Risultati della ricerca per: 2002

The Smiths- Hatful Of Hollow (1984)


[youtube https://youtu.be/ymwJBgcYrIM]

Gli Smiths sono stati un gruppo alternative rock inglese, formatosi a Manchester nel 1982.

Raggiunta la popolarità nel corso degli anni ottanta, hanno avuto grande influenza nello sviluppo della musica rock degli anni successivi ed un notevole seguito di pubblico. Il gruppo si è sciolto nel 1987.

I componenti erano Morrissey alla voce, Johnny Marr alla chitarra, Andy Rourke al basso, e Mike Joyce alla batteria.

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Smiths

The Smiths were an English rock band formed in Manchester in 1982. The band consisted of vocalist Morrissey, guitarist Johnny Marr, bassist Andy Rourke and drummer Mike Joyce. Critics have called them the most important alternative rock band to emerge from the British independent music scene of the 1980s.[1] Qmagazine’s Simon Goddard argued in 2007 that The Smiths were “the one truly vital voice of the ’80s”, “the most influential British guitar group of the decade” and the “first indie outsiders to achieve mainstream success on their own terms”.[2] The NME named the Smiths the “most influential artist ever” in a 2002 poll, even topping the Beatles.[3]

Based on the songwriting partnership of Morrissey and Marr, the group signed to the independent record label Rough Trade Records, on which they released four studio albums, The Smiths (1984), Meat Is Murder (1985), The Queen Is Dead (1986) and Strangeways, Here We Come (1987). Four of their albums (including three studio albums) appeared on Rolling Stone’s list of the 500 Greatest Albums of All Time. They have also released several compilations, and numerous non-LP singles.

The Smiths had several singles reach the UK top twenty and all four of their studio albums reached the UK top five, including one which topped the charts. They won a significant following and remain cult favourites, although they had limited commercial success outside the UK while they were still together. The band broke up in 1987 and have turned down several offers to reunite.

The band’s focus on a guitar, bass, and drum sound, and their fusion of 1960s rock and post-punk, were a repudiation of synthesizer-based contemporary dance-pop – the style popular in the early 1980s. Marr’s guitar-playing on his Rickenbacker often had a jangly sound reminiscent of Roger McGuinn of the Byrds.[4] Marr’s guitar-playing influenced later Manchester bands, including The Stone Roses and Oasis. Morrissey and Marr’s songs combined themes about ordinary people with complex, literate lyrics delivered by Morrissey with a mordant sense of humour.

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Smiths

The Grateful Dead – American Beauty (Album Completo) [Full Album]


I Grateful Dead sono stati un gruppo musicale rock statunitense.

Nati alla metà degli anni sessanta, furono fra gli artisti fondamentali della storia di quello che veniva chiamato acid rock o rock psichedelico.[1][2] Divennero celebri per il loro stile eclettico, che univa elementi di rock, folk, bluegrass, blues, country e jazz e dal vivo era caratterizzato da interminabili e lisergiche improvvisazioni modali. Attorno ai Grateful Dead nacque una sorta di culto; alcuni loro fan, chiamati Deadhead, seguirono il gruppo in concerto per anni, vivendo di fatto come nomadi in onore della loro devozione verso “the Dead”.[3]

La rivista Rolling Stone li inserisce al cinquantasettesimo posto nella lista dei 100 grandi artisti.[4]

http://it.wikipedia.org/wiki/Grateful_Dead

 

The Grateful Dead is an American rock band formed in 1965 in Palo Alto, California.[2][3] The band was known for its unique and eclectic style, which fused elements of rock, folk, bluegrass, blues, reggae, country, improvisational jazz, psychedelia, and space rock,[4][5] and for live performances of long musical improvisation.[6][7] “Their music,” writes Lenny Kaye, “touches on ground that most other groups don’t even know exists.”[8] These various influences were distilled into a diverse and psychedelic whole that made the Grateful Dead “the pioneering Godfathers of the jam band world”.[9] They were ranked 57th in the issue The Greatest Artists of all Time by Rolling Stone magazine.[10] They were inducted into the Rock and Roll Hall of Fame in 1994[11] and their Barton Hall Concert at Cornell University (May 8, 1977) was added to the Library of Congress’s National Recording Registry.[12] The Grateful Dead have sold more than 35 million albums worldwide.

The Grateful Dead was founded in the San Francisco Bay Area amid the rise of counterculture of the 1960s.[13][14][15] The founding members were Jerry Garcia(guitar, vocals), Bob Weir (guitar, vocals), Ron “Pigpen” McKernan (keyboards, harmonica, vocals), Phil Lesh (bass, vocals), and Bill Kreutzmann (drums).[16]Members of the Grateful Dead had played together in various San Francisco bands, including Mother McCree’s Uptown Jug Champions and the Warlocks. Lesh was the last member to join the Warlocks before they became the Grateful Dead; he replaced Dana Morgan Jr., who had played bass for a few gigs. With the exception of McKernan, who died in 1973, the core of the band stayed together for its entire 30-year history.[17] Other longtime members of the band includeMickey Hart (drums 1967–1971, 1974–1995, 2015), Keith Godchaux (keyboards 1971–1979), Donna Godchaux (vocals 1972–1979), Brent Mydland (keyboards, vocals 1979–1990), and Vince Welnick (keyboards 1990–1995). Pianist Bruce Hornsby was a touring member from 1990 to 1992, as well as guesting with the band on occasion before and after.

The fans of the Grateful Dead, some of whom followed the band from concert to concert for years, are known as “Deadheads” and are known for their dedication to the band’s music.[6][7] The band and its following (Deadheads) are closely associated with the hippie movement and were seen as a form of institution in the culture of America for many years. Former members of the Grateful Dead, along with other musicians, toured as the Dead in 2003, 2004, and 2009 after touring asthe Other Ones in 1998, 2000, and 2002. There are many contemporary incarnations of the Dead, with the most prominent touring acts being Furthur, Phil Lesh & Friends, RatDog, and the Rhythm Devils with drummers Mickey Hart and Bill Kreutzmann. The group is slated to officially perform together again for their fiftieth anniversary, with Trey Anastasio of Phish taking the role of Jerry Garcia.[18]

http://en.wikipedia.org/wiki/Grateful_Dead

Nuvole – Clouds


Nuvole
Siamo tutti foglie
petali sparsi
nati per colorare
il mondo
Siamo iridi accese
dalla forza
di un sorriso
Siamo speranze
raccolte ogni giorno
come gocce di rugiada
piccoli riflessi
di un lago al mattino
Siamo fiocchi di neve
nati d’incanto
e pronti a dare tutto
Mulini a vento
contro tempeste
raggi di luce
ad illuminare il bosco
Mille sogni legati
allo stesso filo
che come palloncini
fanno carezze al cielo
Siamo quel che siamo
e le nostre impronte
non le potrai trovare
perché fatte di nuvole

18.12.2002 Poetyca
Clouds
We are all leaves
petals scattered
born to color
the world
We irises lit
the force
a smile
We are hope
collected each day
like drops of dew
small reflections
of a lake in the morning
We are snowflakes
born of enchantment
and ready to give everything
Windmills
against storms
rays of light
to illuminate the forest
A thousand dreams related
to the same wire
that as balloons
they caress the sky
We are what we are
and our impressions
you can not find
made because of clouds

18.12.2002 Poetyca

Senza Respiro – Without Breath


Senza Respiro

Senza sorrisi,
senza sapore,
senza saper salire
su arcobaleni.

Solitudine strisciante,
sorprende scoprirla dopo lungo stupore.

Sospirando ricordi,
rompere riflessi
restando desti,
scacciare coni d’ombra.

Afferrare lembi nuovi
di speranza salva e sospendere scoramenti.

Sorrisi serali
Svettano ancora
dopo sospiri avvinti
in nubi di fumo.

Lieve brezza
sospinge la grigia tempesta.

Ero senza respiro.

30.01.2002 Poetyca

Without Breath

Without smiles
tasteless,
without being able to climb
about rainbows.

Loneliness creeping
surprising to find after a long stupor.

Sighing memories
breaking reflections
stay awake,
cone of shadow cast.

Grab the new edges
hope of saving suspend and dejection.

Smiles evening
Still stands
After sighs captivated
in clouds of smoke.

Slight breeze
pushes the gray storm.

I was breathless.

30.01.2002 Poetyca

Gentilezza – Kindness – Goethe


🌸Gentilezza🌸

La gentilezza è
la catena d’oro
con la quale nella società
tutto è legato insieme.

Goethe
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Kindness

Kindness is
the golden chain
by which society
is bound together.

Goethe

Nove Sutra sulla Pace – Nina Sutras of Peace – Raimond Panikkar


Nove sutra sulla Pace

I sutra sono fili di un’unica collana.
Insieme formano il gioiello chiamato Pace.

1. La pace è partecipazione all’armonia del ritmo dell’Essere

La pace non altera il ritmo della realtà. Non è statica, né dinamica. Non è nemmeno un movimento dialettico. E non significa assenza di forze o di polarità. L’Essere è ritmico, è ritmo, integrazione a-dualista del movimento e del riposo. La cultura tecnocratica occidentale, coltivando l’accelerazione, ha sconvolto i ritmi naturali: è senza pace.

2. È difficile vivere senza pace esterna; impossibile senza pace interna.

Ogni giorno, dopo l’ultima guerra mondiale, mille persone muoiono vittime della guerra. In tutto il mondo vi sono milioni di profughi, bambini nelle strade e persone che muoiono di fame. Non si deve minimizzare questa degradazione umana della nostra razza. Ma se la pace interna sussiste c’è ancora speranza. D’altronde non si può godere di una pace interna se il nostro ambiente umano ed ecologico è vittima di violenze e di ingiustizie. In tal caso la pace interna è un’illusione. E nessun autentico saggio (da Buddha a Cristo) si rinchiude nell’egoismo e nell’autosufficienza.

3. La pace: non la si conquista per se stessi, né la si impone agli altri. È dono dello Spirito

La pace non proviene né da spiritualità masochiste, né da pedagogie sadiche. I regimi imposti non fondano la pace per chi li riceve: bambino, povero, famiglia o nazione che sia. A noi manca l’atteggiamento più femminile del ricevente. La natura della pace è d’essere grazia, dono. È frutto di una rivelazione: dell’amore, di Dio, della bellezza della realtà, è esistenza della provvidenza, bontà della creazione, speranza, giustizia. È Gabe e Aufgabe, dono e responsabilità.

4. La vittoria ottenuta con la sconfitta violenta del nemico non conduce mai alla pace

La maggior parte delle guerre ha trovato giustificazione come risposta a trattati di pace anteriori. I vinti riappaiono ed esigono ciò che è stato loro rifiutato. La stessa repressione del male non ha risultati durevoli. La pace non è il risultato di un processo dialettico del bene contro il male. Il giovane rabbino di Nazaret invitava a far crescere insieme grano e zizzania. La pace fugge il campo dei vittoriosi (Simone Weil). La vittoria è sempre sulle persone; e le persone non sono mai assolutamente cattive.

5. Il disarmo militare richiede un disarmo culturale

La civiltà occidentale ha sviluppato un arsenale di armamenti, qualitativamente e quantitativamente; deve esservi un che di inerente a questa cultura: spirito di competizione, soggettività, tendenza a trascurare il campo dei sentimenti, senso di superiorità, di universalità, ecc.. Il fatto che i discorsi [per la pace, nella civiltà occidentale] si concentrino sulla distruzione degli armamenti, senza prestare attenzione alle questioni più fondamentali, costituisce un esempio di questo stato spirituale. Allora il disarmo culturale – prerequisito per la pace – è difficile almeno come quello militare. Implica una critica alla cultura e un approccio autenticamente interculturale.

6. Nessuna cultura, religione o tradizione può risolvere isolatamente i problemi del nostro mondo

Oggi nessuna religione potrebbe fornire risposte universali (se non altro perché le domande non sono le stesse). Purtroppo nel momento in cui gran parte delle religioni tradizionali tendono a deporre il manto dell’imperialismo, del colonialismo e dell’universalismo, la cosiddetta visione “scientifica” del mondo sembra raccogliere l’eredità culturale di questi atteggiamenti. Qui bisognerebbe citare la parola pluralismo.

7. La pace appartiene principalmente all’ordine del mythos, non del logos

Shalom, pax, eirene, salam, Friede, shanti, píng-an…: la Pace è polisemica; ha numerosi significati. La mia nozione di pace può non essere pacifica per qualcun altro. La pace non è sinonimo di pacifismo. È un mito, qualcosa in cui si crede in quanto dato. Ma non è irrazionale, anzi rende intelligibile l’atto di intendere. Un tempo la pace veniva firmata in nome di Dio; nella nostra epoca la pace sembra un mito unificante emergente ed è anche in suo nome che si fa guerra. Il mythos non dev’essere separato dal logos, ma i due non dovrebbero venire identificati.

8. La religione, via verso la pace

La religione è stata sempre considerata in passato come via di salvezza. Perciò le religioni erano fattori di pace interiore per i propri adepti e di guerre per gli altri. È un fatto che gran parte delle guerre nel mondo sono state guerre religiose. Oggi siamo testimoni di una trasformazione della nozione stessa di religione: le religioni sono modi di raggiungere la pace (non significa ridurle ad un unico denominatore). E la strada per la pace è rivoluzionaria: esige l’eliminazione dell’ingiustizia, dell’egoismo e della cupidigia.

9. Perdono, riconciliazione, dialogo: solo essi conducono alla pace

Punizione, indenizzo, restituzione, riparazione e cose simili non portano alla pace, non spezzano la legge del karma. Credere che ristabilire l’ordine spezzato risolva la situazione è un modo di pensare grossolano, meccanicistico e immaturo. L’innocenza perduta esige la redenzione e non il sogno di una paradiso ritrovato. La via verso la pace è in avanti e non indietro. La storia umana esige perdono. Per perdonare ci vuole una forza che vada oltre l’ordine meccanico di azione-reazione, ci vuole lo Spirito Santo, Amore pilastro dell’universo.

Da: Raimon Panikkar, Pace e interculturalità, Jaca Book, Milano 2002. (Adattamento. Col permesso dell’A.)

❤ ❤ ❤

Nine sutras of Peace

The sutras are strings of single necklace.
Together they form the jewel called Peace.

1. Peace is the harmony of the participation rate of Being

Peace does not alter the rhythm of reality. Is not static nor dynamic. It is not a dialectical movement. It does not mean lack of power or polarity. Being is rhythmic, it’s rhythm, integration-dualist movement and rest. Western technocratic culture, cultivating the acceleration, has disrupted the natural rhythms: it is no peace.

2. It’s hard to live without external peace; impossible without inner peace.

Every day after the last world war, a thousand people die of war victims. Throughout the world there are millions of refugees, children in the streets and people dying of hunger. We must not minimize this degradation of our human race. But if there is internal peace, there is still hope. On the other hand you can not enjoy internal peace if our human and ecological environment is the victim of violence and injustice. In this case, the inner peace is an illusion. And no authentic essay (from Buddha to Christ) to be contained in self and selfishness.

3. The peace is won not by themselves, nor can it imposes on others. It is a gift of the Spirit

Peace does not come as spirituality or masochistic, sadistic nor pedagogies. The regimes imposed do not establish peace for those who receive them: child poverty, family or nation it is.We miss the attitude of the recipient female. The nature of peace is to be grace, a gift. It is the result of a revelation of love, of God, the beauty of reality is existence of providence, the goodness of creation, hope, justice. It’s Gabe and Aufgabe, gift and responsibility.

4. The violent victory with the defeat of the enemy never leads to peace

Most wars have been justified as a response to earlier peace treaties. The vanquished reappear and demand what they have been refused. The same repression of evil has no lasting results. Peace is not the result of a dialectical process of good versus evil. The young rabbi from Nazareth invited to wheat and weeds grow together. Peace fled the camp of the victors (Simone Weil). The victory is always on people, and people are never quite bad.

5. The military disarmament disarmament requires a cultural

Western civilization has developed an arsenal of weapons, both qualitatively and quantitatively, there must be something inherent in this culture: the spirit of competition, subjectivity, a tendency to overlook the range of feelings, a sense of superiority, universality, etc. .. The fact that the speeches [for peace in Western civilization] focus on the destruction of weapons, while ignoring the more fundamental issues, is an example of this spiritual state. Then disarmament culture – a prerequisite for peace – at least as hard as military. Implies a critique of culture and intercultural approach authentically.

6. No culture, religion or tradition alone can solve the problems of our world

Today, no religion could provide universal answers (if only because the questions are not the same). Unfortunately, when most of the traditional religions tend to lay the mantle of imperialism, colonialism and universalism, the view of so-called “scientific” in the world seems to collect the cultural heritage of these attitudes. Here one should mention the word pluralism.

7. Peace belongs mainly to the order of the mythos, not the logos

Shalom, Pax, Eirene, salam, Friede, shanti, Ping-an …: Peace is polysemic; has many meanings. My notion of peace can not be peaceful for someone else. Peace is not a synonym for pacifism. It is a myth, something you believe as facts. But it is not irrational, even the act of understanding makes it intelligible.Once peace was signed in the name of God, peace in our time seems to be a unifying myth and it is also emerging in his name that makes war. The mythos should not be separated from the logos, but the two should not be identified.

8. Religion, on the road to peace

Religion has always been considered in the past as a way of salvation. Therefore, religions were factors of inner peace for their followers and other wars. It is a fact that most wars were religious wars in the world. We are witnessing a transformation of the very notion of religion: the religions are ways of achieving peace (means do not reduce them to a common denominator).And the path to peace is revolutionary: it requires the elimination of injustice, selfishness and greed.

9. Forgiveness, reconciliation, dialogue: they alone lead to peace

Punishment, indemnification, restitution, reparation and things like that do not lead to peace, do not break the law of karma.Believe that restoring order to resolve the situation is a broken way of thinking crude, mechanistic and immature. The innocence lost and do not require the redemption of the dream of a paradise regained. The road to peace is forward and not backward. Human history requires forgiveness. To forgive takes a force that goes beyond a mechanical action-reaction, we want the Holy Spirit, Love pillar of the universe.

From: Raimon Panikkar, Peace and Interculturalism, Jaca Book, Milan 2002. (With permission from the A Adattament..)

Speranza – Hope


Speranza

«Anche se il timore avrà più argomenti,scegli la speranza.»

Seneca

« La speranza è il solo bene che è comune a tutti gli uomini, e anche coloro che non hanno più nulla la possiedono ancora. »

Aforisma attribuito a Talete nelle massime dei Sette savi

« La speranza è la fiduciosa attesa di un bene che quanto più desiderato tanto più colora l’aspettativa di timore o paura per la sua mancata realizzazione. »

Cfr. Vocabolario della lingua italiana Treccani alla voce corrispondente

Se un albero che non riceve la luce piega il suo tronco in direzione del sole non possiamo sostenere che l’albero spera, perché la speranza in un uomo è legata ai sentimenti e alla coscienza che l’albero non ha. »

Erich Fromm, La rivoluzione della speranza. Per costruire una società più umana. Milano,Bompiani, 2002, p.19

🌸🌸🌸

Hope

“Though fear will have more arguments, choose hope.”

Seneca

“Hope is the only good that is common to all men, and even those who no longer possess it yet. »

Aphorism attributed to Talete in the Masses of the Seven Wisps

“Hope is the trusted expectation of a good that the more desired the more the expectation of fear or fear for its failure to accomplish. »

See the Vocabulary of the Italian language Treccani in the corresponding entry

If a tree that does not receive the light folds its trunk in the direction of the sun we can not support the tree hoping because hope in a man is related to the feelings and consciousness that the tree does not have. »

Erich Fromm, The Revolution of Hope. To build a more humane society. Milan, Bompiani, 2002, p.19

Buio sgomento – Blind terror


Buio sgomento

Notte fatta di buio 
e di foreste 
attorcigliata alle paure 
d’ingigantite ombre 
di silenzi e scricchiolii 
nel cuore della gente 

Notte di sussulti 
e vuoti spazi 
che incombono dal nulla 
come cappio e capestro 
a pesare sui respiri 
di chi ormai più non dorme 

Notte vipera silente 
che affonda strisciante 
inabissando i sensi 
nel limbo della mente 
dove nulla è ricordo 
e l’attesa è paziente 

Notte di segnali 
di ricerche immaginarie 
di spazi intermittenti 
per il riposo di membra stanche 
che rinnovano gli istanti 
come lampi di luce alle pareti 

01.11.2002  Poetyca

Blind terror

Night, made ​​of dark
and forests
twisted to fears
of magnified shadows 
of silence and crackling
in people’s hearts

Night of shocks
and empty spaces
incumbent out of nowhere
as a noose and gallows
to weigh on breathing
of those who does not sleep longer

Silent Night Viper
Creeping sinking
plunge the senses
in the limbo of the mind
where nothing is memory
be patient and wait

Night signals
Research imaginary
of intermittent gaps
for the rest weary limbs
renewing the instants
like flashes of light on the walls

01.11.2002 Poetyca

Empatia – Empathy- Charles Robert Darwin


🌸Empatia🌸

L’empatia per il più piccolo degli animali
è una delle più nobili virtù
che un uomo può ricevere in dono.

Charles Robert Darwin
🌸🌿🌸#pensierieparole
🌸Empathy

Empathy for the smallest of animals
it is one of the noblest virtues
that a man can receive as a gift.

Charles Robert Darwin

Attimo – Moment


Attimo

Occhi- lagune

in oasi d’attesa
di vibrante
abbraccio.

…e mentre

filtro il mondo
dalle sue radici

passi soavi

conducono l’incedere
al tempo infinito

…solo l’attimo

e il tutto riposa.

Spire in sorriso

m ‘avvolgono

eco d’onde

lenta infrange.

Coni d’ombre

distacco
-Ho trovato la luce-

la mano sul cuore vibra

…nella gioia
la mia risposta.

14.06.2002 Poetyca

Moment

Eye and lagoons

In oasis waiting
of vibrant
embrace.

… And while

Filter the world
from his roots

walk softly

lead the march
the infinite time

… just the moment

and all the rest.

Turns into a smile

m ‘wrap

echo wave

slow break.

Cones of shadows

detachment
-I found the light-

hand on heart vibrates

… joy
my answer.

14.06.2002 Poetyca

The Who – Greatest Hits Ultimate Best Of – HQ



The Who è uno storico gruppo musicale rock britannico originario di Londra, considerato tra le maggiori band Rock ‘n Roll di tutti i tempi, con oltre 100 milioni di dischi venduti.[7] Le prime apparizioni dal vivo degli Who risalgono al 1964,[8] con quella che è considerata la storica formazione del gruppo: Pete Townshend (chitarrista e autore della maggior parte delle canzoni), Roger Daltrey (voce), John Entwistle (basso elettrico) e Keith Moon (batteria).

Dopo un breve periodo da portabandiera del movimento Mod inglese, gli Who raggiungono il successo nel 1965, con l’uscita dell’album My Generation, il cui omonimo brano si dimostra essere il primo inno generazionale,[9] nonché uno dei pezzi ancor oggi più conosciuti e rappresentativi della band,[10] oltre ad essere inserito nel 2004 dalla rivista Rolling Stone all’undicesimo posto tra le 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone.[11] Gli Who nel corso della loro carriera hanno piazzato 27 singoli nei primi 40 posti delle classifiche di vendita britanniche e statunitensi, oltre a raggiungere la top ten con 17 album (ottenendo nel contempo 18 dischi d’oro, 12 di platino, e 5 multi-platino solamente negli Stati Uniti).

Gli Who raggiungono il grande pubblico a partire dal 1965 con una serie di singoli di successo, grazie anche alle trasmissioni di alcune radio pirata di oltremanica come Radio Caroline, tra i quali vanno ricordati I Can’t Explain e Substitute. In A Quick One, pubblicato nel 1966, è possibile notare il progredire della ricerca musicale di Townshend verso la realizzazione di un’opera rock a carattere teatrale, che si concretizzerà poi in Tommy (1969) e nella più matura Quadrophenia (1973), nel cui film associato si fece notare un giovanissimo Sting.

Del 1979 è anche il documentario sulla storia del gruppo Uragano Who (The Kids Are Alright). Tra i protagonisti della Swinging London, furono molto influenzati dalla musica dei loro contemporanei Beatles e Rolling Stones, di cui continuarono il fenomeno della British invasion. Ebbero una notevole influenza su altre band a loro volta, lasciando un’onda lunga che va dai Led Zeppelin[12] ai Sex Pistols,[13] dagli U2[14] agli Oasis[1] passando per i Pearl Jam.[15]

È particolarmente discusso l’inserimento degli Who all’interno del genere proto-punk, ovvero a quella derivazione del garage rock che a metà anni settanta porterà Ramones, Sex Pistols, The Clash[1] ed altre band a creare il punk rock ed in particolare il punk rock delle origini. La distanza stilistica degli Who con altre band appartenenti al proto punk è evidente, tuttavia le innovazioni stilistiche apportate dagli Who al rock, soprattutto nell’uso della batteria fanno propendere alcune fonti[2] a ritenere che la band possa essere considerata come seminale rispetto al genere suddetto.

Dopo la scomparsa di Keith Moon, morto nel 1978, e di John Entwistle, nel 2002, Townshend e Daltrey continuano a proporre dal vivo i loro brani più classici, accompagnati da Pino Palladino al basso e Zak Starkey (figlio di Richard, meglio conosciuto come Ringo Starr) alla batteria. Nel 2006, gli Who hanno pubblicato il loro primo disco registrato in studio da It’s Hard del 1982, intitolato Endless Wire.

Il gruppo appare alla posizione 29 della lista dei 100 migliori artisti secondo Rolling Stone.[16] Tutti i membri della band fanno inoltre parte individualmente di una delle classifiche di Rolling Stone, di cui tre nella top ten del proprio strumento: Roger Daltrey alla posizione 61 della lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone,[17] Pete Townshend alla 10ª della lista dei 100 migliori chitarristi,[18] Keith Moon alla 2ª tra i migliori batteristi di tutti i tempi scelti dai lettori della rivista[19] e John Entwistle è al primo posto nella classifica dei migliori bassisti di tutti i tempi scelti dai lettori.

http://it.wikipedia.org/wiki/The_Who

The Who are an English rock band that formed in 1964. Their classic line-up consisted of lead singer Roger Daltrey, guitarist Pete Townshend, bassist John Entwistle, and drummer Keith Moon. They are considered one of the most influential rock bands of the 20th century, selling over 100 million records worldwide and establishing their reputation equally on live shows and studio work.

The Who developed from an earlier group, the Detours, and established themselves as part of the pop art and mod movements, featuring auto-destructive art by destroying guitars and drums on stage. Their first single as the Who, “I Can’t Explain”, reached the UK top ten, followed by a string of singles including “My Generation”, “Substitute” and “Happy Jack”. In 1967, they performed at the Monterey Pop Festival and released the US top ten single “I Can See for Miles”, while touring extensively. The group’s fourth album, 1969’s rock opera Tommy, included the single “Pinball Wizard” and was a critical and commercial success. Live appearances at Woodstock and the Isle of Wight Festival, along with the live album Live at Leeds, cemented their reputation as a respected rock act. With their success came increased pressure on lead songwriter and visionary Townshend, and the follow-up to Tommy, Lifehouse, was abandoned. Songs from the project made up 1971’s Who’s Next, which included the hit “Won’t Get Fooled Again”. The group released the album Quadrophenia in 1973 as a celebration of their mod roots, and oversaw the film adaptation of Tommy in 1975. They continued to tour to large audiences before semi-retiring from live performances at the end of 1976. The release of Who Are You in 1978 was overshadowed by the death of Moon shortly after.

Kenney Jones replaced Moon and the group resumed activity, releasing a film adaptation of Quadrophenia and the retrospective documentary The Kids Are Alright. After Townshend became weary of touring, the group split in 1982. The Who occasionally re-formed for live appearances such as Live Aid in 1985, a 25th anniversary tour in 1989 and a tour of Quadrophenia in 1996. They resumed regular touring in 1999, with drummer Zak Starkey. After Entwistle’s death in 2002, plans for a new album were delayed. Townshend and Daltrey continued as the Who, releasing Endless Wire in 2006, and continued to play live regularly.

The Who’s major contributions to rock music include the development of the Marshall stack, large PA systems, use of the synthesizer, Entwistle and Moon’s lead playing styles, and the development of the rock opera. They are cited as an influence by several hard rock, punk rock and mod bands, and their songs still receive regular exposure.

http://en.wikipedia.org/wiki/The_Who

Lady Luce – Lady Light


Lady Luce

Ecco ferma il sogno
fatti riscaldare
niente più brividi
se a parlare è il cuore

Ecco riposa le paure
falle allontanare
e riprendi il battito
di speranze nuove

Solo una certezza
tra lacrime trattenute
mentre stringi i denti
a catturar le forze:

“NON SEI SOLA!”

23.08.2002 Poetyca

Lady Light

That’s still the dream
without heat
No more chills
if talking is the heart

Here rest the fears
leaks away
and get the beat
new hope

Only certainty
between tears withheld
Grit your teeth while
to capture the forces:

“YOU ARE NOT ALONE!”

23.08.2002 Poetyca

 

 

 

Poesie – Poems


Poesie

Sfoglio parole
sfoglio pensieri
– l’emozione
di margherite
stese al sole-

sfoglio immagini
che percorrono lievi
come brividi
lungo i sentieri.

Cerco e vibro
d’ogni sentire
dono di fogli
e del loro colore

…Colore di cielo
colore di vita
colore di farfalle
che prendono il volo.

Rime e versi
respiro e gioia
sogno e realtà
vissuti nel tuo scrivere libero.

19.06.2002 Poetyca

Poems

I flip through words
I flip through thoughts
– emotion
daisy
lied in the sun-

Browse Image
that travel light
such as chills
along the paths.

Seeking and vibro
of any hearing
gift paper
and their color

Color of sky …
Color of life
color butterflies
taking flight.

Rhymes and verses
breath and joy
dream and reality
lived in your writing free.

19.06.2002 Poetyca

Sex Pistols


[youtube https://youtu.be/qbmWs6Jf5dc?list=PLFAA6FE26CA5246AC]

I Sex Pistols sono stati uno dei più influenti gruppi punk rock britannici e una grande icona della prima ondata punk.

L’inizio del gruppo, originariamente composto dal cantante Johnny Rotten, dal chitarrista Steve Jones, dal batterista Paul Cook e dal bassista Glen Matlock, poi sostituito da Sid Vicious, risale al 1975, a Londra. Anche se la loro carriera durò solo tre anni, pubblicando solo quattro singoli discografici e un album in studio, i Sex Pistols vennero descritti dalla BBC come «la sola punk rock band inglese». Il gruppo è spesso indicato come il fondatore del movimento punk britannico[3] e il creatore del primo divario generazionale con il rock ‘n’ roll.

I Sex Pistols emersero come risposta a ciò che era sempre visto come più eccessivo, come il rock progressivo e le produzioni pop della metà degli anni settanta. Il gruppo creò molte controversie durante la sua breve carriera, attirando l’attenzione su di sé,ma mettendo spesso in secondo piano la musica.[7] I loro show e i loro tour erano ripetutamente ostacolati dalle autorità, e le loro apparizioni pubbliche spesso finivano disastrosamente. Il singolo del 1977 God Save the Queen, pubblicato appositamente durante il giubileo d’argento della regina d’Inghilterra, è stato considerato un attacco alla monarchia e al nazionalismo degli inglesi.

Johnny Rotten lasciò il gruppo nel 1978, durante un turbolento tour negli Stati Uniti; il trio rimasto continuò fino alla fine dell’anno, ma si sciolse all’inizio del 1979. Con Lydon il gruppo organizza un concerto nel 1996 per il Filthy Lucre Tour (“Tour a scopo di lucro”, traducibile anche in “Tour per il lurido guadagno”), anche se senza Sid Vicious, morto di overdose nel 1979 a soli 21 anni.

https://it.wikipedia.org/wiki/Sex_Pistols

The Sex Pistols were an English punk rock band formed in London in 1975. Although they lasted just two-and-a-half years and produced only four singles and one studio album, Never Mind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols, they were one of the most influential acts in the history of popular music,[1][2] initiated a punk movement in the United Kingdom, and inspired many later punk and alternative rock musicians. The first incarnation of the Sex Pistols included singer John Lydon, lead guitarist Steve Jones, drummer Paul Cook and bass player Glen Matlock. Matlock was replaced by Sid Vicious early in 1977. Under the management ofMalcolm McLaren, a visual artist, performer, clothes designer and boutique owner, the band provoked controversies that garnered a significant amount of publicity. Their concerts repeatedly faced difficulties with organisers and local authorities, and public appearances often ended in mayhem. Their 1977 single “God Save the Queen”, attacking social conformity and deference to the Crown, precipitated the “last and greatest outbreak of pop-based moral pandemonium”. Other subjects addressed in their frequently obscene lyrics included the music industry, consumerism, abortion, and the Holocaust.

In January 1978, at the end of a turbulent tour of the United States, Rotten left the Sex Pistols and announced its break-up. Over the next several months, the three other band members recorded songs for McLaren’s film version of the Sex Pistols’ story, The Great Rock ‘n’ Roll Swindle. Vicious died of a heroin overdose in February 1979. In 1996, Rotten, Jones, Cook and Matlock reunited for the Filthy Lucre Tour; since 2002, they have staged further reunion shows and tours. On 24 February 2006, the Sex Pistols—the four original, surviving members and Sid Vicious—were inducted into the Rock and Roll Hall of Fame, but they refused to attend the ceremony, calling the museum “a piss stain”

https://en.wikipedia.org/wiki/Sex_Pistols

Forza – Force


Forza

Distesa sul prato
forza in abbandono
punto serena al cielo

Nuvole mi parlano
-chiamano-
ridente sorpresa
colma emozioni

“ Vola Aquila
dispiega le ali
t’accarezza il sole
ti ama il vento”

Eccomi serena
a seguire rotte:
occhi chiusi
e cuore che batte.

Attesa e respiro.

Fiori in boccio
i miei sorrisi
Stelle lucenti
i miei pensieri.

Cammino…
cammino ancora
e afferro
anche la luna.

Ho rotto i lacci:
nella quiete
la mia forza.

13.06.2002 Poetyca

Force

Lying on the grass
force abandonment
point to the serene sky

Clouds speak to me
-call-
pleasant surprise
filled with emotions

“Fly Eagle
spreads its wings
caresses the sun
I love the wind “

I am happy
routes to follow:
eyes closed
and beating heart.

Hold and breathe.

Flowers in bloom
my smiles
Stars shining
my thoughts.

Way …
walk again
and grab
about the moon.

I broke the strings:
in the quiet
my strength.

13.06.2002 Poetyca

Mistero – Mystery


Mistero

Onde in espansione,
vibrano e accolgono
attraversano senza ferire
dolcezza e incanto
davanti al divenire.
Nulla di perduto
durante il cammino
ed anche le ferite
sono state dono.
Sono qui e ora.
Mai ero sola
…..Eccomi
mia ritrovata aurora.

07.06.2002 Poetyca

Mystery

Expansion waves,
vibrate and welcome
through without hurting
sweetness and charm
before becoming.
Nothing Lost
along the way
and also the wounds
were present.
I’m here and now.
I was never alone
…I am here
my newfound dawn.

07.06.2002 Poetyca

Percorso di vita – Path of life


Percorso di vita 

Cerchi la magia
d’un attimo
e le correnti silenti
ti percorrono

Attraversi mondi
sommersi
che regalando vita
palpitano all’unisono

Ti arrendi al turbine
di fluenti percezioni
e tutto si trasforma
catturando gli elementi

Tu atomo dell’Universo
sei ora parte del tutto
e con movenze antiche
la vita ti percorre

21.10.2002  Poetyca

Path of life

Looking for the magic
of a moment
and the current silent
will traverse you

You crossing worlds
submerged
that giving life
pulsating with one voice

You surrender to the wind
of flowing percepions 
and all is transformed
capturing the elements

You atom of the Universe
you are now one with all 
and with arcient movements 
life runs through you

21.10.2002 Poetyca

Nel nulla – In the vacuum


Nel nulla

Nell’avvolgente abbraccio

mi son voluta abbandonare,

ed è ora certezza

di percepite albe nuove.

All’impalpabile suono

che tutto inebria

e riempie il vuoto,

mi sono votata,

senza domande alcune.

Alle pensate carezze

di vento e pioggia,

ho regalato gli abiti

di gioia e dolore.

Al soffio improvviso

che alita dentro

rendendo vivo il sogno,

ho dato il mio stupore.

Mi hanno chiesto sorrisi,

non ho mai regalato pianto.

A chi voleva possesso

del mio essere libera,

ho dato solo parole,

era quello il mio tesoro.

Guardando in alto

I disegni delle stelle,

ho calcolato

orme del mio cammino.

Poi…

Mi sono dissolta

nel nulla.

…E nel vuoto ritrovo

sempre il mio immortale sogno.

25.04.2002 Poetyca

In the vacuum

In the enveloping embrace

my son wanted to leave,

and is now certainty

of perceived new dawns.

Bodies to the sound

that all drunk

and fills the gap,

I voted,

some unanswered questions.

To think caresses

of wind and rain,

I got the clothes

of joy and pain.

At the sudden gust

that breathes inside

making the dream alive,

I gave my amazement.

They asked me smile,

I never got tears.

Who would have

of my being free,

I gave only words

that was my treasure.

Looking up

The drawings of stars,

I figured

footprints of my journey.

Then …

I dissolved

nothing.

… And in the empty meeting

always be my immortal dream.

25.04.2002 Poetyca

Fiore di Cactus – Cactus Flower


Fiore di Cactus

Un fiore
nato dal nulla
tra sabbia
e caldo cocente
– eppure-

troppa acqua
lo danneggerebbe

Radici affondate
alla ricerca
del niente
tra ricordi
di spine

-muto dolore-

Nella fredda notte
Il dono
cammino e senso
era il deserto
per mettere in ginocchio
– le mie paure –

Oggi
nel giorno ridente
sparge profumo
– alle spine
pennella colore –

Sono io
quel fiore!

24.06.2002 Poetyca

Cactus Flower

A flower
born from nothing
between sand
and scorching hot
– and yet-

too much water
the damage

Roots deep
looking
of nothing
between memories
of thorns

-silent-pain

In the cold night
The gift
path and direction
was the desert
to cripple
– my fears –

Today
in sunny days
spreads fragrance
– thorns
color brush –

I am me
that flower!

24.06.2002 Poetyca

Universo – Universe


Universo

Come stelle
luci e cadute
lacrime e sorrisi
anche per te

Come foglie
tremore e linfa
verde speranza
anche con te

Come gabbiani
piume e voli
forza e attesa
anche in te

Brilla
Germoglia
apri le ali
anche tu
perché
dell’Universo
sei specchio

18.08.2002 Poetyca

Universe

Like stars
lights and drops
tears and smiles
for you

As leaves
tremor and lymph
Green Hope
also with you

As seagulls
feathers and flight
strength and waiting
in you

Ligth
Sprouts
open wings
too
because
Universe
six mirror

18.08.2002 Poetyca

Orizzonti fioriti – Horizons flower


Orizzonti fioriti

La fioritura è un attimo
– forza prorompente
della natura –
e tutto cambia
resta mistero
quel cercare vita

Giaceva silente
ogni palpito
e intanto si preparava

Eroso dal vento
il brullo deserto
sembrava non dar nulla

Era l’attesa carica
di correnti nuove:
soave si spande speranza

 15.10.2002 Poetyca

Horizons flower

The bloom is a moment
– Bursting strength
nature –
and everything changes
remains a mystery
look what life

He lay silent
every heartbeat
and meanwhile he prepared

Eroded by wind
the barren desert
seemed not to give anything

The wait was charged
new currents:
sweet spreads hope

  15.10.2002 Poetyca

Risveglio – Awakening



Risveglio

Fata della natura
amante
che conosce sentieri
e vorticose danze
emozioni
che prendono forma
sei tu capace
con pazienza ancestrale
di condurre
con un sorriso
la vita in cuore
Non smettere
non ti fermare
e stringi le mani
a chi nella notte
vuol sognare
perché sei tu sogno
che levita sereno

22.08.2002 Poetyca

Awakening

Fairy of Nature
lover
who knows paths
and whirling dances
emotions
taking shape
are you able
patiently ancestral
lead
with a smile
life in heart
Do not stop
do not stop
and shakes hands
who in the night
wants to dream
why are you dreams
Levite that peaceful

22.08.2002 Poetyca

Attraverso la notte – Through the night


Attraverso la notte

In un quadro
già dipinto
cercavo i miei colori.

Nelle pieghe della mano
già scritto
il mio destino.

Nessuno
ci guardava
nessuno
conosceva.

Osservandomi
in fondo agli occhi
ci vedevo
stelle
ci vedevo
cielo.

Nei sospiri
della notte
avanzava
il mio respiro.

Forse sale,
forse amarezze
ma la voglia di cambiare.

Da uno spiraglio
aperto appena:
luce avvolta
nel mio
cuore.

28.04.2002 Poetyca

Through the night

In a framework
already painted
I tried my colors.

In the folds of the hand
already written
my destiny.

None
we looked
none
knew.

Watching me
in his eyes
I could see
stars
I could see
sky.

In sighs
night
advanced
my breath.

Maybe salt,
perhaps bitterness
but the desire to change.

From a window
just opened:
light wound
in my
heart.

28.04.2002 Poetyca

Posso respirare – I can breathe


 Posso respirare

Vorrei poter chiamare

                       a raccolta

tutti i silenzi

             e farli tacere

smettere di vedere

ancora una volta

                     la danza

delle ombre

       -degli altri-

ma non smettono

di aleggiare qui intorno

e uncinate rostrano

senza preavviso

questo mio spazio

Vorrei poter tappare

orecchie e occhi

              del cuore

senza più resa

a quest’immagini

da combattere ancora

Sono le sensazioni

che tutto impregnano

e gridano sempre

-tolgono fiato-

ogni passo è lotta

tra quel che opprime

                 come cappio

e quel che rimbalza

sullo scudo

                  che pongo

Rifletto e cerco

ancora una volta

quel filo perduto

per capire

         respirando

dove poggiare

         il mio passo

Conosco il percorso

      il ripetersi stanco

di tutti i respiri

Solo un attimo

     un attimo ancora

e presto sarà silenzio

toccate le nuvole

    è il mio cuore

             che ascolto

Ora che resto

nell’impero del sole

   svaniscono ombre

e resto a guardare

Distacco e forza

  mi sorridono

    e posso

          respirare

   05.09.2002 Poetyca

I can breathe

I wish I could call

harvested

all silences

and shut them up

stop seeing

again

dance

shadows

-of the other-

But do not stop

to hover around here

and hooked rostrum

without notice

my space

I wish I could plug

ears and eyes

heart

made without

in these images

to fight again

These are the feelings

permeate everything

and cry forever

remove-breath-

each step is a struggle

between that which oppresses

as a loop

and what bounces

shield

I am asking

I reflect and try

again

lost the thread

to understand

breathing

where rest

my pace

I know the path

the tired repetition

of all breaths

Just a moment

even a moment

and soon will be silent

touch the clouds

My heart is

I listen to

Now that the rest

Empire of the Sun

shadows disappear

and watched

Posting and strength

I smile

and I can

breathe

05.09.2002 Poetyca

Vibrazione – Vibration


Vibrazione

Sogni al mattino
vibrano la sera in ricordi.
Affluenti
donandosi al mare
confluiscono
in un delta d’amore.
In contorno sfumato
di cielo fremiti
avvolti in un unico sentire.
Torride amarezze
infrangono
in bagliori nuovi
planando in aeree certezze.

02.05.2002 Poetyca

Vibration

Dreams in the morning
vibrate in the evening in memory.
Tributaries
giving themselves to the sea
converge
in a delta of love.
In soft edge
tremors of the sky
wrapped in a unique feel.
Hot bitterness
break
flares in new
gliding flying in certainties.

02.05.2002 Poetyca

Amarti – Love you


Amarti

Nelle prospettive
danzanti
di albe
fluttuanti
ho imprigionato la notte.

Nello scorrere
lieve
di mille carezze
ho sciolto il dolore.

Nei sogni improvvisi
come scrosci
di pioggia
ho lavato il grigiore.

Nei sorrisi accesi
di giorni di festa
ho steso le labbra.

Con la bocca appoggiata
sulla tua bocca
ho placato
la furia del vento
che ora i pensieri
t’accarezza.

Con sorrisi fragranti
ho ipotecato
i nostri sogni
garanzia
d’ebbrezza.

Con occhi d’argento
ho fermato
visioni
svettavano decise
malgrado
smagriti colori.

Nel passato perduto
agonia del presente
ho perdonato
ricordi.
Nella speranza vitale
che palpita sempre
ho affidato futuro.

Dalla teoria del nulla
nascevano dubbi………..

………….Dissolti
in abbraccio
ho la balenata certezza
d’amarti.

10.05.2002 Poetyca

Love you

In Perspective
dancing
sunrises
floating
I locked the night.

Scroll through
slight
a thousand caresses
I dismissed the pain.

In dreams sudden
as bursts
rain
I washed the gray.

In the bright smiles
of holidays
I stretched my lips.

With his mouth resting
On your mouth
I calmed
the fury of the wind
now the thoughts
caresses.

With smiles fragrant
I mortgaged
our dreams
Warranty
intoxicating.

With silver eyes
I stopped
visions
soared decided
despite
emaciated colors.

In the past lost
agony of this
I have forgiven
memories.
Hoping life
that beats forever
I entrusted the future.

From the theory of nothing
doubts arose … … … ..

… … … …. Dissolved
to embrace
I flashed the certainty
loving you.

10.05.2002 Poetyca

Brezza estiva – Summer breeze


Brezza estiva
Tremante sfiora
capelli e occhi
tiepida carezza
che illumina istanti
Ancora colora
antichi sogni
-mai morti-
ma solo in attesa
di voli festanti
Nel fremito lieve
si donano odori
e nel sorriso
si nutre il sentire
Ogni giorno è aurora
-nascenti palpiti-
non lasciano sola
la smagrita speranza
14.08.2002 Poetyca
Summer breeze


Almost trembling
hair and eyes
warm caress
illuminating moments
More color
old dreams
-Never-dead
but only on hold
flight jubilant
In mild tremor
give themselves odors
and smile
it feeds the feeling
Every day is dawn
Infant-beating-
do not leave alone
the emaciated hope
14.08.2002 Poetyca

Aurora – Dawn



Aurora
Tra cadute stelle
nasce l’aurora
in colori accesi
ti ristora
-vita-
speranza sognata
è afferrare
bagliori sopiti
10.08.2002 Poetyca
Dawn


Among fallen star
comes the dawn
in bright colors
refreshes you
-Life-
dream hope
is to grab
flashes dormant
10.08.2002 Poetyca