Archivio | 11/05/2020

Stesso volo – Same flight



Stesso volo

Stesso cielo di ieri
che racconta di sole
e di piccole nuvole
trascinate dal vento
tra sorrisi ed arcobaleni
Occhi che cercano
lo stesso orizzonte
libero e senza nero
di paure e stanchezze
Stessa voglia di credere
ad ali aperte con la forza
nel cuore che sogna
senza inganni stemperati
tra le nostre parole
stessa speranza
mai sopita negli occhi
perchè il domani
è un nuovo volo

16.01.2003 Poetyca


Same flight

Same sky yesterday
which tells of the sun
and small clouds
wind drag
between smiles and rainbows
Eyes looking
the same horizon
free and black
fear and weariness
Same desire to believe
open wings with the force
in the heart that dreams
dissolved without cheating
through our words
same hope
never slumbering eyes
because tomorrow
is a new flight

16.01.2003 Poetyca

Voi siete dei – You are Gods


Voi siete dei al
Salmo. Di Asaf.
Dio presiede l’assemblea divina,
giudica in mezzo agli dei:
“Fino a quando emetterete sentenze ingiuste
e sosterrete la parte dei malvagi?
Difendete il debole e l’orfano,
al povero e al misero fate giustizia!
Salvate il debole e l’indigente,
liberatelo dalla mano dei malvagi!”
Non capiscono, non vogliono intendere,
camminano nelle tenebre;
vacillano tutte le fondamenta della terra.
Io ho detto: “Voi siete dei,
siete tutti figli dell’Altissimo,
ma certo morirete come ogni uomo,
cadrete come tutti i potenti”.
Alzati, o Dio, a giudicare la terra,
perché a te appartengono tutte le genti!
Commento
Il salmo probabilmente è stato scritto nel periodo antecedente l’esilio, quando la giustizia lasciava molto a desiderare. Dio, supremo giudice, si “alza” in mezzo all’assemblea celeste – gli dei sono gli esseri angelici -, imponendo la sua maestà ai giudici della terra.
La requisitoria esordisce in forma di domanda, e continua in forma d’esortazione: “Fino a quando emetterete sentenze ingiuste e sosterrete la parte dei malvagi? salmista in tal modo introduce nel salmo la sostanza delle riprensioni di Dio per mezzo dei profeti. Il salmista prosegue rivolgendosi a Dio con la desolata constatazione dell’impenitenza dei giudici iniqui: “Non capiscono, non vogliono intendere, camminano nelle tenebre; vacillano tutte le fondamenta della terra”. L’ingiustizia dei giudici scardina il vivere civile.
Il salmista a sua volta interpella i giudici iniqui affermando la loro dignità, ma anche la loro realtà di uomini che passano: “Io ho detto:
Infine il salmista si rivolge a Dio dicendo: “Alzati, o Dio, a giudicare la terra“. Con ciò non invoca la fine del mondo, ma che egli intervenga quale giudice che punisce gli empi e libera da loro gli oppressi. Chi opererà questo sarà Cristo, che prima giudicherà in modo inedito – un giudizio non espresso e che coincide con la scelta del soggetto stesso: con Cristo o contro Cristo (Gv 3,18; 12, 48; At 13,46) -, e che poi giudicherà con la sentenza e la condanna finale alla sua seconda venuta (Mt 25,31s).
Gesù ha usato il passo “voi siete dei, siete tutti figli dell’Altissimo” (Gv 10,34)
Voi siete dei
La rivelazione di Gesù il Cristo è uno dei messaggi più rivoluzionari che siano stati consegnati al mondo. E’ rivoluzionario quando sfida gli ipocriti farisei compiendo i miracoli nel giorno del sabato giudaico (come se i miracoli al sabato fossero proibiti.. da chi? non è stato forse fatto il sabato per l’uomo e non l’uomo per il sabato?).Tra questi, l’affermazione “voi siete dei” (Gv, 10,34) che è anche il titolo di un libro del filosofoOmraam Mikhaël Aïvanhov che proprio dalla lettura del Vangelo di Giovanni ha tratto ispirazione per i suoi insegnamenti spirituali.Gesù infatti si stupisce di come sia possibile che i farisei si scandalizzino tanto della sua affermazione che è “il figlio di Dio”, quando Dio stesso, nella bibbia, afferma che saranno chiamati dei coloro i quali hanno ricevuto la parola di Dio nostro Padre…

I Giudei portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo. Gesù rispose loro: “Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre mio; per quale di esse mi volete lapidare?”. Gli risposero i Giudei: “Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per la bestemmia e perché tu, che sei uomo, ti fai Dio”. Rispose loro Gesù: “Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dèi? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio (e la Scrittura non può essere annullata), a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo, voi dite: Tu bestemmi, perché ho detto: Sono Figlio di Dio? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non volete credere a me, credete almeno alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me e io nel Padre”. Cercavano allora di prenderlo di nuovo, ma egli sfuggì dalle loro mani.Gv, 10,31-

You are Gods

Psalm. Asaf.

God presides over the Assembly of God,

judges among the gods:

“Until The passing of sentences unjust

and support the part of the wicked?

Defend the weak and the orphan,

the poor and the poor do justice!

Rescue the weak and needy,

liberatelo from the hand of the wicked! ”

They do not understand, do not want to understand,

walk in darkness;

waver all the foundations of the earth.

I said, “You are gods,

you are all sons of the Most

but certainly die like men,

fall like all powerful. ”

Arise, O God, judge the earth,

because you belong to all nations!

Comments

The psalm was probably written in the period before the exile, when justice left much to be desired. God, the supreme court, it “rises” in the midst of the heaven – the gods are angelic beings – by imposing his majesty to the judges of the earth.

The indictment begins in the form of questions, and continues in the form of exhortation: “How long will support the passing of sentences and unfair part of the wicked? Psalmist in Psalm in this way introduces the substance of the admonition of God through the prophets. The Psalmist continues, turning to God with the stark finding of the judges dell’impenitenza unfair: “I do not understand, do not want to hear, walk in darkness, all shaky foundations of the earth.” The injustice of the courts undermines the civilized life.

The psalmist calls upon the courts in turn unfair asserting their dignity, but also the reality of people who pass, “I said:

Finally, the psalmist turns to God, saying: “Arise, O God, judge the earth “. This is not calling for an end of the world, but that he acted as a judge who punishes the wicked and free them from the oppressed. Who will operate it will be Christ who will judge the first in a new way – an opinion not expressed and that coincides with the choice of the subject itself: with Christ or against Christ (John 3:18, 12, 48, Acts 13.46) – and then judge the final decision and order to his second coming (Mt 25:31 s).

Jesus used the step “you are gods, you are all sons of the Most High” (Jn 10:34)

You are Gods

The revelation of Jesus Christ is one of the most revolutionary messages that have been delivered to the world. And ‘when the revolutionary challenge the hypocritical Pharisees performing miracles in the days of the Jewish Sabbath (as if the miracles were banned on Saturday .. by whom? Was not done on Saturday for man and not man for the Sabbath? ). Among them, the statement “you are gods” (John 10:34) which is also the title of a book by philosopherOmraam Mikhael Aïvanhov that just by reading the Gospel of John has been inspired for his teachings spirituali.Gesù surprising fact that it is possible that the Pharisees scandalizzino much of his statement that “the Son of God, when God himself, the Bible says they will have of those who have received word of God our Father …

The Jews took up stones again to stone him. Jesus replied: “I have shown you many good works from my Father; for which of these do you stone me?”. The Jews answered him: “For a good work we stone thee not, but for blasphemy, because you, being a man, make yourself God.” Jesus said to them: “Is it not written in your law, I said you are gods? Now if he called them gods, those to whom the word of God came (and Scripture can not be undone), the one who the Father consecrated and sent into the world, ‘You are blaspheming, because I said I am the Son of God? If you do not do the works of my Father, believe me not, but if I do, even if you do not believe me, believe the works, because they know and understand that the Father is in me and I in him. ” They tried then to take it again, but he eluded their mani.Gv, 10.31 –

Parole e immagini – Words and images


Parole e immagini

Le parole disegnano immagini
che nascondono verità.
Esse solo a te appartengono
– celano il tuo sentire-

Quando Pandora
il vaso ruppe
tutti i mali
navigarono sul mondo
-ne subiamo i torti-
Nessuno però ricorda
che luce verde era rimasta
in quella giara
-Speranza-
il suo nome
aiutami a cercarla
ti regalerò sorriso.

Naviga e ascolta.
Quando avrai raccolto
tutte le lacrime del mondo
– gli inganni-
guarda il vaso colmo
chiediti chi le tue perle
asciugherà
-Io ci sarò-
Solo illusione è la tua
se non vuoi credere
che il mondo poggia
sull’imperfezione.
Perché voler
cambiare qualcosa
se intorno incontri
solo Male.
Vivere il destino
– non cambia-
quel che si è.
Mentire potrai a tutti
mai a Te stessa.
Cassandra sarei Io
ma Minerva sia
la tua Dea
saggezza.

Quel che ho dentro
fuori manifesto,
quel che è fuori
in me filtra.
Emozioni vedi ora
-sai quel che provo-
Viaggio cattura sensi
in un oceano d’amore
– noi universo vivo-
Il volto mio è specchio
di quel che sono.
Vibrando ci solleviamo in volo

01.03.2002 Poetyca

Words and images

The words draw images

that hide the truth.
They belong only to you
– Hide your feel-

When Pandora
the vase broke
all evils
sailed the world
-The wrongs we suffer-
But no one remembers
that green light had been
in the jar
-Hope-
his name
Help me to seek
I’ll give you a smile.

Browse and listen.
When you have collected
all the tears of the world
– The deceit-
looks at the jar filled
ask yourself who your pearls
dry
-I will be there-
Illusion only is your
if you do not want to believe
that the world rests
imperfection.
Why would you want
change something
if meetings around
Male only.
Experience the fate
– No change
what it is.
You can lie to everyone
never to yourself.
Cassandra I would
but Minerva is
your Goddess
wisdom.

What I have inside
out manifesto
what is out
filters in me.
Emotions see now
-You know what I feel-
Travel captures the meaning
in an ocean of love
– Universe we live-
The face is my mirror
of what they are.
Vibrating in the air we raise

01.03.2002 Poetyca

Ragione e comune senso – Reason and your common sense – Buddha


Ragione e comune senso

Non credere a nulla, non importa dove l’hai letta o chi l’ha detto, neppure se l’ho detto io, a meno che non sia affine alla tua ragione e al tuo buon senso..

Buddha

Do not believe anything, no matter where you read it or who said it, even if I told you, unless it is related to your reason and your common sense ..

Buddha

Percorso incondizionato – Unconditional Path



Percorso incondizionato
Per Amare incondizionatamente
ci vuole il coraggio di un leone
e la tenerezza di un micio.
Ogni passo è come un’orma nella neve,
possiamo guardare quello che abbiamo percorso
ma quando il sole arriva non resta sempre traccia,
l’importante è che nessuno dimentichi che ogni esperienza
è la via per imparare dagli altri a seguire una unica strada,
per l’incontro del dialogo del cuore. Una via che ci permetta
di credere in noi stessi, in quello che siamo
– esseri unici e speciali che hanno sempre
qualcosa di dire – e che possono rendersi conto
si essere portatori di qualcosa
di importante per gli altri: il nostro Cuore.
23.12.2010 Poetyca
Unconditional Path

To love unconditionally
It takes the courage of a lion
and the tenderness of a cat.
Every step is like a footprint in the snow
We can look at what we have come
but when the sun comes up is not always track
The important thing is that no one forgets that every experience
is the way to learn from others to follow a single road,
for the meeting of the dialogue of the heart. A way that allows us
to believe in ourselves, in what we
– unique and special beings who have always
something to say – and that can realize
will be carriers of something
important for others: our hearts.
23.12.2010 Poetyca

Apparenza e realtà – Appearance and Reality


135346_481369709645_742844645_6115526_8050657_o

Apparenza e realtà

Si deve cogliere la differenza tra apparenza e realtà,
tra quanto ci fanno credere sia vero e quanto noi stessi
inciampiamo in condizioni di illusorietà.
Indagare, verificare, senza restare fermi all’apparente
ci rende sempre liberi.

08.11.2014 Poetyca

Appearance and Reality

You must understand the difference between appearance and reality,
between what is true and make us believe what we ourselves
stumble under illusion.
To investigate, verify, without seeming to stand still
always makes us free.

08/11/2014 Poetyca

 

Speranza accesa – Hope on


🌸Speranza accesa🌸

Sono onde
a spazzare
il torpore
della notte

Attendo
che ogni fuoco
notturno
perda spazio

Fili invisibili
ricuciono timori
in sospiri
impercettibili

Giro pagina
e proietto vita
nella speranza
accesa all’aurora

03.05.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Hope on

They are waves
to sweep
numbness
of the night

I’m waiting
that every fire
night
lose space

Invisible threads
mend fears
in imperceptible
sigh

I turn the page
and I project life
in the hope
lit at dawn

03.05.2020 Poetyca

L’altalena della vita


Immagine di Giuseppe Bustone

L’altalena della vita

Quanto è importante credere?
A me sinceramente,ha sempre causato problemi se non guai.
Perché non ci credevo abbastanza?
O perché le persone con cui venivo
in contatto,credevano solamente
e soltanto nei soldi e nel fregare
il prossimo? Chi lo sa? Oggi,ancora,non ho smesso di credere e crederci.Spero vivamente, dopo tante persone meschine, di aver incontrato le persone giuste con le quali condividere momenti di gioia profonda! Ed auguro a tutti di avere un futuro imperniato sulla stima
e il rispetto reciproci.

Giuseppe Bustone

Se tu credi – If you believe it


Se tu credi

Ad un passo
dal cuore
non dimenticare
che la gioia
è un soffio
e la puoi donare
ad occhi socchiusi
e speranze
sempre nuove:
Se tu credi!

26.04.2017 Poetyca

If you believe it

One step
from the heart
do not forget
that joy
It’s a puff
and you can donate it
with half-closed eyes
and hopes
always new:
If you believe it!

26.04.2017 Poetyca

Domande senza risposta – Unanswered questions



Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande.

Naguib Mahfuz

Domande senza risposta

Ascolta sempre le domande di chi ti conosce e ti è vicino,

esse sono la chiave per aprire la porta del tuo cuore,

infatti vede meglio chi ti osserva dall’esterno

e con intenzioni limpide cerca di accompagnarti

per attraversare le tempeste del tuo animo.

Forse è più facile amare che credere di essere amati,

molte reazioni emotive nascono dalla convinzione

di non essere degni di amore, di essere rifiutati

e ci si confronta con gli altri come se

ci dovesse essere una gara, una competizione

nella quale emergere per ricevere amore.

Non sempre chi ascolta comprende la voce dell’amore,

quella che ti sussurra chi ti è accanto, allora confuso

e nel timore di non apparire perfetto o perchè crede che ogni

domanda sia giudizio, reagisce e fugge.

Avere ricevuto delle domande è soltanto un mezzo,

una porta da attraversare per abbracciare l’unità in se stesso.

Quanti di fronte alle domande al proprio Sè, lasciano il timone

e confusi non sanno che direzione prendere? Chi è accanto allora

non sa se deve continuare a parlare o tacere.

27.04.2011 Poetyca


You can judge what a man is clever by his answers. You can judge what is wise by his questions.


Naguib Mahfouz


Unanswered Questions

Always listen to the questions of who knows you and is near,

they are the key to open the door of your heart,

it looks better from the outside who is watching you

with clear intentions and try to take you

storms to cross your mind.

Perhaps it is easier to believe that love to be loved,

many emotional reactions arise from the belief

not to be worthy of love, of being rejected

and we compare with others as if

there should be a contest, a competition

emerge in which to receive love.

Not everyone who listens to include the voice of love,

the one who whispers to you next, then confused

and fear of appearing not perfect or because it believes that any

demand and feedback, reacts and runs away.

Have received only half of the questions is,

a door to cross to embrace the drive itself.

How many of your questions before you, leave the helm

confused and not know what direction to take? Who’s next then

does not know whether to continue to speak or be silent.

27.04.2011 Poetyca

Cose produttive – Productive things


🌸Cose produttive🌸

“A volte la cosa
piú produttiva
che puoi fare
è solo rilassarti. ”

Mark Black
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Productive things

“Sometimes the most
productive thing
you can do is relax.”

Mark Black

Rivolo d’acquitrino


Foto di Giuseppe Bustone

Rivolo d’acquitrino

Termine dei pensieri
e calma assoluta,
finemente seleziono
caute ragioni,
indiscussi meriti
nutrono l’ego
di cui abbiam bisogno
Mi rilasso e respiro a fondo,
mai saprei adoprarmi
per traviare già plagiato
adolescente vivo
senza avere ormai
ancora senni vani
e vanagloria.

Giuseppe Bustone