Archivio | gennaio 2022

Stanchezza – Tiredness – Omraam Mikhaël Aïvanhov


318679_235186073197480_183270601722361_633249_2045090114_n

Stanchezza
« Vi sono persone che, quando le si incontra, sanno dire solo: «Ah, come sono stanca!», e in effetti sul loro volto si legge la stanchezza. Quelle persone stanno bene, ma ogni cosa le stanca, e non si rendono conto che continuando a lamentarsi finiranno un giorno completamente estenuate. Ora, è facile osservare che coloro che si lamentano di essere stanchi, raramente sono quelli che lavorano di più. Non si può negare che siano stanchi; non si tratta di una stanchezza immaginaria, no, è reale, solo che non proviene da un eccesso di lavoro ma dal fatto che costoro rimuginano pensieri e sentimenti che li esauriscono. E la stanchezza psichica è contagiosa: quando si incontrano queste persone, dopo alcuni minuti trascorsi con loro, si ha la sensazione di avere un fardello sulle spalle o di venire svuotati delle proprie energie.
Uno dei metodi più efficaci per sbarazzarsi della stanchezza psichica è una sana stanchezza fisica: questo tipo di stanchezza riposa e guarisce. Gli esseri umani possiedono risorse inimmaginabili che devono imparare a sfruttare con uno sforzo di volontà. Quanti sono stanchi semplicemente perché conducono una vita stagnante! »
Omraam Mikhaël Aïvanhov

Tiredness
« All some people ever say is, ‘Oh, I’m so tired!’ And in fact they do look tired. They are well, but everything makes them tired, and they do not realize that by constantly complaining they will one day end up completely exhausted. And yet, you can easily see that those who complain of being tired are rarely the ones who do the most work. They are undeniably tired; it is not an imaginary tiredness. No, it is quite real, except that it does not come from overwork but from the fact that they dwell on thoughts and feelings that wear them out. And this psychological tiredness is contagious: when you meet these people, after spending a few minutes with them you feel as if you have a load on your shoulders or as if you have no energy left.
One of the most effective methods for getting rid of psychological tiredness is good physical tiredness; this kind of tiredness brings rest and healing. Humans have unsuspected inner resources which they must learn to make the most of by exerting their will. So many are tired quite simply because they lead a sluggish life! »
Omraam Mikhael Aivanhov

Abbraccio – Hug


🌸Abbraccio🌸

Ogni persona è depositaria
di una storia piena
di esperienza ed emozioni,
non sempre facili da esprimere
e sebbene sul percorso
della vita si sia stati capaci
di affrontare cadute e risalite,
rinforzandosi,è poi innegabile
quanto importante sia
sentirsi accolti e compresi
con un semplice abbraccio,
capace di avvicinare più
di tante parole.

06.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Hug

Each person is a custodian
of a full story
of experience and emotions,
not always easy to express
and although on the path
of life we have been able
to face falls and rises,
reinforcing itself, it is then undeniable
how important it is
feel welcomed and understood
with a simple hug,
able to bring you closer
of many words.

06.01.2021 Poetyca

Frutta – Fruit – Proverbio vietmamita


🌸Frutta🌸

Quando si mangia la frutta,
ricordiamo colui
che ha piantato l’albero.

Proverbio vietnamita
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Fruits

When eating fruit,
remember the one
who planted the tree.

Vietnamese proverb

Esperienza – Experience


🌸Esperienza🌸

Il viaggio di ricerca
inizia dal primo passo:
Luoghi e circostanze
sono solo una scatola.
A noi guardare oltre,
accogliere la lezione
in essa racchiusa
ed aver cura
della nostra esperienza.

06.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Experience

The research trip
start from the first step:
Places and circumstances
they are just a box.
It is up to us to look beyond,
welcome the lesson
enclosed in it
and take care
of our experience

06.01.2022 Poetyca

Universo – Universe – Dogen


🌸Universo🌸

“Proprio come i genitori
si prendono cura dei loro figli,
dovresti tenere a mente
l’intero universo.”

Dogen
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Universe

“Just as parents
care for their children,
you should bear in mind
the whole universe.”

Dogen

Oltre – Beyond


🌸Oltre🌸

Nulla si distrugge,tutto si trasforma.
Non siamo solo un corpo,
quello è solo il contenitore
della nostra anima.
Un corpo si ammala,
si consuma – muore.
Noi siamo oltre,siamo luce
ed energia che vive all’infinito.
Ogni pensiero è vibrazione
e piú si eleva la frequenza dei pensieri
( con amore) e piú l’anima si eleva.

23.07.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Beyond

Nothing is destroyed, everything is transformed.
We are not just a body,
that’s just the container
of our soul.
A body gets sick,
it wears out – it dies.
We are beyond, we are light
and energy that lives indefinitely.
Every thought is vibration
the more the frequency of thoughts rises
(with love) the more the soul rises.

23.07.2021 Poetyca

Volontà – Will – Albert Einstein


🌸Volontà🌸

C’è una forza motrice
più forte del vapore,
dell’elettricità
e dell’energia atomica:
la volontà.

Albert Einstein
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Will

There is a driving force
stronger than steam,
electricity
and atomic energy:
the will.

Albert Einstein

Rifugi lungo la via – Shelters along the way


Riflettendo…

bodhidarma

La Riflessione

Ho vissuto per più di cinquant’anni,

fluttuando nel mare della vita e della morte.

Non v’è nulla a cui afferrarsi.

Shin’etsu (1639-1696)

————————

Il valore della gratitudine,

per la bellezza del percorso,

per le opportunità maturate

è nella comprensione di tutte le volte

che un respiro nuovo

ci ha permesso di essere qui ed ora,

ad attraversare lo spazio

che separa le acque tra la vita

che continua e la sfuggita morte.

In noi la capacità di accogliere

passo dopo passo questo momento

senza aggrapparsi ma facendosi scivolare

con dolcezza sulle onde

della compassione amorevole.

Poetyca

————————

L’insegnamento

Rifugi lungo la Via

Generalmente si pensa che prendere i Rifugi sia il primo gradino della pratica buddhista,una formula che si recita all’inizio della propria vita da buddhisti,

ma che poi si lascia cadere su uno sfondo dietro di sé.

Invece, l’atto di prendere i Rifugi può essere usato come un mezzo di pratica,

un metodo per elevare se stessi, poiché quando si prendono i Rifugi

in effetti si dà una particolare direzione alla propria mente.

Se lo si fa consapevolmente, lentamente e deliberatamente,

quest’atto mette in moto alcuni fattori mentali, le cinque facoltà spirituali (indriya).

Esse sono fede, energia, consapevolezza, concentrazione e saggezza.

Prendendo consapevolmente i Rifugi si fanno sorgere,

si potenziano e si rinforzano queste cinque qualità mentali,

fino al punto che esse diverranno le linee guida del nostro sviluppo spirituale.

Venerabile Bhikkhu Bodhi

————————-

Giungere ad un apparente traguardo è in realtà tracciare una linea di partenza,

in coerenza e retto sforzo per essere capaci di mantenere fede

ad una scelta formulata con la mente/cuore.

Mai si deve cancellare quello che è nella via da intraprendere

e passo dopo passo, tutto si riconferma dal calore che noi mettiamo

per far ardere la fiamma della presenza mentale, dove la pura mente

sa dare limpidezza al percorso scelto con consapevolezza ed amorevolezza.

Con gratitudine si porta attenzione a tutte le difficoltà

che ci aiutano a riconfermare il nostro modo di vivere le esperienze.

Poetyca

————————

28.12.2008 Poetyca

❤ ❤ ❤

Reflecting …

Reflection

I have lived for more than fifty years ,

waving in the sea of ​​life and death.

There is nothing to hold on .

Shin’etsu (1639-1696)

————————

The value of gratitude ,

for the beauty of the route ,

for the opportunities gained

is in the understanding of all times

that a new breath

has allowed us to be here and now,

to traverse space

which separates the waters between life

continues and escaped death.

In us the capacity to accommodate

step by step this time

but being without clinging slip

gently on the waves

of loving compassion .

Poetyca

————————

The teaching

Shelters along the Via

It is generally thought that taking refuge is the first step of Buddhist practice , a formula that is recited at the beginning of his life as a Buddhist ,

but then you drop on a background behind him.

Instead , the act of taking refuge can be used as a means of practice,

a method to elevate themselves, because when you take refuge

in fact it gives a particular direction to the mind .

If you do it consciously , slowly and deliberately ,

this act sets in motion some mental factors , the five spiritual faculties ( Indriyas ) .

They are faith , energy, mindfulness , concentration and wisdom .

Going for Refuge consciously they do arise ,

is strengthening, and reinforcing these five mental qualities ,

to the point where they become the guidelines of our spiritual development.

Venerable Bhikkhu Bodhi

————————-

Reaching an apparent goal is actually to draw a line starting

in consistency and rectum effort to be able to maintain faith

to a choice made ​​with the mind / heart.

Never will need to delete what is in the way to go

and step by step , everything is reconfirmed by the heat that we put

to burn the flame of mindfulness, where the pure mind

can give clarity to the path chosen with awareness and kindness .

With gratitude brings attention to the difficulties

that help us to reconfirm our way of life experiences .

Poetyca

————————

28.12.2008 Poetyca

Ali spezzate – Broken wings


🌸Ali spezzate🌸

Raccogli
le tue ali
spezzate
e mettile
nello scrigno
del cuore

Accogli
tutte
le lezioni
che la vita
ti vuole
insegnare

Percorri
con fiducia
passo
dopo passo
la strada
delle esperienze

Vedrai
che un giorno
sarà ricchezza
ed infine
riprendi
a volare

05.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Broken wings

Collect
your wings
broken
and put them on
in the casket
of the heart

Welcome
all
lessons
that life
wants you
to teach

Run
with confidence
step
by step
the street
experiences

You will see
than one day
it will be wealth
and finally
to recover
to fly

05.01.2022 Poetyca

Piccolo pezzi – Little pieces


🌸Piccoli pezzi🌸

Piccoli
pezzi
di puzzle
regalano
un senso
nuovo
al nostro
andare

Un disegno
non subito
compreso
ma creato
ed arricchito
da ogni tassello
con pazienza
aggiunto

A noi
aver cura
per apprendere
ogni risposta
a quelle lezioni
disseminate
come pepite
nel nostro cuore

05.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Little pieces

Little ones
pieces
puzzle
give
a sense
new
to ours
to go

A drawing
not now
included
but created
and enriched
from each piece
with patience
added

To us
take care
to learn
every answer
to those lessons
disseminated
like nuggets
in our heart

05.01.2022 Poetyca

Valore – Value – James Clear


🌸Valore🌸

“Il valore percepito motiva
ad agire.
Il valore reale motiva
a ripetere.

James Clear
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Value

“Perceived value motivates
you to act.
Actual value motivates
you to repeat.”

James Clear

Otto versi sulla trasformazione della mente – Eight verses on the transformation of the mind – Dalai Lama


  1. Determinato a realizzare la meta suprema, terrò costantemente cari tutti gli esseri senzienti, più preziosi della gemma che esaudisce tutti i desideri.
  1. In qualsiasi momento e luogo, con chiunque mi accompagni, considererò me stesso come il meno importante e con rispetto terrò caro l’altro come il più elevato degli esseri.
  2. In ogni attività esaminerò il mio continuum mentale e, non appena sorgerà un pensiero negativo che potrebbe nuocere a me e agli altri, lo affronterò e me ne separerò senza indugio.
  3. Ogni qualvolta vedrò esseri di indole negativa, sopraffatti da forti negatività e sofferenze, li terrò cari come se avessi trovato un prezioso tesoro difficile da scoprire.
  4. Quando altri, motivati da gelosia, ingiustamente mi maltratteranno e calunnieranno con disprezzo, accetterò la sconfitta e offrirò loro la vittoria.
  5. Anche se qualcuno che ho beneficiato e in cui ho riposto grandi speranze ingiustamente mi danneggiasse in modo grave, lo considererò come il supremo amico spirituale.
  6. In breve, sia in questa vita sia nei continuum futuri, offrirò benefici e felicità a tutti gli esseri madri e, segretamente, prenderò su di me tutte le loro sventure e sofferenze.
  7. Tramite la mente che riconosce l’illusorietà di tutti i fenomeni e senza contaminare con l’impurità dei pregiudizi degli otto dharma mondani tutte queste [pratiche], senza aderire possa essere liberato da ogni legame.

    Otto versi sulla trasformazione della mente – Geshe Lang – ri Tank- pa (1054 – 1123) Tratto da – ” Il nostro bisogno d’amore” -Terzin Gyatso 14° Dalai Lama

Eight verses on the transformation of the mind

With a determination to achieve the highest aim
For the benefit of all sentient beings
Which surpasses even the wish-fulfilling gem,
May I hold them dear at all times.

Whenever I interact with someone,
May I view myself as the lowest amongst all,
And, from the very depths of my heart,
Respectfully hold others as superior.

In all my deeds may I probe into my mind,
And as soon as mental and emotional afflictions arise-
As they endanger myself and others-
May I strongly confront them and avert them

When I see beings of unpleasant character
Oppressed by strong negativity and suffering,
May I hold them dear-for they are rare to find-
As if I have discovered a jewel treasure!
When others, out of jealousy
Treat me wrongly with abuse, slander, and scorn,
May I take upon myself the defeat
And offer to others the victory.
When someone whom I have helped,
Or in whom I have placed great hopes,
Mistreats me in extremely hurtful ways,
May I regard him still as my precious teacher.

In brief, may I offer benefit and joy
To all my mothers, both directly and indirectly,
May I quietly take upon myself
All hurts and pains of my mothers.

May all this remain undefiled
By the stains of the eight mundane concerns;
And may I, recognizing all things as illusion,
Devoid of clinging, be released from bondage.

http://www.dalailama.com/teachings/training-the-mind

La ricerca del nulla – The search for nothing


🌸La ricerca del nulla🌸

Una civiltà
che perde,nel tempo,
i veri valori e l’impegno
che nel passato
erano la pietra angolare,
di conseguenza
si sgretola.

Alimentare
la superficialità,
il correre
alla ricerca del nulla..
Ha poi evidenti
conseguenze.

04.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸The search for nothing

A civilization
that loses, over time,
true values and commitment
than in the past
were the cornerstone,
Consequently
crumbles.

To food
superficiality,
running
looking for nothing ..
It then got obvious
consequences.

04.01.2022 Poetyca

Imparare – Learn – Paramahansa Yogananda


🌸Imparare🌸

Tu ami naturalmente
quelli che sono cari
a te e devi imparare
a dare quel tipo
d’amore al mondo intero.

Paramahansa Yogananda
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Learn

You naturally love
those who are dear
to you and you must learn
to give that kind
of love to the whole world.

Paramahansa Yogananda

Ricami nella notte -Embroidered in the Night – Haiku


Ricami nella notte – Haiku

Raggi di luna
ricami nella notte
in luce argentea

03.06.2017 Poetyca

Embroidered in the Night – Haiku

Moon Rays
Embroidered in the night
In silvery light

03.06.2017 Poetyca

Alla ricerca di Pace – percorsi di riflessione – In Search of Peace – lines of thought


Alla ricerca di Pace – percorsi di riflessione

Non ci accorgiamo spesso che, prendiamo gli altri come bersaglio da colpire con le nostre frustrazioni che attribuiamo colpe e crediamo irrisolvibili alcune situazioni, ci chiudiamo nella gabbia delle illusioni,perchè pensare che altri abbiano torti e noi assolutamente ragione ci pone nella condizione di sentirci superiori alle situazioni. A volte accade il ripetersi di esperienze o nodi che siamo incapaci di sciogliere e tutto parte da noi stessi, dal nostro attaccamento, dal nostro ego ferito. Ed è sempre da noi il seme per l’opportunità di fermarci a cogliere in cosa e perchè alimentiamo la nostra reazione di rabbia. Perchè si ama attribuire colpe a ologrammi esteriori piuttosto che focalizzarci sulla responsabilità della nostra reazione a quanto crediamo essere la causa ? Mi viene in mente, quando da bambini, se cadevamo o ci facevamo male contro qualcosa, per consolarci un adulto diceva che la colpa era del sasso che ha fatto inciampare o della porta contro la quale urtavamo. Magari ci credevamo e vedere come si attribuisse colpa agli oggetti ci faceva stare meglio. Ora non si starebbe meglio se, nel retto sforzo, non provassimo a rendere pace il nostro cuore. La nostra non realtà è spesso indotta dai mezzi di informazione che dal nascondere i veri motivi delle cose. Come si sa è sempre stato nella politica delle guerre cercare motivazioni al farle scoppiare, motivazioni che montino giudizi contro ma la realtà si lega alle risorse di un territorio che faccia gola, al potere che amplifichi l’egemonia e sempre a carico della vita di innocenti. Miseria, divisione, sopruso e quella forma di violenza non sempre fisica sono i mezzi per piegare un popolo e parole come pulizia etnica , come genocidio, olocausto, sono tra le più ignobili che l’umanità possa aver coniato. Spero sempre che ci possa essere un ravvedimento ed un modo di condurre verso un’inversione di rotta che non conosca violenza ma dialogo ed equanimità . Forse, agire dal nostro piccolo mondo del quotidiano non sarebbe sufficiente ma che non ci sia confusione tra pace e quei movimenti politici che dietro alle bandiere hanno altri fini. La pace si conquista parola forte che appare bellica dentro di sè per essere poi capaci di avere comportamenti costruttivi. La pace è nel risolvere il nostro moto interiore che vorrebbe correggere quello che sono gli altri, piuttosto che imparare ad accogliere la realtà per come è. Il vero lavoro, la pratica costruttiva è nelle nostre pulsioni che devono trovare armonizzazione per saper lasciare andare ogni attaccamento o proiezione. Non è colpa degli altri se il loro atteggiamento ingenera in noi un moto di rabbia, siamo infatti noi a scegliere se mettere il pilota automatico degli istinti o cambiare rotta verso un cammino di pace, che naturalmente nasce dal nostro essere e nulla dovrebbe turbare o mettere in moto reazioni. La guerra, come si sa, è sempre stata antagonista dell’amore, della saggezza e dell’equità . Minacce, promesse di rivendicazione sono quanto possa mettere in atto chi voglia caricare di rabbia gente che in fondo non ha chiesto guerre. Difesa ed offesa, mezzi che non si giustificano ma fanno perdere il senso della misura che ogni guerra ha conosciuto atti immorali, il piegare il nemico dimostrando la propria forza. Un’ombra ingigantisce la fama di chi se la costruisce, è mostrarsi potente è farsi temere con mezzi che sono lontani dall’abbandonare la forza per mostrare maggiore maturità . Poi, si fa anche tanto parlare, senza realizzare nulla che una forma di dispersione che non arriva neppure all’essenzialità e che non ha alcuna opportunità risolutiva per situazioni che degenerano in violenza e prevaricazione. Si resta impotenti, incapaci di trovare soluzioni e superamento di condizioni che si trascinano senza fine. Si tratta di libere scelte, per noi, per coloro che davanti ad un dilemma possano essere presi nella trappola del fare come gli altri, perchè magari li fa stare meglio. Ci sono persone attive – sentono il bisogno di essere presenti ad alzare la voce – a muoversi e magari le fa stare meglio. Ci sono poi persone che, nel silenzio sono partecipi ai dolori del mondo seppure apparentemente distanti.Sono convinta, semplicemente, che sia con pressioni, con alzar di voci o apparentemente passivi e compassionevoli, il dolore, la privazione e la violenza toccano tutti indistintamente e non solo una parte della terra rispetto ad un’altra. Tutti siamo uno, infatti, penso che si possa includere nella nostra via anche la capacità di allargare il cerchio del nostro non – dividere, del nostro ascolto nelle piccole cose del quotidiano che siano briciola di pace che s’espande. Possiamo lavorare su noi stessi, cercare pace interiore per non allargare a macchia d’olio effetti che incrinano armonia. Si parte dal non giudizio o meglio dal non alimentare dualità . Andare ad una manifestazione, in libertà perchè si sente di farlo e non per moda o perchè non si trovano altre soluzioni , per aver letto un manifesto che invitasse a farlo o perchè ce lo consigliano è poi una soluzione la marcia di Pace? è opportuno solo se si sente – lo si accoglie – da consapevoli che come per la pratica. Semplicemente si deve dare voce e manifestazione a quel rispetto per tutti gli esseri senzienti senza ricerca di torto o ragioni, di verità o menzogna perchè la guerra, tutte le guerre, non ha sconfitti e vincitori, se si arriva all’odio, al mancato dialogo – si è tutti sconfitti. In particolare se per il potere si calpesta il valore di vite. In fondo tutti coloro che possono dare voce alla pace, in base alle proprie caratteristiche ed opportunità ,possono coinvolgere gli altri nel parlarne, con amorevolezza e lontani dal giudizio. Per parlare di pace si deve essere pace ed il cammino profondo nasce in noi e dalla nostra pratica, dalla coerenza di essere quel che si dice. La consapevolezza è la capacità di raccogliere dalle esperienze del passato per offrire – qui ed ora – energie al futuro nella via di trasformazione – dalle tenebre dell’ignoranza alla luce dell’Amore incondizionato.

13.08.2006 Poetyca

In Search of Peace – lines of thought

We are not aware that often, we take the other as a target to hit with our frustrations and we believe that we attach blame unsolvable some situations, we close the cage of illusion, because others think that we are wrong and absolutely right places us in a position to feel superior situations. Sometimes it happens, the repetition of experiences or nodes that are unable to dissolve and all part of ourselves, our attachment, our wounded egos. And it is always with us the seed for the opportunity to stop and take in what they provide and our reaction to anger. Why we love to apportion blame rather than outward holograms focus on the responsibility of our response to what we believe to be the cause? Comes to mind when, as children, if we did badly against cadevamo or something, to console one adult said that the fault was of stone that has tripped or the door against which urtavamo. Maybe we thought and how to fault attributed to objects made us feel better. Currently you would be better if, right effort, do not try to make peace our hearts. Our reality is not often induced by the media to hide the real reasons of things. As you know has always been the policy of wars look for reasons to make them burst, motivations that Montini judgments against but the reality is bound to the resources of a territory that makes my throat, to boost power and hegemony always borne the life of innocent . Poverty, division, injustice and violence that are not always physical means to subdue a people and words like ethnic cleansing as genocide, holocaust, are among the most despicable that humanity may have coined. I always hope that there can be repentance and a way to lead to a reversal of that dialogue and not violence but knows equaminità. Maybe act from our little world of the everyday is not sufficient but that there is no confusion between peace and those political movements that have other purposes behind the flags. Peace is gained strong word that appears war within themselves and then be able to have constructive behavior. Peace is the answer to our inner motion that would correct what are the others, rather than learning to accept reality as it is. The real work, the construction practice is in our instincts that harmonization should be able to let go of any attachment or projection. It is not the fault of others if their attitude engenders in us a moment of anger, indeed, we choose to put the automatic pilot of the instincts or change course towards a path of peace, which naturally arises from our being and nothing should disrupt or impair Motorcycle reactions. The war, as we know, has always been antagonistic love, wisdom and fairness. Threats, promises of what are claimed to implement those who want to charge people with anger that basically did not seek war. Defense and offense, which means but do not justify losing all sense of Misuraca has known war immoral acts, the bend the enemy proving its strength. Shadow magnified if the fame of who builds it, show it is powerful to inspire fear in ways that are far from abandoning force to show more maturity. Then, you talk too much without achieving anything but a form of dispersion that can not even essentiality and has no opportunity for resolving situations degenerate into violence and abuse. It remains impotent, unable to find solutions and overcome the conditions that have been dragging endlessly. It’s free choices, for us, for those in a dilemma to be taken into the trap of doing like the others, perhaps because they felt the best. There are working people – feel the need to be present to raise their voices – and maybe move makes you feel better. There are people who are participating in the silent sorrows of the world although apparently convinced distanti.Sono simply that both pressures, with raising of voices or apparently passive and compassionate, pain, deprivation and violence affect all equally and not only part of the land over another. We are all one, in fact, I think we can include on our street also the ability to widen the circle of our not – share of our ear in the small things of everyday life that bit of peace expands. We can work on ourselves, to seek inner peace does not extend to wildfire effects crack harmony. It starts from the proceedings or not most of the non-food duality. Going to an event, because he feels at liberty to do so and not for fashion or because you do not find other solutions, for having read a manifesto calling for it or recommend it because there is a solution then the march of Peace? is only appropriate if you feel – it receives – from knowing how to practice. You simply must give voice and expression to the respect for all sentient beings without seeking right or wrong, truth or lie because the war, all wars, not losers and winners, if you get hate, not dialogue – we are all losers. In particular, if the power is contempt for the value of lives. Basically anyone who can give voice to peace, according to their characteristics and opportunities, can involve others in talking about it, with affection and away from the court. To speak of peace should be peace and the path is born deep within us and our practice, the consistency to be what they say. Awareness is the ability to collect from past experience to offer – here and now – the future of energy in the process of transformation – from the darkness of ignorance in the light of unconditional love.

13.08.2006 Poetyca

Mente – Mind – Sri Autobindo


Mente

“La mente non può prevedere
né decidere ciò che farà la supermente.
La mente è un’ignoranza che cerca la Verità.
La supermente, per sua stessa definizione,
è la Coscienza di Verità, la Verità in possesso di sé e che realizza se stessa col suo solo potere.
In un mondo supermentale imperfezione
e disarmonia son destinate a scomparire.
Quello che proponiamo per il momento
è non è di fare della Terra un mondo supermentale, bensì di far discendere la supermente quale potere e coscienza stabile (…) Non tutta l’umanità
può essere trasformata subito.”

Sri Aurobindo Lettere sullo yoga , pag 27

❤️❤️❤️


Mind


“The mind can not foresee or decide what will make the Supermind. The mind is an ignorance that seeks the Truth. The Supermind, by its very definition, is the Consciousness of Truth, Truth in possession of himself and realizes itself only with its power. In a world supramental imperfection and disharmony are destined to disappear. What we propose is at the moment is not to make the Earth a supramental world, but to bring down the Supermind which power and stable consciousness (…) Not all mankind may be turned away. ”

Sri Aurobindo Letters on Yoga, p 27

Vera ricchezza – True wealth


🌸Vera ricchezza🌸

Attendere,osservare,
vivere attimo per attimo
è la vera impagabile
ricchezza.

04.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸True wealth

Wait, observe,
live moment by moment
is the real priceless
wealth.

04.01.2022 Poetyca

Felicità – Happiness – Roberto Gervaso


🌸Felicità🌸

Se la felicità
non fosse fatta di attimi,
diventerebbe un’ abitudine.
E non ce la godremmo più.

Roberto Gervaso
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Happiness

If happiness
was not made up of moments,
it would become a habit.
And we wouldn’t enjoy it anymore.

Roberto Gervaso

★ cღPoeti amici ღ★


Pescatori di sogni

Far emergere
dalle profondità
dell’ignoto
quei desideri
quei pensieri
cosí da divenire
noi stessi
pescatori
di sogni.

Antonio De Simone

Fishermen of dreams

Bring out
from the depths
unknown
those wishes
those thoughts
so to become
ourselves
fishermen
of dreams.

Antonio De Simone

Cigno nero – Black Swan


Cigno nero

Girasole era stanca di volare,lei, giovane cigno nero, era sempre stata considerata diversa dagli altri cigni: bianchi, fieri, altezzosi e incapaci di credere alla possibilità di conoscere verità superiori. Si era trovata quasi per caso in quello stagno e il ricordo più lontano risaliva a quando piccolissima e debole era riuscita a nascondersi tra le fronde di un cespuglio,lontano dai pericoli ed una superba mamma di altri piccoli cigni come lei, le indicò lo stagno come luogo tranquillo. Condivideva con tutti gli altri l’ora del bagno e il cibo ed in fondo erano gentili , ma era evidente che lei, cigno nero dovesse avere una diversa provenienza , così come diverso era il mondo che sentiva dentro. Non era per quello stagno, quel limite nel quale gli altri , i cigni bianchi, sembrava si sentissero a loro agio. In fondo per loro la vita era tutta racchiusa nelle abitudini: il cibo,il bagno,e la stagione degli amori, anche quest’ultima la rendeva triste, nessun cigno bianco infatti cercava le sue attenzioni. Era in volo dal giorno precedente, sola e senza nessuno che in fondo si preoccupasse della sua assenza, era stato più forte di lei, sentiva infatti che la grande saggia : la nonna di tutti i cigni bianchi che viveva nel parco da anni, si sbagliava quando diceva che loro non erano migratori e che la vita migliore era quella che conducevano nel parco. Girasole lo sentiva dentro che non era così e che se lei era diversa ci sarebbe stata una ragione, intendeva scoprirla piuttosto che fermarsi in quel luogo senza dar vita a quello che sentiva essere vero, i cigni bianchi comunque erano felici con quello che avevano e non cercavano altro, ma non era per lei quel vivere. Ora era stanca e doveva cercare un giaciglio e un pò di cibo prima che giungesse la notte, dall’alto vide un campo e una casa, forse lì poteva riposare, scese e si nascose all’interno di un cespuglio che sembrava adatto al suo riposo. mangiò alcune foglie prima di scivolare in un sonno profondo. Fece un sogno : Un grande cigno nero volava in testa ad uno stormo e l’accoglieva nel gruppo dicendo : “Ascolta la voce che parla nel cuore, ti indica la strada e sarai capace di giungere a casa…la rotta non è dimenticata e non è mai tardi.” Era un bel sogno, non la faceva sentire sola ma con la sicurezza di trovare altri cigni neri come lei. Al risveglio fu felice ed il pensiero che per la prima volta avesse sognato dei suoi simili la colmò di gioia malgrado la stanchezza e le titubanze per quel suo viaggio, chissà, forse la meta era vicina e comunque qualcosa le faceva comprendere che per lei tutto presto sarebbe cambiato, poteva ora ascoltare l’istinto che si svegliava come un orologio biologico pronto a compiere il proprio dovere,non solo, sentiva infatti che qualcuno l’avrebbe accolta,qualcuno non diverso da lei e quindi capace di comprenderla. Quel sogno le mise una nuova carica. Si guardò intorno e si mise all’ascolto dei suoni dell’ambiente, ad un tratto senti un gracidare sommesso, a poca distanza doveva esserci uno stagno, attraversò la breve distanza a passi misurati ponendo attenzione ad eventuali pericoli, era da tempo abituata a badare a se stessa ma quello era un territorio sconosciuto, la prudenza era necessaria.Lo vide: piccolo e verde con un fare vivace che metteva allegria : ” Ciao, arrivata oggi? Che carina che sei, ma ti sei persa? Non ti sei accorta dei tuoi compagni partiti due giorni fa? Dormivi? A fare tutte quelle domande era Greg : un ranocchio gonfio e verde con due occhietti vispi che fece sorridere Girasole.Lei raccontò di essere lì dalla sera precedente e chiese di che colore fossero i cigni che Greg aveva considerato suoi compagni.” Oh bella! ma come te! Perché di che colore sono i cigni dalle tue parti?” Lei sorrise ancora, era evidente che lui non conoscesse i cigni bianchi, rimase infatti stupito nell’apprenderne l’esistenza , un ranocchio sempre vissuto in quello stagno non poteva immaginare diversi pezzettini di mondo a lui sconosciuti. Dunque altri cigni neri erano in volo , chissà,forse anche loro verso ” casa” come aveva compreso attraverso il suo sogno, ancora più forte sentì l’emozione dominarla insieme alla necessità di ascoltare il cuore che le avrebbe mostrato in che direzione volare. Restò poco presso quello stagno e dopo aver ringraziato ( quel ranocchio era stato molto prezioso) e salutato calorosamente si mise in ascolto del vento e dei fremiti del suo cuore, presto sarebbe tornata a casa. Seguendo il cammino del sole giunse presso la riva di un lago, avrebbe dormito lì , era infatti molto stanca dopo ore d’interminabile volo, si accoccolò tra canne di bambù, mangiò un pò e si addormentò. Era l’alba quando aprì gli occhi, il chiarore l’avvolse ,un nuovo giorno era pronto ad accoglierla con le braccia protese verso di lei, nuotò nel lago a lungo poi…si mise a correre sul pelo d’acqua e finalmente si staccò da esso…Lì in alto uno stormo messo in formazione a ” V ” era pronto per il viaggio, lei si avvicinò ad un giovane cigno che con occhi languidi le disse ” Ti aspettavo, è ora di tornare a casa “. Ecco il suo sogno che si realizzava, sapeva ora che quello in cui aveva creduto era possibile : Davanti allo stormo, a guidarlo per il viaggio riconobbe il grande cigno nero che le sorrise e dentro di sé risuonarono le stesse parole ” Ascolta la voce che parla nel cuore, ti indica la strada e sarai capace di giungere a casa…La rotta non è dimenticata e non è mai tardi” Ecco ora era pronta per il viaggio, stava tornando a casa, sorrise al giovane cigno e rispose ” Sono pronta”.

© Poetyca

Black Swan

Sunflower was tired of flying, her young black swan, had always been considered different from other swans: white, proud, arrogant and unable to believe the opportunity to learn higher truths. It was found by chance in that pond and the memory went back as far as small and weak she could hide among the branches of a bush, away from danger and a proud mother of other children like her swans, pointed to the pond as quiet place. Shared with all other hours of the bathroom and the food and ultimately they were friendly, but it was obvious that she, black swan would have a different origin, as well as different was the world he felt inside. It was not that pond, that limit in which the other, the white swans, seemed to feel at ease. In the bottom for them life was encapsulated in habits: food, towels, and the mating season, it also made her sad, because no white swan sought his attention. It was in flight from the previous day, alone and with no one cared at the bottom of his absence, was stronger than she, in fact, felt that the great wise: the grandmother of all the white swans that lived in the park for years, he was wrong when he said that they were not migratory, and that the best life was that which led into the park. Sunflower felt within him that was not as if she was different and that there would be a reason, wanted to discover it rather than stay in that place without giving rise to what he felt was true, the white swans were still happy with what they had and not tried another, but that was not for her life. Now she was tired and had to try a bed and some food the night before he came, he saw a top field and a house, maybe there could rest, went and hid in a bush that seemed suited to his rest . ate some leaves before slipping into a deep sleep. He had a dream: a big black swan flew into a flock and head welcomed the group saying: “Hear the voice that speaks in the heart, shows you the way and you will be able to get home … the route is not forgotten and not it is never too late. “It was a beautiful dream, do not make her feel alone but with the certainty of finding other swans blacks like her. Upon awakening he was happy and thought that for the first time he had dreamed of his fellow human beings filled with joy, despite the tiredness and reticence for his trip, who knows, maybe the goal was near, and still something made her understand that she very quickly would be changed, could now listen to the instinct that is awakened as a biological clock ready to do his duty, not only because he felt that someone would have received, someone other than you and therefore able to understand it. That dream put a new post. He looked around and started listening to the sounds of the environment, all of a sudden you hear a faint croak, a short distance there was a pond, crossed the short distance with measured steps, paying attention to possible dangers, had long been accustomed to look after in itself, but it was unknown territory, prudence was necessaria.Lo saw: small and green with a spirited put to cheer: “Hello, come now? What you’re cute, but you missed? You did not notice your mates went two days ago? Were you asleep? To do all those questions was Greg: A green frog with two eyes swollen and he smiled gaily as Girasole.Lei told to be there the night before and asked what color were the swans that Greg had seen his companions. “Oh good! but like you! Because what color are the swans in your part? “She smiled again, it was evident that he knew the white swans, was in fact surprised nell’apprenderne existence, always had a frog in that pond could not imagine different pieces of the world unknown to him. So blacks were more swans in flight, who knows, maybe even to their “home” as understood by his dream, even more strongly felt emotion dominate along with the need to listen to the heart that would show which way to fly. He stayed at the little pond and thanked (the frog was very valuable) and greeted warmly began listening to the wind and tremors of his heart, he would soon be returned home. Following the path of the sun arrived at the shore of a lake, he would sleep there, it was very tired after hours of endless flight, crouched between bamboo poles, ate a little and fell asleep. It was dawn when he opened his eyes, the glow enveloped her, a new day was ready to welcome it with arms outstretched towards her, swam in the lake for a long time … then he ran on the surface and finally broke away it … There he put up a flight training in “V” was ready for the trip, she came to a young swan with languishing eyes said, “I was waiting, it’s time to go home.” Here’s his dream come true, now that he knew what he had believed was possible: In front of the flock, to guide him for the trip recognized the great black swan who smiled and inwardly echoed the same words, “Hear the voice that speaks in the heart, shows you the way and you will be able to get home … The route is not forgotten and is never late, “Here he was now ready for the trip, was returning home, the young swan smiled and replied” I’m ready. “

© Poetyca

La partitura della vita – The sheet music of life


2

La partitura della vita

Ogni strumento sa manifestare una
diversa diffusione del suono, è nella sua particolare natura,
la musica ha valore e personalità perchè ogni strumento
in uso ha la sua peculiarità: un clarino è diverso da una chitarra,
da un tamburo o da un pianoforte, eppure, ognuno con la particolare
” identità” è opera manifestante di quella sintonia e sinfonia
che accordandosi nell’esecuzione della musica orchestrale offre
l’opera d’arte. A volte una ” voce ” sgraziata è capace di toccare
note e manifestazione che superano il suo stesso limite grazie
a quella particolare energia che – insieme al coro – modula
una vibrazione sottile che è ” altro” da sé.
E’ poi compito del direttore d’orchestra dare il segnale giusto
affinché si possa esprimere la ” voce ” per dare senso al Tutto.
Non dimentichiamo o annulliamo la bellezza di quello che è
un lavoro di gruppo dove, senza giudizio e con la totale
accoglienza si è capaci di fare intonare canti d’anima
in coloro che neppure sapevano di avere nel cuore
la partitura della vita.

28.08.2007 Poetyca

The sheet music of life

Each instrument to manifest a
different distribution of sound, is in its very nature,
the music has value and personality because each instrument
in use has its peculiarities: a clarinet is different from a guitar,
by a drum or a piano, and yet, each with its particular
“Identity” is the work of manifesting the harmony and symphony
agreeing that the execution of orchestral music offers
the work of art. Sometimes a “voice” ungainly is capable of touching
notes and event exceeding the same limit his thanks
to that particular energy – along with the chorus – modulates
a subtle vibration that is “other” than himself.
It is then up to the conductor to give the right signal
so that we can express the “voice” to make sense of all.
Do not forget or let you cancel the beauty of what is
group work where, without judgment and with the total
reception was capable of doing chanting soul
in those who did not even know you have the heart
the score of life.

28.08.2007 Poetyca

 

Viaggio di ricerca – Research trip


🌸Viaggio di ricerca🌸

Il vero viaggio di ricerca
è nel saper accogliere,
con attenzione,
quanto accade intorno
e farne riflesso
del proprio stato d’animo.
Un bilanciare gli opposti
e riconoscere i limiti,
il non voler mai smettere
di ricominciare
quando qualcosa sfugge,
nella ferma convinzione,
che arriverà a tempo debito
ogni risposta.

04.01.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Research trip

The real research journey
is in knowing how to welcome,
carefully,
what happens around
and make a reflection of it
of one’s state of mind.
A balancing of opposites
and recognize the limits,
never wanting to stop
to start over
when something escapes,
in the firm belief,
which will arrive in due time
every answer.

04.01.2021 Poetyca

Difesa – Defence


🌸Difesa🌸

La difesa nei confronti
di chi non ha empatia
spesso è necessaria,
anche il restare centrati
nel profondo del proprio sentire
è un percorso che permetta
di non fare aprire vecchie ferite
a causa di parole
o giudizi poco gentili
da parte di chi non si sforza
di comprendere chi ha di fronte.
A noi superare tutto.

14.11.2021 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Defence

The defense against
of those who have no empathy
it is often necessary,
also staying centered
in the depths of one’s feeling
it is a path that allows
not to open old wounds
because of words
or unkind judgments
by those who do not strive
to understand who is in front of him.
It is up to us to overcome everything.

14.11.2021 Poetyca

Gente – People – Charles Bukowski


🌸Gente🌸

La gente si aggrappa all’abitudine
come ad uno scoglio,
quando invece dovrebbe staccarsi
e buttarsi in mare. E vivere.

Charles Bukowski
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸People

People cling to the habit
like a rock,
when it should come off
and jump into the sea. And live.

Charles Bukowski

Armonia – Harmony


🌸Armonia🌸

Armonia
è presenza
in carezza
silenziosa

Oltre
apparenze
accese
speranze

Passi
di luce
dove il Tutto
avvolge

03.01.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Harmony

Harmony
it is presence
in caress
silent

Beyond
appearances
lit up
hopes

Steps
of light
where the Whole
envelops

03.01.2022 Poetyca