Archivio | 03/01/2021

Ombra – Shadow


🌸Ombra🌸

Nel silenzio
essere
ascolto
e sussurro
lieve
Come carezza
perdersi
oltre la soglia
dove non esiste
alcuna ombra

23.08.2018 Poetica
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Shadow

In the silence
to be
listen
and whisper
slight
Like caress
to get lost
beyond the threshold
where does not exist
no shade

23.08.2018 Poetyca

Farcela…


Immagine di Giuseppe Bustone

Farcela…

Proseguo, anche se mi viene difficile continuare a credere. Ma, voglio perseverare. Questo sarà la mia vittoria: aver resistito! Non essermi arreso! Vi saranno altre salite. Ma, altrettante discese. E via così di seguito. Basta non fermarsi: non rendere tutto vano… Forza, allora… Forza!

© Giuseppe Bustone

Sulle domande – On the questions


256724_10150196288964646_3376043_o

Sulle domande

La mente si focalizza sulle domande, con una sorta di coazione a ripetere,
come uno stringere nel pugno quanto impedisca di lasciare andare.
Ma è quando lasceremo andare ogni riferimento o certezza
che saremo pronti a varcare la soglia dell’imprevedibile
per essere aperti a comprendere ( a prendere con noi) l’incomprensibile.

18.07.2015 Poetyca

On the questions

The mind focuses on the question, with a kind of repetition compulsion,
as one fist shaking in what prevents to let go.
But when you let go of any reference or certainty
that we are ready to cross the threshold of the unpredictable
to be open to understand (to take with us) the incomprehensible.

07/18/2015 Poetyca

Dormire di giorno – Sleeping in the Daytime – 101 Storie Zen


39. Dormire di giorno
Il maestro Soyen Shaku lasciò questo mondo quando aveva sessantun anni. Col lavoro della sua intera vita, lasciò un grande insegnamento, molto più ricco di quello della maggior parte dei maestri di Zen. Nel pieno dell’estate i suoi discepoli potevano dormire durante il giorno; ma lui, pur tollerando che loro lo facessero, non sprecava mai nemmeno un minuto del suo tempo.
Quando aveva soltanto dodici anni già studiava la filosofia Tendai. Un giorno d’estate, mentre il suo maestro non c’era, il piccolo Soyen si sentì così spossato dall’afa che si stese in terra e si mise a dormire.
Passarono tre ore e tutt’ad un tratto, svegliandosi di soprassalto, sentì entrare il maestro, ma troppo tardi. Lui era là, sdraiato sulla soglia.
«Scusami tanto, scusami tanto» mormorò il maestro, scavalcando con cura il corpo di Soyen come se si trattasse di un ospite di riguardo. Da quel giorno, Soyen non dormì più nel pomeriggio.
101 Storie Zen
Sleeping in the Daytime
The master Soyen Shaku passed from this world when he was sixty-one years of age. Fulfilling his life’s work, he left a great teaching, far richer than that of most Zen masters. His pupils used to sleep in the daytime during midsummer, and while he overlooked this he himself never wasted a minute.
When he was but twelve years old he was already studying Tendai philosophical speculation. One summer day the air had been so sultry that little Soyen stretched his legs and went to sleep while his teacher was away.
Three hours passed when, suddenly waking, he heard his master enter, but it was too late. There he lay, sprawled across the doorway.
“I beg your pardon, I beg your pardon,” his teacher whispered, stepping carefully over Soyen’s body as if it were that of some distinguished guest. After this, Soyen never slept again in the afternoon.
101 Zen Stories

Barlumi – Glimmers


🌸Barlumi🌸

Spiragli
di cielo
tra le nuvole
stanche
di coprire
le nostre speranze

Attese
mai vane
se abbandoni
il dubbio
e respiri
nuove primavere

27.12.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Glimmers

Glimmers
of heaven
between the clouds
tired
to cover
our hopes

Never in vain
hopes
if you give up
the doubt
and breathe
new springs

27.12.2020 Poetyca

Soffi di magia – Blow with magic


🌸Soffi di magia🌸

Tappeto di foglie
cadute
in danze sinuose
Profumi di vita
in traiettoie
di colori
Iride di luce
accompagna
in soffi di magia

17.12.2017 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Blow with magic

Carpet of leaves
falls
in sinuous dances
Perfumes of life
in trajectories
of colors
Light iris
accompanies
in breath of magic

12.17.2017 Poetyca

Sassolini della gratitudine – Pebbles of gratitude



Sassolini della gratitudine

In casa ho delle ciotole ( di rame o di terracotta) riempite con dei sassolini presi al mare, sembra una cosa naif o strana eppure sanno dare una sensazione di serenità. Ricordare di aggiungere un sassolino in segno di gratitudine per quanto si riceva di volta in volta dalla vita,per quelle piccole realizzazioni che il nostro impegno e lo sforzo ci fanno toccare è renderci consapevoli di come si possa ricevere tanto e accorgercene poco, è un modo per renderci conto in modo tangibile di quei doni che spesso non sappiamo rammentare o non apprezziamo, la sera ad esempio, riguardando i nostri sassolini nella ciotola possiamo rivalutare che, in fondo, invece di lamentarci per quanto nella nostra vita ci faccia sentire insoddisfatti, potremmo ribaltare il nostro punto di vista ed imparare la gratitudine.Si possono sostituire i sassolini a delle monetine da un centesimo o più, per poi accorgerci che si possa mettere da parte una somma di monete che sarebbe bello regalare a qualcuno. In fondo i doni che riceviamo non sono solo nostri ma vanno condivisi con gli altri. Ma oltre all’aspetto materiale, concreto e visibile, esiste un modo per essere con gli altri e condividere, un modo sottile e sensibile che è legato alle attenzioni che possiamo dare a chi ci sta attorno, essere grati si trasforma in amorevolezza verso gli altri, in ascolto ed attenzione consapevole, senza innescare meccanismi di giudizio e paura, infatti dobbiamo imparare a cogliere di cosa essere grati, giorno per giorno e condividere. Gioire delle energie benefiche del nostro nuovo schema di comportamento è motivo per determinare una nuova apertura che ci renda capaci di maggiore positività e responsabilità nei confronti del nostro percorso interiore, essere grati è costruire un sentiero di sassolini che ci possa riportare a casa, verso la nostra vera natura. Il sasso si associa spesso al lancio, come segno di giudizio, come motivo che separi, invece usare sassolini come promemoria, magari colorandoli, ricoprendoli di vernice è un modo per portare allegria, se deponiamo i sassi e non li scagliamo come armi sotto l’influsso della rabbia, ci accorgiamo che davvero sono un ottimo mezzo per riconoscere che la vita è sempre pronta ad offrire ottime opportunità di crescita, a noi saperle riconoscere con gratitudine.

27.09.2007 Poetyca

Pebbles of gratitude

At home I have the bowl (copper or terra cotta) filled with pebbles taken to the sea, one thing seems naive or strange yet know how to give a feeling of serenity. Remember to add a pebble in a sign of gratitude for what you receive from time to time by the waist, for those small accomplishments that our commitment and effort to touch us and make us aware of how you can receive so much and not realizing it is a way to realize in a tangible way of those gifts that we often do not remember or do not appreciate the night, for example, regarding our pebbles in the bowl that we can reassess, in the end, instead of complaining in our lives make us feel dissatisfied, we reverse our point of view and learn gratitudine.Si can replace the pebbles of nickels in a dime or more, and then realize that you can set aside a sum of money that would be nice to give someone. After all the gifts we receive are not only ours, but should be shared with others. But besides its material, concrete and visible, there is a way to be with others and share, a subtle and sensitive that it is linked to attention that we give to those around us, be thankful turns into kindness towards others , mindfulness and listening, without triggering mechanisms of judgment and fear, in fact we must learn to understand what to be grateful every day and share. Rejoicing of the beneficial energies of our new pattern of behavior is no reason to determine a new openness that enables us to more positive and responsibility towards our inner journey, to be grateful is to construct a gravel path that we can bring home, to the our true nature. The stone is often associated with the launch, as a sign of view, as a reason to separate, but instead use stones as a reminder, perhaps coloring, paint covering them is a way to bring joy, if we lay the stones and hurl them as weapons under the ‘ influence of anger, we realize that you really are a great way to recognize that life is always ready to offer excellent growth opportunities, we know how to recognize with gratitude.
27.09.2007 Poetyca

Impedimenti – Impedimenti – Nagarjuna


🌼Impedimenti🌼

Siate consapevoli
che questi cinque impedimenti
rubano la virtù: irrequietezza
e preoccupazione, avversione, pigrizia
e torpore, attaccamento e dubbio.

Nagarjuna
🌼🌿🌼#pensierieparole
🌼Impediments🌼

Be aware
that these five impediments
they steal virtue: restlessness
and worry, aversion, laziness
and torpor, attachment and doubt.

Nagarjuna

Luci ed ombre – Lights and shadows


🌸Luci ed ombre🌸

È importante saper fare
una giusta analisi
o un percorso a tutto tondo
perché dove ci sono ombre
è presente anche la luce.

26.12.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Lights and shadows

It is important to know how to do
a fair analysis
or an all-round path
because where there are shadows
there is also light.

26.12.2020 Poetyca