Archivio | 19/05/2022

La mia vera natura è Amore – My true nature is Love


wpid-libera1.jpg

La mia vera natura è Amore

La mia vera natura è Amore. L’amore tende naturalmente a esprimersi, affermarsi, superare le difficoltà . Quando avrai capito che il mondo è amore in azione?, lo vedrai in un modo tutto diverso. Ma prima deve cambiare il tuo atteggiamento verso la sofferenza, che è anzitutto una richiesta di attenzione, essa stessa un moto d’amore. Più che la felicità, l’amore vuole la crescita, l’allargamento e l’approfondimento della coscienza e dell’essere. Tutto ciò che lo impedisce, diviene causa di dolore?, e l’amore, si sa, non si sottrae al dolore. Il sattva, l’energia che opera a favore della giustizia e di uno sviluppo ordinato, non deve essere ostacolato. Altrimenti, si rivolta contro se stesso e diviene distruttivo. Ogni volta che si frena l’amore e si permette alla sofferenza di espandersi, la guerra diventa inevitabile. La nostra indifferenza alla pena del vicino, porta la pena alla nostra porta.

Tratto da Io sono Quello di Nisargadatta

Seguendo il nostro disagio, paura ed attaccamento alla mancata attenzione accade di temere la perdita, di mettere in moto meccanismi che come per chi precipita dal un dirupo sono di autoconsevazione dell’ego e imprimono la necessità  di attaccarsi saldamente alla roccia. La mente intenta la battaglia con quelle energie che nobilitano e conducono allo scuoterci e al condurci alla nostra vera natura. Amorevolezza e compassione sono quel disvelamento del velo di Maya, la capacità  di comprendere come gli altri siano specchio e proiezione di noi stessi, come, piuttosto che combattere contro quello che possano rappresentare,per il timore della perdita, si possa incentrare la nostra attenzione verso quei movimenti interiori e cercarne le vere cause per riportare equidistanza. Il vero lavoro è dentro di noi, nella capacità  di applicare con sincerità  quanto si sia appreso delle esperienze di vita. Molti dei miei movimenti di timore e di senso di perdita, che un tempo erano capaci di farmi bloccare e di trattenere in una sorta di mura difensive la mia vera natura, erano legati alla mia aspettiva per il mio sentimento di lealtà  calpestato. Ho compreso come, in fondo fossi io stessa a determinare quei meccanismi, motivo per analizzare a fondo e saper lasciare andare, con il tempo ogni attaccamento. Conosco dunque molto bene questo genere di percorso e posso dire che averne trasformato la causa mi ha liberata e resa più accogliente degli eventi e più forte. Spesso è Avidya l’ignoranza a condurci su vie controverse, ma è pur vero che ogni ostacolo, ogni motivo di inquietudine è opportunità  per portare in luce il lavoro compiuto. I praticanti possono scacciare le ombre e rinnovare la Luce. Poi, in fondo è solo dentro noi stessi il lavoro da compiere e lasciato andare l’ultimo lembo di Ego è possibile accogliere Amore, essere Amore che si riconosce e manifesta. Se non si diviene contenitori vuoti, senza alcuna resistenza sarebbe difficile poter comprendere come tutto sia interconnesso e che, in fondo, gli altri sono esattamente come noi: stesse paure e stesse aspirazioni. Nessun nemico se non noi stessi.

07.02.2007 Poetyca

My true nature is Love

 My true nature is Love. The love naturally tends to express itself, assert itself, overcome the difficulties. Once you understand that the world is love in action?, You’ll see a totally different way. But first he must change your attitude to suffering, which is primarily a demand for attention, itself a movement of love. More than happiness, love wants growth, enlargement and deepening of consciousness and being. All that prevents, becomes the cause of pain?, Love, you know, is not immune to pain. Sattva, the energy that works on behalf of justice and orderly development, must not be hindered. Otherwise, it turns against itself and becomes destructive. Every time you brake the love and suffering is allowed to expand, the war becomes inevitable. Our indifference to the pain of having close, brings pain to our door.

Adapted from What I am Nisargadatta

Following our discomfort, fear and attachment to the lack of attention happens to fear of loss, set in motion the mechanisms as to who falls from a cliff are autoconsevazione ego and impress the need to stick firmly to the rock. The mind intent battle with the energies that bring glory and lead to shake us and bring us to our true nature. Kindness and compassion that are uncovering the veil of Maya, the ability to understand how others are mirror projection of ourselves as, rather than fight against what can be, for fear of loss, we can focus our attention to those inner movements and seeking the real causes for back spacing. The real work is inside us, the ability to apply what you have learned with sincerity of life experiences. Many of my movements with fear and sense of loss, which once were able to block and keep me in a sort of defensive walls my true nature, were linked to my expectation for my sense of loyalty trampled. I understand how, after I had myself to determine the mechanisms, so thoroughly analyze and be able to let go, with time each attachment. So I know very well this kind of path and I can say that because I have turned the liberated and made more welcoming events and stronger. Avidya is ignorance often lead to inland controversial, but it is true that every obstacle, every reason for concern is opportunity to bring to light the work done. Practitioners can cast shadows and re-light. Then, it is only within ourselves the job done and let go the last part of Ego can receive love, be love that is acknowledged and manifest. If you do not become empty, without any resistance would be difficult to understand how everything is interconnected and that, basically, the rest are just like us, those same fears and aspirations. No enemy but ourselves.

07.02.2007 Poetyca

Scelte – Choices


🌸Scelte🌸

Sul nostro percorso
incontriamo persone,
il loro modo di approcciarsi
a domande e risposte,
di vivere la vita.
Tutto è determinato da scelte.
È importante permettere a se stessi
di operare al meglio attraverso
un sincero sforzo di reciproca conoscenza
e comprensione,naturalmente poi,
lo stesso sforzo va operato da tutti.
È bene ricordare che scambiare opinioni
è un input per crescere e dunque
ogni passo deve essere compiuto
nel reciproco rispetto e nel recupero
di un dialogo costruttivo.
Il fallimento di chi si fa trascinare
dalla corrente,invece di nuotare
verso una direzione
che offra armonia,
diventa il fallimento di tutti.

19.07.2019 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Choices

On our journey
we meet people,
their way of approaching
to questions and answers,
to live life.
Everything is determined by choices.
It is important to allow oneself
to work best through
a sincere effort of mutual understanding
and understanding, of course then,
the same effort must be made by everyone.
It is good to remember that to exchange opinions
it is an input to grow and therefore
every step must be taken
in mutual respect and recovery
of a constructive dialogue.
The failure of those who get carried away
from the current, instead of swimming
towards a direction
that offers harmony,
becomes the failure of all.

19.07.2019 Poetyca

Cercare la verità – Seek the truth – Miguel de Unamuno


angelo_1024

Cercare la verità
Bisogna cercare la verità e non la ragione delle cose, e la verità si cerca con l’umiltà.
Il vero servo di Dio non ha altra patria che il cielo.
Tutte le azioni della vita sono riparabili, eccetto l’ultimo (la morte) che nessun procedimento, neppure soprannaturale può riparare. Questo ultimo atto determina tutti gli altri e dà loro significato definitivo.
Impara a vivere in Dio e non temerai la morte, perché Dio è immortale.
Bisogna andare dalla pratica alla teoria; questa la strada giusta. Volendo partire dalla teoria, si resta nell’impotenza. Bisogna andare alla fede attraverso le opere perché la fede vivifichi e giustifichi le opere. Opera come se credessi e finirai col credere per operare.
Venga il tuo regno… Significa chiedere la morte, poiché solo con la morte lo otterremo.
Bisogna volersi per mezzo di Dio e per Dio, per mezzo del prossimo e per il prossimo e non volere Dio per mezzo di sé e per sé.
Quanto è più fredda l’anima più, al ridestarsi dalle sue notti spirituali, si trova imbevuta nella rugiada della grazia.
Miguel de Unamuno
Bilbao 1864 – Salamanca 1936
Poeta, filosofo e scrittore spagnolo
Diario intimo
Diario íntimo, 1897/1902 (postumo, 1970)

Seek the truth

We must seek the truth and not the reason of things, and the truth they try with humility.
The true servant of God has no other home and the sky.
All actions of life are serviceable, except the last (death) that no proceedings, even supernatural can repair. This last act determines all the others and gives their definitive meaning.
Learn to live in God and not fear death, because God is immortal.
You have to go from practice to theory, this the right way. If you want to start from the theory, one is impotence. You have to go to the faith through works because faith gives life and justifying the works. Operates as if I believed, and end up believing to operate.
Thy kingdom come … It means ask for death, because only with death will get it.
You have to want to by God and for God, through the next and the next and do not want God by itself.
How much is cooler than the soul more, to awaken from its spiritual nights, is steeped in the dew of grace.
Miguel de Unamuno
Bilbao 1864 – 1936 Salamanca
Poet, philosopher and writer Spanish

Consapevolezza – Awareness – Osho



🌸Consapevolezza🌸

Solo una cosa può trasformarti,
può operare un mutamento,
ed è la consapevolezza.

Osho Rajneesh
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Awareness

Only one thing can transform you,
can make a change,
and it is awareness.

Osho Rajneesh

Pensare – To think – Ugo Foscolo


🌼Pensare🌼

Una parte di uomini
opera senza pensare,
una parte pensa
senza operare,
pochi operano
dopo aver pensato

Ugo Foscolo
🌼🌿🌼#pensierieparole
🌼To think

A part of men
work without thinking,
a part thinks
without operating,
few operate after thinking

Ugo Foscolo

Scelte consapevoli – Choices


wpid-ali2.jpg

Scelte consapevoli

Quando ci troviamo di fronte a noi stessi, leggendo gli eventi della nostra vita possiamo ricordare a noi stessi che non si può analizzare una sola parte, senza risalire alle origini, alla cause prime del percorso individuale. Anche il momento presente è seme per connotare il senso del futuro. Ogni volta che agiamo senza consapevolezza,senza soffermarci al tentativo di capire,siamo oggetto di reazioni automatiche che segnano il nostro futuro, ripetendo le medesime esperienze passate, spesso cariche di sofferenza.
Con atteggiamento equo, libero da giudizio, attaccamento e timore, è importante osservare, comprendere ed accogliere con compassione il percorso già tracciato, provare ad adoperarci per cambiare le cose:
Possiamo sganciarci infatti, dai condizionamenti che ci legano al ripetersi di alcuni eventi e non permettono di tracciare la via verso la libera scelta,
l’allegerimento delle cause della sofferenza stessa, se infatti, prestiamo maggiore attenzione alla voce interiore e alle sensazioni che richiamano la nostra attenzione. Provando a capire cosa temiamo o cosa ci spinge verso una certa direzione, dove proviamo attrazione o ripulsa, siamo in grado di correggere la nostra rotta, determinando scelte consapevoli.

30.05.2014 Poetyca

Choices

When we face ourselves , reading the events of our lives , we can remind ourselves that we can not analyze a single hand, without going back to the roots, the root causes of individual path . The present moment is the seed to connote a sense of the future. Every time we act without awareness, without pause to attempt to understand , we are subject to automatic reactions that mark our future , repeating the same past experiences, often full of suffering.
With the right attitude , free from judgment , attachment and fear , it is important to observe, understand and accept with compassion the path already traced , try to work to change things :
We can disengage fact from the constraints that bind us to the repetition of certain events and do not allow to trace the path towards freedom of choice ,
the lightening of the causes of suffering itself , if in fact , we pay more attention to the inner voice and the feelings that draw our attention. Trying to figure out what to fear or what drives us toward a certain direction, where we feel attraction or repulsion , we can correct our course , determining choices.
05/30/2014 Poetyca

Il burro e i sassi, storiella del canone buddista – The butter and the stones – story of the Buddhist canon –


Il burro ed i sassi – storiella del canone buddista 

Un giorno un giovane si recò dal Buddha piangente e 
gemente. Il Buddha gli chiese: «Che cosa c’è che non va, 
giovane?». 

«Signore, il mio vecchio padre è morto». 

«Che possiamo farci? Se è morto, piangere non lo riporterà 
indietro». 

«Sì, capisco; piangere non riporterà indietro mio padre. Ma 
sono venuto da voi con una richiesta speciale: per favore, 
fate qualcosa per mio padre morto!». 

«Ma che cosa posso fare per il tuo povero padre morto?». 

«Signore, vi prego, fate qualcosa. Siete una persona tanto 
potente, certamente saprete che cosa fare. Guardate questi 
preti, venditori di indulgenze e raccoglitori di elemosine 
che celebrano ogni sorta di funzioni e di rituali per 
aiutare i morti. Appena il rituale viene celebrato quaggiù, 
il cancello del regno dei cieli si apre e il morto può 
entrarvi, ottiene il visto d’ingresso. Voi, signore, che 
siete così potente, se celebrate un rito per mio padre 
morto, non solo lui otterrà il permesso di entrarvi, ma 
avrà la garanzia di potervi soggiornare a vita! Per favore, 
fate qualcosa per lui!». 

Il poveretto era tanto sopraffatto dal dolore che non 
riusciva a sentir ragioni. Perciò il Buddha dovette usare 
un altro sistema per aiutarlo a capire. Così gli disse: «Va 
al mercato e compra due vasi di terracotta». Il giovane era 
molto felice, perché pensava che il Buddha avesse 
acconsentito a celebrare un rito per suo padre. Corse al 
mercato e tornò con due vasi. «Bene» disse il Buddha 
«adesso riempine uno di burro chiarificato (ghi)». Il 
giovane lo fece. «Riempi l’altro di sassi.» Il giovane 
obbedì. «Ora chiudili e sigillali bene». Il giovane fece 
anche questo. «E ora deponili nel laghetto laggiù». Il 
giovane eseguì, ed entrambi i vasi affondarono. 

«Ora » disse il Buddha «prendi un bastone e fa a pezzi i 
vasi». Il giovane si rallegrò moltissimo, pensando che il 
Buddha stesse celebrando un rito meraviglioso per suo padre. 

Secondo l’antica tradizione indiana, quando un uomo muore, 
il figlio ne porta il corpo sul luogo della cremazione, lo 
depone sulla pira e lo brucia. Quando il corpo è bruciato 
per metà, il figlio prende un grosso bastone e gli spezza 
il cranio. Secondo le vecchie credenze, non appena il 
cranio viene aperto quaggiù, in questo mondo, lassù il 
cancello del regno dei cieli si apre. Così, ora, il giovane 
pensava tra sé e sé: “Il corpo di mio padre è stato bruciato 
e ridotto in cenere ieri. Come un simbolo, il Buddha ora 
vuole che io rompa i vasi per aprirli!”. Era molto felice 
di come si stava svolgendo il rito. 

Impugnò con forza il bastone e, come aveva ordinato il 
Buddha, ruppe entrambi i vasi. Subito il burro chiarificato 
contenuto in uno di essi venne fuori e si sparse sulla 
superficie dell’acqua. I sassi contenuti nell’altro vaso, 
invece, uscirono e rimasero sul fondo. Allora il Buddha 
disse: 

«Bene, giovane, questo è il massimo che posso fare. Adesso 
chiama i tuoi preti e operatori di miracoli e chiedi loro 
di cominciare a cantare e a pregare: “Oh, sassi, risalite, 
risalite alla superficie! Oh, burro, scendi, scendi sul 
fondo!”. Fammi vedere se ci riescono». 

«Oh, signore, perché mi prendete in giro? Com’è possibile? 
I sassi, più pesanti dell’acqua, sono costretti a restare 
sul fondo: non possono riemergere, questa è la legge di 
natura! Il burro chiarificato è più leggero dell’acqua, e 
quindi è costretto a rimanere in superficie: non può 
scendere, questa è la legge di natura!» 

«O giovane, conosci tanto bene le leggi di natura, ma non 
hai capito questa legge naturale: se durante tutta la sua 
vita tuo padre ha compiuto azioni pesanti come sassi, è 
costretto ad affondare; chi può riportarlo su? E se tutte 
le sue azioni sono state leggere come questo burro 
chiarificato, è costretto a salire; chi può tirarlo giù?».

The butter and the stones – story of the Buddhist canon

One day a young man went to the Buddha, weeping and
groaning. The Buddha asked him: “What’s wrong,
young? “.

“Lord, my old father is dead.”

“What can we do? If he is dead, do not cry back
back. “

“Yes, I understand, crying will not bring back my father. But
I came to you with a special request: please,
do something for my father died. “

“But what I can do for your poor father died?”.

“Lord, please, do something. You are a person so
powerful, you might know what to do. Look at these
priests, sellers of indulgences and the alms-gatherers
that celebrate all sorts of functions and rituals
help the dead. As soon as the ritual is celebrated here,
the gate of the kingdom of heaven is opened and the dead can
enter, get the visa. You, sir, that
you are so powerful, if celebrated a ritual for my father
dead, only he did not get permission to enter and
will be able to stay a lifetime warranty! Please
do something for him. “

The poor man was so overcome with grief that does not
could listen to reason. So the Buddha had to use
another system to help you understand. So he said, “Go
market and buy two jars of clay. ” The young man was
very happy, because he thought that the Buddha had
agreed to celebrate a rite for his father. She ran to
market and returned with two vessels. “Well,” said the Buddha
“Now riempine a clarified butter (ghee).” The
young man did. “Fill the other with stones.” The young
obeyed. “Now, close them and seal it well.” The young man
too. “Now lay it in the pond over there.” The
Young performed, and both vessels sank.

“Now,” the Buddha said, “take a stick and smashes the
vessels. ” The young man rejoiced greatly, thinking that the
Buddha was celebrating a wonderful ritual for his father.

According to ancient Indian tradition, when a man dies,
the child bears his body on the cremation site, the
lays on the pyre and burn it. When the body is burned
half, the son takes a big stick and breaks
the skull. According to old beliefs, as soon as the
the skull is opened here, in this world, up there
gate of the kingdom of heaven is opened. So, now, the young
he thought to himself: “On my father’s body was burned
and reduced to ashes yesterday. As a symbol, the Buddha hours
I want to break open the pots. “He was very happy
of how the rite was being performed.

Forcefully grabbed the stick and, as he had ordered the
Buddha, broke both vessels. Immediately ghee
contained in one of them came out and spread on
water surface. The stones contained in the vessel,
Instead, they went out and stayed on the bottom. Then the Buddha
said:

“Well, young man, this is the best I can do. Now
call your priest and miracle-workers and ask them
to begin to sing and pray: “Oh, rocks, climb,
ascents to the surface! Oh, butter, come down, come down on
the bottom. “Let me see if we can.”

“Oh, sir, because I kidding? How is it possible?
The rocks, heavier than water, are forced to remain
on the bottom: they can not re-emerge, this is the law of
nature! Ghee is lighter than water, and
then is forced to remain on the surface: it can not
down, this is the law of nature! “

“O young man, you know very well the laws of nature, but not
Do you understand this natural law: if during all his
life your father has made heavy action as rocks, is
forced to sink, and whoever can bring it back up? And if all
his actions have been read as this butter
clarified, is forced to rise, who can pull it down? “.

Sete di ricerca – Thirst for research


pace_thumb

Sete di ricerca

Con le mani a coppa
raccolgo l’essenza
di questo oceano
Goccia a goccia
lo porto nell’alambicco
del cuore
dove la mia anima
distilla petali d’amore
In un respiro solo
abbraccio il mondo
Io placo le ferite
estinguo la sete di ricerca
senza più luogo
nè tempo
vortica la danza
ovunque
al suono suadente
dell’Adesso
Solo un abbraccio
completa
L’Opera inestinguibile
come onda avvolgente
in carezze d’anima
Tutto il resto respira Amore

28.05.2013 Poetyca

Thirst for research

With hands cupped
I gather the essence
of this ocean
Drop by drop
I carry it into the cruet
of the heart
where my soul
distilled petals of love
In one breath only
embrace the world
I calmed wounds
quench the thirst for research
no more place
neither time
whirling dance
everywhere
to the seductive sound
of Now
Only a hug
completes
The Opera unquenchable
as a wave enveloping
in caresses of soul
Everything else breathes Love

28.05.2013 Poetyca

Sogni e rettitudine – Dreams and righteousness


Sogni e rettitudine
Tra tante realtà e tanti sogni, solo noi possiamo adoperarci
a scostare il velo dell’illusione. Non si tratta di un percorso
di solitudine, poichè nessuno è separato; ma di quella capacità
di lettura interiore – nostra e con gli altri – capace di farci
scorgere la nostra responsabilità e il nostro modo a volte erroneo
di percepire le cose; dettato da timori, attaccamenti ed aspettative;
e da ricomporre con rettitudine, per costruire qualcosa di migliore.

© Poetyca
Dreams and righteousness

Among so many realities and so many dreams, only we can work
to move aside the veil of illusion. It is not a path
of solitude, since nobody is separated; but of that ability
of inner reading – ours and with others – capable of making us
discern our responsibility and our sometimes erroneous way
to perceive things; dictated by fears, attachments and expectations;
and to recompose with righteousness, to build something better.

© Poetyca

Arte di ascoltare e mondi possibili – ART OF LISTENING AND POSSIBLE WORLDS – Marinella Sclavi



ARTE DI ASCOLTARE E MONDI POSSIBILI

Come si esce dalle cornici di cui siamo parte

1- Non avere fretta di arrivare a delle conclusioni.
Le conclusioni sono la parte più effimera della ricerca

2- Quel che vedi dipende dal tuo punto di vista.
Per riuscire a vedere il tuo punto di vista, devi cambiare punto di vista.

3- Se vuoi comprendere quel che un altro sta dicendo, devi assumere che
ha ragione e chiedergli di aiutarti a vedere le cose e gli eventi dalla
sua prospettiva.

4- Le emozioni sono degli strumenti
conoscitivi fondamentali se sai comprendere il loro linguaggio. Non ti
informano su cosa vedi, ma su come guardi. Il loro codice è relazionale e analogico.

5- Un buon ascoltatore è un esploratore di mondi possibili.
I segnali più importanti per lui sono quelli che si presentano alla
coscienza come al tempo stesso trascurabili e fastidiosi, marginali e
irritanti,perché incongruenti con le proprie certezze.

6- Un buon ascoltatore accoglie volentieri i paradossi del pensiero e della
comunicazione interpersonale. Affronta i dissensi come occasioni per
esercitarsi in un campo che lo appassiona: la gestione creativa dei
conflitti.

7- Per divenire esperto nell’arte di ascoltare devi
adottare una metodologia umoristica. Ma quando hai imparato ad
ascoltare, l’umorismo viene da sè.

Marinella Sclavi

http://www.brunomondadori.com/scheda_opera.php?ID=1474


ART OF LISTENING AND POSSIBLE WORLDS

As you exit from the frames of which are part

1 – Take your time to arrive at conclusions.
The conclusions are the most ephemeral of research

2 – What you see depends on your point of view.
To be able to see your point of view, you must change your point of view.

3 – If you want to understand what another is saying, you have to assume that
right and ask him to help you see things and events from
his perspective.

4 – The emotions are tools
if you know basic cognitive understanding of their language. Do not
inform on what to see, but on how you look. Their code is relational and analog.

5 – A good listener is an explorer of possible worlds.
The most important signals for him are those that present themselves to
consciousness as a minor and annoying at the same time, marginal and
irritating, because inconsistent with its own certainties.

6 – A good listener willingly accept the paradoxes of thought and
interpersonal communication. Addresses disagreements as opportunities for
practice in a field that passion: the creative management of
conflicts.

7 – To become skilled in the art of listening to you
take a humorous approach. But when you learned to
listen, the humor comes from their own.

Marinella Sclavi

http://www.brunomondadori.com/scheda_opera.php?ID=1474

Presente – Present


🌸Presente🌸

Vivo una ricerca sottile
nell’ascolto dell’Essere
ed è luce nel navigare
tra memorie ancora vive
e quest’attimo presente

02.03.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Present

I live a subtle search
in listening to the Being
and it is light in sailing
between memories still alive
and this present moment

02.03.2022 Poetyca

Il saggio auto interesse – The wise self – interest – Buddha


Siamo spinti da interessi personali, è necessario per sopravvivere. Ma abbiamo bisogno di un saggio auto-interesse generoso e cooperativo, tenendo gli interessi degli altri in considerazione. La cooperazione viene dall’ amicizia, l’amicizia viene dalla fiducia, e la fiducia viene dalla bontà del cuore. Una volta che si dispone di un autentico senso di preoccupazione per gli altri, non c’è spazio per barare, bullismo o sfruttamento.

Dalai Lama

We are driven by self-interest, it’s necessary to survive. But we need wise self-interest that is generous and co-operative, taking others’ interests into account. Co-operation comes from friendship, friendship comes from trust, and trust comes from kind-heartedness. Once you have a genuine sense of concern for others, there’s no room for cheating, bullying or exploitation.

 Dalai Lama

Preghiera di Findhorm – Eileen Caddy. Prayer of FINDHORM


fede_1024

Preghiera di FINDHORM

Questa è la preghiera che si recita ogni mattina presso la Comunità di Findhorm che si trova in Gran Bretagna 

Ecco che un altro giorno ha inizio: lo dedichiamo a Te.
Dedichiamo i nostri pensieri, i nostri sforzi, per il compimento del Tuo bene.

Tu sei la forza, la nostra vita, la luce che ci guida,
Tu sei l’energia in noi che rende perfetto tutto quanto ci riguarda,
Tu sei l’amore in noi che armonizza ogni situazione e perdona ogni offesa.

Per tutto il giorno ci ricorderemo che viviamo e ci evolviamo in Te e che in Te è il nostro essere.

Affidiamo a Te ogni nostro progetto, le nostre speranze, i nostri sogni sapendo che in Te ogni cosa trova il suo giusto compimento.

Siamo consapevoli per tutto il giorno della Tua presenza piena d’amore e sappiamo che in questo stato di consapevolezza veniamo colmati d’amore, di forza, di pace e di gioia.

Ti chiediamo di servirti di noi secondo la Tua volontà, per far sì che si compiano le Tue meraviglie e la Tua gloria.

La scelta è mia.

Scelgo di vivere per scelta, e non per caso.

Scelgo di fare dei cambiamenti, anzichè avere delle scuse.

Scelgo di essere motivato, non manipolato.

Scelgo di essere utile, non usato.

Scelgo l’autostima, non l’autocommiserazione.

Scelgo di eccellere, non di competere.

Scelgo di ascoltare la voce interiore, e non l’opinione casuale della gente.

La scelta è mia e scelgo di arrendermi al volere della mente Divina, poichè nell’arrendermi sono vittorioso.

Eileen Caddy.

Prayer of FINDHORM

This is the prayer that is recited every morning at the Community of Findhorm which is located in Great Britain
Here’s another day begins: We dedicate to you.
We dedicate our thoughts, our efforts for the fulfillment of your well.

You are the strength, our life, the light that guides us,
You are the energy in us that makes it perfect all that concerns us,
You are the love in us that harmonizes every situation and forgive every offense.

Throughout the day we remember that we live and evolve in you and in you, is our being.

To you we entrust all our projects, our hopes, our dreams in you knowing thateverything finds its proper fulfillment.

We are aware all day of your presence, full of love and we know that in this state of awareness we are filled with love, strength, peace and joy.

We ask you to serve us according to Your will, so that might be fulfilled Thy wondersand Thy glory.

The choice is mine.

I choose to live by choice not by chance.

I choose to make changes, rather than having an apology.

I choose to be motivated, not manipulated.

I choose to be useful, not used.

I choose self-esteem, no self-pity.

I choose to excel, not compete.

I choose to listen to the voice within, and not the opinion of random people.

The choice is mine and I choose to surrender to the will of the Divine mind, asnell’arrendermi are victorious.

Eileen Caddy.

Dolori – Griefs – Sofocle


🌸Dolori🌸

“I più grandi dolori
sono quelli che causiamo noi stessi.

Sofocle
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Griefs

“The greatest griefs
are those we cause ourselves.”

Sophocles

Sulla cima del tempo – On top of time


🌸Sulla cima del tempo🌸

Conducimi
dove tacciono
inutili parole
ed è respiro puro
a regalare significato
al nostro esserci accanto

Monti ed infinito
sulla cima del tempo
riempiono lo spazio
e ci accompagnano
in palpito costante
di meraviglia ed amore

02.03.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸On top of time

Lead me
where they are silent
useless words
and it is pure breath
to give meaning
to our being next to us

Mountains and infinity
on top of time
fill the space
and accompany us
in constant heartbeat
of wonder and love

02.03.2022 Poetyca

Chicago



I Chicago sono un gruppo rock statunitense, formatosi proprio a Chicago nel 1967. Autodefinitisi come “band di rock and roll coi fiati”, i Chicago cominciarono come rock band impegnata politicamente e talvolta sperimentale, muovendosi poi tra il progressive rock ed il jazz rock fino ad approdare ad atmosfere più melodiche e commerciali. L’apice del successo fu raggiunto negli anni settanta ed ottanta, quando spesso raggiunsero il numero 1 delle classifiche di Billboard: tra i gruppi americani, solo i Beach Boys hanno fatto registrare più hit nelle classifiche di Billboard (sia di singoli che di album). I Chicago sono annoverati tra le band rock più longeve e di maggior successo della storia, avendo venduto più di 100 milioni di dischi.[1] Secondo Billboard, negli anni settanta i Chicago furono leader assoluti negli Stati Uniti nella vendita di singoli con oltre 40 milioni di copie nei soli Stati Uniti, che fruttarono 23 dischi d’oro, 18 di platino e 8 di doppio-platino.[2][3] Nel corso della loro storia hanno avuto cinque album al numero uno e 21 singoli da top-ten.

Dal volgere degli anni ottanta, pur mantenendo una notevole fama, hanno visto un lento e graduale declino delle loro fortune discografiche.

https://it.wikipedia.org/wiki/Chicago_(gruppo_musicale)

Chicago is an American rock band formed in 1967 in Chicago, Illinois. The self-described “rock and roll band with horns” began as a politically charged, sometimes experimental, rock band and later moved to a predominantly softer sound, generating several hit ballads. The group had a steady stream of hits throughout the 1970s and 1980s. Second only to The Beach Boys in Billboard singles and albums chart success among American bands, Chicago is one of the longest-running and most successful rock groups, and one of the world’s best-selling groups of all time, having sold more than 100 million records.

According to Billboard, Chicago was the leading US singles charting group during the 1970s. They have sold over 40 million units in the US, with 23 gold, 18 platinum, and 8 multi-platinum albums. Over the course of their career they have had five number-one albums and 21 top-ten singles.

https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_(band)