Risultati della ricerca per: 2004

Phil Collins – En Concert Complet a (Paris 2004)


Philip David Charles Collins (Londra, 30 gennaio 1951) è un cantautore, polistrumentista e musicista britannico, noto sia come solista sia come componente dello storico gruppo dei Genesis.

Collins è uno dei tre artisti (insieme a Paul McCartney e Michael Jackson), ad aver venduto oltre 150 milioni di album in tutto il mondo sia come solisti che come membri principali di una band[1].

https://it.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins

Philip David Charles “Phil” Collins, LVO (born 30 January 1951),[6] is an English singer, songwriter, multi-instrumentalist, music producer and actor. He gained fame as both the drummer and lead singer for the rock group Genesis, and he also gained worldwide fame as a solo artist.

Collins is one of the most successful songwriters and performers of all time, singing the lead vocals on dozens of hit albums and singles in the UK and the US between 1976 and 2010, either as a solo artist or with Genesis. His solo singles, sometimes dealing with lost love and often featuring his distinctive gated reverb drum sound, ranged from the atmospheric “In the Air Tonight“, dance-rock of “Sussudio“, piano-driven power balladAgainst All Odds“, to the political and religious connotations of “Another Day in Paradise“. Collins has been described by AllMusic as “one of the most successful pop and adult contemporary singers of the ’80s and beyond”.[1]

Collins joined Genesis in 1970 as the group’s drummer and became their lead vocalist in 1975 following the departure of the original lead singer Peter Gabriel. His solo career, which was launched in 1981 and was heavily influenced by his personal life and soul music, brought both himself and Genesis greater commercial success. Collins’s total worldwide sales as a solo artist are 150 million.[7] Collins has won numerous music awards throughout his career, including seven Grammy Awards, six Brit Awards—winning Best British Male three times, three American Music Awards, an Academy Award, two Golden Globe Awards and a Disney Legend Award in 2002 for his solo work.[8][9][10] He received a star on the Hollywood Walk of Fame in 1999, was inducted into the Songwriters Hall of Fame in 2003, and into the Rock and Roll Hall of Fame as a member of Genesis in 2010.[11][12] Collins was listed at number 22 in Rolling Stone magazine’s list of the “100 Greatest Drummers of All Time”.[13]

Collins is one of only three recording artists (along with Paul McCartney and Michael Jackson) who have sold over 100 million albums worldwide both as solo artists and (separately) as principal members of a band.[14] During his most successful period as a solo artist between 1981 and 1990, Collins had three UK number-one singles and seven number-one singles on the Billboard Hot 100 in the United States, as well as a U.S. number one with Genesis in 1986. When his work with Genesis, his work with other artists, as well as his solo career is totalled, Collins had more top 40 hits on the Billboard Hot 100 chart during the 1980s than any other artist.[15] In 2008, Collins was ranked the 22nd most successful artist on the “Billboard Hot 100 All-Time Top Artists”.[16] Although one of the world’s best-selling recording artists and a highly respected drummer, Collins has garnered significant criticism over the years from music journalists and fellow artists. He announced his retirement in 2011 to focus on his family life,[17][18] though he continued to write songs and in 2013 he said he was considering a return to the music industry.[19]

https://en.wikipedia.org/wiki/Phil_Collins

Sul sentiero del cuore – On the path of the heart


Sul sentiero del cuore


A tentare di cambiare se stessi perchè il giudizio degli altri diventa un

disagio,si rischia di procurarsi un disagio peggiore, infatti,ad andare contro la

propria natura sensibile,coprirla di razionale ” buonsenso”,si invade quello

che vorrebbe emergere,bloccandolo.

Se un seme sta per scostare lo strato di terriccio che lo ricopre, per

trovare la luce che lo faccia sviluppare bene,aggiungere una barriera con altra terra

ne fa sprecare le energie e poi cresce male.

Quindi si deve essere contenti,semplicemente,del fatto che malgrado gli

altri non comprendano,si possa essere se stessi.

Quale migliore soddisfazione e sensazione di armonia nell’essere capaci di

portare fuori il meglio di sè?

Mostrare ad esempio aggressività , quasi a dover difendere un territorio,

non è detto che sia manifestazione di coraggio ma spesso nascondono le paure.

Chi dunque è sereno, allegro,capace di entusiasmo e soprattutto di dono di sé

agli altri, malgrado sia consapevole di non cercare nulla in cambio,

credo si possa ritenere maggiormente generoso e sereno rispetto a chi,

per paura ed egoismo, tiene stretto il poco che è, nel timore

di perdere approvazione ed attenzione esterna.

Dunque si matura attraverso un cammino che non blocchi il livello di

crescita interiore ma, malgrado i previsti ostacoli non fa reagire

chiudendosi in se stessi. Chi consiglia o giudica,

chi interferisce sulle scelte degli altri o sul loro modo di essere

che è espressione di sensibilità ed esperienze di vita,

relativamente alla necessità di chiudersi, ritenendo sciocco

il continuare a dare, direi che si ci arrende e si fugge

e non si ascolta il coraggio del cuore.

Si,è la mente che confonde e desidera lanciare messaggi ” terroristici” che

facciano vedere come,malgrado si sia dato qualcosa non si è ottenuto nulla in cambio,

ma chi si ferma ad attendere qualcosa non segue la via della generosità libera

e spontanea,questa ma aspettativa: Essere schiavi delle aspettative è chiudersi in una prigione,

dimenticando dove sono le chiavi,essere capaci di non avere alcuna aspettativa è essere liberi

nel seguire il coraggio,lasciando alle spalle le paure ed essere capaci

di scegliere di camminare – qui ed ora – sul sentiero del cuore.


23.11.2004 Poetyca


On the path of the heart

A groped to change themselves because the opinion of others becomes a
discomfort, it could get worse discomfort, in fact, to go against
its sensitive nature, cover rational “common sense”, it invades the
that would emerge, locking it.

If a seed is about to pull away the layer of soil which covers it, for
find the light that it does develop well, add a barrier with more land
it is wasting energy and then grows ill.

Then you must be content simply to the fact that despite the
others do not understand, you can be yourself.

What better feeling of harmony and satisfaction in being able to
bring out the best in you?

Show such aggression, almost having to defend a territory,
is said to be a manifestation of courage but often hide their fears.

Who then is calm, cheerful, capable of enthusiasm and above all self-giving
others, despite being aware not to seek anything in return,
I think we can feel more generous and peaceful than those who
fear and selfishness, keep the little that is close, for fear
of losing approval and attention outside.

So you walk through a couple that does not block the level of
inner growth, but despite the obstacles set does not react
cut themselves. Who recommends or judges,
who interfere with the choices of others or on their way to be
which is an expression of feelings and life experiences,
regarding the need to close, feeling foolish
The continue to give, I would say that we give up and flee
and do not listen to the courage of the heart.

Yes, it confuses the mind and want to send messages “terrorist” that
We show how, despite being given is not something you got nothing in return,
But who stops to wait for something does not follow the way of free generosity
and spontaneous, but this expectation: Be slaves of expectations is locked in a prison
forgetting where the keys be able to have no expectation to be free
the courage to follow, leaving behind the fears and be able
choose to walk – here and now – on the path of the heart.

23.11.2004 Poetyca

Derek and the Dominos – Live at the Fillmore


Derek and the Dominos sono stati un supergruppo blues rock formatosi nella primavera del 1970 e di cui facevano parte il chitarrista e cantante Eric Clapton, il tastierista Bobby Whitlock, il batterista James Beck “Jim” Gordon e il bassista Carl Radle. Questi ultimi avevano già suonato con Clapton nei Delaney & Bonnie & Friends.

Il gruppo pubblicò un solo album studio, Layla and Other Assorted Love Songs, caratterizzato da importanti collaborazioni del chitarrista guest Duane Allman[1] degli Allman Brothers Band. L’album arrivò ad essere acclamato dalla critica, ma inizialmente fallì sia nelle vendite sia nell’airplay delle radio.

Nonostante fosse stato pubblicato nel 1970, il singolo Layla (il racconto dell’amore irrequieto tra Clapton e Pattie Boyd, moglie del suo amico George Harrison) entrò nella top ten sia negli Stati Uniti d’America sia nel Regno Unito solo nel marzo del 1972. Nel 2004 è stato inserito al 27º posto nella Lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone. L’album, che ha ricevuto apprezzamenti sia dalla critica sia dal pubblico, è spesso considerato l’apice della carriera di Clapton

https://it.wikipedia.org/wiki/Derek_and_the_Dominos

Derek and the Dominos were a blues rock band formed in the spring of 1970 by guitarist and singer Eric Clapton, keyboardist and singer Bobby Whitlock, bassist Carl Radle and drummer Jim Gordon. All four members had previously played together in Delaney & Bonnie and Friends, during and after Clapton’s brief tenure with Blind Faith. Dave Mason supplied additional lead guitar on early studio sessions and played at their first live gig. Another participant at their first session as a band was George Harrison, the recording for whose album All Things Must Pass marked the formation of Derek and the Dominos.

The band released only one studio album, the Tom Dowd-produced Layla and Other Assorted Love Songs, which also featured notable contributions on slide guitar from Duane Allman. A double album, Layla went on to receive critical acclaim, but initially faltered in sales and in radio airplay. Although released in 1970 it was not until March 1972 that the album’s single “Layla” (a tale of unrequited love inspired by Clapton’s relationship with his friend Harrison’s wife, Pattie Boyd) made the top ten in both the United States and the United Kingdom. The album is often considered to be the defining achievement of Clapton’s career.

https://en.wikipedia.org/wiki/Derek_and_the_Dominos

Legami – Linkages


Legami

Filo sottile
argenteo nastro
unisce pensieri

Srotolato animo
in sensibile vibrare
oltre ogni confine

Riconosciuto
percorso
che lega

Parole
senza voce
in aliti del tempo

07.03.2004 Poetyca

Linkages

thin wire
silver tape
combines thoughts

Snrolled soul
sensitive to vibrate
beyond borders

recognized
path
that binds

Words
voiceless
breaths in the time

07.03.2004 Poetyca

Cat Stevens Greatest Hits


Yusuf Islam, nato Steven Demetre Georgiou e a lungo conosciuto con il suo nome d’arte Cat Stevens (Londra, 21 luglio 1948), è un cantautore britannico.

Figlio di padre greco-cipriota (Stavros Georgiou) e madre svedese (Ingrid Wickman), cresce a Shaftesbury Avenue, nel quartiere di Soho a Londra, sopra il ristorante di proprietà del padre dove veniva spesso suonata musica popolare greca, dalla quale verrà influenzato.[2] Per un breve periodo della sua infanzia si sposta con la madre a Gävle in Svezia, dove impara i primi rudimenti della pittura dallo zio Hugo. Ciò influenzerà la carriera artistica del futuro Cat Stevens, spesso autore delle copertine dei propri album.

All’inizio della sua carriera musicale, Georgiou adotta il nome “Cat Stevens” dopo che un’amica gli fa notare che i suoi sembrano gli occhi di un gatto. Siamo in pieno periodo Swinging London, e Stevens incarna in pieno lo stereotipo del cantante pop commerciale dell’epoca, un’immagine dalla quale egli si distanzierà notevolmente negli anni a seguire. Dopo i primi due album Matthew and Son e New Masters, che ottengono un tiepido successo soprattutto grazie a qualche singolo come I Love My Dog, Stevens si ammala gravemente di tubercolosi e passa un certo periodo in un sanatorio di Midhurst, nella campagna inglese. Qui comincia a riflettere sul proprio futuro, sulla propria carriera (cambia casa discografica), sul proprio stile di vita, decidendo di operare un drastico cambiamento anche a partire dall’immagine: capelli più lunghi, barba e abiti più informali.

Il periodo lontano dalle scene lascia il segno e nel giro di due anni (1970 e 1971) dà alle stampe Mona Bone Jakon, Tea for the Tillerman e Teaser and the Firecat, che lo faranno diventare famoso in tutto il mondo: Lady D’Arbanville che arriva prima in Francia per quattro settimane, seconda nei Paesi Bassi ed ottava nel Regno Unito, Wild World, Father and Son, Morning Has Broken, Moonshadow, Peace Train tra le più celebri. Da segnalare la presenza tra i musicisti di artisti del calibro di Peter Gabriel (flauto in Katmandu) e Rick Wakeman, all’epoca quasi sconosciuti ai più.

Lo stile musicale che ne esce fuori è quello che contraddistinguerà Cat Stevens per tutta la sua carriera: chitarre acustiche in primo piano, sonorità delicate, richiami alla tradizione greca, testi a metà strada tra la canzone d’amore ed il misticismo, il tutto condito dalla calda vocalità dello stesso Stevens. In questo periodo partecipa alla colonna sonora del film Harold e Maude, con brani già editi e i due inediti Don’t Be Shy e If You Want to Sing Out, Sing Out. Gli album successivi Catch Bull at Four, Foreigner, Buddha and the Chocolate Box e Numbers abbandonano in parte lo stile acustico per soluzioni sperimentali più elettriche.
Yusuf Islam/Cat Stevens (2009)
Decisivo è in tal senso l’ingresso, nel gruppo di musicisti che accompagna Stevens, del tastierista Jean Roussell. Tra i brani di maggior successo di tali album vi sono Sitting, The Hurt e Oh Very Young. Nel frattempo Stevens intraprende una serie di tour intorno al mondo e arriverà a vendere oltre quaranta milioni di dischi. Il suo unico concerto in Italia si tiene a Roma nel 1974. Si trasferisce successivamente in Brasile per motivi di tasse, e comincia ad avvicinarsi a tematiche prettamente religiose. Nel 1976 suo fratello, di ritorno da un viaggio a Gerusalemme, gli regala una copia del Corano: quest’avvenimento segnerà la vita del cantautore.

Nel 1977, dopo aver rischiato di morire annegato a Malibù, secondo un aneddoto da lui stesso citato più volte, Stevens si converte all’Islam adottando il nome Yusuf Islam. Incide ancora Isitzo e Back to Earth dopodiché si ritira completamente dalle scene e diventa un membro eminente della comunità musulmana di Londra, aprendo anche la Islamia Primary School, una scuola nel nord della capitale britannica. Balza agli onori delle cronache nel 1989, quando apparentemente appoggia la fatwa lanciata contro lo scrittore Salman Rushdie per i suoi I versi satanici. In realtà Islam, il quale si trovava al Kingston Polytechnic di Londra per un incontro con gli studenti, si era limitato a spiegare il perché di quella condanna da parte del mondo musulmano, senza mai invocare direttamente alcuna sanzione, precisando successivamente che non avrebbe appoggiato la richiesta dell’ayatollah Khomeini in quanto lesiva della legislazione britannica. Questa controversia comunque gli avrebbe causato l’ostracismo di gran parte del mondo musicale per lungo tempo.

Nel 2004 Islam è di nuovo nell’occhio del ciclone quando gli viene negato l’ingresso negli USA perché il suo nome è nella lista degli indesiderati dopo gli eventi dell’11 settembre 2001. Il cantautore si trovava su un volo Londra-Washington, quando all’improvviso l’aeroplano viene dirottato in un altro aeroporto e Islam viene trattenuto e fatto tornare in patria. Il caso fa mobilitare anche l’allora Ministro degli Esteri britannico Jack Straw in difesa del cantante. Yusuf Islam vive tuttora a Londra con sua moglie e i suoi cinque figli. Ha fondato associazioni benefiche come Muslim Aid e Small Kindness per assistere le vittime della carestia in Africa. Inoltre, il cantante ha donato parte delle royalties del suo Box Set americano del 2001 al fondo per le vittime degli attentati dell’11 settembre 2001.

Tornato a calcare le scene, collaborando di nuovo con Peter Gabriel in occasione di un concerto in onore di Nelson Mandela a Johannesburg nel 2013, duettando con Ronan Keating il brano Father and Son, nel 2006 ha pubblicato l’album An Other Cup. Nel 2007 pubblica un DVD live, Yusuf’s Cafè Session, registrato durante un concerto tenuto al Porchester Hall di Londra, mentre nel 2009 esce il suo album Roadsinger, per il quale nel 2011 si è esibito in un tour europeo. Nel 2012 ha scritto, sceneggiato e prodotto un suo musical, denominato Moonshadow, in world premiere a Melbourne, con 58 appuntamenti in Australia: il tour europeo è ancora da definire. Nel 2014 partecipa come ospite alla serata iniziale del Festival di Sanremo dove propone Peace Train, Maybe There´s a World (con citazione di All You Need Is Love dei Beatles) e Father and Son e annuncia il suo prossimo album, in fase di ultimazione. Nel 2014 esce il suo ultimo album Tell ‘Em I’m Gone, metà cover e metà scritte da lui, accompagnato dal nuovo tour Peace train… late again tour con un’unica data italiana al Forum di Assago.

https://it.wikipedia.org/wiki/Cat_Stevens

Cat Stevens

Yusuf Islam (born Steven Demetre Georgiou, 21 July 1948), commonly known by his former stage name Cat Stevens, is a British singer-songwriter, multi-instrumentalist, humanitarian, and education philanthropist. His 1967 debut album reached the top 10 in the UK, and the album’s title song “Matthew and Son” charted at number 2 on the UK Singles Chart. His albums Tea for the Tillerman (1970) and Teaser and the Firecat (1971) were both certified triple platinum in the US by the RIAA.

His 1972 album Catch Bull at Four spent three weeks at number one on the Billboard 200, and fifteen weeks at number one in the Australian ARIA Charts. He earned two ASCAP songwriting awards in 2005 and 2006 for “The First Cut Is the Deepest”, and the song has been a hit for four different artists. His other hit songs include “Father and Son”, “Wild World”, “Peace Train”, “Moonshadow”, and “Morning Has Broken”. In 2007 he received the British Academy’s Ivor Novello Award for Outstanding Song Collection.

In December 1977, Stevens converted to Islam[10] and adopted the name Yusuf Islam the following year. In 1979, he auctioned all his guitars for charity[11] and left his music career to devote himself to educational and philanthropic causes in the Muslim community. He was embroiled in a long-running controversy regarding comments he made in 1989 about the death fatwa on author Salman Rushdie. He has received two honorary doctorates and awards for promoting peace from two organisations founded by Mikhail Gorbachev.

In 2006, he returned to pop music – releasing his first album of new pop songs in 28 years, titled An Other Cup. With that release and for subsequent ones, he dropped the surname “Islam” from the album cover art – using the stage name “Yusuf” as a mononym. In 2009, he released the album Roadsinger, and in 2014, he released the album Tell ‘Em I’m Gone, and began his first US tour since 1978. He was inducted into the Rock and Roll Hall of Fame in 2014.

https://en.wikipedia.org/wiki/Cat_Stevens

Elliott Smith


Elliott Smith, pseudonimo di Steven Paul Smith (Omaha, 6 agosto 1969 – Echo Park, 21 ottobre 2003), è stato un cantautore e musicista statunitense.

Dopo aver militato nella band Heatmiser per diversi anni, la sua carriera come solista è cominciata nel 1994. Nel 1998 ha acquisito notorietà internazionale dopo essere stato nominato all’Oscar come autore della canzone Miss Misery tratta dal film Will Hunting – Genio ribelle

Sebbene sia nato come musicista rock (in particolare post-punk e grunge), le sue prime canzoni sono essenzialmente acustiche. Nei suoi lavori più maturi, come XO e Figure 8, ha introdotto invece arrangiamenti più complessi, con suoni orchestrali influenzati dalla musica dei Beatles, che lo ha da sempre ispirato. Nel suo ultimo album From a Basement on the Hill ha però cercato di ricreare le atmosfere più scarne e asciutte dei suoi primi lavori

La sua figura malinconica e la sua tragica morte all’età di soli 34 anni (forse suicida a causa della forte depressione che lo tormentava, sebbene la verità non sia ancora stata accertata) hanno involontariamente fatto di lui uno degli ultimi miti del rock alternativo americano

https://it.wikipedia.org/wiki/Elliott_Smith

Steven PaulElliottSmith (August 6, 1969 – October 21, 2003) was an American singer-songwriter and musician. Smith was born in Omaha, Nebraska, raised primarily in Texas, and lived for much of his life in Portland, Oregon, where he first gained popularity. Smith’s primary instrument was the guitar, though he was also proficient with piano, clarinet, bass guitar, drums, and harmonica. Smith had a distinctive vocal style, characterized by his “whispery, spiderweb-thin delivery”,[1] and used multi-tracking to create vocal layers, textures, and harmonies.

After playing in the rock band Heatmiser for several years, Smith began his solo career in 1994, with releases on the independent record labels Cavity Search and Kill Rock Stars (KRS). In 1997, he signed a contract with DreamWorks Records, for which he recorded two albums.Smith rose to mainstream prominence when his song “Miss Misery”—included in the soundtrack for the film Good Will Hunting (1997)—was nominated for an Oscar in the Best Original Song category in 1998.

Smith suffered from depression, alcoholism, and drug dependence, and these topics often appear in his lyrics. In 2003, aged 34, he died in Los Angeles, California from two stab wounds to the chest. The autopsy evidence was inconclusive as to whether the wounds were self-inflicted. At the time of his death, Smith was working on his sixth studio album, From a Basement on the Hill, which was posthumously completed and released in 2004.

https://en.wikipedia.org/wiki/Elliott_Smith

Per una vita – For a life


Per una vita

Rifare un destino da inseguire,
sognare con un libro in mano:
colorando la vita con universi paralleli.

Colui che scrive, lasciando traccia sul foglio:
di vita,d’inganni e passioni,
di sogni e passi in un tempo senza prigioni
vorrebbe in quella traccia scritta
costruire realtà migliori
– sfogare quel che non è stato e che vorrebbe –
legare ad un palloncino da abbandonare in cielo
ogni voce che strozzata in gola non ha espresso la delusione.

Tracce d’inchiostro sulle dita
per una vita che da grigia
diviene colorata:
passioni e sogni da non cancellare
per inciderle ancora una volta
tra le pieghe del cuore.

E con penna
che diviene spada d’intenti
gettare addosso rabbia
o costruire il sogno
per una vita che valga la pena
di essere vissuta ed a tutti raccontata.

29.11.2004 Poetyca

For a life

Remaking a destiny to pursue,
dreaming with a book in hand:
coloring your life with parallel universes.

The writer, leaving traces on the sheet:
of life of deceit and passion,
of dreams and steps into a time without prisons
would in that written record
actually build the best
– The vent that was not and that would –
to tie a balloon to be left in the sky
every voice choked in my throat did not express disappointment.

Traces of ink on the fingers
for a life that has gray
becomes colored:
dreams and passions do not delete
to record once again
between the folds of the heart.

And with pen
which becomes the sword of intent
throw him angry
or build the dream
for a life worth
to be lived and told at all.

29.11.2004 Poetyca

Dall’altra parte – Other side


Dall’altra parte

Volti la faccia
dall’altra parte
quando s’offendono gli occhi
dalla visione
di una realtà che non accetti
Non cogli che un attimo
e vai lontano
verso le tue corse
all’inganno e all’illusione
per ottenere sempre tutto
senza aprire il cuore
Parole messe in fila
parole variopinte
per costruire la maschera
che sia sempre
la migliore
per l’inganno della sorte
che non porga mai
il bicchiere mezzo vuoto
sulla ruota della fortuna
Ma lui invece
è lì con la sua anima di stracci
con il sorriso che indaga
per comprendere ancora
cosa resterà mai
di una vita raccontata
tra strade di periferia
dove nessuno dica nulla
se occupi la strada
per chiedere qualcosa
che non sia solo
uno sguardo
di circostanza
Un cartone sotto pallide stelle
e la solitudine che gela
è solo questa l’eredità
del barbone

30.03.2004 Poetyca

Other side

You move your face
to other side
offended when the eyes
by the vision
a reality that acceptance
Did not appreciate that a second
and go away
around your runs
deception and illusion
you always get everything
without opening the heart
Words in a row
colorful words
to build the mask
that it is always
the best
for the deception of fate
not ever let him give
the glass half empty
wheel of fortune
But he instead
is there with his soul to rags
with a smile that investigates
to understand even
What will never
told of a life
between suburban streets
where no one say anything
if they occupy the road
to ask for something
that is not only
a look
occasional
A cartoon in the pale stars
and loneliness that freezes
This is only the legacy
the homeless

30.03.2004 Poetyca

Sono vita – Are life


Sono vita

Sono solo attimi
quelli catturati dal sogno
mille immagini
colorano i respiri
trattenuti nel silenzio
di chi rincorre
anche ora
ogni probabile vita
sospesa sul filo

Sono acrobati
che sfidano la sorte
tra mente che frena
e sentimenti in cerca
di vita e sorriso
come bolle di sapone
che durano troppo poco

Sono bambini
vestiti di fantasia
a sospirare
ancora una volta
verso i confini
dell’impossibile

Sono coriandoli di carta
a ricoprire la vita
di palpiti fuggenti
stretti nel pugno
per non farseli rubare

Sono memorie sparse
come biglie restituite
a frammenti di storia
in caleidoscopi vivi

Sono sorrisi
che prendono il volo
dove prima era nuvolo

Sono speranze
senza più fine

Sono vita

15.07.2004 Poetyca

Are life

They are just moments
those captured by the dream
thousand images
color to the breathing
detained in silence
of those chases
even now
every probable life
suspended on the wire

They are acrobats
defying fate
between the mind that restrains
and feelings in search
of life and smile
like soap bubbles
that last too little

They are children
fancy dress
to sigh
again
towards the borders
impossible

They are paper confetti
to cover the life
of heartbeats fleeting
tight in my fist
not to have them steal

They are scattered memories
like marbles returned
fragments of history
live in kaleidoscopes

There are smiles
taking flight
where before it was overcast

There are hopes
without end

Are life

15.07.2004 Poetyca

Magazine


[youtube https://www.youtube.com/watch?v=pzkZy7J9-mo]

Magazine è un gruppo musicale post-punk inglese formatosi a Manchester nel 1977 e attivo fino al 1981, prima della reunion avvenuta nel 2009.

Il singolo di debutto del gruppo è la hit Shot by Both Sides, mentre l’album d’esordio è Real Life.

Nel 2004 il chitarrista e fondatore John McGeogh è deceduto.

Nel 2009 la band si è riunita e nel 2011 ha pubblicato un disco di materiale inedito intitolato No Thyself.

https://it.wikipedia.org/wiki/Magazine_(gruppo_musicale)

 

Magazine were an English post-punk band active from 1977 to 1981, then again from 2009-2011. The band was formed by Howard Devoto after leaving punk bandBuzzcocks in early 1977. Devoto had decided to create a more progressive and less “traditional” rock band.

Magazine reunited in 2009 for a UK tour, with almost all the remaining members of the “classic” lineup, with the exception of guitarist John McGeoch, who died in 2004. He was replaced by Noko, who had played with Devoto in Luxuria. Magazine released an album of new material, No Thyself, in October 2011, followed by a short UK tour.

https://en.wikipedia.org/wiki/Magazine_(band)

 

Canto d’amore – Song of Love


Canto d’amore

Libertà
compagna fraterna
del pensiero
che porta in cuore
l’accoglienza
di un mondo vero
costruito
di sensibili passi
Oltre l’orizzonte
di parole
raggi stesi
su occhi stanchi
che accarezzano
tutto il sentire sensibile
Sulle spalle di un mondo
senza più traguardi
solo respiro e battito
di ogni canto
colorato d’amore

25.02.2004 Poetyca

Song of Love

Freedom
fraternal companion
of thought
which leads to heart
the reception
of a real world
built
sensitive steps of
Beyond the horizon
of words
rays lying
of tired eyes
that caress
heard around the sensitive
On the shoulders of a world
without goals
single breath and heartbeat
of each hand
color of love

25.02.2004 Poetyca

Senza lotta – Without struggle



Senza lotta

E mi conduco a lei
che con benevole braccia
accoglie
-senza lotta-
è il mio sentire
in colorate proiezioni
– linfa d’energia –
con onirici passi
di pensiero che crea:
mondi e mondi ancora
per lasciare tracce
d’un sogno che vive
Lei guarda
con fare benevolo
e sussurra
il senso del percorso
che prende il suo nome :
Vita

09.03.2004 Poetyca

Without struggle

And they bring myself to her
that with benevolent arms
welcomes
free-fight-
is my feeling
in colorful projections
– Sap energy –
with dreamlike steps
of thought that creates:
worlds and worlds yet
to leave traces
to a dream of living
she looks
done with beneficent
and whispers
the direction of the path
which takes its name:
life

09.03.2004 Poetyca

E sei tu – And you are …


…E sei tu

Intrecci e percorsi
di un tempo senza passi
Corse e fermate
ad ascoltare i sogni
che conoscono mistero
di perduti luogi
e ricercati orizzonti
nelle soffuse atmosfere
di tenue colore
Oltre il conosciuto
oltre il taciuto
respira la brezza
che tutto carezza
sospingi il sentire
oltre ogni confine
…E sei tu
che sveli
ogni incertezza
Sei tu che colmi
ogni intuizione
per trovare
intorno quel che
la tua anima contiene

06.01.2004 Poetyca

And you are …

Plots and paths
a long distance without
Race and stops
listening to dreams
who know the mystery
Located places of lost
and sought horizons
in soft atmospheres
of soft color
Besides the known
than silent
breathe the breeze
everything caress
drives the feel
beyond borders
And you are …
that reveal
uncertainty
You who filled
any insight
finding
around what
Your soul contains

06.01.2004 Poetyca

Consapevole – Aware


Consapevole

Consapevole
è quel sentire
che conduce altrove
dove sussurrano
parole

Consapevole
è l’istante
che nello sguardo
riflette un tempo
di vacue attese

Consapevole
è l’amaro cammino
di chi non è compreso
per quel sottile filo
che lega al mistero

29.01.2004 Poetyca

Aware

Aware

is felt that
that leads elsewhere
where whisper
words

Aware
is the moment
that in the eyes
reflects a time
of empty hopes

Aware
bitter is the way
who is not included
to that thin thread
that binds to the mystery

29.01.2004 Poetyca

Tutto e niente – Everything and nothing


Tutto e niente

Tutto e niente
come pensiero
che accarezza
– Foglia che cade
sfiorata dal vento –

Tutto e niente
nell’ansia dei giorni
che svaniscono lenti
mentre tu cerchi
una brezza leggera
per essere piuma
oltre l’orizzonte

Tutto che riempie
e niente tra le dita
verso il cammino
della tua anima
che scioglie il tempo

Ascolta ora il silenzio
che avvolge lieve
tra aliti di nuove parole
oltre quel che odi
troverai il tuo sentire

27.01.2004 Poetyca


Everything and nothing

Everything and nothing
as thought
caressing
– Falling leaf
touched by the wind –

Everything and nothing
of days in anxiety
slow fading
while you seek
a gentle breeze
for foam
beyond the horizon

All that fills
and nothing between the toes
towards the path
of your soul
that melts the time

Play now the silence
surrounding light
between breaths of new words
beyond that you hate
find your hear

27.01.2004 Poetyca

Itinerario – Itinerary


🌸Itinerario🌸

In questo
silenzio
mi rincorrono
le parole

Pietra
d’inciampo
è qualche
antico pensiero

Sono onde
e non ho più
la mappa
delle emozioni

Getto via
il mio orologio
e mi abbraccia
l’infinito

11.06.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Itinerary

in this
silence
the words
chase me

Stone
of stumblock
is some
ancient thought

Are waves
and I no longer
have
the emotions map

I cast
my watch
and embraces
the infinite

11.06.2020 poetyca

ERIC CLAPTON Live at Budokan, Tokyo, 2001


Eric Patrick Clapton (IPA: [ˈɛɹɪk ˈpætɹɪk ˈklæptən]; Ripley, 30 marzo 1945) è un cantautore, chitarrista e compositore britannico.

Soprannominato «Slowhand» («Mano lenta») e «God» («Dio»), definito da Chuck Berry «The Man of the Blues» («l’uomo del blues»), Clapton è annoverato fra i chitarristi
blues e rock più famosi e influenti.

Nell’arco della sua lunga carriera, ha collaborato con altri artisti acclamati e ha militato in numerosi gruppi (The Yardbirds, John Mayall & the Bluesbreakers, Cream,
Blind Faith, Delaney & Bonnie, Derek and the Dominos) prima di affermarsi come solista, sperimentando nel corso degli anni svariati stili musicali, dal blues di matrice
tradizionale al rock psichedelico, dal reggae al pop rock.

https://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Clapton
Eric Patrick Clapton, CBE (born 30 March 1945), is an English rock and blues guitarist, singer and songwriter. He is the only three-time inductee to the Rock and Roll
Hall of Fame: once as a solo artist and separately as a member of the Yardbirds and Cream. Clapton has been referred to as one of the most important and influential
guitarists of all time.[1] Clapton ranked second in Rolling Stone magazine’s list of the “100 Greatest Guitarists of All Time”[2] and fourth in Gibson’s “Top 50
Guitarists of All Time”.[3] He was also named number five in Time magazine’s list of “The 10 Best Electric Guitar Players” in 2009 [4]

In the mid-1960s, Clapton left the Yardbirds to play blues with John Mayall & the Bluesbreakers. Immediately after leaving Mayall, Clapton formed the power trio Cream
with drummer Ginger Baker and bassist Jack Bruce, in which Clapton played sustained blues improvisations and “arty, blues-based psychedelic pop”.[5] Furthermore, he
formed blues rock band Blind Faith with Baker, Steve Winwood, and Ric Grech. For most of the 1970s, Clapton’s output bore the influence of the mellow style of JJ Cale
and the reggae of Bob Marley. His version of Marley’s “I Shot the Sheriff” helped reggae reach a mass market.[6] Two of his most popular recordings were “Layla”,
recorded with Derek and the Dominos; and Robert Johnson’s “Crossroads”, recorded with Cream. Following the death of his son Conor in 1991, Clapton’s grief was expressed
in the song “Tears in Heaven”, which featured in his Unplugged album.

Clapton has been the recipient of 18 Grammy Awards, and the Brit Award for Outstanding Contribution to Music. In 2004, he was awarded a CBE at Buckingham Palace for
services to music.[7][8][9] In 1998, Clapton, a recovering alcoholic and drug addict, founded the Crossroads Centre on Antigua, a medical facility for recovering
substance abusers.

https://en.wikipedia.org/wiki/Eric_Clapton

Pace – Peace


Pace
Quattro lettere
che regalano solo un sogno
stretto in un pugno
e mai lasciato
in un cielo dipinto di stelle
Respiro del tempo
che restituisca
solo il senso
di sangue e lotte
del nostro passato
Passi nell’ombra
e sorrisi di un bimbo
che ha ancora il diritto
di vedere il futuro
ancora più ricco
Ricco di luce
e di vittorie
in un cuore
capace di respirare
solo una vita intessuta di pace
23.11.2004 Poetyca
Peace
Four letters
that offer only a dream
in a tight fist
and never left
in a sky painted with stars
Breathing time
that returns
only the sense
of blood and strife
of our past
Steps in the shadows
and smiles of a child
that still has the right
to see the future
richer
Full of light
and victories
in a heart
able to breathe
only a life rich in peace
23.11.2004 Poetyca

Lucciole di niente – Fireflies of nothing



Lucciole di niente
Mille lucciole di niente
ripercorrono sentieri
di un amore sfuggito
e nato soltanto ieri

Erano le nostre speranze
con i sogni dipinti
su soffitti di cielo

Mille carezze si rincorrono
di fronte al mistero
di giorni silenti

Erano le nostre gioie
da comunicare
oltre ai sorrisi vivi

Mille lacrime scivolano
come sfioriti ricordi
e l’attesa desidera voce

Per comprendere
per conoscere
per essere qui…ancora

Ma tace il cuore
che attendeva
soltanto una parola

01.02.2004 Poetyca
Fireflies of nothing
A thousand fireflies than nothing
trace paths
a love escaped
and born only yesterday

Our hopes were
with dreams paintings
sky on ceilings

Chase a thousand caresses
before the mystery
days of silent

Were our joys
to communicate
in addition to smile alive

A thousand tears slide
as faded memories
and want to voice the expectation

To understand
to know
to be still here …

But the silent heart
waiting
only a word

01.02.2004 Poetyca

Pensieri di vita – Thoughts of life …


Pensieri di vita …

La vita tavolozza di colori
che spesso graffia l’anima
Sorrisi che si spengono
come lampioni senza più luce

Cammini cercando
un senso
alla tua noia
e affondi le mani in tasca

Foglie prigioniere
in mulinelli
lasciano che il vento
le strappi via

Malinconico tempo
che brucia tutto
in un solo istante
e scuote la nostalgia

Ma cercherò ancora
vecchie risate
e catturerò ora
l’ultimo raggio di sole

12.01.2004 Poetyca

Thoughts of life …

The life of colors
often scratch the soul
Smiles fade
as lamps without light

Walk looking
a sense
your boredom
and thrusts his hands in his pockets

Leaves prisoners
eddies in
let the wind
the rip

Melancholy time
Burning all
in an instant
shakes and nostalgic

But I will try again
old laughs
and capture hours
the last ray of sunshine

12.01.2004 Poetyca

Oltre il velo – Beyond the veil


🌸Oltre il velo🌸

Stai attento
non inciampare
in ciò che appare

Tu puoi
vedere oltre
e cambiare le cose

Un inizio
ed un suono
per connettersi ora

Dove tutto
è adesso
solo amore

06.06.2020 Poetyca
🌸🍃🌸#Poetycamente
🌸Beyond the veil

Watch out
do not trip
in what appears

You can
see below
and change things

A start
and a sound
just to connect

Where everything
Is now
only love

06.06.2020 Poetyca

Sogno e realtà – Dream and Reality


Sogno e Realtà

Com’è cieco colui che immagina
e progetta qualcosa
fino ai più realistici dettagli.
e quando non riesce a darne conto interamente
con misure superficiali e prove verbali,
crede che la sua idea
e la sua fantasia siano vanità!
Se invece riflettesse con sincerità,
si convincerebbe che la sua idea è reale
tanto quanto l’uccello in volo,
solo che non è ancora cristallizzata;
e capirà che l’idea è un segmento di conoscenza
ancora inesplicabile in cifre e parole,
poichè troppo alta e troppo vasta
per essere imprigionata
nel momento presente;
ancora troppo profondamente immersa
nello spirituale
per piegarsi al reale.

Kahlil Gibran

Amicizia Virtuale

A te che ti avvicini seguendo
l’equilibrismo dei miei pensieri
e raccogli le storie di oggi
e le delusioni di ieri,
che vivi in questo mio presente
tra speranze e delusioni,
sorridendo ed ascoltando il mio sentire,
potrei regalare le prospettive nuove.
Le speranze pronte a volare
senza nuvole grigie
ma con mille raggi di sole.
Vorrei stringere una mano
guardandoti negli occhi,
vorrei far vivere il mio mondo
e tutto il suo calore,
e di cose belle o brutte
ne avrei da dire
se tu fossi presente
e non sogno o illusione,
se tu fossi reale
e non personaggio
di un mondo troppo virtuale.
La fiducia mia non è cieca
ed anche se il desiderio
di un vero amico mai si acquieta,
ho imparato ora a capire
la differenza tra un sogno
e la realtà che vuole ingannare.
Tra i tanti personaggi
di questo mondo strano,
ho trovato te
che comprendi e leggi dentro al cuore
ogni sottile palpito e traduci in parole
anche quello che non saprei dire.
Uno specchio che immagine riflette
di ogni mio pensiero.
Fortuna è la mia
ed allora ti prego…
Non mi svegliare.
Amico proveniente dal mondo
detto dell’inganno,
io ne sono certa,
tu non ne fai parte
perché nel mio cuore
Vivi e sei sempre reale.

Poetyca

Gocce di malinconia

Era il tempo andato
compagno di viaggio
di un itinerario
ormai stanco

Erano pensieri vivi
che accompagnavano
i nostri passi
poi persi per strada

Era voglia di essere
per una volta ancora
il desiderio ed il suono
di vita che si rinnova

Poi tutto si nascose
ai nostri occhi
ed al cuore
con invisibili ferite
che è tardi ricucire

Mi chiedo ancora il perché
ma muta resta l’anima
senza risposta alcuna
ed è rimpianto
del silenzio che un tempo
tra di noi comunicava

Ora è peso che trascina
questi pensieri di nulla
questa malinconia quieta
che non rincorre la lotta

Per essere ancora vivi
oltre il confine del niente
perché niente resta
se tu non raccogli
barlumi di speranza

30.03.2004 Poetyca

Dream and Reality

How blind man who imagines
and design something
to the more realistic details.
and when it fails to give account of all
with surface temperature measurement and verbal tests,
believes that his idea
and his imagination is vanity!
If, however, reflect sincerely,
convince you that his idea is real
much as the bird in flight,
just not yet crystallized;
and realize that the idea is a segment of knowledge
still unexplained in figures and words,
as too high and too wide
to be captured
in the present moment;
too deeply immersed
in the spiritual
to bend to reality.
Kahlil Gibran
Virtual Friendship
To you who you approach following
the balance of my thoughts
and collect the stories of today
and disappointments of yesterday,
who live in this my present
hopes and disappointments,
smiling and listening to my feelings,
I could give new perspectives.
Hopes ready to fly
no gray clouds
but with a thousand rays of sunshine.
I would like to shake a hand
looking in your eyes,
I want to live my world
and all its heat,
and things good or bad
I’d have to say
if you were present
and not a dream or illusion,
if you were real
and character
a virtual world too.
My trust is not blind
and even if the desire
a true friend never calms,
I have learned now to understand
the difference between a dream
and the reality they wish to deceive.
Among the many characters
of this strange world,
I found you
You understand and read into the heart
every subtle pulse and translate it into words
I do not know even what to say.
A mirror image reflected
of my every thought.
Luck is my
and then please …
Do not wake me up.
Friend from the world
said the deception,
I am sure,
you did not do the
because in my heart
You live and you are always real.
Poetyca
Drops of melancholy
It was the time went
travel companion
a route
tired
Thoughts were alive
that accompanied
our steps
then lost their way
He was willing to be
for once again
the desire and the sound
of life that is renewed
Then it all hid
our eyes
and heart
with invisible wounds
it’s late mend
I still wonder why
but the soul remains silent
any unanswered
and regret
of silence that once
communicated between us
Now it’s weight that drags
these thoughts of anything
this melancholy quiet
that does not chase the fight
To be alive
beyond the boundary of nothing
because nothing is
if you do not collect
glimmers of hope
30.03.2004 Poetyca

Il racconto di una vita – The story of a life


Il racconto di una vita

( dedicata alla poetessa Sylvia Plath )

Forza
impeto
passione
per la vita
e per tutto quello
che sa donare

– Senza pelle –
tutto ferisce e penetra
solo abbandono
toglie il respiro
s o f f o c a

Passi decisi
in una vita
da conquistare
ma dentro
quante paure
quanta tristezza
ed è sempre colpa
per non essere
troppo perfetta

Scivolano lievi
queste lacrime
sembrano petali
e mi sfiorano
m e n t r e
non comprendo ancora
cosa accade…

…..
E se poi sarà
silenzio
chi mi verrà
a cercare?

24.01.2004 Poetyca

The story of a life

(Dedicated to the poet Sylvia Plath)

Strength
impetus
passion
for life
and for everything
who can donate

– Skinless –
All wounds and penetrates
leaving only
breathtaking
s u f f o c a t e s

Decisive steps
a life
to conquer
but within
many fears
much sadness
and always blame
not to be
too perfect

Slight slip
these tears
seem petals
and touch me
w h i l e
I do not understand yet
What happens …

…..
And if it will
silence
Who will be
to find me?

24.01.2004 Poetyca

Deus


I dEUS sono un gruppo musicale indie rock di Anversa (Belgio), nato all’inizio degli anni novanta e tuttora attivo.
Il loro stile è caratterizzato da una eclettica combinazione di elementi tratti da diversi generi musicali, in particolare rock, punk, blues e jazz, in cui si
riconoscono l’influenza di artisti eterogenei quali Velvet Underground, Captain Beefheart, Charles Mingus e Leonard Cohen.
Il nucleo originale dei dEUS, formato da Tom Barman, Stef Kamil Carlens, Klaas Janzoons e Jules De Borgher, si formò nel 1991 ma pubblicò il primo album in studio nel 1994.

Il loro lavoro di debutto, Worst Case Scenario, viene talvolta considerato uno degli album più influenti degli anni ’90, e rivela già completamente
l’eclettismo stilistico di questa band. Vi si trovano elementi che ricordano Sonic Youth, Yo La Tengo e Pixies, composti in un art rock arricchito di soluzioni jazz e sperimentali.

Nel 1993 si unisce a loro l’eclettico chitarrista e pittore Rudy Trouvé, artefice delle copertine dei primi lavori, che lascerà la band due anni dopo.

Nel 1995 i dEUS pubblicarono un EP intitolato My Sister Is My Clock composto da una sola traccia della durata di 25 minuti e composta a sua volta da 13 brevi tracce.

Nel 1996 il loro secondo album In a Bar, Under the Sea, rispetto al precedente più orientato a soluzioni melodiche e pop, pur interpretate in uno spirito arty.

Dopo l’abbandono di Carlens (che decide di formare una band tutta sua, i Moondog Jr.), il gruppo pubblicò The Ideal Crash (1999), il loro disco più conosciuto, nel quale il gruppo riuscì a fondere l’anima psichedelica e alla continua ricerca di nuove sonorità, con quella più intima e pacata. In questo album infatti sono presenti canzoni che ricordano lo stile di Worst Case Scenario, come ad esempio la traccia d’apertura Put the freaks up front e la title track The Ideal Crash, ma anche canzoni più melodiche come Sister Dew e Instant Street, per finire al lo-fi di Dream sequence #1.

Barman nel 2003 scrive e dirige il film Any Way the Wind Blows.

Nel 2004 Barman ruppe il silenzio, collaborando con C.J. Bolland alla creazione del progetto di musica elettronica chiamato Magnus. Diversi cambiamenti di organico portarono più volte la band sul punto dello scioglimento. Nel 2005, tuttavia, Barman ha pubblicato (insieme a una formazione rinnovata e inedita:
Klaas Janzoons, Stéphane Misseghers, Alan Gevaert e Mauro Pawlowski) il quarto album dei dEUS, Pocket Revolution.

Nel 2007 il gruppo è tornato in studio per registrare il quinto lavoro dal titolo Vantage Point uscito il 21 aprile del 2008. A questo lavoro collabora Karin Dreijer Andersson dei Knife (in Slow). La protagonista del videoclip del singolo Eternal Woman è l’attrice toscana Martina Stella.

Il frontman Tom Barman nel gennaio 2011 aveva dichiarato che ad aprile 2011 sarebbe uscito il nuovo album dal titolo Keep You Close, uscita poi posticipata per il settembre dello stesso anno. Il 19 luglio 2011 esce il primo singolo, dal titolo Constant Now, mentre il nuovo album è uscito il 20 settembre dello stesso anno. Ospite della band, in due tracce, Greg Dulli (Afghan Whigs).

Poche settimane dopo la pubblicazione di Keep You Close, la band ritorna in sala di registrazione e attraverso il suo sito ufficiale la band annuncia l’uscita di un nuovo album, pubblicato l’8 giugno 2012 ed intitolato Following Sea.

Alla fine del 2014 la band pubblica, in occasione del ventennale dalla sua formazione, l’antologia doppia “Selected Songs 1994-2014” che raccoglie gli episodi più significativi tratti dalla loro discografia.

https://it.wikipedia.org/wiki/DEUS

Deus (styled as dEUS) is a rock band based in Antwerp, Belgium, whose only continuous members up to the present day are Tom Barman (vocals, guitars) and Klaas Janzoons (keyboards, violin). The rest of the band’s line-up currently consists of drummer Stéphane Misseghers, bassist Alan Gevaert and guitarist/backing vocalist Mauro Pawlowski.

Formed in 1991, Deus began their career as a covers band, but soon began writing their own material Their musical influences range from folk and punk to jazz and progressive rock. They first came to attention in Humo’s Rock Rally of 1992, and after the release of the four-track EP “Zea”, they were offered a recording contract with Island Records. They became the first Belgian indie act ever to sign to a major international label

https://en.wikipedia.org/wiki/Deus_(band)

Esser dono – Be a gift


Esser dono

Son nascoste le parole
nel comune vibrare
– frammenti di cielo –
in un infinito abbraccio
che inghirlandi il respiro

Son avvolti i sensi
di percorsi d’estasi
per volare insieme
oltre il sentito dire
di traiettorie lontane

Son vita e vita ancora
che s’innalza e impenna
che avvolge e trema
nell’abbandono che avvinghia
tutto l’essere che si dona

07.02.2004 Poetyca


Be a gift

Words are hidden
vibrate in common
– Bits of sky –
in an infinite embrace
Which circle breathing

The senses are reeling
routes of ecstasy
to fly together
over heard
trajectory away

I am still living and life
that rises and rears
that surrounds and trembles
abandonment that clings
be all that is given

07.02.2004 Poetyca

Antony & The Johnsons


Gli Antony and the Johnsons sono un gruppo musicale di New York.
Nato in Inghilterra, a Chichester, West Sussex nel 1971, Antony Hegarty si trasferì ad Amsterdam nel 1977 per 18 mesi prima di sistemarsi a San José
(California) nel 1981. Negli Stati Uniti frequenta una scuola cattolica dove fa parte del coro. Al suo 11º compleanno gli viene regalata una tastiera Casio e si cimenta con le canzoni dei Soft Cell, Kate Bush e Yazoo. Da adolescente fu influenzato dal synth pop britannico, in particolare da cantanti come Marc Almond e Boy George. Attratto dal palcoscenico, frequenta la School for the Performing Arts di San José e l’Università della California a Santa Cruz. All’età di 18 anni mette in scena le prime performance, ispirate a John Waters e all’icona-guru Divine. Attratto dal mondo newyorchese degli anni ottanta, ispirato anche da personaggi come Joey Arias che cantava A Hard Day’s Night vestito da Billie Holiday, si trasferisce nella grande mela. Il “Mondo di New York” risulta essere più consono alla sua sensibilità artistica e alla sua ricerca espressiva incentrata sul tema dell’identità.

Nel 1990 Antony entra nella dimensione che più sente appartenergli, impersonando una drag queen ed esibendosi al Pyramid Club in guêpière, testa rasata e sigaretta fra le dita. Antony (con gli altri componenti del gruppo, i Blacklips) scrive scenari, canzoni, arrangiamenti ed entra in scena in tarda notte come Fiona Blue, drag queen e archetipo androgino ispirato da Klaus Nomi, Leigh Bowery e Diamanda Galas. Nello stesso periodo Antony si laurea in Teatro Sperimentale.

Nel 1995 Antony decide di dedicarsi completamente alla musica, dai Blacklips appena sciolti chiama il batterista Todd Cohen, che insieme a Joan Wasser e Maxim Moston ai violini, Jeff Langston al basso elettrico, Jason Hart al piano e Michele Schifferle ospite al violoncello, formano l’orchestra artefice dei raffinati arrangiamenti delle sue composizioni. Nascono così Antony and the Johnsons, nome ispirato a Marsha P. Johnson, il travestito newyorchese che nel 1970 fondò la casa di accoglienza per travestiti STAR, la cui tragica fine nel fiume Hudson sarà evocata in River Of Sorrow.

https://it.wikipedia.org/wiki/Antony_and_the_Johnsons
Antony and the Johnsons is a music group presenting the work of Antony Hegarty and her collaborators.

British experimental musician David Tibet of Current 93 heard a demo and offered to release Antony’s music through his Durtro label. Antony started the band, its name inspired by the transgender rights activist Marsha P. Johnson.[3] The debut album, Antony and the Johnsons, was released in 1998. In 2001, Hegarty released a short follow-up EP, I Fell in Love with a Dead Boy, which, in addition to the title track, included a cover of “Mysteries of Love”, a David Lynch/Angelo Badalamenti song and “Soft Black Stars”, a Current 93 cover.

Producer Hal Willner heard the EP and played it to Lou Reed, who immediately recruited Hegarty for his project The Raven. Now gaining more attention, Hegarty signed to US-based record label Secretly Canadian, and released another EP, The Lake, with Lou Reed guest-performing on one of the tracks. Secretly Canadian also re-released Hegarty’s debut album in the United States to wider distribution in 2004.

Antony’s second full-length album, 2005’s I Am a Bird Now, was greeted with positive reviews and significantly more mainstream attention. The album featured guest appearances by Lou Reed, Rufus Wainwright, Boy George and Devendra Banhart, and circled themes of duality and transformation. I Am a Bird Now featured arrangements by Maxim Moston and Julia Kent and was mixed by Doug Henderson. In September 2005 Antony and the Johnsons were awarded the Mercury Prize or the best UK album of 2005. Rival Mercury nominees, and favorites for the prize, the Kaiser Chiefs suggested that Antony got in on a technicality; despite the fact she was born in the United Kingdom she spent much of her time in the US – although they later apologized for the suggestion that she wasn’t a deserving winner.
https://en.wikipedia.org/wiki/Antony_and_the_Johnsons

Soft Cell


Soft Cell è un duo britannico di musica elettronica dei primi anni ottanta che riscosse un buon successo di pubblico e di critica, composto da: Marc Almond (voce) e David Ball (sintetizzatore) e riformatosi poi nel 2003.

Le loro canzoni, di orientamento musicale synth-pop, oltre che raccontare storie d’amore, si focalizzano spesso su tematiche controverse quali il sesso estremo, il travestitismo, l’uso di droghe e persino l’omicidio.

https://it.wikipedia.org/wiki/Soft_Cell

Soft Cell are an English synthpop duo who came to prominence in the early 1980s, consisting of vocalist Marc Almond and instrumentalist David Ball. The duo are principally known for their 1981 hit version of “Tainted Love” (#8 US) and 1981 debut album entitled Non-Stop Erotic Cabaret.

In the United Kingdom, they had ten Top 40 hits including “Tainted Love” (#1 UK), “Torch” (#2 UK), “Say Hello, Wave Goodbye” (#3 UK), “What!” (#3 UK), and “Bedsitter” (#4 UK), and also had four Top 20 albums between 1981 and 1984. In 1984, the duo split but reformed from 2001 to 2004 to tour and record new material, releasing their fifth studio album, Cruelty Without Beauty in 2002.

Soft Cell’s songs have been covered by various artists including Nine Inch Nails, David Gray, Nouvelle Vague, Marilyn Manson, and A-ha.[4] Their track, “Memorabilia”, earned recognition for the band as pioneers of the synth-oriented techno genre.[5] The duo have sold 10 million records worldwide.

https://en.wikipedia.org/wiki/Soft_Cell

Saltimbanco girovago – Itinerant mountebank


Saltimbanco girovago

Sembra di vederlo
sbucare dal nulla :
saltimbanco girovago
con in mano lo scettro della dignità
conosce le parole
le modula in gorgheggio
mentre la nota stridula suona
dentro ogni cuore chiuso nel laccio
della mediocrità

E’ lui che avanza
e socchiusi gli occhi scava
nell’elenco spicciolo
di tutte le tue meschinità
– ti conosce e scruta
ogni nascosto segreto –
mentre l’universo palpita
ed allunghi uno spicciolo
che taciti la coscienza torbida

Nei suoi occhi una luce
che allunga proiezioni
ed immagini arcane
di chi conosce e sorride
di chi ha risposte senza prezzo
che non raccolgono domande
in un tempo senza affanno
perché non è il denaro
che compra la felicità

16.03.2004 Poetyca

Itinerant mountebank

Seem to see him
out of nowhere:
itinerant mountebank
holding the scepter of dignity
knows the words
modulates the warble
while the shrill note sounds
in every heart in the closed loop
mediocrity

And ‘he who advances
and half-closed eyes digs
list penny
of all your meanness
– You know, and discerning
every hidden secret –
as the universe pulsates
and stretch a penny
and tacit awareness cloudy

In his eyes light
stretching projections
arcane and images
who knows and smiles
of respondents with no price
questions that do not collect
at a time without worry
because there is money
who buys happiness

16.03.2004 Poetyca

Le fiabe dell’inganno – The tales of deceit


Le fiabe dell’inganno

Risvegliata infanzia
che non conosceva l’inganno
– celato dalla fiaba –
si mascherava
solo una bugia
tra velate verità
e dolci infetti
dalla malattia
di chi vede troppo presto
di chi cerca quel che non dovrebbe
e offre sorrisi e caramelle
per fare aprire gli occhi
e chiudere per sempre
il libro mai concluso
e che non serve a niente
– solo a cadere nella tela
di un ragno che ti chiude gli occhi –
e la bocca che non deve raccontare
che non credi più
alle fiabe che sanno
solo mentire

09.01.2004 Poetyca

The tales of deceit

Awakened childhood
he did not know the trick
– The hidden story –
is masked
just a lie
between veiled truth
infected sweet
the disease
of those who see too early
looking for what should not
offering smiles and sweets
To open your eyes
and close forever
the book never ended
and that no use
– Only to fall into the canvas
a spider that you close your eyes –
and the mouth should not tell
who no longer believe
the stories they know
only lie

09.01.2004 Poetyca