Archivio | 31/03/2021

Ho amato – I loved


Ho amato

Ho amato
l’uomo
con gli occhi
di cielo
ed i capelli
di grano
Con cuore
cristallo
sfida
il tempo
ed oggi vaga
nel mondo
Ho amato
il silenzio
denso
di significato
senza parole
o distrazione
Ho amato
la lentezza
imperturbabile
scossa
da vibrante
emozione
Ho amato
ed ancora
io amo
il soffice
incanto
della vita

03.02.2018 Poetyca

I loved

I loved
the man
with the eyes
of heaven
and the hair
of wheat
with heart
crystal
challenge
the time
and today vague
in the world
I loved
silence
dense
of meaning
without words
or distraction
I loved
slowness
imperturbable
shock
from vibrating
emotion
I loved
and again
I love
the soft
enchantment
of life

03.02.2018 Poetyca

Oltre ogni stagione – Over all seasons


6

Oltre ogni stagione

L’amore non conosce tempo
ma si concede istanti eterni di condivisione,
di fanciullesca bellezza e gioia

Cercami quando
la goccia tocca la superficie del lago
Cercami quando
la coccinella spicca il volo
verso l’infinito
Cercami nel respiro e nell’attimo
per cogliere dove sono

– Con te, in te e per te Vita –
e forza che non conosce abbandono
espansione di cerchi che toccano la sponda
dell’essere presenza nel silenzio
e sono infinito dono nel respiro ansante del Cuore
– estasi e congiunzione con l’Universo –
per questa meraviglia che non smette
neppure se chiudessi gli occhi
o finisse il respiro ad ancorare al tempo

Con te sono danza e nascondimento
tra colori ed incanto che armonizzano Amore
gioco della Vita che si manifesta oltre ogni stagione

06.08.2006 Poetyca

Over all seasons

Love knows no time
but it grants eternal moments of sharing,
of childish beauty and joy
Look for me when
the drop touches the surface of the lake
Look for me when
ladybird takes off
to infinity
Look for me in the breath and in the moment
to understand where they are
– With you, in you and for you life –
and strength that knows no surrender
expansion of circles that touch the shore
Being there in the silence
and are infinite in the gift of breath panting Heart
– Congiuzione ecstasy and the Universe –
for this wonder that never ceases
even if you were to close the eyes
or end the breath to anchor at the time
With dance and you are hiding
between color and charm that harmonize Love
Game of Life that manifests itself over every season
06.08.2006 Poetyca

Incanto di parole – Magic of words


Incanto di parole

E’ un sogno
che ricama parole
vita e bisogno
di un’anima in viaggio
oltre apparenze e cortine
che nascondono il sole

E’ un respiro
rinnovata forza
al tuo spirito indomito
e senza catene
che ritrova ebbrezza
tra le conche del cuore

E’ abbandonato timore
ad impennare l’attimo
nella risacca dei silenzi
dove il mare accompagna
nel moto di onde
e magiche maree

20.11.2011 Poetyca

Magic of words

It is a dream
embroidering words
life and need
of a soul on a journey
over appearances and curtains
that hide the sun

It is a breath
renewed strength
to your indomitable spirit
and without chains
that finds excitement
among basins of the heart

It is abandoned fear
to drive up the moment
in the backwash of silence
where the sea goes
in the motion of waves
and magical tides

20.11.2011 Poetyca

Traccia di parole – Track words


Traccia di parole

Tu diventi ancora
magia
incanto
traccia di parole
in vibrante
sorriso d’amore
quando chiudi gli occhi
al mondo

03.12.2015 Poetyca

Track words

You become yet
magic
enchantment
track of words
in vibrant
loving smile
when you close your eyes
in the world

12/03/2015 Poetyca

Soffice incanto  – Soft charm



Soffice incanto

Soffice incanto
accende il cuore
perché davvero sei
presenza viva
oltre tutte le distanze

06.02.2017 Poetyca

Soft charm

Soft charm
inflames the heart
because you really are
living presence
over all distances

02/06/2017 Poetyca

Drammaturgia – Dramaturgy


🌸Drammaturgia🌸

Danzano
le ombre
ed iniziano
i tremori

Quando
non guardo la realtà
ed il sopravvento
è dell’immaginazione

Allora sorrido
e sull’asse d’equilibrio
seguo nuove danze
sdrammatizzando

21.03.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Dramaturgy

They dance
shadows
and they begin
the tremors

When
I don’t look at reality
and the upper hand
it is of the imagination

Then I smile
and on the equilibrium axis
I follow new dances
playing down

21.03.2021 Poetyca

Confine – Boundary


wpid-ali2.jpg

Confine

Non esistono barriere

dove vasto è il ricordo

come cielo

come respiro

in una carezza di silenzio

nel sussurro di onde

illuminate di stelle

Basta accendere speranze

ascoltare l’incanto della notte

come brezza sul viso

come luce di vita

nella mano stretta

a conferma dell’essere

insieme sulla nostra isola

25.06.2013 Poetyca

Boundary

There are no barriers

where large is the memory

like heaven

like breath

in a caress of silence

the whisper of waves

illuminated of stars

Just turn hopes

listen to the magic of the night

as a breeze on your face

as the light of life

in the hand tight

a confirmation of being

together on our island

25.06.2013 Poetyca

Scelte – Choose


🌸Scelte🌸

Nulla può
riparare
l’incanto
ormai spezzato

e se si subisce
l’altrui silenzio
piuttosto che
una parola preziosa

Meglio tacere
e cambiare rotta
che alimentare
nuova illusione

24.10.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Choices

Nothing can
repair
the spell
now broken

and if you suffer
the silence of others
rather than
a precious word

Better to be silent
and change course
than food
new illusion

24.10.2020 Poetyca

Nel cuore del silenzio – In the heart of silence – Haiku


4

Nel cuore del silenzio – Haiku

Ascolto vivo
nel cuore del silenzio
orme di sole

09.02.2015 Poetyca

In the heart of silence – Haiku

Alive lintering
in the heart of silence
footsteps of sun

09/02/2015 Poetyca

Ostacoli – Obstacles – Molière


🌸Ostacoli🌸

Maggiore è l’ostacolo,
maggiore è la gloria
nel superarlo.

Molière
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Obstacles

The greater the obstacle,
the greater the glory
in overcoming it.

Molière

Liberi di essere – Free to be


🌸Liberi di essere🌸

Ripetere quanto gli altri
si aspettano da noi,
è indossare catene
per mettere in atto
una radicata schiavitù.
Non sono le altrui opinioni
a dare vita alla nostra libertà,
ma la cultura
e l’esprimere se stessi
sono la chiave per aprire
tutti i lucchetti.

18.02.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Free to be

Repeat as much as others
expect from us,
is wearing chains
to put in place
a deep-rooted slavery.
They are not the opinions of others
to give life to our freedom,
but the culture
and expressing oneself
they are the key to open
all padlocks.

18.02.2021 Poetyca

★ღPoeti amici ღ★ –


La veglia

Viene il dèmone del sonno
a trascinarmi nell’abisso.
Molti non hanno fatto ritorno.
Veglierò fino al canto del gallo
perché la morte non mi sorprenda
addormentato.

Da:” Frammenti” – Orazio Gennuso

The Vigil

Here comes the demon Sleep
to drag me into the abyss.
Many have not returned.
I will watch until the rooster crows
because death does not surprise me
asleep.

From:” Frammenti” – Orazio Gennuso

Devo


I Devo sono un gruppo musicale statunitense formatosi ad Akron (Ohio) nel 1972.

Il loro stile musicale è stato classificato come punk, art rock o post-punk, ma sono per lo più ricordati come una delle band-simbolo della New wave. Sono oggi considerati dalla critica un gruppo fondamentale per l’evoluzione del rock contemporaneo.

Il gruppo viene fondato da Gerald Casale, Bob Lewis e Mark Mothersbaugh, nel 1972.

Il nome “Devo” viene dal termine “de-evolution” (de-evoluzione), teoria secondo cui l’umanità, invece che continuare ad evolversi, avrebbe cominciato a regredire, come dimostrerebbero le disfunzioni e la mentalità gretta della società americana. Tale teoria era frutto di uno scherzo di Casale e Lewis, nato nella fine degli anni sessanta, quando i due frequentavano la Kent State University.

La prima formazione prevedeva sei componenti: i fratelli Gerald e Bob Casale (basso e voce il primo, chitarra, tastiere e cori il secondo), Bob Lewis (chitarra), Mark Mothersbaugh (voce, sintetizzatori e chitarra), Rod Reisman (batteria) e Fred Weber (voce). La loro prima performance avviene nel 1973 al Performing Arts Festival della Kent State University.[6] Dopo questa prima esibizione, il gruppo abbandona Reisman e Weber, e ingaggia Jim Mothersbaugh alla batteria elettronica e Bob Mothersbaugh alla chitarra, entrambi fratelli di Mark. Negli anni a venire, il gruppo passerà attraverso cambi di formazione, che vedono, tra gli altri, l’abbandono di Jim Mothersbaugh, ed esibizioni dal vivo conflittuali.

Nel 1976 viene reclutato il batterista Alan Myers alla batteria, che sancisce una formazione solida che durerà dieci anni circa.

Lo stile del gruppo, ironico, pungente, irriverente e critico nei confronti della società moderna, inserito in un contesto estetico che rimanda a una sorta di fantascienza al limite del kitsch, gli fa guadagnare la simpatia di artisti noti come Neil Young e David Bowie, nonché apparizioni in film dei quali Mark Mothersbaugh curerà la colonna sonora. Il gruppo sarà anche pioniere nell’uso del videoclip, il più noto dei quali, Whip It, godrà di una massiccia presenza nei primi mesi di vita di MTV.

Nel 1977, grazie anche a Bowie e Iggy Pop, ottengono un contratto con la Warner Bros. Il loro primo album, Q: Are We Not Men? A: We Are Devo! viene prodotto nientemeno che da Brian Eno. L’anno successivo sono ospiti del Saturday Night Live, dove si esibiranno in una cover di (I Can’t Get No) Satisfaction dei Rolling Stones.

Nel 1984, lo scarso successo commerciale del sesto album Shout e l’abbandono del batterista Myers, costringono il gruppo a rinunciare al tour di promozione, con conseguente pausa delle attività. Nel frattempo, Mark Mothersbaugh si diletta nella produzione di musica per la televisione, nonché di un progetto solista, Musik for Insomniaks.

Nel 1987 il gruppo si riforma con un nuovo batterista, David Kendrick, precedentemente con gli Sparks. L’anno successivo esce Total Devo, che contiene brani che compariranno in alcuni B movie come Slaughterhouse Rock e The Tapeheads, con John Cusack e Tim Robbins.

Nel 1990 esce Smooth Noodle Maps, che non raccoglie grandi consensi di pubblico e critica, e l’anno successivo il gruppo si scioglie nuovamente. Successivamente, Mark Mothersbaugh fonda uno studio di registrazione per produzioni musicali commerciali, il Mutato Muzika, insieme col fratello Bob e Bob Casale. Lo studio lavora principalmente per produzioni televisive come sigle, programmi, cartoni animati, videogame e film, tra cui alcuni di Wes Anderson. Nel frattempo, Gerald Casale intraprende una carriera come regista di spot pubblicitari e video musicali, per gruppi come Rush, Silverchair e Foo Fighters.

Nel 1995 il gruppo appare nella colonna sonora del film Tank Girl, e l’anno successivo si esibisce al Sundance Film Festival e al Lollapalooza proponendo alcuni classici del periodo tra il 1978 e il 1982.

Pur non pubblicando album fino al 2010, il gruppo produce una serie di singoli per compilation, produzioni televisive, spot pubblicitari per aziende come Dell e la multinazionale Target.

Nel 2006 collaborano con la Disney per un progetto chiamato Devo 2.0, un gruppo composto da bambini che suonano classici dei Devo.

Nel 2008 l’azienda McDonald’s propone un personaggio in omaggio che indossa l’Energy dome, il tipico copricapo dei Devo in plastica rossa a forma di ziqqurat circolare. Il gruppo intenterà una causa alla multinazionale, che successivamente alcuni blog riporteranno come “amichevolmente risolta”.

Nel 2010 esce il loro ultimo album Something for Everybody, a vent’anni dal precedente.

Nel 2013 il loro ex batterista Alan Myers muore a causa di un tumore cerebrale.

Il 17 febbraio 2014 muore improvvisamente Bob Casale, membro fondatore del gruppo, per arresto cardiaco.

https://it.wikipedia.org/wiki/Devo
Devo (/ˈdiːvoʊ/, originally /diːˈvoʊ/) is an American rock band formed in 1972, consisting of members from Kent and Akron, Ohio. The classic line-up of the band included two sets of brothers, the Mothersbaughs (Mark and Bob) and the Casales (Gerald and Bob), along with Alan Myers. The band had a No. 14 Billboard chart hit in 1980 with the single “Whip It”, and has maintained a cult following throughout its existence.

Devo’s style, over time, has shifted between punk, art rock, post-punk and new wave. Their music and stage show mingle kitsch science fiction themes, deadpan surrealist humor, and mordantly satirical social commentary. Their often discordant pop songs feature unusual synthetic instrumentation and time signatures that have proven influential on subsequent popular music, particularly new wave, industrial and alternative rock artists. Devo was also a pioneer of the music video, creating many memorable clips for the LaserDisc format, with “Whip It” getting heavy airplay in the early days of MTV.

https://en.wikipedia.org/wiki/Devo