Archivio | 26/05/2022

Sussurro infinito – Whisper infinite


Sussurro infinito

Esprimi tutte le parole che sai,
falle scorrere piano sul foglio…
Come lacrime, come lampi di cielo notturno
e poi prendi fiato prima che possano
in un solo istante scagliarsi
a lasciare sgomenta questa notte

Offri la linfa del tuo essere
per rendere complice
solo quest’irripetibile istante
e non temere l’arrivo dell’alba
perchè sarà nascita e vita
a cullare ogni tua vibrante attesa

Io ascolto cullata dal sogno
che appeso alle stelle
sa scuotere ogni respiro
ed accolgo ora
le emozioni vive
che ci accompagnano ancora

Nulla sarà più
come prima della manifestazione
di questa polvere d’oro
che ricopre le palpebre
in un sussurro infinito d’amore

29.01.2008 Poetyca

Whisper infinite

Give all the words you know,
slide it on top of sheet …
Like tears, like flashes of the night sky
and then take breath before they can
in an instant dash
frightened to leave tonight

Give the lifeblood of your being
making accomplice
only quest’irripetibile moment
and not fear the arrival of dawn
Why is birth and life
to cradle your every expectation vibrant

I listen rocked by Dream
that hung the stars
knows how to shake every breath
and I hour
emotions live
that still c’accompagnano

Nothing will be more
as before the event
This gold dust
covering the eyelids
in a whisper of endless love

29.01.2008 Poetyca

Esperienze – Experiences


🌸Esperienze🌸

Due persone che camminano per strada
hanno due sacchi da trasportare,
con il medesimo peso.

Una fa la vittima,dice di avere problemi,
di non farcela.

L’altra ha altrettanti problemi
e le dispiace per chi ha accanto
e non si lamenta:
Prende sulle spalle anche il sacco dell’altra.

Vanno avanti,quella liberata dal peso
continua a lamentarsi.
Quella che porta entrambi
i sacchi fa molta fatica,si trascina.

Passa un bambino e dice:
“Perché non portate un sacco per uno?”

Allora la persona che fa fatica
cede il sacco all’altra,perché è corretto
ma quella reagisce con rabbia.

Ogni persona a cui vogliamo caricare
il nostro peso,ha già il suo,
ci possiamo aiutare vicendevolmente
per un tratto di strada
ma è importante fare capire
che siamo tutti meritevoli di rispetto.

Alcune esperienze sono una scossa
per capire come sia necessario
farsi rispettare,mettere un punto
a chi vuole dominare.

Non hai bisogno di certe persone,
vali molto più di loro e sei proprio
la persona a cui si aggrappano
per sfuggire le proprie responsabilità.

10.02.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Experiences

Two persons walking down the street.
They have two bags to carry, with the same weight.
One goes the victim, she says she has problems, she can’t make it.
The other has as many problems and she feels sorry for whoever she has next to her and she doesn’t complain:
She also takes the other’s sack on her shoulders.
They go on, the one freed from the weight continues to complain.
The one carrying both bags has a lot of effort, she drags herself.
She passes a child and says, “Why don’t you bring a sack for one?”
Then the person who struggles gives the sack to the other, because it is correct, but she, hers reacts with anger.
Every person to whom we want to load our weight, already has her, we can help each other for a stretch of the road but it is important to make it clear that we are all worthy of respect.
Some experiences are a shock
to understand how it is necessary to be respected, put a period
to those who want to dominate.
You don’t need certain people,
you are worth much more than them and you are right
the person they cling to
to escape their responsibilities.

10.02.2022 Poetyca

A cuore leggero – A light heart


A cuore leggero

Il passato scava un solco profondo nel cuore,
le ferite bruciano e si spera sempre in un sogno,
in quella medicina che cura tutto, si accende la fiamma
in una speranza che accompagna sulla strada di un futuro migliore,
che permette di vivere la meritata felicità.
Quanto lunga è stata l’attesa? E poi…senza pazienza correre, volare,
dimenticando di fare un passo alla volta, ma inciampare nel mantello che
aveva troppe stelle e troppi sogni, che impediva di costruire qualcosa
questo è come avere dimenticato che i solchi profondi attendevano un seme,
la nostra attenzione a guardare in faccia il passato per essere veramente pronti,
dopo avere sedimentato le vecchie ferite, a quella vita che ora attende
la vera opportunità per girare pagina e inizare da oggi a vivere attimo per attimo
– qui ed ora – la concretezza di chi,senza chiedere qualcosa si offre
ed è grato di tutto, delle cose per come esse sono, apre gli occhi alla realtà
e abbracciando ogni momento sa essere grato per la lezione che la vita regala.
Non è mai tardi per ricominciare, per riconciliare noi stessi con le ferite passate
e per essere liberi da ogni peso che impedisce di andare avanti a cuore leggero.

03.10-2011 Poetyca

A light heart

The past digs a deep groove in the heart,
burn wounds, and you always hope in a dream,
in the medicine to cure everything, lights the flame
in a hope that goes on the road to a better future,
to provide a truly well-deserved happiness.
How long was the wait? And then … without patience, run, fly,
forgetting to take one step at a time, but trip over the mantle
had too many stars and too many dreams, to build something that prevented
this is like having forgotten that the deep furrows waited a seed,
our attention to face the past to be truly ready,
Having settled the old wounds, to the life that now awaits
the real opportunity to turn the page and start now to live moment by moment
– Here and now – the reality of those who, without asking for something
and is grateful for offers everything, of things as they are,
open your eyes to reality and embracing every moment he can be grateful
for the lessons that life offers.
It is never late to start over, to reconcile ourselves with the past hurts
and to be free from any burden that can not go forward at a light heart.

03.10-2011 Poetyca

Distanze – Distances


🌸Distanze🌸

Le distanze si abbattono
quando semplicemente
si apre il cuore.

04.03.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Distances

Distances are falling
when simply
the heart opens.

04.03.2022 Poetyca

Dio è il respiro di ogni respiro – God is the breath of every breath – Willigis Jäger


divine saints

Dio è il respiro di ogni respiro

 
Una religione può essere paragonata alla luna che illumina la terra di notte, ma che riceve a sua volta la luce dal sole. Se la luna si frappone tra il sole e la terra, abbiamo un’eclissi solare. Lo stesso avviene con la religione. Il sole è il divino che illumina le religioni, in modo che queste, a loro volta, illuminino gli esseri umani sul loro cammino. Se però la religione si considera troppo importante e si frappone tra Dio e l’uomo, ecco che Dio viene oscurato. Questa è una tendenza presente in tutte le religioni – e pertanto la mistica è inevitabilmente soggetta ad una certa critica religiosa – non tanto perché respinga le religioni, ma in quanto ammonimento nei confronti di una auto sopravvalutazione.Il poeta Kabir, ispirato dalla mistica, ha espresso tale ammonimento in una bella poesia. Figlio di una musulmana ed in seguito discepolo di un bramino, visse sul confine tra islam ed induismo, e forse per questo ebbe un fiuto particolare per i limiti delle religioni. Scrive: “O tu che mi cerchi, dove mi cerchi? Vedi, io sono con te. Non sono nel tempio e neanche nella moschea, nemmeno nella Kaaba né sul Kailash. Non sono nei riti e nelle cerimonie, e neanche nello yoga e nell’ascesi. Se tu davvero sei in ricerca, mi vedrai subito, mi incontrerai nello stesso momento. Dice Kabir: oh saddhu! Dio è il respiro di ogni respiro”.

 
Non consiglierò a nessuno di lasciare la propria religione come del resto neanch’io vorrei abbandonare il mio cristianesimo. ma per me la religione è solo un cartello indicatore, non la meta. Coloro che si rivolgono a me di solito lo fanno perché sono caduti in una crisi e non riescono più a scorgere il senso della propria esistenza. Improvvisamente si trovano di fronte a domande alle quali non sanno dare una risposta da soli: Perché vivo? Dove vado? Perché mi è successo questo? Le religioni hanno sempre cercato di rispondere a questi interrogativi. Ma le risposte non soddisfano più molti uomini dei nostri giorni. Improvvisamente qualcuno si sente mancare il terreno sotto ai piedi, e c’è una grande insicurezza diffusa.
I percorsi spirituali classici sono paragonabili ad una mappa dello spirito che permette di verificare in modo piuttosto esatto dove ci troviamo e quali sviluppi spirituali possiamo aspettarci. Tutti questi percorsi sono dei sentieri che conducono alla vetta dello stesso monte. È evidente che assumo una posizione critica nei confronti delle religioni. In particolare, mi oppongo ad una struttura rigida assoluta. Qual è il cammino giusto per ciascuno? Chi trova il cammino mistico all’interno della propria tradizione religiosa non ha bisogno di rivolgersi ad altre religioni. Tuttavia ciò risulta difficile all’interno della tradizione cristiana. La contemplazione non viene insegnata, non ci sono insegnanti mistici e neanche cammini spirituali che abbiano, fin dall’inizio, come obiettivo l’esperienza del divino. Chi la cerca spesso non ha altra scelta che quella di rivolgersi ad altre tradizioni religiose.
 
(Willigis Jäger, L’onda è il mare, Appunti di Viaggio, Roma 2004, pp. 82-86)
God is the breath of every breath
A religion can be compared to the moon that illuminates the earth at night, but that in turn receives light from the sun. If the moon comes between the sun and the earth, we have a solar eclipse. The same is true with religion. The sun is illuminating the divine religions, so that they, in turn, enlighten humans in their path. But if religion is considered too important and stands between God and man, so God is obscured. This is a trend present in all religions – and, therefore, the mystique is inevitably subject to a certain religious criticism – not because they reject religion, but as a warning against a car overstatement.The poet Kabir, inspired by mysticism, has expressed this warning in a lovely poem. Son of a Muslim and later a disciple of a Brahmin, he lived on the border between Islam and Hinduism, and perhaps that had a particular flair for the limits of religion. He writes: “O you who look for me, where I looking for? See, I’m with you. I’m not in the temple, nor the mosque, even in the Kaaba nor the Kailash. I’m not in rites and ceremonies, nor in Yoga and asceticism. If you really are in search, you will see me immediately, I will meet at the same time. Kabir says: oh saddhu! God is the breath of all breath. “
 
Do not recommend to anyone to leave their religion as the rest of it myself I would leave my Christianity. but for me religion is only a signpost, not the destination. Those who come to me usually do so because they have fallen into a crisis and can no longer see the meaning of life. Suddenly you are faced with questions that can not give an answer yourself: Why do I live? Where do I go? Why did this happen? Religions have always tried to answer these questions. But the answers do not meet many more people of our days. Suddenly someone feels the rug out from under their feet, and there is a large widespread insecurity.

The traditional spiritual paths are comparable to a map of the spirit that allows you to check in quite exactly where we are and what we can expect spiritual developments. All these paths are paths that lead to the summit of the same mountain. It is clear that assume a critical position towards religions. In particular, I object to a rigid structure absolute. What is the right path for everyone? Who is the mystical path within their own religious tradition does not need to turn to other religions. However, this is difficult within the Christian tradition. Contemplation is not taught, there are no teachers and even mystical spiritual paths who have, from the outset, the objective experience of the divine. Who seeks it often has no other choice but to turn to other religious traditions.
(Willigis Jäger, Wave is the sea, Travel Notes, Rome 2004, p. 82-86)

Fiamma – Flame


Fiamma

Bagliori di fiamma
scaldano la notte
dove la scintilla divampa
in attesa della presenza
che spezza il fiato
perchè inizia la danza
che non ha nome
ma movenza certa
che scavalca parole e sogno
Si disegnano le immagini
nella mente che riconosce
vibrante aroma senza tempo:
Fata o angelo che sussurra
canti e melodie arcane
nel respiro soffice del cuore

22.11.2011 Poetyca

Flame

Flashes of flame
heat up the night
where the spark blazes
awaiting the presence
that breaks the breath
because dance begins
that has no name
but certain gestures
that bypasses words and dreams
It draw pictures
in the mind that recognizes
vibrant flavor without time:
Fairy or angel whispers
arcane songs and melodies
in the soft breath of the heart

22.11.2011 Poetyca

Segreti – Secrets – Nikola Tesla


🌸Segreti🌸

“Se vuoi trovare
i segreti dell’universo,
pensa in termini di energia,
frequenza e vibrazione”.

Nikola Tesla
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Secrets

“If you want to find
the secrets of the universe,
think in terms of energy,
frequency and vibration.”

Nikola Tesla

Mai soli – Never alone


🌸Mai soli🌸

Di fronte a paure ed ombre,
solo il potente scudo
di chi ci prende per mano,
sa lenire ogni insicurezza.

04.03.2022 Poetyca
🌸🌿🌸#Poetycamente
🌸Never alone

In the face of fears and shadows,
only the mighty shield
of those who take us by the hand,
he knows how to soothe any insecurity.

04.03.2022 Poetyca

Derek and the Dominos – Live at the Fillmore


Derek and the Dominos sono stati un supergruppo blues rock formatosi nella primavera del 1970 e di cui facevano parte il chitarrista e cantante Eric Clapton, il tastierista Bobby Whitlock, il batterista James Beck “Jim” Gordon e il bassista Carl Radle. Questi ultimi avevano già suonato con Clapton nei Delaney & Bonnie & Friends.

Il gruppo pubblicò un solo album studio, Layla and Other Assorted Love Songs, caratterizzato da importanti collaborazioni del chitarrista guest Duane Allman[1] degli Allman Brothers Band. L’album arrivò ad essere acclamato dalla critica, ma inizialmente fallì sia nelle vendite sia nell’airplay delle radio.

Nonostante fosse stato pubblicato nel 1970, il singolo Layla (il racconto dell’amore irrequieto tra Clapton e Pattie Boyd, moglie del suo amico George Harrison) entrò nella top ten sia negli Stati Uniti d’America sia nel Regno Unito solo nel marzo del 1972. Nel 2004 è stato inserito al 27º posto nella Lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone. L’album, che ha ricevuto apprezzamenti sia dalla critica sia dal pubblico, è spesso considerato l’apice della carriera di Clapton

https://it.wikipedia.org/wiki/Derek_and_the_Dominos

Derek and the Dominos were a blues rock band formed in the spring of 1970 by guitarist and singer Eric Clapton, keyboardist and singer Bobby Whitlock, bassist Carl Radle and drummer Jim Gordon. All four members had previously played together in Delaney & Bonnie and Friends, during and after Clapton’s brief tenure with Blind Faith. Dave Mason supplied additional lead guitar on early studio sessions and played at their first live gig. Another participant at their first session as a band was George Harrison, the recording for whose album All Things Must Pass marked the formation of Derek and the Dominos.

The band released only one studio album, the Tom Dowd-produced Layla and Other Assorted Love Songs, which also featured notable contributions on slide guitar from Duane Allman. A double album, Layla went on to receive critical acclaim, but initially faltered in sales and in radio airplay. Although released in 1970 it was not until March 1972 that the album’s single “Layla” (a tale of unrequited love inspired by Clapton’s relationship with his friend Harrison’s wife, Pattie Boyd) made the top ten in both the United States and the United Kingdom. The album is often considered to be the defining achievement of Clapton’s career.

https://en.wikipedia.org/wiki/Derek_and_the_Dominos

Una perla al giorno – Wayne Dyer


Pace

 

“La pace è il risultato della riqualificazione tua mente per elaborare la vita così com’è,
anziché come si pensa che dovrebbe essere. “

Wayne Dyer

“Peace is the result of retraining your mind to process life as it is,
 rather than as you think it should be.”

 Wayne Dyer