Archivio | 25/12/2021

Non sempre – Not always


Non sempre

Non sempre
è vana la lotta
per affermare con forza
la luce che scaccia le tenebre:
Silenzio su passi di nuvole
nell’alone d’anima
Respiri sospesi
sul bordo d’attesa
poi soltanto tristezza
per chi non ha compreso
che tra EGO che schiaccia
e sospinto volo in sordina
non serve affermare nulla
ma vivere nel cuore la pace
Soffocano le tenebre
di chi non sa accogliere
Non sempre
si trova spiegazione
tra cuore spalancato
sulla trasparenza d’intenti
e l’ombra gigante che avanza
E’ solo illusione
credere il buio inattaccabile :
basta una candela
per accorgersi di come
l’ombra proietti
più di quel che vale
chi in essa si nasconde
Non soffiare mai via
le tue speranze
e troverai accanto
chi ti protegga da tutte le paure

25.06.2004 Poetyca

Not always

Not always
the struggle is in vain
to state emphatically
the light that dispels the darkness:
Silence on the steps clouds
in the halo core
Bated breath
waiting on the edge
then only sadness
for did not understand
that between ego crushing
and quietly pushed flight
do not need to say anything
but living in the heart of the peace
Suppress the dark
can not accept
Not always
explanation is
between heart wide open
the transparency of intent
and the shadow of giant advance
It is ‘s just an illusion
believe of who dark unassailable
just a candle
to realize how
The shadow cast
more than what it’s worth
is hiding in it
Never blow away
your hopes
and you will find next
will protect you from all fears

25.06.2004 Poetyca

Racconta – You tells


Racconta

Racconta
una storia
dipinta
con mille
colori
Fai piccoli passi
tra le nuvole
e raccogli
con gioia
arcobaleni
Forse queste
piccole cose
non cambiano
del tutto
la tua vita
Bastano
poche gocce
di profumo
per far sorridere
il cuore

01.01.2018 Poetyca

You tells

You tells
a story
painted
with a thousand
colors
You take small steps
between the clouds
and collect
with joy
rainbows
Perhaps these
little things
do not change
completely
your life
It take
a few drops
of perfume
to make smile
the heart

01.01.2018 Poetyca

Pensiero – Thought



Pensiero

Forse non basta
un semplice pensiero
rimandando a domani
ogni azione costruttiva
Rimbocca le maniche
e metti in pratica
tutto quel che dici

20.01.2017 Poetyca

Thought

Maybe not enough
just a thought
putting off until tomorrow
any constructive action
Rolls up his sleeves
and put into practice
all that you say

01/20/2017 Poetyca

Briciole di pensiero


L’albero di mango

Un uomo molto anziano stava scavando nel suo giardino. “Cosa stai facendo? ”, gli chiesero.
“Pianto alberi di mango”, rispose. “Pensi di riuscire a mangiarne? ”.
“No, io non vivrò abbastanza, ma gli altri sì. Per tutta la vita ho gustato manghi piantati da altri.
Questo è il mio modo di dimostrare la mia riconoscenza”

Anthony De Mello

Per la strada vidi una ragazzina che tremava di freddo.
Aveva un vestitino leggero e ben poca speranza in un pasto decente.
Mi arrabbiai e dissi a Dio:
“Perché permetti questo? Perché non fai qualcosa?”
Per un po’ Dio non disse niente.
Poi improvvisamente, quella notte mi rispose:
“Certo che ho fatto qualcosa. Ho fatto te”.

Un discepolo una volta si lamentava con il maestro: “Ci racconti delle storie, ma non ci sveli mai il loro significato”.
Il maestro disse: “Che ne diresti se qualcuno ti offrisse un frutto e lo masticasse prima di dartelo?”.
Nessuno può sostituirsi a te per trovare il tuo significato. Neppure il maestro.

da: “Il Canto degli Uccelli” di Anthony De Mello – Ed. Paoline

«L’uomo che ha accettato con tutto il cuore l’oscurità,
scopre che essa è diventata Luce.
E chi accoglie il dolore a braccia aperte
scopre che per lui esiste solo felicità.»

Osho

The mango tree

A very old man was digging in his garden. “What are you doing? “They asked.
“Wailing mango trees,” he said. “Think you can eat? “.
“No, I will not live enough, but the others do. All my life I have enjoyed mangoes planted by others.
This is my way of showing my gratitude “

Anthony De Mello

In the street I saw a girl who was shaking with cold.
He was lightly dressed and very little hope for a decent meal.
I got angry and said to God:
“Why did you allow this? Why not do something?”
For a while, ‘God said nothing.
Then suddenly, one night I said:
“Of course I have done something. I made you.”

A disciple once complained to the teacher: “We tell stories, but there never reveal their meaning.”
The master said: “What would you say if someone offered you fruit and chewed before you give it to you?”.
No one can replace you to find your own meaning. Not even the teacher.

by: “The Song of the Birds” by Anthony De Mello – Ed Pauline

“The man who has wholeheartedly accepted the darkness,
discovers that it has become light.
Anyone who welcomes him with open arms the pain
discovers that there is only happiness for him. “

Osho

Senza timore – Without fear


🌸Senza timore🌸

Tutto cambia
se noi stessi cambiamo
aprendoci all’ignoto,
senza timore.

06.12.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Without fear

Everything changes
if we ourselves change
opening ourselves to the unknown,
without fear.

06.12.2021 Poetyca

Messaggi di Natale di Yogananda


yogananda

 

Messaggio di Natale di Yogananda
East-West magazine, dicembre 1932

Contemplerò l’Unigenito, il riflesso unico, di Dio trascendente, il Padre, nato nel grembo della materia finita e nella vibrazione come l’unica Intelligenza Cristica, che conduce l’intera Creazione verso uno scopo intelligente e Divino.
Attraverso la limpidezza della mia meditazione più profonda riceverò la luce del Padre onnipresente, che mi attraverserà pienamente, e sarò un figlio di Dio, proprio come lo era Gesù: ricevendo Dio pienamente, attraverso la Sua sacra Coscienza ampliata con la meditazione.

Chiuderò i miei occhi materiali e abbandonerò la tentazione della materia. Scruterò attraverso il buio del silenzio, finché i miei occhi di relatività si apriranno nell’unico Occhio interiore di Luce. Quando i miei due occhi di bene e male diverranno uno solo e contemplerò solamente la bontà Divina in ogni cosa, allora vedrò che il mio corpo, la mia mente e la mia anima saranno colmate con la Sua luce onnipresente.

Tutti i veli della mia ignorante vita interiore saranno bruciati nella luce del Cristo che si risveglia in me, e contemplerò l’intelligenza di Gesù bambino, cullato tra petali di rosa e trine di luce e tra i pensieri d’amore di tutti i veri santi.

Dopo aver atteso per molte incarnazioni, Cristo rinascerà nuovamente in me. Tutti i limiti della mia piccola mente saranno spezzati, così che il Cristo onnipresente possa risvegliarSi nel grembo della mia coscienza.

I miei pensieri decoreranno l’albero di Natale della meditazione con i rari doni della devozione, sigillati con le preghiere d’oro del cuore, così che Cristo possa venire e ricevere i miei umili doni. Mi unirò mentalmente a coloro che pregano nelle moschee, nelle chiese e nei templi e percepirò la nascita della Coscienza Cristica universale come pace sull’altare di tutti i cuori devoti

Christmas Message from Yogananda
East-West magazine, December 1932

Behold the only begotten, only reflection, of transcendental God, the Father, born in the womb of finite matter and vibration as the only Christ Intelligence, which leads the entire creation to a very clever and Divine.
Through the clarity of my deepest meditation receive the light of the omnipresent Father, I will cross fully, and I’ll be a son of God, just as Jesus was: getting fully God, through His Holy Consciousness expanded with meditation.

I shut my eyes and materials abandon the temptation of matter. Scruterò through the darkness of silence until my eyes of relativity will be opened in the one inner Eye of Light. When my two eyes of good and evil will become one and behold only the Divine goodness in everything, then I will see that my body, my mind and my soul will be filled with His omnipresent light.

All the veils of my ignorant inner life will be burned in the light of Christ which awakens in me, and behold the intelligence of the child Jesus, cradled in rose petals and lace of light and love between the thoughts of all true saints .

After waiting for many incarnations, Christ reborn again in me. All limits of my little mind will be broken, so that the omnipresent Christ may awaken in the womb of my consciousness.

My thoughts will decorate the Christmas tree of meditation with the rare gifts of devotion, sealed with the prayers of the heart of gold, so that Christ can come and receive my humble gifts. I will join mentally to those who pray in mosques, churches and temples, and will perceive the birth of the Christ Consciousness as universal peace on the altar of all hearts devotees

Messaggio di Natale di Yogananda, 1933
“Lettera di Natale a studenti, individui e tutte le nazioni”

Cari amici,
decoriamo l’Albero di Natale della Civilizzazione che cresce e si espande con le fiammeggianti bandierine di tutte le nazioni sorelle. Annientiamo le nostre differenze e ammiriamo i rami della nostra Vita Nazionale sprigionare dall’albero della Unica e Sola Vita Internazionale. Chiediamo con forza che America, India, Germania, Russia, Francia, Cina, Giappone, Austria, Italia, Svizzera, Svezia, Messico, Egitto e le nazioni tutte imparino a decorare con le loro bandiere l’albero di Natale della Fratellanza e a celebrare l’avvento delle Nazioni Unite del Mondo attraverso il loro risveglio in Cristo.

Possano tutte le nazioni sorelle dare il loro contributo migliore per la creazione di una Lega dei Cuori ed una Lega della Saggezza in preparazione alla loro prossima Unione. Possano tutte le nazioni considerarsi quali figlie di Dio, solo con nomi diversi. Possa l’amore delle nazioni essere la ghirlanda di luci con cui decorare l’Albero di Natale dell’Unione Mondiale.

Cancelliamo dalla nostra vista le assurdità del dogmatismo e guardiamo tutte le religioni come rami dell’Unico Albero della Verità. Possano tutti i distinti gruppi celebrare attorno a questo Unico Albero di Natale della Religione Universale negli Stati Uniti del Mondo prossimi venturi.

Guardiamo agli esili ramoscelli dei nostri sensi assetati di gioia non come qualcosa che protrude, ma che si intreccia al sempreverde Albero di Natale della Gioia Divina.

Possiamo noi tutti imparare a salire attraverso l’Albero Spinale della Vita e ad emergere attraverso gli stellati suoi nodi nell’Infinito Regno di Dio.

Nel Natale che sta per arrivare dobbiamo celebrare la venuta di un Solo Regno, Una Religione, Una Fratellanza, Una Nazionalità Umana, Una Saggezza, Una Sempre-Nuova Felicità, Una Lingua, Una Razza, Una Legge Universale, Una Libertà, il contatto con Un Unico Dio e Un Comune Sentire per tutti gli uomini fratelli.

Che questo Natale e questo Nuovo Anno possano riempire il vostro essere con l’adamantina determinazione a migliorare voi stessi e gli altri, così come il Cristo avrebbe voluto che faceste, per introdurre alfine il Paradiso sulla Terra.

Sinceramente vostro,

Swami Yogananda

Christmas Message from Yogananda, 1933
“Christmas letter to students, individuals and all nations”

Dear friends,
decorate the Christmas tree of Civilization that grows and expands with the flaming flags of all nations sisters. Annihilate our differences and we admire the branches of our National Life release from the tree of One and Only Life International. We urge that America, India, Germany, Russia, France, China, Japan, Austria, Italy, Switzerland, Sweden, Mexico, Egypt and all nations learn to decorate with their flags the Christmas tree and celebrate the Brotherhood ‘advent of the United Nations World through their awakening in Christ.

May all nations sisters give their best contribution to the creation of a League of Hearts and a League of Wisdom in preparation for their upcoming Union. May all nations regarded as daughters of God, only with different names. May the love of nations be the garland of lights to decorate the Christmas tree of the World Union.

Delete from our sight the absurdities of dogmatism and look all religions as branches of the One Tree of Truth. May all the different groups celebrate around this Unique Christmas tree of Universal Religion in the United States of the World coming next.

We look at the slender twigs of our senses thirsty for joy, not as something that protrude, but that is intertwined at Evergreen Christmas Tree of Divine Joy.

May we all learn to climb through the Tree of Life Spinal and to emerge through the starry its nodes in the Infinite God’s Kingdom.

In Christmas is coming we celebrate the coming of the Kingdom Only, One Religion, One Brotherhood, A Nationality Umana, A Wisdom, A Still-New Happiness, One Language, One Race, One Universal Law, A Freedom, contact with one God and one City Feel for all men brothers.

That this Christmas and New Year this will fill your being with the adamantine determination to improve yourself and others, just as Christ would have wanted you to do, to introduce at last paradise on Earth.

Sincerely yours,

Swami Yogananda

 

Il Natale – In Principio era il Verbo di Omraam Mikael Aivanhov



IL NATALE
Esistono quattro feste cardinali: Natale, Pasqua, la festa di San Giovanni e quella di San Michele, ciò non è dovuto al caso, o perché sia piaciuto a qualche religioso istituirle. In realtà, esse corrispondono ai fenomeni cosmici. Nel corso dell’anno il sole passa per i 4 punti cardinali e, in quel momento, certe forze e certe energie si riversano non solo sugli esseri umani ma su tutta la natura, sulla vegetazione, sugli animali e persino sugli altri pianeti.
Nella natura, il Cristo nasce ogni anno il 25 dicembre a mezzanotte. La notte del 25 è la più lunga. A partire da quella data, le notti iniziano ad accorciarsi e i giorni si allungano. Vi è più luce, più calore, più vita e ciò si riflette su tutte le creature.
Invece di essere coscienti dell’importanza di un evento che si verifica una sola volta all’anno, quando la natura è intenta a preparare la nuova vita, l’uomo pensa a ben altro. Ecco perché non ne ricava nulla, anzi, in questo modo perde la grazia e l’amore dal Cielo.
Prima d’essere un avvenimento storico, la nascita del Cristo è un avvenimento cosmico, è la prima manifestazione della vita nella natura, il principio di tutto ciò che esiste. Inoltre questa nascita è un avvenimento mistico, cioè il Cristo deve nascere in ogni Anima umana come supercoscienza, come amore Divino, come comprensione, come sacrificio.
L’aspetto storico è al 3° posto. I più importanti sono gli aspetti mistico e cosmico perché la nascita del Cristo può nascere anche in noi; questo è molto più importante dell’aspetto storico. Potete leggere la storia della Sua nascita quante volte volete, ma fino a quando il Cristo non nasce in voi, non sentirete né il calore, né la Luce, né la bontà, né la felicità, né la liberazione…nulla.
Per essere scelti ad avere un figlio come Gesù, il Salvatore dell’umanità, Maria e Giuseppe erano esseri eccezionali, predestinati. Ancora molto giovane, Maria si era consacrata ed era andata al Tempio per mettersi al servizio del Signore. E cosa faceva nel Tempio? Chi l’ha preparata? Chi l’ha istruita? Non è detto, ma lo si sa in dettaglio. Maria si era dunque purificata e aveva fatto i più grandi sacrifici per essere degna di ricevere nel Suo seno uno spirito così potente ed elevato quale Gesù. I cristiani pensano che possa scegliere chiunque e che in questo campo non ci siano né giustizia, né regole, né leggi…nulla. Allora è Lui che ha fatto le leggi, ma Lui sarebbe il primo a trasgredirle? Darebbe proprio un buon esempio il Signore!…Se Dio sceglie delle creature, esse devono rispondere a determinate condizioni. Anche Gesù ha dovuto passare attraverso determinate tappe prima di diventare il Cristo. I cristiani pensano che Gesù sia Dio stesso, nato perfetto. Ma allora perché ha dovuto attendere il Suo trentesimo anno di età per ricevere lo Spirito Santo e fare dei miracoli?…Quando Dio in persona deve venire a incarnarsi sulla Terra, accetta liberamente di sottomettersi alle leggi che Lui stesso ha formulato. Egli si rispetta, lo capite?
Un corpo fatto di materia eterica non può resistere a lungo: solo qualche ora, una giornata, e poi bisogna restituire le particelle.
Affinchè il corpo sia duraturo, è necessario sia formato da particelle materiali, apportate dalla madre. Perché il bambino nasca, è necessario che vi siano un padre e una madre, Il padre, Giuseppe, è l’intelletto, lo spirito dell’uomo. La madre, Maria è il cuore, l’Anima. Quando il cuore e l’Anima sono purificati nasce il figlio, ma non nasce dall’intelletto e dallo Spirito, ma dall’Anima Universale, che non è altro che lo Spirito Santo sotto forma di fuoco, di amore Divino…una fiamma pura che viene a fecondare l’Anima e il cuore dell’essere umano. L’Anima e il cuore rappresentano il lato ricettivo, la donna; e l’intelletto e lo Spirito rappresentano il principio maschile, che prepara le condizioni affinchè lo Spirito Santo, cioè l’Anima Universale, che è fuoco, prenda possesso dell’Anima, di Maria. E allora che nasce il Cristo-Bambino. Dato che però la nascita è un fenomeno che deve avvenire nei 3 mondi, è necessario che il bambino nasca anche sul piano fisico.
Quando Maria e Giuseppe hanno voluto cercare rifugio in una locanda, non vi era più posto per loro, ciò significa che quando gli uomini sono occupati a mangiare, bere e divertirsi, non hanno mai posto per l’Iniziato che ha ricevuto il “bambino”.
Questo bambino Divino, che è già stato concepito in voi come Luce, potrebbe essere, un ideale, un’idea che nutrite, che amate teneramente. Ma dove andare con questo bambino? Nessuno vi apre la porta, cioè nessuno vi comprende.
La stalla con la mangiatoia è un simbolo: la povertà, quella esteriore. Sì, per l’uomo nel quale dimora lo Spirito sarà sempre così: gli esseri umani, non lo apprezzeranno, non lo ospiteranno. Ma grazie alla Luce che proietta al di sopra della mangiatoia, altri lo vedranno da lontano.. Questa Luce, la stella a 5 punte, è una realtà assoluta. Essa brilla sopra la testa di tutti gli Iniziati, il cui principio femminile, cioè l’Anima e il cuore, ha messo al mondo il bambino Gesù, concepito dallo Spirito Santo. L’intelletto non deve dunque ribellarsi e adirarsi, ma comprendere correttamente e dire: “qui vi è qualcosa che mi supera”.
E cosa significa la stella? E’ un fenomeno che avviene inevitabilmente nella vita di un vero mistico, di un vero Iniziato. Sopra la sua testa appare una stella, un pentagramma luminoso. Ciò che è in alto è come ciò che è in basso, e ciò che è in basso è come ciò che è in alto: questo pentagramma deve esistere in duplice forma. L’uomo stesso è un pentagramma vivente e poi, in alto, nei piani sottili, un altro pentagramma lo rappresenta sotto forma di Luce. L’uomo è già un pentagramma, ciò significa che possiede le 5 virtù: la bontà, la giustizia, l’amore, la saggezza, la verità.
E quella Luce, quella stella che brillava sopra la stalla significa che da ogni Iniziato che possiede in sé il Cristo vivente, esce continuamente una Luce che calma, nutre, conforta, guarisce, purifica, vivifica…Un giorno quella Luce verrà notata da lontano da coloro che percepiscono che qualcosa di speciale si manifesta tramite quell’essere. Ciò che si manifesta è appunto il Cristo.
Occupiamoci ora della stalla. In quella stalla non vi erano né pastori, né greggi, ma soltanto un bue e l’asinello. Perché? La mangiatoia è il corpo fisico. E il bue?…Nell’antichità, il toro è sempre stato considerato come il principio generatore. In Egitto, per esempio, il toro Apis era il simbolo della fertilità e della fecondità. Il toro è sotto l’influsso di Venere e rappresenta la forza sessuale. L’asino è sotto l’influsso di Saturno; rappresenta la personalità umana, l’uomo testardo, caparbio, ma buon servitore. Infatti i due animali erano là per servire Gesù. Ma servirlo come? Quando l’uomo comincia a lavorare per perfezionarsi entra in conflitto con le forze della sua personalità, che è caparbia, limitata, parziale, capricciosa, come l’asino e con le forze della sensualità che lo rendono spesso furioso come un toro.
L’Iniziato è colui che è riuscito a controllare queste 2 forze e, al quel punto, esse sono a suo servizio. Vedete, non annienta in sé la personalità e la sensualità: L’asino e il bue erano presenti. Dunque, quando l’Iniziato arriva a trasmutare l’asino e il bue che sono in lui, e a metterli al proprio servizio, essi vengono a riscaldare e alimentare il neonato con il loro soffio. Queste energie non sono più presenti per tormentarlo e farlo soffrire, ma diventano energie vivificanti. Il soffio dell’asino e del bue è una reminiscenza del soffio mediante il quale Dio ha dato l’Anima al primo uomo. L’asino e il bue sono stati utili al Bambino Gesù. Ciò significa che tutti coloro che hanno il Cristo in sé, saranno aiutati dalla loro personalità e dalla loro sensualità, perché si tratta di energie.
In seguito un angelo è apparso ai pastori che possedevano quella stalla. Essi sorvegliavano i loro greggi e quando l’angelo annunciò a loro la nascita di Gesù, ne furono meravigliati; presero degli agnelli e li offrirono a Gesù. Ciò significa che tutti gli esseri che esercitano un’influenza sul corpo fisico, cioè gli Spiriti familiari, reincarnati e non, e che hanno ricchezze (simbolicamente gli agnelli) vengono avvertiti, perché hanno partecipato alla formazione di quella stalla (il corpo fisico). Dunque tutti gli Spiriti familiari che sono nell’Aldilà o sulla Terra ricevono la notizia che si è verificato un evento splendido nel vostro cuore e nella vostra Anima e vengono a portarvi dei doni. Il mondo intero si mette al servizio del Bambino. Ma fino a quando non l’avrete fatto nascere, non pensate che vengano ad aiutarvi. Gli angeli vengono unicamente ad aiutare colui che ha già fatto nascere in sé il Bambino Gesù, perché non è per voi che vengono, ma per quel principio Divino, il Cristo, il Figlio di Dio.
Non vi è dunque niente di più importante che compiere tutti gli sforzi necessari affinchè nasca un giorno il Bambino Gesù. Allora, la Terra e il Cielo arriveranno; dai 4 angoli del mondo alcuni esseri capiranno che è nata una nuova Luce e verranno a visitarvi e a portarvi i loro doni. Certo, vi sarà un Erode furibondo, ma per fortuna vi sono anche degli angeli che verranno ad avvertirvi perché il Bambino Gesù sia salvato.
L’uomo non può far nascere Gesù in sé se non ha compreso sua madre, la Terra. Il nostro corpo è in relazione con la Terra e tornerà alla Terra, perché è tratto dalla Terra, perché è il suo frutto, il suo bambino. E se l’uomo non è in una giusta relazione con la Terra, il Bambino Gesù non può nascere nelle sue azioni, nel suo corpo fisico.
La Terra è un essere intelligente, è la creatura più sconosciuta, più disprezzata, più disdegnata e le grandi sventure provengono da questo. Sì, perché non rispettiamo nostra madre che ci ha donato il suo corpo, il nostro corpo. La terra possiede officine, laboratori straordinari dove può trasformare tutto. Ed è questo che fa senza sosta: tutte le impurità, tutte le scorie che le vengono date, essa le trasforma per produrre frutta, fiori e tutto ciò che è utile e bello. È molto intelligente, la Terra!
E cos’è la Terra? È la figlia di una madre, che è la figlia di un’altra madre, che è essa stessa figlia di un’altra madre. Dunque, vi sono una bisnonna, una nonna, una madre e una figlia. Ebbene, la figlia è la Terra. La bisnonna è la Natura cosmica, invisibile, che ha formato l’universo: la Sposa di Dio. La nonna è l’universo. Quanto alla madre, non la si vede, è al di là della Terra, sua figlia, che è una rappresentazione della grande natura, Iside. E i figli della Terra sono tutti gli alberi, tutti i frutti, tutto ciò che produce.
La Terra è resa fertile dal Sole e produce figli tutto l’anno nelle diverse regioni. Il Sole è il padre e la terra è la madre, ma al di là vi sono altri padri e altre madri. Vi è anche il Sole invisibile, il Sole nero, dal quale il nostro Sole trae le sue energie…Sì, tutto è collegato…Prendete l’albero. Le radici sono la bisnonna; il tronco, la nonna; i rami, la madre; le foglie con i fiori, la figlia; e i frutti sono ciò da cui tutto ricomincia, poiché tutto è compreso nel frutto. L’albero è una condensazione di tutto l’universo. Guardate l’atomo; esso è una condensazione del sistema solare e, a sua volta, il sistema solare non è altro che un atomo nell’immensità e una condensazione di questa immensità. La chiave dell’analogia che vi ho dato apre tutte le porte e dovete imparare a servirvene. Anche nel corpo fisico si trova questa condensazione: la bisnonna, la nonna, la madre e la figlia…e i frutti.
Gesù ha molti nomi. Certo nella storia il suo nome è Gesù, ma nel campo mistico non si chiama più Gesù, si chiama Sé Superiore. Quando si dice che l’uomo si fonde con il suo Sé Superiore, che si unisce con l’Anima Universale, che riceve lo Spirito Santo, sono formule differenti per eprimere la stessa realtà. L’Anima Universale è l’oceano nel quale tutto vive, è l’Akasha, è l’etere più puro nel quale siamo cullati, che è dovunque, che sa tutto, che contiene tutto, che trasmette tutto da un capo all’altro dell’universo. E quando l’apostolo diceva “In Lui ci muoviamo”, parlava dell’Anima Universale che è un’emanazione di Dio ma che non è ancora Dio stesso.
Quando si dice che viviamo in Dio, in realtà ciò non è completamente esatto, noi viviamo in una sostanza che Egli ha emanato. All’inizio Dio ha emanato una Luce, e quella prima sostanza che era pura Luce è l’Anima Universale. Quando Dio disse ” Che la Luce sia!”, quella Luce che apparve non è la luce che noi vediamo. La luce che vediamo è un riflesso, una rappresentazione che ci dà solo un’idea di cosa sia la vera Luce. Essa alimenta l’universo, contiene tutto, e tutti gli esseri in essa si muovono come i pesci che nuotano nell’oceano. Quella Luce è pure composta di strati diversi più o meno sottili. Guardate l’atmosfera: è un oceano ove noi siamo come pesci di un’altra specie che nuotano e vivono come i pesci dell’oceano liquido. E al di là di quell’oceano si estende un oceano eterico ove vivono altre creature…L’Anima Universale ha dunque dei piani più o meno densi, più o meno sottili.
Ecco una scienza che gli uomini devono ancora imparare: come cambiare la polarità. Quando venite a contatto con qualcuno che è più grande di voi, subito dovete diventare ricettivi, come una donna, se volete trarre profitto da tutto ciò che conosce. Altrimenti, non ne trarrete alcun vantaggio, non riceverete nulla. Ma se siete davanti a qualcuno che è inferiore a voi, diventate un uomo, vale a dire date, influenzatelo, proteggetelo. Occorre saper diventare donna e uomo. Riflettete un po’ e vedrete che nei casi in cui non avete saputo polarizzarvi nei confronti di qualcuno superiore o di qualcuno inferiore a voi, avete sempre dovuto perdere qualcosa invece di guadagnarla.
Per nascere una seconda volta nella forma del bambino Gesù, occorrono un padre e una madre evoluti, più evoluti del padre e della madre fisici. Occorrono l’amore e la saggezza, e il bambino che nascerà sarà la verità, la pienezza della vita, tutto ciò che è reale e veritiero.
La nascita di Gesù non è solo un avvenimento che è accaduto 2.000 anni fa nella storia, ma un fenomeno reale che si produce ogni anno nella natura e qualche volta, raramente, nell’essere umano.
La verità è che il Cristo è apparso più volte nel mondo umano e anche su altri pianeti, in tutto l’universo, e apparirà ancora in avvenire.
Per ogni essere arriva un momento in cui il fiore sboccia e quando il fiore sboccia diffonde il suo profumo, che si manifesta intorno a quell’essere; e il suo sorriso, il suo sguardo, la sua pelle, tutto cambia, anche la sua voce. Vi sono periodi in cui l’Anima umana sboccia e allora esala essenze deliziose. Se si desidera essere ricercati, amati, ammirati, bisogna emanare tale vita, irradiare quella vita.
Non dimenticate che Natale continua ancora domani, dopodomani…
Quanto agli altri, non parliamone! Hanno mangiato, hanno bevuto, si sono rimpinzati, ora sono ammalati. D’ora in poi, che sia finita, che non si passi più un Natale in quel modo. Mettetevelo in testa! Lavorate, e un giorno il Bambino Gesù nascerà in voi. Per il momento preparatene le condizioni.
Fonte: In Principio era il Verbo di Omraam Mikael Aivanhov
CHRISTMAS
There are four cardinal feasts: Christmas, Easter, the feast of St. John and St. Michael, this is not due to chance, or because they enjoyed a few religious establishment. In fact, they correspond to cosmic phenomena. During the year the sun passes through the four cardinal points and, at that time, certain strengths and certain energies are poured not only on humans but on the whole of nature, vegetation, animals and even on other planets.
In nature, the Christ is born every year on December 25 at midnight. On the night of 25 is the longest. Since that date, the nights begin to get shorter and the days get longer. There is more light, more heat, more life and this is reflected on all creatures.
Instead of being aware of the importance of an event that occurs once a year, when nature is intent on making a new life, the man thinks of something else. Why not get a dime, in fact, in this way loses the grace and love from Heaven.
Before being a historic event, the birth of Christ is a cosmic event, is the first manifestation of life in nature, the principle of all that exists. Furthermore, this creation is a mystical event, that the Christ should be born in every human soul as a super-consciousness, like divine love, understanding how, as a sacrifice.
The historical aspect is in 3rd place. The most important are cosmic and mystical aspects because the birth of Christ can be born in us, and this is much more important than the appearance of history. You can read the story of His birth as many times as you want, but until the Christ is born in you, you feel neither heat nor light, nor goodness, nor happiness, nor the liberation of … nothing.
To be chosen to have a child like Jesus, the Savior of mankind, Mary and Joseph were exceptional beings, predestined. Still very young, Mary was consecrated to the Temple and went to serve the Lord. And what made the Temple? Who prepared it?Who taught? Not necessarily, but it is known in detail. Mary was then purified and made the greatest sacrifices in order to be worthy to receive in your breast a spirit so powerful and large as Christians believe that Jesus could choose anyone in this area and that there is no justice, no rules, no laws … nothing. So is he who made the laws, but He would be the first to break them? What a good example would the Lord … If God chooses creatures, they must meet certain conditions. Even Jesus had to go through certain stages before becoming the Christ. Christians believe that Jesus is God himself, who was born perfect. But then why had to wait for his thirty years of age to receive the Holy Spirit and work miracles? … When God himself has come to incarnate on Earth, and freely accepts to submit to rules that he himself has formulated. He is respected, you understand?
A body made of etheric matter can not last long: only a few hours a day, and then must return the particles.
For the body to be lasting, you need to consist of material particles, made by the mother. Because the baby is born, there must be a father and a mother, father, Joseph, is the intellect, the human mind. His mother, Mary is the heart and soul. When the heart and soul are purified born son, but does not come from the intellect and the Spirit, but from the Soul Universal, which is nothing but the Holy Spirit in the form of fire of divine love … that is a pure flame to fertilize the soul and the heart of being human. The heart and soul are the receptive side, the woman and the intellect and the Spirit represent the male principle, which prepares the conditions so that the Holy Spirit, the Universal Soul, which is fire, take possession of the Soul, Mary. And then comes the Christ Child. But as the birth is a phenomenon that must be done in three worlds, it is necessary that the child is born also on the physical plane.
When Mary and Joseph wanted to seek refuge in an inn, there was no place for them, this means that when the men are busy eating, drinking and having fun, never put to the initiative that has received the “child” .
This divine child, who has been conceived as a light in you, it could be an ideal, an idea that fed you love dearly. But where to go with this child? No one opens the door, that no one understands.
The stable and the manger is a symbol: the poverty, the outer. Yes, the man in whom dwells the Spirit will always be like this: humans do not appreciate, not the host. But thanks to the Light that projects above the trough, others will see it from afar .. This light, the 5-pointed star, is an absolute reality. It shines all over the head of the initiative, the female principle, that is the heart and soul, gave birth to the baby Jesus, conceived by the Holy Spirit. The intellect should not rebel and therefore angry, but to correctly understand and say, “here there is something beyond me.”
And what does the star? It ‘a phenomenon which occurs inevitably in the life of a true mystic, a true Initiate. Above his head is a star, a pentagram bright. What is above is like what is below, and what is below is like what is up: this music should exist in two forms. The man himself is a living, and staff from high above, in the subtle planes, another staff represents the form of Light. The man is already a staff, this means that 5 has the virtue of goodness, justice, love, wisdom, truth.
And that light, that star shining above the stable means that any initiative that has in it the living Christ, is always going in a light that soothes, nourishes, comforts, heals, purifies, gives life … One day that light will be noticed from far away those who feel that something special is manifested through that being. What occurs is precisely the Christ.
Let us now stall. In the barn there were no shepherds or sheep, but only one ox and the donkey. Why? The manger is the physical body. And the ox? … In ancient times, the bull was always considered as the generative principle. In Egypt, for example, the Apis bull was the symbol of fertility and fecundity. The bull is under the influence of Venus and is the sexual force. The donkey is under the influence of Saturn is the human personality, stubborn man, stubborn but a good servant. In fact, the two animals were there to serve Jesus but serve as? When he begins to work to improve in conflict with the forces of his personality that is stubborn, limited, partial, capricious, as the donkey and the forces of sensuality that often make it like a raging bull.
The Initiate is one who is able to control these two forces, and at that point, they are at your service. You see, does not destroy itself in the personality and sensuality: The donkey and the ox were present. So, when the start comes to transmute the donkey and the ox is in him, and put them to their service, they are to warm and feed the baby with their breath. These energies are no longer there to haunt him and make him suffer, but they become life-giving energies. The breath of the donkey and the ox is reminiscent of the breath by which God gave the soul to the first man. The donkey and the ox have been useful to the Baby Jesus This means that all those who have Christ in him, will be helped by their personality and their sexuality, because it is energy.
Following an angel appeared to the shepherds who owned the barn. They watched their flocks, and when the angel announced the birth of Jesus to them, they were amazed, they took the lambs and offered them to Jesus This means that all beings who exert influence on the physical body, that is, familiar spirits , reincarnated or otherwise, and who have wealth (symbolically lambs) will be heard, because they have participated in the formation of the barn (the physical body). So families are all spirits in the afterlife or on Earth receive the news that there was a splendid event in your heart and your soul and come to bring gifts. The whole world is at the service of the Child. But as long as you did not come, do not think they are there to help. The angels are only to help the person who has already given birth to the baby Jesus in itself, because that is not for you, but for that divine principle, the Christ, the Son of God
Therefore, there is nothing more important that all efforts needed to be born one day then the Child Jesus, Earth and Heaven will come, from the 4 corners of the world will understand that some things has seen a new light and come to visit you and bring their gifts. Sure, there will be a raging Herod, but fortunately there are also angels who will come to warn you because the Child Jesus be saved.
Man can not give birth to Jesus him if he understood his mother, Earth. Our body is in relation with the Earth and return to Earth, because it is taken from Earth, because it is its fruit, its child. And if man is not in a right relationship with Earth, the Child Jesus can not arise in its actions, in his physical body.
The Earth is an intelligent being, the creature is mostly unknown, most despised, most despised and the great misfortunes come from this. Yes, because we do not respect our mother who has given us his body, our body. The land has workshops, special workshops where it can transform everything. And that’s what makes nonstop: all impurities, all the waste that are given, it transforms them to produce fruit, flowers and all that is useful and beautiful. It is very intelligent, Earth!
And what is the Earth? She is the daughter of a mother who is the daughter of another mother who is herself the daughter of another mother. Therefore, there is a great-grandmother, a grandmother, a mother and a daughter. Well, the daughter of the Earth. The great-grandmother is the nature of the cosmos, invisible, that formed the universe: the Bride of God’s grandmother is the universe. As for the mother, do not see it, is beyond the Earth, his daughter, who is a great representation of nature, Isis.And the children of Earth are all the trees, all fruits, all that it produces.
The earth is made fertile by the Sun and produces children throughout the year in different regions. The Sun is the father and the earth is the mother, but beyond that there are other fathers and mothers. There is also the invisible sun, the Black Sun, from which our Sun draws its energy … Yes, everything is connected … Take the tree.The roots are the great-grandmother, the trunk, the grandmother, the branches, the mother leaves with the flowers, the daughter and the fruits are that from which everything starts again, because everything is included in the fruit. The tree is a condensation of the entire universe. Look at the atom, it is a condensation of the solar system and, in turn, the solar system is nothing but an atom in the immensity and a condensation of this immensity. The key of the analogy that I gave you open all the doors and you have to learn to use them. Even in the physical body is this condensation: the great-grandmother, grandmother, mother and daughter … and fruits.
Jesus has many names. Of course in the history of his name is Jesus, but in mystic is not called Jesus, is called the Higher Self. When we say that man is combined with his Higher Self, which joins with the Universal Soul, which receives the Holy Spirit, are different formulas for eprimere the same reality. The Universal Soul is the ocean in which everything lives, it is the Akasha, the ether is the purest in which we are lulled, who is everywhere, knows everything, which contains everything, which broadcasts everything from end to end universe. And when the apostle said, “In Him we move,” he spoke of the universal soul which is an emanation of God, but that is not God himself.
When we say that we live in God, in reality this is not entirely correct, we live in a substance that he has adopted. In the beginning God has issued a Light, and the first substance that was pure light and the Universal Soul. When God said “Let there be Light”, which appeared that Light is not light that we see. The light we see is a reflection, a representation that only gives us an idea of what the true Light. It gives rise to the universe contains everything and all beings in it move like fish that swim in the ocean. That Light is also composed of different layers more or less subtle. Look at the atmosphere is an ocean where we are like another species of fish that swim like fish and live in the ocean liquid. And beyond that ocean lies an ethereal ocean where other living creatures … The Universal Soul therefore plans more or less dense, more or less subtle.
Here is a science that men have yet to learn: how to change the polarity. When you come in contact with someone who is bigger than you, you immediately become susceptible as a woman, if you want to profit from everything he knows. Otherwise, they will derive no benefit, you will not receive anything. But if you are looking for someone who is below you, you become a man, ie dates, influenzatelo protect it.Must know how to become a woman and man. Think a bit ‘and you will see that when you have not been able to polarize against someone or someone higher than you, you always have something to lose rather than gain it.
To be born a second time in the shape of baby Jesus, we need a father and a mother advanced, more evolved of the father and the mother’s physical. It takes love and wisdom, and the child born will be the truth, the fullness of life, all that is real and truthful.
The birth of Jesus is not just an event that happened 2,000 years ago in history, but a real phenomenon that occurs every year in nature and sometimes, rarely, in humans.
The truth is that Christ has appeared several times in the human world and even on other planets throughout the universe, and will appear again in the future.
For every there comes a time when the flower blooms and when the flower blooms spread her scent, which occurs around the being, and his smile, his eyes, his skin, everything changes, even his voice . There are times when the human soul blossoms and then exhale delicious essences. If you want to be wanted, loved, admired, we must enact this life, that radiate life.
Do not forget that Christmas continues tomorrow, tomorrow …
As for the other, not talk about it! They ate, drank, you are stuffed, they are now sick.From now on, it’s over, you do not walk more than a Christmas that way. Mettetevelo in the head! Worked, and one day the Baby Jesus will be born in you. For the moment preparatene conditions.
Source: In the beginning was the Word of Omraam Mikael Aivanhov

Meditazione di Natale di Paramhansa Yogananda


Copia di meditareyogananda

Meditazione di Natale di Paramhansa Yogananda

Tutti i miei pensieri rivestono l’albero di Na­tale della meditazione coi doni pregiati della devo­zione, racchiusi nelle dorate preghiere del mio cuore che rivolgo al Cristo, perché venga a ricevere i miei umili doni.

Mi unirò mentalmente all’adorazione di tutte le moschee, chiese e templi; voglio percepire la nascita dell’universale Coscienza Cristica nella pa­ce che nasce sull’altare di tutti i cuori devoti.

O Cristo, possa la nascita del tuo amore essere avvertita in ogni cuore, in questo Natale e in ogni altro giorno.O Cristo, benedici í tuoi figli perché operino in intimo accordo con le tue leggi. Facci compren­dere che tu sei il miglior riparo dal male.

Insegnaci, o Cristo, ad avere per nostro Pa­dre la dedizione completa che hai tu.

Dopo avermi atteso per molte incarnazioni, il Cristo ‘rinasce in me. Tutte le barriere della mia mente limitata sono infrante, perché il Cristo bam­bino possa risvegliarsi in grembo alla mia coscienza.

La Coscienza Cristica in me è il pastore che conduce i miei pensieri inquieti alla dimora della pace divina. O Signore! Espandi il mio cuore perché pos­sa contenerti e pulsare assieme alla Coscienza Cri­stica in tutte le cose. Allora mi rallegrerò per la festività del tuo Natale nella mia mente, nella mia anima e all’unisono col ritmo di ogni atomo.

Meditation Christmas Paramhansa Yogananda

All my thoughts are of the Christmas tree of meditation with precious gifts of devotion, encased in golden prayers of my heart that I address to Christ, to come and receive my humble gifts.

I will join mentally worship of all mosques, churches and temples; I want to feel the birth of the universal Christ Consciousness in the peace that comes on the altar of all hearts devotees.

O Christ, the birth of your love can be felt in every heart, in this Christmas and every other giorno.O Christ, bless your children because í operate in intimate agreement with your laws. Make us understand that you are the best shelter from evil.

Teach us, O Christ, to have complete dedication to our Father as you.

After I waited for many incarnations, the Christ ‘is reborn in me. All barriers of my limited mind are broken, because the Christ child may awaken in the lap of my conscience.

Christ Consciousness in me is the shepherd who leads my thoughts restless to the abode of divine peace. O Lord! Expand my heart because it can contain you and pulsate along with the Christ Consciousness in all things. Then I will rejoice for your Christmas holidays in my mind, in my soul and in unison with the rhythm of each atom.

Buon Natale – Merry Christmas


🌸Buon Natale🌸

È attesa
di luce viva
calore
da diffondere
da donare
in un bagliore
negli occhi
in un abbraccio
perché sia
sempre
indissolubile amore:
Buon Natale!

23.12.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Merry Christmas

It is waiting
of bright light
warm
to spread
to donate
in a glow
in the eyes
in an embrace
why it is
always
indissoluble love:
Merry Christmas!

23.12.2019 Poetyca

Perché celebrare il Natale? di Paramhansa Yogananda


yogananda
Mi unirò mentalmente all’adorazione di tutte le moschee, chiese e templi; voglio percepire la nascita dell’universale Coscienza Cristica nella pa­ce che nasce sull’altare di tutti i cuori devoti.
Yogananda
Perché celebrare il Natale?
di Paramhansa Yogananda, Inner Culture, Dicembre 1934
Per venti secoli la nascita di Cristo è stata celebrata in modi diversi dai vari rami del Cristianesimo. Molti considerano l’arrivo del Natale come l’occasione per scambiarsi doni costosi ben infiocchettati. Molti bambini guardano al Natale come il momento in cui Babbo Natale porterà loro nuovi giochi. Appendono calze vuote vicino al camino. Babbo Natale si calerà sicuramente attraverso l’apertura del camino, piena di fuliggine, per riempire le calze con gli oggetti tanto desiderati. Alcuni bambini restano svegli e altri sognano, in attesa della mattina di Natale.
[…] La maggior parte di coloro che celebrano il Natale lo trasformano in una costosa occasione per scambiare regali, mangiare e abbellire la casa. Ma cosa ottengono dal Natale se non alcuni regali, qualche gentilezza e affetto dietro quei doni e un po’ di gioia passeggera? Pochissime persone celebrano il Natale con il pensiero di Cristo. Pochissimi sanno come celebrare la venuta del Cristo contemplando la Sua nascita nella culla del nuovo risveglio della profonda meditazione.
Lo scopo di festeggiare un compleanno è far sentire alle persone che la loro vita dovrebbe essere utile alla società. Queste celebrazioni portano l’attenzione delle persone su persone importanti. Gesù non ha bisogno dei nostri festeggiamenti per la Sua gioia o per la Sua gloria, ma sicuramente noi abbiamo bisogno di celebrare la venuta di Cristo almeno una volta ogni anno al fine di ricordare la Sua vita esemplare e ispirante, così da poter forse modellare o rimodellare la nostra vita secondo la Sua, per tutto il nostro futuro. Abbiamo bisogno di celebrare la nascita di Cristo ogni Natale perché la Sua vita è costantemente utile e ispirante per tutta l’umanità in tutte le epoche.
Milioni di persone si aspettano di celebrare il prossimo Natale solo come un evento sociale. Pochissimi lo attendono come il momento in cui ricordare spiritualmente Cristo e per scambiarsi i durevoli doni dell’Anima e delle qualità del cuore.
La domanda che vi pongo è: avete intenzione di usare il Natale solo come una romantica festività religiosa o intendete celebrarlo contemplando l’amore di Cristo verso tutte le razze sorelle e tutte le creature viventi? Avete intenzione di festeggiare la venuta di Cristo sentendo davvero l’amore universale, il perdono, la rettitudine, la rinuncia e la devozione di Cristo dentro di voi? A meno che non facciate lo sforzo di conoscere il Cristo sempre vivente, nato come nuova saggezza, nuova gioia dentro di voi, in questo nuovo Natale, temo che lascerete passare il prezioso periodo natalizio senza prestarvi attenzione.
Non vi sto dicendo di rinunciare al lato fisico e sociale del Natale. Ciò che voglio è che non omettiate, come i milioni che dimenticano Dio, il supremo valore spirituale dalla vostra celebrazione del Natale. Alla celebrazione sociale aggiungete quella di portare Cristo una seconda volta nella vostra coscienza in meditazione.
Cristo ci viene suggerito solo nei festeggiamenti natalizi, ma nella culla dell’estasi divina si vede e si sente come una realtà imperitura di gioia eterna. Preparatevi a celebrare il Natale nel modo più vero, come è umilmente suggerito qui di seguito:
Preparate il vostro cuore, così che possiate dire a coloro che vi crocifiggono quotidianamente con azioni e parole scortesi e con la mancanza di gratitudine come risposta al bene che fate loro: ”Padre, insegnami ad mare coloro, i miei fratelli colpiti dall’errore, che non sanno quello che fanno, fa che possa, con il mio amore, persuaderli a un miglior modo di vivere e che non li renda più forti nel male conducendoli ad esso con la mia scortesia.”
Fate del vostro cuore un altare di amore cristico, che si trova in tutte le razze, amandole tutte allo stesso modo. Ama tutte le razze come il luogo esteriore in cui dimora il Cristo onnipresente.
Perdonate tutti i vostri nemici immaginari e reali come Cristo ha perdonato i Suoi avversari.
Prendete la decisione di amare Cristo come gioia nella meditazione profonda, quindi celebrate la seconda venuta di Cristo e un Natale spirituale quotidianamente, dentro di voi.
Conoscete il Cristo sconosciuto dentro di voi, vedendolo nascere una seconda volta come sempre nuova, sempre crescente gioia nella vostra profonda meditazione quotidiana.
Controllate tutte le azioni della vostra vita con l’onestà e la mancanza di paura di Gesù Cristo.
Vincete le tentazioni dei sensi che producono solo dolore con l’autocontrollo di Gesù Cristo e sviluppate il gusto per tutte le cose buone. Rinunciate ai piaceri temporanei dei sensi e perseguite la durevole, vera felicità dell’Anima.
Contemplate la gioia onnipresente di Cristo in tutte le persone, in tutti i santi, in tutte le creature, nel cosmo popolato di stelle e nel tempio dei vostri pensieri.
Ricordate che, sebbene Cristo sia nato una volta sola, Egli può rinascere ogni Natale o in qualsiasi altro momento, nella vostra coscienza risvegliata dalla meditazione.
Rendete bene per male, indulgenza per incomprensione, gentilezza per scortesia, pace per inquietudine, calma per agitazione, e durevole beatitudine per i piaceri dei sensi.
Contemplate l’onnipresente, sempre vivente Cristo nato nuovamente nella vostra attenzione piena di devozione.
Fate tutto ciò che dovete con il pensiero e la pace di Cristo. Questo Natale contemplate Cristo nato nuovamente nella bellezza di tutta la natura, nella vostra saggezza risvegliata, in tutto ciò che indossa una vera bellezza e in tutti coloro che si saturano con la fragranza delle qualità divine.
Scambiate doni spirituali offrendo a coloro che ne hanno bisogno le vostre migliori qualità ed accogliendo le nobilitanti qualità dell’anima di coloro che sono grandi e vi amano per il vostro stesso bene.
Scambiate doni con il pensiero di Cristo e con il pensiero di dare a Lui il dono del vostro cuore e di ricevere il dono di Lui sull’albero di Natale della vostra calma coscienza, riccamente decorata e scintillante delle qualità dell’anima di tutti coloro che avete incontrato ed amato. Attraverso la porta della meditazione, lasciate che la vostra gioia imprigionata si liberi e si riposi nel cuore di Cristo, che è in ogni cosa. Lasciate danzare la vostra gioia nei pianeti più lontani, tra le vastità del blu e tra le più vicine onde del vostro amore. Allora scorgerete Cristo nel cuore di ogni cosa manifesta.
I will join mentally worship of all mosques, churches and temples; I want to feel the birth of the universal Christ Consciousness in the peace that comes on the altar of all hearts devotees.
Yogananda
Why celebrate Christmas?
Paramhansa Yogananda, Inner Culture, December 1934
For twenty centuries Christ’s birth was celebrated in different ways by the various branches of Christianity. Many consider the arrival of Christmas as an opportunity to exchange gifts expensive well decorated with bows. Many children look at Christmas as the time when Santa Claus will bring their new games. Hang empty stockings near the fireplace. Santa Claus will drop certainly through the opening of the fireplace, full of soot, to fill the stockings with objects as desired. Some children remain awake and others dream, waiting for Christmas morning.
[…] Most of those who celebrate Christmas turn it into an expensive opportunity to exchange gifts, eat and decorate the house. But what if you do not get from some Christmas gifts, some kindness and affection behind those gifts and a little ‘joy of passing? Very few people celebrate Christmas with the mind of Christ. Very few know how to celebrate the coming of Christ, contemplating His birth in the cradle of the new awakening of deep meditation.
The purpose of celebrating a birthday is to make people feel that their lives should be useful to society. These celebrations bring people’s attention on important people. Jesus did not need our celebrations for His joy or for His glory, but certainly we need to celebrate the coming of Christ at least once every year to remember His exemplary life and inspiring, so you could perhaps modeling or reshape our lives according to His, for all our futures. We need to celebrate the birth of Christ every Christmas because His life is constantly useful and inspiring for all mankind in all ages.
Millions of people are expecting to celebrate the coming Christmas only as a social event. Very few await him as the moment when spiritually remembering Christ and for exchanging the lasting gifts of the Soul and the qualities of the heart.
The question to you is: you are going to use the Christmas only as a romantic religious holiday or want to celebrate contemplating the love of Christ for all races and sisters all living creatures? Are you going to celebrate the coming of Christ feeling really universal love, forgiveness, righteousness, renunciation and devotion of Christ within you? Unless you do the effort to learn about the ever living Christ, born as new wisdom, new joy within you, in this Christmas again, I’m afraid that you will leave to spend the precious Christmas period without paying attention.
I am not telling you to give up the physical and social side of Christmas. What I want is that omettiate, like the millions who forget God, the supreme spiritual value of your Christmas celebration. Social add to the celebration to bring Christ again in your consciousness in meditation.
Christ is only suggested in the Christmas celebrations, but in the cradle of divine one sees and feels like an imperishable reality of eternal joy. Get ready to celebrate Christmas in the truest way, as humbly suggested below:
Prepare your heart, so you can say to those who crucify you daily with unkind words and actions, and with the lack of gratitude in response to the good you do to them, “Father, teach me to sea those, my brothers affected by the error, who do not know what they do, is that it can, with my love, persuading them to a better way of life and that does not make them stronger in evil leading them to it with my rudeness. “
Do your heart an altar of Christ-love, which is found in all races, loving them all the same way. He loves all races as the outer place where dwells the Christ omnipresent.
Forgive all your imaginary enemies and real as Christ forgave His adversaries.
Take the decision to love Christ as joy in deep meditation, then celebrated the second coming of Christ and a spiritual Christmas day, within you.
You know the unknown Christ within you, seeing him born a second time as ever new, ever-increasing joy in your deep meditation daily.
Check all the actions of your life with honesty and fearlessness of Jesus Christ.
Win the temptations of the senses that produce only pain with self-control of Jesus Christ and developed a taste for all things good. Renounce the temporary pleasures of the senses and pursued the lasting, true happiness of the Soul.
Contemplate the omnipresent joy of Christ in all people, in all the saints, in all creatures, in the cosmos populated by stars and in the temple of your thoughts.
Remember that although Christ was born once, he can be reborn every Christmas or at any other time, in your consciousness awakened from meditation.
Give good for evil, indulgence for misunderstanding, kindness for unkindness, peace for anxiety, to calm agitation, and lasting bliss for the pleasures of the senses.
Contemplate the ever-present, ever-living Christ born again in your full attention of devotion.
All you have to do with the thought and the peace of Christ. This Christmas contemplated Christ born again in the beauty of all nature, in your awakened wisdom, in everything she wears a real beauty and all those who are saturated with the fragrance of divine qualities.
Exchanged offering spiritual gifts to those who need it your best qualities and accepting the ennobling qualities of the soul of those who are great and they love you for your own good.
Exchanged gifts with the mind of Christ and with the thought of giving him the gift of your heart and to receive the gift of him on the Christmas tree of your calm consciousness, richly decorated and sparkling qualities of the soul of all those who you have met and loved. Through the door of meditation, let your joy imprisoned is free and rest in the heart of Christ, which is in everything. Let your joy dance in the farthest planets, between the vastness of the blue and amongst the nearest waves of your love. Then you will see Christ in the heart of everything manifests.

Natale


Natale
Tra fiaccole accese
di un nuovo sperare,
in silenzio d’attesa
e di cuori il vibrare,
ecco il ripetersi ancora
di un nuovo Natale.

23.12.2001 Poetyca

Christmas

Among torches
a new hope,
silently waiting
and the hearts vibrate,
here is a repetition yet
of new Christmas .

23.12.2001 Poetyca

🌟🎄Auguri a tutti🎉🎄



⭐Un augurio di armonia e gioia✨

🎄🌈Tavolozza di vita 🌈poetyca.wordpress.com🎉

E’ Natale

Un augurio per te!

A wish for you!

È Natale!

È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tieni la mano.È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.È Natale ogni volta che speri con quelli che disperano.È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e le tue debolezze.È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere in te e poi lo doni agli altri.

Madre Teresa di Calcutta

—–

Possano tutti gli esseri di tutti i mondi essere felici

Non siamo isole separate, siamo anelli della stessa catena.Ogni parola dolce, ogni sorriso, ogni buona azione aiutail nostro prossimo, la nostra comunità, la nostra nazione, il nostro mondo.Preghiamo e meditiamo insieme, e raggiungeremo la riva della pace, che spande la dolce sacra fragranza dell’amore e vibra di unità e armonia.Sintonizzando le nostre menti alla suprema coscienza, apriamo i nostri cuori, recitando le parole:“che ognuno, ovunque sia felice”

Amma

—–

Metta Sutta (Parole del Buddha sulla gentilezza amorevole)

Questo dovrebbe fare chi pratica il bene e conosce il sentiero della pace:essere abile e retto,chiaro nel parlare,gentile e non vanitoso,contento e facilmente appagato;non oppresso da impegni e di modi frugali,calmo e discreto,non altero o esigente;incapace di fare ciò che il saggio poi disapprova.Che tutti gli esseri vivano felici e sicuri:tutti, chiunque essi siano,deboli e forti,grandi o possenti,alti, medi o bassi,visibili e non visibili,vicini e lontani,nati e non nati.Che tutti gli esseri vivano felici!

Che nessuno inganni l’altro né lo disprezzi né con odio o ira desideri il suo male.Come una madre protegge con la sua vita suo figlio, il suo unico figlio così, con cuore aperto,si abbia cura di ogni essere,irradiando amore sull’universo intero;in alto verso il cielo in basso verso gli abissi,in ogni luogo, senza limitazioni,liberi da odio e rancore.

Fermi o camminando,seduti o distesi,esenti da torpore,sostenendo la pratica di Metta;questa è la sublime dimora.

Il puro di cuore,non legato ad opinioni,dotato di chiara visione,liberato da brame sensuali,non tornerà a nascere in questo mondo.

✨Auguri!

Tanti auguri di attenzione reciproca e uno scambio costruttivo,capace di condurre sulla via dell’Amore.

Non smettere di portare avanti la Speranza, il valore dei sentimenti e la tua sensibilità e fai che traspaia sempre dalle tue parole.

Forse si è idealisti, ma sii come il giunco che si piega al vento ma non si spezza, sii capace di coerenza e non permettere che nulla ti scalfisca. Non avere paura e ricorda che chi lavora dentro di sè è seme del futuro e contagia alla gioia e all’amore altre persone. Soffia sempre le nubi e sii arcobaleno, davvero è necessario!

Poetyca⭐✨

✨⭐✨⭐✨

It’s Christmas!

It is Christmas every time you smile to a brother and hold my hand.It is Christmas every time you stay silent to listen to each other.It is Christmas every time you hope to those who despair.It is Christmas every time I humbly acknowledge your limits and your weaknesses.It is Christmas every time you allow the Lord to be reborn in you and then the gifts to others.

Mother Teresa of Calcutta

May all beings in all worlds be happy

We are not separate islands, are links in the same chain.Every kind word, every smile, every good deed helpsour neighbors, our community, our nation, our world.Pray and meditate together, and reach the shore of peace, which spreads the sweet fragrance of love and sacred vibration of unity and harmony.By tuning our minds to the supreme consciousness, we open our hearts, reciting the words:“Everyone, everywhere to be happy”

Amma

🎉🎄🌟🎉🎄🌟

Metta Sutta (the Buddha’s Words on Loving Kindness)

This should makethose who practice goodand knows the path of peace:be able and upright,clear speech,kind and not vain,easily pleased and satisfied;not burdened with commitments and frugal ways,Quiet and discreet,not haughty or demanding;unable to dowhat the essay then disapprove.May all beingslive happy and safe:everyone, whoever they are,weak and strong,large or powerful,high, medium or low,visible and invisible,near and far,born and unborn.May all beings live in happiness!

Let no one deceive anothernor despisenot with hatred or angerits evil desires.As a motherprotects with her lifeher son, her only childso with an open heart,you take care of all being,radiating loveentire universe;up towards the skydown to the depths,everywhere, without limitation,free from hatred and rancor.

Standing or walking,sitting or lying down,free from torporsupporting the practice of Metta;this is the sublime abode.

The pure in heart,not tied to views,with a clear vision,free from sensual desires,not return to be born into this world.

Greeting

Best wishes for a constructive exchange and mutual care, able to lead on the path of Love.Do not stop to pursue the hope, the value of feelings and your sensitivity and make it shine out always by your words.Perhaps it is idealistic, but be like the reed that bends in the wind but does not break, be capable of consistent and not let anything detract you. Do not be afraid and remember that those who work within itself is the seed of the future and contagious joy and love other people. Blows the clouds and be a rainbow is really needed!

Poetyca

La vita – Life


La vita

La vita è sogno
ma diventa incubo
quando ti rubano i colori
La vita è speranza
ma ti gettano a terra
quando ti costringono
a non credere a nulla

Basta un attimo
per liberarti dalle catene
e con la forza di credere
sempre al tuo cuore
indosserai ali
La vita ti attende
regalale la tua voce

20.03.2003 Poetyca

Life

Life is a Dream
but becomes a nightmare
when you steal the colors
Life is hope
but you throw to earth
when you force
not to believe anything

Just a moment
to free from the chains
and the strength to believe
always to your heart
wear wings
Life is waiting for you
give her your voice

20.03.2003 Poetyca

Buon Natale – Merry Christmas


Buon Natale

Natale è in noi,
ogni giorno,
ogni volta che apriamo il cuore.
Amore profondo
soffocato in gola
cerca voce in un mondo
che non sa ascoltare.
Percorso muto di persone
che non hanno più lacrime
ma solo freddo, fame,
paura ed abbandono.
Persone invisibili
che vanno ricordate sempre…
non solo a Natale!
Natale è qui ed ora:
Accendi il Natale,
ascolta il tuo cuore
ed offrilo
con amore incondizionato
Buon Natale

Poetyca

Merry Christmas

Christmas is in us,
everyday,
every time we open our hearts.
Deep love
choked in the throat
seeks voice in a world
who cannot listen.
Silent path of people
who no longer have tears
but only cold, hungry,
fear and abandonment.
Invisible people
that must always be remembered …
not only at Christmas!
Christmas is here and now:
Light up Christmas,
listen to your heart
and offer it
with unconditional love
Merry Christmas

Poetyca

Auguri per te – Best wishes for You!


🌸Auguri per te!🌸

Le speranze non sono mai vane,
spesso infondono coraggio
quando non si intravede
la luce in fondo al tunnel.
Possiamo essere noi stessi
luce per qualcuno,con i gesti,
le parole dettate dal cuore.
Quella fiaccola di speranza
che accompagna lungo la via.
Sia Natale attraverso
la nostra cura ed attenzione
verso gli altri, accompagnando
chi vive momenti d’incertezza.
Ma Natale sia soprattutto
per tutto l’anno e non perché
il calendario evidenzia
una data precisa.

Tantissimi auguri!
Daniela Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Best wishes for you!

Hopes are never in vain,
often instill courage
when you can’t see it
the light at the end of the tunnel.
We can be ourselves
light for someone, with gestures,
the words dictated by the heart.
That torch of hope
that accompanies along the way.
Let Christmas be through
our care and attention
towards others, accompanying
who lives moments of uncertainty.
But Christmas is above all
all year round and not why
the calendar highlights
an exact date.

Best wishes!
Daniela Poetyca

Natale qui ed ora


natale0022

Natale qui ed ora

Natale è in noi, ogni giorno, ogni volta che apriamo il cuore.
Amare è manifestare la nascita dell’Amore e questo va sempre condiviso,
fatto crescere con gioia. Aprire il cuore, sapendo che in esso
sono presenti tutti coloro che amiamo è dare senso e colore alla vita.
Vivere il tempo, raccogliere la saggezza che ci regala,
accarezzare e togliere la polvere alle memorie del passato,
con un sentimento di gratitudine. Accogliere con un umile rispetto
tutto quel che arriva, che diventa fonte di apprendimento attraverso gli altri,
senza desiderio di farne il prototipo del nostro essere:
come le lucine dell’albero hanno diversi colori e diversi momenti per accendere bagliori,
possiamo fare un passo indietro e guardare nell’insieme l’incanto,
comprendere come ogni piccola parte compone l’insieme e con il cuore essere grati- qui ed ora.

21.12.2014 Poetyca

Christmas here and now

Christmas is in us, every day, every time we open our hearts.
To love is to manifest the birth of Love and this should always be shared,
grown with joy. Open your heart, knowing that in it
there are all those we love is to give meaning and color to life.
Living time, collect the wisdom that gives us,
caress and remove dust to memories of the past,
with a feeling of gratitude. Welcome with a humble respect
everything that comes, it becomes a source of learning through others,
no desire to make the prototype of our being:
as the lights of the tree have different colors and different times to light flashes,
we can take a step back and look at the whole charm,
understand how each small part make up set and heart grati- be here and now.

12/21/2014 Poetyca

Ancora Natale


Ancora Natale

Chimere costruite
a forma di stelle
pronte ad addobbare
ancora una volta
l’albero di Natale

Luci lampeggianti
a richiamare ad arte
sulla scia di parole
precostruite immagini
che spargono inganno

Vita comoda
con calore dipinto
su volti di cera
nell’illusa fabbrica
di ogni illusione

Gioielli sfavillano
ferendo ancora
gli occhi di chi
dorme in un cartone:
è ancora Natale 

21.12.2002 Poetyca

Again Christmas

Chimeras constructed
in the shape of stars
ready to decorate
once again
Christmas tree

flashing lights
to call for art
in the wake of words
pre-built images
scattering deception

comfortable life
painted with heat
on faces of wax
nell’illusa factory
all illusion

Jewels sparkle
wounding yet
the eyes of the
sleeping in a cardboard:
is still Christmas

21.12.2002 Poetyca

Natale


hd-christmas-nativity-wallpaper-16265-hd-wallpapers-700x499

Natale

Gente
si affretta per le strade,
brillio
di stelle di cartone,
sorriso dolce
scolpito
su volti di bimbi,
attese,
occhi sognanti.
Affermare fantasie,
luci colorate
su alberi di Natale,
famiglie unite
intorno al focolare,
giochi di carte,
ridere e scherzare,
giocosa atmosfera
si ripete.
Ricordi di giorni felici
ora lontani.
Luci
si spengono,
tra strade e piazze.
Torna il silenzio,
si aspetta
un altro Natale.

11.12.2001 Poetyca

Christmas
               
People
hastens the streets,
sparkle
of cardboard stars,
sweet smile
graven
on the faces of children,
expectations,
dreamy eyes.
Stating fantasies,
colored lights
on Christmas trees,
families united
around the hearth,
card games,
laughing and joking,
playful atmosphere
is repeated.
Memories of happy days
hours away.
lights
go out,
between streets and squares.
Back silence,
expects
another Christmas.

  11.12.2001 Poetyca

Buon Natale


augurinatale

Essere Natale

Nell’attesa tra il freddo
che il cuore gela
sia l’anima capanna
che accoglierà la luce
sia la speranza stella
che alla serenità conduce
che sia il nostro desiderio
di portar sorriso
la forza per sollevarci
verso una nuova vita
– noi che rinasciamo
e sappiamo con occhi nuovi –
essere Natale

Poetyca

¸.•*””*•.¸❤¸.•*””*•.¸❤
`•.¸¸. ི(¯`v´¯) ★¸.•*¨`*•..¸✿<3

Il sogno di domani

E il conto alla rovescia inizia :
corse, pacchetti, pensieri e regali –
carta e colori – fiocchi e nastri
per meglio impacchettare desideri
E la vita scorre su vecchi binari
che rincorrono il tempo
dei sorrisi accesi e delle speranze
Seguiremo la Stella?
Sentiremo la luce e la presenza?
Domande e mani vuote
come vuota è l’anima
di chi non s’attende più nulla
nel sospiro della sera
Illumineremo speranza
se solo sapremo nell’ascolto
con passi leggeri cercare
tra stelle di latta
oppure di cartone
in una scintilla
che accenda il cuore
Respira il calore
dell’alito sulle mani
per rinascere ancora
sul sogno di domani

Poetyca

❤ ❤ ❤ ❤

Being ChristmasWhile waiting in the cold
that the heart freezes
both soul hut
which will hold the light
is hope star
which leads to serenity
it is our desire
to take smile
the strength to lift us
to a new life
– We who are reborn
and we know with new eyes –
be ChristmasPoetyca¸. • * “” * •. ¸ ❤ ¸. • * “” * •. ¸ ❤
`•. ¸ ¸. ི (¯ `v ‘¯) ★ ¸. • * ¨` * • .. ¸ ✿ ❤The dream of tomorrow

And the countdown begins:
racing, packages, thoughts and gifts –
paper and colors – bows and ribbons
best wishes for packing
And life goes on old tracks
chasing time
of bright smiles and hopes
Will follow the star?
Feel light and the presence?
Questions and empty-handed
how empty is the soul
of those who expects nothing
sigh in the night
we will light hope
if only we will listen
with light footsteps search
between tin stars
or cardboard
in a spark
relight my heart
Breathe the heat
of the breath on your hands
to be born again
the dream of tomorrow

Poetyca

Scelte – Choices


🌸Scelte🌸

È necessaria un’apertura,
un confronto diretto
per comprendere le scelte,
se seguire le tradizioni
con spirito nuovo
o lasciarle alle spalle
perché non sempre veritiere
ma frutto di folklore
o false verità.
Dopo tale verifica
è possibile manifestare
il proprio sentire arricchito
da maggiore consapevolezza.

04 12.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Choices

An opening is needed,
a direct comparison
to understand the choices,
whether to follow traditions
with a new spirit
or leave them behind
because not always truthful
but fruit of of folklore
or false truths.
After such verification
it is possible to manifest
your own feeling enriched
gives greater awareness.

04.12 2021 Poetyca

Buon Natale


natale1

Buon Natale

Tra sogno
ed incanto
scorrono le ore
mentre luccicano
sull’albero
le stelle di cartone

Mille istanti
raccolgono emozione
e sfilano i ricordi
di quando bambini
si sognava
nell’attesa
del Natale

Attesa da non calpestare
magia da regalare
con la gioia negli occhi
e la serenità in cuore
per la voce d’anima che
racconta sensibilità sparsa
come petali d’amore

BUON NATALE !

24.12.2004 Poetyca

Merry Christmas

Between dream
and enchantment
run hours
while shimmer
shaft
the cardboard stars

Mille moments
collect emotion
and parade memories
when children
dreamed
waiting
Christmas

Waiting to not step
magic to give away
with joy in their eyes
and serenity in the heart
for the voice of soul
tells sensitivity spread
like petals of love

Merry Christmas!

24.12.2004 Poetyca

Buon Natale – Merry Christmas


🌸Buon Natale🌸

È attesa
di luce viva
calore
da diffondere
da donare
in un bagliore
negli occhi
in un abbraccio
perché sia
sempre
indissolubile amore:
Buon Natale!

23.12.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Merry Christmas

It is waiting
of bright light
warm
to spread
to donate
in a glow
in the eyes
in an embrace
why it is
always
indissoluble love:
Merry Christmas!

23.12.2019 Poetyca

Best of Little Feat


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=y0WeIOxZdnw&list=PLfglF4thZmZdWAAvs4fbIPrMnlZAZ_176]

Little Feat è un gruppo rock statunitense formato nel 1969 dal cantautore, cantante e chitarrista Lowell George e dal tastierista Bill Payne a Los Angeles. Il gruppo si sciolse nel 1979, prima della morte di George, e si riformò nove anni dopo[1]. Nella loro musica coesistono influenze blues, R&B, country, funk e rock and roll[1 

Lowell George incontrò Payne quando George era un membro dei Mothers of Invention di Frank Zappa. Payne fece un’audizione per i Mothers, ma non s’unì al gruppo. A loro si affiancarono l’ex bassista dei Mothers Roy Estrada e il batterista Richie Hayward della band precedente di George, The Factory. Il nome del complesso fu preso da un commento fatto dal batterista dei Mothers Jimmy Carl Black sui “little feet” (piedi piccoli) di Lowell.

Ci sono tre aneddoti sulla nascita dei Little Feat. Uno è che George presentò a Frank Zappa la sua canzone Willin’, e che Zappa lo licenziò dai Mothers perché sentì che George aveva troppo talento per esser semplicemente un membro del gruppo, e gli disse di formarsi una sua propria band. La seconda versione è che Zappa lo licenziò per aver suonato un assolo di chitarra per 15 minuti con l’amplificatore spento! La terza versione dice che Zappa lo allontanò perché Willin’ conteneva riferimenti alla droga. Ironicamente, quando Willin’ fu incisa per il primo, eponimo album dei Little Feat, George si ferì alla mano e non poté suonare, così Ry Cooder lo rimpiazzò e suonò la sua parte. Ciò fu una ragione perchéWillin’ venne re-incisa e inclusa nel loro secondo album Sailin’ Shoes. Quest’ultimo è stato anche il primo disco dei Little Feat a contenere disegni di copertina di Neon Park, che disegnò quella di Weasels Ripped My Flesh di Zappa.

I primi due album, Little Feat e Sailin’ Shoes, ricevettero un’acclamazione quasi unanime. La canzone di George Willin’ divenne un punto di riferimento, resa poi popolare dalla sua inclusione nell’album Heart Like a Wheel di Linda Ronstadt

La mancanza di successo commerciale portò comunque alla divisione del gruppo, con Estrada che se ne andò per unirsi alla Magic Band di Captain Beefheart. Nel 1972 i Little Feat si riformarono, con il bassista Kenny Gradney a sostituire Estrada. La band aggiunse anche un altro chitarrista/cantante, Paul Barrere, e il percussionista Sam Clayton. Questa nuova formazione cambiò radicalmente il sound del complesso, virando verso il New Orleans funk. Il gruppo proseguì registrando Dixie Chicken (1973) uno dei loro album più conosciuti, che includeva influenze e stili musicali di New Orleans, come pure Feats Don’t Fail Me Now (1974), che era un tentativo in studio di catturare parte dell’energia dei loro concerti dal vivo. I membri dei Rolling Stones e dei Led Zeppelin erano tra i fan fedeli dei Feat, dando prova della loro influenza musicale. Mick Taylor, ad esempio, può essere ascoltato come ospite in Waiting for Columbus. Lowell George era rispettato per il suo genio idiosincratico, per creare melodie e testi sofisticati, e per il suo alto standard di produzione. Però egli è probabilmente ricordato di più per il suo esuberante, unico, slide style, caratterizzato da linee di legato sostenute, cristalline. La sua voce calda, espressiva ha influenzato molti artisti.

L’uscita di The Last Record Album nel 1975 segna un altro cambiamento nelle sonorità dei Little Feat, con Barrere e Payne che cominciarono ad interessarsi al jazz-rock. Da questo album, la canzone All That You Dream fu utilizzata nell’ultima scena della serie TV The Sopranos. Il loro jazz venne in seguito esteso in Time Loves a Hero del 1977. Prima dell’incisione di The Last Record Album, il batterista Ritchie Hayward ebbe un incidente motociclistico e la copertina del LP venne illustrata da copie dei suoi numerosi conti ospedalieri.

Lowell George continuò a produrre gli album, ma il suo contributo di cantautore diminuì quando il gruppo passò al jazz fusion. Nell’agosto 1977 i Little Feat registrarono un album live di successi al Rainbow Theatre di Londra e all’auditorium Lisner di Washington. Waiting for Columbus è considerato da numerosi critici musicali uno dei migliori dischi dal vivo di tutti i tempi; uscì nel 1978, anno da cui divenne chiaro che l’interesse di George per la band stava calando, come anche la sua salute. George lavorò un po’ a quello che sarebbe divenuto Down On the Farm, invece incise un album solo, Thanks, I’ll Eat It Here, e annunciò che i Little Feat si erano sciolti.
Durante il tour di Thanks, I’ll Eat It Here del giugno 1979, George venne trovato morto nella sua stanza di hotel ad Arlington, Virginia. L’autopsia rivelò che la morte fu causata da attacco cardiaco: è probabile che il peso di George, l’uso di droga, e la fatica del tour abbiano contribuito al decesso.
I membri rimasti terminarono e incisero Down on the Farm, prima di sciogliersi nel 1979. Un retrospettivo album doppio, compilation di registrazioni rare e tracce dal vivo, Hoy-hoy, uscì nel 1981.

http://it.wikipedia.org/wiki/Little_Feat

Little Feat is an American rock band formed by singer-songwriter, lead vocalist and guitarist Lowell George and keyboardist Bill Payne in 1969 in Los Angeles.

Although the band has undergone several changes in its lineup, the music remains an eclectic blend of rock and roll, blues, R&B, boogie, country, folk, gospel, soul, funkand jazz fusion influences.

Guitarist Jimmy Page stated Little Feat was his favorite American band in a 1975 Rolling Stone interview. 

Lowell George met Bill Payne when George was a member of Frank Zappa‘s Mothers of Invention. Payne had auditioned for the Mothers, but had not joined. They formed Little Feat along with former Mothers’ bassist Roy Estrada and drummer Richie Hayward from George’s previous band, the Factory. Hayward had also been a member of the Fraternity of Man whose claim to fame was the inclusion of their “Don’t Bogart Me” on the million-selling Easy Rider film soundtrack. The name of the band came from a comment made by Mothers’ drummer Jimmy Carl Black about Lowell’s “little feet”. The spelling of “feat” was an homage to the Beatles.

There are three stories about the genesis of Little Feat. One has it that George showed Zappa his song “Willin’,” and that Zappa fired him from the Mothers of Invention, because he felt that George was too talented to merely be a member of his band, and told him he ought to go away and form his own band. The second version has Zappa firing him for playing a 15-minute guitar solo with his amplifier off. The third version says that Zappa fired him because “Willin'” contains drug references (“weed, whites and wine”). George often introduced the song as the reason he was asked to leave the band. On October 18, 1975 at the Auditorium Theater in Rochester New York while introducing the song, George commented that he was asked to leave the band for “writing a song about dope”.[3] 

In any version, Zappa was instrumental in getting George and his new band a contract with Warner Bros. Records. The eponymous first album delivered to Warner Bros. was recorded mostly in August and September 1970, and was released in January 1971. When it came time to record “Willin’,” George had hurt his hand in an accident with a model airplane, so Ry Cooder sat in and played the song’s slide part. Lowell’s accident is referenced on the cover art of the band’s 1998 album Under the Radar. “Willin'” would be re-recorded with George playing slide for Little Feat’s second album Sailin’ Shoes, which was also the first Little Feat album to include cover art by Neon Park, who had painted the cover for Zappa’s Weasels Ripped My Flesh.

Sometime during the recording of the first two albums, the band members along with ex-Mothers of Invention drummer Jimmy Carl Black (“the Indian of the group”) backed soul singer Nolan Porter on his first album, No Apologies.

The first two albums received nearly universal critical acclaim, and “Willin'” became a standard, subsequently popularized by its inclusion on Linda Ronstadt‘s album Heart Like a Wheel.

Lack of commercial success led, however, to the band splitting up, with Estrada leaving to join Captain Beefheart‘s Magic Band. In 1972 Little Feat reformed, with bassist Kenny Gradney replacing Estrada. The band also added a second guitarist, Paul Barrere, who had known George since they attended Hollywood High School in California, and percussionist Sam Clayton. Both Barrere and Clayton added vocals on many songs, although all the band members provided backing vocals in various tunes. 

This new lineup radically altered the band’s sound, leaning toward New Orleans funk. The group went on to record Dixie Chicken (1973)—one of the band’s most popular albums, which incorporated New Orleans musical influences and styles—as well as Feats Don’t Fail Me Now (1974), which was a studio-recorded attempt to capture some of the energy of their live shows. (The name of the latter album pays homage to the Fats Waller song.)

In 1973, Payne, Gradney, Barrere, Clayton and George (credited as George Lowell) collaborated with jazz drummer Chico Hamilton on his Stax album Chico the Master, which is a strong showcase for the band’s leanings toward funk and R&B. In 1974 Lowell George, along with the Meters and other session musicians, backedRobert Palmer on his Island Records debut solo release Sneakin’ Sally Through the Alley which opened with George’s “Sailing Shoes.” The whole band chipped in on Palmer’s 1975 release, Pressure Drop, which contained another George composition, “Trouble.” 1976’s Some People Can Do What They Like, his third opus, opened with the Bill Payne/Fran Tate composition “One Last Look,” and later featured Lowell’s “Spanish Moon,” although George and Kenny Gradney sat this one out.

The release of The Last Record Album in 1975 signaled another change in the Little Feat sound, with Barrere and Payne developing an interest in jazz-rock. Prior to the recording of The Last Record Album, drummer Richie Hayward had a motorcycle accident and the liner to the LP release of The Last Record Album was decorated with copies of his many hospital bills. Also present was evidence of a late change to the running order of tracks: the lyrics for Barrere’s song “Hi Roller” were printed on the sleeve, but scored out, and the words “maybe next time” scrawled over them. Sure enough, “Hi Roller” was the first track on the subsequent album Time Loves a Hero.

George continued to produce the albums, but his songwriting contribution diminished as the group moved into jazz fusion, a style in which he had little interest. In August 1977, Little Feat recorded a live album from gigs at the Rainbow Theatre in London and Lisner Auditorium in Washington, DC. Waiting for Columbus is considered by many rock music critics to be one of the best live albums of all time, despite the fact that significant portions of George’s vocals and slide work were over-dubbed later in the studio.[4] It was released in 1978, by which time it had become apparent that Lowell George’s interest in the band was waning, as was his health.

George did some work on what would eventually become Down on the Farm but then declared that Little Feat had disbanded. In an interview with Bill Flanagan (for the book Written in My Soul) conducted eleven days before his death, George made it clear that he felt the demise of Little Feat was due to his having allowed the band to be run democratically, with the result that Payne and, to a lesser extent, Barrere, had a presence as songwriters and in production which was disproportionate to their abilities. George was particularly scathing about Payne’s attempts at jazz/fusion, citing an instance when Payne jammed with Weather Report on a TV show and dropped “into one of his ‘Day at the Dog Races’. I just got out of there as fast as I could. It was embarrassing”. In the same interview, George stated that he planned to reunite Little Feat without Payne and Barrère.[5]

At this time Warner Bros. released George’s only solo album, Thanks, I’ll Eat It Here, for which he had signed a contract in 1975. The album was mostly a collection of cover versions that George had been working on as a side project for several years and, in his biography, Rock And Roll Doctor, Mark Brend states that George had hinted he only signed the solo contract in order to obtain funds to finance Little Feat (and Bill Flanagan states in Written in My Soul that George “didn’t want his audience to assume a collection of other people’s material marked the direction of Lowell George’s solo career”).

While touring in support of his solo album in June 1979, at the age of 34, George collapsed in his hotel room in Arlington, Virginia. An autopsy determined the cause of death was a heart attack, although it is considered likely that George’s excess weight, (formerly chronic) drug use, and the strain of touring contributed to his condition.

The surviving members finished and released Down on the Farm before disbanding in 1979. A subsequent retrospective double album compilation of rare outtakes and live tracks, Hoy-Hoy!, was released in 1981. The album is an overview of the history and sound of Little Feat and includes a cover of the Hank Williams song “Lonesome Whistle”.

Barrere, Clayton, Gradney and Hayward performed several shows as Barrere, Clayton, Gradney and Hayward in 1981 and 1982.[6]

Barrere then released two solo albums, 1983’s On My Own Two Feet (Mirage) and 1984’s Real Lies (Atlantic). Richie Hayward was the drummer on Robert Plant‘s 1985 funk and new wave flavoured Shaken ‘n’ Stirred (Es Paranza). Payne has always been a popular and busy session musician, as well as a songwriter, and during the band’s first hiatus performed on a variety of albums by many famous musicians includingJ.J. Cale, the Doobie Brothers, Emmylou Harris, Pink Floyd, Bob Seger, Linda Ronstadt, Jackson Browne, James Taylor, Bonnie Raitt, and Stevie Nicks. He was a guest performer on Raitt’s Sweet Forgiveness in 1977, which featured his composition “Takin’ My Time.”

http://en.wikipedia.org/wiki/Little_Feat