Archivio | 11/07/2020

Morte di Takuan Soho – Death of Takuan Soho – Zen e l’arte della spada.


Morte di Takuan Soho

Takuan Soho fu monaco Zen, ma fu anche calligrafo, pittore, poeta, maestro dell’arte del giardinaggio e del the. I suoi scritti possono considerarsi prodigiosi (la collezione completa dei suoi lavori consta di sei volumi), e sono fonte di ispirazione e di suggerimenti per il popolo giapponese di oggi, così come lo sono stati dal momento in cui sono stati redatti, quasi quattro secoli or sono.
Consigliere e confidente per il ricco e per il povero, Takuan sembra essersi mosso con libertà attraverso le diverse classi sociali; istruì tanto lo Shogun quanto l’Imperatore e, come narra la leggenda, fu amico e maestro dell’artista e maestro di spada Miyamoto Musashi. Non parve mai essere sensibile alla fama e alla popolarità e, prossimo alla morte, istruì in questo modo i suoi discepoli:”Seppellite il mio corpo sulla montagna dietro al tempio, copritelo con detriti e tornate alle vostre dimore. Non leggete i sutra, non officiate cerimonie. Non accettate alcun dono né dal monaco né dal profano. Lasciate che i monaci indossino le solite vesti e consumino i loro pasti e procedete come in un giorno qualsiasi”. Nel momento culminante, prima della morte, scrisse l’ideogramma cinese yume (sogno), ripose il pennello, e morì.

Introduzione a “Lo Zen e l’arte della spada” ediz. Mondadori


Death of Takuan Soho

Takuan Soho was Zen monaco, but was also a calligrapher, painter, poet, master of the art of gardening and tea. His writings can be regarded as prodigious (the complete collection of his work consists of six volumes), and are a source of inspiration and tips for the Japanese people today, as we have been since they were written, nearly four centuries ago.
Adviser and confidante for the rich and the poor, Takuan seems to have moved freely through the various social classes, taught him so much as the Emperor and Shogun, as the legend goes, was a friend and master artist and master swordsman Miyamoto Musashi. Do not ever seemed to be sensitive to the fame and popularity and, near death, he instructed his disciples in this way: “Bury my body on the mountain behind the temple, cover it with debris and return to your homes. Do not read the sutras, no ceremonies officiated. Do not accept any gift or monaco or from the profane. Let the monks wear the usual clothes and consume their meals and proceed as on any day. “At the peak, before his death, wrote the Chinese character yume (dream), put the brush, and died.

Introduction to “Zen and the art of the sword” ed. Mondadori

Sensibilità e poesia – Sensitivity and Poetry


Sensibilità e Poesia

L’immaginazione costruisce scene oniriche e le rende reali, la sensibilità riesce a cogliere e osservare quello che non tutti percepiscono. Poesia è emozionarsi di quel che esiste e di quel che si crea dal nulla. Per me non avrebbe senso tenere racchiuso in sé l’universo poetico, le sue sfumature e quanto la sensibilità riesca a donare, trovo appagamento nel rendere partecipi gli altri di quanto scrivo, affinché possano specchiare quelle emozioni universali che trovano riconoscimento in chi non sarebbe capace di trovare il modo di dar loro voce. Leggere e trovare in uno scritto parte del proprio vissuto ha una capacità catartica tale da farlo sentire parte di noi stessi. La mancata ricerca di confronto costruttivo, l’arroccarsi su una posizione in atteggiamento di difesa e chiusura nei confronti degli altri, un voler innalzare barriere contro chi cerca di porgere un suggerimento costruttivo sarebbe un atteggiamento che non simbolizzerebbe il dono di sé. Chi trae il meglio dalle proprie esperienze emotive amplificandone le sensazioni diventa persona sensibile capace di umiltà e rispetto degli altri. Il poeta è colui che ascolta il vibrare di foglie nella brezza e il palpitare di emozioni nell’anima, precursore e dotato di una vista oltre le apparenze, è a volte inquieto e alla ricerca di un vivere ideale che non sempre trova realizzazione nell’ambiente circostante, questo è il dare voce all’anima e a volte indicazione di un essenzialità capace di ricercare i veri valori della vita, ben lontani dall’amore per il possesso delle cose.

© Poetyca

Sensitivity and Poetry

Imagination builds dreamlike scenes and makes them real, sensitivity manages to grasp and observe what not everyone perceives. Poetry is getting excited about what exists and what is created from nothing. It would not make sense to me to keep the poetic universe, its nuances and how much sensitivity it can give, enclosed in finding others satisfaction with what I write, so that they can mirror those universal emotions that find recognition in those who would not be able to find ways to give them a voice. Reading and finding part of one’s experience in writing has a cathartic capacity that makes it feel part of ourselves. Failure to seek constructive confrontation, to perch on a position in an attitude of defense and closure towards others, a desire to raise barriers against those who seek to offer a constructive suggestion would be an attitude that would not symbolize self-giving. Those who make the best of their emotional experiences by amplifying their sensations become a sensitive person capable of humility and respect for others. The poet is the one who listens to the vibrating of leaves in the breeze and the throbbing of emotions in the soul, precursor and endowed with a view beyond appearances, is sometimes restless and looking for an ideal life that does not always find realization in the environment surrounding, this is giving voice to the soul and sometimes indication of an essentiality capable of seeking the true values of life, far from the love of possessing things.

© Poetyca

Legami – Linkages


Legami

Filo sottile
argenteo nastro
unisce pensieri

Srotolato animo
in sensibile vibrare
oltre ogni confine

Riconosciuto
percorso
che lega

Parole
senza voce
in aliti del tempo

07.03.2004 Poetyca

Linkages

thin wire
silver tape
combines thoughts

Snrolled soul
sensitive to vibrate
beyond borders

recognized
path
that binds

Words
voiceless
breaths in the time

07.03.2004 Poetyca

Volersi così


Immagine di Giuseppe Bustone

Volersi così

Vivi, come se oggi fosse il primo e l’ultimo giorno.
Vivi, come se fossi amato/a alla follia da qualcuno (e lo sei).
Come se il cielo dialogasse con te.
Come fosse sempre un dì di festa.
Come se tu fossi la persona più speciale.
Vivi, come non hai vissuto mai, e la vita ti regalerà più di ciò che hai sempre voluto e sperato…

Giuseppe Bustone

Amore incondizionato – Unconditional love


Amore incondizionato
Vincitore è chi toglie tutti i pesi inutili dalle tasche,
i condizionamenti, le paure e la necessità di apparire
ed allora inizia la propria corsa alla meta, senza essere frenato,
ma libero di essere…quello che è.
Quante sorprese potremmo vedere dalle persone, chi stava piegato
e schiacciato, non riuscita a fare sbocciare il proprio potenziale,
potrebbe irradiare luce e pace da contagiare gli altri,
chi è stato costretto a mostrare i denti, come un lupo,
che difende il territorio per paura,
potrebbe lasciare andare la presa
e diventare sensibile al punto da fare scorrere le lacrime
per compassione al sentire la sofferenza di altri.
Chi ha sofferto, non sempre ha voglia di fare carico su di sé
del disagio di altre persone, si sente incapace di aiutare.
Un dialogo sincero, che parte dal centro del cuore,
con il coraggio di essere limpidi è quella forza
che ci permette di iniziare a correre….per trovarci a volare.
Aquile sulla cima della nostra montagna alla conquista di noi stessi,
per vedere un mondo di pace e di amore incondizionato.

02.03.2012 Poetyca

Unconditional love

Winner is who takes away all the unnecessary weight from tasce,
the conditioning, the fears and the need to appear
and then begins its run to the goal, without being held back,
but free to be … what it is.
How many surprises we could see from the people, who was bent
and crushed, failed to bloom their potential,
could radiate light and peace from infecting others,
who was forced to show his teeth, like a wolf,
defending land for fear,
could let go of the grip
and become sensitive to the point of tears
to feel compassion for the suffering of others.
Who has suffered, not always want to take charge of self-
the discomfort of others, feels unable to help.
A sincere dialogue that starts from the center of the heart,
with the courage to be clear is that force
that allows us to start running …. for us to fly.
Eagles on top of our mountain to conquer ourselves,
to see a world of peace and unconditional love.

02.03.2012 Poetyca

Aspettative – Expectation – Osho


Aspettative

Vivi senza aspettative.
Affrontare la vita
con aspettative
porta inevitabilmente
alla frustrazione,
sempre e comunque.

Osho

Expectations

Live without expectations.
To face life
with expectations
inevitably leads
to frustration,
always.

Osho

Fluire – In the flow


Fluire

Sensibile vibrare
-sensazioni-
scambio di sottili emozioni
-respiro del cuore-
gioiosa intesa
cattura vita.
Sottili scaglie di luce
percorrono l’infinito
-avvolgono il fluire-
ci legano vibrando.
Amore assoluto
in una catena d’oro.

08.03.2002 Poetyca

In the flow

Sensitive vibrate
-Sensation-
exchange of subtle emotions
Breath-of-heart
Understanding joyful
capture life.
Thin slivers of light
run through the infinite
The flow-wrap-
bind us vibrating.
Absolute love
a gold chain.

08.03.2002 Poetyca

Guardare la vita – Looking for life


Guardare la vita

Io credo che la sensibilità è come la capacità di guardare la vita e i suoi colori,
di accogliere una gradazione di colore e di manifestare poi una propria personale modalità per esprimere quel colore che si vive dentro se stessi.
Ogni persona è sensibile, capace di percepire i colori della vita, ha una propria reazione e capacità di espressione. Non esiste una gara o una comparazione, esiste solo una voce, che con la voce di altre persone è in grado di formare un coro, un gruppo di voci per rendere migliore la vita di tutti, nel rispetto e nella espressione del cuore.

10.04.2012 Poetyca

Looking for life

I think  feeling is like the ability to look at life and its colors,
to accommodate a gradation of color and then express their own personal ways to express that color that you live within yourself.
Each person is sensitive, able to perceive the colors of life, has its own and the ability of expression. There is no competition or comparison, there is only one voice, the voice of others is capable of forming a choir, a group of items to make life better for all, respect and expression of the heart.

10.04.2012 Poetyca

Resilienza – Resilience


🌸Resilienza🌸

Nel lago
lancio un sasso
e lentamente
cerchi concentrici
si formano

Piccole onde
muovono
la superficie
per raggiungere
quanto è distante

Resistere
non è stringere
il pugno
ma dolcemente
aprire il cuore

03.07.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Resilience

In the lake
I throw a stone
and slowly
concentric circles
are formed

Small waves
move
the surface
to reach
how far is it

Resist
it is not to tighten
the fist
but gently
open your heart

03.07.2020 Poetyca

Occhi d’anima – Eyes of the soul


Occhi d’anima

Piccolo ed arabescato
ricamo d’amore
solo il sensibile dono
di chi ha occhi nell’anima
ne spande il delicato aroma
con tacito e soave profumo

27.08.2003 Poetyca

Eyes of the soul

Small and guilloche
Embroidery of love
only the significant gift
of those who have eyes in the soul
it spreads the delicate aroma
with silent and sweet scent

27.08.2003 Poetyca

Nei giardini dell’anima – In the gardens of the soul


Nei giardini dell’anima

Sono gocce di cielo
ad arricchire chi le accoglie
Piccole lucciole che segnano
l’emozionato cammino di vita

Sono vibranti attimi
di un universo che si espande
a colorare d’energia d’amore
tutti i silenzi e le attese vive

Sono sospiri e brezze
che profumano come petali
i percorsi nei giardini dell’anima
a regalarsi in sensibile abbandono

30.06.2003 Poetyca

@@@@

In the gardens of the soul

There are drops of heaven
to enrich those who accept
Little fireflies that mark
the emotional journey of life

Are vibrant moments
of an expanding universe
energy of love to color
all the silences and the expected lives
There are sighs and breezes
that smell like petals
paths in the gardens of the soul
treat yourself to a marked drop
30.06.2003 Poetyca

Nascere – To be Born – Mark Twain


🌸Nascere🌸

I due giorni più importanti della vita
sono quello in cui sei nato
e quello in cui capisci perché.

Mark Twain
🌸🍃🌸#pensierieparole
🌸To be born

The two most important days of life
are the one where you born
and the one where you understand why.

Mark Twain

Oltre confine – Beyond the border


🌸Oltre confine🌸

Tu sei
semplicemente
quello che sei

Lo scopri
oggi
ad ogni passo

Non guardare
a quel che è stato
e ricorda di sognare

03.07.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Beyond the border

You are
simply
what you are

Find out
today
at every step

Do not look
to what has been
and remember to dream

03.07.2020 Poetyca

The Best Of Jeff Buckley


[youtube https://www.youtube.com/playlist?list=PL471682480210921C]

Jeffrey Scott Buckley (Anaheim, 17 novembre 1966 – Memphis, 29 maggio 1997) è stato un cantautore e chitarrista statunitense.

Figlio del cantautore Tim Buckley, Jeff riscosse in vita la maggior fetta di fama in Francia e Australia e poi, dopo il suo decesso avvenuto per annegamento il 29 maggio 1997, in tutto il mondo, tanto che i suoi lavori rimasero famosi nel tempo e appaiono regolarmente nelle classifiche delle riviste di settore.

https://it.wikipedia.org/wiki/Jeff_Buckley

Jeffrey ScottJeffBuckley (November 17, 1966 – May 29, 1997), raised as Scott “Scottie” Moorhead, was an American singer-songwriter and guitarist. After a decade as a session guitarist in Los Angeles, Buckley amassed a following in the early 1990s by playing cover songs at venues in Manhattan‘s East Village, such as Sin-é, gradually focusing more on his own material. After rebuffing much interest from record labels and his father’s manager Herb Cohen he signed with Columbia, recruited a band, and recorded what would be his only studio album, Grace, in 1994. Rolling Stone considered him one of the greatest singers of all time.

Over the following two years, the band toured widely to promote the album, including concerts in the U.S., Europe, Japan, and Australia. In 1996, they stopped touring and made sporadic attempts to record Buckley’s second album in New York with Tom Verlaine as producer. In 1997, Buckley moved to Memphis, Tennessee, to resume work on the album, to be titled My Sweetheart the Drunk, recording many four-track demos while also playing weekly solo shows at a local venue. On May 29, 1997, while awaiting the arrival of his band from New York, he drowned during a spontaneous evening swim, fully clothed, in the Mississippi River when he was caught in the wake of a passing boat; his body was found on June 4.

Since his death, there have been many posthumous releases of his material, including a collection of four-track demos and studio recordings for his unfinished second album My Sweetheart the Drunk, expansions of Grace, and the Live at Sin-é EP. Chart success also came posthumously: with his famous cover of Leonard Cohen‘s song “Hallelujah” he attained his first No. 1 on Billboards Hot Digital Songs in March 2008 and reached No. 2 in the UK Singles Chart that December. Buckley and his work remain popular and are regularly featured in “greatest” lists in the music press.

https://en.wikipedia.org/wiki/Jeff_Buckley