non può mai essere
guadagnata o perso.
È quello che sei. ”

Huang Po
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Your true Zen nature

“Your true Zen nature
can never be gained or lost.
It is what you are.”

Huang Po

Merito e demerito


Se per fortuna o mia bravura, il mio gruzzolo di denaro aumenterà, farò in modo di continuare ad impegnarmi a lavorare. Se così non dovesse ancora essere, persevererò. Sarà stato meglio in ogni caso agire che stare fermo a guardare. Non c’è fallimento più grande che non averci neppure provato.

Giuseppe Bustone

Alla ricerca di Pace – Looking for Peace



Alla ricerca di Pace


Non ci accorgiamo spesso che, prendiamo gli altri come bersaglio da colpire con le nostre frustrazioni; attribuiamo ” colpe” e crediamo irrisolvibili alcune situazioni, ci chiudiamo nella gabbia delle illusioni,perchè pensare che altri abbiano torti e noi assolutamente ragione ci pone nella condizione di sentirci superiori alle situazioni. A volte accade il ripetersi di esperienze o ” nodi” che siamo incapaci di sciogliere e tutto parte da noi stessi, dal nostro attaccamento, dal nostro ego ferito. Ed è sempre da noi l’opportunità di fermarci a cogliere cosa e perchè alimenti la nostra reazione di rabbia.
Perchè si ami attribuire colpe a ” ologrammi” esteriori?

Mi viene in mente, quando da bambini, se cadevamo o ci facevamo male contro qualcosa, per consolarci un adulto diceva che la ” colpa” era del sasso che ha fatto inciampare o della porta contro la quale urtavamo.
Magari ci credevamo e vedere come si attribuisse ” colpa” agli oggetti ci faceva stare meglio.
Ora non si starebbe meglio se, nel retto sforzo, non provassimo a rendere pace il nostro cuore.
La nostra non realtà è spesso indotta dai mezzi di informazione; dal nascondere i veri motivi delle cose.
Come si sa è sempre stato nella politica delle guerre cercare motivazioni al farle scoppiare, motivazioni che montino giudizi ” contro” ma la realtà si lega alle risorse di un territorio che facciano gola, al potere che amplifichi l’egemonia e sempre a carico della vita di innocenti.
Miseria, divisione, sopruso e quella forma di violenza non sempre fisica sono i mezzi per piegare un popolo e parole come ” pulizia etnica” , come ” genocidio”, ” olocausto,” sono tra le più ignobili che l’umanità possa aver coniato. Spero sempre che ci possa essere un ravvedimento ed un modo di condurre verso un’inversione di rotta che non conosca violenza ma dialogo ed equanimità.
Forse, agire dal nostro piccolo mondo del quotidiano non sarebbe sufficiente ma che non ci sia confusione tra “pace ” e quei movimenti politici che dietro alle bandiere hanno altri fini. La pace si conquista ( parola forte che appare bellica) dentro di sè per essere poi capaci di avere comportamenti costruttivi.

La guerra, come si sa, è sempre stata antagonista dell’amore, della saggezza e dell’equità. Minacce, promesse di rivendicazione sono quanto possa mettere in atto chi voglia caricare di rabbia gente che in fondo non ha chiesto guerre. Difesa ed offesa, mezzi che non si giustificano ma fanno perdere il senso della misura; ogni guerra ha conosciuto atti immorali, il piegare ” il nemico” dimostrando la propria forza.
Un’ombra ingigantisce la fama di chi se la costruisce, è mostrarsi potente è farsi temere; mezzi che sono lontani dall’abbandonare la forza per mostrare maggiore maturità.
Poi, si fa anche tanto parlare, senza realizzare nulla; una forma di dispersione che non arriva neppure all’essenzialità e che non ha alcuna opportunità risolutiva per situazioni che degenerano in violenza e prevaricazione.
Si resta impotenti, incapaci di trovare soluzioni e superamento di condizioni che si trascinano senza fine.
Si tratta di libere scelte, per noi, per coloro che davanti ad un dilemma possano essere presi nella trappola del ” fare come gli altri”, perchè magari li fa stare meglio. Ci sono persone ” attive” – sentono il bisogno di essere presenti ad alzare la voce – a muoversi e magari le fa stare meglio. Ci sono poi persone che, nel silenzio sono partecipi ai dolori del mondo seppure apparentemente distanti. Credo, semplicemente, che senza altrui suggerimenti, attivi con alzare di voci o apparentemente ” passivi” e compassionevoli – senza alcun giudizio – perchè il dolore, la privazione e la violenza tocca tutti indistintamente e non solo una parte della terra rispetto ad un’altra. Tutti siamo uno, infatti, credo che si possa includere nella nostra via anche la capacità di ” allargare il cerchio” del nostro non- dividere, del nostro ascolto nelle piccole cose del quotidiano che siano briciola di pace che s’espande. Possiamo lavorare su noi stessi, cercare pace interiore per non allargare a macchia d’olio effetti che incrinano armonia.
Si parte dal non giudizio o meglio dal non alimentare dualità. Andare ad una manifestazione, in libertà perchè si sente di farlo e non per ” moda” o perchè non si trovano altre soluzioni , per aver letto un manifesto che invitasse a farlo o perchè ce lo consigliano ( è poi una soluzione la marcia di Pace?) è opportuno solo se si sente – lo si accoglie -da consapevoli; come per la pratica.
Semplicemente si deve dare voce e manifestazione a quel rispetto per tutti gli esseri sensienti senza ricerca di torto o ragioni, di verità o menzogna perchè la guerra, tutte le guerre, non ha sconfitti e vincitori;
se si arriva all’odio, al mancato dialogo – si è tutti sconfitti.
In particolare se per il potere si calpesta il valore di vite.

In fondo tutti coloro che possono, in base alle proprie caratteristiche ed opportunità, dare voce alla pace, possono coinvolgere gli altri nel parlarne, con amorevolezza e lontani dal giudizio. Per parlare di pace si deve essere pace.
La consapevolezza è la capacità di raccogliere dalle esperienze del passato per offrire – qui ed ora – energie al futuro nella via di trasformazione – dalle tenebre dell’ignoranza alla luce dell’Amore.

Noi possiamo!
Poetyca 13.08.2006

Looking for Peace

We don’t often notice that, we target others to target with our frustrations; we attribute “faults” and believe some situations to be unsolvable, we lock ourselves in the cage of illusions, because to think that others are wrong and we absolutely right puts us in a position to feel superior to situations. Sometimes the repetition of experiences or “knots” happens that we are unable to untie and everything starts from ourselves, from our attachment, from our wounded ego. And it is always with us the opportunity to stop and understand what and why feed our anger reaction.
Why do you love to blame external “holograms”?
It occurs to me, when as children, if we fell or hurt ourselves against something, to console us, an adult said that the “fault” was of the stone he tripped or the door we hit.
Maybe we believed it and seeing how we attributed “guilt” to objects made us feel better.
Now it would not be better if, in the right effort, we did not try to make our heart peaceful.
Our non-reality is often induced by the media; from hiding the real reasons for things.
As you know, it has always been in the politics of wars to look for motivations to make them burst, motivations that mount judgments “against” but reality is tied to the resources of a territory that make a throat, to the power that amplifies hegemony and always borne by life of innocents.
Misery, division, abuse and that form of violence that is not always physical are the means to bend a people and words like “ethnic cleansing”, like “genocide”, “holocaust,” are among the most ignoble that humanity could have coined. I always hope that there can be a repentance and a way of leading towards a change of direction that knows no violence but dialogue and equanimity.
Perhaps, acting from our small everyday world would not be enough but that there is no confusion between “peace” and those political movements that have other purposes behind flags. Peace is conquered (a strong word that appears warlike) within oneself in order to be capable of constructive behavior.
War, as we know, has always been the antagonist of love, wisdom and fairness. Threats, promises of vindication are what can be put in place by those who want to charge people with anger who have not asked for wars. Defense and offense, means that are not justified but make you lose the sense of measure; every war has known immoral acts, to bend “the enemy” by showing its strength.
A shadow magnifies the fame of those who build it, it is to be powerful and to be feared; means that are far from abandoning strength to show greater maturity.
Then, there is also a lot of talk, without realizing anything; a form of dispersion that does not even reach essentiality and that has no solution opportunity for situations that degenerate into violence and abuse.
We remain powerless, unable to find solutions and overcome conditions that drag on endlessly.
These are free choices, for us, for those who, in the face of a dilemma, can be caught in the trap of “doing like the others”, because maybe it makes them feel better. There are “active” people – they feel the need to be present to raise their voices – to move and maybe make them feel better. Then there are people who, in silence, participate in the pains of the world, although apparently distant. I simply believe that without others’ suggestions, you are active with voices or apparently “passive” and compassionate – without any judgment – because the pain, deprivation and violence affects everyone indiscriminately and not just one part of the earth compared to another . We are all one, in fact, I believe that we can also include in our way the ability to “widen the circle” of our non-sharing, of our listening to the little things of everyday life that are a crumb of peace that expands. We can work on ourselves, seek inner peace so as not to spread effects that damage harmony like wildfire.
It starts from non-judgment or better not from nourishing duality. Go to a demonstration, in freedom because you feel like doing it and not because of “fashion” or because there are no other solutions, for having read a poster that invited you to do it or because they recommend it to us (is the Peace March a solution? ) it is only appropriate if you feel it – you welcome it – by being aware; as for practice.
Simply one must give voice and manifestation to that respect for all sensible beings without seeking wrong or reason, of truth or lie because war, all wars, has no defeats and winners;
if it comes to hatred, to lack of dialogue – everyone is defeated.
In particular if the value of lives is trampled for power.
After all, all those who can, according to their characteristics and opportunities, give voice to peace, can involve others in talking about it, lovingly and far from judgment. To speak of peace one must be peace.
Awareness is the ability to gather from past experiences to offer – here and now – energies to the future on the path of transformation – from the darkness of ignorance to the light of Love.

We can!

Poetyca 13.08.2006