Archivio | 10/10/2021

Non avere fretta – Do not rush – Luciano De Crescenzo


🌸Non avere fretta🌸

C’era una volta un contadino cinese al quale era scappato un cavallo. Tutti i vicini cercarono di consolarlo, ma il vecchio cinese , calmissimo, rispose: “E chi vi dice che sia una disgrazia?”. Accadde infatti che, il giorno dopo, proprio il cavallo che era fuggito ritornasse spontaneamente alla fattoria, portandosi dietro altri cinque cavalli selvaggi. I vicini, allora, si precipitarono dal vecchio cinese per congratularsi con lui, ma questi li fermò dicendo: “E chi vi dice che sia una fortuna?”. Alcuni giorni dopo, il figlio del contadino, cavalcando uno di questi cavalli selvaggi, cadde e si ruppe una gamba. Nuove frasi di cordoglio dei vicini e solito commento del vecchio cinese:”E chi vi dice che sia una disgrazia?”. Manco a farlo apposta, infatti, scoppiò una guerra e l’unico a salvarsi fu proprio il figlio del contadino che, essendosi rotto una gamba, non era potuto partire per il fronte.

Questa parabola non ha fine, e potremmo applicarla a molti avvenimenti della nostra vita, pubblica e privata. Spesso quello che in un primo momento ci sembra irrimediabilmente nefasto può nascondere delle conseguenze positive inaspettate, basta attenere un po’ e lasciare che le cose abbiano il loro corso.

Anche per i fatti insomma, come per le persone, non bisogna mai aver fretta di giudicare dalle prime apparenze.

Luciano De Crescenzo
🌸🌿🌸
🌸Do not rush

Once upon a time there was a Chinese peasant who had escaped a horse. All the neighbors tried to console him, but the old Chinese, very calmly, replied: “And who tells you it is a disgrace?” In fact, it happened that, the next day, the very horse who had fled returned spontaneously to the farm, taking with him another five wild horses. The neighbors rushed to the old Chinese to congratulate him, but he stopped them saying: “And who tells you it’s a fortune?” A few days later, the farmer’s son, riding one of these wild horses, fell and broke his leg. New phrases of condolences of the neighbors and usual comment of the old Chinese: “And who tells you that it is a disgrace?”. In fact, a war broke out on purpose and the only one to be saved was the son of the farmer who, having broken his leg, could not leave for the front.

This parable has no end, and we could apply it to many events in our lives, public and private. Often what at first seems irretrievably nefarious can hide unexpected positive consequences, it is enough to wait a bit and let things take their course.

Even for the facts in short, as for the people, we must never be in a hurry to judge from the first appearances.

Luciano De Crescenzo

La fonte della vera felicità -The source of happiness – Eckhart Tolle


242557_10150197771564646_742844645_7291616_5903816_o

La fonte della felicità

“La consapevolezza è il più grande mezzo per il cambiamento. […]
Guardare in faccia i fatti dà sempre potere.
Siate consapevoli che quello che pensate
crea in gran parte le emozioni che provate.
Sentite la connessione fra i pensieri e le emozioni.
E invece di essere i pensieri e le emozioni,
siate la consapevolezza che vi è dietro.
Non cercate la felicità, se la cercate non la troverete
perchè cercare è l’antitesi della felicità.
La felicità è sempre sfuggente,
ma si può ottenere adesso la liberazione dall’infelicità,
fronteggiando ciò che è invece di inventarvi delle storie.
L’infelicità copre il vostro naturale stato di benessere
e di pace interiore, la fonte della vera felicità.”
Eckhart Tolle – Un nuovo mondo

The source of happiness
“Awareness is the greatest means for change. […]
Face the facts always gives power.
Be aware that what you think
creates a large extent the emotions you feel.
Feel the connection between thoughts and emotions.
And instead of thoughts and emotions,
Be aware that there is behind.
Do not look for happiness, if you look for it you will not find
why look for is the antithesis of happiness.
Happiness is ever elusive,
but you can get the deliverance from misery,
facing what is rather to invent stories.
Unhappiness covers your natural state of well-being
and inner peace, the source of true happiness. “
Eckhart Tolle – A New World

Danza notturna – Dance the night


Danza notturna

Lamina sottile
è la luce che ti attraversa
in quel buio infinito
sono sterminati occhi
a vegliare sui sogni
di chi la strada di casa cerca
Sospiro e speranza
per contare ad una ad una tutte le stelle
e ricordare il sentiero
che è rimasto intatto dietro l’ultima porta
Un archetto sembra che danzi
mentre un’ ultima nota
serpeggia e si manifesta
sulle corde di un immaginario violino
che suona la musica del cuore
E’ silenzio ma la danza continua
a vibrare sulle pareti diafane
di un anima che sorride
Liberi voli sono ora il senso
di un ultimo inchino al tempo che è stato

06.10.2010 Poetyca

Dance the night

Thin sheet
is the light that shoots through
that in the infinite darkness
eyes are exterminated
to watch over dreams
of those who look the way home
I sigh and hope
to count one by one all-star
and remember the path
which remained intact behind the last door
A bow seems to dance
as a ‘last known
winds and is manifested
on the strings of an imaginary violin
playing the music of the heart
E ‘silence but the dance continues
to vibrate on the walls diaphanous
a soul that smiles
Free flights are now the way
a final bow at the time that was

06.10.2010 Poetyca

Mai temere – Never fear




🌸Mai temere🌸

Su asse d’equilibrio
sono i passi
per raggiungere
anime in viaggio

Attese e timore
specchiando
i nostri occhi
al centro del cuore

Tu avanza
e non temere
perché anche oggi
ogni palpito
è vita vera

20.09.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Never fear

On the axis of equilibrium
are the steps
to reach
traveling souls

Waits and fear
mirroring
our eyes
at the heart center

You advance
and fear not
because even today
every heartbeat
it’s real life

20.09.2021 Poetyca

Luce – Light


🌸Luce🌸

Siamo
luce viva
spesso
celata
dietro le nubi

Tu
non temere
scosta il velo
e vivi
sempre amando

12.05.2020 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Light

We are
bright light
often
concealed
behind the clouds

You
do not fear
move the veil aside
and live
always loving

12.05.2020 Poetyca

La preghiera di Shantideva – Shantideva prayer


La preghiera di Shantideva

“Possano tutti gli esseri ovunque
afflitti dalle sofferenze del corpo e della mente
ottenere un oceano di felicità e gioia
In virtù dei miei meriti.
Che nessuna creatura vivente possa soffrire,
commettere il male, o mai ammalarsi.
che nessuno abbia paura o venga sminuito,
con una mente appesantita dalla depressione.
Possano i ciechi vedere le forme
e i sordi sentono i suoni,
Possano coloro i cui corpi sono consumati dalla fatica
essere restaurati trovando riposo.
Possa il nudo trovare vestiti,
gli affamati trovano cibo;
Possano gli assetati trovare l’acqua
e bevande deliziose.
Possano i poveri trovare ricchezza,
coloro che sono deboli con dolore trovare gioia;
Possano i derelitti trovare la speranza,
felicità costante e prosperità.
Che ci siano piogge tempestive
e raccolti abbondanti;
Possano tutti i farmaci essere efficaci
e le preghiere salutari portare frutto.
Possano tutti coloro che stanno male e gli ammalati
liberarsi rapidamente dai loro disturbi.
Qualunque malattia ci sia nel mondo,
possa non verificarsi mai più.
Possano gli spaventati cessare di avere paura
e quelli prigionieri siano liberati;
Possano gli impotenti trovare il potere,
e possano le persone pensare di trarre beneficio a vicenda.
Finché rimane lo spazio,
finché rimarranno gli esseri senzienti,
fino ad allora possa anch’io restare
Per dissipare le miserie del mondo.”




Shantideva’s Prayer

“May all beings everywhere
Plagued by sufferings of body and mind
Obtain an ocean of happiness and joy
By virtue of my merits.
May no living creature suffer,
Commit evil, or ever fall ill.
May no one be afraid or belittled,
With a mind weighed down by depression.

May the blind see forms
And the deaf hear sounds,
May those whose bodies are worn with toil
Be restored on finding repose.

May the naked find clothing,
The hungry find food;
May the thirsty find water
And delicious drinks.

May the poor find wealth,
Those weak with sorrow find joy;
May the forlorn find hope,
Constant happiness, and prosperity.

May there be timely rains
And bountiful harvests;
May all medicines be effective
And wholesome prayers bear fruit.

May all who are sick and ill
Quickly be freed from their ailments.
Whatever diseases there are in the world,
May they never occur again.

May the frightened cease to be afraid
And those bound be freed;
May the powerless find power,
And may people think of benefiting each other.

For as long as space remains,
For as long as sentient beings remain,
Until then may I too remain
To dispel the miseries of the world.”

Ultimo passo – Last step




🌸Ultimo passo🌸

Tanto sforzo
per raggiungere
la meta ambita

Tanta attenzione
per essere oltre
ogni timore

Tanta attesa
pregustando
il traguardo

E poi…
basta un attimo
per gettare via tutto

21.09.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Last step

A lot of effort
to reach
the coveted destination

A lot of attention
to be beyond
any fear

A lot of waiting
anticipating
The goal

Then…
just a moment
to throw it all away

21.09.2021 Poetyca

Comprensione – Understanding – Bhagavad Gita




🌸Comprensione🌸

La comprensione è migliore
della pratica meccanica.
Migliore della comprensione
è la meditazione.
Ma meglio di tutto
è lasciar andare
l’ansia per il risultato,
perché a questo
fa immediatamente seguito la pace.

Bhagavad Gita 12:12
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Understanding

The understanding is better than mechanical practice. Better understanding is meditation. But best of all is to let go of anxiety for the result, because this is immediately followed by peace.

Bhagavad Gita 24:12

The Stranglers



The Stranglers è un gruppo musicale inglese punk rock fondato l’11 settembre 1974 a Guildford nel Surrey. In origine il nome del gruppo era The Guilford Stranglers. I componenti originari del
gruppo sono il chitarrista e cantante Hugh Cornwell, il batterista Jet Black (Brian Duffy), il bassista (e voce) Jean Jacques Burnel e il tastierista e chitarrista Hans Warmling. Quest’ultimo
verrà sostituito da Dave Greenfield neanche un anno dopo la formazione del gruppo. Nessuno dei componenti proviene da Guildford, dato che Black è originario di Ilford, Burnel di Notting Hill,
Cornwell di Kentish Town e Greenfield di Brighton. Hans Warmling proveniva dalla Svezia, e lì fece ritorno dopo aver abbandonato il gruppo.

La loro carriera musicale iniziò con un sound sinistro, orientato al pub rock, che sfociò successivamente in altri stili musicali. Gli Stranglers sono associati al punk rock dagli inizi,
probabilmente da quando nel 1976 fecero da gruppo spalla ai Ramones nel loro primo tour britannico. Il gruppo viene comunque anche accostato alla new wave e al goth rock, anche se il loro
approccio alla musica non corrisponde esattamente a nessuno dei generi sopracitati. Jean Jacques Burnel in un’intervista disse: “io mi considero certamente un punk-rocker”. In un’altra intervista
disse anche: “penso che gli Stranglers siano più punk di altri gruppi così considerati”.

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Stranglers

he Stranglers are an English rock band who emerged via the punk rock scene.

Scoring some 23 UK top 40 singles and 17 UK top 40 albums to date in a career spanning four decades, the Stranglers are one of the longest-surviving and most “continuously successful” bands to
have originated in the UK punk scene of the mid to late 1970s. Beginning life as the Guildford Stranglers on 11 September 1974 in Guildford, Surrey,[note 1] they originally built a following
within the mid-1970s pub rock scene. While their aggressive, no-compromise attitude identified them as one of the instigators of the UK punk rock scene that followed, their idiosyncratic approach
rarely followed any single musical genre and the group went on to explore a variety of musical styles, from new wave, art rock and gothic rock through the sophisticated pop of some of their 1980s
output.

They had major mainstream success with their single “Golden Brown”. Their other hits include “No More Heroes”, “Peaches”, “Always the Sun” and “Skin Deep”.

The Stranglers’ early sound was driven by Jean-Jacques Burnel’s melodic bass, but also gave prominence to Dave Greenfield’s keyboards. Their early music was also characterised by the growling
vocals and sometimes misanthropic lyrics of both Jean-Jacques Burnel and Hugh Cornwell.[1] Over time, their output gradually grew more refined and sophisticated. Summing up their contribution to
popular music, critic Dave Thompson later wrote: “From bad-mannered yobs to purveyors of supreme pop delicacies, the group was responsible for music that may have been ugly and might have been
crude – but it was never, ever boring.

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Stranglers

Una perla al giorno – Harada Roshi Sekkei


buddha38jpg
E ‘l’ego-coscienza che fa una distinzione tra la via del mondo e il Buddha-dharma.

Harada Roshi Sekkei

It is the ego-consciousness that makes a distinction between the way of the world and the Buddha-dharma.

Harada Sekkei Roshi