Risultati della ricerca per: 2003

R.E.M. – Best of R.E.M. – In Time (1988 – 2003) – Full album.


I R.E.M. sono stati un gruppo rock statunitense attivo dal 1980 al 2011.[2]

Formatosi ad Athens (Georgia) il 5 aprile 1980 (data riconosciuta dalla stessa band come atto di fondazione vera e propria del gruppo, che provava assieme sotto diversi nomi già dal 1979), la sigla R.E.M. sta per rapid eye movement, la fase del sonno in cui si sogna; i componenti del gruppo scelsero tale nome anche perché “suonava bene”. La pronuncia inglese è lettera per lettera (/ɑː iː ɛm/), ma in italiano viene generalmente pronunciata come acronimo (“rèm”).

Nell’arco degli ultimi 25 anni, i R.E.M. sono stati riconosciuti come uno dei gruppi più importanti per la definizione dell’estetica della musica underground e indie degli Stati Uniti.[3] La loro influenza, infatti, si estende ancora oggi su moltissime formazioni, etichette e scene musicali.[4]

Il gruppo ha virtualmente definito l’espressione “rock alternativo” degli anni ottanta (college rock)[5], dimostrando alle stazioni radio, un po’ alla volta, che trasmettere brani con prevalente uso delle chitarre non era una cosa negativa.[6]

Nella loro trentennale carriera hanno venduto all’incirca 85 milioni di dischi.[7]

http://it.wikipedia.org/wiki/R.E.M._%28gruppo_musicale%29

R.E.M. was an American rock band from Athens, Georgia, formed in 1980 by singer Michael Stipe, guitarist Peter Buck, bassist Mike Mills, and drummer Bill Berry. One of the first popular alternative rock bands, R.E.M. released its first single, “Radio Free Europe“, in 1981 on the independent record label Hib-Tone. The single was followed by the Chronic Town EP in 1982, the band’s first release on I.R.S. Records. In 1983, the group released its critically acclaimed debut album, Murmur, and built its reputation over the next few years through subsequent releases, constant touring, and the support of college radio. Following years of underground success, R.E.M. achieved a mainstream hit in 1987 with the single “The One I Love“. The group signed to Warner Bros. Records in 1988, and began to espouse political and environmental concerns while playing large arenas worldwide.

By the early 1990s, when alternative rock began to experience broad mainstream success, R.E.M. was viewed by subsequent acts such as Nirvana and Pavement as a pioneer of the genre and released its two most commercially successful albums, catapulting it to international fame, Out of Time (1991) and Automatic for the People(1992), which veered from the band’s established sound. R.E.M.’s 1994 release, Monster, was a return to a more rock-oriented sound, but still continued its run of success. The band began its first tour in six years to support the album; the tour was marred by medical emergencies suffered by three band members. In 1996, R.E.M. re-signed with Warner Bros. for a reported US$80 million, at the time the most expensive recording contract in history. Its 1996 release, New Adventures in Hi-Fi, though critically acclaimed, fared worse commercially than expected. The following year, Bill Berry left the band, while Buck, Mills, and Stipe continued the group as a trio. Through some changes in musical style, the band continued its career into the next decade with mixed critical and commercial success, despite having sold more than 85 million records worldwide and becoming one of the world’s best-selling music artists of all time.[4] In 2007, the band was inducted into the Rock and Roll Hall of Fame. R.E.M. disbanded amicably in September 2011, announcing the split on its website.

http://en.wikipedia.org/w/index.php?title=R.E.M.&oldid=655457124

Sullo stesso rigo – On the same staff


Sullo stesso rigo

Riflesso nello specchio
della sera
un momento vive ancora

Sussurro di voci
che si donano
attimi intessuti d’emozione

Vita raccontata
in intensi colori
con i riflessi soffusi
d’un danzante arcobaleno

Armonie si dispiegano
con la musica
e le eufonie
di anime intrecciate

Non esistono distanze
siamo note sullo stesso rigo
ed ogni palpito
è il nostro suono interiore
sullo spartito della vita

09.09.2003 Poetyca


On the same staff

Reflection in the mirror
Evening
a moment still lives

Whispering voices
who give themselves
woven moments of emotion

Life told
in intense colors
suffused with the reflections
dancing of a rainbow

Harmonies unfold
with music
and euphony
souls intertwined

There are no distances
notes are on the same staff
and each pulse
is our inner sound
on the score of life

09.09.2003 Poetyca

Difetti – Defects – Lama Zopa Rinpoche


Difetti

Tutti i difetti della nostra mente – l’egoismo, l’ignoranza, la rabbia, l’attaccamento, il senso di colpa e tutti gli altri pensieri molesti – sono temporanei, non permanenti e duraturi. E poiché la causa della nostra sofferenza e dei nostri pensieri molesti è temporanea, anche la nostra sofferenza è temporanea.

Lama Zopa Rinpoche



Defects

All the defects of our minds – the selfishness, ignorance, anger, attachment, guilt and all the other disturbing thoughts – are temporary, not permanent and lasting. And since the cause of our suffering and our thoughts are temporary nuisances, even our suffering is temporary.

Lama Zopa Rinpoche

The Grateful Dead – American Beauty (Album Completo) [Full Album]


I Grateful Dead sono stati un gruppo musicale rock statunitense.

Nati alla metà degli anni sessanta, furono fra gli artisti fondamentali della storia di quello che veniva chiamato acid rock o rock psichedelico.[1][2] Divennero celebri per il loro stile eclettico, che univa elementi di rock, folk, bluegrass, blues, country e jazz e dal vivo era caratterizzato da interminabili e lisergiche improvvisazioni modali. Attorno ai Grateful Dead nacque una sorta di culto; alcuni loro fan, chiamati Deadhead, seguirono il gruppo in concerto per anni, vivendo di fatto come nomadi in onore della loro devozione verso “the Dead”.[3]

La rivista Rolling Stone li inserisce al cinquantasettesimo posto nella lista dei 100 grandi artisti.[4]

http://it.wikipedia.org/wiki/Grateful_Dead

 

The Grateful Dead is an American rock band formed in 1965 in Palo Alto, California.[2][3] The band was known for its unique and eclectic style, which fused elements of rock, folk, bluegrass, blues, reggae, country, improvisational jazz, psychedelia, and space rock,[4][5] and for live performances of long musical improvisation.[6][7] “Their music,” writes Lenny Kaye, “touches on ground that most other groups don’t even know exists.”[8] These various influences were distilled into a diverse and psychedelic whole that made the Grateful Dead “the pioneering Godfathers of the jam band world”.[9] They were ranked 57th in the issue The Greatest Artists of all Time by Rolling Stone magazine.[10] They were inducted into the Rock and Roll Hall of Fame in 1994[11] and their Barton Hall Concert at Cornell University (May 8, 1977) was added to the Library of Congress’s National Recording Registry.[12] The Grateful Dead have sold more than 35 million albums worldwide.

The Grateful Dead was founded in the San Francisco Bay Area amid the rise of counterculture of the 1960s.[13][14][15] The founding members were Jerry Garcia(guitar, vocals), Bob Weir (guitar, vocals), Ron “Pigpen” McKernan (keyboards, harmonica, vocals), Phil Lesh (bass, vocals), and Bill Kreutzmann (drums).[16]Members of the Grateful Dead had played together in various San Francisco bands, including Mother McCree’s Uptown Jug Champions and the Warlocks. Lesh was the last member to join the Warlocks before they became the Grateful Dead; he replaced Dana Morgan Jr., who had played bass for a few gigs. With the exception of McKernan, who died in 1973, the core of the band stayed together for its entire 30-year history.[17] Other longtime members of the band includeMickey Hart (drums 1967–1971, 1974–1995, 2015), Keith Godchaux (keyboards 1971–1979), Donna Godchaux (vocals 1972–1979), Brent Mydland (keyboards, vocals 1979–1990), and Vince Welnick (keyboards 1990–1995). Pianist Bruce Hornsby was a touring member from 1990 to 1992, as well as guesting with the band on occasion before and after.

The fans of the Grateful Dead, some of whom followed the band from concert to concert for years, are known as “Deadheads” and are known for their dedication to the band’s music.[6][7] The band and its following (Deadheads) are closely associated with the hippie movement and were seen as a form of institution in the culture of America for many years. Former members of the Grateful Dead, along with other musicians, toured as the Dead in 2003, 2004, and 2009 after touring asthe Other Ones in 1998, 2000, and 2002. There are many contemporary incarnations of the Dead, with the most prominent touring acts being Furthur, Phil Lesh & Friends, RatDog, and the Rhythm Devils with drummers Mickey Hart and Bill Kreutzmann. The group is slated to officially perform together again for their fiftieth anniversary, with Trey Anastasio of Phish taking the role of Jerry Garcia.[18]

http://en.wikipedia.org/wiki/Grateful_Dead

Lungo il fiume e sull’acqua


Lungo il fiume e sull’acqua

Lungo il fiume
e sull’acqua
riflessi di stelle
frammenti cristallo
luccichio di un percorso
dove sei moto e quiete
Snodano istanti
il valore del tempo
come respiro
dilatano l’Universo
in perlacee gocce
– tesoro prezioso –
di vita accresciuto senso

Lungo carezze
d’emozionato vivere
vorresti tornare
a quel che è perduto
e restano diamanti
A solcare le gote
– solo un istante –
senza alcun appiglio
precipita la sera
ma rivivono sempre
soffuse speranze
che avvolgono
l’attesa del giorno

30.12.2003 Poetyca

Along the river and on water

Along the river
and water
reflections of stars
crystal fragments
glimmer of a path
Where are you from motion and rest
wind moments
the value of time
as breath
dilate the Universe
in pearly drops
– Treasure –
heightened sense of life

Along strokes
of emotional experience
you would go
to that which is lost
and diamonds are
To ride the cheeks
– Just a moment –
no grip
precipitates in the evening
but always come back to life
hopes dim
that wrap
waiting for the day

30.12.2003 Poetyca

Lungo il fiume e sull’acqua – Along the river and water


Lungo il fiume e sull’acqua

Lungo il fiume
e sull’acqua
riflessi di stelle
frammenti cristallo
luccichio di un percorso
dove sei moto e quiete
Snodano istanti
il valore del tempo
come respiro
dilatano l’Universo
in perlacee gocce
– tesoro prezioso –
di vita accresciuto senso

Lungo carezze
d’emozionato vivere
vorresti tornare
a quel che è perduto
e restano diamanti
A solcare le gote
– solo un istante –
senza alcun appiglio
precipita la sera
ma rivivono sempre
soffuse speranze
che avvolgono
l’attesa del giorno

30.12.2003 Poetyca

Along the river and water

Along the river
and water
reflections of stars
crystal fragments
glimmer of a path
Where are bikes and quiet
Wind moments
the value of time
as breath
dilate the Universe
in pearly drops
– Precious treasure –
heightened sense of life

Long strokes
of emotional life
would like to return
about what is lost
and diamonds are
To ride the cheeks
– Only a moment –
without any pretext
precipitates in the evening
but live on forever
dim hopes
enveloping
waiting for the day

– 30.12.2003 Poetyca

Resta poca cosa – Remains little something


Resta poca cosa

Avanza il deserto
per quelle mani che tutta
l’acqua vorrebbero contenere
per quella sete di potere
che non farebbe cadere goccia

Avanza il vuoto
di quei cuori che dispensano
solo tremenda arsura
e non irrigano alcun seme
di amorevole cura

Resta poco tempo
per raccogliere riflessione
e tra poche cose
si tenta la fuga
tra un fuoco incrociato

Resta una vita morta
che non nasconde lacrime
e vecchie paure
tra polvere antica
e miserie nuove

06.04.2003 Poetyca

Remains little something

Forward the desert
for all the hands that
water would contain
that thirst for power
who would not drop down

Vacuum Advance
hearts of those who dispense
just terrible drought
and not water any seed
of loving care

But a short time
to collect reflection
and in a few things
you try to escape
between a crossfire

Remains a dead life
that does not hide tears
old fears and
between ancient dust
and new miseries

06.04.2003 Poetyca

Parole sul foglio – Words on the sheet


Parole sul foglio

Parole su di te: foglio in attesa
che si colmino silenzi
parole sinuose e vive
che si donano senza tempo
parole nate tra le pieghe
di un nuovo sorriso
o tra i palpiti di una canzone
che in armonia scivola dentro
Parole rincorse dal vento
e tra riflessi argentei
segnano il filo segreto
di un pensiero
rivestito d’emozione
Parole che scorrono ora per te
e senza più domande
restano impigliate
nell’anima che non le vuole cancellare

30.08.2003 Poetyca

words on the page

Words about you: sheet pending
remedying that silences
winding words and lives
without giving themselves time
words born in the folds
a new smile
or between the beats of a song
in harmony slips in
Words chased by the wind
and between silvery reflections
mark the secret thread
a thought
coated with emotion
Words that flow time for you
and no more questions
entangling
soul who did not want to delete

30.08.2003 Poetyca

Tempo di riflessione – Time for reflection


Tempo di riflessione

E sei tu
frammento di fuoco
che non estirpi la via
tra immutate stagioni
che lasciano la scia
di ogni ipocrisia
Sei tu
cenere che colora
sporcando i muri
di questo aver creduto
allo specchio cristallo
di attimi vissuti
senza freddezza
senza riserve
per quel mio essere
come tu sai

Ma viene il tempo
della riflessione
dei cordoni stretti
per riparare il cuore
Quel tempo senza inganno
per essere io:
Libera nel mio cielo
con il mio orgoglio
di essere vissuta
e continuare a farlo
frastagliando i sogni
come nuvole fatate
o respirando colori
che neppure conosci
e che non hai mai
voluto sfiorare
in punta di sguardo

Si, viene il tempo
della consapevolezza
e senza amarezza ormai
sarò io quella capace
di essere sempre
oltre le frontiere
della tua ruvida attesa
di un sorriso
che non verrà mai:
estirpato dalla crudezza
di una realtà
che non avevo mai guardato
e che mi hai gettato in faccia
con il tuo essere solo
quello che non mi ha letta mai

07.01.2003 Poetyca

Time for reflection

And you are
fragment of fire
not eradicate way
unchanged between seasons
leaving the trail
any hypocrisy
Are you
ash color
soiling walls
believing this
mirror glass
of moments lived
without cold
unreserved
for that my being
as you know

But the time comes
reflection
narrow cords of
to repair the heart
That time without deception
for I:
Freedom in my sky
with my pride
of living
and continue to do so
jagged dreams
as cloud fairy
or breathing color
that not even know
and you never
wanted to tap
tip-glance

It is time
awareness
and without bitterness now
I’m the one capable
always be
beyond borders
of your rough waiting
a smile
that will never be:
extirpated from the crudeness
of a reality
I had never looked
and I’ve thrown in my face
be alone without you
some you have never read in me

-07.01.2003 Poetyca

Fotografia – Photo


Fotografia

Ricordi impressi in una fotografia
tempo ingiallito che riporta indietro
e tra una lacrima di nostalgia
e una spolverata memoria
rimane il mio sorriso
per aver toccato viaggi a ritroso
Tutto questo io l’ho vissuto

Poetyca 28.10.2003

Photo

Memories etched in a photograph
yellowed time recalling past
and between a tear of nostalgia
and a sprinkling memory
is my smile
for touching journey back
All this I have lived

Poetyca 28.10.2003

Nell’attesa – Pending


Nell’attesa

Lunga l’attesa di questo respiro
che delinea la traccia del nostro
inarrestabile e vissuto cammino
Nessuna minaccia ha scavato
per troppo tempo il raggiunto confine
nel mutuo vivere intrecciato di cure
Sei tu ora a sollevare dalla polvere
il tuo sguardo carico di desiderio
nell’ascolto di un cuore in tumulto
Le tue rime attendo sulla pelle
soavi carezze che ripaghino
del vento che ha strappato le fronde
E nell’emozione che ora prorompe
scivola anche quell’ultimo velo
che nella passione mi rende dono
28.03.2003 Poetyca
Pending

Long waiting for this breath
which outlines the path of our
unstoppable and shared path
No threat has dug
too long to reach the border
Braided live in mutual care
You are now to raise from the dust
your eyes full of desire
in listening to a heart pounding
Your rhymes look on the skin
gentle caresses repay
the wind tore the leaves
And the emotion that now bursts
also that last veil slips
in the passion that makes me a gift
28.03.2003 Poetyca

Scaglie d’emozione – Scales of emotion


ak3_1024

Scaglie d’emozione

Anche a te
sia dolce il sognare
l’estendere pensieri
in luoghi
non ancora nati
 
Sia presente
la delicata brezza
che disegna immagini
dietro le ciglia
 
Passi di danza
tra un palpito
che silenzioso sovrasta
nel silenzio delle notti
 
Esanime resta
l’incanto di colori
se non soffi
sulle fantasie vive
 
Lontano s’effonde
il suono del cuore
se in ascolto
ti poni ancora
 
Nessuno rimane
mai solo
se raccoglie
scaglie d’emozione

 08.06.2003 Poetyca

Scales of emotion

Same to you
sweet is the dream
extend the thoughts
in places
the unborn

Both present
the gentle breeze
that draws images
behind the lashes

Dance Steps
between one heartbeat
which dominates noise
in the silence of nights

Lifeless remains
the magic of colors
if it does not blow
fantasies about the lives

Faraway poured out
the sound of the heart
if listening
you ask again

Nobody stays
never alone
if it collects
scales of emotion

08.06.2003 Poetyca

 

Tu – You


Tu

Tu cerchi le rotte perdute
naufrago di una vita
senza più sogni :
calpestati e delusi
strappati come foglie

Tu che parli al tempo
e lo accusi dei tuoi inganni
lo distruggi e gli urli
tutte le tue ragioni

Tu che uccidi la vita
ed anneghi le voci
che ti dicono solo
– aspetta ancora –
perchè è l’attesa
la speranza
che non vuoi guardare

Tu che sfuggi
tutti i silenzi del cuore
perché da solo
non ti vuoi cercare
e credi sconfitta
l’essere lasciato

Tu che nulla cerchi
e vuoi solo urlare
tutta la rabbia
che scoppia dentro

Tu…Ascoltami ora
e raccogli tutte
le tue forze rimaste
– prendi la tua vita …
e non la gettare! –

07.11.2003 Poetyca

You

You seek the lost routes
survivor of a life
no more dreams:
downtrodden and disappointed
like leaves torn

You speak to the time
and accuse him of your deceptions
Destroy him and the screams
all your reasons

You kill that life
and drown the voices
you just say
– Still waiting –
because it is the expectation
hope
do not want to look

You who escaped
all the silences of the heart
because only
you do not want to search
and believe defeat
being left

You who seek nothing
and you just want to cry
all the rage
bursting into

You Hear … hours
and collect all
your strength remained
– Take your life …
and not throw! –

07.11.2003 Poetyca

Ed è attesa – It  is waiting …


Ed è attesa…

Momenti di pausa,riflessione
su quanto è stato,sul numero di ostacoli
pronti a sbarrare il cammino.

Colori svaniti che cercano brillantezza.

Silenzi che non trovano ascolto,
perchè anche il silenzio potrebbe cercare
la comunicazione,quando,incapaci di fidarsi
di chi sa porre ostacoli al nostro parlare
con le maschere che indossa ci induce
ad adattarci ad un mondo superficiale.

Ci si trova da soli senza nessuno in ascolto.

Si comprende l’inutilità di ogni passo
compiuto tra sagome che vuote sanno solo guardare
e nella valutazione del senso del nostro valore
temiamo quel futuro incerto che nascosto nell’ombra
sembra incapace di donare qualcosa.

Ma tra un’ ala non ancora aperta
ed un germoglio che cerca vita
tutto ancora potrebbe cambiare
con la forza ed il desiderio di trovar luce
che faccia brillare ogni nostro colore.

14.03.2003 Poetyca

 

It  is waiting …

Moments of pause and reflection
on what has been, the number of obstacles
ready to block the path.

Faded colors looking bright.

Silences that are not listening,
because the silence could try
communication, when, unable to trust
of those who can put obstacles in our speech
with the masks he wears makes us
to adapt to a superficial world.

You are alone with no one listening.

One understands the futility of every step
made between shapes that they can only look empty
and evaluation of the sense of our value
uncertain future that we fear that hidden in the shadows
seems unable to donate something.

But in a ‘wing unopened
looking for life and a bud
everything could change again
with the strength and the desire to find light
that might shine all our color.

14.03.2003 Poetyca

Favola – Fable



Favola
…E racconterai canti di luna
nella luce del giorno che nasce
e sarai piccola fata senza paura
che ritroverà la strada del cuore
– sospiri e luce in puro bagliore –
Trenta passi ancora e busserai
alla porta del tempo senza timore

Sarai regina della notte
sarai raggiunta gioia che prorompe
in sorrisi d’anima con un canto nuovo

Pausa che disegna nuove rotte
nella lattescenza del cielo notturno
per contare tutte le stelle – lume del cielo
che ti verrà incontro con accogliente forza
la stessa del nascente sole

Mare in silenzio tra sciabordio
di onde in assolo – stupite al passaggio
di tanto splendore – luce improvvisa
dal canto del tuo spirito in vigore

15.12.2003 Poetyca
Fable

… And he tells of moon songs
in the light of day arising
and be fearless little fairy
to find again the path of the heart
– Sigh in pure light and glare –
Thirty more steps and knock
the door of time without fear

You are queen of the night
joy that will be reached bursts
in smiles soul with a new song

Pause drawing new routes
milkiness in the night sky
to count all the stars – light the sky
you will meet with friendly force
the same as the rising sun

Lapping of the sea in silence
wave ever – amazed to step
from time to shine – sudden light
part of your spirit into force

15.12.2003 Poetyca

Dono di parole – Gift of words


Dono di parole

Erano stelle
era polvere battuta dal vento
e irradiavano sogni
tra passi lontani
Sono respiri d’universo
che in un attimo raccogli
e poi apri la mano
E’ dono ora
che allarga orizzonti
nel respiro del tempo
Lo guardi il cielo
con occhi che catturan stelle
lo senti l’infinito alito
che dona brividi alla pelle
ed ora lo sai
era luce celeste
a far dono di parole
dall’anima sgorgate
e soffiate sulle tue ali

01.10.2003 Poetyca

Gift of words

They were stars
powder was windy
radiated and dreams
between steps away
Are breaths of universe
in an instant collector
and then open your hand
E ‘gift hours
that broadens horizons
in the breath of time
You look at the sky
with eyes that Catturani stars
Do you feel the infinite breath
that gives chills to the skin
and now you know
was light blue
to make a gift of words
flowed from the soul
and blow on your wings

01.10.2003 Poetyca

Vivo – Life


Vivo

Vivo di emozioni
che solleticano
restituisco stupore
e gioia che non si placa
Vivo di sogni
che pennelano il tempo
e ne conosco gli aliti
che confondono le sagome
Vivo di estese stagioni
piene di vita e mille colori
Vivo di pensieri
che indossano ali
per raggiungerti sempre
e di te fare il mio cielo
Vivo di stemperati istanti
con il loro valore
che resta scolpito dentro
Vivo delle tue parole
senza luogo e tempo
Vivo di respiri che scorrono
come brividi impazziti
sulla mia pelle
Vivo di armonie impalpabili
che mi fanno vedere
oltre ogni confine
Vivo di vita
che dell’anima
è il senso

13.09.2003 Poetyca

Live

Emotions live
tickling
I return amazement
and joy that is not subsiding
Living dreams
Time to brush
and I know the breaths
Confusing the shapes
Vivo expanded seasons
vibrant and colorful
Live thoughts
wearing wings
to reach ever
and you make my sky
Live moments dissolved
with their value
that is carved into
Live your words
without the time and place
Live breaths flowing
how crazy chills
on my skin
Live impalpable harmonies
that make me see
beyond borders
Live life
that the soul
is the sense

13.09.2003 Poetyca

Dono di parole


Dono di parole

Erano stelle
era polvere battuta dal vento
e irradiavano sogni
tra passi lontani
Sono respiri d’universo
che in un attimo raccogli
e poi apri la mano
E’ dono ora
che allarga orizzonti
nel respiro del tempo
Lo guardi il cielo
con occhi che catturan stelle
lo senti l’infinito alito
che dona brividi alla pelle
ed ora lo sai
era luce celeste
a far dono di parole
dall’anima sgorgate

01.10.2003 Poetyca

Gift of words

Were stars
powder was windy
and radiated dreams
between steps away
Are breaths of universe
in an instant collector
and then open your hand
And ‘gift hours
which broadens horizons
the breath of time
You look at the sky
with eyes that Catturani stars
you feel the infinite breath
that gives chills to the skin
and now I know
was light blue
to make a gift of words
flowed from the soul

01.10.2003 Poetyca

Ritrovi ora – Now finds



Ritrovi ora
Dimmi che puoi credere
socchiudendo gli occhi
dimmi che vedi
petali sciolti nelle brezze
cercare sogni
Allargando i cerchi del cuore
come acqua di un lago
dimmi che senti crescere
le sottili forme di vita
pronte a sfiorare
emozioni e pensieri
Sussurrante attimo
percorre brividi espansi
cattura ogni dimensione
ampliandone il senso
Esili dita accarezzano
nei silenzi estatici
il tuo raggiunto tempo
Spezzate solitudini
raccontano di voci
di sfiorate immagini
che racchiudono in gocce
la vita che nasce
Stringendo il cerchio
che allargava in piccole onde
la percepita distanza
ritrovi ora…
Il centro del tutto
che palpita in cuore
06.02.2003 Poetyca
Now finds

Tell me what you think
squinting
Tell me you see
loose petals in the breeze
search dreams
Widening circles of the heart
like water of a lake
Tell me you feel grow
the subtle forms of life
ready to tap
emotions and thoughts
Whispering moment
runs chills expanded
capture any size
extending the sense
Slender fingers caress
in the silence ecstatic
reached your time
Break solitudes
tell of entries
Touch of images
which is at drops
the origin of life
Tightening the circle
that widened into small waves
the perceived distance
find now …
The center of everything
pounding in the heart
06.02.2003 Poetyca

Perduta speranza – Lost hope


Perduta speranza

La perduta speranza
si è nascosta e va cercata
nell’angolo remoto del cuore
dove tutto attende
dove tutto è senza rumore
Ci sarà giorno diverso
senza nuvole che nascondano il sole
senza questa fredda angoscia
che calca i passi sulla mia anima
Solo i muti brividi come orme
costellano il silenzio
Senza nome e volto questo incubo
soffierei via ogni timore
se non ci fosse il buio a confondere
– solo voci urlano ora d’arrendermi –
…Ed attendo le luci d’alba

02.12.2003 Poetyca

Lost hope

The lost hope
is hidden to be found
remote corner of the heart
where everything looks
where everything is noiseless
There will be different day
without clouds hide the sun
without this cold anguish
that appears on the steps on my soul
Only the dumb chills as footsteps
punctuate the silence
Without a name and face this nightmare
blow away all fear
if there was no darkness to confuse
– Only hours screaming voices of surrender –
And wait … the lights of dawn

02.12.2003 Poetyca

Solo brividi – Only chills


Solo brividi

Se ti guardi intorno
non trovi i riflessi del cuore
solo questo buio
che non porterà lontano

Tasche vuote
senza meta
in oscuri orizzonti
come trappole mortali

Troppi dubbi
troppe paure
e la tua luce che chiama
solo occhi che non sanno guardare

Se ti arrampichi sui muri
delle divisioni
non trovi i percorsi
che nessuno vuol più segnare

E nel gemito della notte
tra le stelle ormai lontane
solo brividi raccolgono spazi
ma la speranza non la sai abbandonare

11.03.2003 Poetyca

Only chills

If you look around
you can not find the reflections of the heart
only this dark
not take away

Empty pockets
aimlessly
in the dark horizons
as death traps

Too many questions
too many fears
and your call light
only eyes that do not know how to look

If you climb the walls
Divisions
you can not find paths
that nobody wants to score

And the moan of the night
among the stars long gone
chills collect only spaces
but hope you know not to leave

11.03.2003 Poetyca

Alla ricerca di un fiore – Looking for a flower


 

Alla ricerca di un fiore

Siamo tutti
alla ricerca di un fiore
che nasca
da una pianta con profonde radici
e tra albe sempre nuove
sappia donare colore
ad ogni grigio momento

Siamo assetati di brina
e di una carezza lieve
che rafforzi speranze

Unico giardino
che regali certezze
e fioritura perenne
è l’accoglienza di un cuore

21.02.2003 Poetyca

Looking for a flower

We are all
looking for a flower
that arises
from a plant with deep roots
between sunrise and always new
will give the color
every time gray

We are thirsty for frost
and a mild stroke
that strengthens hopes

Unique garden
certainties that gifts
and flowering perennial
is the acceptance of a heart

21.02.2003 Poetyca

Io – Me


Io

Io cercatore di stelle e di luci d’alba
cammino sul filo di pensieri ed emozioni:
briciole raccolte negli attimi fuggenti

Io giovane e vecchio percorso
tra sterpi e rugiada posata
tra le ciglia del cuore

Io universo silente
che sfiora le notti
per trasformarle in giorno

Io che tutto conosco
nel furto dell’oblio
che beffardo rincorre

Io sogno concreto
tra le falde d’infinito
sono viaggiatore del tempo

Eccomi son io
che raccolgo scheggie di sogno
per aggiungere colori ai miei passi

25.10.2003 Poetyca

Me

I finder of stars and lights of dawn
Walk the line of thoughts and emotions:
crumbs collected in fleeting moments

I young and old path
between weeds and dew resting
between the lashes of the heart

I silent universe
nearly nights
days to turn them into

I know that everything
in the theft of oblivion
that mocking chases

Me concrete drem
between the slopes of Infinity
I m a time traveler

Here I am like I m
I gather that splinters of dreams
to add color to my feet

25.10.2003 Poetyca

Da oggi vive – From Today lives


Da oggi vive

Piccolo Angelo

che cerchi la strada
per un sogno perduto
non cercare ora
tra cocci di vetro
d’allargar la ferita
Piccola Anima
in cerca di pace
in un cammino
di colori vivi
– Raccatta la tua storia –
e fanne ora tesoro
perchè nessun anima è perduta
e potrebbe sempre ricominciare
con le ali spalancate
su deserti e incertezze
il suo perduto volo
Vola nei tuoi occhi
in cerca di tempi perduti
vola ancora e riaccendi
il valore dei tuoi sorrisi
Hai un cuore che batte
ed anche se ti tormenta
la tua storia
ricorda che mai nulla
è realmente perduto
se sai seminare
di speranza il seme
Asciuga lacrime e ricordi
e quella falsa salvezza
gettala lontana
Sei tu prezioso
e nulla deve annullare
anche l’ultimo spiraglio
d’un cielo che accolga
la tua anima stanca
Sorridi al tuo specchio
ed accendi il lume
che ti possa guidare
all’uomo che …
…- Da oggi vive! –

19.10.2003 Poetyca

From Today lives

Little Angel

you are looking for the road
for a lost dream
do not try hours
among shards of glass
widening the wound
Little Soul
in search of peace
in a way
bright colors
– picks up your story –
and are now treasures
because no soul is lost
and could always start over
with wings outstretched
on deserts and uncertainties
his lost flight
Fly in your eyes
in search of lost times
still flies and restart
the value of your smiles
You have a heart that beats
and even if you blizzard
your story
remember that anything
really lost
If you can sow
the seed of hope
Dries tears and memories
and the false salvation
throw it away
You’re precious
and nothing shall set aside
the last window of opportunity
of a sky that embraces
your weary soul
Smile to your mirror
and turn on the light
you can drive
the man who …
…- Now live! –

19.10.2003 Poetyca

Perchè è così – Cause  it is so


Perchè è così

E tu amico non ti chiedere dove ti condurrà la vita
o quante volte i nostri sguardi si sono incrociati
tu lo sai è una partita mai finita e anche se inciampi
se credi di doverti fermare per prendere fiato
trovi sempre la forza di credere a quello in cui hai sperato

Non è mai solitario il tuo cammino
ed anche se qualcosa s’è perduta
se le ferite nel silenzio bruciano
hai sempre la speranza e la volontà
che ti condurranno lontano

Mi hai cercata ancora una volta
ed io sono qua con un sorriso in tasca
e provo a capire dove poggiano le tue paure
se il tuo sogno s’arresta perchè tu lo vuoi
o è troppo faticosa la salita e cerchi una spinta

Mi dicesti un giorno che sono una fata
che posso colorare le parole e spargele nel vento
– fata della pioggia – che nutre ogni seme
mi hai detto che regalo arcobaleni
e tu vorresti intingerci le dita per colorarti l’anima

Ma tu lo sai che i pensieri son pioggia di stelle
che illuminano il cuore nelle notti buie
e il mio arcobaleno è quel lembo di cielo
che con sorriso ti voglio portare in dono
perchè è così che l’amicizia vive

07.03.2003 Poetyca

Cause  it is so

And you friend does not ask you where you lead your life
or how many times our eyes are crossed
You know a game is never finished and even if I stumble
if you think you have to stop for breath
you always find the strength to believe what you’ve hoped for

It’s never lonely on your journey
and even if something has run lost
if the burn wounds in silence
you always have the hope and the will
that will take you away

I’ve searched again
and I’m here with a smile in your pocket
and try to figure out where to rest your fears
if your dream stops because you want it
or is too busy getting on and looking for a boost

You told me one day that is a fairy
I can color the words in the wind and Spargel
– Fairy of the rain – that nourishes every seed
you told me that gift rainbows
and you would like to dip their fingers to paint the soul

But you know that thoughts are raining stars
that illuminate the heart on a dark night
and my rainbow is that strip of sky
with a smile that you want to bring a gift
because that’s how the friendship alive

07.03.2003 Poetyca

Libero – Free


Libero

Raccogli i frammenti di stelle
che illuminano questa notte
son caduti per farsi dono
e per restituirti nuova luce

Sorridi ancora e spera
anche se tutto il buio
fa paura e non credi
che la vita sia gioia

Solleva gli occhi al cielo
e fai scivolare in cuore
ogni emozionato palpito
ricorda che non sei solo

Le speranze mai svaniscono
e ritornano a condurti
più avanti d’un passo ancora
un sospiro e poi stringi i denti

Attendi la voce che chiama
e fatti avvolgere dai palpiti
che restituiscono vigore
ad ogni intenso attimo

Non dimenticare chi sei
non lasciar scivolare
con le lacrime il senso
di ogni tuo compiuto passo

Tutto è dono da svelare
ed anche le amarezze
contengono un seme
che vedrai germogliare

Credici ancora
non smettere
e sarai libero
da tutte le catene

13.01.2003 Poetyca

Free

Pick up the fragments of stars
that light up the night
have fallen to become a gift
To give new light and

Smile again and hopefully
even though all the darkness
afraid and do not believe
that life is joy

He raises his eyes to heaven
and slide in the heart
each pulse excited
remember that you are not alone

Hopes fade away never
and bring you back to
still a step ahead
a sigh and then tighten the teeth

Wait for voice calling
and enter without the heartbeats
that return force
every intense moment

Do not forget who you are
not to let slip
with tears in the sense
every step of your job

Everything is a gift to be revealed
and also the bitterness
contain a seed
you will see sprout

Believe again
do not stop
and be free
from all the chains

13.01.2003 Poetyca

Rubare un Angelo – Stealing an Angel


Rubare un Angelo

Nessuno mai potrebbe
rubare un Angelo
a nessuno infatti appartiene
e riesce a volare leggero
dove un cuore puro lo accoglie
Dove non nascono cortine di fumo
ad avvolgere il suo sentire
Nel buio la carezza leggera
che sfiora senza far rumore
nel buio si scioglie ogni istante
di tempo fermato e solo chi attende
senza mai nulla chiedere
facendo tacere i rumori della mente
lo sente vicino con la voce nel cuore

25.08.2003 Poetyca

Stealing an Angel
No one could ever
stealing an Angel
it belongs to none
lightweight and can fly
where a pure heart receives him
Where not born smokescreens
to wrap her feel
In the darkness the light caress
nearly without a sound
every moment in the darkness melts
Time stopped and only those who wait
without ever asking for anything
silencing the noise of the mind
closely with the voice he hears in the heart
25.08.2003 Poetyca

Solo tu – Only you


Solo tu

E’ leggera
la danza dell’anima
con colori d’arcobaleno
dispiegati a tingere
vorticosi attimi

Brucia di fuoco
– viva passione –
il tempo dinamico
nelle spire
del cuore

Occhi di luce
cercano occhi
e passi veloci
tra cortine di fumo

E al centro
del tutto
senza più nome
…Solo Tu

06.11.2003 Poetyca

Only you

It is light
dance, soul
colors of the rainbow
deployed to dye
giddy moments

Burning Fire
– Passion alive –
time dynamic
in the coils
heart

Eyes light
looking eyes
and quick steps
between smokescreens

And at the center
completely
without name
Only You …

06.11.2003 Poetyca

Santana – Live In Tokyo 2000 / Supernatural Tour (FULL CONCERT)


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=48z01HxVtjA]

Carlos Augusto Alves Santana (Autlán de Navarro, 20 luglio 1947) è un chitarrista e compositore messicano naturalizzato statunitense.

Ha cominciato a riscuotere consensi tra gli anni settanta e ottanta, con il suo gruppo, chiamato semplicemente Santana. Già allora mescolava vari generi, quali salsa,rock classico, blues e fusion. Allora come oggi Santana usava in modo estensivo i suoi assoli di chitarra e si avvaleva anche di strumenti più tradizionali del suo paese. In seguito ha continuato a sperimentare questa formula, tra alterne fortune.

Nel corso degli anni novanta Santana rischiò il declino, scongiurato nel 1999 dall’album Supernatural. Grazie a questo lavoro, il più importante successo della sua carriera, ha fatto conoscere la sua filosofia musicale alle nuove generazioni.

Ha venduto più di 80 milioni di dischi[2] ed è anche considerato tra i migliori chitarristi rock esistenti. La rivista Rolling Stone lo ha inserito nella Lista dei 100 migliori chitarristi secondo Rolling Stone al 20º posto.

http://it.wikipedia.org/wiki/Carlos_Santana

 

Carlos Santana (born July 20, 1947) is a Mexican and American musician who first became famous in the late 1960s and early 1970s with his band,Santana, which pioneered a fusion of rock and Latin American music. The band’s sound featured his melodic, blues-based guitar lines set against Latin and African rhythms featuring percussion instruments such as timbales and congas not generally heard in rock music. Santana continued to work in these forms over the following decades. He experienced a resurgence of popularity and critical acclaim in the late 1990s. In 2003 Rolling Stone magazine listed Santana at number 15[2] on their list of the 100 Greatest Guitarists of All Time.[3] He has won 10 Grammy Awards and three Latin Grammy Awards.[4]

http://en.wikipedia.org/wiki/Carlos_Santana

 

Radiohead


I Radiohead sono un gruppo musicale rock inglese proveniente dall’Oxfordshire e formatosi nel 1985. Fino al 1992, quando cambiarono nome, erano noti come On a Friday. Hanno venduto più di 30 milioni di dischi in tutto il mondo.

La band è formata da Thom Yorke (voce, chitarra, pianoforte), Jonny Greenwood (chitarra solista, tastiere), Ed O’Brien (chitarra, voce di supporto), Colin Greenwood (basso elettrico, sintetizzatori) e Philip Selway (percussioni).

I Radiohead pubblicarono il loro primo singolo, Creep, nel 1992. La canzone fu inizialmente un insuccesso, ma dopo la pubblicazione dell’album di debutto Pablo Honey, il singolo ebbe un inaspettato successo mondiale. L’album, seppur ben accolto negli Stati Uniti, passò quasi inosservato in Inghilterra. Il successo in patria arrivò solo con il secondo album, The Bends (1995), che fece guadagnare al gruppo numerosi fan. La loro reputazione crebbe ancor di più con l’uscita del terzo album; caratterizzato da un suono più esteso e dal tema ricorrente dell’alienazione moderna, OK Computer (1997) è riconosciuto da diversi critici come una pietra miliare della musica rock degli anni novanta.
Con i loro successivi album Kid A (2000) e Amnesiac (2001), la popolarità dei Radiohead arrivò ai massimi livelli. Con questi dischi la band conobbe un’ulteriore evoluzione del proprio stile musicale, fortemente influenzato dalla musica classica contemporanea, dal free jazz e dall’elettronica. Il loro sesto album, Hail to the Thief (2003), caratterizzato da testi maggiormente rivolti all’attualità, è sembrato mescolare influenze da tutta la carriera della band.

I Radiohead, dopo quattro anni di assenza dalle scene, nel 2007, completarono le registrazioni del loro settimo album, intitolato In Rainbows, disponibile per il download digitale a partire dal 10 ottobre 2007.

Nel 2011 il gruppo ha pubblicato il suo ottavo album in studio, The King of Limbs, scaricabile anch’esso dal sito della band a partire dal 18 febbraio 2011.

La rivista statunitense Rolling Stone ha incluso cinque album dei Radiohead nella sua lista dei 500 migliori album: Kid A alla posizione 67, The Bends alla 111,OK Computer alla 162,[14] Amnesiac alla 320 e In Rainbows alla 336.[16] La stessa rivista ha inoltre inserito i Radiohead alla posizione numero 73 nella propria lista dei 100 migliori artisti. Gli stessi cinque album sono inseriti nel libro 1001 Albums You Must Hear Before You Die.

https://it.wikipedia.org/wiki/Radiohead

Radiohead are an English rock band from Abingdon, Oxfordshire, formed in 1985. The band consists of Thom Yorke (lead vocals, guitar, piano), Jonny Greenwood (lead guitar, keyboards, other instruments), Colin Greenwood (bass), Phil Selway (drums, percussion, backing vocals) and Ed O’Brien (guitar, backing vocals).

Radiohead released their debut single “Creep” in 1992. It became a worldwide hit after the release of the band’s debut album, Pablo Honey (1993). Their popularity rose in the United Kingdom with the release of their second album, The Bends (1995). Radiohead’s third album, OK Computer (1997), propelled them to international fame; featuring an expansive sound and themes of modern alienation, OK Computer is often acclaimed as one of the landmark records of the 1990s and one of the best albums of all time.

Kid A (2000) and Amnesiac (2001) marked a dramatic evolution in Radiohead’s musical style, as they incorporated experimental electronic music, krautrock and jazz influences. Hail to the Thief (2003), a mix of piano and guitar rock, electronics, and lyrics inspired by war, was the band’s final album for their record label, EMI. Radiohead self-released their seventh album In Rainbows (2007) as a digital download for which customers could set their own price, to critical and chart success. Their eighth album, The King of Limbs (2011), was an exploration of rhythm and quieter textures, and was also self-released.

Radiohead have sold more than 30 million albums worldwide.[7] Their work places highly in both listener polls and critics’ lists of the best music of the 1990s and 2000s.[8][9] In 2005, they were ranked 73rd in Rolling Stone’s list of “The Greatest Artists of All Time”; Jonny Greenwood (48th[10]) and O’Brien were both included in Rolling Stone‍ ’​s list of greatest guitarists, and Yorke (66th[11]) in their list of greatest singers. In 2009, Rolling Stone readers voted the group the second best artist of the 2000s.

https://en.wikipedia.org/wiki/Radiohead