Il Paradiso dei giocattoli – Paradise toys


labambina_b

Il Paradiso dei giocattoli

Un giorno un bambino volle immaginare un luogo dove tutti i giocattoli non venissero dimenticati, dove la polvere non li avesse corrosi e dove, quei bambini cresciuti , afferrati all’orecchio di un orsacchiotto, con ancora il ricordo di una bambola stretta in petto, solo perché il tempo era trascorso, solo perché si era diventati “adulti” e non si poteva più cercare il compagno di giochi, il conforto contro le paure, quale era per quel giocattolo. L’inesorabile destino era di essere stato utile per ore liete, magari a sacrificio di capelli, braccia, orecchie , pur di sapere che aveva reso migliore il tempo a quei bambini,ma il bambino non riusciva a comprendere perché , per tutti quei compagni di fantasie, di sogni abbandonati dovesse esistere la dimenticanza. Si immaginò allora che tutti quei giocattoli mutilati, dimenticati, tutte quelle bambole, ormai irriconoscibili e gettate via da genitori stanchi di vederli come “disordine” nella vita dei figli, potessero avere il loro Paradiso, fu così che si propose, con pazienza di imparare a ricostruirne , pezzo per pezzo , la dignità perduta. Quel bambino da “grande”, perché grande era il suo cuore, decise di raccogliere tutti i giocattoli possibili: ai mercatini, nei posti più improbabili e dimenticati e, poiché la notte non riusciva a dormire, di impiegare quel tempo per lavare, pettinare capelli, cucire e dipingere , incollare e risistemare ogni parte e far rivivere, per il Paradiso, ogni giocattolo che, con la sua piccola anima lo chiamava. Il dono magico che una piccola dea dagli occhi di giada volle fargli per la sua generosità e per quella dolcezza fu il suo sorriso che incantava gli occhi ed il cuore di chi la vedesse, si perché era il vero sorriso della sua anima bambina.

®Poetyca

Paradise toys

One day a child wanted to imagine a place where all the toys were not forgotten, where the powder had corroded them and where those children grew up, caught the ear of a teddy bear, even with the memory of a doll close to his chest, only because time was spent, only because he had become “adults” and could no longer seek the playmate, comfort against the fears, which was for that toy. The inexorable destiny was to be helpful for happy hours, maybe a sacrifice of hair, arms, ears, just to know that he had made better time to those children, but the child could not understand why, for all those companions fantasies, dreams abandoned not exist forgetfulness. He imagined then that all those toys mutilated, forgotten, all the dolls, now unrecognizable and thrown away by parents tired of seeing them as a “disorder” in the lives of children, could have their paradise, that was how it was proposed, with patience to learn to reconstruct, piece by piece, the lost dignity. That kid from “great” because great was his heart, he decided to collect all the toys possible: to the markets, in the most unlikely places and forgotten, and as the night could not sleep, to use that time to wash, comb hair , sew and paint, paste, and rearrange all over and revive, for heaven, every toy, with her little soul was calling him. The magical gift that a small-eyed goddess Jade wanted him for his generosity and for that sweetness was his smile that charmed the eyes and hearts of those who see her, because it was the true smile of his soul child.

®Poetyca

6 thoughts on “Il Paradiso dei giocattoli – Paradise toys

  1. Pingback: Il Paradiso dei giocattoli | Schiava di MasterSem

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.