Archivio | 11/01/2021

Speranza – Hope


🌸Speranza🌸

Speranza
è fiamma
di una candela
accesa
nella notte
piú buia
Tu alimenta
luce e calore
per te
per chi trema
ed attende
nuova Primavera

04.04.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Hope

Hope
is a candle flame
lit
in the darkest night
which gives
light and heat
for you
and all those who tremble
waiting
for the new Spring

04.04.2020 Poetyca

Un ringraziamento a Ana Daksina di https://timelessclassics.wordpress.com

per la collaborazione nella traduzione

Oltre le nubi – Beyond the clouds


🌸Oltre le nubi🌸

Il cielo
sarà sgombro
dalle nubi

A te
dare un senso
ai tuoi nuovi giorni

Accendi
nuove speranze
e non temere

Tutto
ogni giorno
è possibile

04.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Beyond the clouds

The sky
it will be clear
from the clouds

To you
make sense
to your new days

turn on
new hopes
and fear not

All
everyday
it’s possible

04.01.2021 Poetyca

Sono – I’m


🌼Sono🌼

Sono
tra le pieghe
del tempo
celata
eppure
presente
dove vedi
brillare
una stella
Sono
dove il silenzio
regala incanto
in ricerca di senso
come fiamma
ardente
qui ed ora
oltre il detto
ed il taciuto

14.11.2018 Poetyca
🌼🌿🌼#Poetycamente
🌼I’m

I’m
in the folds
of time
concealed
but yet
here I’m
where you see
shine
a star
I’m
where the silence
give charm
in search for meaning
like a flame
fiery
here and now
beyond the saying
and the tacit

14.11.2018 Poetyca

Amare – To love


🌸Amare🌸

Malgrado le carenze,
le aspettative su persone
incapaci di amare,
sei tu lo strumento,
l’opportunità di dono,
poiché sai cosa significa
non ricevere quanto si vorrebbe.
Sii tu ali e voce dell’amore.
Ama anche se hai ricevuto poco.

03.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸To love

Despite the shortcomings,
expectations about people
unable to love,
you are the instrument,
the opportunity to give,
since you know what it means
not receiving what you would like.
Be wings and voice of love.
Love even if you have received little.

03.01.2021 Poetyca

Iron Butterfly – In-A-Gadda-Da-Vida (Full Album) *1968* HQ


Gli Iron Butterfly si formarono per la prima volta a San Diego nel 1965. Della formazione facevano parte il tastierista Doug Ingle, il bassista Jerry Penrod, il batterista Ron Bushy, il chitarrista Danny Weis e il cantante Darryl DeLoach. Tuttavia gran parte dei membri del gruppo (eccetto Bushy e Ingle) abbandonò la band nel 1967, alla fine delle registrazioni dell’album Heavy, che sarebbe stato pubblicato nel 1968 (riscuotendo comunque ottime recensioni da parte della critica) quando avevano già fatto il loro ingresso nella band il bassista Lee Dorman e il chitarrista Erik Brann, allora diciassettenne, molto più giovane rispetto agli altri membri del gruppo.

Con questa nuova formazione gli Iron Butterfly incisero un album intitolato In-A-Gadda-Da-Vida che inizialmente suscitò polemiche da parte dei discografici poiché la traccia omonima – che avrebbe occupato l’intero lato B dell’album – con i suoi 17:03 minuti sarebbe stata troppo lunga; la band fu costretta quindi a registrarne una versione priva di assoli. Dopo che il disco raggiunse un grande successo entrando anche nella Top 10, fu permesso al gruppo si inserire l’intero pezzo nell’LP. Nel 1969 il gruppo pubblicò il suo terzo album, Ball, che riscosse un successo minore rispetto al precedente.

L’anno seguente il gruppo vide l’abbandono del chitarrista Erik Brann, ma pubblicò comunque l’album Metamorphosis, con Larry “Rhino” Reinhardt e Mike Pinera alle chitarre. L’album si rivelò un insuccesso, dato che riuscì soltanto ad assicurarsi uno dei posti più bassi della Top 20 nazionale, e nel 1971 la band si sciolse per la prima volta.

Gli Iron Butterfly si riformarono nel 1974 a opera di due dei membri della precedente formazione, Brann e Bushy. Come bassista fu ingaggiato Philip Taylor Kramer mentre come tastierista venne assunto Howard Reitzes (sostituito successivamente da Bill DeMartinez). La band incise due album (Scorching Beauty e Sun and Steel) prima di risciogliersi nel 1976. Due anni dopo fallì dopo alcuni mesi il tentativo di riunire la band dato il fatto che fu trovato morto nella sua stanza d’albergo il bassista Keith Ellis, assunto all’interno del gruppo per l’occasione.

In seguito il gruppo si riformò nel 1988, per sciogliersi nel 1993, e infine si riunì per una seconda volta nel 1998 per mano di Dorman e Bushy. Attualmente gli Iron Butterfly stanno lavorando per un nuovo album

http://it.wikipedia.org/wiki/Iron_Butterfly

Iron Butterfly is an American psychedelic rock band best known for the 1968 hit “In-A-Gadda-Da-Vida”, providing a dramatic sound that led the way towards the development of hard rock music. Formed in San Diego, California among band members that used to be “arch enemies”, their heyday was the late 1960s, but the band has been reincarnated with various members with varying levels of success, with no new recordings since 1975. The band’s seminal 1968 album In-A-Gadda-Da-Vida is among the world’s 40 best-selling albums, selling more than 30 million copies.[2] Iron Butterfly is also notable for being the first group to receive an RIAA platinum award
The band formed in 1966 in San Diego, California.[4] The original members were Doug Ingle (vocals, organ), Jack Pinney (drums), Greg Willis (bass), and Danny Weis (guitar).[5] They were soon joined by tambourine player and vocalist Darryl DeLoach. DeLoach’s parents’ garage on Luna Avenue served as the site for their almost nightly rehearsals.

Jerry Penrod and Bruce Morse replaced Willis and Pinney after the band relocated to Los Angeles in 1966 and Ron Bushy then came aboard when Morse left due to a critical family tragedy[vague]. All but Ingle and Bushy left the band after recording their first album in late 1967; the remaining musicians, faced with the possibility of the record not being released, quickly found replacements in bassist Lee Dorman and guitarist Erik Brann (also known as “Erik Braunn” and “Erik Braun”) and resumed touring. In early 1968, their debut album Heavy was released after signing a deal with ATCO, an Atlantic Records subsidiary.

In terms of sound, the group took inspiration from a variety of sources outside of the rock arena, such as the bongo playing of Preston Epps and the r&b music of Booker T and the MGs. Around this time, the band notably ran into guitarist Jimmy Page, who stated that he used the group as partial inspiration for the name “Led Zeppelin”. As well, one of the Zeppelin’s first touring sets in the U.S. was playing with Iron Butterfly at Fillmore East in New York, New York.[3]

DeLoach subsequently recorded with Two Guitars, Piano, Drum and Darryl, while Weis and Penrod went on to form the group Rhinoceros. In 1970 DeLoach formed Flintwhistle along with Erik Brann; the band performed live for about a year before breaking up

http://en.wikipedia.org/wiki/Iron_Butterfly

Una perla al giorno – Osho


mandala2

Possiedi tante cose, ma non possiedi te stesso. Hai tutto ciò che ti può rendere felice ma non sei felice, perchè la felicità non potrà mai essere frutto dei possessi. La felicità è un tuo affiorare interiore, è un risveglio delle tue energie, è un risveglio della tua anima.

Osho

Do you have many things, but you do not have yourself. You have everything that can make you happy but you’re not happy, because happiness can never be the result of the possessions. Happiness is your own inner emerge, it is an awakening of your energy, it is an awakening of your soul.

Osho