Archivio | 02/12/2020

Credi ancora – Do you still believe


Credi ancora

Chiudi la tua valigia
quella del passato
quella pesante
inutile e logora
che tu non riesci
più a portare
senza sentirne il peso

Lascia scivolare
tutte le parole
adesso inizia
il tuo nuovo viaggio
non smettere di sperare

Tu punta
gli occhi al cielo
tu siedi
intorno al fuoco
accanto a te
vedrai altre persone
come te smarrite

Tu raccogli
lacrime e sorrisi
e ponile nel cuore
con la carezza
del vento

Quella Luce
è lì da sempre
ti attende
perché tu possa
aprire il cuore
per comprendere
che nulla è perduto

Inizia a cercare
non ti fermare
tra mille strade
tu oggi potrai trovare
il frutto del silenzio

Credi ancora
e non smettere mai
di sognare
e troverai
il giusto itinerario
dove altri
non sanno guardare

09.05.2012 Poetyca

Do you still believe

Close your suitcase
that of the past
that so heavy
useless and worn
that you can not
more to bring
without feeling the weight

Let it slide
all the words
now begins
your new trip
do not stop hoping

You tip
eyes to the sky
you sit
around the fire
next to you
see other people
like you lost

You pick
tears and smiles
and set them in the heart
with the caress
wind

That Light
there is always
awaits
because you can
open your heart
to understand
that nothing is lost

Start searching
do not stop
a thousand roads
Today you can find
The fruit of silence

Do you still believe
and never stop
to dream
and you will find
the right route
where other
do not know how to look

09.05.2012 Poetyca

Cambiare in meglio – Change in Better – Thich Nath Hanh


CAMBIARE IN MEGLIO

Supponiamo che in una famiglia il padre e il figlio siano in
collera l’uno con l’altro e non riescano più a comunicare. il
padre soffre molto, e anche il figlio; i due non vorrebbero
rimanere invischiati nella propria rabbia, ma non sanno come
superarla.

Se sei in collera soffri come se stessi bruciando tra le fiamme
dell’inferno; anche quando sei disperato o travolto dalla gelosia
sei all’inferno: dovrai andare da un amico che pratica
[meditazione e consapevolezza] e chiedergli come puoi praticare a
tua voltaper trasformare la rabbia o la disperazione dentro di te.

un insegnamento è buono se lo puoi applicare direttamente nela
tua vita, in modo da poter trasformare la tua sofferenza.

da: Thich Nath Hanh – “Spegni il fuoco della rabbia”, Mondadori

CHANGE IN BETTER

Suppose that in a family the father and son are
anger with each other and are no longer able to communicate. the
father suffers a lot, and his son, and the two do not want
get caught in your anger, but do not know how
overcome it.

If you are angry you suffer like you’re burning in the flames
Hell, even when you’re desperate or overwhelmed by jealousy
‘re in hell: you need to go to a friend who practice
[meditation and awareness] and ask how you can practice in
voltaper transform your anger or despair within you.

teaching is good if it can be applied directly nela
your life, so you can transform your suffering.

by: Thich Nath Hanh – “Turn off the fire of anger”, Mondadori

Tempo senza tempo – Timeless time


Tempo senza tempo

Uno con tutto
goccia d’immenso
colora la vita:
Terra arata
porta frutto
Aria e respiro
sintonia senza spazio
fuoco che arde
e brucia tutto
mentre l’acqua
sempre accarezza
in misteriose onde
tempo senza tempo

15.03.2011 Poetyca

Timeless time

One with everything
huge drop
colors life:
Plowed earth
it bears fruit
Air and breath
tune without space
fire burning
and burn
while the water
always Shakes
in mysterious waves
timeless time

15.03.2011 Poetyca

Siamo – We are


💮Siamo🌸

Siamo
figli del vento
a volte
delicati
come brezza
ed altre
prorompenti
con rabbia
Siamo
gocce d’acqua
a lambire
come rugiada
in infinita carezza
o corrosiva presenza
che tutto
distrugge
Siamo
fuoco vivo
nella speranza
o nell’ardore
di un tormento
che senza permesso
a poco a poco
tutto brucia
Siamo
terra che coccola
e nutre
il seme
o si sgretola
impoverendo
nel tempo
la nostra memoria
Siamo
etere
senza spazio
e tempo
lungo abbraccio
nel viaggio
in cerca d’itinerari
ricchi d’amore

31.12.2019 Poetyca
💮🌿#Poetycamente
🌸We are

We are
children of the wind
sometimes
delicates
like breeze
and others
prorompenti
angrily
We are
water drops
to lick
like dew
in infinite caress
or corrosive presence
that all
destroys
We are
live fire
in the hope
or in ardor
of a torment
than without permission
little by little
everything burns
We are
pampering land
and nourishes
the seed
or crumbles
impoverishing
in time
our memory
We are
ether
without space
and time
long hug
on the trip
looking for itineraries
rich in love

31.12.2019 Poetyca

L’Esperienza dell’Assoluto – The experience of the Absolute – Sri Sankaracarya


 

L’Esperienza dell’Assoluto

secondo Sri Sankaracarya.

Non sono la mente né l’intelletto né il pensiero

Né il senso dell’ io.

Non sono l’udito né il gusto né l’odorato né la vista.

Non sono l’etere né la terra né il fuoco né l’aria.

Sono Coscienza e Beatitudine assolute

Sono Siva, sono Siva.

Non sono il prana né i cinque soffi vitali

Non sono i sette elementi costitutivi del corpo né le

cinque guaine.

Non sono la parola né le mani né i piedi, né gli

organi di generaziuone o di escrezione.

Sono Intelligenza e Beatitudine asoolute

Sono Siva, sono Siva.

Non possiedo né attrazione né avversione né avidita’ né

turbamento.

Non provo orgoglio, né invidia.

Non ho desideri, fini, doveri, né liberazione da

augurarmi.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute

Sono Siva, sono Siva

Per me non esistono né le buone né le cattive azioni,

né il piacere né la sofferenza.

Non esistono le cerimonie rituali, i luoghi santi,i

Veda o l’atto sacrificale.

Non sono il fruire né l’oggetto di fruizione e neppure

il soggetto che fruisce.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.

Sono Siva sono Siva.

Non conosco la morte né il dubbio né le distinzioni

Degli ordini sociali.

Non ho padre né madre.Non sono mai nato.

Non ho alcun amio, parente, né maestro né discepolo.

Sono Intelligenza e Beatitudine assolute.

Sono Siva, sono Siva

Sono non-determinato, senza forma.

Per la mia onnipresenza, non ho relazione con gli

Organi dei sensi.

Non ho da conseguire alcuna liberazione.

Non sono il soggetto conoscente e nemmeno l’oggetto

Conosciuto perché sono Intelligenza e Beatitudine

Assolute.Sono Siva, sono Siva.

Sankaracarya

The experience of the Absolute

by Sri Sankaracharya.

Am not the mind nor the intellect nor the thought

Neither the sense of ‘I.

No hearing or taste or smell or sight.

No ether nor earth nor fire nor air.

Consciousness and Bliss are absolute

Are Siva, are Siva.

No prana nor the five vital airs

Are not the seven blocks of the body nor the

five sheaths.

No word neither hands nor feet, nor

generaziuone or organs of excretion.

Intelligence and Bliss are asoolute

Are Siva, are Siva.

I have no attraction or aversion or greed ‘or

disturbance.

I feel no pride or envy.

I have no desires, purposes, duties, or liberation from

wish me.

Are Intelligence and Bliss Absolute

Are Siva, Siva are

For me there is neither good nor bad deeds,

neither pleasure nor pain.

There are no ceremonies rituals, holy places,

Veda or the sacrificial act.

Do not have the benefit nor the object of enjoyment and even

the person using.

Are Intelligence and Bliss Absolute.

Are Siva Siva are.

I do not know death nor doubt nor distinctions

Of social orders.

I have no father or madre.Non are never born.

I have no amio, relative, or teacher or pupil.

Are Intelligence and Bliss Absolute.

Are Siva, Siva are

Are non-specific, formless.

For my omnipresence, I have relationships with

Sense organs.

I do not have to be achieved no liberation.

Are not the knowing subject and even the object

Known because they are Intelligence and Bliss

Assolute.Sono Siva, are Siva.

Sankaracharya

Istantanee vive – Snapshots alive


Istantanee viva
Ricordi del tempo
mai cancellato
incisi nell’anima
dove tutto è scolpito
Respiri che accorciano
queste impercettibili distanze
e tutto scolora, come fuoco sbiadito
senza domande, solo ascolto
Qui ed ora tra note
sussurrate nel cuore
dietro quell’ultimo sguardo
che ci riporta indietro
Tempo vissuto
troppo in fretta
tempo goduto
e non sempre compreso
Istantanee vive
che accendono il sorriso
tra pieghe tra ciglia
ed una nuova lacrima
Diamanti e tenerezza
tra sogni e memoria
che la tua nostalgia
questa notte accarezza
19.11.2010 Poetyca
Snapshots alive
<!– –>


Memories of the time
never deleted
engraved in the soul
where everything is sculpted
Breaths shorten
these imperceptible distances
and all discolored, faded like fire
without question, listen-only
Here and now one notes
whispered in the heart
that last look back
which goes back
Time spent
too fast
long enjoyed
and not always understood
Snapshots lives
the smile that lit
between folds between cilia
and a new tear
Diamonds and tenderness
between dreams and memory
that your longing
tonight Shakes
19.11.2010 Poetyca

La tua mente – Tour mind – Buddha


🌸La tua mente🌸

“Stai attento;
custodisci la tua mente
contro i pensieri negativi. ”

Buddha
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Your mind

“Be vigilant;
guard your mind
against negative thoughts.”

Buddha

Passi – Steps


🌸Passi🌸

Spesso
nel silenzio
rimbombano
i pensieri

Storie
di oggi
ed intrecci
di ieri

Un tuffo
e tremore
a spezzare
l’incanto

Ma sii forte
non temere
ad ogni passo
vivi speranze nuove

25.11.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Steps

Often
in the silence
echo
thoughts

Stories
of today
and weaves
of yesterday

A dive
and tremor
to break
the spell

But be strong
do not fear
at every step
live new hopes

25.11.2020 Poetyca

Mink DeVille – Full Concert – 06/07/78 – Winterland


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=rFkaQeoie34]

I Mink DeVille sono stati un gruppo musicale statunitense originario di New York formatosi nel 1977, formati nel periodo di nascita del punk newyorkese e del quale hanno fatto parte hanno saputo fondere molti elementi della tradizione americana come il soul, il rhythm and blues, il blues ed il cajun.[1]

Figura centrale del gruppo è stato il cantautore Willy DeVille che dopo un soggiorno a Londra alla ricerca del successo, ritorna in patria trasferendosi a San Francisco. Qui forma il nucleo originario del gruppo con Ruben Siguenza (basso) e Tom “Manfred” Allen (batteria). Dopo alcuni mesi passati suonare nei locali della zona leggono un articolo sui Ramones che li spinge a trasferirsi a New York. Nel gruppo entrò il quarto membro, il chitarrista Louie X. Erlanger. Incidono alcuni brani per la compilationLive at CBGB’s, ma sarà l’incontro con il produttore Jack Nitzsche che li porterà alla pubblicazione dell’album di debutto Cabretta nel 1977, e da cui viene estratto il singolo Spanish Stroll che raggiunge il 20º posto nella UK chart.

L’anno seguente pubblicano il seguito, Return to Magenta, sempre per la Capitol. Ma il leader è desideroso di apportare radicali cambiamenti alla sua musica, assieme al solo Erlanger parte per Parigi dove realizza Le Chat Bleu (1980). In questo album DeVille scrive tre brani insieme al maestro Doc Pomus, il rock and roll degli esordi si alterna a ballate in stile doo wop anni 50.[2]

L’anno successivo ritorna a New York per il successivo disco, passa alla Atlantic Records e incide Coup de Grâce che viene prodotto di nuovo da Jack Nietzsche ed è intriso sia di rock and roll come di soul con l’apporto decisivo di Louis Cortelezzi al sax e Kenny Margolis alle tastiere ed alla fisarmonica, mentre Rick Borgia è alle chitarre e Tommy Price alla batteria. Tra i brani: Maybe Tomorrow, Love & Emotion e la reinterpretazione stravolta di You Better Move On di Arthur Alexander.

Nel 1983 pubblica il quinto album Where Angels Fear to Tread, il gruppo è quello collaudato dell’album precedente con l’aggiunta ai cori di Gato Barbieri. Prosegue il discorso dell’album precedente dove il soul si unisce al rock and roll con l’aggiunta di nuove sfumature salsa ed ispaniche.

L’ultimo album a nome Mink DeVille è Sportin’ Life del 1985, che si può già considerare un album solista visto che i componenti del gruppo sono assunti per l’occasione, il risultato non è convincente con accenni synthpop datati e drum machine che affossano l’intensità di alcune canzoni malgrado l’apporto di Doc Pomus.[3]

L’album successivo Miracle (1987) esce già a nome WillyDeVille e vanta la collaborazione di Mark Knopfler.

http://it.wikipedia.org/wiki/Mink_DeVille

Mink DeVille (1974–86) was a rock band known for its association with early punk rock bands at New York’s CBGB nightclub and for being a showcase for the music ofWilly DeVille. The band recorded six albums in the years 1977 to 1985. Except for frontman Willy DeVille, the original members of the band played only on the first two albums (Cabretta and Return to Magenta). For the remaining albums and for tours, Willy DeVille assembled musicians to play under the name Mink DeVille. After 1985, when Willy DeVille began recording and touring under his own name, his backup bands were sometimes called “The Mink DeVille Band,” an allusion to the earlier Mink DeVille.

Rock and Roll Hall of Fame songwriter Doc Pomus said about the band, “Mink DeVille knows the truth of a city street and the courage in a ghetto love song. And the harsh reality in his voice and phrasing is yesterday, today, and tomorrow — timeless in the same way that loneliness, no money, and troubles find each other and never quit for a minute

http://en.wikipedia.org/wiki/Mink_DeVille