Riflettendo – Calmare il respiro – Calm your breath


Riflettendo…

La Riflessione

Ogni cosa è così com’è.
Non ha alcun nome,
oltre a quello che noi le diamo.

Siamo noi che definiamo un fenomeno;
gli diamo un valore.
Diciamo che è buono o cattivo,
ma in sé, il fenomeno è solo ciò che è.

Non è un assoluto;
è solo così com’è.

Ajahn Sumedho

—————————

Nell’osservare la realtà
spesso attribuiamo un valore;
appiglio al nostro desiderarare,
al nostro voler essere capaci
di manipolare le cose, poichè è questo
che ci rende sicuri.
Che senso ha temere quel che crediamo
” cattivo” e riempirci di gioia
verso quello che crediamo ” buono”?
Ogni evento non si manifesta
solo per noi, come pioggia e sole
sono offerti a tutti, così dobbiamo imparare
l’equidistanza o saremmo schiavi delle nostre
mille aspettative, seminando sofferenza
o eccesso di attenzione a quegli eventi che reputiamo ” buoni”,
temendo invece quello che non gradiamo e di cui,
senza saperlo siamo stati i seminatori, poichè tutto
procede nella nostra mente.
Il vero saggio non si turba e resta sereno
di fronte ad ogni accadimento, senza farsi muovere
da forze che possano trascinare verso la disperazione
o verso l’esaltazione poichè sa che tutto è impermanente,
nulla dura a lungo ed è per questo che non dobbiamo
provare attaccamento.
Sarebbe poco saggio proiettare all’esterno
le nostre aspettative senza avere cura di meditare
e raccogliere con attenzione le nostre incertezze.
Invece di guardare all’esterno il nostro lavoro
interiore deve essere condotto al riconoscimento
degli attaccamenti e delle aspettative che ci conducono
verso il dualismo e non fanno maturare l’accoglienza
della realtà esattamente come essa è, un accoglienza
che tramuta la sofferenza in amorevolezza e compassione.

Poetyca

—————————

L’insegnamento

Calmare il respiro

Inspirando, calmo il mio corpo.
Espirando, sorrido.

Dimorando nel momento presente,
so che questo è un momento meraviglioso.

Maestro Thich Nhat Hanh

——————————-

Sorridere non è mai gesto meccanico,
senza vera partecipazione infatti
resta solo un mascherare il volto.
Sorridere è un effetto, la manifestazione
del nostro saper raccogliere calma
e donare a noi stessi e agli altri
quella rassicurante presenza
che solo l’attenzione al momento presente,
che meraviglioso ci accoglie e si dona
ci potrebbe dare, perchè tutto è ricchezza.
A noi coglierne le mille sfumature.

Poetyca

——————————-

08.12.2007 Poetyca

🌟🌟🌟

Reflecting …

The reflection

Everything is as it is.
It has no name,
in addition to what we give them.

It is we who define a phenomenon;
we give it a value.
Let’s say it’s good or bad,
but in itself, the phenomenon is only what it is.

It is not an absolute;
it’s just the way it is.

Ajahn Sumedho

—————————

In observing reality
we often attribute a value;
hold on to our desire,
to our willingness to be capable
to manipulate things, because this is it
that makes us safe.
What sense does it have to fear what we believe
“bad” and fill us with joy
towards what we believe to be “good”?
Every event does not manifest itself
just for us, like rain and sun
they are offered to everyone, so we must learn
equidistance or we would be slaves to ours
thousand expectations, sowing suffering
or excessive attention to those events that we consider “good”,
instead fearing what we don’t like and of which,
without knowing it we were the sowers, as everything
proceeds in our mind.
The true sage is not disturbed and remains serene
in the face of every event, without moving
by forces that can drag you into despair
or towards exaltation because he knows that everything is impermanent,
nothing lasts long and that’s why we don’t have to
feel attachment.
It would be unwise to project outside
our expectations without taking care to meditate
and carefully collect our uncertainties.
Instead of looking outside our work
inner must be led to recognition
of the attachments and expectations that lead us
towards dualism and they do not mature reception
of reality exactly as it is, a welcome
which transforms suffering into loving-kindness and compassion.

Poetyca

—————————

Teaching

Calm your breath

Inhale, I calm my body.
Exhaling, I smile.

Dwelling in the present moment,
I know this is a wonderful moment.

Master Thich Nhat Hanh

——————————-

Smiling is never a mechanical gesture,
without real participation in fact
all that remains is to mask the face.
Smiling is an effect, the manifestation
of our knowing how to gather calm
and give to ourselves and to others
that reassuring presence
that only attention to the present moment,
how wonderful it welcomes us and gives itself
it could give us, because everything is wealth.
To us to grasp the thousand nuances.

Poetyca

——————————-

08.12.2007 Poetyca

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.