Archivio | 04/07/2020

Il Girasole tra le spighe – The sunflower among the Ears


Il Girasole tra le Spighe

In una distesa di grano, un giorno nacque un girasole. Le spighe incuriosite si chiesero che cosa fosse quella strana cosa cresciuta in mezzo a loro e cominciarono a prenderlo in giro: “Sei una spiga mal riuscita? Non devi essere così, non vedi come siamo fatte noi? Sei proprio brutto, devasti il manto dorato che noi formiamo, nasconditi!”.
Così, il girasole, umiliato da tutte quelle parole, crebbe con la testa china, senza mai osare alzarla per la vergogna.
Un giorno però passò di lì un bambino che gridò gioioso: “Guarda mamma, in mezzo a quelle spighe c’è un girasole!”, la madre rispose, “E’ vero! Sai che i girasoli sono gli unici fiori al mondo che guardano sempre in faccia il sole con fierezza?”.
A quelle parole il girasole comprese la sua vera natura, capì di non essere una spiga mal riuscita ma il re dei fiori, alzò la testa e fece risplendere la sua meraviglia. Anche le spighe, avendo udito la donna, non gli diedero mai più fastidio e, invece di considerarlo un’anomalia nel loro campo, iniziarono a pensare di essere fortunate ad avere un fiore tanto speciale tra loro.

Ogni creatura porta dentro di sé la propria bellezza e lo scopo della propria esistenza.
Se non lo abbiamo ancora fatto, troviamo la nostra bellezza e il nostro scopo!

The sunflower among the Ears
In a field of wheat, one day came a sunflower. The ears curiously wondered whatthat strange thing was brought up in their midst and began to tease him: “You’re abotched ear? Must not be so, we do not see how we made? You’re ugly,devastates the golden mantle that we form hide. “
Thus, the sunflower, humbled by all those words, she grew up with china head,without ever daring to raise it to shame.
But one day passed by a joyful child who cried: “Look Ma, in the midst of thosespikes is a sunflower!” The mother replied, “It ‘s true! Know that sunflowers are the only flowers in the world who look always face the sun with pride? “.
At these words the sunflower understood his true nature, he knew not to be abotched ear but the king of flowers, raised his head and made her wonder shine.Even the ears, hearing the woman he ever gave him more trouble and instead of considering it an anomaly in their field, they began to think they are lucky to have a flower so special together.

Every creature bears within itself its own beauty and purpose of their existence.
If we have not yet done so, we find our beauty and our goal!

Ti attendo – I await you


Ti attendo

Verrà a mancarmi
la tua dolcezza
racchiusa in parole
in osservazioni del mondo
e in palpiti di vita:
piccoli scambi d’un universo
costruito in briciole
di sogni e di speranze
Ma ti attendo
con un sorriso nuovo
e la voglia di essere
ancora compagna
di piccole gocce
di verità vissuta

27.06.2003 Poetyca

I await you

Will be missing
your sweetness
contained in words
in observations of the world
and thrills of life:
small exchanges of a universe
built in crumbs
of dreams and hopes
But I look forward
with a new smile
and the desire to be
even companion
of droplets
lived truth of

27.06.2003 Poetyca

Ovunque verso – Everywhere true


Ovunque vero

Ho bisogno di sogni
quando la morsa si stringe
e mancano le parole

Ho bisogno di passi
su nuvole stese al sole
per respirare ancora vita

Ho bisogno di attimi
che possano regalare
speranze forti

Ho bisogni di futuro
che non resti strozzato
dentro bugie senza fine

Ho bisogno di te
ed il tuo coraggio
di essere ovunque vero

31.08.2011 Poetyca

Everywhere true

I need of dreams
when the grip tightens
and lacks the words

I need to walk
on clouds lay in the sunshine
again to breathe life

I need moments
that can give
high hopes

I need a future
that do not remain choked
into endless lies

I need you
and your courage
to be everywhere true

31.08.2011 Poetyca

Attenzione al crepuscolo


Immagine di Giuseppe Bustone

Attenzione al crepuscolo

Sempre attento alle più leggere folate di questo tiepido vento,
tra andirivieni di persone sole e confuse.
Nella memoria e nella mente
poi prendersi cura di sé e ammirare
Il tramonto violaceo con questa palla rossa che piano scompare.
Invito a riflettere su quello che davvero voglio.
Inaudito cercare solo la ricchezza materiale!
Eppure, come si sta in periodi di ristrettezza economica?
Lo abbiamo di già sperimentato
e accolgo sorrisi di donne, belle donne, che si allontanano accoppiate.

Giuseppe Bustone

Il piano di riscontro – The surface table


Il piano di riscontro

.Le voci e le risate
..E mentre sai guardare alla vita
con una profondità nuova
riesumando la forza che hai dentro
ti ricordi di tutti quei sogni
che provenivano da lontano
da uno spazio strappato
sulla linea del tempo

Rievochi ancora
le voci e le risate nel cortile
che credevi morte per sempre
ed alle quali non hai mai più dato ascolto
perché a detta di altri
erano solo perdita di tempo
nostalgie vigliacche
e senza una ragione

E solo oggi comprendi
quanto hai creduto di perdere
ma era sempre al tuo fianco:
un amico che guarda ancora le stelle
e non smette di sperare
oltre il confine di quel sogno
che avevo creduto indossasse
l’abito dell’illusione.

14.09.2009 Poetyca

The surface table

The voices and laughter
…And as you know look at life
with a new depth
digging up the strength you have inside
you remember all those dreams
who came from afar
snatched by a space
on the time line

Still you evoke
the voices and laughter in the courtyard
that you thought was dead forever
and to which you have never listened
because according to others
were just a waste of time
longings cowardly
and without a reason

And only now understand
what you thought you lost
but it was always by your side:
a friend who looks at the stars
and not give up hope
beyond the confines of that dream
I believed he was wearing
the habit of delusion.

14.09.2009 Poetyca

Per una vita – For a life


Per una vita

Rifare un destino da inseguire,
sognare con un libro in mano:
colorando la vita con universi paralleli.

Colui che scrive, lasciando traccia sul foglio:
di vita,d’inganni e passioni,
di sogni e passi in un tempo senza prigioni
vorrebbe in quella traccia scritta
costruire realtà migliori
– sfogare quel che non è stato e che vorrebbe –
legare ad un palloncino da abbandonare in cielo
ogni voce che strozzata in gola non ha espresso la delusione.

Tracce d’inchiostro sulle dita
per una vita che da grigia
diviene colorata:
passioni e sogni da non cancellare
per inciderle ancora una volta
tra le pieghe del cuore.

E con penna
che diviene spada d’intenti
gettare addosso rabbia
o costruire il sogno
per una vita che valga la pena
di essere vissuta ed a tutti raccontata.

29.11.2004 Poetyca

For a life

Remaking a destiny to pursue,
dreaming with a book in hand:
coloring your life with parallel universes.

The writer, leaving traces on the sheet:
of life of deceit and passion,
of dreams and steps into a time without prisons
would in that written record
actually build the best
– The vent that was not and that would –
to tie a balloon to be left in the sky
every voice choked in my throat did not express disappointment.

Traces of ink on the fingers
for a life that has gray
becomes colored:
dreams and passions do not delete
to record once again
between the folds of the heart.

And with pen
which becomes the sword of intent
throw him angry
or build the dream
for a life worth
to be lived and told at all.

29.11.2004 Poetyca

La causa dell’infelicità – The cause of unhappiness – Osho


La causa dell’infelicità

“La causa dell’infelicità
risiede nel nostro attaccarci agli altri,
nelle aspettative che abbiamo
nei loro confronti,
nella speranza che siano gli altri
a darci la felicità.
E ogni volta che la speranza
ti abbandona,
ti senti frustrato”.

Osho

The cause of unhappiness

“The cause of unhappiness
lies in our attachment to others,
in the expectations we have
towards them,
in the hope that they are others
to give us happiness.
And every time hope
leave you,
you feel frustrated ”.

Osho

Percorso – Path


🌸Percorso🌸

Tu
non puoi
raccontare
il mistero
racchiuso
nel volo
di una farfalla
o in un fiore

Puoi solo
attraversare
l’attimo
con tutto
te stesso
e viverlo
in mille
sfumature

27.06.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Path

You
you can not
to tell
the mystery
enclosed
in flight
of a butterfly
or in a flower

You can only
go across
the moment
with all
yourself
and live it
in a thousand
shades

27.06.2020 Poetyca

Pagine nuove – New pages


Pagine nuove

Vengo a trovarti qui
tra queste tue pagine
che son nuove
anche se nate da lontano
per porgerti parole
che contengano una goccia
di gioia insieme ad un pensiero
per augurarti un viaggio sereno
tra le onde della vita

Brezze e carezze
nei sospiri di cielo
che nutrono speranze
e colorano gli attimi
con colori d’arcobaleno

Respiri del tempo
che ha inciso il passo
nelle pieghe del cuore
e sei qui a farti domande
su un destino in attesa
di risposte nuove

Socchiudi gli occhi
e raccogli i sogni
che mai smettono
d’accompagnare
istanti preziosi
senza prezzo

Sorridi ancora
mentre puoi respirare
quel dono prezioso
che palpita eterno
perché la vita
mai smette di donarsi
e di donare istanti
d’immenso valore

26.06.2003 Poetyca

New pages

I come to see you here
between these on your pages
who are new
even if born from a distance
to give us words
containing a drop
together with a thought of joy
wish you a peaceful journey
the waves of life

Breeze and caresses
the sighs of the sky
Hopes are that
and the color moments
colors of the rainbow

Breath of time
which affected the pace
in the folds of the heart
and are here to ask questions
a destiny waiting
new answers

Close my eyes
Pick up your dreams
that never stop
to accompany
precious moments
no price

Smile again
while you breathe
that precious gift
that beats forever
because life
never ceases to give himself
and to give instant
of immense value

26.06.2003 Poetyca

Una storia sempre uguale – A story always the same


318679_235186073197480_183270601722361_633249_2045090114_n

Una storia sempre uguale

Nello stupore della notte
rincorri ancora
tutte le tue solitarie paure
vorresti farci a botte
ed essere per sempre vincitore

Hai infranto lo scudo
nelle interminabili fatiche
dopo tutte le tue lotte
con la dignità calpestata
per conservare respiro

Sono gli altri a decidere
quanto valga la tua vita
mentre ne paghi il prezzo
ad un Caronte improvvisato
attaccato al denaro

Hai ormeggiato i sogni
nel momento stesso
che a piedi nudi
hai attraversato il deserto
cozzando con la realtà

Migrante ti chiamano
ammassandoti come le bestie
in luoghi troppo stretti
con il cuore colmo di speranze
ti attacchi all’albero maestro

Nessuno conosce il tuo nome
con una storia sempre uguale
su volti diversi
dove gli occhi si posano
alla ricerca di un sorriso

27.08.2015 Poetyca

A story always the same

In the wonder of the night
still running after
all your lonely fears
you want to fight them
and be forever winner

You broke the shield
in the endless labors
after all your struggles
with dignity trampled
to keep breathing

Are the others to decide
how valuable is your life
while you pay the price
to a  _ makeshift Charon
attached to money

You moored your dreams
at the same time
that barefoot
You have crossed the desert
clashing with reality

Migrants they call you
amassing you like animals
in places too tight
with hearts full of hope
you stick to the mainmast

No one knows your name
with a story always the same
on different faces
where the eyes alight
looking for a smile

08/27/2015 Poetyca

Incanto – Charm


🌸Incanto🌸

Al tramonto
dal mare emergono
come in una fiaba
le sagome
di isole lontane

27.06.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Charm

At sunset
from the sea emerge
like in a fairy tale
the silhouettes
of distant islands

27.06.2020 Poetyca

Abilità – Skills – Edward Gibbon


🌸Abilità🌸

Venti e onde
sono sempre dalla parte
dei navigatori più abili.

Edward Gibbon
🌸🍃🌸#pensierieparole
🌸Skills

Winds and waves
I’m always on the side
of the most skilled navigators.

Edward Gibbon

Girasole – Sunflower – Haiku


🌸Girasole – Haiku🌸

Cade il seme
mentre il sole è specchio
da rincorrere

14.05.2018 Poetyca
🌸🍃🌸
🌸Sunflower – Haiku

The seed falls
while the sun is a mirror
to chase

14.05.2018 Poetyca

★ღPoeti amici ღ★


Il vento custodisce

Il vento custodisce
sogni armati di pugnale
che conficcandosi vanno
come anastrofi assassine
tra le labbra di un’anima di zucchero.

Un voce ormai appassita
si nutre di diluviali rigurgiti di lacrime
scienza stritolante
del capire che non si è mai capito
o forse
che non si è mai inteso capire.

Quante donne
l’impronta patetica portano del mio amore
stampata sulla loro pelle di cristallo
che copre ingannevole
un cuore di rame
storie mai neppure abbozzate
si ergono come croci solitarie
al centro malfermo del mio esistere
sostrati di poesie
deformi e senza fiato
in simbiosi con il respiro del dolore
mi graffiano i capelli
come noiose vespe.

Amare chi non mi ama
nè mai mi saprà amare
è la missione suprema
dalle cui spire
devo divincolarmi
vivere senza sanguinare
è il sogno rivestito di utopia
l’irriverente trota
che si compiace di canzonarmi
nel fiume della mia incompiutezza.

Vincenzo Calabrò

The wind keeps

The wind keeps
dreams armed with knives
that are sticking
as anastrofi killer
between the lips of a core of sugar.

A voice now faded
feeds on diluvial outbursts of tears
science stritolante
of understanding that you never knew
or perhaps
that was never meant to understand.

How many women
pathetic bear the imprint of my love
printed on their skin crystal
which covers misleading
a heart of copper
stories never even sketched
crosses stand as solitary
wobbly in the center of my existence
substrates of poems
deformed and breathless
in harmony with the breath of pain
I scratch your hair
as boring wasps.

Love who does not love me
nor will I ever love
is the ultimate mission
from whose coils
I wriggle
live without bleed
is the dream of utopia coated
the irreverent trout
who delights in canzonarmi
in the river of my incompleteness.

Vincenzo Calabrò

The Jam


youtube https://www.youtube.com/watch?v=2edt3GtdQ70

The Jam era un gruppo musicale new wave inglese fondato da Paul Weller nel 1976, molto influenzato da The Beatles, The Kinks, The Who[2] e con sonorità simili, soprattutto all’inizio, a quelle dei Clash,[3][4] morbide e allo stesso tempo ritmate e decise. Durante i sei anni di attività, la band non ha mai modificato la propria formazione, costituita dal bassista Bruce Foxton, dal batterista Rick Buckler e dal chitarrista e cantante Paul Weller. Recentemente Foxton e Buckler hanno effettuato diversi concerti dal vivo e programmato un tour per l’autunno del 2007, oltre alla pubblicazione di un nuovo album (che sarebbe il settimo), il tutto però senza la partecipazione di Weller.
https://it.wikipedia.org/wiki/The_Jam
The Jam were an English punk rock/mod revival band active during the late 1970s and early 1980s.
They were formed in Woking, Surrey. While they shared the “angry young men” outlook and fast tempos of their punk rock contemporaries, The Jam wore smartly tailored suits rather than ripped clothes, and they incorporated a number of mainstream 1960s rock and R&B influences rather than rejecting them, placing The Jam at the forefront of the mod revival movement.
They had 18 consecutive Top 40 singles in the United Kingdom, from their debut in 1977 to their break-up in December 1982, including four number one hits. As of 2007, “That’s Entertainment” and “Just Who Is the 5 O’Clock Hero?” remained the best-selling import singles of all time in the UK.[5] They released one live album and six studio albums, the last of which, The Gift, hit number one on the UK album charts. When the group split up, their first 15 singles were re-released and all placed within the top 100.
The band drew upon a variety of stylistic influences over the course of their career, including 1960s beat music, soul, rhythm and blues and psychedelic rock, as well as 1970s punk and new wave. The trio was known for its melodic pop songs, its distinctly English flavour and its mod image. The band launched the career of Paul Weller, who went on to form The Style Council and later had a successful solo career. Weller wrote and sang most of The Jam’s original compositions, and he played lead guitar, using a Rickenbacker. Bruce Foxton provided backing vocals and prominent basslines, which were the foundation of many of the band’s songs, including the hits “Down in the Tube Station at Midnight”, “The Eton Rifles”, “Going Underground” and “Town Called Malice”.
https://en.wikipedia.org/wiki/The_Jam

Una perla al giorno – Herman Hesse


notte31

Tutto ciò che ho sempre desiderato è vivere
secondo i suggerimenti del mio sé autentico.
Perché è stato così difficile?

Herman Hesse

Everything I’ve ever wanted is to live
according to the suggestions of my authentic self.
Why was it so difficult?

                                      Herman Hesse